Social Business Forum 2014 #SBF14
Cristina Cocchetto (Direzione Risorse Umane –
Formazione, Sviluppo Manageriale e Comunic...
Gruppo Coin in pillole
Dati a bilancio 2013
• 1,66 mld/€ di fatturato
• 10.200Dipendenti
• 1095 Negozi in Italia
• 154 Neg...
Timeline della Collaboration
2005 2008 2010
Spazi virtuali
(workspaces) per la
gestione dei progetti IT
Enterprise WebMeet...
Perché ne vale la pena
I benefici della social collaboration
La social collaboration ha l’effetto di cambiare i processi a...
IL PROGETTO
5
« La mente non ha bisogno,
come il vaso, di essere riempita,
ma piuttosto, come la legna,
di una scintilla che l’ accenda ...
WEshare
la Social Intranet di Gruppo Coin
7
Il contesto
8
Necessità di formare e aggiornare in
tempi sempre più rapidi e in modo uniforme tutti i nostri
collaboratori...
Rigida divisione dei ruoli
Docente Studente
Unica fonte di
conoscenza e sapere
-Spiega
- Illustra
- Ascolta
- Visualizza
A...
Considerare la maggiore efficacia delle tecniche di
apprendimento
10
Leggere
Ascoltare
Visualizzare
Dimostrare
Confrontars...
Il nuovo approccio alla formazione
11
Learner prosumer
(consumatore & produttore di contenuti)
Mentre apprendo faccio evol...
Innovare e integrare le metodologie formative
1212
Aula
Esperienziale
Workshop
Virtual learning
Smart@training
Easy@traini...
1313
Nasce Weshare
E’ la INTRANET AZIENDALE cui tutti i collaboratori possono accedere con facilità:
in ogni momento, in tempi e in spazi div...
Senso di
Appartenenza
Desiderio di
Partecipazione
Voglia di
Formazione
Perche’ weshare?
Rendere più
accessibili le
informa...
Weshare: Learning Point Home Page
16
Arianna
Sorriso
Arianna
Sorriso
INDUCTION PROGRAM
Attraverso Weshare …… il tuo learning point
FORMAZIONE IN CORSO
Trovi tutta le formazion...
Dall’ e-learning al social learning
2008 2009 / 2010 2011
La prima
videoconferenza tra
Mestre e New Delhi
Avvio delle prim...
Condivisione delle
“Best Practices”
Dall’ e-learning al social learning
19
SMART TRAINING
“Lo stile coin di vendita … con ...
Dal tuo Learning Point…..la condivisione delle
esperienze
BEST PRACTICES
Alcuni corsi sono “social” e
quindi hanno uno spa...
Weshare: Social Learning
21
Nascono i “gruppi di
discussione”.
Le persone partecipanto
ad un Development
Program
e si scam...
LA SCELTA DELLA
PIATTAFORMA SOCIAL
22
Requisiti del progetto Social
Raggiungere individualmente 10.000 dipendenti per aspetti
relativi alla formazione e alla co...
Perchè tibbr ?
Facile da usare, interfaccia gradevole
Consente di fare un post verso un subject (tema,
gruppo o progetto
E...
Le fasi del progetto
Circa 6 mesi di durata
Attività di integrazione del software nell’infrastruttura
(utenti, servizi, LD...
Enterprise Social BUS
26
WEB Desktop Mobile (iOS,
Android,
Blackberry)
APP
(web &
mobile)
Gruppo Coin
Legacy applications
...
WEshare: il configuratore
Dare alle persone solo le informazioni di cui
hanno bisogno o per le quali hanno interesse
Confi...
Prossimi passi
Integrazione con altre applicazioni HR e eCommerce
Passaggio alla nuova release (tibbr5) per l’utilizzo
del...
Lessons Learnt
Progettare l’intranet assieme alle persone:
I focus group che hanno coinvolto più di 80 persone sono stati ...
GRAZIE PER L’ATTENZIONE
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Bruno Cocchi, Cristina Cocchetto - Social Learning & Social Intranet: Coin Group

1,558 views

Published on

The presentation will summarize the history, backgrounds and perspectives between the Gruppo Coin Business Unit illustrating the ongoing initiatives (Social Learning, Social Intranet), the technologies and the governance models.

Published in: Business
1 Comment
6 Likes
Statistics
Notes
  • Ottima presentazione, vorrei stimolare un altro argomento di mio interesse: Il consolidamento del sapere creato dalle social intranet,ovvero l'organizzazione delle conoscenze create da una comunity , per facilitare la ricerca, il tag clouding o la ricerca semantica non sono sufficienti, serve anche tassonomia:. Sarebbe bello fare un confronto tra EmailCollaboration, WikiCollaboration e Social Collaborationi, sottolineando le differenze e prendendo ad esempio la fisica delle particelle dove esistono i fermioni ed i bosoni, distinguendo i mattoncini della conoscenza (fermioni) e le relazioni ( bosoni)
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
No Downloads
Views
Total views
1,558
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
8
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
1
Likes
6
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Bruno Cocchi, Cristina Cocchetto - Social Learning & Social Intranet: Coin Group

  1. 1. Social Business Forum 2014 #SBF14 Cristina Cocchetto (Direzione Risorse Umane – Formazione, Sviluppo Manageriale e Comunicazione Interna) Bruno Cocchi / Sonia Covi (Direzione ICT) GRUPPO COIN SOCIAL LEARNING E SOCIAL INTRANET 1
  2. 2. Gruppo Coin in pillole Dati a bilancio 2013 • 1,66 mld/€ di fatturato • 10.200Dipendenti • 1095 Negozi in Italia • 154 Negozi all'estero • 3 uffici di sourcing a Hong Kong, New Delhi e Dacca con 200 persone • 70 Mln visitatori/anno 2 Leader nel mercato italiano della vendita di abbigliamento al dettaglio con il 7,6% di quota di mercato
  3. 3. Timeline della Collaboration 2005 2008 2010 Spazi virtuali (workspaces) per la gestione dei progetti IT Enterprise WebMeeting (sede e filiali) E-Learning sede e filiali Prime esperienze di Social Collaboration 2012 2013 2014 OVS Retail Pad La Collaboration nel Visual Retail Avvio sperimentale •Social Learning •Business Subjects 3 Lancio del social learning e del knowledge sharing
  4. 4. Perché ne vale la pena I benefici della social collaboration La social collaboration ha l’effetto di cambiare i processi aziendali portando le persone a lavorare attorno ad uno stesso obiettivo di business e a collaborare per realizzarlo Si riducono i tempi (quindi i costi) nella catena del valore, si incrementa la reattività di fronte ad un problema, si collabora e quindi si condividono le scelte La social collaboration porta a galla la verità: problemi di tempistica, di processo, di qualità dei dati, vengono condivisi e quindi possono essere migliorati. 4
  5. 5. IL PROGETTO 5
  6. 6. « La mente non ha bisogno, come il vaso, di essere riempita, ma piuttosto, come la legna, di una scintilla che l’ accenda e vi infonda l’ impulso della ricerca del miglioramento » Plutarco 6
  7. 7. WEshare la Social Intranet di Gruppo Coin 7
  8. 8. Il contesto 8 Necessità di formare e aggiornare in tempi sempre più rapidi e in modo uniforme tutti i nostri collaboratori per rispondere alle mutate esigenze dei nostri clienti I collaboratori di Gruppo Coin sono diventati in pochi anni più di 10.000 Il 90% dei collaboratori opera nei negozi. Tutti devono essere raggiunti! Necessità di valorizzare le esperienze di successo nel rapporto con il cliente e di renderle patrimonio comune Far crescere il senso di appartenenza e lavorare sull’ engagement Per rispondere a questo….. 8
  9. 9. Rigida divisione dei ruoli Docente Studente Unica fonte di conoscenza e sapere -Spiega - Illustra - Ascolta - Visualizza Andare oltre il paradigma formativo tradizionale 9
  10. 10. Considerare la maggiore efficacia delle tecniche di apprendimento 10 Leggere Ascoltare Visualizzare Dimostrare Confrontarsi Praticare Insegnare agli altri 90% 80% 60% 40% 30% 15% 5% 10
  11. 11. Il nuovo approccio alla formazione 11 Learner prosumer (consumatore & produttore di contenuti) Mentre apprendo faccio evolvere il sistema. Mentre apprendo faccio apprendere gli altri Mentre consumo un oggetto formativo, alimento il sistema di feedback e il confronto con altri 11
  12. 12. Innovare e integrare le metodologie formative 1212 Aula Esperienziale Workshop Virtual learning Smart@training Easy@training Auto apprendimento Action Learning Project Work Piani di autosviluppo On the job Intranet Comunicazione Interna Tutoring – Coaching Idee di miglioramento Blended learning Il miglior approccio tradizionale Incorpora nuove tecnologie e opportunità
  13. 13. 1313 Nasce Weshare
  14. 14. E’ la INTRANET AZIENDALE cui tutti i collaboratori possono accedere con facilità: in ogni momento, in tempi e in spazi diversi (dallo store o da casa, da pc o da mobile) E’ l’opportunità per comunicare direttamente con l’azienda e con i colleghi per sviluppare rapporti di valore basati sulla fiducia E’ uno spazio creato sulle esigenze del collaboratore: in un unico luogo tutte le informazioni e i servizi personali (cedolino on line/My reward, convenzioni, note spese/My travel expences…) e per svolgere al meglio il proprio lavoro Learning Point completo di tutti i programmi formativi necessari ed utili per la propria crescita professionale; E’ uno spazio aperto a tutti, pensato per valorizzare il contributo e le intelligenze, per stimolare lo scambio reciproco e l’interazione. Un mezzo utile per condividere best practice, contribuire con idee e suggerimenti. informati, scopri, condividi, partecipa, contribuisci. Che cosa e’ Weshare?
  15. 15. Senso di Appartenenza Desiderio di Partecipazione Voglia di Formazione Perche’ weshare? Rendere più accessibili le informazioni aziendali Facilitare la fruibilità della formazione Valorizzare il contributo di ciascuno ed instaurare uno scambio informativo
  16. 16. Weshare: Learning Point Home Page 16 Arianna Sorriso
  17. 17. Arianna Sorriso INDUCTION PROGRAM Attraverso Weshare …… il tuo learning point FORMAZIONE IN CORSO Trovi tutta le formazione da fare FORMAZIONE COMPLETATA Trovi tutta le formazione che hai già fatto e quindi puoi stampare il tuo ATTESTATO CATALOGO FORMATIVO Trovi tutta le formazione che puoi effettuare: - liberamente oppure - chiedendo iscrizione al tuo responsabile (quando previsto)
  18. 18. Dall’ e-learning al social learning 2008 2009 / 2010 2011 La prima videoconferenza tra Mestre e New Delhi Avvio delle prime attività di e-learning Avvio della formazione e-learning in auto apprendimento 830 persone 2012 2013 2014 La formazione obbligatoria OVS Easy@training e-learning per la rete 8.000 persone 18 Social learning: - Knowledge sharing nei development program - Best practice per la vendita Coin Smart@training Upim Easy@training e-learning per la rete 10.000 persone
  19. 19. Condivisione delle “Best Practices” Dall’ e-learning al social learning 19 SMART TRAINING “Lo stile coin di vendita … con i protagonisti del Coin Factor” 10 Appuntamenti per approfondire le principali fasi della relazione con il cliente. “Quick & Deep” delle tecniche di vendita Smile learning EASY@TRAINING “OVS, Ogni Visita Sorprende” 4 Appuntamenti formativi: - Accoglienza, Alla Cassa, La Fidelizzazione, Saluto e benessere personale
  20. 20. Dal tuo Learning Point…..la condivisione delle esperienze BEST PRACTICES Alcuni corsi sono “social” e quindi hanno uno spazio di condivisione delle esperienze. Dentro “Best Practices” puoi scrivere “le tue esperienze di successo” relative all’argomento del corso e condividerle con i colleghi (iscritti a quel corso) FORUM Nei corsi “social” . Dentro “Forum” puoi chiedere consiglio ai tuoi colleghi su argomenti inerenti al corso. I corsi social a cui sei iscritto li trovi anche nelle tue subject perché costituiscono argomenti di dicussione Arianna Sorriso
  21. 21. Weshare: Social Learning 21 Nascono i “gruppi di discussione”. Le persone partecipanto ad un Development Program e si scambiano: Esperienze, Suggerimenti, Consigli e condividono i Project Work Arianna Sorriso
  22. 22. LA SCELTA DELLA PIATTAFORMA SOCIAL 22
  23. 23. Requisiti del progetto Social Raggiungere individualmente 10.000 dipendenti per aspetti relativi alla formazione e alla comunicazione ad un costo contenuto Abilitare focus groups, best practices, condivisione di documenti, eventi formativi, sondaggi, cataloghi corsi personalizzati Ridurre il numero di email Rendere fruibili applicazioni HR e siti aziendali da un unico punto d’accesso (portale) Consentire l’accesso multipiattaforma (PC, tablet, smartphone), non necessariamente dai locali aziendali, anche tramite device personali (BYOD) 23
  24. 24. Perchè tibbr ? Facile da usare, interfaccia gradevole Consente di fare un post verso un subject (tema, gruppo o progetto E’ multipiattaforma (PC, iOs, Android, BlackBerry) E’ multilingua Non è obbligatorio che ogni utente disponga di un valido indirizzo email È una piattaforma che integra e che si integra con le altre applicazioni 24
  25. 25. Le fasi del progetto Circa 6 mesi di durata Attività di integrazione del software nell’infrastruttura (utenti, servizi, LDAP..) e realizzazione “Enterprise Social Bus”: Offre funzionalità Social & Collaboration potenzialmente a tutte le applicazioni aziendali Semplifica l’infrastruttura perché demanda le funzioni alla componente specializzata Rende più veloce l’integrazione successiva di altre applicazioni Personalizzazione layout per adeguarlo alla brand identity del Gruppo Definizione aspetti di Governance e realizzazione del Configuratore dell’ambiente Social 25
  26. 26. Enterprise Social BUS 26 WEB Desktop Mobile (iOS, Android, Blackberry) APP (web & mobile) Gruppo Coin Legacy applications Learning Point My travel expense
  27. 27. WEshare: il configuratore Dare alle persone solo le informazioni di cui hanno bisogno o per le quali hanno interesse Configura gli ambiti di collaborazione intorno alla persona (organigramma e profilo) È dinamico nel tempo (trasferimenti, cambi di ruolo) e semplifica la manutenzione 27
  28. 28. Prossimi passi Integrazione con altre applicazioni HR e eCommerce Passaggio alla nuova release (tibbr5) per l’utilizzo delle tibbr pages Integrazione posta elettronica – tibbr Apertura di altri spazi collaborativi (comunità professionali) 28
  29. 29. Lessons Learnt Progettare l’intranet assieme alle persone: I focus group che hanno coinvolto più di 80 persone sono stati preziosi per l’ingaggio e per le linee guida progettuali Il social learning è un approccio non è uno strumento. Va vissuto come parte integrante dei processi di formazione, sviluppo e comunicazione interna Va attivato negli ambiti di business in cui gli utenti sono a proprio agio (il Social è già una novità molto forte!) L’attivazione delle persone in una intranet social non segue gli stessi comportamenti dei social network. A questi ultimi non può mai essere paragonata Tecnologia deve essere scelta in funzione del contesto aziendale Curare la Governance 29
  30. 30. GRAZIE PER L’ATTENZIONE

×