Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo

474 views

Published on

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
474
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
26
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo

  1. 1. DirICTo Smart Cities e trattamento di dati personali: daldi dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina http://www.massimofarina.it http://www.diricto.it
  2. 2. PREMESSA “Ogni grande evento tecnologico, che impatti sulle abitudini di vita Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina “Ogni grande evento tecnologico, che impatti sulle abitudini di vita dell’essere umano, ha delle implicazioni di natura giuridica e ciò impegna il giurista nello studio delle nuove fattispecie al fine di inquadrare la disciplina, ad esse applicabile”
  3. 3. La prima grande rivoluzione tecnologica è stata il web, ovvero la migrazione di tutti i servizi via rete telematica e, ovviamente, la nascita di nuove applicazioni (per es. le chat) e il potenziamento di quelle esistenti prima del web (per es. la posta elettronica). La seconda rivoluzione è stata quella del Web 2.0, ovvero dei blog, di I TRE GRANDI PERIODI DELLA RETE Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina La seconda rivoluzione è stata quella del Web 2.0, ovvero dei blog, di wikipedia e , più in generale, del web partecipativo che poi ha portato ai social network (Twitter, Facebook e così via). Oggi, si prefigura quella che viene già chiamata “la terza onda” (the third wave), ovvero un nuovo salto nell’utilizzo delle reti telematiche, che viene comunemente denominato “Internet of Thing” (IoT) o “Internet degli Oggetti” o, ancora, “Internet delle Cose”.
  4. 4. la presenza di pochi produttori (siti web) si incontrava con i molti fruitori (utenti) Nel periodo successivo, invece, si è determinato un notevole aumento CARATTERISTICHE PECULIARI DI CIASCUN PERIODO Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina Nel periodo successivo, invece, si è determinato un notevole aumento del numero dei produttori (per es. i blogger etc) per i, già molti, fruitori (utenti) la nuova era è caratterizzata da aumento esponenziale di entrambi i soggetti (produttori e fruitori) ma i primi stanno mutando parzialmente identità; si sta infatti già imponendo una nuova moltitudine di produttori costituita da “macchine” o, meglio, da “sensori connessi ad Internet”: per questo motivo si parla di “Internet of Things”.
  5. 5. Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina Si aprono tantissimi scenari, che partono dalla semplice automazione (controllo remoto di qualcosa), alla rilevazione automatica (traffico), all’intrattenimento (giochi), alla sicurezza, ai processi delle imprese. Luogo in cui l'utilizzo pianificato e sapiente delle risorse umane e naturali, opportunamente gestite e integrate mediante le numerose tecnologie ICT già disponibili, consente la creazione di un ecosistema capace di utilizzare al meglio le risorse e di fornire servizi integrati e sempre più intelligenti (cioè il cui valore è maggiore della somma dei valori delle parti che li compongono).
  6. 6. Avere oggetti che siano IDENTIFICABILI E LOCALIZZABILI, solleva delle problematiche afferenti al trattamento dei dati personali ed alla tutela degli interessati ai quali le informazioni si riferiscono. Dagli oggetti, sarà possibile RISALIRE all'ingresso della metropolitana un sensore ESEMPIO: quell’oggetto oltrepassa una barriera che lo rileva e, dunque, si acquisisce l’informazione che l’oggetto (e, dunque, la persona) è in un certo luogo. Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina ALLE PERSONE ed, in particolare, alla POSIZIONE di queste ultime. all'ingresso della metropolitana un sensore rilevasse la presenza del cellulare di Tizio (già possibile quando il Bluetooth è acceso e il cellulare è “visibile”) si potrebbe sapere che egli (o, meglio, il suo cellulare) a quell’ora era presente in quel dato luogo; che, poi, successivamente è salito sull’autobus per poi dirigersi verso il supermercato e così via. I diritti degli utenti potrebbero risultare ancor più compressi se si pensa allo sviluppo di sistemi di monitoraggio della salute Si tratta di un vero e proprio TRACCIAMENTO degli individui
  7. 7. una volta che si saranno sviluppati sensori capaci di essere supportati da vettori delle dimensioni di granelli di polvere, sarà possibile creare delle medicine realmente “smart”, che dialogheranno con la confezione riguardo i dosaggi da assumere, ad esempio segnalando eventuali sovradosaggi, o direttamente con il farmacista, avvisando la necessità di un nuovo acquisto. Possibile applicazione al settore farmaceutico DATI SENSIBILI Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina INOLTRE --------------> NEL PROSSIMO FUTURO I medicinali, una volta nel corpo del paziente potranno “dialogare” anche tra loro, riconoscendo autonomamente se risultano incompatibili l’uno con l’altro, ed evitando dunque di attivare i propri principi attivi al fine di evitare rischi molto seri per la salute del paziente. Altre applicazioni si possono avere in caso di danni già arrecati alla salute del paziente, poiché identificare le sostanze presenti nel corpo sarà molto più facile e veloce, ed eventualmente le stesse sostanze potranno fornire indicazioni immediate sull’antidoto capace di neutralizzarle .
  8. 8. SOGGETTI TITOLARETITOLARE RESPONSABILERESPONSABILE Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina ADEMPIMENTI RESPONSABILERESPONSABILE INTERESSATO NOTIFICAZIONENOTIFICAZIONE CONSENSOCONSENSO INFORMATIVAINFORMATIVA GARANTE
  9. 9. NOTIFICAZIONENOTIFICAZIONE Art. 37, co. 1, lett. a): dati genetici, biometrici o dati che indicano la posizione geografica di persone od oggetti mediante una rete di comunicazione elettronica; Art. 163: Chiunque, essendovi tenuto, non provvede tempestivamente alla notificazione ai sensi degli articoli 37 e 38, ovvero indica in essa notizie incomplete, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina CONSENSOCONSENSO sanzione amministrativa del pagamento di una somma da ventimila euro a centoventimila euro Art. 23, co. 4: Il consenso è manifestato in forma scritta quando il trattamento riguarda dati sensibili. Art. 167. […] è punito, se dal fatto deriva nocumento, con la reclusione da sei a diciotto mesi o, se il fatto consiste nella comunicazione o diffusione, con la reclusione da sei a ventiquattro mesi.
  10. 10. INFORMATIVAINFORMATIVA Art. 13 L'interessato o la persona presso la quale sono raccolti i dati personali sono previamente informati oralmente o per iscritto circa: a) le finalità e le modalità del trattamento cui sono destinati i dati; b) la natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati; c) le conseguenze di un eventuale rifiuto di rispondere; Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina INFORMATIVAINFORMATIVA c) le conseguenze di un eventuale rifiuto di rispondere; d) i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati, e l'ambito di diffusione dei dati medesimi; e) i diritti di cui all'articolo 7; Art. 161: La violazione delle disposizioni di cui all'articolo 13 è punita con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da seimila euro a trentaseimila euro.
  11. 11. INTERPELLOINTERPELLO Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina Per i trattamenti di dati di localizzazione che possono presentare rischi specifici per i diritti e le libertà fondamentali, nonché per la dignità degli interessati è sempre possibile sottoporsi a verifica preliminare ai sensi dell'art. 17, comma 2 del Codice.
  12. 12. NOTIFICAZIONENOTIFICAZIONE Art. 37, co. 1, lett. d): d) dati trattati con l'ausilio di strumenti elettronici volti a definire il profilo o la personalità dell'interessato, o ad analizzare abitudini o scelte di consumo, ovvero a monitorare l'utilizzo di servizi di comunicazione elettronica […]; Art. 163: Chiunque, essendovi tenuto, non provvede tempestivamente alla notificazione ai sensi degli articoli 37 e 38, ovvero indica in essa notizie incomplete, è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina CONSENSOCONSENSO sanzione amministrativa del pagamento di una somma da ventimila euro a centoventimila euro Art. 23, co. 4: Il consenso è manifestato in forma scritta quando il trattamento riguarda dati sensibili. Art. 167. […] è punito, se dal fatto deriva nocumento, con la reclusione da sei a diciotto mesi o, se il fatto consiste nella comunicazione o diffusione, con la reclusione da sei a ventiquattro mesi.
  13. 13. INFORMATIVAINFORMATIVA Art. 13 L'interessato o la persona presso la quale sono raccolti i dati personali sono previamente informati oralmente o per iscritto circa: a) le finalità e le modalità del trattamento cui sono destinati i dati; b) la natura obbligatoria o facoltativa del conferimento dei dati; c) le conseguenze di un eventuale rifiuto di rispondere; Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina INFORMATIVAINFORMATIVA c) le conseguenze di un eventuale rifiuto di rispondere; d) i soggetti o le categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di responsabili o incaricati, e l'ambito di diffusione dei dati medesimi; e) i diritti di cui all'articolo 7; Art. 161: La violazione delle disposizioni di cui all'articolo 13 è punita con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da seimila euro a trentaseimila euro.
  14. 14. INTERPELLOINTERPELLO Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina Per i trattamenti di dati di localizzazione che possono presentare rischi specifici per i diritti e le libertà fondamentali, nonché per la dignità degli interessati è sempre possibile sottoporsi a verifica preliminare ai sensi dell'art. 17, comma 2 del Codice.
  15. 15. TITOLARETITOLARE RESPONSABILERESPONSABILE Possibile disgiunzione di ruoli tra chi raccogli e i dati e chi offre e gestisce il servizio di raccolta Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina DATI SENSIBILI MISURE DI SICUREZZA
  16. 16. Risoluzione del Parlamento Europeo: si afferma che l’Internet delle cose debba viaggiare in parallelo con la tutela della Pubblicata una Comunicazione della Commissione al Parlamento Europeo, al Consiglio, al Comitato economico e sociale europeo e al Comitato delle regioni, intitolata "L'internet degli oggetti - Un piano d'azione per l'Europa" (COM(2009) 278 def. COM(2009) 278 final). 20092009 Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina delle cose debba viaggiare in parallelo con la tutela della privacy degli utenti, oltre che con un generale stato di sicurezza sui possibili effetti negativi sulla salute. In tal senso, i campi d’azione sui quali l’Unione Europea vuole essere protagonista sono: governance, privacy e protezione dei dati, diritto al “silenzio dei chip”, rischi emergenti, risorse vitali, standardizzazione, ricerca, partnership tra pubblico e privato, innovazione, consapevolezza delle istituzioni, dialogo internazionale, ambiente, statistica, evoluzione. 20102010
  17. 17. Gerusalemme, 27-29 Ottobre 2010: La 32^ Conferenza internazionale dei Garanti privacy ha adottato una risoluzione sulla Privacyby Design proposta dalla D.ssa Ann Cavoukian (Information & Privacy Commissioner Ontario, Canada) Encourage the adoption of Privacy by Design’s Foundational Principles, such as those set out below as guidance to establishing privacy as an organization’s default mode of operation… PANORAMA INTERNAZIONALEPANORAMA INTERNAZIONALE Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina Privacy by Design: The Foundational Principles Proactive not Reactive; Preventative not Remedial Privacy as the Default Privacy Embedded into Design Full Functionality: Positive-Sum, not Zero-Sum End-to-End Lifecycle Protection Visibility and Transparency Respect for User Privacy
  18. 18. 1. Proattivo non reattivo; prevenire non correggere L’approccio alla Privacy by Design (PbD) è caratterizzato da interventi di tipo proattivo piuttosto che reattivo. Esso anticipa e previene gli eventi invasivi della privacy prima che essi accadano. La PbD non attende che i rischi della privacy si concretizzino, né offre rimedi per risolvere le violazioni della privacy una volta occorse – ha lo scopo di prevenirli dal verificarsi. In breve, la Privacy by Design viene prima del fatto e non dopo. I sette principi fondazionali Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina 2. Privacy come impostazione di default Possiamo tutti essere certi di una cosa - la regola di base ! La Privacy by Design cerca di realizzare il massimo livello di privacy assicurando che i dati personali siano automaticamente protetti in un qualunque sistema IT o di pratica commerciale. Se un individuo non agisce, la sua privacy rimane ancora intatta. Non è richiesta alcuna azione da parte dell’individuo per proteggere la propria privacy - è incorporata nel sistema per default.
  19. 19. 3. Privacy incorporata nella progettazione La PbD è incorporata nella progettazione e nell’architettura dei sistemi IT e delle pratiche commerciali. Non è agganciata come un’aggiunta, dopo il fatto. Il risultato è che la privacy diventa un componente essenziale per la realizzazione del nucleo funzionale. La privacy è integrata nel sistema, senza diminuirne la funzionalità. I sette principi fondazionali Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina 4. Massima funzionalità − Valore positivo, non valore zero La Privacy by Design mira a conciliare tutti gli interessi coinvolti e gli obiettivi con modalità di valore positivo “vantaggioso per tutti”, non attraverso un approccio datato di valore zero, dove sono inutili i compromessi. La Privacy by Design evita la pretesa di false dicotomie, come la privacy contro la sicurezza, dimostrando che è possibile avere entrambi.
  20. 20. 5. Sicurezza fino alla fine − Piena protezione del ciclo vitale La Privacy by Design essendo stata incorporata nel sistema prioritariamente rispetto alla acquisizione del primo elemento di informazione, si estende in modo sicuro attraverso l’intero ciclo vitale dei dati - solidi interventi di sicurezza sono essenziali per la privacy, dall’inizio alla fine. Questo assicura che tutti i dati sono conservati con cura, e poi distrutti in modo sicuro alla fine del processo, in maniera opportuna. Pertanto, la Privacy by Design assicura dalla culla alla tomba, un’intera e sicura gestione delle informazioni, fino alla fine. I sette principi fondazionali Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina 6. Visibilità e trasparenza − Mantenere la trasparenza La Privacy by Design cerca di assicurare che tutti i soggetti interessati, qualunque sia la prassi aziendale o tecnologia utilizzata, è di fatto, operativa secondo promesse ed obiettivi stabiliti, soggetti a verifica indipendente. I suoi componenti e operazioni restano visibili e trasparenti sia agli utenti sia ai fornitori. Si ricorda di fidarsi ma di verificare.
  21. 21. 7. Rispetto per la privacy dell’utente − Centralità dell’utente Al di là di tutto, la Privacy by Design richiede ai progettisti e agli operatori di considerare prioritari gli interessi degli individui offrendo efficaci interventi di default della privacy, informazioni appropriate e potenziando opzioni di facile utilizzo per l’utente. Si I sette principi fondazionali Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina privacy, informazioni appropriate e potenziando opzioni di facile utilizzo per l’utente. Si raccomanda la centralità dell’utente.
  22. 22. La nuova proposta europea di riforma della privacy introduce, rispetto alla Direttiva 95/46/EC, unn Riferimento a “data protection by design and by default” (articolo 23 del Regolamento e articolon 19 della Direttiva). • La Commissione europea ha preferito descrivere le funzioni del responsabile del trattamento invece di impostare lo status giuridico della IL FUTURO REGOLAMENTO EUROPEO IL FUTURO REGOLAMENTO EUROPEO Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina trattamento invece di impostare lo status giuridico della “data protection by design and by default”. E’ fondamentale chiarire il significato di tale concetto, concentrandosi sul vero senso di questi termini.
  23. 23. Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina
  24. 24. Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina
  25. 25. Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina
  26. 26. Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina
  27. 27. Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina
  28. 28. Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina
  29. 29. Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina
  30. 30. La Pubblica Amministrazione riveste ruoli importanti in questo scenario essendo: promotore di interventi coordinandone lo sviluppo, svolge compiti di integrazione delle diverse iniziative, detentore di dati ed informazioni rilevanti in quantità e qualità, utente Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina diverse iniziative, detentore di dati ed informazioni rilevanti in quantità e qualità, utente qualificato dei servizi offerti dalle comunità intelligenti, soggetto finanziatore di servizi e delle infrastrutture a loro supporto, fino a possibile partner degli operatori del settore. Da parte di molte Amministrazioni, quali soprattutto gli Enti Locali e le realtà collegate, è emerso l’interesse per una migliore comprensione delle problematiche tecnologiche, organizzative, economiche e legali legate all’adozione di modelli e servizi di comunità intelligenti e smart city.
  31. 31. Aspetti negoziali: i contratti per l’erogazione dei servizi Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina Diritto alla salute: il silenzio dei chip ecc
  32. 32. DigitPA ha costituito un Gruppo di Lavoro con l’obiettivo di condurre l’analisi dello stato dell’arte, i modelli di servizi e competenze, le necessità di regolazione e normativa e gli eventuali rischi legati al paradigma delle Smart city e comunità intelligenti, con particolare attenzione ai requisiti della Pubblica Amministrazione, al fine di proporre un documento di sintesi ed una serie di raccomandazioni per le Amministrazioni. Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina raccomandazioni per le Amministrazioni. Partecipano al Gruppo di Lavoro rappresentanti nominati dal Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca Scientifica, del CNR, dell’ Arma dei Carabinieri, dell’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, della RAI, e rappresentanti nominati dagli operatori di mercato come Assintel, IBM, Telecom Italia, CapGemini, CISCO, Technolabs ed altri. Lo schema di documento è stato sottoposto a consultazione pubblica durante il mese di agosto 2012. Sono state ricevute diverse osservazioni che, sono state valutate e recepite nel testo. Il 2 ottobre 2012 il Gruppo di lavoro ha fatto proprie all’unanimità le modifiche del testo e lo ha proposto alla Agenzia per l’emanazione e pubblicazione.
  33. 33. DigitPA ha costituito un Gruppo di Lavoro con l’obiettivo di condurre l’analisi dello stato dell’arte, i modelli di servizi e competenze, le necessità di regolazione e normativa e gli eventuali rischi legati al paradigma delle Smart city e comunità intelligenti, con particolare attenzione ai requisiti della Pubblica Amministrazione, al fine di proporre un documento di sintesi ed una serie di raccomandazioni per le Amministrazioni. Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina raccomandazioni per le Amministrazioni. Partecipano al Gruppo di Lavoro rappresentanti nominati dal Ministero dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca Scientifica, del CNR, dell’ Arma dei Carabinieri, dell’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali, della RAI, e rappresentanti nominati dagli operatori di mercato come Assintel, IBM, Telecom Italia, CapGemini, CISCO, Technolabs ed altri. Lo schema di documento è stato sottoposto a consultazione pubblica durante il mese di agosto 2012. Sono state ricevute diverse osservazioni che, sono state valutate e recepite nel testo. Il 2 ottobre 2012 il Gruppo di lavoro ha fatto proprie all’unanimità le modifiche del testo e lo ha proposto alla Agenzia per l’emanazione e pubblicazione.
  34. 34. Il risultato della consultazione è un documento che si chiama: “Architetture informative per le Comunità Intelligenti: visione concettuale e raccomandazioni alla pubblica amministrazione” Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina •Architettura di riferimento del modello delle Comunità Intelligenti e Smart City; •individuazione, classificazione e stratificazione tra sorgenti informative; •aggregazione e distribuzione delle informazioni; •livelli di interfacce standard da definire. la legge di conversione del d.l. 179/2012 ha recepito le indicazioni contenute nel documento che definisce il contesto di riferimento per la costruzione della Piattaforma nazionale delle comunità intelligenti (art.20, comma 9 del d.l. 179/2012) e fornisce elementi utili per una visione integrata e coerente del paradigma Smart City.
  35. 35. Grazie per l’attenzione http://www.massimofarina.it http://www.diricto.it Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina http://www.diricto.it massimo@massimofarina.it
  36. 36. Attribuzione - Non Commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Tu sei libero: di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire o recitare l'opera di creare opere derivate Alle seguenti condizioni: LICENZA Smart Cities e trattamento di dati personali: dal Codice della Privacy al Regolamento Europeo Relatore: Massimo Farina Alle seguenti condizioni: Attribuzione. Devi riconoscere il contributo dell'autore originario. Non commerciale. Non puoi usare quest’opera per scopi commerciali. Condividi allo stesso modo. Se alteri, trasformi o sviluppi quest’opera, puoi distribuire l’opera risultante solo per mezzo di una licenza identica a questa. In occasione di ogni atto di riutilizzazione o distribuzione, devi chiarire agli altri i termini della licenza di quest’opera. Se ottieni il permesso dal titolare del diritto d'autore, è possibile rinunciare ad ognuna di queste condizioni. Le tue utilizzazioni libere e gli altri diritti non sono in nessun modo limitati da quanto sopra

×