Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Smau milano 2012 cinzia ligas fausto crepaldi

1,556 views

Published on

Published in: Technology
  • Be the first to comment

Smau milano 2012 cinzia ligas fausto crepaldi

  1. 1. 18 OTTOBRE 2012 – PAD.1 – SALA ARENA INTEL2 LABORATORIO DI SEMIOMARKETING Cinzia Ligas – Fausto Crepaldi
  2. 2. NEOINTERFACCIA E NEOMATERIA CONNESSIONI SIMBIOTICHE TRA CONTENITORE E CONTENUTO Occorre rimodulare i contenuti per i dispositivi mobile, in cui le mani sono direttamente connesse con lo schermo e con il contenuto/oggetto e possono ingrandirlo, rimpicciolirlo, girarlo, usarlo. Non solo lhardware è percepito come fisico, ma lo stesso software. Non vi è più lelemento estraneo (cursore del mouse) tra utilizzatore e contenuto. Lutente può toccare il contenuto.
  3. 3. IPERTESTO E IPERICONICITA’ MODULARE CONNESSIONI SIMBIOTICHE TRA CONTENITORE E CONTENUTO Il pulsante è esempio di MOMENTO APTICO, in cui convergono lelemento percettivo/visivo e quello tattile. Passa quindi minor tempo tra percezione visiva e desiderabilità. La grafica e il testo sono importanti in quanto possono aumentare o diminuire, a secondo della necessità, il momento aptico.
  4. 4. IPERTESTO E IPERICONICITA’ MODULARE LA PAROLA DINAMICA E STATICA La PAROLA DINAMICA (verbo) e un colore appropriato possono aumentare il momento aptico, quindi accorciare i tempi e stimolare velocemente lazione. Se però si desidera allungare il momento aptico in quanto è necessario che un messaggio sia introiettato dallutente, occorrerà lutilizzo di PAROLE STATICHE (sostantivo, parola lunga, termine generico) accompagnate, ad esempio, dal colore parasimpatico più adatto.
  5. 5. CARATTERISTICHE APP Su App in contenuto viene presentato su un nuovo mezzo e come ricorda McLuhan, il medium è il messaggio Deve cambiare la declinazione della comunicazione che quindi deve essere  + agile  + asciutta  + pregnante  + veloce però, onde evitare laridità di presentazione del contenuti che annienterebbe il processo comunicativo, deve divenire  + evocativa
  6. 6. SINTEXT PER APP Il SINTEXT è una delle più moderne tecniche di SCRITTURA SINTETICA  adatta alle redazione di testi SEO ORIENTED per ○ SITI WEB ○ APPS ○ SITI MOBILE che devono essere progettati diversamente da quelli tradizionali, come insegna il SEMIOMARKETING, a causa delle diverse aspettative degli utilizzatori di tali supporti.
  7. 7. SINTEXT PER APP Il SINTEXT partendo da tecniche di scrittura ampiamente sperimentate, rielabora luso:  dellanalogia  della sinestesia  della limitazione di ridondanze testuali  della limitazione di ridondanze contestuali  della limitazione di ridondanze temporali  elimina la lessicalizzazione, per passare allimpiego più opportuno di parole piene, strumento e di potenza.
  8. 8. SINTEXT PER APP A ciò aggiunge luso oculato  delle keyword  degli aggettivi tenendo sempre presente le esigenze  degli algoritmi dei motori di ricerca,  i canoni di usability per app e mobile di Nielsen  e le sempre più marcate limitazioni di attenzione dei lettori e di spazio disponibile.
  9. 9. SINTEXT PER APP Il SINTEXT è dunque un anello di congiunzione tra  esigenze di App Store Optimization e  esigenze percettive umane,  tra valore connotativo e denotativo dei termini utilizzati, attento al ○ potenziamento del valore semantico ed emotivo dei vocaboli ○ alla loro organizzazione in sintassi semplificata ○ alla ottimizzazione del testo verbale, in armonia con gli altri registri comunicativi. Tutto ciò per un fine ben preciso: ottimizzare il processo di conversione target/cliente.
  10. 10. ANATESTO E CATATESTO ANATESTO indica sopra, su, testo superiore CATATESTO sotto, giù, testo inferiore NON certo per POSIZIONE, ma per PERCEZIONE
  11. 11. ANATESTO E CATATESTO L’ANATESTO è formato da:  insieme di titoli  voci di menu di navigazione  didascaliementre Il CATATESTO è formato da  abstract  testi di spiegazione  descrizione
  12. 12. ANATESTO E CATATESTO Il fruitore ha:1. prima la percezione dell’ANATESTO nel suo insieme2. Solo successivamente, se lanatesto ha catturato la sua attenzione, si interesserà dei CATATESTI.
  13. 13. ANATESTO E CATATESTO Occorre quindi:  CURA NELLA COMPOSIZIONE DELL’ANATESTO che invierà messaggi tra loro ○ coerenti ○ pertinenti ○ omogenei
  14. 14. ANATESTO E CATATESTO L‘ANATESTO prepara "spiritualmente" il fruitore alla lettura del CATATESTO SINGOLO. In pratica, non si legge un CATATESTO senza un buon ANATESTO PREPARATORIO.
  15. 15. REGOLE APP SEO Definisci le keyword adatte per il tuo target Ottimizza il nome della App Crea keyword Ottimizza descrizione della App Scegli la categoria adatta in cui posizionare la App Mostra screenshot e icone Utilizza Youtube Cura le recensioni Promuovi la App online e offline
  16. 16. iTUNES STORE SEO I risultati sono ordinati per: POPULARITY Aspetto notevole P Perception Poi contano: APP Description Nomi e Keyword Aggiornamenti Recensioni POPULARITY 8va P + SEO
  17. 17. ICONE APPELEMENTO GRAFICO CARDINE LIMITE GEOMETRICO/DIMENSIONALE
  18. 18. ICONE APPELEMENTO GRAFICO CARDINE SCALABILITA’
  19. 19. ICONE APP BRAND/ICONA/SIMBOLO
  20. 20. ICONA APP GRAFICA CONFORMATIVA
  21. 21. ISTANTANEE APP DESIGN DI INTERAZIONE
  22. 22. ISTANTANEE APP DESIGN DI INTERAZIONE
  23. 23. INTERFACCIA ASSENZA AFI BROWSER
  24. 24. INTERFACCIA ASSENZA AFI BROWSER
  25. 25. INTERFACCIA ASSENZA AFI BROWSER
  26. 26. SEMIOMARKETING www.semiosis.it www.arseuropa.org1. CORSO “APP STORE OPTIMIZATION”  Milano  15 dicembre 2012 - 6 ore  Da €1601. IN LIBRERIA, E-BOOK  Fashion Semiology  Net Semiology  Art Semiology  Soggetto Elettronico  Logosemiotica e Fonosemiotica

×