Maria Sangiuliano a SCE 2012

448 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
448
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Maria Sangiuliano a SCE 2012

  1. 1. Bologna, Smart Cities Exhibition , 30 Ottobre 2012 Maria Sangiuliano ECWT Italy/Università Ca’ Foscari Venezia Flavia Marzano, Stati Generali Innovazione
  2. 2.  Le donne rappresentano oltre la metà della cittadinanza e sono spesso sottorappresentate sia nei contesti decisionali della politica che in quello ICT, proprio i due mondi che contribuiscono a forgiare il futuro ‘smart’ delle nostre comunità: non è un buon inizio.
  3. 3.  Un patrimonio di conoscenze e buone prassi da non sprecare
  4. 4. •Un legittimo sospetto verso i modelli partecipativitradizionali che hanno spesso escluso le donne•La ricerca di nuove modalità per recepire le idee, ibisogni, per sostenere le innovazioni sociali spontaneenei processi/progetti di Smart City• Quanto le modalità più diffuse (ExplorationWorkshops/Living Labs) sono gender+ sensitive?
  5. 5. OLTRE LA CULTURA AZIENDALE DELLAPRESENZA IN UFFICIO: TELEWORK- AMBIGUITÀ DI GENERE DELLONOMADIC WORK- COWORKING….. SMARTWORKER IPERCONNESSO
  6. 6.  La sensibilità femminile verso i temi della sostenibilità ambientale è documentata storicamente, dall’attivismo ecologista, al lancio del concetto di sviluppo sostenibile a cura di Gro Harlem Brunlandt, alla presenza attiva delle donne nelle Conferenze ONU sullo sviluppo sostenibile, da Rio 1992 ad oggi. Anche come semplice effetto di un retaggio tradizionalista le donne hanno un ruolo cruciale nei consumi energetici e nella gestione dei rifiuti domestici
  7. 7.  Le donne (e gli uomini) non sono tutte uguali: l’approccio ricercato tenterà di dare voce alle donne di diversi ceti sociali, provenienze geografiche e culturali, generazioni, orientamenti sessuali e diversi livelli di ‘abilità’. Un modello di partecipazione inclusiva che partendo dal genere, ponga attenzione alle molteplici soggettività attorno a cui la vita sociale e urbana si articolano.
  8. 8. Apprendimento e trasformazione sociale tra reti e sistemiOpen Data disaggregati per genere
  9. 9.  Perché? Come Con chi? Con quali soldi? Copiando chi ?

×