Francesco Mazzone a SCE 2012

609 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
609
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
22
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Francesco Mazzone a SCE 2012

  1. 1. Smart mobility: sharing solutions Il punto di vista di ACI Francesco Mazzone Bologna, 30 Ottobre 2012 1
  2. 2. Sommario• Smart cities e mobilità• Quali interventi secondo ACI• Integrazione e accessibilità• L’esperienza dell’infomobilità regionale• Conclusioni 2
  3. 3. Smart mobility e Smart cities – IPuò esistere una smart city senza una smart mobility? 3
  4. 4. Una città non è smart senza una mobilità smartI PERDITEMPI dovuti alle congestioniForme di INQUINAMENTO da traffico: o Atmosferico > emissioni di sostanze inquinanti o Acustico > rumori o Ambientale > superficie occupataLa SINISTROSITÀ STRADALE 4
  5. 5. Smart mobility: una questione di modernità? Fonte: L’Unità 5
  6. 6. Smart mobility: una questione di tecnologie? Fonte: Progetto CVIS (Co-operative Vehicle-Infrastructure Systems) 6
  7. 7. Per una mobilità smart: condividere! Uso collettivo dei veicoli > integrazione tra modi di trasporto Uso razionale di tecnologie innovative > mezzi meno inquinanti, informazione, sistemi di pagamento integrati Fludificazione del traffico > minori perditempi, minor  inquinamento da traffico Aumento livello di sicurezza delle infrastrutture > meno morti e feriti, minori costi sociali 7
  8. 8. 8 Sistemi di trasporto e mobilità sostenibileVerso una mobilità smart > o z o ic ez og M ol Ec rto o > po tiv as t Tr olle vo > C t t i rio le p ol ro C P o zo Us ez M > r io op Pr zo ez M
  9. 9. Smart mobility e Smart cities - IIPuò esistere una smart mobility senza una smart city? • Interazioni tra uso del territorio e mobilità • Organizzazione degli orari • Rispetto degli standard urbanistici • Logistica urbana • De-materializzazione attività amministrative La sfida più grande! 9
  10. 10. Azioni per una mobilità smart: TECNOLOGIA Diffondere e sviluppare tecnologia smart, attraverso l’abbattimento degli ostacoli connessi ai diversi sistemi informativi (integrazione informazioni come strumento di ottimizzazione) Favorire l’utilizzo di piattaforme tecnologiche aperte per la gestione delle informazioni e delle decisioni tra I soggetti interessati (evoluzione del  concetto di Infomobilità) le tecnologie smart non risolvono del tutto le carenze strutturali delle reti di trasporto, ma favoriscono la gestione ottimale dei servizi.  Aspetti tecnologici 10
  11. 11. Azioni per una mobilità smart: FORMAZIONE Formare cittadini smart per evitare fenomeni di esclusione sociale (ovvero includere modalità accessibili a tutti) Disponibilità delle tecnologie smart verso tutti (ad es. larga banda su tutto il territorio) Formare i decisori e  i gestori della tecnologia smart (solo con  il coinvolgimento degli amministratori si può ottenere una smart community)Aspettiformativi / culturali 11
  12. 12. Azioni per una mobilità smart: EFFICIENZA Evitare inefficienze e disservizi del sistema della  mobilità: o Fermate del Trasporto Pubblico tecnologicamente avanzate a  fronte di un servizio di trasporto collettivo oggettivamente “carente” o Forme di pagamento smart e avanzate (NFC, credit card, bancomat,  telefonino, via internet) in alternativa ai pagamenti in contanti ma  a costo maggioratoAspetti organizzativi 12
  13. 13. L’esperienza dell’informobilità ACI Altre Fonti: Autorità Portuali, Tpl urbani, Altri ComuniPolizie Locali dei Gestori di strade ed autostradeprincipali Comuni Meteo Centro Regionale infomobilità Aeroporti Rete di telecamere Altre Fonti “Tecnologiche”: Flotte, segnalatori, sensori mobili Operatori trasporto Marittimo di linea Bus di linea extraurbani Polizia stradale 13
  14. 14. Principi fondamentali • Grande attenzione al tema della sicurezza connessa all’informazione • Una risposta alle moderne esigenze di informazione: * real-time/location-based * multi-rete (indipendente dal singolo gestore) * multi-modale * previsionale 14
  15. 15. Widget Luce Verde: web-info per tutti 15
  16. 16. Informazione e integrazione 16
  17. 17. Conclusioni • ACI può svolgere una funzione chiave come partner istituzionale per soluzioni di infomobilità SMART “coordinate” e “accessibili” a tutti, che diano la percezione di una mobilità come UNICUM • Grandi aspettative dal recepimento della Direttiva ITS in tema di rimozione degli ostacoli legati alla “proprietà” dei dati e di sviluppo di sistemi informativi “smart” 17
  18. 18. Grazie per l’attenzione!regionelazio.luceverde.it www.milano.luceverde.it www.roma.luceverde.it Francesco Mazzone f.mazzone@aci.it 18

×