Presentazione Concept Smart City Exhibition 2014

709 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
709
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
200
Actions
Shares
0
Downloads
20
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione Concept Smart City Exhibition 2014

  1. 1. IN CONTEMPORANEA CON D’INTESA CON LA GOVERNANCE DELLE NUOVE CITTÀ Dai singoli progetti alle politiche organiche di trasformazione del territorio Conferenza Stampa di presentazione del concept SMART City Exhibition 2014 Roma, 3 giugno 2014 Sala Aldo Moro, Palazzo Montecitorio
  2. 2. Perché smart city continua ad essere la priorità « Le città sono il livello di governo più vicino alla maggioranza della popolazione mondiale… » (M. Bloomberg, ex-sindaco di New York) Questo le porta a tempi di intervento e trasformazione molto più rapidi se raffrontate ai rispettivi governi centrali.
  3. 3. Oggi il 50% delle persone vive in aree urbane, consuma il 75% delle risorse e produce l’80% dei gas serra. Con il trend attuale nel 2050 la popolazione mondiale arriverà a 9 miliardi di persone di cui il 70% nelle aree urbane. Nei 30 Paesi più sviluppati i veicoli passeranno dai 700 milioni attuali a 1,7 miliardi. Perché smart city continua ad essere la priorità
  4. 4. I nuovi grandi fenomeni urbani si manifestano fuori dal nostro Paese, ma nella nostra stessa area geopolitica: l’Est europeo e il bacino mediterraneo. L’Italia ne è snodo e può catalizzare i processi in atto ponendosi come laboratorio-guida, soprattutto per l’emersione di modelli alternativi fondati su città medie, qualità della vita e potenzialità del patrimonio culturale . Perché smart city continua ad essere la priorità
  5. 5. Nelle città italiane si manifesta l’inarrestabile richiesta di spazi di libera socialità o produzione culturale e l’onda della sharing economy travolge i mercati… Perché smart city continua ad essere la priorità
  6. 6. Si tratta di specificità che insieme alla riforma della governance territoriale impongono una brusca accelerazione nella programmazione di politiche e nella predisposizione di piattaforme tecnologiche in grado di mettere a sistema la complessità del Sistema-Paese e abilitarne lo sviluppo verso l’innovazione. Perché smart city continua ad essere la priorità
  7. 7. Perché smart city continua ad essere la priorità Nel frattempo nel mondo alcune cose accadranno:  nel 2015 in Italia il 35% dei consumi degli edifici di nuova costruzione dovranno essere alimentati da fonti rinnovabili, pena il diniego del titolo edilizio (Dlgs 28/2011);  nel 2016 il 50% della popolazione italiana potrà collegarsi in larga banda a 30 Megabit (Rapporto Caio);
  8. 8. Perché smart city continua ad essere la priorità  nel 2017 nel mondo la mobilità sostenibile potrà crescere del 19.5% tra vetture elettriche, elettriche plug-in e veicoli ibridi (Pike Research);  nel 2018 negli USA l’e-commerce arriverà a 414 miliardi di dollari, di cui il 70% in mobile (Forrester);
  9. 9. Perché smart city continua ad essere la priorità  nel 2019 nel mondo il numero globale di sottoscrittori a servizi Lte passerà a circa 2 miliardi dai 229,7 milioni del 2013 (ABI Research);  nel 2020 nel mondo l’Internet of Things potrà contare su 26 miliardi di oggetti connessi, un numero superiore di quasi 30 volte rispetto al 2009 (Gartner).
  10. 10. Perché smart city continua ad essere la priorità Sono dati che prefigurano la necessaria trasformazione degli stili di vita nelle aree urbane. Smart City e Smart Community sono città e territori intesi come insiemi di flussi informativi e reti di relazioni e comunicazioni, fisiche e digitali, caratterizzate dalla capacità di creare capitale sociale, benessere per le persone, migliore qualità della vita. CONNESSIONE, PARTECIPAZIONE, SOSTENIBILITÀ. Queste le soluzioni!
  11. 11. Perché smart city continua ad essere la priorità Mettendo a sistema i diversi ambiti:
  12. 12. Quali risorse e opportunità L’Agenda Urbana Europea è al centro dei Fondi Strutturali 2014-2020: – il 5% dei dei fondi dovrà essere destinato a progetti per le città; – in Italia alle Aree Metropolitane è dedicato un PON A tali aree sono destinate risorse per un totale di circa 1 miliardo di euro. In particolare, a ciascuna città del Sud andranno dagli 80 ai 100 milioni, mentre a quelle del Centro-Nord e della Sardegna dai 35 ai 40 milioni. 1
  13. 13. Quali risorse e opportunità All’interno di Horizon 2020 - il nuovo Programma Europeo per il finanziamento della Ricerca e dell’Innovazione da 80 miliardi euro – gli interventi per le Smart City sono parte di due dei tre filoni di finanziamento: - Industrial Leadership - Societal Challenges con una serie di bandi specifici già partiti e altri in scadenza a marzo 2015 per cui è necessario procedere al più presto nella definizione delle partnership. 2
  14. 14. Quali risorse e opportunità Più di 850 milioni di euro sono stati destinati in Italia dai bandi MIUR, progetti che vanno monitorati e per i quali ci deve essere un supporto a livello centrale e un coordinamento che favorisca il riuso per la creazione di un archivio di soluzioni intelligenti: andare a vedere dove funzionano le cose e mettere a sistema le esperienze rilevate (benchmark). 3
  15. 15. Quali risorse e opportunità Finanziare la Smart City si può, a tre condizioni: 1) spendere meno ma bene tramite riuso e investimenti mirati; 2) promuovere il partenariato pubblico/privato; 3) fare mix funding (project financing, finanziamenti europei e nazionali, ppp). Utilizzando in modo strategico la nuova programmazione europea.
  16. 16. La situazione italiana è particolare • 15 città con più di 200.000 abitanti, • una diffusa presenza di città medie • l’85% dei Comuni con meno di 10.000 abitanti, Nella progettazione delle smart city in questo contesto sono emersi:
  17. 17. La situazione italiana è particolare Gli olistici ● un nucleo di grandi città (Genova, Torino, Bari, Milano, Firenze) che grazie alla spinta dei bandi hanno avviato percorsi strutturati verso la Smart City. Attraverso:  la messa a sistema di progetti e interventi  meccanismi di governance multilivello fra attori pubblici, del mondo produttivo, del mondo bancario, della ricerca e della cultura
  18. 18. La situazione italiana è particolare I settoriali ● un numero significativo di Comuni, soprattutto medi, che hanno sperimentato e messo a regime interventi di grande qualità su settori specifici (mobilità sostenibile, e-government, efficientamento energetico, valorizzazione del patrimonio culturale, gestione integrata dei dati) e che ora iniziano a operare in direzione dell’integrazione con gli altri ambiti di intervento cittadino
  19. 19. La situazione italiana è particolare I ritardatari ● contesti urbani e di area vasta che, soprattutto a causa di un significativo divide territoriale, dimensionale e infrastrutturale, appaiono ancora in ritardo rispetto all’adozione di modelli di pianificazione e intervento basati sull’integrazione delle reti, dei servizi e degli attori territoriali.
  20. 20. La situazione italiana è particolare Dalle analisi dell’Osservatorio Smart City ANCI emerge come la via italiana alle smart city si caratterizzi principalmente per:  una prevalenza delle azioni relative alla gestione sostenibile delle risorse energetiche per la riduzione delle emissioni di CO2;  una propensione positiva, ma che non sembra giunta ancora a un punto di sufficiente maturazione, della gestione integrata dei dati attraverso piattaforme ICT per l’analisi avanzata delle informazioni territoriali;
  21. 21. La situazione italiana è particolare  un ricorso a fonti di finanziamento diversificate ma di stampo “tradizionale” (bilancio comunale, bandi europei e nazionali, risorse regionali), con una incidenza ancora bassa di modelli di partenariato pubblico- privato, procurement innovativo e project financing;  una tendenza a mettere in campo modalità di pianificazione e realizzazione delle iniziative improntate ad un’ampia partecipazione degli attori territoriali, con modelli di governance (associazione, fondazione) mirati alla condivisione dei percorsi di sviluppo cittadino,
  22. 22. La situazione italiana è particolare  una crescente consapevolezza della necessità di considerare le dimensioni sociale e culturale come centrali nella individuazione delle prospettive di sviluppo urbano in ottica di inclusione.
  23. 23. Ne parliamo a SMART CITY EXHIBITION 2014 dedicata quest’anno a: LA GOVERNANCE DELLE NUOVE CITTÀ Una grande occasione di lavoro collaborativo, perché si può supplire alla bassa capacità finanziaria dei Comuni solo attraverso una piattaforma capace di mettere a sistema le conoscenze e le soluzioni perché diventino replicabili e scalabili.
  24. 24. SMART City Exhibition: i numeri di un successo Nell’ultima edizione: 125città di cui 25straniere, 100investitori, 500relatori e un +42% di visitatori.
  25. 25. Qual è l’approccio di SCE 2014 I 6 temi. In questa prospettiva, sei saranno i temi al centro di SCE2014: 1. I Modelli emergenti e quelli consolidati sharing economy, transition town… 2. Le Politiche in corso Agenda Urbana, Programmazione Europea, Agenda Digitale,riforma della Aree Metropolitane, Decreto Crescita 2.0…
  26. 26. Qual è l’approccio di SCE 2014 3) Gli strumenti da quelli di analisi come ICityRate fino agli strumenti finanziari 4) La piattaforma tecnologica a partire dalle infrastrutture telematiche, la Data Analysis, l’Internet of Things e gli Open Data
  27. 27. Qual è l’approccio di SCE 2014 5) Le politiche settoriali l’ambiente, la mobilità, il turismo, la tutela del territorio, il lavoro e l’occupazione, le start up e i makers, la logistica, la cultura, la sanità… 6) I soggetti e le reti Osservatorio ANCI, le Università, Unioncamere, il CNR, l’ENEA, il territorio regionale e metropolitano, con un’apertura sempre più indirizzata alla dimensione internazionale attraverso il coinvolgimento di reti di città, istituti di ricerca e singole realtà urbane all’avanguardia nel mondo.
  28. 28. Qual è l’approccio di SCE 2014 Il Forum comune con SAIE SCE2014 porta avanti un gruppo di lavoro comune con SAIE (Salone dell’Innovazione Edilizia) per il Forum : “Costruiamo le città del futuro!” 6 grandi appuntamenti in cui i protagonisti del mondo della politica, della PA, dell’economia, della finanza, della ricerca e della cittadinanza lavorano assieme intorno ai driver di sviluppo dei prossimi 50 anni.
  29. 29. Qual è l’approccio di SCE 2014 I dimostratori A SCE 2014 uno spazio co-progettato con i Centri di ricerca – in primis CNR ed ENEA - portatori di esperienze reali, orientato prevalentemente alle applicazioni Smart Life.
  30. 30. Qual è l’approccio di SCE 2014 La prospettiva internazionale. Viene confermata anche nel 2014 l’importante presenza di città europee ed esperti internazionali, per stimolare il confronto con le realtà italiane e la nascita di nuove partnership sui progetti.
  31. 31. ARRIVEDERCI A SCE 2014! www.smartcityexhibition.it info@smartcityexhibition.it facebook.com/smartcityexhib twitter.com/Smartcityexhib

×