Rete regionale Osservatori Sociali Provinciali

193 views

Published on

Il gruppo di lavoro regionale sulla violenza di genere

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
193
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Rete regionale Osservatori Sociali Provinciali

  1. 1. Rete regionale Osservatori Sociali Provinciali Il gruppo di lavoro regionale sulla violenza di genereMichela Casarosa Livorno, 25 novembre 2011Provincia di Pisa
  2. 2. La Rete regionale degli Osservatori Provinciali 10 Osservatori Sociali Provinciali coordinati dall’Osservatorio Sociale Regionale 16 luglio 2008 FIRMA Osservatori: + supporto PROTOCOLLO alla programmazione • 1 coordinatore di rete (Osr) • 5 coordinatori di gruppi di 2008-2011 lavoro 29 riunioni di rete 66 riunioni dei gruppi • Sito web di appoggio alla rete • Piano annuale di lavoro • Riunioni mensili • 6 pubblicazioni • Set indicatori regionale • Accordo quadro con SdS • Mappature georeferenziate su violenza e povertà
  3. 3. http://servizi.regione.toscana.it/osservatoriosociale/ 70.000 accessi 2010-2011
  4. 4. I gruppi di lavoro GRUPPI ATTIVI Pisa Lucca Violenza di genere (6)Siena Massa Supporto alla programmazione (5)Arezzo Progettazione Europea Grosseto (5)Livorno Migrazioni (tutti) Prato Esclusione sociale eFirenze disagio grave (tutti) Pistoia
  5. 5. Il gruppo di lavoro Violenza di genere Perché un gruppo di lavoro sulla violenza di genere? Art. 40 Legge Regionale 41/2005 «Presso l’Osservatorio è istituita una apposita sezione denominata Osservatorio Regionale sulla violenza di genere. L’Osservatorio Regionale sulla violenza di genere realizza il monitoraggio sulla violenza attraverso la raccolta, l’elaborazione el’analisi dei dati forniti dai centri antiviolenza, dai servizi territoriali e dai soggetti aderenti alla rete territoriale; analizza i dati al fine di realizzare una sinergia tra i soggetti coinvolti per sviluppare laconoscenza delle problematiche relative alla violenza di genere e perarmonizzare le varie metodologie di intervento adottate nel territorio. L’Osservatorio regionale sulla violenza di genere si avvale degli Osservatori Provinciali»
  6. 6. I prodotti Pubblica- Approfondi zioni menti su: annuali buone 2009- Applicativo prassi, 2010-2011 web per operatori, Scheda inserimen- reti unica di to dati territorialiMappa accessostrutture centriantiviolenza antiviolen-Toscana za della Toscana La sfida per il futuro: allargamento della rete e mantenimento del sistema
  7. 7. http://mappe.rete.toscana.it
  8. 8. L’applicativo web
  9. 9. Spunti per le prospettive future • Dati 2008-2009 • Schede sintetiche sulle attività delle Province
  10. 10. Spunti per le prospettive future • Dati 2009-2010 • Approfondimenti qualitativi su reti territoriali e i fabbisogni formativi operatori
  11. 11. Spunti per le prospettive future • Dati 2010-2011 • Analisi dei protocolli sottoscritti dalle Province • Focus group
  12. 12. La Rete regionale: una buona prassi? Motivazione dei partecipanti • Dare senso al proprio lavoro: conoscere per programmare Pertinenza dei partecipanti • Presenza dei tecnici ai tavoliPUNTI DI Relazioni interpersonali FORZA • Contatti frequenti e scambio di idee Organizzazione efficiente • Sito web di appoggio, riunioni mensili Strutture ricerca qualificate • No delega in bianco • Forte coordinamento a livello centrale: Osservatorio Sociale Regionale
  13. 13. La Rete regionale: il futuro Alternanza delle persone • Creare un modello che va al di là dei singoli soggetti Collegamento con laPROSSIME programmazione SFIDE • Potenziare il ruolo degli Osservatori nel supporto alle decisioni in tutti gli ambiti socio-sanitari Reperimento delle risorse • Sviluppare capacità di progettazione reperimento di risorse ministeriali ed europee

×