SIMCO: Ottimizzare il Picking - seconda parte

878 views

Published on

Lo scorso 9 aprile Simco ha organizzato, ottenendo un lusinghiero successo di affluenza e di interesse dei partecipanti, il Workshop "Ottimizzare il picking" nel corso del quale sono state illustrate le metodologie progettuali, le possibili soluzioni realizzative e tre interessanti casi aziendali.

Published in: Business
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
878
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
15
Actions
Shares
0
Downloads
28
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

SIMCO: Ottimizzare il Picking - seconda parte

  1. 1. OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 9 Aprile 2008Per informazioni:SIMCO SrlCesare CernuschiVia Durando 38 MilanoTel. 0239325605 – Fax 0239325600E-mail: c.cernuschi@simcoconsulting.itwww.simcoconsulting.it OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 1
  2. 2. SIMCO E’… Simco è una delle più importanti imprese italiane di consulenza e formazione nell’ambito dell’organizzazione e delle operations aziendali, con una particolare attenzione alle attività logistiche. Dal 1981, anno della sua fondazione, Simco ha sviluppato oltre 1.600 progetti per più di 400 clienti di diverse dimensioni e settori merceologici OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 2
  3. 3. OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 3
  4. 4. Le nostre aree di intervento LOGISTICA DI DISTRIBUZIONE LOGISTICA DI PRODUZIONE PREVISIONE DELLA DOMANDA E GESTIONE DELLE SCORTE SIMULAZIONE DINAMICA BUSINESS INTELLIGENCE FORMAZIONE OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 4
  5. 5. Tracciato del Workshop IL MAGAZZINO MODERNO: LE PRINCIPALI IL PROGETTO TREND, NECESSITÀ, SOLUZIONI DEL PICKING IMPATTO ORGANIZZATIVE SUL PICKING I PRINCIPALI CASI LE PRINCIPALI STRUMENTI AZIENDALI SOLUZIONI DELL’ICT TECNOLOGICHE PER IL PICKING OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 5
  6. 6. LA SIMULAZIONEOTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 6
  7. 7. La simulazione La complessità dei sistemi di M/H • Perché un sistema di M/H è un sistema complesso: Numerosi gradi di libertà (progettuali e/o operativi) Numero e variabilità dei flussi da asservire Complessità delle politiche operative e manutentive Numero di componenti fisici e logici interagenti tra loro Presenza di operazioni automatiche e manuali, la cui durata può essere caratterizzata da estrema variabilità Possibilità di funzionamento in condizioni “degradate” OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 7
  8. 8. La simulazione La complessità dei sistemi di M/H Tutto ciò porta a: Competizione non pianificata per le risorse disponibili Generazione di attese “senza valore aggiunto” Prestazioni inferiori a quelle teoriche OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 8
  9. 9. La simulazione La complessità dei sistemi di M/H I rischi che si hanno in fase progettuale senza adottare la simulazione sono: Sottodimensionamento (uno o più “colli di bottiglia”) È il rischio più grave (l’impianto non centra la propria missione, con tutte le missione conseguenze immaginabili): data la natura “rigida” degli impianti automatici porvi rimedio con tempi e costi accettabili è molto difficile e, nei casi più gravi, impossibile. Normalmente con metodi tradizionali il buon progettista sa evitare questo rischio, al costo però di un cautelativo… Sovradimensionamento che significa un esborso di capitale più alto del necessario, saturazione necessario delle risorse non ottimale, spazio sprecato. Tempi di progetto e messa a punto più lunghi del necessario Nel progetto esecutivo tradizionale la specifica di alcuni dettagli tattici ed operativi è spesso fatta a grandi linee, rinviando il dettaglio al progetto costruttivo o alla fase di messa a punto sul campo. OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 9
  10. 10. La simulazione Definizione “Simulare implica la modellizzazione di un processo o di un sistema in modo tale per cui il modello imiti la risposta del sistema reale ad eventi che hanno luogo NEL TEMPO” - (Schriber, 1987). Simulare è una metodologia empirica ed applicativa per: descrivere il comportamento dinamico dei sistemi costruire teorie ed ipotesi su tale comportamento stimare comportamenti futuri, ad esempio gli effetti di cambiamenti nel sistema (risorse e/o politiche) La simulazione fornisce un approccio sistematico, esplicito ed efficiente per mettere a fuoco giudizi ed intuizioni: quindi simulare serve a minimizzare il rischio associato a scelte cruciali. OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 10
  11. 11. La simulazione A cosa serve? La simulazione va usata per dare risposta a domande quali: Quante e quali risorse sono necessarie? Come disporle (lay-out)? Quali sono le migliori strategie per il loro impiego? Qual è il loro livello di utilizzo? Come è ripartito nel tempo? Quanto tempo serve per compiere una certa missione? Quanti ordini, o unità di movimentazione, si accodano nell’impianto? Che dimensione devono avere i “polmoni” di accodamento? Qual è il migliore trade-off tra investimento e prestazioni? Quali sono gli effetti della modifica di uno o più parametri di progetto, sia interni (ossia soggetti alle nostre decisioni) che esterni? OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 11
  12. 12. La simulazione Riassumendo Quindi: Minori investimenti - minori costi operativi - maggiore produttività - minori lead-times - livello di servizio più elevato PROFITTI PIÙ ALTI NUOVI MERCATI NUOVE OPPORTUNITÀ OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 12
  13. 13. La simulazione Limiti Per la simulazione servono soldi e tempo – anche se è solo un anticipo di investimento, con grosse possibilità di ritorno. Le “regola d’oro” dovrebbe infatti essere tempo per l’analisi e rapidità per le decisioni. La simulazione non trova la soluzione ottima, ma aiuta ad ottimizzare una soluzione. Fare uno studio di simulazione richiede capacità specialistica per decidere cosa includere e cosa escludere dal modello creare fiducia nel modello e nei suoi risultati progettare gli esperimenti interpretarne i risultati in chiave progettuale OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 13
  14. 14. I PRINCIPALI STRUMENTI DELL’ICT PER IL PICKINGOTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 14
  15. 15. Gli strumenti e le tecniche per ottimizzare il picking Per massimizzare l’efficienza del picking, occorre agire sui seguenti elementi principali: – L’identificazione automatica dei prodotti e delle locazioni – Le modalità di comunicazione e trasmissione dei dati – Il software per la gestione dei dati di magazzino • Per ottimizzare il lavoro • Per controllare la mappatura OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 15
  16. 16. I sistemi di identificazione automatica CODICE A BARRE 92% RACCOLTA DATI CON RF 16% BANDA MAGNETICA 8% CARATTERI OTTICI 7% TELECAMERA 7% RICONOSCIMENTO CON RF 4% PENNA OTTICA 4% RICOGNIZIONE VOCALE 2% 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 16
  17. 17. Cosa codificare in magazzino PRODOTTI IMBALLI VANO SCAFFALE UDC E’ importante definire in modo appropriato la qualità dei bar code che identificano i prodotti OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 17
  18. 18. Il riconoscimento tramite RF E’ usato nelle situazioni in cui non é possibile utilizzare sistemi di tipo ottico a causa di particolari condizioni ambientali, dove l’identificazione deve avvenire a distanze significative, oppure il contenuto informativo da trasmettere è notevole. I vantaggi della RFID non si ripercuoteranno sulle attività di picking con la stessa intensità propria di altri processi (da valutare l’efficacia / efficienza nelle operazioni di spunta). OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 18
  19. 19. TAG attivi e TAG passivi ATTIVI PASSIVI • Possono essere • Alimentati dal campo riprogrammati in trasmissione elettromagnetico generato dal • Sono provvisti di batteria sistema di rice-trasmissione interna • Numero di interrogazioni • Distanza di trasmissione più illimitato elevata • Possibilità di operare anche se l’orientamento rispetto al sistema di rice-trasmissione non è corretta OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 19
  20. 20. La trasmissione delle informazioni Le informazioni di processo (bidirezionali: fra il campo e il sistema informativo) possono essere trasmesse agli operatori di magazzino su: – supporto cartaceo – terminali Radio Frequenza o batch – sistemi voice picking – sistemi pick to light – altri particolari Le necessità dei magazzini dell’ultima generazione, i costi contenuti della tecnologia e i forti vantaggi della comunicazione “RF”, fanno sì che il magazzino “paperless” sia ormai una costante OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 20
  21. 21. Terminali mobili in magazzino Vantaggi • Eliminazione dei tempi morti • Spunta contemporanea al prelievo • Rettifiche durante il prelievo • Agevole gestione delle urgenze • Controllo on - line del processo PALMARI VEICOLARI OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 21
  22. 22. Evoluzione dei terminali mobili Nuova generazione di terminali portatile “Integrated Image Scanner”, veri e propri strumenti di cattura immagini, sia bar code 1D e 2D, che ambientazioni fotografiche connesse alle attività logistiche (es. documentazione fotografica dei danni subiti dai colli trasportati), con trasmissione dati Usb, infrarossi, RF,Gprs, Blue-tooth. Applicazione ergonomica dei terminali palmari OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 22
  23. 23. La ricognizione vocale (voice-directed picking) • È un sistema che sta iniziando a diffondersi con costi accettabili e buoni livelli di affidabilità • I principali vantaggi – mani libere, quindi possibilità di data entry contemporaneo alla movimentazione – identificazione anche senza la presenza di codici leggibili in automatico – rapidità di apprendimento – versioni multilingue – versioni con registrazione delle informazioni e scarico batch • In sostanza, permette di aumentare l’accuratezza e la produttività, nonché l’ergonomia e sicurezza OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 23
  24. 24. Pick to light • Questi sistemi permettono di individuare la locazione di prelievo mediante una segnalazione luminosa e la quantità da prelevare attraverso un display generalmente abbinato a all’indicatore di vano presa. • Sono molto intuitivi e migliorano efficienza e accuratezza. • Si lavora generalmente per settori fissi (modulabili) oppure anche per settori mobili se si dispone di un software sufficientemente sofisticato. • Sono sistemi piuttosto costosi pertanto adatti a situazioni dove non sono presenti moltissime referenze. OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 24
  25. 25. Pick to ligth in gravità OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 25
  26. 26. Picking con rack runner OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 26
  27. 27. Il software per gestire il processo in magazzino GESTIONE AMMINISTRATIVA GESTIONE DEL GESTIONE DEL MAGAZZINO MAGAZZINO . GESTIONE OPERATIVA OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 27
  28. 28. Quale tipologia di software per la G.O.? Modulo di Pacchetto Pacchetto Su misura un di mercato da (per pacchetto da parametriz impianti integrato personaliz zare molto aziendale zare particolari) OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 28
  29. 29. Il software per gestire il processo in magazzino • A fronte di un WMS di buone prestazioni è necessario che l’anagrafica prodotti contenga dei valori logistici completi ed affidabili. Ad esempio è opportuno disporre di: – Dimensioni dell’unità minima (lxLxh) di vendita – Peso dell’unità minima di vendita – Dimensioni del collo – Colli per strato – Colli per pallet – Capacità del vano picking OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 29
  30. 30. Il software per gestire il processo in magazzino Dobbiamo però evidenziare che i WMS sono dei prodotti ormai maturi e devono essere considerati una parte, seppure importante, di una suite di prodotti più completa e sofisticata in grado di gestire l’intero Centro di Distribuzione . In pratica oltre al Warehouse Management possiamo ricordare i seguenti prodotti: – Slotting Optimization (per avere una mappatura sempre efficiente) – Labor Management (per la pianificazione delle Risorse Umane) – Billing Management (per una gestione dei costi sulla base dei processi) – Supplier Enablement (per favorire una filiera collaborativa) – Hub management (per favorire attività di cross docking) – Yard Management (per la gestione del piazzale di s/carico camion) OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 30
  31. 31. Le architetture informatiche Soluzione 1 Soluzione 2 Calcolatore Calcolatore Centrale Centrale Server terminali in rete Personal operativi locale Computer operativi Magazzino Terminali R.F. OTTIMIZZARE IL PICKING Criteri organizzativi e tecnologia per migliorare le prestazioni 31

×