Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
DOTE IMPRESA
FORMAZIONE CONTINUA
Regione Lombardia
2
DOTE IMPRESA FORMAZIONE CONTINUA
Cos’è?
DESTINATARI: aziende micro, piccole, medie e grandi aventi sede legale e/o
opera...
3
DOTE IMPRESA FORMAZIONE CONTINUA
Destinatari
Nell’ambito dei Piani formativi possono partecipare ai percorsi:
• lavorato...
4
DOTE IMPRESA FORMAZIONE CONTINUA
Requisiti di partecipazione
Ogni azienda può:
• presentare un solo Piano;
• proporre pe...
5
DOTE IMPRESA FORMAZIONE CONTINUA
Percorsi formativi e presentazione
Sono ammessi i percorsi formativi :
• che siano fina...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Dote formazione continua Fase IV

169 views

Published on

Il bando dote Impresa Fase IV finanzia la formazione continua nelle imprese. Se sei un'azienda e non vuoi perdere quest'occasione, partecipa anche tu allo sportello previsto per il giorno 12 aprile 2016!

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Dote formazione continua Fase IV

  1. 1. DOTE IMPRESA FORMAZIONE CONTINUA Regione Lombardia
  2. 2. 2 DOTE IMPRESA FORMAZIONE CONTINUA Cos’è? DESTINATARI: aziende micro, piccole, medie e grandi aventi sede legale e/o operativa in Regione Lombardia. Reti di imprese formalmente costituite (D.L. n. 5/2009), Distretti del commercio e cluster tecnologici. ATTUATORI: possono presentare richiesta di finanziamento per le aziende enti di formazione accreditati agli Albi A e B regionali, Università e loro consorzi. La Dote Impresa Formazione Continua permette alle aziende la richiesta di finanziamenti per la formazione continua attraverso la presentazione a sportello di progetti aziendali, interaziendali o di rete. Per la presentazione di Piani è necessario siglare un accordo con le Parti Sociali (RSA-RSU, rappresentanze territoriali o settoriali).
  3. 3. 3 DOTE IMPRESA FORMAZIONE CONTINUA Destinatari Nell’ambito dei Piani formativi possono partecipare ai percorsi: • lavoratori a tempo indeterminato, determinato, intermittente o ripartito; • apprendisti (per percorsi aggiuntivi al PFI); • collaboratori a progetto; • soci lavoratori di cooperative; • titolari e soci; • collaboratori o coadiuvanti; • coadiuvanti delle imprese commerciali. Non possono partecipare: • dipendenti di pubbliche amministrazioni; • componenti dei CdA aziendali; • lavoratori in somministrazione; • rappresenti di commercio; • liberi professionisti; • rappresentanti associazioni datoriali.
  4. 4. 4 DOTE IMPRESA FORMAZIONE CONTINUA Requisiti di partecipazione Ogni azienda può: • presentare un solo Piano; • proporre percorsi formativi da minimo 16 ore a massimo 64 ore; • mettere in formazione la stessa persona per massimo due percorsi formativi; • creare classi da massimo 10 persone; • coinvolgere gli imprenditori fino a un massimo del 30% delle ore di formazione totali; • organizzare la formazione presso le proprie sedi. Ogni azienda deve: • registrarsi sul portale regionale SIAGE www.siage.regione.lombardia.it e sottoscrivere un’adesione al progetto; • condividere il progetto con le parti sociali; • indicare già in fase di presentazione quante persone verranno coinvolte; • attuare i progetti di formazione entro 180 giorni; • cofinanziare gli interventi secondo il Reg. CE 651/14 (grazie alla partecipazione dei dipendenti durante l’orario lavorativo).
  5. 5. 5 DOTE IMPRESA FORMAZIONE CONTINUA Percorsi formativi e presentazione Sono ammessi i percorsi formativi : • che siano finalizzati all’acquisizione di competenze tecnico-professionali; • che siano in linea con il Quadro Regionale degli Standard Professionali; • di base e trasversali purchè siano propedeutici a percorsi di approfondimento tecnico professionale. Non sono ammessi: • percorsi obbligatori in materia di sicurezza ex DLgs 81/08; • percorsi di base e trasversali senza successivi approfondimenti; • lingua inglese base; • attività e-learning. La presentazione del progetto è a sportello, ovvero ad esaurimento risorse. I progetti presentati saranno poi oggetto di una valutazione qualitativa che tenga presente : • coerenza con i fabbisogni formativi dell’azienda; • congruità con il Quadro regionale degli Standard Professionali; • articolazione del percorso formativo.

×