Siderweb speciale shale_definitivo

514 views

Published on

Una breve introduzione allo Shale Gas, alla situazione italiana, ed alle opportunità e rischi per le industrie dell'acciaio

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
514
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
8
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Siderweb speciale shale_definitivo

  1. 1. SPECIALE Shale Gas
  2. 2. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 Capire una rivoluzione Rivoluzione. Questo il termine che, negli ultimi mesi ed anni, è stato più spesso accostato allo shale gas. Il gas di scisto, infatti, grazie a nuove tecniche estrattive, è diventato l’assoluto protagonista di un rinascimento energetico innanzi tutto del Nord America, ma con prospettive enormi per gran parte del mondo. Visto l’interesse diffuso per l’argomento, Siderweb ha deciso di realizzare un approfondimento dedicato a questo idrocarburo. Sfogliando le 25 pagine dello «speciale shale gas», si avrà una visione a 360° del tema, dal generale al particolare. Per prima cosa lo shale gas sarà contestualizzato all’interno del mercato globale dell’energia, successivamente verrà spiegato cos’è lo shale gas, come si estrae, dove si trovano i giacimenti, qual è la posizione italiana (con un’intervista esclusiva al Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando) ed europea sul tema, quali sono le opportunità per il settore siderurgico, quali sono i rischi connessi allo sfruttamento dei giacimenti «non convenzionali» e sarà fatto un accenno allo shale oil, il petrolio «cugino» dello shale gas. Infine, sarà presentato il punto di vista di Giovanni Carlini, storico opinionista che ormai da anni collabora con Siderweb, e si potrà trovare un utile glossario per chiarire i termini e le sigle meno chiare. Il tutto seguendo la filosofia che da sempre caratterizza il lavoro di Siderweb, quella che l’ex presidente della Repubblica Luigi Einaudi aveva sintetizzato nella sua regola aurea «conoscere per deliberare»: solo chi conosce un problema, lo approfondisce e lo analizza, può prendere decisioni corrette per la propria attività e la propria vita. Buona lettura! La redazione di Siderweb Sommario 1 - Capire una rivoluzione 2 - Energia: alla scoperta dei sei macro trend che rivoluzioneranno il mondo 5 - Shale gas: Cos’è? Come si estrae? 6 - Il settore Oil & Gas è una calamita per gli investimenti 7 - Shale gas: dove si trova? 10 - Shale: visione comune europea cercasi (videointervista al min. Orlando) 15 - Shale gas un doppio affare per l’acciaio 17 - The shale revolution: impatti economici globali delle fonti non convenzionali 19 - Fracking: quali rischi? 23 - Euforia da gas 24 - Shale oil: la nuova frontiera per i Rockefeller del XXI secolo 25 - Glossario Editore: Siderweb spa - via Don Milani, 5 25020 Flero (Bs) Tel. 030 2540006 - Fax 030 2540041 e-mail: redazione@siderweb.com Registrazione tribunale n. 11/2004 Direttore responsabile: Stefano Ferrari In redazione: Stefano Ferrari, Davide Lorenzini, Fiorenza Bonetti, Gianfranco Tosini, Giovanni Carlini Responsabile pubblicità: Mauro Franchina Progetto grafico ed impaginazione:Siderweb 1
  3. 3. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 Energia: alla scoperta dei sei macro-trend che rivoluzioneranno il mondo Sei trend: incremento della domanda dei Paesi emergenti, la rinascita energetica statunitense, l’aumento delle fonti non convenzionali, l’uscita dal nucleare di alcuni Paesi, lo sviluppo delle rinnovabili e l’efficienza energetica. Sono questi i fattori che caratterizzeranno l’evoluzione della domanda e dell’offerta di energia nel lungo periodo. Lungo periodo al termine del quale il mondo apparirà radicalmente diverso rispetto ad oggi. Ma guardiamo più nel dettaglio in che direzione andrà il settore energetico globale. Quadro introduttivo Attualmente, sulla Terra, vivono sette miliardi di individui, dei quali 1,2 miliardi sono residenti nei Paesi industrializzati e 5,8 miliardi nei Paesi in via di sviluppo. Il consumo annuale di energia si attesta a circa 12 miliardi di tonnellate equivalenti di petrolio, dei quali poco meno del 50% è appannaggio dei Paesi sviluppati. Per l’energia elettrica, invece, la situazione è ancor più sbilanciata, con il 60% della domanda che proviene dai Paesi più avanzati e con ben 1,5 miliardi di persone che non hanno accesso all’elettricità. Questo quadro, però, è destinato a cambiare, con la popolazione mondiale che nel 2050 salirà a 9 miliardi di individui, dei quali 7,8 miliardi nei Paesi in via di sviluppo. Ciò, unito alla crescita economica di molte economie emergenti, porterà ad una forte discontinuità nel quadro energetico globale. Come detto in precedenza, i trend di sviluppo saranno sei. Evoluzione della domanda Il mondo consumerà sempre più energia nei prossimi anni. Da oggi al 2035 l’incremento medio annuo dei consumi sarà dell’1,6%, risultato di una crescita economica e demografica diffusa e di una riduzione dell’intensità energetica. Mentre nei Paesi industrializzati ci sarà un rallentamento dei consumi, nei Paesi in via di sviluppo l’energia richiesta continuerà ad incrementarsi e nel 2035 questo gruppo di nazioni arriverà ad un consumo del 65% a livello globale, contro il 55% attuale. Cina, India e Medio Oriente saranno le grandi protagoniste di questa corsa, assommando il 60% della crescita mondiale del settore energetico. I combustibili fossili rimarranno i protagonisti del comparto energia, rappresentando nel 2030 il 75% dell’approvvigionamento energetico complessivo, contro 2 l’81% odierno. Il petrolio sarà il leader dei consumi, seguito da carbone e gas naturale. Per ciò che concerne un segmento del settore energetico, ovvero la generazione di energia elettrica, i consumi aumenteranno del 2,5% annuo sino al 2030. Il 50% delle fonti che saranno installate nei prossimi anni si baserà su fonti rinnovabili, ed un terzo degli investimenti complessivi sarà destinato alla sostituzione di impianti obsoleti. Il carbone sarà ancora la fonte primaria per la generazione di corrente elettrica, mentre le fonti rinnovabili peseranno per il 33% del totale ed il nucleare scenderà al 10% dal 12% attuale. USA: rinascita energetica Gli Stati Uniti ed il nord America svolgeranno un ruolo di primaria importanza nel futuro dell’energia. Il governo a stelle e strisce, infatti, ha deciso di puntare su una politica basata sullo sfruttamento di idrocarburi leggeri e sulla riduzione del consumo di energia, che permetterà agli USA di rendersi maggiormente autonomi per ciò che concerne l’approvvigionamento energetico. Gli Stati Uniti, infatti, entro il 2020 contenderanno all’Arabia Saudita il primato nella produzione di petrolio e diventeranno un esportatore netto di gas. Tutto ciò grazie agli idrocarburi non convenzionali, resi accessibili ed economici da nuove tecnologie messe a punto nel continente americano. L’aumento della produzione statunitense di petrolio e gas non convenzionale, grazie all’impiego di nuove tecnologie per le attività a monte e ad uno spesso tessuto industriale dell’oil & gas che non esiste nel resto del mondo, costituito da centinaia di migliaia di imprese che da sempre sperimentano quotidianamente nuove soluzioni per spremere più
  4. 4. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 petrolio e gas dal sottosuolo, ha importanti effetti collaterali. In primo luogo, un sostegno all’attività economica in quanto i prezzi più bassi dei nuovi carburanti conferiscono all’industria statunitense un indubbio vantaggio competitivo. In secondo luogo, un cambiamento strutturale del ruolo del nord America nel commercio mondiale di energia. L’effetto combinato della maggiore produzione di petrolio e gas e delle misure di efficienza energetica adottate nel settore dei trasporti, provocherà una forte riduzione delle importazioni nette di fonti energetiche primarie nel 2025 ed un loro dimezzamento nel 2040. ropa orientale la Russia continua il proprio piano di sviluppo (con 14 centrali pianificate e 30 proposte), in Asia India (17 centrali pianificate), Cina (51), Arabia Saudita (14) ed Emirati Arabi (4) proseguono con decisione sulla strada del nucleare, così come in sud America. La frontiera del nucleare, quindi,si sposta sempre più ad oriente: ciò sta anche portando a dei cambiamenti nell’industria del nucleare, con nuovi costruttori russi, coreani e cinesi che si stanno affacciando al mercato con sempre maggior convinzione ed incisività. Fonti non convenzionali Rinnovabili: investimenti ancora in aumento Nei prossimi 20 anni circoleranno, nel mondo, 1,7 miliardi di autoveicoli (oggi sono 850 milioni), che contribuiranno in modo decisivo all’incremento della domanda di petrolio. Quali risorse soddisferanno questa fame di energia? Secondo le principali istituzioni globali, saranno le fonti non convenzionali a fare la parte del leone nei prossimi anni. Grazie al light tight oil, alle sabbie bituminose, allo shale oil, allo shale gas e ad altre fonti, sarà possibile far fronte all’incremento della richiesta. Ulteriori approfondimenti sul tema, in particolare sullo shale gas, saranno il tema portante di questa pubblicazione realizzata da Siderweb. Oggi le rinnovabili rappresentano la seconda fonte di produzione di energia, con il 16,7% del totale. Inoltre, il 25% della potenza totale installata nel settore elettrico è composta da impianti che sfruttano le rinnovabili, i quali forniscono il 21% dell’energia a livello globale. Tra il 2004 ed il 2011 il settore delle rinnovabili è stato attraversato da una vera e propria febbre, con gli investimenti passati da 40 a 257 miliardi di dollari annui. Attualmente almeno 30 Paesi hanno una quota di energie rinnovabili superiore al 20% del totale dell’energia prodotta, ed almeno 120 Paesi mondiali si sono dati obiettivi di incremento della frazione di rinnovabile nel proprio mix energetico. Ciò si tramuterà in un ingente flusso di spese nel comparto: secondo l’Agenzia Internazionale dell’Energia gli investimenti nel settore ammonteranno a 6.400 miliardi di dollari tra il 2012 ed il 2035, per una media annuo di circa 280 miliardi. La quota più elevata di investimenti andrà nell’eolico (33%), seguito da idroelettrico (24%), solare fotovoltaico (20%), biomasse e geotermico (12%) e biocarburanti (6%). Gli investimenti complessivi sono equamente suddivisi tra Paesi emergenti e sviluppati, i primi però punteranno maggiormente sull’idroelettrico, i secondi sul solare fotovoltaico. Addio nucleare? Dopo l’incidente di Fukushima, il mondo si è spaccato in due sul nucleare. Alcuni Paesi, specialmente nella parte economicamente più sviluppata del globo, hanno preso decisioni drastiche o hanno ripensato l’opzione nucleare, fermando del tutto o rallentando gli investimenti in questa tecnologia. Si iscrivono a questo “club” Giappone (dove attualmente solo 2 dei 50 reattori presenti nel Paese funzionano a pieno regime, mentre gli altri 48 sono sottoposti a test di sicurezza), Germania (con la rinuncia completa al nucleare entro il 2022), Svizzera (previsto lo smantellamento Efficienza energetica delle 5 centrali entro il 2034) ed Italia (con il no referendario). In altre aree del mondo, invece, si è deciso diversamente. In Eu- Un altro elemento fondamentale per comprendere i trend del settore energetico globale riguarda l’efficienza energetica, un ambito nel quale sono stati fatti notevoli passi avanti negli ultimi 20 anni. Le direttrici di sviluppo di questo segmento vanno sia nell’ottimizzazione della produzione di elettricità e calore, sia nell’efficienza dei consumi finali. L’Ue oggi è l’area più efficiente al mondo, con un consumo di energia per punto di Pil pari alla metà della media mondiale. Per il prossimo futuro il trend di efficientamento dell’economia proseguirà: la Cina punta a ridurre la propria intensità energetica del 16% entro il 2015, l’Ue vuole diminuire i consumi di energia del 20% entro il 2020 ed il Giappone del 10% entro il 2030. Stefano Ferrari 3
  5. 5. 1 - RIDUZIONE DEI COSTI I NOSTRI OBIETTIVI SONO I TUOI OBIETTIVI..! Il sistema CENASPAGHE Le offre la possibilità di avere a disposizione un software in outsourcing, già utilizzato da numerosi professionisti ed aziende in Italia, sempre aggiornato ad ogni variazione contrattuale, in grado di gestire tutti i contratti presenti sul mercato del lavoro ad un prezzo concorrenziale: quindi non dovrà più acquistare software, non dovrà preoccuparsi degli aggiornamenti, non dovrà avere cura delle copie degli archivi dei dati sia comuni che sensibili. 2 – OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE Il solo lavoro richiesto al suo ufficio paghe riguarda la gestione in apposita sezione web del foglio presenze dei dipendenti, dandone conferma a fine mese. CENASPAGHE, elabora i dati, controlla e pubblica in pdf i documenti sul web, per cui potrà sempre avere on-line, con accesso da una postazione internet, tutti i documenti relativi alla gestione del personale: libro unico, deleghe F24, prospetti di malattia e del TFR, fogli contabili, autoliquidazioni INAIL, CUD. Il servizio può essere svolto assolvendo a tutti gli adempimenti (assunzioni, dimissioni, denunce periodiche, ecc..) oppure modulando a piacere, e liberamente, quali attività di gestione del personale siano preferibilmente svolte dall’azienda, anziché assegnarle in outsourcing. E’ previsto, al momento dell’adesione, un breve stage formativo gratuito, al fine di garantire familiarità all’utilizzo della piattaforma informatica; in seguito ogni assistenza è garantita via mail, telefono, fax, skype, da professionisti abilitati iscritti in Ordini Professionali. 3 – QUALITA’ DEI SERVIZI. Il servizio attualmente è già utilizzato ed apprezzato da molte aziende per l’elaborazione delle paghe. Il servizio, pur gestito esclusivamente via web, è presidiato su ogni territorio provinciale con appositi uffici periferici. 4 - CONSULENZA FORNITA DA PROFESSIONISTI GIUSLAVORISTI La presenza presso le sedi periferiche di professionisti abilitati, iscritti ad Ordini Professionali, le offre l’assistenza e la rappresentanza presso la Direzione Provinciale del Lavoro, I.N.P.S., INAIL e nelle vertenze di lavoro. A richiesta forniamo anche assistenza tramite legali giuslavoristi. COME ADERIRE AL SERVIZIO? Chiami i numeri sotto riportati, oppure scriva una mail: gratuitamente e senza alcun impegno ci recheremo al suo domicilio per rispondere ad ogni quesito o dubbio illustrandole ogni aspetto del servizio; professionisti dei quali potrà apprezzare la preparazione saranno in grado di fornirle tutti gli approfondimenti necessari. Il sistema è un PAY PER USE, quindi solo ad effettivo utilizzo e consumo si generano addebiti. via Guglielmo Marconi, 44 - 24068 Seriate (Bg) - C.f. - P. iva e R.I. BG 02947610982 tel. 035 298290 - mail: bergamo@cenaspaghe.it capitale sottoscritto e versato 10.000,00
  6. 6. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 Shale gas: cos’è? Come si estrae? Lo shale gas o gas da scisti non convenzionale è un gas naturale, in tutto e per tutto simile al metano convenzionale, la cui differenza principale è determinata dal suo giacimento. Il gas convenzionale, infatti, risiede generalmente in rocce porose e permeabili, nelle quali è migrato partendo da altre rocce dove si è formato. Lo shale, invece, è trattenuto nelle stesse rocce in cui si è formato: rocce argillose, porose sì, ma per lo più non permeabili, e che quindi intrappolano il gas. L’estrazione dello shale gas è diventata una pratica relativamente semplice solo da un lustro, prima infatti le difficoltà tecnologiche o gli eccessivi costi rallentavano lo sfruttamento delle riserve. Le rocce argillose che trattengono il gas si trovano a profondità comprese tra i 2.000 e i 4.000 metri ed il recupero estrattivo si attesta attorno al 30% del gas intrappolato. Inoltre, considerato che lo shale gas si trova nella roccia da cui ha avuto origine, è necessario perforare il bacino orizzontalmente, ovvero alla trivella viene impartita una leggera flessione sfruttando l’elasticità dell’acciaio, così da poter corrompere l’argilla in molteplici punti lungo la sua dorsale e garantire la migrazione del gas verso il pozzo e conseguentemente in superficie. Quindi, viene effettuata una perforazione verticale profonda, seguita da una orizzontale, contemporaneamente alla quale si procede alla messa in sicurezza del foro con pareti di cemento iniettato, così da evitare che i fluidi di trivellazione ed estrazione risalgano all’esterno dell’involucro di contenimento del pozzo e si diffondano nelle falde acquifere soprastanti. Per garantire la miglior resa possibile di questa operazio- 5 ne, si procede successivamente con la fratturazione idraulica del terreno (fracking), ottenuta mettendo in pressione la sezione di un pozzo dopo aver processato una scarica esplosiva che frattura la roccia. Il fracking consiste nell’iniezione ad alta pressione di acqua (dagli 8 ai 15 milioni di litri per ogni singolo pozzo) e sabbia, con l’aggiunta di additivi chimici di vario genere (1% circa del totale), necessari a garantire l’espansione ed il mantenimento delle fratture della crosta. Si parla di oltre 260 additivi, tra i quali naftalene, benzene, piombo, kerosene, formadeldeide, acido solforico, xenon e manganese. Fino all’80% di questi fluidi iniettati per la fratturazione idraulica ritorna in superficie come acqua di riflusso e viene raccolta in appositi siti in attesa di smaltimento, che generalmente si verifica con lo stoccaggio definitivo in altri pozzi di profondità. Il restante 20% di quest’acqua tossica rimane nel sottosuolo, libera, con possibili implicazioni ambientali. L’estrazione dei gas da scisto è efficiente solo se estremamente intensiva. Mentre per l’estrazione di gas convenzionale si ha la necessità di realizzare mediamente un pozzo ogni 10 Kmq, la IEA (International Energy Agency) indica, per lo shale, una media ideale di un pozzo per ogni Kmq. In sostanza, l’economia di questo gas dipende dalla possibilità di trivellare il maggior numero di pozzi nel minor tempo possibile. Mauro Franchina
  7. 7. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 Il settore Oil & gas è una calamita per gli investimenti Un fiume immenso di dollari ricoprirà il settore oil & gas nei prossimi anni, riversandosi sulle aziende della filiera e, quindi, anche sul comparto siderurgico, che fornirà gran parte del materiale con il quale si realizzeranno le strutture e gli impianti per l’estrazione, il trasporto e la lavorazione degli idrocarburi che saranno estratti dal terreno o dai fondali marini. A fare la parte del leone saranno gli Stati Uniti, dove la corsa allo shale gas è già diventata febbre. Secondo le stime presentate al convegno nazionale di ANIMP da Mauro Montefiore, Chief Business Officer di Technip (Region B), nei prossimi 8 anni ci sono almeno 20 miliardi di dollari annui di potenziali investimenti nel settore gas, per complessivi 156 miliardi di dollari. Il settore oil & gas nel suo complesso, invece, potrebbe arrivare sino a 227 miliardi di dollari di investimenti, dei quali 75 miliardi entro il 2015. Anche il Canada, dove lo shale gas è abbondante e la produzione di petrolio da sabbie bituminose è massiccia, gli investimenti saranno cospicui: basti pensare che le spese per gli impianti upstream saranno di 15-20 miliardi di dollari annui sino al 2016 e gli investimenti nel solo stato dell’Alberta nel comparto delle sabbie bituminose arriveranno a 180 miliardi di dollari nel prossimo decennio. Proseguendo la carrellata nel continente americano, in Messico gli investimenti saranno di circa 20 miliardi di dollari annui sino al 2018 (di cui il 20% per impianti downstream), in Colombia di 83 miliardi da qui al 2020, in Perù di 30 miliardi nel prossimo quinquennio, in Venezuela di oltre 200 miliardi entro il 2018, in Ecuador di 20 miliardi in cinque anni, in Bolivia di 10 miliardi di dollari entro il 2018 ed in Brasile di 222 miliardi di dollari entro il 2017, dei quali 75 miliardi downstream e 147 miliardi upstream. In Argentina, invece, gli investimenti saranno limitati. Cambiando continente, e passando a quello euroasiatico, la Russia vedrà scorrere 34 miliardi di investimenti da oggi al 2020, mentre i Paesi della Comunità degli Stati Indipendenti proseguiranno con spese contenute e l’Europa sarà caratterizzata ancora dalla recessione. In nord Africa l’Egitto investirà circa 30 miliardi nei prossimi anni, mentre la Libia rimane in stad-by. Scendendo anche al di sotto dell’Equatore e considerando il continente nel suo complesso, nel 2014-17 ci sarà un incremento degli investimenti upstream africani del 30% rispetto a quelli del quadriennio 2010-2013. Nel Golfo Persico non mancheranno i progetti: tra il 2013 ed il 2016 saranno assegnati lavori per 179 miliardi di dollari. Infine l’Australia sta vivendo un momento di grande vivacità per l’industria dell’oil & gas. Le principali aziende estrattive hanno presentato recentemente 8 megaprogetti, i cui lavori per la realizzazione dovrebbero iniziare entro il 2016, dal valore di 190 miliardi di dollari. Come sottolineato da Montefiore, ma anche da Daslav Brkic, Senior Vice President Business and Technology Development di Saipem, i numeri sopraelencati sono però da considerarsi aggravati da una «tara». Gli investimenti, infatti, comprendono sì i lavori assegnati o iniziati, ma anche quelli semplicemente annunciati o per i quali è in corso uno studio di fattibilità. Questi ultimi, poi, spesso capita che non vengano realizzati, specialmente nei Paesi del sud America, a causa di intoppi burocratici o di problematiche di altra natura. I progetti che si concretizzeranno, quindi, saranno sicuramente meno di quelli annunciati. Ciò non toglie che, miliardo più o miliardo meno, il settore oil & gas continuerà ad essere un business enorme anche nel futuro a medio e lungo termine. Stefano Ferrari 6
  8. 8. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 Shale gas: dove si trova? In figura i 48 principali bacini di shale gas in 32 Paesi. area di 211.000 chilometri quadrati e rappresenta il 40% delle risorse di scisto. La Cina auspica di produrre, entro il 2020, tra 60 miliardi e 100 miliardi di metri cubi di shale gas. Royal Dutch Shell ha recentemente firmato il primo contratto di esplorazione finalizzata alla produzione di gas in Cina. Una mossa che va nella direzione imposta dallo stato cinese, il quale intenderebbe acquisire know-how dall’estero, al fine di poter, in un secondo momento, sfruttare le riserve ancora intatte che sono le più ricche del pianeta. Anche se le stime sino ad oggi effettuate potrebbero subire delle variazioni in futuro, la presenza di shale gas nel sottosuolo mondiale può essere considerata ingente. Secondo i dati forniti dall’Energy Information Administration degli Stati Uniti, all’interno del report dal titolo «World Shale Gas Resources» e che prende in esame 33 Paesi, la stima totale raggiunge i 206.712 miliardi di metri cubi. Escludendo gli Stati Uniti, sono fondamentalmente quattro le nazioni extraeuropee che, secondo le stime, dovrebbero godere dei maggiori giacimenti di shale gas. Argentina Cina All’interno della zona del Neuquèn, limitrofa al confine con il Cile, è presente una riserva di shale gas che prende il nome di Vaca Muerta e che dovrebbe contenere al massimo 6.796 miliardi di metri cubi di gas di scisto. ExxonMobil ha recentemen- L’EIA ha stimato che la Cina avrebbe a disposizione 36.103 miliardi di metri cubi di gas di scisto tecnicamente recuperabili. Il bacino del Sichuan, situato nella zona centro meridionale della Cina, si estende su un’ 8
  9. 9. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 te stipulato un accordo con l’americana Petrogas per l’esplorazione e la produzione su un’area di 163.500 ettari lordi. Questa zona è inoltre in fase di studio e di sviluppo da parte di Shell, Apache, EOG, Total e Wintershall. La più grande compagnia energetica argentina, la YPF, ha trovato shale oil e gas naturale nella provincia di Mendoza, confermando quindi l’estensione del bacino di Vaca Muerta. Risorse energetiche sono state individuate anche nella provincia che confina con le Ande. Nel complesso, in Argentina, dovrebbero esserci risorse per 21.917 miliardi di metri cubi. Canada Il bacino più importante del Paese si chiama British Columbia Horn River Shale e contribuisce cospicuamente alla somma totale di giacimenti, stimati attorno ai 7.079 miliardi di metri cubi. Dal 2008, nove società si sono messe al lavoro nella zona (tra le altre ExxonMobil, Apache, Devon Energy e Encana). Il Canada, però, non ha ancora attivato una rete commerciale di gas di scisto. Encana, una delle più grandi produttrici di energia in Nord America, sarebbe alla ricerca di un solo partner per un sistema di pozzi che includerebbero i giacimenti di Collingwood Shale, Tuscaloosa, Marine Shale, il Mississippi Lime e il Eaglebine Shale negli Stati Uniti. Sudafrica Il sottosuolo sudafricano – in particolare nell’area Karoo Supergroup (KSG) - è riconosciuto dai paleontologi come uno dei giacimenti di fossili più fertili al mondo e, allo stesso modo, sembra rappresentare una delle fonti di shale gas più imponenti. Complessivamente, due terzi della superficie del Sudafrica dovrebbero contenere 13.734 miliardi di metri cubi di shale gas. Fiorenza Bonetti 9
  10. 10. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 Shale: visione comune europea cercasi Orlando «In Italia zero estrazioni» videointervista dell’Unione Europea in Senato sostenuta il 30 ottobre, il vice presidente della Commissione Europea, Antonio Tajani, ha sostenuto che la sua posizione in merito allo shale gas in Europa è «neutrale», chiedendo, al contempo, che vengano effettuati tutti gli studi e le verifiche necessarie, ma «senza pregiudizi». Secondo le stime fornite, l’Europa godrebbe di riserve di gas non convenzionale pari a 13.308 miliardi di metri cubi. Come evidenziato dalla cartina geografica diffusa dal magazine statunitense «Drilling Contractor», 4.190 miliardi del totale è stimato che risiedano nel sottosuolo polacco, ma pressoché tutti i Paesi dell’Unione hanno un potenziale di shale gas e tight gas. Per quanto riguarda il suolo italiano, i giacimenti principali sono concentrati nella Pianura Padana e, in particolare, in Emilia Romagna, Veneto, Lombardia, Lo sfruttamento di risorse energetiche provenienti Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia. dall’estrazione di shale gas, in Europa, vede un atteggiamento fortemente diverso rispetto a quello adotta- Le risposte dei singoli governi to negli Stati Uniti. Sono numerosi, infatti, i movimenti di protesta che, da anni, si oppongono a questa nuova I primi stati ad essersi detti contrari al fracking sono tipologia di energia, oltre ad una posizione che il Par- stati Francia, Bulgaria e Lussemburgo. Per quanto rilamento Europeo ha adottato lo scorso 8 ottobre. La guarda il Paese transalpino, una legge del 13 luglio nuova direttiva sulla valutazione d’impatto ambien- 2011 aveva vietato le pratiche di fracking. La multale votata a Bruxelles - attraverso l’approvazione tinazionale texana Schuepbach Energy aveva, però, degli emendamenti 31 e 79 - evidenzia che il Parla- ricevuto licenze di esplorazione a Nant (Aveyron) e mento europeo è possibilista rispetto all’esplorazio- Villeneuve-de-Berg (Ardèche) e, per questa ragione, ne e allo sfruttamento di gas non convenzionali, che si era appellata al Conseil constitutionnel francese. Lo impiegano la tecnica della «fratturazione idraulica». scorso 11 ottobre, il consiglio costituzionale transalpiLe modifiche apportate alla Direttiva 2011/92/UE no ha respinto la richiesta della multinazionale texarappresentano un’importante introduzione normativa na. La legge del 13 Luglio 2011 che vieta il fracking di monitoraggio, controllo e verifica degli impatti am- in Francia è costituzionale e quindi resta in vigore il bientali per questa tipologia di sviluppo minerario. Il no allo sfruttamento di pozzi di gas e petrolio di sciParlamento Europeo, con 339 voti favorevoli e 293 sti. In Svizzera, Austria e Svezia i progetti sono stati contrari, ha così approvato lo schema della nuova di- sospesi. In Germania, ExxonMobil ha iniziato opere rettiva sulla Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), di trivellazione dal 2008 e ha completato a gennaio che dovrà entrare in vigore entro il 2016. La nuova 2011 quattro insediamenti estrattivi. Inoltre, la multiVIA dovrà essere applicata a circa 200 tipologie di nazionale ha pianificato investimenti per un totale di progetti pubblici e privati, dai ponti alle autostrade, 2 miliardi di dollari per i cinque anni successivi (fino al dai porti alle discariche di rifiuti, fino agli allevamenti 2015). La regione del Nord Reno – Westfalia ha però intensivi di pollame o suini. Ovviamente anche il gas instituito una moratoria su ulteriori impianti estrattivi di scisto dovrà rispondere ai requisiti di tale direttiva, nel marzo del 2011. In Olanda, l’atteggiamento semsia per quanto riguarda l’estrazione che l’esplora- bra essere diverso: la legge dei Paesi Bassi, infatti, zione dei cosiddetti «idrocarburi non convenzionali». definisce che i pozzi di trivellazione sono – per Ora il provvedimento dovrà essere oggetto di nego- definizione – non temporanei e che, quindi, ziati con Consiglio e Commissione UE. Inoltre, nell’au- in caso di accertamento della presenza dizione delle Commissioni riunite Industria e Politiche di shale gas, l’intenzione è quella di 10
  11. 11. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 estrarlo. Questa sentenza crea un precedente contro la società britannica Cuadrilla, minando le certezze delle attività della multinazionale, in quanto, togliendo la possibilità di usufruire di piani temporanei, è sotto scacco l’effettuazione di test. In Gran Bretagna, invece, è stata ufficializzata lo scorso 22 ottobre una partnership tra Dart Energy e GDF Suez per l’esplorazione delle regioni dello Cheshire e dell’East Midlands e che dovrebbe essere chiusa entro la fine del 2013. Nell’immagine, la zona del Regno Unito interessata dai giacimenti. In Irlanda, nel gennaio del 2012, i consigli delle regioni di Leitrim, Donegal, Sligo, Roscommon e Clare hanno votato all’unanimità per vietare l’attività di «fracking». Anche nell’Irlanda del Nord, il consiglio della regione di Fermanagh ha votato le attività perforative. Polonia e Ucraina risultano invece i due stati che stanno attuando la più massiccia operazione di studio e sfruttamento dei giacimenti di shale gas. Il governo polacco, infatti, vede nel gas di scisto la possibilità di ridurre la propria dipendenza energetica dalla Russia, al punto che il primo ministro Donald Tusk ha affermato che entro il 2035 la nazione dovrà diventare autosufficiente nella produzione di gas naturale. È proprio la Polonia a detenere, secondo le stime, i maggiori giacimenti di shale gas del Vecchio Continente, pari a 4.190 miliardi di metri cubi. I test 12 nel sottosuolo polacco sono iniziati nel 2007 e nel settembre del 2011 sono state 101 le esplorazioni effettuate. ExxonMobil ha sei licenze e si sta programmando un secondo test vicino a Siennica, mentre la società statale PGNiG ha ottenuto 15 concessioni, attuando, nel 2012, sei test. In Ucraina, la prima esplorazione diretta alla ricerca di shale gas è stata condotta dalla Royal Dutch Shell nel settembre del 2011. La società pubblica Naftogaz ha, inoltre, sottoscritto un accordo preliminare con ExxonMobil sull’esplorazione di riserve di shale gas. Il ministro ucraino Yuriy Boyko ha, inoltre, dichiarato che le esportazioni di shale gas potranno essere possibili nei prossimi 7-10 anni. Il 30 ottobre scorso, il presidente della Repubblica di Kiev, Viktor Yanukovich, e l’Amministratore Delegato di Eni, Paolo Scaroni, si sono incontrati per fare il punto sui progetti di Eni nel Paese. Durante l’incontro, Paolo Scaroni ha confermato al Presidente della Repubblica dell’Ucraina il suo interesse a sviluppare le attività nel Paese. Eni, presente in Ucraina dal 2011, possiede il 50,01% e l’operatorship nella compagnia ucraina LLC WSTGASINVEST, che detiene i diritti su 9 blocchi per l’esplorazione e sviluppo di gas non convenzionale situati nel bacino del Lviv, nella parte occidentale del Paese in prossimità del confine con la Polonia. Il bacino del Lviv è considerato una delle aree a più elevato potenziale d’Euro-
  12. 12. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 pa per l’esplorazione di gas non convenzionale. Eni detiene nel Paese partecipazioni anche in due licenze di esplorazione e sviluppo, Zagoryanska e Pokroskoe, situate nel bacino del Dniepr-Doneyz. E l’Italia? Flavio Zanonato, a Bruxelles, che avevano scatenato non poche reazioni. Il Mise ha così specificato che «come stabilito dalla Strategia Energetica Nazionale, il suo sfruttamento non è mai stato preso in considerazione». Il ministro ha, inoltre, dichiarato la necessità di rilanciare la produzione nazionale di oil&gas tradizionale, avendo comunque il ministero recentemente ridotto e meglio definito le aree marine di possibile estrazione. È, invece, chiara e netta la posizione assunta dal Ministro dell’Ambiente, Andrea Orlando, in un’intervista concessa in esclusiva ai microfoni di Siderweb, il quale ha assunto una posizione contraria e irrevocabile rispetto alla pianificazione di bacini di estrazione di gas non convenzionale. Nel nostro Paese, l’opportunità di estrarre shale gas non è stata affrontata per lungo tempo. Sono state numerose e diverse le opinioni espresse negli ultimi mesi dalle diverse figure istituzionali, senza che queste portassero a definire una reale strategia o posizione tricolore. Un punto di ancoraggio è stato invece fissato negli ultimi giorni, con un allineamento di pensiero rivolto ad un «no». È stato l’ufficio stampa del Fiorenza Bonetti Mise, lo scorso 6 novembre a precisare che l’Italia non ha alcuna intenzione di produrre gas di scisto. Precisazioni che si sono rese necessarie a seguito di Clicca sull’immagine sottostante per vedere l’intervista dichiarazioni del ministro per lo Sviluppo Economico, esclusiva al ministro Orlando di Stefano Ferrari. 13
  13. 13. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 Shale Gas: un doppio affare per l’acciaio Maggior domanda di materiale e minori costi energetici. Il sogno per ogni produttore siderurgico, che oggi si trova nella situazione opposta. Un paradiso però che sembra essere per pochi eletti, sia come prodotti che come localizzazione geografica. Stiamo parlando del fenomeno shale gas, che rappresenta un doppio business per l’acciaio. Dopo aver letto le pagine preliminari di questo report, il meccanismo e le nozioni generali su origine, natura e tecniche estrattive dovrebbero essere abbastanza chiare. Ciò che tenteremo di capire in questa parte dello speciale saranno invece gli impatti sul settore acciaio di questa nuova fonte di approvvigionamento energetico non convenzionale. I numeri dell’acciaio nello shale gas Per capire meglio gli impatti sulla domanda di acciaio entriamo subito snocciolando un po’ di numeri. Quanto e quale acciaio viene utilizzato per la realizzazione dei pozzi di estrazione? A queste domande ha risposto il presidente e ceo della divisione Tmko Ipsco in Illinois Vicki Avril, spiegando che «l’incremento nella domanda di tubi per pozzo è dovuta al continuo sviluppo delle nuove tecniche di perforazione orizzontale che necessita di sezioni più lunghe, facendo levitare il consumo medio annuo di OTCG (Oil Country Tubular Goods) da 3.000 a 4.200 tonnellate per pozzo». Ai tubi però si dovranno aggiungere anche gli elementi strutturali necessari a realizzare la torre di perforazione, i cui volumi però risultano minimi rispetto ai chilometri di tubi necessari per il pozzo. Saputo il tonnellaggio per pozzo, ora basta una semplice moltiplicazione aritmetica per capire l’impatto in termini di domanda complessiva, dopo aver appreso il numero di pozzi attivi. In America, a settembre, ultimo dato disponibile che comprende anche gli impianti petroliferi in negli Stati Uniti e Canada, sono attivi 2.586 pozzi, dei quali circa il 45% deputato a shale gas, in calo di 160 unità rispetto a settembre 2012, anche se le aree estrattive per lo shale risultano tutte in crescita. Il che ben spiega come dal 2009 al 2011 il consumo di tubi e tubolari abbia subito in America un’impennata da 3,9 milioni di tonnellate a 7,3 milioni di tonnellate e nei pozzi attualmente attivi sono presenti quasi 11 milioni di tonnellate di tubi OTCG in acciaio. Nel 2012, in accordo con i dati diffusi dal Metal Bullettin, circa il 42% del consumo globale di OTCG è ad appannaggio dei paesi del Nafta, e solo il 23% per la Cina. Il consumo americano si è però spostato sulle qualità più pregiate di materiale, proprio per dare risposta alla necessità di materiali resistenti a pressione e corrosione, necessari per perforazioni e soprattutto per il fracking delle argille. Attualmente l’American Petroleum Institute ha innalzato la qualità minima di materiale utilizzabile nei tubi saldati OCTG X65, quindi incrementando la resistenza minima richiesta al materiale per questo utilizzo ad una resistenza alla pressione di 65.300 psi. Nel panorama complessivo delle varie qualità di materiale comunque quello utilizzato per i pozzi estrattivi di shale rappresenta all’incirca il 25% del tonnellaggio totale di prodotti scambiati nel 2012. Tra le sfide che i prodotti devono affrontare per questo impiego ci sono innanzitutto le dimensioni che non possono superare i 3/8”, seguite dalla profondità che comparta la necessità di una altissima resistenza delle giunzioni e infine alla corrosione che porta le qualità verso i livelli più alti di gamma. Fonte: Presentazione Tenaris del webinar Worl Oil 2013 15
  14. 14. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 Le prospettive per il mercato 2013 sono comunque per una sostanziale stabilità di prezzo e tempi di consegna, con un leggero incremento per i prodotti a maggior specializzazione. Non solo tubi e non solo carbonio Flange, raccordi e forgiati. Non ci sono, infatti, solo tubi e laminati nel business d’acciaio dei pozzi di shale gas, ma anche prodotti più sofisticati e delicati. Prodotti per i quali le grandi aziende produttrici di tubi hanno deciso persino di implementare le proprie divisioni ricerca e sviluppo, in maniera da realizzare dei materiali e tecnologie dedicate ad affrontare le diverse necessità delle grandi aziende estrattrici impegnate nella corsa all’«oro energetico». Infatti, proprio le giunzioni tra un tubo e l’altro rappresentavano una delle difficoltà riscontrate nelle prime trivellazioni dello shale negli anni 2000 a causa sia della grande pressione necessaria per il fracking, sia per le componenti chimiche dissolte nell’acqua utilizzata nel processo che necessariamente innescavano reazioni con il metallo. A preoccupare il mercato americano inoltre sono i lunghi tempi di consegna per questa tipologia di materiale, che per le flange e i raccordi saldati possono arrivare anche a 32-44 settimane. In aggiunta, ma solo per le grandi centrali di interscambio che verranno realizzate in un prossimo futuro, ad essere utilizzate vi sono anche alcuni particolari tipologie di questi prodotti realizzati in acciaio inossidabile, anche se al momento i quantitativi sono per lo più trascurabili e poco incisivi sul mercato globale. Nuovi siti produttivi e nuovi investimenti nanze dei nuovi giacimenti, sia per una migliore catena logistica, che per beneficare di questa energia a basso costo non presente altrove. Tra questi anche Tenaris, che entro il 2016 realizzerà un nuovo impianto vicino a Houston, Benteler che entro il 2015 metterà in funzione la fabbrica a Shreveport (Luisiana) e Jubail Saudi Arabia il cui impianto dovrebbe entrare in funzione nel 2014, la cui location non è però stata resa nota. Inoltre le varie testate economiche americane hanno rimarcato un crescente fenomeno di reindustrializzazione degli Stati Uniti, con molte multinazionali che avevano delocalizzato in precedenza, pronte a tornare in patria in virtù dei mutati costi produttivi e della migliore manodopera rispetto a quella asiatica. A far gola è infine il maxi investimento per gasdotti e per centrali di stoccaggio del gas da fonti non convenzionali, che dovrebbero entrare in funzione entro il 2030, anno in cui gli Stati Uniti puntano ad entrare a far parte dei maggiori esportatori internazionali di gas. L’ammontare complessivo degli investimenti stanziati finora oscilla tra i 133 e i 210 miliardi di dollari nei prossimi vent’anni, con una media di circa 6/10 miliardi di dollari all’anno. Entro il 2030 dovranno inoltre essere realizzati 17.700 chilometri di nuove linee di gasdotto e la capacita giornaliera di gas processato punta a superare il miliardo di metri cubi. Numeri importanti, che non è escluso possano essere ulteriormente incrementati alla luce della scoperta di nuovi eventuali giacimenti o del miglioramento delle tecniche estrattive. Davide Lorenzini Il titolo scelto per questo articolo parlava di un doppio business per l’acciaio: se il primo riguardava il consumo, il secondo aspetto dell’«affare» shale gas rappresenta l’abbattimento sostanziale dei costi energetici, in grado di rendere ipercompetitiva la produzione americana nei confronti soprattutto di quella europea. In un recente articolo pubblicato dal Wall Street Journal, a firma di John W. Miller, è stato sottolineato come ad esempio Us Steel potrebbe risparmiare in un solo anno 133 milioni di dollari modificando gli impianti per utilizzare il gas naturale al posto del coking coal. Una prospettiva che al momento ha portato anche l’Unione Europea, e la Germania in primis, a valutare la possibilità di concedere aiuti di stato alle industrie energivore europee per non far perdere di competitività all’industria di base del vecchio continente. Clicca qui per scaricare l’elenco aggiornato Un ulteriore elemento è inoltre l’annuncio di numerose redelle concessioni estrattive rilasciate dal altà che hanno deciso di aprire nuovi impianti nelle vicigoverno statunitense. 16
  15. 15. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 The shale revolution: impatti economici globali delle fonti non convenzionali La domanda di energia nei prossimi anni è destinata ad aumentare a ritmi sostenuti, soprattutto da parte dei paesi in via di sviluppo. L’offerta di risorse energetiche tradizionali (petrolio, carbone e gas naturale) avrà difficoltà a soddisfare una domanda in rapida crescita, per cui i prezzi saliranno e si manterranno instabili. I giacimenti oggi in esercizio si esauriranno di anno in anno, rendendo necessaria la scoperta di nuovi giacimenti con una capacità produttiva equivalente a quattro nuove Arabie Saudite, oppure a dieci nuovi Mari del Nord, cioè pari a circa il 50% di quella oggi installata a livello mondiale. Poiché non sembra che ci siano altre quattro Arabie Saudite ancora da scoprire e da sfruttare in tempi brevi (dieci anni, per l’industria petrolifera sono un tempo brevissimo), non resta che decretare la fine dell’era del petrolio e del gas “convenzionale”, relativamente poco costoso, e investire enormi risorse in giacimenti di difficile accesso e che richiedono tecnologie avanzate di estrazione. Lo sfruttamento dello shale gas e dello shale oil ha preso piede negli Stati Uniti e in pochi anni ha consentito a Washington di togliere alla Russia il primato nella produzione mondiale di gas. Il gas naturale ha così superato il carbone come prima fonte per la produzione di energia elettrica negli Stati Uniti. Inoltre, gli USA sono ora del tutto autosufficienti per quanto riguarda la fornitura di gas ed hanno incominciato ad esportarlo. Anche il petrolio non convenzionale sta emergendo come un’importante risorsa energetica a costo relativamente basso. L’emergere di un grande potenziale di gas e petrolio non convenzionale rappresenta una grande opportunità e una sfida strategica per l’industria dell’oil & gas e per tutti i governi del mondo, in quanto influenzerà le dinamiche geopolitiche connesse da un lato all’aumento dell’indipendenza energetica per molti paesi, dall’altro alla riduzione dell’influenza dell’OPEC. I paesi produttori di petrolio dovranno attentamente valutare il loro attuale portafoglio prodotti ed i progetti futuri rispetto ad uno scenario di prezzi meno favorevole. I previsti minori prezzi del petrolio creeranno dei vantaggi a lungo termine per una vasta gamma di settori che producono beni e offrono servizi utilizzando il petrolio, 17 come la petrolchimica, le materie plastiche, il trasporto aereo e su gomma. Non vanno però sottovalutate le potenziali conseguenze ambientali di un aumento della produzione di gas e petrolio non convenzionale. La fratturazione del sottosuolo incontra ostacoli difficili da superare, in particolare in Europa, dove la sensibilità ambientale è da sempre superiore a quella americana. In ogni caso, la produzione di petrolio e gas non convenzionale, di biocarburanti e benzine sintetiche ottenute dal gas naturale e dal carbone cambierà l’intera geografia economica e politica degli idrocarburi a livello globale. Gli Stati Uniti miglioreranno le condizioni dei loro approvvigionamenti grazie all’impiego di nuove risorse nazionali e alle forniture canadesi. I Paesi europei dovranno rivedere e aggiornare le proprie strategie di sicurezza energetica, integrandole nelle politiche interne ed estere, alla luce del fatto che il baricentro del sistema energetico mondiale si allontanerà dai paesi sviluppati per spostarsi verso quelli emergenti, in particolare dell’Asia. Per effetto di questo spostamento, le compagnie petrolifere private occidentali perderanno terreno sulla scena globale, mentre le compagnie nazionali di molti paesi emergenti, siano essi esportatori o importatori di petrolio, diventeranno via via più attive in ogni parte del mondo. Tra i paesi petroliferi del Golfo Persico e le emergenti potenze economiche asiatiche ci sono ormai rapporti industriali e commerciali sempre più stretti. Lo spostamento del centro di gravità del sistema energetico potrebbe portare ad altri cambiamenti, ad esempio per quanto riguarda la formazione dei prezzi e soprattutto l’impiego di nuove unità di conto e altre monete, per la progressiva sostituzione del dollaro tanto come unità per la quotazione dei prezzi del petrolio, del gas e del carbone, quanto come moneta principale del mercato stesso. La fratturazione del suolo, insomma, non porterà solo a nuove fonti energetiche, ma, forse, anche alla fratturazione dell’attuale assetto energetico e geopolitico globale. Gianfranco Tosini
  16. 16. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 18
  17. 17. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 Fracking: quali i rischi? L’acceso dibattito – spesso sfociato in vere e proprie proteste – che, soprattutto in Europa, accompagna il fracking si fonda su una serie di possibili rischi, tanto per l’ambiente quanto per l’uomo, che andiamo a descrivere. Rischio sismico Il primo rischio è di tipo «strutturale». La fratturazione del sottosuolo – che avviene, come già descritto, attraverso una trivella che, a seguito del tradizionale movimento verticale, devia in orizzontale in direzione del giacimento roccioso e, una volta raggiunto, inserisce dell’esplosivo nel canale che permette la creazione di grosse fessure, nelle quali vengono pompate grandi quantità di acqua, sabbia e agenti chimici che «liberano» il gas – può renderlo instabile. Lo «sconquasso» inferto nel terreno potrebbe essere causa di terremoti. Lo sostiene, tra gli altri, il sismologo Won–Young Kim, ricercatore presso il Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University. Il suo studio si fonda su tale assunto: da quando, nel 1776, sono iniziate le registrazioni dei movimenti sismici nella città di Youngstown, nell’Ohio, non è stato segnalato alcun terremoto, fino a quando, nel 19 2010, il sito estrattivo di Northstar nella vicina Pennsylvania, è entrato in funzione. Da allora, e per i successivi 12 mesi, i sismometri hanno registrato 109 terremoti e, il più potente ha raggiunto una magnitudo del 3.9 della scala Richter. Il dottor Won–Young Kim ha affermato in merito: «Negli ultimi anni, è stata registrato un incremento di fratturazione idraulica e del relativo fluido di scarto nel sottosuolo statunitense. I terremoti sono stati innescati da queste iniezioni di fluido in un pozzo a Youngstown dal gennaio del 2011 al febbraio 2012. Abbiamo riscontrato che l’insorgenza di terremoti era legata all’attività nel sito Northstar. I terremoti, infatti, avevano il proprio epicentro in faglie sotterranee e vicine al pozzo di iniezione». I sismologi della Columbia University hanno, pertanto, trovato che l’insorgere – esattamente come il placarsi – dell’attività sismica era strettamente legato all’operosità del sito Northstar 1. Il primo terremoto registrato nella città avvenne 13 giorni dopo l’inizio del fracking, e l’attività sismica si è interrotta a seguito della chiusura del pozzo nel 2011 da parte del Dipartimento delle Risorse Naturali dell’Ohio. Inoltre, diminuzioni di attività sismica si sono registrate in occasione del Memorial Day, il 4 luglio, nel giorno della festa del Lavoro e in occasione delle va-
  18. 18. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 canze del Ringraziamento, date che coincidevano con le fermate lavorative al pozzo. All’indomani della chiusura di Northstar 1, Youngstown non è stata interessata da ulteriori fenomeni sismici. Rischio idrico Il processo di fracking idraulico richiede l’impiego di ingenti quantità di acqua dolce alle quali vengono aggiunte anche sostanze chimiche che aiutano ad aprire le fessure nelle rocce per far fuoriuscire il gas. Da queste due caratteristiche derivano i due più grandi rischi: impiego eccessivo di acqua – in un contesto di progressiva diminuzione di bacini di acque dolci a livello mondiale – e inquinamento di falde acquifere. Per ogni singolo pozzo, secondo le stime raccolte in un rapporto dell’US Department of Energy del 2009, vengono impiegati 15,2 milioni di litri di acqua per la fase di fratturazione, con ulteriori 320 mila litri per le operazioni di perforazione. Il pericolo, quindi, è che – vista la densità di pozzi necessari per l’estrazione – si vada a peggiorare un quadro già problematico rispetto al fabbisogno idrico della popolazione mondiale. L’altro rischio deriva dalle sostanze chimiche che vengono inserite nell’acqua da pompare nelle fessure create nelle rocce. Il liquido impiegato è formato per il 99,5% da acqua e sabbia e, il restante 0,5% è composto da un mix di fluidi chimici che può essere pericoloso per la salute. Tra questi compaiono: nelle viscere della terra, la trivella può incrociare vene d’acqua dolce che, a loro volta, possono entrare in contatto con i fanghi di trivellazione, col fluido usato per il fracking e con lo stesso gas naturale. È frequente, negli ultimi tempi, vedere dei video pubblicati in rete da cittadini americani che, avvicinando accendini o fiammiferi all’acqua dei propri rubinetti, la vedano prendere fuoco (clicca qui per vedere un esempio del fenomeno). Ciò può avvenire a causa di metano che, liberato dalle rocce, si insinua sino a raggiungere le falde e, da lì, la rete di distribuzione domestica. Le aziende che operano nell’estrazione di shale gas hanno risposto che i giacimenti si trovano molto al di sotto delle falde acquifere utilizzate dall’uomo e anche il potenziale rischio di perdite nelle porzioni più superficiali dei pozzi è improbabile poiché i pozzi sono completamente rivestiti di cemento (casing, ndr). Inoltre, secondo quanto appreso, pare che il fluido iniet• Metanolo (alcol metilico) tato nei pozzi ritorni in superficie per circa l’80% come acqua di riflusso che viene poi raccolta in appositi siti in • Isopropanolo (alcool isopropilico, propan-2-olo) attesa di smaltimento (che generalmente avviene tramite lo stoccaggio definitivo in pozzi nel sottosuolo). Il restante • Silice cristallina - quarzo (SiO2) 20% di quest’acqua rimane nel sottosuolo, con possibili, quanto, ad oggi, incalcolabili ricadute ambientali. • Butilglicole (2-butossietanolo) Un report datato aprile 2011, e redatto dalla HOUSE OF REPRESENTATIVES COMMITTEE ON ENERGY AND • Glicole etilenico COMMERCE degli Stati Uniti, e dal titolo «Chemical used in hydraulic fracturing» afferma che tra il 2005 e il 2009, • Distillati di petrolio idrotrattati le 14 società estrattive all’opera sul suolo statunitense hanno impiegato più di 2.500 prodotti per il processo • Idrossido di sodio di fracking idraulico, contenenti 750 sostanze chimiche. Complessivamente, sono stati impiegati circa 3 miliardi di Non tutti questi elementi possono risultare dannosi o can- litri di prodotti per il fracking. Gli elementi utilizzati sono cerogeni per la specie umana, anche se permane il rischio una vasta gamma di prodotti chimici, dei quali alcuni sono che, durante le operazioni di trivellazione e di estrazione sostanzialmente innocui (cloruro di sodio, gelatina e acido del gas, avvenga la contaminazione delle falde acquife- citrico). Altri potrebbero rappresentare, invece, una re, sia superficiali che profonde. Durante la sua discesa minaccia per la salute. A seguito riportia- 21
  19. 19. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 mo una tabella che riassume i componenti chimici iniettati nel periodo di tempo studiato. La sigla HAP significa Hazardous Air Pollutants (pericolosi inquinanti atmosferici), mentre quella SDWA sintetizza l’espressione Safe Drinking Water Act Chemicals (acqua potabile a rischio per agenti chimici). Ha bisogno, invece, di poche spiegazioni la categoria Carcinogen: cancerogeno. alle estrazioni di gas convenzionale. Si tratta della pratica del flaring: si tratta, cioè, di bruciare il gas fuoriuscito dal pozzo – a canna libera e senza filtri - con l’intento di far esaurire i picchi di pressione ed evitare esplosioni. Secondo i dati della Banca Mondiale, riportati dall’agenzia Reuters, a causa del boom di estrazioni di shale gas negli USA, le emissioni legate al flaring sono incrementate del 4,5% nel 2011 rispetto al 2010. Concetto, sostanzialmente, confermato anche dal CEO di ExxonMobil, Rex Tillerson, il quale ha affermato in merito che «chiaramenRischi climatici te ci sarà un impatto». Come accennato in precedenza, dal canale scavato è È, altresì, bene sottolineare che, se lo shale gas divenpossibile che fuoriesca gas metano, ritenuto potenziale tasse il combustibile eletto a sostituire il carbone, si regicausa di surriscaldamento globale decine di volte più for- strerebbe un impatto positivo sulle emissioni di anidride te rispetto all’anidride carbonica. carbonica. Fiorenza Bonetti Inoltre, è presente un problema – comune, però, anche 22
  20. 20. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 Euforia da gas La crisi vista dagli Stati Uniti è completamente diversa rispetto a quanto si vive in Europa. Laddove nel vecchio continente s’inseguono quegli annunci sulla fine della crisi, che nessuno effettivamente vede o percepisce (meno male che esistono ancora gli ottimisti) in Nord America ci sono gli elementi per crederci. Gli americani sono «autorizzati» a credere a un importante rallentamento della congiuntura negativa, con assorbimento della disoccupazione, (che poi rappresenta il cuore della ripresa economica grazie alla sua capacità di spesa) perché hanno attivato dal marzo 2011 politiche di reshoring (rientro in patria d’imprese precedentemente de localizzate) e per la ridotta dipendenza dal petrolio importato. Sono due dati di fatto che permettono di sperare in un futuro migliore. La stampa italiana, quella economica, facendo i conti, ha affermato che l’industria automobilistica nazionale è tornata al 1958 per numero d’auto prodotte. Ragionandoci sopra, la differenza tra gli anni Cinquanta e Sessanta italiani, rispetto ad oggi, non risiede solo nel mutato potere d’acquisto. Ora siamo decisamente più ricchi di tutto, a dispetto delle fredde statistiche, ma ci sentiamo anche più arrabbiati, delusi, distaccati dal sociale e poco costruttivi quando, 40 anni fa, con le pezze al sedere e in bicicletta, o alla guida di una 500 Fiat, avevamo una marcia in più: la fiducia. È possibile uscire dalla crisi sfiduciati? Forse, ma non ci sono al momento esperienze tali di poter risollevare dei depressi, se non caricati con un nuovo spirito d’avventura grazie ad amori nuovi o rigenerati, quindi al lavoro o per studi da intraprendere e nuove esperienze di ricerca. Tutto questo negli Usa c’è perché lo shale gas consente di “gasare” la ripresa (reale o fittizia che sia) suggerendo fiducia. In effetti, sul piano personale, guidando a cavallo tra diversi stati, in Nord America, con entusiasmo cerco pompe di benzina per carburanti alternativi (come 3 anni fa per quella verde, d’origine vegetale, che costava appena poco meno di quella importata) ma non ne trovo! Immagino che il gas estratto sia convogliato nei metanodotti a vantaggio dell’industria. Resta comune a tutti gli americani il mito dell’autosufficienza energetica in grado d’aprire un discorso nuovo: cosa fare con i soldi risparmiati? Nessun commentatore politico è riuscito, sino ad ora, a inquadrare il braccio di ferro tra repubblicani e democratici al congresso sul bilancio pubblico anche in quest’ottica. Sta per aprirsi in chiaro un nuovo interrogativo: i miliardi di dollari risparmiati dall’import di petrolio, dove investirli? Nella sanità, scuola, case, ricostruendo il paese in un nuovo progetto urbanistico come già fu il New Deal degli anni Trenta, oppure in una nuova generazione di reattori nucleari seguendo l’esempio della Gran Bretagna di questi giorni? Comunque sia, sarà la scelta degli americani, quando gli europei non hanno scelte, ma solo proclami. In Europa è la politica fiscale «il motore» dell’economia nel tentativo di quadrare i conti. Ovvero, farsi restituire dai cittadini quote di ricchezza eccessivamente goduta negli anni passati. È come dire: abbiamo esagerato e ora torniamo indietro. In effetti la revisione degli stili di vita, in termini più austeri è sicuramente un atto di saggezza, ma non è sufficiente per uscire dalla crisi, al massimo è appena sufficiente per gestirla. Gli americani ci insegnano, ancora una volta, che per superare un lungo periodo di stagnazione servono investimenti, energia, industria, posti di lavoro, ricerca & sviluppo, idee, aziende non vincolate dal gruppo familiare, nuova tecnologia. Grazie America per averci ricordato l’ovvio, che in Europa si tende a dimenticare: wake up Europa! Giovanni Carlini 23
  21. 21. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 Shale oil: la nuova frontiera per i Rockefeller del XXI° secolo Le rocce scistose non conservano solo un tesoro, il gas, ma anche un «gemello» meno abbondante ma preziosissimo: il petrolio. Parallelamente allo sfruttamento di shale gas, infatti, negli USA si è sviluppata una fiorente industria di estrazione di petrolio di scisto. Da 111.000 barili al giorno nel 2004, la produzione statunitense di shale oil è salita a 550.000 barili nel 2012, facendo scendere l’import americano di petrolio al livello più basso degli ultimi 25 anni e con una previsione di un ulteriore -20% entro il 2025. Attualmente non ci sono ancora degli scenari certi sul futuro dell’industria americana dello shale oil: l’Energy Information Administration (EIA) stima che la produzione di shale oil rallenterà nei prossimi anni, prima salendo a 2 milioni di barili al giorno, poi scendendo a 1,2 milioni di barili nel 2035, pari al 12% della produzione totale di petrolio. Questo outlook, però, si scontra con alcune proiezioni degli esperti del mercato, che prevedono che la produzione di shale oil negli Stati Uniti arriverà a 3-4 milioni di barili al giorno nel 2035. Nel medio termine il maggior contributo alla crescita 24 della produzione di petrolio americana, comunque, verrà dallo shale oil, mentre la quota della produzione di petrolio convenzionale rimarrà stabile. Nel lungo periodo, si stima che lo shale oil potrebbe sostituire il 35%-40% delle importazioni di petrolio degli Stati Uniti, con un impatto rilevante sul prezzo del greggio. A livello mondiale, la produzione di petrolio non convenzionale potrebbe raggiungere i 14 milioni di barili al giorno nel 2035, pari al 12% della produzione globale, contribuendo a ridurre di circa il 25%-40% il prezzo al barile rispetto al 2012 e ad aumentare di 2,5-3,5 punti percentuali il PIL mondiale. A trarre il maggior vantaggio da questa situazione saranno i paesi importatori di petrolio, come India, Cina e Giappone, mentre i paesi esportatori di petrolio, come Russia e Medio Oriente in particolare, registreranno un significativo peggioramento della bilancia commerciale e una riduzione del PIL nel lungo termine se non riusciranno a sfruttare le loro riserve di petrolio non convenzionale. Stefano Ferrari
  22. 22. SPECIALE Shale Gas Novembre 2013 Glossario Proponiamo infine un breve glossario per capire meglio i termini più tecnici utilizzati nei testi. combustione del gas (senza recupero energetico) che genera una fiamma sopra le torri petrolifere. Il gas in eccesso estratto Casing: pratica volta a insieme al petrolio, viene sigillare le fuoriuscite di quindi bruciato perché rigas dal foro estrattiva. sulterebbe troppo costoGeneralmente, il foro vie- so costruire infrastrutture ne rivestito di tubi in ac- adeguate per trasportarciaio cementati alla roc- lo nei luoghi di consumo. cia, pratica che riduce il diametro del pozzo. New Deal: letteralmente significa «nuovo corso». Fracking (fratturazione Con questa terminologia, idraulica): lo sfruttamen- però, s’intende il piano di to della pressione di un riforme economiche e sofluido, in genere acqua, ciali promosse dal presiper creare e poi propa- dente americano Franklin gare una frattura in uno Delano Roosevelt fra il strato roccioso. La frattu- 1933 e il 1937, allo scorazione, detta in inglese po di risollevare il Paese frack job, viene eseguita dalla grande depressiodopo una trivellazione ne che aveva travolto gli entro una formazione di USA a partire dal 1929. roccia contenente idrocarburi, per aumentarne OCTG (Oil Country Tubula permeabilità al fine di lar Goods): tubi destinati migliorare la produzione all’industria petrolifera, del petrolio o del gas da tra i quali compaiono aste argille contenuti nel gia- di perforazione, involucri cimento e incrementarne di tubi, tubi per l’olio. il tasso di recupero. Olio di scisto (shale oil): Gas flaring: è una pratica greggio estratto da giadegli impianti industriali cimenti non convenzionali. petroliferi, chimici e di gas naturale, nonché nei siti OPEC (Organization of di produzione di petrolio the Petroleum Exporting o di gas che hanno pozzi Countries): l’Organizzadi petrolio, pozzi di gas, zione dei Paesi esportaimpianti di perforazione tori di petrolio, fondata offshore consistente nella nel 1960, comprende 25 attualmente dodici Paesi che si sono associati, formando un cartello economico, per negoziare con le compagnie petrolifere aspetti relativi alla produzione di petrolio, prezzi e concessioni. OPERATORSHIP: nell’industria petrolifera, rappresenta il diritto di gestire un pozzo o un giacimento. Reshoring: la traduzione letterale è «rimpatrio», ma, in contesto economico, significa rilocalizzazione della produzione in patria. Scisto bitumoso: gli scisti bituminosi sono sedimenti di colore nero estremamente ricchi di bitume derivante dall’alto contenuto in sostanze organiche. A partire dal 2002 l’OGJ (Oil and Gas Journal) li annovera tra le riserve petrolifere. È infatti possibile estrarvi bitume da cui è poi possibile ottenere petrolio. Shale (scisto): indica una roccia metamorfica a grana medio-grossa caratterizzata da una tessitura scistosa abbastanza marcata, cioè tendente a sfaldarsi facilmente in lastre sottili. Lo scisto è il risultato della trasformazione di argilla sottoposta ad alte pressioni e temperature nella quale i cristalli micacei (che rappresentano generalmente circa il 50% dello scisto) si ordinano in una direzione precisa creando delle falde dette appunto piani di scistosità. Shale gas (gas di scisto): gas metano estratto da giacimenti non convenzionali. Il termine viene comunemente usato per indicare il particolare tipo di giacimento non convenzionale da cui viene prodotto questo gas, intrappolato nella microporosità della roccia. VIA (Valutazione di impatto ambientale): è una procedura amministrativa di supporto per l’autorità decisionale finalizzata a individuare, descrivere e valutare gli impatti ambientali prodotti dall’attuazione di un determinato progetto.

×