Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
SENTENZA
sul ricorso 6390-2013 proposto da:
FIORDILINO ROSA FRDRS053L55C130U, n.q. di tutrice del Sig.
Calabrò Gioacchino,...
PORTOGHESI 12, presso l'AVVOCATURA GENERALE DELLO
STATO, che lo rappresenta e difende ope legis;
- resistente -
avverso il...
All'adunanza camerale del 16 maggio 2014 è stata
disposta rinotifica all'avvocatura generale.
L'ordinanza è stata ripetuta...
pretestuosità e manifesta infondatezza delle difese
svolte".
Trattandosi di una pronuncia resa in sentenza, doveva
essere ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Cass. 7196 2016 contro ricorso 170: Motivazione di diniego di impugnativa della revoca del gratuito patrocinio

Civile Sent. Sez. 6 Num. 7191 Anno 2016
Presidente: PETITTI STEFANO
Relatore: D'ASCOLA PASQUALE
Data pubblicazione: 13/04/2016

Motivazione di diniego di impugnativa della revoca del gratuito patrocinio: Trattandosi di una pronuncia resa in sentenza, doveva essere impugnata con il rimedio ordinario
dell'appello, senza che si potesse configurare la proposizione di un separato ricorso ex art. 99 - 170 TU spese di giustizia n. 115 del 2002.

  • Login to see the comments

  • Be the first to like this

Cass. 7196 2016 contro ricorso 170: Motivazione di diniego di impugnativa della revoca del gratuito patrocinio

  1. 1. SENTENZA sul ricorso 6390-2013 proposto da: FIORDILINO ROSA FRDRS053L55C130U, n.q. di tutrice del Sig. Calabrò Gioacchino, elettivamente domiciliata in RONLk, VIA OSLAVIA 28, presso io studio dell'avvocato FABIO FEDERICO, rappresentata e difesa dall'avvocato GERVASI NICOLO' giusta procura a margine del ricorso; - ricorrente - è contro MINISTERO DELLA GIUSTIZIA 8018440587, in persona del Ministro pro tempore, elettivamente domiciliata in RONIA, VIA DEI Civile Sent. Sez. 6 Num. 7191 Anno 2016 Presidente: PETITTI STEFANO Relatore: D'ASCOLA PASQUALE Data pubblicazione: 13/04/2016 CortediCassazione-copianonufficiale
  2. 2. PORTOGHESI 12, presso l'AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende ope legis; - resistente - avverso il provvedimento n. 888/2012 R.V.G. del TRIBUNALE di TRAPANI, depositato il 05/02/2013; udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del 18/11/2015 dal Consigliere Relatore Dott. PASQUALE D'ASCOLA; udito l'Avvocato Nicolò Gervasi difensore della ricorrente che ha chiesto l'accoglimento del ricorso con liquidazione delle spese. Svolgimento del processo La ricorrente rappresentante giudizio era convenuta, del coautore di un quale legale omicidio, in un promosso daidi risarcimento danni superstiti di vittima della mafia. Ha subito provvedimento di revoca del gratuito patrocinio per avere resistito con colpa grave. Ha proposto opposizione ex art. 170 TU spese di giustizia, respinta dal tribunale di Trapani, che ha rigettato il ricorso della istante con provvedimento del Presidente, qui impugnato, reso il 5 febbraio 2013. Il ricorso, proposto contro il Ministero della Giustizia, è stato notificato all'avvocatura distrettuale dello Stato. 0"s Ric. 2013 n. 06390 sez. M2 - ud. 18-11-2015 -2- CortediCassazione-copianonufficiale
  3. 3. All'adunanza camerale del 16 maggio 2014 è stata disposta rinotifica all'avvocatura generale. L'ordinanza è stata ripetuta (provvedimento n. 10410/15), a causa di mancata comunicazione della precedente, all'adunanza del 17 febbraio 2015. Eseguita la notificazione del ricorso, il Ministero intimato ha depositato atto di costituzione per la partecipazione alla discussione orale. Motivi della decisione Il ricorso è inammissibile, dovendosi rilevare d'ufficio che è stato erroneamente proposta l'opposizione ex art. 170 Tu cit. Risulta infatti dall'esposizione di cui al ricorso e dagli atti allegati che la revoca dell'ammissione al gratuito patrocinio è stata adottata con la sentenza che ha deciso la causa risarcitoria e non con un provvedimento interinale. Dalla sentenza n. 601 del 2012 del tribunale di Trapani emerge che il giudice monocratico con il capo 5 del dispositivo, preceduto da motivazione a pag. 17 e 18 della sentenza, ha ritenuto di disporre la revoca con effetto ex tunc del gratuito patrocinio, avendo ritenuto sussistente colpa grave nel resistere in giudizio "alla luce della Ric. 2013 n. 06390 sez. M2 - ud. 18-11-2015 -3- CortediCassazione-copianonufficiale
  4. 4. pretestuosità e manifesta infondatezza delle difese svolte". Trattandosi di una pronuncia resa in sentenza, doveva essere impugnata con il rimedio ordinario dell'appello, senza che si potesse configurare la proposizione di un separato ricorso ex art. 99 - 170 TU spese di giustizia n. 115 del 2002. Il rilievo fa sì che, pronunciando sul ricorso, lo si debba dichiarare inammissibile per questa ragione che travolge l'ammissibilità del procedimento instaurato. La novità del caso giustifica la compensazione delle spese di lite. E' applicabile il disposto di cui all'art. 1 quater del d.p.r 30 maggio 2002, n. 115, introdotto dal comma 17 dell'art. l della legge n. 228/12. . PQM La Corte, pronunciando sul ricorso, lo dichiara inammissibile. Spese compensate. Dà atto della sussistenza delle condizioni di cui all'art. 1 quater del d.p.r 30 maggio 2002, n. 115, introdotto dal comma 17 dell'art. l della legge n. 228/12 per il versamento di ulteriore importo a titolo di contributo unificato. Così deciso in Roma nella Camera di consiglio della Ric. 2013 n. 06390 sez. M2 - ud. 18-11-2015 CortediCassazione-copianonufficiale

×