Successfully reported this slideshow.
GLI ENTI NON PROFIT  Questi sconosciutiSebastiano Di Diego e Manila Antomarioni
CONTABILITA’ E BILANCIO DEGLI             ENP
Gli Obblighi Contabili                              (art. 20 c.1 D.P.R. 600/73)• In generale, l’art. 20, comma 1, D.P.R. 6...
Gli Obblighi Contabili     Contabilità separata (art. 144 co. 2 D.P.R. 917/1986)Obbligo di tenere la contabilità commercia...
Obblighi contabili e di Bilancio: disciplina generale   Norma                                      Descrizione            ...
Obblighi contabili e di Bilancio: disciplina speciale Onlus        Norma                                    Descrizione   ...
Riepilogo                      Ente                                     Adempimenti contabiliEnte non commerciale puro (no...
I Regimi Contabili fiscalmente previsti          Contabilità Ordinaria                  -   Libro giornale                ...
Il Bilancio degli Enti Non Profit:             obblighi
Bilancio degli ENP: Obblighi  • Per la generalità degli ENP (fiscalmente tali) è obbligatoria la    redazione del rendicon...
Disciplina Tributaria Specifica:                    Complicazione!                                   Art. 14 del D.L. 35/2...
In allegato ai documenti di bilancio:• Rendiconto delle raccolte pubbliche di fondi (entro 4  mesi dalla chiusura dell’ese...
Il Bilancio degli Enti Non Profit:        approfondimenti
Il Bilancio degli Enti Non Profit:                      ObiettivoIl bilancio è il momento attraverso il quale mostrare all...
Perché viene chiesto un bilancio per gli             Enti Non Profit ?• Perché fra le risorse economiche sono previsti:   ...
Linee Guida per il Bilancio degli        Enti Non Profit
Agenzia delle Onlus e obiettivi delle linee guidaL’Agenzia per le Onlus (Agenzia governativa con compiti di vigilanza, pro...
Premessa• E’ pacifico, in dottrina e nella prassi, che il bilancio di esercizio degli enti  non profit non può essere reda...
Obiettivi del documento• Le Linee guida:   – non sono vincolanti   – hanno l’obiettivo di evidenziare:       • una guida g...
Ambito soggettivo• Si fa seguire un elenco non esaustivo dei soggetti interessati aldocumento (ai quali si propone di redi...
Ambito soggettivo9. ONG (Organizzazioni Non Governative) (art. 28, L. 26.02.1987, n. 49);10. Enti di promozione sociale (a...
Il bilancio di esercizio: contenutoI documenti di bilancio, che saranno successivamente illustrati,sono:1.   Stato Patrimo...
Bilancio “di esercizio” e “di missione”• Il Bilancio di esercizio dà conto annualmente:   – della situazione     patrimoni...
Il bilancio di esercizio:                   “enti minori” e società• I soggetti con proventi e ricavi annui inferiori a 25...
STATO PATRIMONIALELinee guida sul bilancio degli enti           non profit
Stato patrimoniale• Lo schema di Stato Patrimoniale individuato per gli enti non profit va  redatto secondo quanto previst...
Stato patrimoniale: Patrimonio netto•   Patrimonio netto:    – il patrimonio libero che è costituito:        • dal risulta...
Stato patrimoniale: caratteristiche• Schema di Stato Patrimoniale proposto:   – non separa il patrimonio dedicato allattiv...
Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
Schemi di bilancio
Stato Patrimoniale per macroclassi: attivo
Stato Patrimoniale per macroclassi: passivo
RENDICONTO GESTIONALE Linee guida sul bilancio degli enti            non profit
Rendiconto gestionale• Documento specifico per gli enti non commerciali.• Scopi del Rendiconto Gestionale:   – rappresenta...
Rendiconto gestionale: le aree gestionaliLe aree gestionali degli enti non profit sono:• attività tipica o di istituto:  a...
Rendiconto gestionale: le aree gestionali• attività accessoria:  attività diversa da quella istituzionale ma complementare...
Rendiconto gestionale• I valori di periodo sono comparati con gli stessi valori del  periodo precedente.• Sono stati previ...
Rendiconto gestionale• Per le aziende “di non piccola dimensione” è stato prescelto il  Rendiconto Gestionale che prevede:...
Rendiconto gestionale• La forma prevista per la rappresentazione dei valori è quella a sezioni  contrapposte (preferita ri...
Conto economico gestionale• Per gli enti che svolgono una rilevante attività produttiva tipica (gestioni ospedaliere,assis...
Rendiconto gestionale        Rendiconto gestionale
Attività tipica o di istitutoSi tratta di attività svolta dallente non profit ai sensi delleindicazioni previste dalla sta...
Attività promozionale e di raccolta fondiSi tratta di attività svolte dallazienda nel tentativo di ottenere contributi ede...
Attività AccessoriaSi tratta di attività diversa da quella istituzionale ma in grado di garantireallazienda non profit ris...
Attività di gestione finanziaria e patrimonialeSi tratta di attività di gestione patrimoniale e finanziaria strumentaliall...
Attività di natura straordinariaSi tratta di attività straordinarie strumentali allattività di istituto.
Attività di supporto generaleSi tratta dellattività di direzione e di conduzione dellazienda chegarantiscono lesistenza de...
RENDICONTO DEGLI INCASSI,  PAGAMENTI E SITUAZIONE      PATRIMONIALELinee guida sul bilancio degli enti           non profit
Rendiconto degli incassi, pagamenti e              situazione patrimoniale• I soggetti con ricavi e proventi inferiori a 2...
Rendiconto degli incassi, pagamenti e         situazione patrimoniale: SEZIONE “A”•   I valori:      – sono confrontati co...
Rendic……………………………..        SEZIONE “A”
Rendic……………………………..               SEZIONE “A”     + subtotale degli incassi delle gestione corrente (A1)               - s...
Rendic……………………………..         SEZIONE “A”           + totale degli incassi (A3) +           - totale dei pagamenti (A6) -   ...
Rendiconto degli incassi, pagamenti e      situazione patrimoniale: SEZIONE “B”• La sezione B del prospetto fornisce le in...
Rendiconto degli incassi, pagamenti e     situazione patrimoniale: SEZIONE “B”• B1- Fondi liquidi:   – rappresentano il sa...
Rendiconto degli incassi, pagamenti e       situazione patrimoniale: SEZIONE “B”• B3- Attività detenute per la gestione de...
Schemi di bilancio            SEZIONE “B”
LA NOTA INTEGRATIVALinee guida sul bilancio degli enti           non profit
La nota integrativa deve indicare:• informazioni generali sullente:   – denominazione,   – data di costituzione,   – princ...
Nota Integrativa•   la composizione delle voci:      – «costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità»,      – «oneri plur...
Nota Integrativa• lelenco delle partecipazioni, possedute direttamente, per tramite di  società fiduciaria o per interpost...
Nota Integrativa• la eventuale procedura di ammortamento seguita;• le ragioni dell’eventuale mancata procedura di ammortam...
Nota Integrativa•   indicazione analitica delle voci del patrimonio netto con specificazione:     – della loro origine,   ...
Nota Integrativa• una stima del valore dei servizi ricevuti a titolo gratuito da persone fisiche  e giuridiche (con esclus...
Nota Integrativa•   il dettaglio degli eventuali compensi e rimborsi spese riconosciuti a favore degli    amministratori, ...
Nota Integrativa• il dettaglio dei costi sostenuti e dei correlati proventi conseguiti per  ciascun “progetto”, con specif...
I CRITERI DI VALUTAZIONELinee guida sul bilancio degli enti           non profit
I criteri di valutazione• Le valutazioni non possono fare completo riferimento ai principi  contabili delle imprese, data ...
I criteri di valutazione per informare                      correttamente• I criteri di valutazioni sono basati su una div...
I criteri di valutazione:                          il Patrimonio Netto•   Patrimonio come “fondo di scopo”, cioè destinato...
I criteri di valutazione:                 le immobilizzazioni materiali• Occorre riferirsi principalmente ai beni immobili...
LA RELAZIONE DI MISSIONE Linee guida sul bilancio degli enti            non profit
Relazione di missione• La Relazione di missione ha la funzione di integrare gli altri  documenti di bilancio per garantire...
Relazione di missione• La Relazione di missione deve fornire informazioni rispetto a  tre ambiti principali:1. missione e ...
Relazione di missioneDevono essere puntualmente individuate:• le finalità istituzionali, che esprimono la ragion dessere d...
Relazione di missione•    Nellesplicitare la missione dovrebbero inoltre essere messi in rilievo:    – i soggetti primaria...
GRAZIE PER L’ATTENZIONE
Per eventuali quesiti o informazioni:•   Dott. Sebastiano Di Diego, dottore commercialista e professore a contratto in    ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Contabilità e bilancio enti non profit

34,379 views

Published on

Published in: Business

Contabilità e bilancio enti non profit

  1. 1. GLI ENTI NON PROFIT Questi sconosciutiSebastiano Di Diego e Manila Antomarioni
  2. 2. CONTABILITA’ E BILANCIO DEGLI ENP
  3. 3. Gli Obblighi Contabili (art. 20 c.1 D.P.R. 600/73)• In generale, l’art. 20, comma 1, D.P.R. 600/73, prevede l’obbligo delle scritture contabili solo per le attività commerciali eventualmente esercitate . Obbligo delle scritture contabili? Solo se l’ente svolge un’attività commerciale 1. l’associazione che non esercita attività commerciale non deve tenere alcuna contabilità fiscale, anche in presenza di redditi quali quelli fondiari, di capitale o diversi; 2. lo svolgimento di attività commerciale occasionale non comporta alcun obbligo contabile.
  4. 4. Gli Obblighi Contabili Contabilità separata (art. 144 co. 2 D.P.R. 917/1986)Obbligo di tenere la contabilità commerciale separata da quella istituzionale attraverso: Predisposizione di due sistemi contabili distinti per l’attività commerciale e per l’attività istituzionale oppure Predisposizione di un sistema contabile unico con adozione di un piano dei conti con specifici sottoconti distinti per l’attività commerciale e istituzionale.
  5. 5. Obblighi contabili e di Bilancio: disciplina generale Norma Descrizione ApplicabilitàArt. 20 C.c. L’assemblea delle associazioni deve essere convocata dagli Generalità degli enti non profit, amministratori una volta all’anno per l’approvazione del bilancio ad eccezione delle fondazioni, in cui l’approvazione del bilancio compete generalmente all’organo amministrativo.Art. 148 Tuir Ai fini dell’applicabilità delle agevolazioni fiscali previste per gli enti Tutti gli enti associativi associativi, questi devono prevedere nei loro statuti l’obbligo di redigere e approvare annualmente un rendiconto economico finanziario.Art. 13, 14, Gli enti pubblici e privati diversi dalle società, soggetti all’Ires, ad Enti non commerciali che hanno15 D.P.R. oggetto esclusivo l’esercizio di attività commerciale, sono obbligati per oggetto esclusivo o600/73 alla tenuta delle scritture contabili (art. 13). principale l’esercizio di attività In questo caso, tali enti sono obbligati a tenere (art. 14) scritture commerciali, che, quindi, ai fini contabili cronologiche e sistematiche (…) e a redigere inventario e fiscali sono considerati al pari di bilancio (…) (art. 15). una società di capitali.Art. 20 D.P.R. Le scritture contabili previste dagli artt. 14, 15 (…) si applicano alle Enti non commerciali che non600/73 attività commerciali eventualmente esercitate dagli enti non hanno per oggetto esclusivo o commerciali. principale l’esercizio di attività In aggiunta al rendiconto annuale economico finanziario, gli enti commerciali. che effettuano raccolte pubbliche di fondi devono redigere il rendiconto di ciascuna raccolta, riepilogandone entrate e uscite e corredandolo di una relazione sull’attività svolta.
  6. 6. Obblighi contabili e di Bilancio: disciplina speciale Onlus Norma Descrizione ApplicabilitàArt. 20-bis D.P.R. Le ONLUS hanno l’obbligo di redigere il bilancio, al pari delle Onlus, diverse dalle600/73, commi 1-3 società, separando le entrate derivanti dalle attività connesse società cooperative. (obbligo di contabilità separata). Tuttavia, se nell’anno precedente non hanno raggiunto entrate istituzionali e da attività connesse di ammontare superiore a euro 51.645,69 possono redigere un rendiconto delle entrate e delle spese complessive (in luogo del libro giornale e libro inventari, che si chiude con il bilancio d’esercizio).Art. 20-bis D.P.R. Le Organizzazioni di Volontariato, iscritte nei registri regionali o OdV iscritte nei rispettivi600/73, comma 4 delle provincie autonome di Trento e Bolzano, le ONG registri ex l. 266/91. riconosciute possono tenere il rendiconto delle entrate e delle Ong riconosciute ai sensi spese. della l. 26/2/1987 n. 49.Art. 20-bis D.P.R. Se i proventi dell’ente superano per due anni consecutive Onlus600/73, comma 5 l’ammontare di euro 1.032.913,80: - obbligo di istituire l’organo di controllo, di cui almeno un membro sia iscritto al registro dei revisori legali dei conti - obbligo di corredare il bilancio di una relazione del revisore o del collegio di cui al punto precedente.
  7. 7. Riepilogo Ente Adempimenti contabiliEnte non commerciale puro (non Onlus) Nessun obbligo contabile (solo rendiconto entrate e spese complessive)Ente non commerciale con attività commerciale Obbligo della contabilità solo per l’attivitànon prevalente comm.le (libro giornale e inventari)Ente non commerciale con attività comm.le Obbligo delle scritture contabili per tutta l’attivitàprevalente o esclusiva (libro giornale e inventari)Odv Iscritte e Ong riconosciute In alternativa al libro giornale e inventari, rendiconto delle entrate e delle spese.Onlus con entrate non superiori a 51.645,69 euro Rendiconto delle entrate e delle spese(anno prec.) complessiveOnlus con entrate superiori a 51.645,69 euro Obbligo delle scritture contabili (libro giornale e(anno prec.) inventari)Cooperative Libro giornale, inventari e altre scritture contabili richieste da natura e dimensioni attività
  8. 8. I Regimi Contabili fiscalmente previsti Contabilità Ordinaria - Libro giornale - Libro degli inventariSe ricavi di natura commerciale > di - Libri Iva€ 400.000, se l’attività d’impresa ha ad - Scritture ausiliarie oggetto la prestazione di servizi; - Scritture ausiliarie di magazzino€ 700.000, se l’attività d’impresa ha ad - Registro dei beni ammortizzabili oggetto altre attività. - Libro Unico del Lavoro Contabilità Semplificata - Registri previsti ai fini Iva e il registro deiSe ricavi di natura commerciale < di beni ammortizzabili (non obbligatorio)-€ 400.000, se l’attività d’impresa ha ad - Libro Unico del Lavorooggetto la prestazione di servizi;- € 700.000, se l’attività d’impresa ha adoggetto altre attività. - conservare e numerare le fatture emesse e ricevute; Regime 398/91 - annotare entro il 15 del mese successivo a quello di effettuazione i proventi di carattere commercialeSe ricavi di natura commerciale < di € 250.000 su un apposito prospetto riepilogativo delle annotazione dei contribuenti minori
  9. 9. Il Bilancio degli Enti Non Profit: obblighi
  10. 10. Bilancio degli ENP: Obblighi • Per la generalità degli ENP (fiscalmente tali) è obbligatoria la redazione del rendiconto economico finanziario, che evidenzi separatamente l’attività commerciale eventualmente svolta. • Particolarità per le Onlus: Caratteristiche onlus Documento obbligatorioCooperativa Bilancio CEEOdv iscritta Bilancio da cui risultino i beni, contributi e lasciti ricevutiOng riconosciuta ex l. 49/87 Rendiconto entrate e spese complessiveOnlus con proventi superiori a euro Bilancio (sit. Patrim. Econ e Fin.,51.645,49 distinguendo le attività connesse da quelle istituzionali)Onlus con proventi non superiori a euro Rendiconto entrate e spese complessive51.645,49
  11. 11. Disciplina Tributaria Specifica: Complicazione! Art. 14 del D.L. 35/2005 (in l. n. 80/2005 - “più dai meno versi”): Novità in tema di deducibilità delle erogazioni liberali AMPLIAMENTO DEI LIMITI DI OBBLIGHI CONTABILI SPECIFICI ADEDUCIBILITA’ DELLE EROGAZIONI CARICO DELL’ENTE BENEFICIARIOLIBERALI PER AZIENDE E PERSONE FISICHE 1. Scritture contabili atte a rappresentareDeducibilità nel limite del 10% del con completezza ed analiticità lereddito complessivamente dichiarato e operazioni poste in essere nel periodo dicomunque nella misura massima di gestione70.000,00 euro annui. 2. Redazione, entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio, di un apposito documento che rappresenti adeguatamente la situazione patrimoniale, economica e finanziaria.
  12. 12. In allegato ai documenti di bilancio:• Rendiconto delle raccolte pubbliche di fondi (entro 4 mesi dalla chiusura dell’esercizio) ex art. 20 DPR 600/73.• Rendiconto del 5 per mille + relazione esplicativa di accompagnamento
  13. 13. Il Bilancio degli Enti Non Profit: approfondimenti
  14. 14. Il Bilancio degli Enti Non Profit: ObiettivoIl bilancio è il momento attraverso il quale mostrare alla collettività il risultato del proprio impegno Trasparenza dell’attività Continuità Perseguimento della MISSION
  15. 15. Perché viene chiesto un bilancio per gli Enti Non Profit ?• Perché fra le risorse economiche sono previsti: – Contributi dello Stato, di enti e istituzioni finalizzati al sostegno di specifiche e documentate attività e progetti; – Contributi di organismi internazionali; – Entrate da attività commerciali, connesse e produttive marginali (per le Adv).
  16. 16. Linee Guida per il Bilancio degli Enti Non Profit
  17. 17. Agenzia delle Onlus e obiettivi delle linee guidaL’Agenzia per le Onlus (Agenzia governativa con compiti di vigilanza, promozione econtrollo del Terzo Settore), è stata soppressa con il D.L. 16/2012.L’Agenzia per le Onlus ha presentato le linee guida e schemi per la redazione delbilancio desercizio degli enti non profit al fine di rispondere:• allesigenza degli enti non profit di dotarsi di sistemi di rendicontazione ad hoc che tengano conto: – della necessità di perseguire leconomicità della gestione, – al tempo stesso delle caratteristiche che differenziano tali enti dalle società commerciali: • le motivazioni ideali che perseguono, • la non rilevanza del fine lucrativo, • lassenza di interessi proprietari che ne indirizzano la gestione, • la non distribuzione dei proventi.• allesigenza dei terzi interessati ad avere informazioni circa lattività delle particolari gestioni non lucrative (avere un documento adeguato).
  18. 18. Premessa• E’ pacifico, in dottrina e nella prassi, che il bilancio di esercizio degli enti non profit non può essere redatto facendo riferimento agli schemi ed alle regole delle imprese a scopo lucrativo, in ragione delle differenze genetiche esistenti fra i due soggetti.• Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti, già dal 2001, ha evidenziato con il “Documento di presentazione di un sistema rappresentativo dei risultati di sintesi delle aziende non profit”, la necessità di redigere documenti di bilancio ad hoc per gli enti non profit.• Tale documento è stato assunto come punto di partenza ed è stato modificato ed integrato.
  19. 19. Obiettivi del documento• Le Linee guida: – non sono vincolanti – hanno l’obiettivo di evidenziare: • una guida generale per la redazione del bilancio di esercizio degli enti non profit, • introdurre regole uniformi per la valutazione delle poste più importanti del bilancio di esercizio (anche per la certificazione di bilancio).• E’ avvertita la necessità di redigere modelli di bilancio: – specifici, – con struttura uniforme per il settore non profit.
  20. 20. Ambito soggettivo• Si fa seguire un elenco non esaustivo dei soggetti interessati aldocumento (ai quali si propone di redigere il bilancio di eserciziopresentato) :1. Associazioni riconosciute (artt. 14 ss. del c.c.);2. Fondazioni riconosciute (artt. 14 ss. del c.c.);3. Associazioni non riconosciute (artt. 36 ss. del c.c.);4. Comitati (artt. 39 ss. del c.c.);5. Fondazioni bancarie (L. 30.7.1990 n. 218 - D.Lgs. 20.11.1990, n. 356, D.Lgs.17.5.1999 n. 153 e D.M. 18.5.2004, n. 150);6. Organizzazioni di volontariato (L. 11.08.1991, n. 266);7. Cooperative sociali (L. 08.11.1991, n. 381);8. Associazioni sportive (L. 16.12.1991, n. 398);
  21. 21. Ambito soggettivo9. ONG (Organizzazioni Non Governative) (art. 28, L. 26.02.1987, n. 49);10. Enti di promozione sociale (art. 3, comma 6, L. 25.08.1991, n. 287 e L. 07.12.2000, n. 383);11. Enti lirici (D.Lgs. 29.06.1996, n. 367);12. Imprese cooperative (artt. 2511-2545 del c.c. e leggi speciali);13. Società di mutuo soccorso (L. 15.04.1886 n. 3818);14. Centri di formazione professionale (L. 21.12.1978, n. 845);15. Istituti di patronato (L. 30.3.2001 n. 152, L. 27.3.1980, n. 112, DPR 22.12.1986, n. 1017);16. ONLUS (Organizzazioni Non Lucrative di Utilità Sociale - D.Lgs. 4.12.1997 n. 460).
  22. 22. Il bilancio di esercizio: contenutoI documenti di bilancio, che saranno successivamente illustrati,sono:1. Stato Patrimoniale2. Rendiconto gestionale3. Nota integrativa4. Relazione di missione
  23. 23. Bilancio “di esercizio” e “di missione”• Il Bilancio di esercizio dà conto annualmente: – della situazione patrimoniale e finanziaria con lo “Stato Patrimoniale”, – delle risultanze della gestione dellesercizio, attraverso il “Rendiconto Gestionale”.• Il Bilancio di missione evidenzia le attività svolte: – non solo con dati numerici, – ma anche con indicazione dei risultati sociali e ideali rispetto alla missione perseguita.
  24. 24. Il bilancio di esercizio: “enti minori” e società• I soggetti con proventi e ricavi annui inferiori a 250.000 Euro potranno redigere, in luogo dello Stato Patrimoniale e del Rendiconto Gestionale: – un rendiconto finanziario predisposto secondo criteri di cassa, – cui dovrà essere allegato un prospetto sintetico delle attività patrimoniali in essere alla data di bilancio (Rendiconto degli incassi, dei pagamenti e Situazione Patrimoniale).• Gli enti non profit in forma societaria (cooperative sociali ed imprese sociali in forma societaria), i quali devono redigere gli schemi di bilancio previsti dal codice civile per la loro forma giuridica, potranno riclassificare i dati secondo gli schemi previsti dal presente documento.
  25. 25. STATO PATRIMONIALELinee guida sul bilancio degli enti non profit
  26. 26. Stato patrimoniale• Lo schema di Stato Patrimoniale individuato per gli enti non profit va redatto secondo quanto previsto per le società dallart. 2424 del codice civile: – con alcune modifiche e aggiustamenti che tengano conto delle peculiarità che contraddistinguono la struttura del patrimonio di tali realtà aziendali.• Principali differenze rispetto a quello previsto per le imprese commerciali:1. sono stati superati tutti i riferimenti alle società controllanti che in forza del carattere di autogoverno degli enti non profit non possono esistere (sono rimasti, invece, i crediti per quote associative da incassare, con riferimento agli enti associativi);2. poste ideali del patrimonio netto.
  27. 27. Stato patrimoniale: Patrimonio netto• Patrimonio netto: – il patrimonio libero che è costituito: • dal risultato gestionale dellesercizio in corso, • dal risultato gestionale degli esercizi precedenti, • dalle riserve statutarie; – il fondo di dotazione che, se previsto statutariamente, può essere: • libero, • vincolato; – il patrimonio vincolato composto da fondi vincolati per scelte operate da: • terzi donatori, • dagli organi istituzionali.
  28. 28. Stato patrimoniale: caratteristiche• Schema di Stato Patrimoniale proposto: – non separa il patrimonio dedicato allattività istituzionale rispetto a quello dedicato allattività accessoria, – non si discosta significativamente da quello previsto dal codice civile per le società, – può essere utilizzato solo per le voci che hanno movimentazione, – possono essere anche aggiunte ulteriori voci se necessario, – in ogni caso, occorre conservare le macroclassi (è stato proposto anche uno schema di Stato Patrimoniale per macroclassi).
  29. 29. Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
  30. 30. Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
  31. 31. Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
  32. 32. Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
  33. 33. Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
  34. 34. Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
  35. 35. Schemi di bilancio: Stato patrimoniale
  36. 36. Schemi di bilancio
  37. 37. Stato Patrimoniale per macroclassi: attivo
  38. 38. Stato Patrimoniale per macroclassi: passivo
  39. 39. RENDICONTO GESTIONALE Linee guida sul bilancio degli enti non profit
  40. 40. Rendiconto gestionale• Documento specifico per gli enti non commerciali.• Scopi del Rendiconto Gestionale: – rappresentare il risultato gestionale (positivo o negativo) di periodo; – illustrare come si sia pervenuti al risultato di sintesi: • modalità attraverso le quali lente ha acquisito ed impiegato le risorse nello svolgimento di tali attività.• Il Rendiconto Gestionale è suddiviso “aree gestionali”.
  41. 41. Rendiconto gestionale: le aree gestionaliLe aree gestionali degli enti non profit sono:• attività tipica o di istituto: attività istituzionale svolta dallazienda non profit seguendo le indicazioni previste dallo statuto;• attività promozionale e di raccolta fondi: attività svolte dallazienda, nel tentativo di ottenere contributi ed elargizioni in grado di garantire la disponibilità di risorse finanziarie per realizzare attività funzionali e strumentali al perseguimento dei fini istituzionali;
  42. 42. Rendiconto gestionale: le aree gestionali• attività accessoria: attività diversa da quella istituzionale ma complementare rispetto alla stessa in quanto in grado di garantire allente non profit risorse utili a perseguire le finalità istituzionali espresse dallo statuto;• attività di gestione finanziaria e patrimoniale: attività di gestione patrimoniale e finanziaria strumentali allattività di istituto;• attività di natura straordinaria: attività straordinarie strumentali allattività di istituto;• attività di supporto generale: attività di direzione e di conduzione dellazienda che garantisce il permanere delle condizioni organizzative di base che ne determinano il divenire.
  43. 43. Rendiconto gestionale• I valori di periodo sono comparati con gli stessi valori del periodo precedente.• Sono stati previsti due schemi di Rendiconto Gestionale: – uno semplificato di pura cassa, per le aziende di piccole dimensioni, – uno di competenza, per le aziende che superano la soglia dei 250.000 euro di ricavi/proventi annui.
  44. 44. Rendiconto gestionale• Per le aziende “di non piccola dimensione” è stato prescelto il Rendiconto Gestionale che prevede: – la classificazione dei proventi in base alla loro origine (es. contributi pubblici, quote degli associati, donazioni, lasciti testamentari, liberalità ottenute mediante iniziative pubbliche di raccolta fondi, ecc.), – la classificazione degli oneri sulla base della loro natura, anziché della loro destinazione.
  45. 45. Rendiconto gestionale• La forma prevista per la rappresentazione dei valori è quella a sezioni contrapposte (preferita rispetto a quella scalare).• Aspetti positivi: – immediata visualizzazione dei componenti positivi e negativi.• Limiti: – impossibilità di evidenziare i risultati intermedi: • Possibile soluzione: i risultati intermedi possono essere indicati in nota integrativa o in appositi prospetti allegati, – difficoltà nella ripartizione dei componenti economici “comuni” a più aree gestionali (es.: costo del personale, costi per servizi, costi per ammortamenti, costi per affitti, ecc.): • Possibile soluzione: nel caso di enti che non dispongono di una contabilità analitica può essere utile allegare al bilancio di esercizio una tabella che ricostruisca tutti gli oneri in base alla loro natura.
  46. 46. Conto economico gestionale• Per gli enti che svolgono una rilevante attività produttiva tipica (gestioni ospedaliere,assistenziali, scolastiche, di ricerca, immobiliari, ecc.), è consigliabile allegare alRendiconto Gestionale, per tale attività economica rilevante, un Conto Economico informa scalare secondo lo schema di cui allart. 2425 c.c. al fine di apprezzare piùincisivamente laspetto economico della gestione ed i risultati intermedi.• Lo stesso vale per gli enti che svolgono attività produttive strumentali, quali: – gestioni immobiliari rilevanti; – attività d’impresa strumentaleai fini di una maggior chiarezza informativa.• Le risultanze di detto conto confluiranno nel Rendiconto Gestionale a sezionicontrapposte, nelle opportune aree di attività.
  47. 47. Rendiconto gestionale Rendiconto gestionale
  48. 48. Attività tipica o di istitutoSi tratta di attività svolta dallente non profit ai sensi delleindicazioni previste dalla statuto.
  49. 49. Attività promozionale e di raccolta fondiSi tratta di attività svolte dallazienda nel tentativo di ottenere contributi edelargizioni in grado di garantire la disponibilità di risorse finanziarie perrealizzare attività funzionali e strumentali al perseguimento dei finiistituzionali.
  50. 50. Attività AccessoriaSi tratta di attività diversa da quella istituzionale ma in grado di garantireallazienda non profit risorse economiche con cui perseguire le finalitàistituzionali espresse dallo statuto.
  51. 51. Attività di gestione finanziaria e patrimonialeSi tratta di attività di gestione patrimoniale e finanziaria strumentaliallattività di istituto.
  52. 52. Attività di natura straordinariaSi tratta di attività straordinarie strumentali allattività di istituto.
  53. 53. Attività di supporto generaleSi tratta dellattività di direzione e di conduzione dellazienda chegarantiscono lesistenza delle condizioni organizzative di base che nedeterminano il divenire.
  54. 54. RENDICONTO DEGLI INCASSI, PAGAMENTI E SITUAZIONE PATRIMONIALELinee guida sul bilancio degli enti non profit
  55. 55. Rendiconto degli incassi, pagamenti e situazione patrimoniale• I soggetti con ricavi e proventi inferiori a 250.000 Euro annui possono redigere un solo prospetto: il Rendiconto degli incassi, dei pagamenti e Situazione Patrimoniale.• Il Rendiconto è suddiviso in due sezioni: – sezione A, Incassi e Pagamenti; – sezione B, Situazione Attività e Passività.• La sezione A riporta i flussi monetari in entrata ed in uscita, manifestatisi nel corso del periodo amministrativo.
  56. 56. Rendiconto degli incassi, pagamenti e situazione patrimoniale: SEZIONE “A”• I valori: – sono confrontati con quelli dellesercizio precedente, – sono distinti a seconda che siano relativi: • alla “gestione corrente” • alla “ gestione in conto capitale”.• Gli incassi e i pagamenti della “gestione corrente” sono quelli che si realizzano in modo definitivo nel corso dellesercizio,• Gli incassi e i pagamenti della “gestione in conto capitale” conseguono a variazioni di natura patrimoniale: – negli investimenti e nei disinvestimenti, – nellaccensione e nel rimborso dei debiti.• Le variazioni monetarie riconducili alla gestione in conto capitale devono trovare corrispondenza, nella sezione B del prospetto, nei correlati valori delle Attività e delle Passività.
  57. 57. Rendic…………………………….. SEZIONE “A”
  58. 58. Rendic…………………………….. SEZIONE “A” + subtotale degli incassi delle gestione corrente (A1) - subtotale dei pagamenti (A4) = condizione di equilibrio o disequilibrio nel reperimento delle fonti e degli impieghi del capitale monetario
  59. 59. Rendic…………………………….. SEZIONE “A” + totale degli incassi (A3) + - totale dei pagamenti (A6) - = differenza X + differenza X + “fondi liquidi iniziali” (A7) = “fondi liquidi di fine anno” (A8) + “fondi liquidi di fine anno” (A8) - cassa e banca (liquidità) = 0,00
  60. 60. Rendiconto degli incassi, pagamenti e situazione patrimoniale: SEZIONE “B”• La sezione B del prospetto fornisce le informazioni sulle più significative voci che compongono lattivo e il passivo dellazienda non profit.• Vi sono 4 categorie; tre per le attività e una per le passività: – B1- Fondi liquidi, – B2- Attività finanziarie, – B3- Attività detenute per la gestione dellente, – B4- Le passività.
  61. 61. Rendiconto degli incassi, pagamenti e situazione patrimoniale: SEZIONE “B”• B1- Fondi liquidi: – rappresentano il saldo della tesoreria e dei conti correnti, bancari e postali, come risultano dalla contabilità al termine dellesercizio; – il loro importo deve concordare con quello del punto A8, sezione A, “fondi liquidi a fine anno”;• B2- Attività finanziarie: individuano gli eventuali investimenti in titoli delle disponibilità liquide;
  62. 62. Rendiconto degli incassi, pagamenti e situazione patrimoniale: SEZIONE “B”• B3- Attività detenute per la gestione dellente: raccolgono: – i beni ad utilizzo pluriennale, – leventuale magazzino di proprietà dellente non profit, • beni elencati • beni valorizzati in modo omogeneo scegliendo tra il costo e il valore corrente.• B4- Le passività: espongono i debiti dellazienda non profit con lindicazione: – dellammontare dovuto, – eventualmente, della scadenza.
  63. 63. Schemi di bilancio SEZIONE “B”
  64. 64. LA NOTA INTEGRATIVALinee guida sul bilancio degli enti non profit
  65. 65. La nota integrativa deve indicare:• informazioni generali sullente: – denominazione, – data di costituzione, – principali ambiti di attività, – sede/i operativa/e, – regime fiscale applicato, – ogni altra informazione di carattere generale considerata rilevante;• i principi adottati per la redazione del bilancio di esercizio;• i criteri applicati: – nella valutazione delle voci del bilancio di esercizio, – nelle rettifiche di valore, – nella conversione dei valori non espressi in euro;• i movimenti delle immobilizzazioni;
  66. 66. Nota Integrativa• la composizione delle voci: – «costi di ricerca, di sviluppo e di pubblicità», – «oneri pluriennali»,• la misura e le motivazioni delle riduzioni di valore applicate alle immobilizzazioni materiali e immateriali,• le caratteristiche quali-quantitative ed il valore stimato ai prezzi di mercato dei beni immobili utilizzati a titolo gratuito dallente per lo svolgimento delle proprie attività istituzionali (in un apposito prospetto);• le variazioni intervenute nella consistenza delle altre voci dellattivo e del passivo; in particolare, per: – le voci del patrimonio netto, – per i fondi per rischi ed oneri, – per il trattamento di fine rapporto, la loro formazione e le utilizzazioni.
  67. 67. Nota Integrativa• lelenco delle partecipazioni, possedute direttamente, per tramite di società fiduciaria o per interposta persona, in imprese controllate e collegate.• le informazioni dettagliate sulla movimentazione dei beni ricevuti a titolo gratuito per successiva distribuzione.• le informazioni dettagliate riguardo alla movimentazione dei beni ricevuti gratuitamente per successiva vendita in contanti, evidenziando (in un apposito prospetto), per ciascuna categoria di beni.• la dettagliata descrizione delle immobilizzazioni materiali che non sono esposte nello Stato Patrimoniale: – data la loro natura (beni di particolare valore storico, artistico, archeologico, culturale, naturalistico, ecc.) – e/o considerato lelevato costo da sostenere per potere giungere ad una stima del loro valore.
  68. 68. Nota Integrativa• la eventuale procedura di ammortamento seguita;• le ragioni dell’eventuale mancata procedura di ammortamento;• lammontare della IVA indetraibile;• per ciascuna voce: – lammontare dei crediti e dei debiti di durata residua superiore a cinque anni, – dei debiti assistiti da garanzie reali su beni dellente, con specifica indicazione della natura delle garanzie;• la composizione delle voci ratei e risconti attivi e passivi, quando il loro ammontare sia apprezzabile;
  69. 69. Nota Integrativa• indicazione analitica delle voci del patrimonio netto con specificazione: – della loro origine, – possibilità di utilizzazione.• lammontare degli oneri finanziari imputati nellesercizio ai valori iscritti nellattivo dello Stato Patrimoniale (distintamente per ogni voce);• caratteristiche degli eventuali strumenti finanziari derivati;• gli impegni non risultanti dallo Stato Patrimoniale: • impegni relativi a imprese controllate e collegate, • se lente partecipa al fondo di dotazione di altri enti non profit;• una stima (prudente) del valore dei lasciti non ancora contabilizzati ed esposti bilancio di esercizio. (Informazioni anche per beni immobili oggetto di donazioni o lasciti il cui usufrutto spetta a soggetti terzi);• le metodologie adottate per la ripartizione dei costi comuni fra le aree gestionali individuate nel Rendiconto Gestionale;
  70. 70. Nota Integrativa• una stima del valore dei servizi ricevuti a titolo gratuito da persone fisiche e giuridiche (con esclusione del lavoro volontario). Si può fare riferimento alle normali tariffe professionali;• il dettaglio della voce «altri proventi e ricavi»;• un dettaglio delle voci che compongono i Proventi finanziari e patrimoniali;• il dettaglio delle voci che compongono i Proventi Straordinari e gli Oneri Straordinari;
  71. 71. Nota Integrativa• il dettaglio degli eventuali compensi e rimborsi spese riconosciuti a favore degli amministratori, illustrandone le ragioni.• l’indicazione dell’assenza del compenso in denaro, servizi o natura a favore degli amministratori• le operazioni di locazione finanziaria che comportano il trasferimento al locatario della parte prevalente dei rischi e dei benefici inerenti ai beni che ne costituiscono oggetto (apposito prospetto),• separatamente il costo sostenuto per: – la revisione dei conti, – i servizi di assistenza giuridica, amministrativa, contabile e fiscale;• tutti i contratti stipulati con le Pubbliche Amministrazioni con specifica indicazione;• informazioni di dettaglio relativamente a sovvenzioni, donazioni, atti di liberalità, erogazioni di beni o di servizi in favore di altri enti durante lesercizio.
  72. 72. Nota Integrativa• il dettaglio dei costi sostenuti e dei correlati proventi conseguiti per ciascun “progetto”, con specifica indicazione del saldo risultante;• ogni transazione effettuata nel corso dellesercizio con le parti correlate. Per parti correlate si intende: – ogni amministratore dellente; – ogni persona o ente che abbia il potere di nominare o rimuovere una porzione significativa degli amministratori; – ogni società, impresa o ente che sia controllato dallente; – chi ha la responsabilità di dirigere o controllare le attività principali e le risorse dellente.
  73. 73. I CRITERI DI VALUTAZIONELinee guida sul bilancio degli enti non profit
  74. 74. I criteri di valutazione• Le valutazioni non possono fare completo riferimento ai principi contabili delle imprese, data la differenza genetica dei due modelli aziendali.• Il problema della redazione dei principi contabili negli enti non profit si pone prevalentemente per dare: – certezza, – continuità, alle valutazioni. ai fini: – della certificazione di bilancio, – di consentire nel tempo confronti utili di una serie di bilanci in modo significativo da parte di tutti i terzi lettori potenziali dellinformativa di bilancio.
  75. 75. I criteri di valutazione per informare correttamente• I criteri di valutazioni sono basati su una diversa ottica dellinformazione rispetto alle imprese: – non vi è necessità di informare i portatori di capitali, – ma è importante informare correttamente altri portatori di interesse, non presenti nel mondo profit, quali: • i donatori, • i fruitori dei servizi, • il pubblico dei potenziali utilizzatori dellattività dellente.
  76. 76. I criteri di valutazione: il Patrimonio Netto• Patrimonio come “fondo di scopo”, cioè destinato a copertura del fabbisogno, per spesa corrente e di investimento, costituito per raggiungere le particolari finalità dell’ente• Patrimonio come riserva di risorse, volta a garantire la continuità della gestione e a tutelare gli interessi di terzi creditori• Ai fini strettamente contabili si può avere luso alternativo di due tecniche di rilevazione: 1. imputazione diretta di incrementi e utilizzi al fondo patrimoniale di scopo, senza nessun transito al Rendiconto Gestionale, • nel caso di donazioni di fondi vincolati, 2. transito al Rendiconto Gestionale di tutte le operazioni riguardanti il ricevimento dei fondi e laccantonamento al fondo patrimoniale di scopo: • per i contributi ordinari ricevuti da terzi senza vincoli e a titolo di liberalità.
  77. 77. I criteri di valutazione: le immobilizzazioni materiali• Occorre riferirsi principalmente ai beni immobili con riferimento ai: – “beni strumentali”: immobili utilizzati direttamente dallente, – “da reddito”: immobili utilizzati per le rendite che consentono allente.• In linea generale la valutazione può essere basata sul costo storico, eventualmente rivalutato.• Quando non vi è un costo (es: donazioni) occorre individuare criteri alternativi accettabili: (valori catastali o stime peritali).• E’ importante considerare la contabilizzazione degli ammortamenti per gli immobili strumentali quando: – vi sia produzione di servizi a cui gli immobili stessi concorrono, – vi sia un effettivo deperimento economico del bene stesso; – non ha particolare significato con riferimento a immobili: • da reddito • non strumentali.
  78. 78. LA RELAZIONE DI MISSIONE Linee guida sul bilancio degli enti non profit
  79. 79. Relazione di missione• La Relazione di missione ha la funzione di integrare gli altri documenti di bilancio per garantire una adeguata rendicontazione: – sulloperato dellente, – sui risultati ottenuti, con una prospettiva centrata sul perseguimento della missione istituzionale.• Ha molte similitudini con il bilancio sociale anche se è molto più semplice.
  80. 80. Relazione di missione• La Relazione di missione deve fornire informazioni rispetto a tre ambiti principali:1. missione e identità dellente;2. attività istituzionali, volte al perseguimento diretto della missione;3. attività “strumentali”, rispetto al perseguimento della missione istituzionale (attività di raccolta fondi e di promozione istituzionale).
  81. 81. Relazione di missioneDevono essere puntualmente individuate:• le finalità istituzionali, che esprimono la ragion dessere dellente in termini: – di “problemi” che questo vorrebbe contribuire a risolvere o affrontare, – di cambiamenti che vorrebbe determinare attraverso la svolgimento delle sue attività;• il sistema di valori e di principi dell’ente• le principali tipologie di attività attraverso le quali lente intende perseguire le finalità istituzionali (coerentemente con il sistema di valori e principi).
  82. 82. Relazione di missione• Nellesplicitare la missione dovrebbero inoltre essere messi in rilievo: – i soggetti primariamente interessati alloperato dellente (stakeholder); – lambito territoriale di riferimento per lente; – le caratteristiche distintive dellente, rispetto ad altri che svolgono attività analoghe.• La rendicontazione sullidentità dellorganizzazione deve essere integrata da informazioni su: – compagine sociale, precisandone consistenza e composizione; – sistema di governo e controllo, illustrando larticolazione, la responsabilità e la composizione degli organi e le regole che determinano il funzionamento; quando rilevante rispetto alle previsioni statutarie, approfondimento sugli aspetti relativi alla democraticità interna e alla partecipazione degli associati alla vita dellente; – risorse umane, precisando consistenza e composizione in relazione alle diverse tipologie (personale retribuito, volontari, giovani in servizio civile, ecc.).
  83. 83. GRAZIE PER L’ATTENZIONE
  84. 84. Per eventuali quesiti o informazioni:• Dott. Sebastiano Di Diego, dottore commercialista e professore a contratto in Economia e Gestione delle Imprese presso l’Università degli Studi di Camerino è socio fondatore dello Studio Comm.le Franguelli – Di Diego – Zagaglia, Presidente di Hepta Consulenza srl, Presidente di Volare No Profit Soc. Coop., Autore per Wolters Kluwer Editore, Maggioli Editore, Il Sole 24 Ore, Giuffrè Editore, Sistemi Editoriali Esselibri e Cesi Multimedia in materia non profit, aziendale, societaria e cooperazione. didiego@studiofdz.com• Dott.ssa Manila Antomarioni, dottore commercialista, socio e amministratore di Esplora Soc. Coop., socio di Volare No Profit Soc. Coop., Autore per Maggioli Editore e Wolters Kluwer Editore in materia non profit e cooperazione. antomarioni@studiofdz.com www.networkprofessionale.com www.setupimpresa.it

×