Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Manuale di Costruzione del Forno a Pannello Copenhagen

702 views

Published on

Istruzioni passo passo per costruire un forno a pannello di tipo Copenhagen con cartone, colla vinilica o scotch, alluminio da cucina, spago e mollette!

Published in: Environment
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Manuale di Costruzione del Forno a Pannello Copenhagen

  1. 1. ISTRUZIONI PER LA COSTRUZIONE DEL FORNO A PANNELLO COPENHAGEN CON MATERIALI ECONOMICI Istruzioni passo passo per la costruzione del forno a pannello Copenhagen Solar Cooker Light, ideato da Sharon Clausson (http://solarcooking.wikia.com/wiki/Copenhagen)
  2. 2. INTRODUZIONE Il forno solare Copenhagen, ideato da Sharon Clausson (http://solarcooking.wikia.com/wiki/Copenhagen), è un forno solare del tipo a pannello, facile da costruire e abbastanza potente per cuocere il riso e i legumi, per lessare le verdure, per cuocere la pasta (non è semplicissimo ma è fattibile) e i sughi. A seconda dei materiali riflettenti impiegati per il forno, è possibile raggiungere temperature massime a vuoto comprese fra i 130° C e i 190° C. Questo significa che non sempre è possibile realizzare cotture da forno, ma con la pratica potrete trovare delle soluzioni che vi permettano anche questo tipo di cottura! In questo manuale, vi daremo le istruzioni per costruire ed utilizzare un forno Copenhagen realizzato con materiali poveri. Il vantaggio è sicuramente l'economicità del prodotto, lo svantaggio è una potenza inferiore rispetto a soluzioni ottenute utilizzando dei materiali più efficienti. Infatti, abbinando questi materiali poveri con una pentola scura dotata di coperchio, racchiusa all'interno di un coperchio di vetro trasparente (ad esempio, una insalatiera a testa in giù), è possibile raggiungere temperature massime a vuoto di 130° C. L'immagine a fianco mostra il modello che vi insegneremo a costruire, con all'interno la pentola scura con coperchio di vetro trasparente e con una insalatiera a testa in giù. Se volete condividere con noi le vostre sperimentazioni o ricette di cucina solare, potete mandarcele per mail a grupposelene@gmail.com, oppure potete segnalarle nella nostra pagina facebook “Sentinelle dell'energia – Selene”, oppure nella pagina facebook “CUOCHI SOLARI ITALIANI”, grazie mille!
  3. 3. Costruzione e assemblaggio del forno a pannello Copenhagen con materiali poveri Componenti del forno a pannello Copenhagen (1) Nr 4 “petali” di materiale riflettente da 50 cm x 50 cm, o anche di dimensioni leggermente inferiori, realizzabile con cartoncino sottile, colla vinilica e alluminio. In alternativa, è possibile impiegare anche un foglio di materiale plastico riflettente a specchio (es. materiale doppio strato con polistirolo e Mylar); (2) Base di cartone da 30 cm x 30 cm, o anche di dimensioni leggermente inferiori; (3) Nr 4 mollette per il cartone; (4) Spago per collegare i petali alla base e per il trasporto in spalla del forno; ISTRUZIONI PER LA COSTRUZIONE 1. Con l'aiuto di un righello o di una riga a T, disegnate quattro quadrati da 50 cm x 50 cm che faranno da petali per il forno solare. Se il cartoncino o il foglio di materiale riflettente a disposizione non vi consentono di arrivare a 50 cm, vanno bene anche dimensioni inferiori, ad esempio 45 cm x 45 cm. Come cartone ad esempio potete chiedere nei supermercati la possibilità di avere il cartone che si usa per separare le file di bottiglie d'acqua vendute su bancali. Infatti questo cartone è in genere sottile e flessibile, dunque adatto per il nostro forno. 2. Allo stesso modo, per realizzare la base, disegnate sul cartone un quadrato da 30 cm x 30 cm. La base deve essere più resistente, quindi potreste impiegare recuperare il cartone dai degli scatoloni di cartone ad onda singola rinforzata o ancora meglio a doppia onda. 3. Utilizzando delle forbici resistenti, ritagliate i cinque quadrati che avete disegnato prima. Per il cartone a doppia onda, può essere preferibile usare un taglierino, passando più volte sulle linee tracciate in modo da poter effettuare il taglio.
  4. 4. 3a. Questo passaggio è necessario solo se usate cartoncino, colla vinilica e alluminio da cucina per i petali. Non serve invece se usate un foglio di materiale plastico riflettente. Prendete l'alluminio da cucina e ritagliatene tanti pezzi quanti servono per coprire i quattro petali di alluminio. Applicate la colla vinilica sul cartoncino e spalmatela con l'aiuto di un pennnello, poi applicate l'alluminio riflettente sul cartoncino. Al posto del pennello potete usare anche del cartone a mo' di spatola. Fate attenzione a disporre l'alluminio senza creare increspature, in modo da ottimizzare le prestazioni del vostro futuro forno a pannello. Al posto della colla vinilica, poi, potreste usare dello scotch. In questo caso, fissate i quattro lati del foglio di alluminio al cartone utilizzando lo scotch. 4. Ora presentate la base quadrata sopra i quattro petali di alluminio in modo che questa si trovi perfettamente al centro e che sia ruotata di quarantacinque gradi rispetto alle direzioni dei lati dei petali, come potete vedere nella fotografia riportata qui sotto: 5. Poi sulla base quadrata, segnate con una penna i 12 punti in cui andrete a praticare i fori per legare tra di loro con lo spago i petali alla base. In particolare, per essere più precisi, disegnate con una penna le due diagonali della base quadrata, trovando così il centro della base. Disegnate poi anche le mediane. Lungo le mediane, a 4 cm dal centro, potrete così segnare i primi quattro punti. Per i restanti otto invece, dovrete andare ai vertici della base quadrata e, per ciascun vertice, segnare due punti distanti 7 cm dal vertice e 4,5 cm a destra e a sinistra dalla diagonale. Potete capire meglio il tutto guardando le immagini sottostanti.
  5. 5. I 12 punti segnati nella base quadrata I 4 punti lungo le mediane a 4 cm dal centro 2 degli 8 punti ai vertici, distanti 7 cm dal vertice e 4,5 cm a destra e a sinistra della diagonale 6. Con l'aiuto delle forbici, praticate i fori nei 12 punti della base quadrata appena segnati. Presentate quindi nuovamente la base al centro dei quattro petali e, con una penna, segnate i 12 punti corrispondenti nei quattro petali. 7. Con l'aiuto delle forbici, praticate quindi i fori anche nei quattro petali 8. Al fine di rendere il forno facilmente trasportabile, praticate ora altri tre fori in ciascuno dei quattro petali, per un totale di dodici fori. In particolare, in ciascun petalo, segnate tre fori distanti 4 cm dai vertici lungo le diagonali. 9. Ora dovete legare i petali alla base. Si tratta di un lavoro non semplice. Iniziate prendendo un pezzo di spago lungo 70 cm e, se avete dello scotch, arrotolatene un po' alle estremità dello spago in modo da facilitare l'inserimento dello spago stesso nei fori. In alternativa, potete fare i fori un po' più grandi ripassandoci con una punta.
  6. 6. Usate lo spago lungo 70 cm per legare i quattro petali alla base in corrispondenza dei fori presenti vicino al centro della base, che sono i fori numero 1, 2, 3 e 4 mostrati nella figura sottostante. Il consiglio è di iniziare a inserire lo spago partendo da sopra, in modo che poi andrete a fare il laccio dello spago da sotto: In alternativa, anziché usare un unico spago lungo 70 cm, potete usarne due lunghi 30-35 cm, in modo da assemblare le basi a due a due. 10. Ora prendete uno spago lungo 120 cm e cercate di legare i petali alla base in corrispondenza degli otto punti esterni. Questo lavoro è un po' più complicato, possibilmente è meglio lavorarci almeno in due, uno tiene lo spago e la base, l'altro tiene dritti i petali e li tiene aderenti alla base. Potete anche passarvi lo spago l'un l'altro. Il consiglio comunque è sempre quello di iniziare a inserire lo spago da sopra, in modo che, quando avrete passato tutti i fori con lo spago, potrete fare la legatura da sotto. Prima di legare lo spago, state attenti a tenere ben tirato il tutto! Anche in questo caso, in alternativa, potete legare i petali a due a due usando quattro pezzi di spago lunghi 35 cm.
  7. 7. 11. Per completare il forno, non vi resta che curvare i petali per dare loro la forma giusta e fermarli con le mollette. Quando curvate i petali, potete fare in modo che formino un triangolo in corrispondenza alla superficie in cui aderiscono alla base. Avrete così realizzato il vostro forno solare, bravi! 12. Se volete trasportare il forno in modo agevole, usate i fori che avete praticato seguendo le istruzioni del punto 8. In particolare, smontate il forno slegando e togliendo tutti i pezzi di spago, mettendoli da parte per un momento. Poi posizionate i quattro petali uno sopra l'altro e, da ultimo, posizionate la base in modo da far si che due dei suoi 12 fori combacino con due dei fori dei quattro petali. Unite i quattro petali e la base aiutandovi con gli spaghi messi prima da parte. In particolare, se in base a quanto indicato ai punti 9 e 10, avete usato solo uno spago da 70 cm e uno da 120 cm per unire fra loro i petali alla base, ora potrete usare gli stessi per questo assemblaggio del forno in configurazione smontata. Altrimenti, se avete usato sei pezzi di spago lunghi 30-35 cm, i quattro restanti potrete legarli alla base senza problemi. L'ultima cosa che vi rimane da fare è far passare tagliare altri due pezzi di spago lunghi almeno 160 cm, ciascuno dei quali verrà fatto passare in due dei quattro fori praticati vicino ai vertici dei quattro petali, in modo da creare delle bretelle per il nostro zaino temporaneo. In alternativa, potremo portare il forno anche a tracolla. Il tutto è sintetizzato nelle fotografie sottostanti. Avete completato il vostro forno bravi! Ora non ci resta che assemblarlo per predisporlo per la cottura!
  8. 8. 13. Per assemblare il forno, dobbiamo utilizzare le quattro mollette di cui avevamo parlato all'inizio delle istruzioni. In particolare, colleghiamo due a due i petali in modo che il forno assuma una forma simile a un paraboloide. Nel colleghare i petali, il consiglio è di fare in modo di tenere il petalo posteriore più dritto, mentre il petalo anteriore, che “guarda il sole” può essere inclinato un po' più in basso. Questo ci permette di ottimizzare la quantità di radiazione solare che viene captata dal forno. In generale, l'apertura dei petali deve comunque essere regolata in funzione dell'altezza del sole all'orizzonte, che dipende dal periodo dell'anno e dall'ora del giorno. Con un po' di pratica ed esperienza capiremo quale sia la posizione migliore per i petali! I recipienti per la cottura Per cucinare con il forno solare Copenhagen, potete utilizzare una pentola scura dotata di coperchio (meglio se anch'esso è scuro, ma va bene anche un coperchio in vetro trasparente), il tutto racchiuso all'interno di una cupola di vetro trasparente, che può essere ottenuta ad esempio mettendo a testa in giù una insalatiera. In alternativa, potete utilizzare anche i classici barattoli in vetro della marmellata. Noi li abbiamo utilizzati per cuocere il riso e per lessare le verdure e devo dire che hanno funzionato bene! Indicazioni di cucina con un po' di matematica e fisica Per poter cucinare i pasti, occorre sapere quale sia la temperatura di lavoro richiesta dalla ricetta di nostro interesse. Ad esempio, le cotture da forno, richiedono in genere temperature superiori ai 160° - 180° C, al fine di permettere quell'effetto di croccantezza e di doratura degli alimenti dovuto alla reazione chimica (nota come reazione di Maillard) fra zuccheri e proteine che a temperature più basse avrebbe dei tempi molto più lunghi, con il rischio di non ottenere la croccantezza desiderata. Oppure, per cucinare la pasta, è necessario che l'acqua raggiunga una temperatura di 100° C. Bisogna tenere presente allora che la temperatura massima che può raggiungere il nostro forno solare è tanto minore quanto maggiore è la quantità di cibo che mettiamo a cuocere. In altre parole, il cibo sottrare potenza al forno e se ne mettiamo troppo, rischiamo di non raggiungere le temperature che ci servono per cucinare!
  9. 9. Con il modello di forno solare Copenhagen realizzato con materiali poveri, abbiamo verificato che è possibile ad esempio cuocere 300 g di riso in una pentola scura (con coperchio e cupola trasparente) contenente 500 ml di acqua, oppure 150 g di pasta corta sempre in 500 ml di acqua, oppure 300 g di verdure (patate, melanzane, zucchine, peperoni, …). I tempi di cottura sono di circa 1h – 1h 30', a seconda del periodo dell'anno e dell'ora del giorno. Per l'ora del giorno, si consiglia di cucinare tra le 11:00 e le 15:00. Tornando alla quantità di cibo quindi, più in generale possiamo conoscere quanto cibo poter mettere a cuocere attraverso delle misure sperimentali e un semplice calcolo. Per quanto riguarda le misure sperimentali, mettiamo la nostra pentola, con coperchio e cupola in vetro trasparente, all'interno del forno solare, con dentro un termometro da forno per misurare la temperatura. Un esempio è il termometro riportato qui a fianco. Guardando bene, possiamo notare come il termometro abbia raggiunto una temperatura di 150° C. Si tratta infatti del forno Copenhagen realizzato utilizzando materiali più costosi, come il polistirolo e il Mylar. Aspettiamo 45 min – 1 h per verificare quale sia la temperatura massima raggiunta dal forno e annotiamo sia il dato relativo alla temperatura massima, sia il tempo che abbiamo atteso per raggiungerla. A questo punto, possiamo calcolare la temperatura massima che otterremo aggiungendo del cibo attraverso queste due semplici equazioni e delle ulteriori misure sperimentali: (1) Q = m * cp * (Tmassima – Tambiente); dove m, rappresenta la massa di cibo, espressa in kg; cp, è il calore specifico del cibo, espresso in J/(kg K) che è possibile recuperare attraverso una ricerca su internet Tmassima e Tambiente rappresentano rispettivamente la temperatura massima raggiunta dal forno e la temperatura dell'ambiente in cui ci troviamo ad operare. A questo punto quindi possiamo ricavare la temperatura massima ottenibile mettendo del cibo in cottura attraverso la seguente equazione (2) Q = Iirr * A * eff * t; dove Q, espresso in W, è il calore fornito dal nostro forno nel tempo t Iirr è l'irradiazione solare, espressa in W/m2, che possiamo ricavare dal sito del pvgis della Commissione Europea (http://re.jrc.ec.europa.eu/pvgis/), oppure possiamo ipotizzare un valore compreso fra 700 W/m2 e 800 W/m2 nell'arco centrale della giornata;
  10. 10. A, espressa in m2, è l'area di apertura del nostro forno, che possiamo assumere pari a 0,25-0,30; eff, dato adimensionale, è l'efficienza complessiva del nostro forno, tipicamente compresa fra il 10% e il 15%; t, espresso in secondi, rappresenta il tempo impiegato fornire il calore Q. Per sapere quindi di quanti gradi centigradi si abbassi la temperatura aggiungendo del cibo, possiamo procedere nel modo seguente. Riempiamo la nostra pentola con una certa quantità di acqua, ad esempio 100 ml e, con l'aituo dell'equazione (1), calcoliamo teoricamente il valore di Q, necessario per portare l'acqua dalla temperatura ambiente a 100° C. Allo stesso tempo, misuriamo il tempo che impiega l'acqua per raggiungere la temperatura di 100 ° C. Abbiamo così ricavato sia Q che t, che possiamo utilizzare nell'equazione 2 per calcolare eff, dando per noti Iirr e A. A questo punto, possiamo riutilizzare le due equazioni per calcolare, con qualsiasi quantità di cibo, il tempo t richiesto per raggiungere la temperatura massima oppure quale temperatura massima si possa raggiungere dopo un tempo t. Per fare questo, potremo ancora modificare l'equazione (1) per tenere conto della possibile presenza di più alimenti aventi massa e calori specifici diversi l'uno dall'altro: Q = m1 * cp1 * DT1 + m2 * cp2 * DT2 + … mn * cpn * DTn. Se non volete fare tutti questi calcoli, con un po' di pratica troverete sicuramente le quantità più adatte per preparare i vostri piatti! Ricette Per ora non abbiamo tantissime ricette, però alcune si! Potete trovarle ai seguenti due link: – http://www.grupposelene.net/ricette-con-i-forni-solari/; – http://www2.grupposelene.net/piatti-cucinati-con-il-sole/; Tenetevi aggiornati perchè stiamo risistemando il nostro sito e gli indirizzi potrebbero cambiare! Buona lettura e buona visione dei video!
  11. 11. SEGUITE LE NOSTRE ATTIVITA' DI CUCINA SOLARE SU: 1. http://www.grupposelene.net/i-forni-solari/; 2. http://solarcooking.wikia.com/wiki/Sentinelle_dell'Energia; 3. Pagina facebook Sentinelle dell'energia – Selene Sul nostro sito internet, trovate tutte le informazioni sulle nostre attività e sulle risorse economiche su cui si basano. In particolare, potete vedere http://www.grupposelene.net/trasparenza- associazione/. Inoltre, potete sostenerci con una donazione andando sulla home page del nostro sito internet e premendo sul pulsante “Donazione” presente in fondo alla pagina. Grazie!

×