L’arte della Canzone da Piedigrotta al Varietà
L’ Imperatore Romano Nerone (37-68 d.c.) è uno dei pionieri della canzone napoletana: celeberrima è la sua esibizione cano...
Sotto il regno di Manfredi di Svevia (1232-1266) rinveniamo il primo frammento di musica napoletana: “Jesce Sole” è una fi...
Al geniale pittore barocco Salvator Rosa (1615-1673) è attribuita “Michelemmà”, che narra la storia di una bellissima donn...
“ Te Voglio Bene Assaje” fu probabilmente la prima hit della canzone classica napoletana. Scritta dall’ottico Raffaele Sac...
Con Salvatore Di Giacomo (1860-1934) la canzone napoletana raggiunge la sua maturità. Il grande poeta offre un reale spacc...
Ferdinando Russo (1866-1927) è poeta e compositore simbolo dello spirito napoletano, che traduce in musica stati particola...
Ernesto Murolo (1876-1939) è considerato l’ “Orazio” napoletano, un epicureo che invita ad afferrare momenti di piacere ed...
“ O’Sole mio” , scritta da Giovanni Capurro (1859-1920) e musicata da Eduardo Di Capua (1865-1917), divenne ben presto inn...
Nome d’arte di Giovanni Ermete Gaeta, E.A. Mario (1884-1961) è considerato uno degli esportatori della canzone napoletana ...
Libero Bovio (1883-1942) fu intellettuale e poeta che si impegnò nella riforma del teatro napoletano, nonché editore delle...
Il brano di cui vi proponiamo l'ascolto è sicuramente uno dei più famosi tra quelli scritti da Giuseppe Capaldo, nonché il...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

L'arte della canzone da Piedigrotta al Varietà - a cura di Aldo De Gioia

1,386 views

Published on

Il professor Aldo De Gioia, docente di storia napoletana presso l'Università di Salerno, presenta attraverso queste slide un excursus della storia della canzone napoletana, con i suoi principali protagonisti

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,386
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

L'arte della canzone da Piedigrotta al Varietà - a cura di Aldo De Gioia

  1. 2. L’arte della Canzone da Piedigrotta al Varietà
  2. 3. L’ Imperatore Romano Nerone (37-68 d.c.) è uno dei pionieri della canzone napoletana: celeberrima è la sua esibizione canora del 65 d.c. presso il Teatro Odeon, situato sotto il Decumano Superiore (oggi Via dell’Anticaglia)
  3. 4. Sotto il regno di Manfredi di Svevia (1232-1266) rinveniamo il primo frammento di musica napoletana: “Jesce Sole” è una filastrocca intonata dagli scugnizzi napoletani e dalle “lavandare” dell’Arenella
  4. 5. Al geniale pittore barocco Salvator Rosa (1615-1673) è attribuita “Michelemmà”, che narra la storia di una bellissima donna rapita dai Mori, ma tanto ostinata nel rifiutare di far morire tutti gli amanti rapitori. La canzone è stata portata al successo da numerosi interpreti napoletani.
  5. 6. “ Te Voglio Bene Assaje” fu probabilmente la prima hit della canzone classica napoletana. Scritta dall’ottico Raffaele Sacco e musicata probabilmente dal grande Gaetano Donizetti, ebbe vastissima popolarità nella Festa di Piedigrotta del 1835
  6. 7. Con Salvatore Di Giacomo (1860-1934) la canzone napoletana raggiunge la sua maturità. Il grande poeta offre un reale spaccato del popolo napoletano traducendo vicende di vita quotidiana in versi dolcissimi e raffinati. Suoi capolavori: “Era de maggio”, “Palomma e’notte” , “Marechiaro”
  7. 8. Ferdinando Russo (1866-1927) è poeta e compositore simbolo dello spirito napoletano, che traduce in musica stati particolari del suo animo. Sue grandi canzoni sono “Quanno tramonta o’sole”, “Scetate” e “Mamma mia che vuo sapè”
  8. 9. Ernesto Murolo (1876-1939) è considerato l’ “Orazio” napoletano, un epicureo che invita ad afferrare momenti di piacere ed emozione. Con il maestro Tagliaferri compose indimenticabili canzoni come “Mandulinata a Napule”, “Serenata napulitana”, “Tarantella internazionale”, “Napule e Sorrento”
  9. 10. “ O’Sole mio” , scritta da Giovanni Capurro (1859-1920) e musicata da Eduardo Di Capua (1865-1917), divenne ben presto inno italiano all’estero e patrimonio della musica mondiale. Ispirata ad un’alba sul Mar Nero durante un viaggio ad Odessa di Di Capua, fu pubblicata da Bideri nel 1898 e magistralmente interpetata da Caruso
  10. 11. Nome d’arte di Giovanni Ermete Gaeta, E.A. Mario (1884-1961) è considerato uno degli esportatori della canzone napoletana nel resto d’Italia. Celebre in patria per “Tamurriata nera”, “Dduje paravisi” e “Santa Lucia lontana”, raggiunse il successo componendo, in italiano, pezzi celebri come “Balocchi e profumi” e “Il Piave”
  11. 12. Libero Bovio (1883-1942) fu intellettuale e poeta che si impegnò nella riforma del teatro napoletano, nonché editore delle prestigiose case musicali “La Canzonetta” e “Santa Lucia”. Grazie alle sue proficue collaborazioni con i musicisti più in voga del momento, intorno al 1915 confezionò canzoni come "Tu ca nun chiagne", "Reginella", "Cara piccina" e “Surdate".
  12. 13. Il brano di cui vi proponiamo l'ascolto è sicuramente uno dei più famosi tra quelli scritti da Giuseppe Capaldo, nonché il primo a ottenere successo. Scritta sulla musica del maestro Salvatore Gambardella, e pubblicata dalla casa editrice Bideri nel 1906, Comme facette mammeta si classificò seconda alla Piedigrotta dello stesso anno, interpretata da Antonietta Rispoli.

×