Dallo scouting delle opportunità alla valorizzazione dello scouting Roberto Tiezzi UNIMITT – Centro per l’Innovazione e il...
Il Trasferimento Tecnologico e la dimensione di sistema <ul><li>La proposta di modifica dell’Art. 65 CPI tende a ricondurr...
La base delle opportunità <ul><li>I risultati sinora raggiunti sono incoraggianti, ma denotano una limitata base delle opp...
Le domande Perché fare scouting? La tendenza a specializzare e professionalizzare la funzione di tutela dell’IP e di trasf...
Rete di incentivi e programmi <ul><li>La rete di inventivi e programmi di supporto all’avvio di iniziative di valorizzazio...
Il ruolo dei ricercatori Lo scouting è una sfida innanzitutto per ricercatori, chiamati per primi ad individuare le ricerc...
Valutare le opportunità della ricerca <ul><li>Per porsi nelle condizioni di valutare in modo efficace le opportunità scatu...
Dai ricercatori per i ricercatori <ul><li>Elementi che condizionano l’incidenza del processo di scouting: </li></ul><ul><l...
Le iniziative dell’Università degli Studi di Milano <ul><li>Lo scouting tematico realizzato presso le strutture di ricerca...
Il progetto SCATTO SCATTO - SCouting delle opportunità ed Attività dei TTO in materia di valorizzazione della ricerca univ...
Le “Antenne” del TT <ul><li>Lo scouting di idee e competenze nell’ambito del progetto Scatto sarà realizzato tramite due a...
Grazie per l’attenzione! UNIMITT - Centro per l’Innovazione e il Trasferimento Tecnologico dell’Università degli Studi di ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Dallo scouting delle opportunità alla valorizzazione dello scouting

1,189 views

Published on

Roberto Tiezzi

Published in: Business, Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,189
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
11
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Dallo scouting delle opportunità alla valorizzazione dello scouting

  1. 1. Dallo scouting delle opportunità alla valorizzazione dello scouting Roberto Tiezzi UNIMITT – Centro per l’Innovazione e il Trasferimento Tecnologico
  2. 2. Il Trasferimento Tecnologico e la dimensione di sistema <ul><li>La proposta di modifica dell’Art. 65 CPI tende a ricondurre le attività di trasferimento tecnologico ad una dimensione di sistema caratterizzata dalla necessaria cooperazione tra: </li></ul><ul><ul><li>Università ed EPR </li></ul></ul><ul><ul><li>Industria </li></ul></ul><ul><ul><li>Enti pubblici </li></ul></ul><ul><ul><li>Fondazioni </li></ul></ul>Ricercatori Organi d’Ateneo TTO Disclosure Competenze Strategie e Policy <ul><ul><li>UNIVERSIT À </li></ul></ul>
  3. 3. La base delle opportunità <ul><li>I risultati sinora raggiunti sono incoraggianti, ma denotano una limitata base delle opportunità con riferimento a: </li></ul><ul><li>numero di disclosure rivolte al TTO </li></ul><ul><li>numero di ricercatori coinvolti nei processi di brevettazione e creazione di impresa dell’Ateneo </li></ul><ul><li>A ciò si aggiunge la difficoltà a cogliere, all’interno delle attività di ricerca progettate, programmate e realizzate quelle che, debitamente istruite e sviluppate, possano offrire le migliori potenzialità di sviluppo ai fini della loro successiva valorizzazione </li></ul>
  4. 4. Le domande Perché fare scouting? La tendenza a specializzare e professionalizzare la funzione di tutela dell’IP e di trasferimento rende ancora più pressante l’esigenza di rafforzare strumenti e competenze per la valutazione dei risultati della ricerca, garantendo un bacino di opportunità adeguato Come fare scouting? Attraverso una gestione consapevole e calibrata dei percorsi di ricerca (collaborazione con l’Industria, licensing, creazione di impresa) e l’applicazione di conoscenze e strumenti specialistici (IP e business planning)
  5. 5. Rete di incentivi e programmi <ul><li>La rete di inventivi e programmi di supporto all’avvio di iniziative di valorizzazione passa attraverso: </li></ul><ul><li>le politiche universitarie incentivanti (Regolamenti brevetti e spin-off) </li></ul><ul><li>i servizi erogati dai TTO delle università (gestione dell’IP e supporto alla creazione di spin-off) </li></ul><ul><li>i programmi di finanziamento destinati alla realizzazione di progetti di ricerca applicata e trasferimento tecnologico (ad es. Bandi Metadistretti e Dote ricerca applicata di Regione Lombardia; Art 11 D.Lgs. 297/99 MIUR) </li></ul><ul><li>l’assistenza dei centri per l’innovazione degli enti territoriali e delle realtà associative (ad es. Technoscouting) </li></ul><ul><li>i percorsi di sostegno all’imprenditorialità (ad es. Start cup Regione Lombardia) </li></ul>
  6. 6. Il ruolo dei ricercatori Lo scouting è una sfida innanzitutto per ricercatori, chiamati per primi ad individuare le ricerche ed i risultati più meritevoli di protezione con un orientamento all’applicazione industriale, al fine di procedere ad una loro valorizzazione mirata
  7. 7. Valutare le opportunità della ricerca <ul><li>Per porsi nelle condizioni di valutare in modo efficace le opportunità scaturenti dalla ricerca: </li></ul><ul><li>riorganizzare la stessa funzione di ricerca per migliorarne modalità e strumenti di gestione </li></ul><ul><li>introdurre nelle fasi iniziali (sin dalla pianificazione progettuale e quindi anche molto prima degli sbocchi di valorizzazione) approcci tipici della funzione di trasferimento tecnologico </li></ul>
  8. 8. Dai ricercatori per i ricercatori <ul><li>Elementi che condizionano l’incidenza del processo di scouting: </li></ul><ul><li>valutazione dei possibili sbocchi applicativi di un progetto (pianificazione strategica) </li></ul><ul><li>scelta dei programmi di finanziamento più idonei rispetto agli obiettivi di valorizzazione (scelta degli strumenti finanziari) </li></ul><ul><li>gestione delle attività di ricerca secondo modalità tutelanti (quaderni di laboratorio; riservatezza sui risultati; definizione di ruoli e rapporti all’interno del gruppo di ricerca) </li></ul><ul><li>individuazione delle applicazioni che rivestono i requisiti della proprietà industriale tutelabile (conoscenze specialistiche in materia di IP, moduli di disclosure e auto-valutazione) </li></ul><ul><li>definizione della disciplina dei rapporti di collaborazione o di conto-terzi in coerenza con gli obiettivi di valorizzazione (tutela del contributo inventivo) </li></ul>
  9. 9. Le iniziative dell’Università degli Studi di Milano <ul><li>Lo scouting tematico realizzato presso le strutture di ricerca dell’Ateneo ha dato luogo a due significative pubblicazioni: </li></ul><ul><li>“ Le sfide ambientali”: repertorio di attività e competenze nel campo delle tecnologie energetiche e ambientali </li></ul><ul><li>“ La Facoltà di Agraria incontra le imprese: Ricerche, Innovazione e Trasferimento Tecnologico”: progetti, competenze e applicazioni in campo agro-alimentare </li></ul>
  10. 10. Il progetto SCATTO SCATTO - SCouting delle opportunità ed Attività dei TTO in materia di valorizzazione della ricerca universitaria lombarda Partenariato: Università degli Studi di Milano Università degli Studi di Milano-Bicocca Politecnico di Milano Università degli Studi di Pavia Università degli Studi di Bergamo Il progetto si pone l’obiettivo di consolidare, coordinare e finalizzare a livello regionale le diverse iniziative messe in atto in questi anni dai diversi Atenei in materia di visibilità e diffusione delle competenze, del know-how e dei risultati trasferibili
  11. 11. Le “Antenne” del TT <ul><li>Lo scouting di idee e competenze nell’ambito del progetto Scatto sarà realizzato tramite due azioni principali: </li></ul><ul><li>Formazione/sensibilizzazione ed operatività dei ricercatori sui temi del trasferimento tecnologico (20 ricercatori/assegnisti/contrattisti di ricerca e consisterà nel dotare queste figure, anche in relazione alle attività di collaborazione con imprese e contratti di ricerca collaborativa, delle necessarie competenze in materia di gestione e valorizzazione della proprietà intellettuale e del trasferimento </li></ul><ul><li>La successiva fase di messa in opera vedrà i formati ripartiti e specializzati in due funzioni: </li></ul><ul><li>una parte, tre quarti del totale, saranno direttamente impiegati all'interno delle strutture di ricerca su cui avviene la sperimentazione, con funzione di &quot;antenne decentrate&quot; del sistema </li></ul><ul><li>- un'altra parte, almeno 5 unità, una per ogni Ateneo, sarà impiegata con la funzione di &quot;antenne centrali&quot; del sistema </li></ul>
  12. 12. Grazie per l’attenzione! UNIMITT - Centro per l’Innovazione e il Trasferimento Tecnologico dell’Università degli Studi di Milano Roberto Tiezzi: [email_address] tel. 02.503.12083

×