Minist. Russo & Transfer Factor - www.4lifegroup.it

2,888 views

Published on

Ministero della Salute e Sviluppo Sociale della Federazione Russa
I fattori di trasferimento in Usa Immunorehabilitation Dopo
Infettivo-infiammatori e malattie somatiche
METODOLOGICA LETTERA

Mosca, 2004
MINISTERO DELLA SALUTE E SOCIALE
SVILUPPO DELLA FEDERAZIONE RUSSA
"APPROVED"

Direttore del servizio medico e il Dipartimento di sviluppo del trattamento
Per le strutture, il recupero del benessere (Kurortology) RA Khalfin, 30.07.04 n ° 14/231

I fattori di trasferimento USO IN IMMUNOREHABILITATION DOPO
Infettive INFIAMMATORIE E le malattie somatiche Metodologiche Lettera

Mosca, 2004
Copyright 2005 dal Centro di MicroNutrientology

Pubblicato da:

Centro di MicroNutrientology
Mosca, Federazione Russa
Stampato negli Stati Uniti d'America.

*********************************************

4LIFE INTERNATIONAL GROUP (www.4lifegroup.it ) nasce con l'intento di far conoscere a tutti un prodotto innovativo, il TRANSFER FACTOR (video in italiano http://bit.ly/g6oe3C), completamente naturale al 100%, frutto di 50 anni di ricerche e coperto con 4 brevetti mondiali, capace di informare e potenziare il nostro Sistema Immunitario affinchè il nostro organismo reagisca meglio alle più svariate malattie provocate da virus, neoplasie, allergie e malattie autoimmuni.

I Fattori di Trasferimento sono piccole molecole messaggere che trasferiscono informazioni immunologiche da un’entità ad un’altra, per esempio dalla madre al neonato. Le cause dell’indebolimento del nostro sistema immunitario sono molteplici e spesso legate allo stress, all’inquinamento e contaminazione ambientale, alla cattiva alimentazione, ai nuovi ceppi di “superbatteri” dovuto all’eccessivo consumo di medicine.

Anche gli antibiotici, usati troppo spesso e in dosi eccessive per combattere le infezioni hanno, a lungo termine, effetti negativi sul sistema immunitario

Le conseguenze di un sistema immunitario indebolito o deficitario, sono la causa di infezioni e malattie sempre più frequenti e prolungate.

I processi di estrazione dei Fattori di Trasferimento dal colostro vaccino e dal tuorlo dell’uovo, sono protetti da brevetto degli USA nr. 6.468.534 (colostro e tuorlo) e nr. 6.866.868 (tecnica di estrazione), ed altri brevetti in attesa di registrazione.
Oltre 3.000 ricerche scientifiche e test fatti in laboratori indipendenti, indicano che la formula 4Life Transfer Tri-Factor aumenta l’efficacia del sistema immunitario incrementando l’attività funzionale delle NK Cells (Cellule Natura Killer) del 473%.

Le cellule NK sono le barriere difensive del sistema immunitario.


http://it.youtube.com/4lifeNetworkGroup
video in italiano http://bit.ly/g6oe3C
http://www.slideshare.net/4life_international_group/presentations
http://www.slideshare.net/Patologie_4lifegroup/documents
http://www.slideshare.net/Schede_Prodotti_4life_TF
http://www.slideshare.net/TFPentru_Viata_4lifeGroup/documents

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,888
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
9
Actions
Shares
0
Downloads
18
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Minist. Russo & Transfer Factor - www.4lifegroup.it

  1. 1. www.4lifeitalia.info In fase di traduzione. Info +39 0121.32.66.66 Tron Gianet Giorgio Editore - giorgiotrongianet@virgilio.it4LIFE INTERNATIONAL GROUP (www.4lifegroup.it ) nasce con lintento di farconoscere a tutti un prodotto innovativo, il TRANSFER FACTOR (video in italianohttp://bit.ly/g6oe3C ), completamente naturale al 100%, frutto di 50 anni diricerche e coperto con 4 brevetti mondiali, capace di informare e potenziare il nostroSistema Immunitario affinché il nostro organismo reagisca meglio alle più svariatemalattie provocate da virus, neoplasie, allergie e malattie autoimmuni.I Fattori di Trasferimento sono piccole molecole messaggere che trasferisconoinformazioni immunologiche da un’entità ad un’altra, per esempio dalla madre alneonato. Le cause dell’indebolimento del nostro sistema immunitario sono molteplicie spesso legate allo stress, all’inquinamento e contaminazione ambientale, allacattiva alimentazione, ai nuovi ceppi di “superbatteri” dovuto all’eccessivo consumodi medicine. Anche gli antibiotici, usati troppo spesso e in dosi eccessive percombattere le infezioni hanno, a lungo termine, effetti negativi sul sistemaimmunitarioLe conseguenze di un sistema immunitario indebolito o deficitario, sono la causa diinfezioni e malattie sempre più frequenti e prolungate. I processi di estrazione deiFattori di Trasferimento dal colostro vaccino e dal tuorlo dell’uovo, sono protetti dabrevetto degli USA nr. 6.468.534 (colostro e tuorlo) e nr. 6.866.868 (tecnica diestrazione), ed altri brevetti in attesa di registrazione.Oltre 3.000 ricerche scientifiche e test fatti in laboratori indipendenti, indicano che laformula 4Life Transfer Tri-Factor aumenta l’efficacia del sistema immunitarioincrementando l’attività funzionale delle NK Cells (Cellule Natura Killer) del 473%.Le cellule NK sono le barriere difensive del sistema immunitario. [TRANSFER FACTOR & 4LIFE] Ministero della Salute e Sviluppo Sociale della Federazione Russa. I fattori di trasferimento
  2. 2. Link Originale: http://www.linked2.info/russianbooklet.htm Ministero della Salute e Sviluppo Sociale della Federazione Russa I fattori di trasferimento in Usa Immunorehabilitation Dopo Infettivo-infiammatori e malattie somatiche METODOLOGICA LETTERA Mosca, 2004 MINISTERO DELLA SALUTE E SOCIALE SVILUPPO DELLA FEDERAZIONE RUSSA "APPROVED" Direttore del servizio medico e il Dipartimento di sviluppo del trattamento Per le strutture, il recupero del benessere (Kurortology) RA Khalfin, 30.07.04 n ° 14/231 I fattori di trasferimento USO IN IMMUNOREHABILITATION DOPO Infettive INFIAMMATORIE E le malattie somatiche Metodologiche Lettera Mosca, 2004 Copyright 2005 dal Centro di MicroNutrientology Pubblicato da: Centro di MicroNutrientology Mosca, Federazione Russa Stampato negli Stati Uniti dAmerica. 2PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  3. 3. LETTERA METODOLOGICI La presente comunicazione presenta i risultati di studi clinici, che sono stati progettati per studiare lefficacia di un prodotto derivato complesso colostro, Transfer Factor ™ (e Transfer Factor Plus ™), in varie condizioni patologiche e per studiare linfluenza di mediatori cellulari, che sono integrate in Transfer Factor, su diversi componenti del sistema immunitario. Gli autori danno consigli relativi allutilizzo di prodotti Transfer Factor nella pratica medica. Questa lettera metodo è stato esaminato e approvato nella riunione di coordinamento centrale del Consiglio metodologici di Altay State Medical University (protocollo n. 4, 2033/05/11) e inviato al Ministero della Salute e dello Sviluppo Sociale della Federazione russa per la loro considerazione. Autori: Accademico Vorobiev AA, Accademia Russa delle Scienze Mediche (RAMS), Onorato Federazione russa (RF) Scientist, Dottore di Immunologia. Professori Iu.V. Telnukh, Khalturina MD e EO, MD, Accademia di medicina Sechenov, Mosca, HM, MV Kisielevsky RF.Professor, MD, Blokhin russo Cancer Research Center, RAMS. Medici Karbuishea NV, MD, VM Granitov Professore, e Professori Associati AS Khabarov, Kipriyanov DV, N.Iu. RAIU, Ospedale civico # 5, MedicalUniversity Stato Altay, Barnaul. I candidati of Medical Sciences Sultanov LV, E.Iu. Kozhevnikova, Belyikh SI, Altay Centro Regionale per la prevenzione e di controllo. Professori VA Dadli, Rak AV, ES Stolpnyik, GA I candidati Baslovich, Gaykovskaya LB, San Pietroburgo lAccademia di Stato Mechnikov Medical. Medici E. Oganova, MD e CW McCausland, PhD scienze chimiche, 4Life Research, USA. Professore Associato GM Letifov, MD, Rostov State University Medical. Revisori : Accademico Tutelian BA, direttore dellIstituto di Ricerca RAMS della Nutrizione. Professor Karaulov AV, MD, Dipartimento di Immunologia Clinica, Medicina Sechenov Academy, Mosca. 3PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  4. 4. 1. Sommario 2. Prefazione .............................................................................................................. 5 3. Concetti attuale dello sviluppo della risposta immunitaria ............................................. 7 4. Il colostro Derivato fattori di trasferimento - Una nuova generazione di agenti immunomodulanti ....................................................................................................... 11 5. Transfer Factor ™, ................................................................................................. 14 6. Luso dei fattori di trasferimento in diverse patologie ................................................. 15 Lefficacia delluso del TF in Epatite Virale .................................................................... 15 7. Luso della TF nelle infezioni da clamidia .................................................................. 17 8. Lefficacia delluso del TF in Osteomielite .................................................................. 19 9. LUtente del TF in Immunorehabilitation terapia dellinfezione da HIV ........................... 20 10. LUtente del TF nel trattamento complesso di condizioni atopica ............................... 21 11. Effetto immunomodulante di utilizzo del TF in Opisthorchiasis .................................. 22 12. Il ruolo del TF in Immunorehabilitation di pazienti oncologici.................................... 23 13. Lefficacia di TF PLUS nel complesso trattamento dellulcera duodenale ..................... 24 14. Metodi di utilizzazione del TF e dosaggi raccomandati ........................................... 25 Cura di malattie........................................................................................................ 25 15. Conclusioni ........................................................................................................ 28 16. Riferimenti ........................................................................................................ 29 17. Il Transfer Factor in Italia: ................................................................................... 34 4 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  5. 5. 2. Prefazione I progressi della civiltà, del progresso scientifico e tecnico e realizzazioni nel campo della medicina non hanno contribuito a ridurre lincidenza delle malattie infettive e non infettive tra le popolazioni del pianeta. Al contrario, il numero di malattie oncologiche, cardiovascolari, respiratorie ed endocrino malattie e neuropsychiatic è in crescita. Un nuovo gruppo di inflessioni emergenti, i cosiddetti, compreso lAIDS, lepatite di tipo parenterale ed altri sono apparsi. La popolazione della Terra ha registrato un calo generale resistenza a causa globalmente sfavorevole sociale (malnutrizione), ecologici (latmosfera e linquinamento dellambiente con molti dalla tecnologia moderna) e medici (uso ingiustificato di alcuni, farmaci stupefacenti, alcool, stress e così via) fattori che sono alcune delle cause della situazione attuale. Tutti questi fattori sono dannosi per il sistema immunitario e possono causare immunodeficienza. Luso di modulatori immunitari è uno dei principali mezzi per mantenere le normali funzioni del sistema immunitario e per ripristinare limmunità in condizioni immunodeficienti. immunomodulatori sia sostanze naturali e sintetiche sono in grado di stimolare o sopprimere il sistema immunitario. Una moltitudine di modulatori immunitari sono usati nella pratica medica, ma la loro efficacia e le altre proprietà che definiscono la loro sicurezza, semplicità di utilizzo e fattori di economia sono molto diversi (AA Vorobiev, RAMS Bulletin, # 4, 2002). Naturale, modulatori endogeni immunitario, che contengono sostanze di base che prendono parte a processi di regolazione immunitaria, sono la più accettabile e adeguato per luomo. Essendo composto di peptidi naturale ottenuto da latte vaccino colostro Transfer Factor ™ è considerato uno come modulatori immunitari. Il mainfunction di questi peptidi nel corpo è di fornire una protezione immunitaria contro i microbi (batteri, virus, funghi, protozoi), le cellule cancerose, e altri antigeni in grado di disturbare i processi vitali nel corpo. I fattori di trasferimento stimolare il braccio cellulari del sistema immunitario (linfociti killer in particolare), attivare la sintesi immunocytokine, e regolano le funzioni immunitarie. Transfer Factor è superiore ad altri, modulatori anche noto immunitario essere estremamente efficace per stimolare il sistema immunitario. Possiede un ampio spettro di azione, è sicuro, è utilizzato per via orale sotto forma di capsule gelatinose, non ha controindicazioni, non provoca effetti collaterali ed è efficace sia negli adulti e nei bambini. Transfer Factor è stato utilizzato con successo per molti anni per il trattamento e la prevenzione di infezioni batteriche, virali, infezioni fungine, malattie parassitarie, tumori 5 maligni, malattie autoimmuni, nevrastenico, allergica e disturbi endocrini, immunodeficienze Pagina primarie e secondarie e nelle malattie accompagnate da disturbi immunitari funzioni.Info: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  6. 6. Transfer Factor ™ e Transfer Factor Plus ® prodotti sono stati ampiamente studiati incliniche e istituti di ricerca russi. Ciò ha contribuito a generalizzare i risultati clinici in forma di raccomandazioni metodologiche. Questa lettera metodologico ha lo scopo di conoscere medici, studenti di medicina, residenti clinici e laureati post con le informazioni correnti, riguardanti i meccanismi di risposta del sistema immunitario a fattori esogeni di origine virale e batterica, con le proprietà dei prodotti Transfer Factor e dei risultati del studi mirati alla valutazione della loro efficacia in diverse condizioni patologiche. Accademico Vorobiev Anatoly A. Accademia Russa delle Scienze Mediche Federazione russa Scientist Onorato Dottore di Immunologia I fattori di trasferimento Uso Immunorehabilitation Dopo le malattie infettive-infiammatorie e somatiche LETTERA METODOLOGICI 6PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  7. 7. 3. Concetti attuale dello sviluppo della risposta immunitaria Meccanismi e principi Restauro di ridotta funzionalità delle cellule immunocompetenti Gli ultimi decenni del 20 ° secolo e linizio del 21 ° secolo sono caratterizzati da un alto tasso di malattie infettive connesse con la proliferazione di microrganismi patogeni e di una maggiore aggressività della microflora opportunistiche. Limportanza del problema della prevenzione delle malattie infettive è diventato particolarmente urgente sia per linsorgere di malattie precedentemente sconosciute (AIDS) e lassenza di trattamenti profilattici efficaci per un certo numero di infezioni ben noti (malattie respiratorie acute, infezioni intestinali acute, ecc ). Lalto tasso di infezioni virali e batteriche è causata non solo dalla resistenza sviluppata dai microrganismi, ma anche da disturbi nei meccanismi protettivi dellospite derivanti da numerosi fattori di rischio esterni ed interni, e da immunodeficienza congenite ed acquisite. Nonostante i progressi notevoli nel campo della profilassi e la terapia antibatterica specifica delle malattie infettive, il problema è ancora molto pressante a causa della resistenza acquisita da microrganismi patogeni ai moderni metodi di trattamento. La situazione sembra essere una lotta eterna tra i microrganismi patogeni e umanità nella lotta per la sopravvivenza. In questa situazione lunica alternativa alla vaccinazione o terapia antibatterica può essere limpiego di immunomodulatori in grado di migliorare limmunità aspecifica e specifica contro le infezioni e la regolamentazione del funzionamento del sistema immunitario. Immunomodulatori possono rivelarsi molto utili per rafforzare immunoprofilassi specifica durante stimolazioni di emergenza quando i meccanismi di difesa del corpo di fronte alla sfida di una infezione virulenta, per affrontare un organismo patogeno sconosciuto, in caso di un aumentato rischio di infezione, o fallimenti del trattamento convenzionale. immunogenicità dellantigene e il riconoscimento svolgono un ruolo importante nel definire il carattere delle interrelazioni tra un agente straniero e lospite e la formazione di unadeguata immunità specifica (35, 48). Fagocitosi dei microrganismi seguita da digestione intracellulare è la fase iniziale di una reazione immunitaria. polimorfonucleati neutrofili e macrofagi sono le principali cellule fagocitarie. Una cascata di reazioni enzimatiche promuovere lattivazione dellimmunità umorale legato fattori non specifici (componenti del complemento), aumentando così la permeabilità dei capillari, migliorando la leucociti polimorfonucleati chemiotassi e conseguente lingestione di microrganismi da parte dei fagociti. Numerosi intracellulare meccanismi indipendenti di ossigeno dipendente e ossigeno battericida sono poi occupati. Lafflusso di leucociti polimorfonucleati e laumento della permeabilità 7 vascolare portare a una reazione infiammatoria acuta potente antimicrobico. PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  8. 8. Alcuni anticorpi specifici distruggere i microrganismi che non riuscire ad innescare una via alternativa di attivazione del complemento o impedire lattivazione fagocitaria delle cellule. Un anticorpo forma un complesso con un antigene e si attiva ad integrare in maniera classica, seguita da fagocitosi avanzata. Gli anticorpi sono costituiti da plasmacellule, linfociti B di essere loro precursori. Ogni Blymphocyte è programmato per sintetizzare alcuni anticorpi specifici costituiti da IgA, IgM, IgG, IgD o IgE .. Unaltra popolazione linfocitaria, vale a dire i linfociti T, i controlli di altri tipi di malattia agenti comprese le infezioni intracellulari. Come B-linfociti, ogni linfocita T è dotato di uno specifico recettore che riconosce un antigene. Più tardi T0-cellule sono differenziate in sottogruppi che fanno T-helper (Th), che partecipano alla formazione di T citotossici linfociti e T-soppressori (Ts), che controllano la forza della risposta immunitaria e natural killer (NK) la risposta cellulare. Il sistema a due fasi specifiche di sviluppo della risposta immunitaria che è stato confermato sia sperimentalmente e clinicamente, è una vivida illustrazione di influenza altamente immunogenica di un antigene (49). Secondo questo concetto è lattività direttiva dei mediatori cellulari (citochine) che causa lattivazione dei macrofagi, la fagocitosi di microbi (virus) e la presentazione del immunogenica antigeni più di linfociti T con conseguente differenziazione. Si è stabilito che durante la prima fase della risposta immunitaria un macrofago è attivato sia dal suo proprio citochine (IL-1) e di citochine (fattore di attivazione dei macrofagi, IL-2 & 4, INF-a, INF-g), prodotto dalla Th0 linfociti. Questo complesso di citochine è inteso a indurre lattività della 2 ª classe di antigeni del Complesso Maggiore di Istocompatibilità (MHC), che sono sulle membrane delle cellule presentanti lantigene (49, 51, 56). antigene macrofagi e altre cellule presentanti gli antigeni presenti a T0-linfociti per innescare la fase specifica risposta cellulare della risposta immunitaria. Va sottolineato che sia la produzione e lattivazione di mediatori reazione cellulare (citochine) in condizioni fisiologiche si verificano contemporaneamente con le citochine funziona come un sistema unificato armonioso. Un impatto su qualsiasi componente uno dei immune sistema influisce inevitabilmente la funzione delle sue componenti di altri (50). Ciò costituisce la base della moderna teoria del regolamento di rete del sistema immunitario (24, 50), che postula che ogni singolo elemento di regolazione immunitaria citochina è funzionalmente collegato a molti altri elementi. Così, il sistema delle citochine intero è una struttura di rete in fase di costante interazione tra le sue diverse componenti ed è per questo uno squilibrio della funzione di rete di citochine è alla base delle manifestazioni patologiche in molte malattie (41). Sia il tipo di risposta immunitaria e dei processi di proliferazione cellulare e la differenziazione dei sistemi 8 emopoietico e immunitario dipende lequilibrio delle cellule mediatore. PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  9. 9. In precedenza, RM Khaitov e BV Pinegin (49) ha presentato uno schema che descrive lo sviluppo graduale di una risposta immunitaria specifica di un antigene altamente immunogenico di origine batterica o virale. Secondo lo schema, gli antigeni infettivi prima attivare non specifici meccanismi di resistenza preimmune tra cui: — I fattori di resistenza naturale, che sono più attivi durante le prime 4 ore; — I fattori di una risposta precoce inducibile che durano 96 ore. Alla luce delle scoperte moderne le interrelazioni e il ruolo delle popolazioni e sottopopolazioni di linfociti e citochine, i meccanismi di interazione di tutti gli elementi della non-specifici origine monocitaria-macrophagal, e limportanza dellattività di classe 1 e classe 2 di antigeni il MHC per lo sviluppo di una fase specifica della risposta immunitaria, sono definiti e ha sottolineato in tutte le fasi di sviluppo della risposta immunitaria. Leffetto degli antigeni con bassa risposta immunogenico si differenzia fortemente da quello degli antigeni ad alta risposta immunogenica. bassa responder non sono in grado di reagire con le cellule presentanti lantigene, di provocare lattivazione della risposta del sistema immunitario macrophagal con la produzione delle citochine prima fase, o di aumentare il numero dei 2antigens classe del MHC (1, 2). In croniche malattie infettive-infiammatorie causate da flora opportunistico, la fase monocitica-macrophagal non è attivato e la presentazione del complesso (antigene più determinante MHC di classe 2) per Th0 linfociti seguito dallo sviluppo della fase specifica della risposta immunitaria fa non avere luogo. La formazione di una immunità adeguata e stabile derivanti da vaccinazioni dei bambini non dipende solo dalla proprietà immunogeniche di antigeni della risposta immunitaria, ma sulla forza e la fermezza della risposta immunitaria. risposte di tipo immunitario debole o atopica immunitario non montare una forte resistenza iniziale e collettiva alle infezioni. La produzione preferenziale e lattivazione di alcune citochine può essere un mercato di una determinata condizione patologica. Così, i bambini affetti da malattie delle vie respiratorie superiori infiammatorie con frequenti riacutizzazioni che rispondono poco alle terapie tradizionali, mostrano una maggiore produzione di citochine proinfiammatorie (47) A lungo termine funzione immunitaria in condizioni di infezione cronica recidivante porta probabilmente ad uno spostamento dellequilibrio delle citochine a una scala alterata quantitativi e qualitativi accompagnato da un costante stimolo per la loro espressione, sostenendo in tal modo il processo infiammatorio. In questa situazione la terapia immunomodulante può contribuire alla risposta rinnovata e inizialmente alla produzione di citochine proinfiammatorie attivare un processo altrimenti riposo contro linfezione. Un approccio ben noto per il trattamento di infezioni persistenti dormienti si basa su questo principio. Si rivolge a loro provocazione seguita da un efficace trattamento complesso. Ci sono 9 convincenti dati clinici e sperimentali su luso di alcune immunomodulatori stimolante usato per Pagina attivare il collegamento monocitica-macrophagal del sistema immunitario (15, 3). SodioInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  10. 10. nucleinato myelopid, likopid, polyoxidony, echinacea e altri sono tra i quali immunomodulatori (14, 17, 23). Il principale trattamento per lattivazione non-immunoterapia specifica è luso di interferone (IFN) prodotti (amyxin, cycloferon, neovir), macrofagi, B-e T-linfociti come stimolatori (prodotti timo, pirogenal, prodigiosan, etc), naturale e ricombinante IFN con effetti antivirali e immunomodulanti così come le interleuchine e di altre citochine. In alcuni pazienti la terapia con IFN produce effetti collaterali e induce processi autoimmuni. Così, gli agenti popolare anche come IFN non può essere considerata come una panacea e la loro efficacia in alcune infezioni virali non supera il 30-50%. Le citochine sono noti per regolare la funzione delle cellule presentanti lantigene, così marcatamente accorciando il periodo di produzione di anticorpi specifici e migliorare la presentazione di antigeni di cellule immunocompetenti. Linfiammazione cronica è una condizione di equilibrio instabile tra i processi di lunga clinicamente lieve infiammazione e la risposta delle cellule immunocompetenti. Disturbo di questo equilibrio può essere indotta da una infezione supplementare o da agenti immunosoppressivi, che sopprimono leffetto o funzioni del sistema immunitario. Ogni riacutizzazione di un processo infiammatorio cronico attiva il sistema immunitario e ristabilisce lequilibrio in un altro, più basso livello di difesa. Immunocorrecting terapia deve essere effettuata durante la remissione di queste malattie croniche infettive-infiammatorie. Può essere un reggimento in tre fasi: Prima t periodo: immunostimolazione intensivo (20-30 giorni) 2 ° periodo: terapia di mantenimento 3 ° periodo: immunorehabilitation misure Immunorehabilitation sono un tema centrale della attuale biologia umana. In questa fase del regime di immunomodulatori naturali come agenti fotochimici, adattogeni, i fattori di trasferimento, luoghi di cura riparatoria e altri mezzi devono essere utilizzati più ampiamente. 10 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  11. 11. 4. Il colostro Derivato fattori di trasferimento - Una nuova generazione di agenti immunomodulanti La scoperta dei fattori di trasferimento da parte del SA Lawrence nel 1949 ha segnato linizio di una nuova era nello sviluppo di immunologia (32, 33, 54). Ha stabilito che limmunità può essere trasferito da una persona ad unaltra mediante iniezione di leucociti estratto contenente molecole di nome fattori di trasferimento. Le ottime proprietà di queste molecole segnale immunoactive chiamati fattori di trasferimento sono in grado di rivoluzionare la medicina. Secondo Kirkpatrick, et al (46) fattori di trasferimento sono peptidi costituiti da 44 amminoacidi. A differenza di anticorpi, che hanno grandi masse molecolari, molecole di fattore di trasferimento sono solo una piccola fazione di dimensioni anticorpi e hanno un peso molecolare inferiore a 10.000 dalton. Secondo alcuni autori, i confini sono compresi tra 3.500 a 5.000 dalton. In seguito si scoprì che i fattori di trasferimento non sono specifici per specie, ma in possesso di un versatile efficacia a prescindere dalla specie biologiche del donatore o del ricevente. Pertanto, esse possono essere forniti da diversi mammiferi, cioè in grado di trasferire limmunità per le persone anche se sono derivati ??da una specie di mammiferi differenti. Secondo i fattori di trasferimento dati di letteratura esercitare molteplici impatti sul sistema immunitario, che regola le funzioni di T- soppressori, T-killer e macrofagi (31). Transfer Factor ™ (TF) (prodotto da 4Life Research, USA) è un prodotto ipoallergenico, privo di caseina, lactoglobulins ed altre proteine di grandi dimensioni, ma contiene frazioni di citochine intatto identico a citochine leucocitaria. AA Vorobiev Accademico dellAccademia Russa delle Scienze Mediche sottolinea che a differenza di immunomodulatori diversi Transfer Factor è un ampio spettro di attività, è sicuro, è somministrato per via orale, non ha controindicazioni o effetti collaterali, ed è efficace sia negli adulti e nei bambini. Essere versatile fattori di trasferimento immunocorrectors induce, moderati e / o normalizza la risposta immunitaria. A seconda del tipo di disturbo stimola limmunità sia debole, o normalizza o aumenta protratta reazioni immunitarie, impedendo così linsorgere di processi patologici. Questi effetti sono dovuti al fatto che il TF ha tre frazioni principali, con il loro nome secondo il suo principale effetto sul sistema immunitario: fattori induttore, antigene specifico trasferimento e suppressor. Induttori di fornire la disponibilità generale del sistema immunitario per respingere gli aggressori. fattori di trasferimento antigene specifico sono un insieme di determinati antigeni e citochine che aiutano il sistema immunitario a riconoscere molti microrganismi e gli antigeni in anticipo. Soppressori di evitare che il sistema immune da concentrare tutta la sua forza su una infezione 11 sconfitto, ignorando altre minacce. Soppressori anche regolare lintensità di risposta immunitaria, evitando così le reazioni autoimmuni. Le citochine, una parte della composizione Pagina del TF, regolano le funzioni delle cellule suppressor, aiutano a mantenere unadeguata reazioneInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  12. 12. immunitaria e il grado di attivazione del processo, vale a dire reazioni del corpo può diventare prevedibile e gestibile. Il presentanti lantigene TF componenti sono stati trovati per abbreviare il periodo prima della produzione di anticorpi aumentando il processo di presentazione dellantigene alle cellule immunocompetenti. Come regola generale, la persistenza di una infezione cronica è conosciuto per essere a causa dellinadeguatezza delle funzioni digestive f fagociti e macrofagi; questo protrae il periodo di presentazione antigeni stranieri per i linfociti T, e di garantire la produzione di anticorpi. Transfer Factor varietà di meccanismi e di azioni, la loro origine naturale e la mancanza di controindicazioni ampliare la sfera della loro applicazione. Lantigene di componenti specifici di TF influenzano lattività dei macrofagi e linfociti T citotossici, contribuendo in tal modo il sistema immunitario a riconoscere alcuni microrganismi e gli antigeni. E, a causa delle fasi di riconoscimento dellantigene e la presentazione di cellule produttrici di anticorpi sono saltati, ma anche aumenta notevolmente la produzione di anticorpi specifici, portando sulla sintesi degli anticorpi con una pronta "matrice" di un fattore specifico antigene. Un aspetto molto importante degli effetti dei fattori di trasferimento è lattivazione non specifica delle reazioni macrophagal che contribuiscono a completare la fagocitosi, il riconoscimento di eventuali antigeni da parte dei macrofagi, e la loro presentazione ad altre cellule immunocompetenti. Un processo simile è abitualmente compiuto dai macrofagi situati in zone Peyer nellintestino. In questo modo un livello stabile di anticorpi naturali di difesa e il tasso di produzione di anticorpi specifici contro alcuni microrganismi patogeni entrano nel corpo attraverso il tratto gastrointestinale sono regolamentati. La natura ha messo a punto il mezzo più efficace e tempestivo per proteggere i neonati da fattori di trasferimento trasmissione da madre a figlio. Durante le prime ore e giorni di mediatori dellinformazione vita e gli anticorpi immunoglobulina pronto entrare nel corpo di un neonato tramite il colostro fornisce una protezione non solo come una misura di pronto soccorso su un incontro di agenti patogeni infettivi, ma anche per "insegnare" macrofagi e linfociti intestinali patch Peyer di riconoscere velocemente antigeni estranei e innescare i meccanismi di protezione immunitaria. Linteresse scientifico per i fattori di trasferimento è accentuato dal fatto che dal momento della loro scoperta più di 40 milioni di dollari sono stati spesi per le loro ricerche, più di 3000 articoli scientifici sono stati pubblicati e undici conferenze internazionali sono state organizzate. Nonostante questi fatti, lo studio di aspetti strutturali ed i meccanismi di entrata in vigore di trasferimento fattori sono ancora difficili problemi per gli scienziati coinvolti (46). I8 fattori di difesa partecipare ad un certo grado di sviluppo di quasi tutte le condizioni patologiche. Un 12 trattamento efficace di molte malattie infettive, autoimmuni e allergiche dipende dallutilizzo tempestivo di farmaci immunocorrecting. Il modo in cui un particolare sistema immunitario PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  13. 13. sistema risponde a fattori negativi e lambiente in cui un processo patologico nasce e si sviluppa sono di grande importanza. Si deve rilevare che, poiché la scoperta di fattori di trasferimento di più di 50 anni fa sono diventati uno dei mezzi più efficaci per rafforzare la resistenza del corpo a vari fattori negativi. I loro effetti immunocorrecting dimostrato in molte malattie infettive e somatiche sono stati studiati e segnalati da scienziati di diversi paesi. ampio spettro fattori di trasferimento degli effetti clinici, che sono stati segnalati al 11 ° simposio internazionale (dedicato al trasferimento dei fattori), ha incoraggiato i medici di raccomandare ai pazienti di diverse età, dai bambini agli anziani di essere trattati in reparti di terapia intensiva. Lefficacia della somministrazione orale di fattori di preparazione di un trasferimento è stato anche segnalato. Grazie alla sua grande efficacia TF può essere utilizzato in combinazione con altri immunomodulatori e adattogeni. Luso di TF in combinato disposto con adattogeni come immunal, tactivin, thymogen, myelopid e altri vi aiuterà a dirigere il loro effetto immunomodulante lungo i sentieri di citochine e la produzione di anticorpi. Comparativa dei dati scientifici ottenuti dalle indagini di laboratorio confermano leffetto stimolante sul Natural Killer (NK) da TF e Transfer Factor Plus ®. E stato stabilito che TF è molto più attivo rispetto ad altri ben sapete immunomodulatori, poiché TF aumento dellattività NK del 103% e adaptogens fortificato TF PLUS del 248% (32, 46). Studi in vitro effettuati da MV Kisielevsky e EO Khalturina (28) al russo Cancer Research Center di dimostrare le cellule mononucleari del sangue da donatori di salute. Leffetto maggiore è stato registrato 48 ore di incubazione delle cellule mononucleari con i prodotti in diverse concentrazioni. Il livello di concentrazione efficace variava dal 0,1-0,0001 mg / ml. Questi prodotti, che contengono le miscele di fattori di trasferimento provenienti da due fonti, il colostro e il tuorlo duovo, sono stati più efficaci in proporzioni 70:30 e 50:50 (bovina: uovo). Lincubazione di questi prodotti con cellule mononucleate portato ad una media aumento della citotossicità delle cellule mononucleate da un minimo del 18% al 80-99% e con alcuni campioni che hanno superato la stimolanti effetti citotossici di interleuchina -2. 13 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  14. 14. 5. Transfer Factor ™, prodotto da 4Life Research, è un concentrato di proprietà dei fattori di trasferimento (Transfer Factor XF ™) derivati da colostro bovino per mezzo di un procedimento esclusivo e brevettato. Forma farmaceutica: capsule gelatinose contenenti polvere di Transfer Factor (concentrato di colostro bovino) e maltodestrine. Transfer Factor Plus ® è un prodotto proprietario di 4Life Research contenente: — Transfer Factor XF polvere (concentrato di colostro bovino) — Zinco monomethoinine 20% (3,3 mg di zinco) — Cordyvants proprietario impasto — Inositolo hexaphosphate — estratto di semi di soia (fitosteroli) — Cordyceps sinensis , la polvere — lievito di Baker (Db-glucano) estratto — Limone, polvere di buccia — Agaricus blazeii estratto del fungo — Aloe polvere di gel ( Aloe vera foglia) — estratto di avena, avena sativa (b-glucano) — Ulivo ( Olea europaea ), polvere di estratto di foglie — Maitake Mushroom ( Grifolea frondsa ) di estratto in polvere — Shitake Mushroom ( Lentinus edodes ) di estratto in polvere. 14 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  15. 15. 6. Luso dei fattori di trasferimento in diverse patologie Con la diversità di immunomodulatori in uscita in grado di produrre uno stimolo o per effetto la soppressione del sistema immunitario, abbiamo scelto di indagare scientificamente luso di prodotti di fattori di trasferimento in condizioni patologiche che necessitano immunocorrection. Studi che dimostrano lefficacia clinica e immunologica di Transfer Factor ™ e Transfer Factor Plus ® nel trattamento di pazienti con infezione da HIV, epatite B e C, herpes, clamidiosi urogenitale, infezioni batteriche gravi (osteomieliti), invasioni da elminti (opisthorchiasis), nonché come tumori maligni (cancro gastrico), dermatosi (psoriasi, dermatite atopica) e lulcera duodenale sono stati effettuati in diverse cliniche della Federazione Russa dal 2000 al 2003. I risultati degli studi clinici, inclusi nel presente documento, ha contribuito a valutare lefficacia e la sicurezza, la durata dei trattamenti, le dosi di prodotti Transfer Factor, e le prospettive del loro impiego non solo nelle malattie sopra menzionate, ma nel complesso il trattamento di varie condizioni patologiche. Lefficacia delluso del TF in Epatite Virale Destabilizzato meccanismi immunitari svolgere un ruolo di primo piano nella patogenesi di epatite parenterale (epatite virale B e C) così come nel corso e gli esiti delle malattie (42, 43). Nonostante una notevole esperienza nel trattamento delle epatiti virali, tra cui quelle croniche, una serie di questioni riguardanti un regime ottimale sono ancora in discussione con le dosi e il trattamento con gli interferoni (INF) che i farmaci di corrente di scelta. Il fatto che il trattamento con INF di un paziente con la forma cronica di epatite C costa $ 10,000 - $ 15,000 richiede la necessità di risolvere questo problema Inoltre, questa prescrizione terapia antivirale ha una lista di altre indicazioni, ma interferoni sono a volte mal tollerato dai pazienti e lospite produce anticorpi contro interferoni ricombinanti. Per queste ragioni la ricerca di agenti di comprovata efficacia terapeutica nei pazienti con epatite virale è abbastanza giustificato. I primi risultati ottenuti da pazienti adulti che ricevono TF insieme con la terapia convenzionale attesta ad una elevata efficacia di citochine cellulare da usare in questo tipo di patologia (9). Insieme con la normalizzazione dei valori biochimici e la diminuzione della carica virale (62% nella maggior parte dei casi), tutti i pazienti ha registrato un netto miglioramento dello stato di generare, erano più efficienti e non ha esperienza di affaticamento eccessivo, e non cera in disagio il diritto ipocondrio Ulteriori studi con i pazienti con forme acute e croniche di epatite virale B e C, in cui i pazienti sono stati seguiti per 6 mesi dopo il trattamento, sono state effettuate dagli stessi autori (19, 15 21). Cinquanta (50) pazienti con epatite cronica virale B e C e 15 pazienti con epatite virale acuta B, ha ricevuto TF, una capsula 3 volte al giorno per 14 giorni. I dati risultanti erano Pagina paragonabili a quelli ottenuti nei pazienti in trattamento convenzionale con interferoni.Info: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  16. 16. Ventiquattro (24) dei pazienti con epatite B acuta e 34 pazienti con epatite cronica C (CVHC) ha ricevuto TF PLUS, 1 capsula 3 volte al giorno per 14 giorni. Il gruppo di controllo, 15 pazienti CVHC, ha ricevuto 3 milioni di UI reaferon (un antivirale IFN) per via intramuscolare 3 volte la settimana. I rimanenti pazienti hanno ricevuto una terapia di base volte a migliorare la secrezione biliare (holoasa o hophitol) e la funzione del fegato (riboxin per os). Identici effetti immunocorrecting sono stati registrati nel gruppo di pazienti che ricevono TF PLUS per 2 settimane e nei pazienti che ricevono terapia con IFN per 3 mesi. Nei pazienti che ricevono PLUS TF ci sono stati precedenti dinamiche di sintomi che sono stati positivi. TF PLUS è stato ben tollerato e non ci sono effetti collaterali rispetto con febbre, dolori articolari e astenia durante la terapia con interferone. Vale la pena sottolineare che lincidenza di remissione virale nei gruppi che hanno ricevuto reaferon e TF Plus è stata la stessa, cioè il 65%. Al tempo stesso il livello di produzione G-interferoni era significativamente più alta nei pazienti trattati con TF Plus Lefficacia del TF e TF PLUS nel trattamento di epatite virale B e C possono essere di grande aiuto nel considerare luso dei prodotti TF come trattamento alternativo in interferoni ricombinanti o come aggiunta alle terapie convenzionali per lepatite virale. I dati ottenuti indicano ulteriori studi di efficacia dei prodotti TF dovrebbe essere condotto a ulteriori pazienti al fine di sviluppare gli schemi più efficaci di trattamento complesso, farmacologicamente efficacia, i corsi di dose e leconomia. 16 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  17. 17. 7. Luso della TF nelle infezioni da clamidia Negli ultimi anni linfezione da clamidia è diventato un serio problema sanitario. La maggior parte delle relazioni di domestico così come autori stranieri sono dedicati alla clamidiosi uro- genitale (40, 52). Luso di antibiotici moderni porta allo sviluppo di effetti collaterali come dysbacteriosis, lesioni tossiche al fegato, e immunodeficienze secondarie. Durante lo sviluppo di misure terapeutiche si deve tener conto del ciclo di sviluppo clamidia, la possibilità di formazione di L-forma (mancanza di una parete cellulare), e la sua perseveranza nel corpo che richiedono non solo la scelta corretta degli antibiotici, ma la ricerca di efficaci immunocorrecting agenti (6). Luso di TF e TF PLUS per il trattamento della clamidiosi uro- genitale nei pazienti adulti è di grande interesse (22, 26). Ventiquattro (24) pazienti di sesso maschile con clamidiosi urogenitale ricevuto una terapia antibatterica secondo lo schema tradizionale per un mese (10 giorni ciascuno di clarythromycin, doxicyclin e ofloxacina). Il secondo gruppo (26 pazienti) ha ricevuto uno 10 giorni di corso di clarythromycin e in aggiunta TF PLUS, 1 capsula 3 volte al giorno per i 10 giorni. Il terzo gruppo (23 pazienti) ha ricevuto clarythromycin e TF secondo lo stesso schema. Lesame di striscio uretrale e la secrezione della prostata usando la reazione a catena della polimerasi (PCR) del DNA metodo due mesi dopo la fine del trattamento di eradicazione clamidia registrato 100% in tutti e tre i gruppi. Settantadue per cento (72%) dei pazienti che hanno ricevuto tradizionale trattamento antibatterico lamentato disagio nella zona epigastrica e un terzo (32%) lamentato nausea. Ci sono stati casi di vomito (12%) e dispepsia (12%). dysbacteriosis intestinale con la prevalenza di lesioni fungine e candidosi genitali sono stati registrati nel 88% dei casi. Dalla terapia antibatterica ci sono stati effetti epatotossici come la sindrome di ittero (8%), ingrossamento del fegato (17%) e una maggiore attività degli enzimi epatici (54%). Tutte queste manifestazioni rese necessarie terapie aggiuntive, come luso di enzimi e di altre bioagents, agenti supplementari per migliorare la funzione epatica e luso dei fungicidi, prolungando così il corso del trattamento e costi crescenti. La prima fase della specifica risposta immunitaria difensiva è sapere per iniziare con lattivazione di tutto il complesso citochine (interleuchine, interferoni, molecole di adesione e così via), vale a dire lattivazione di fase monocitica-macrophagal (48, 49). I livelli di IL-1b, IL- 2 e le concentrazioni di IFN-g sono stati definiti prima e dopo il trattamento in 45 pazienti clamidiosi uro-genitale. Gli squilibri nella citochine studiate sono riportate nei dati. Vi è un diverso statisticamente significativa tra la concentrazione dei principali pro-infiammatorie IL-1b e il suo valore normale. IL-2 è un interleuchina classico, che non solo partecipa alla induzione di immunità cellulare, ma 17 svolge anche la sua funzione principale, vale a dire, la distruzione delle cellule alterate da exogens. E inoltre attiva le cellule T, le cellule NK così come tutte le entità cellulari (macrofagi, Pagina neutrofili e altri) che sono capaci di distruggere le cellule malate e microbi. Nei nostri studi diInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  18. 18. IL-2 titoli sono stati trovati ad essere elevato durante i primi giorni di sviluppo del processo infiammatorio. Le concentrazioni di IL-2 sono risultati significativamente diverso dalla sua normale concentrazione, mentre allo stesso tempo le concentrazioni di INF-g in pazienti clamidiosi urogenitale evidenziato una riduzione statisticamente significativa rispetto a quella del gruppo di controllo. Non vi era alcuna differenza significativa degli effetti di TF o TF PLUS o la dinamica di manifestazioni cliniche o nei turni immunologica. Questo è un altro fatto che conferma che le citochine in questi prodotti sono il principio attivo principale e altri componenti potenziarne leffetto. Urologi può preferire TF PLUS, che sarebbe del tutto comprensibile, dato che contiene i peccati, che produce effetti benefici sulla funzione sessuale. Lo zinco aiuta a prevenire la formazione di processi ipertrofica prostatica promuovendo così una prevenzione mirata di suo allargamento benigno. Va sottolineato che la combinazione di interferone e farmaci antibiotici nei pazienti con clamidiosi (41) e leikinferon e antibiotici nei bambini con pielonefrite cronica (28) li protegge da effetti avversi di farmaci antibatterici e riduce al minimo lo sviluppo di dysbacteriosis intestinale. Luso combinato di agenti di interferone, citochine e terapia antibatterica porta un marcato effetto terapeutico con dosi inferiori di ciascun componente. Leffetto di potenziamento delle citochine ha permesso sia significativamente a ridurre la dose efficace di antibiotici e di minimizzare il loro effetto negativo. Può essere una strategia utile per utilizzare dosi orali di citochine per aiutare i pazienti affetti da infezioni intestinali e disbiosi intestinale causata da infezioni persistenti intracellulari. TF potenzia leffetto di eubiotics, prodotti enzimatici e adattogeni. 18 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  19. 19. 8. Lefficacia delluso del TF in Osteomielite Studi sulla efficacia del TF in pazienti osteomielite effettuate a St Petersburg State Medical Academy (12, 13, 38, 39) ha evidenziato una diversità degli effetti meccanicistico. Losteomielite cronica è una malattia infettiva grave prolungata. I radicali liberi e le reazioni di perossidazione lipidica svolgere un ruolo importante nei meccanismi patogeni della malattia e nellindurre deficienza immunitaria nei pazienti (36, 37). Terzo-tre (33) dei pazienti, età 25 a 64, con diverse forme di osteomielite sono stati inclusi nello studio. I pazienti sono stati divisi in due gruppi. Il protocollo consisteva di rimozione chirurgica della infezione purulenta, effettuata una settimana dopo linizio del TF uso, e una terapia ampio spettro antibatterico (gentamicina, ampiox ed altri) nel periodo post operatorio. I pazienti del gruppo principale (20 persone) erano in trattamento con TF, 2 capsule 3 volte al giorno, insieme con la terapia standard antibatterica. Tredici (13) persone nosologia, sesso ed età compresa abbinato al gruppo di controllo e hanno ricevuto il trattamento standard. E stato dimostrato che, oltre al suo effetto immunomodulante, TF influenzato la non-specifici meccanismi di resistenza biochimici, tra cui lossidazione dei radicali liberi, aumento della stabilità delle membrane cellulari e le attività di difesa antiossidante. La natura dei cambiamenti dei valori biochimici hanno dimostrato che oltre ad essere immunotropic, TF può anche produrre effetti adattogena. Ci sono stati cambiamenti significativi nelle immunità umorale, caratterizzata da un aumento della produzione di IgA, la stimolazione dellimmunità fagocitaria, così come nella dinamica di alcune popolazioni di cellule T e senza un notevole aumento di immunocomplessi circolanti (CIC) di livello. I pazienti hanno manifestato miglioramenti clinici nella loro condizione e periodi di riabilitazione post-operatoria sono stati accorciati. Grazie alla sua stabilizzante di membrana e dei suoi effetti antiossidanti TF può essere ampiamente utilizzato allinizio di uno dei processi microbici-infiammatori (prima dello sviluppo di reazioni immunitarie), quando i processi adesivi sono di conseguenza. Luso del TF nei pazienti con osteomielite hematogenic richiesto il metodo seguito del suo utilizzo sia in fase attiva e per disturbi del sistema immunitario durante la riabilitazione: 2 capsule 3 volte al giorno per 2 settimane prima della chirurgia con la terapia di base e per 2 mesi dopo un intervento chirurgico. TF è quindi sostituito con due mesi di integrazione vitaminico-minerali. Successivamente, dopo aver controllato lo stato immunitario del paziente e, in casi di immunodeficienza TF, 1 capsula 3 volte al giorno, deve essere somministrato per 2 mesi e il trattamento di cui sopra dovrebbe essere ripetuto. In caso di immunodeficienza in altre forme non hematogenic di osteomielite TF, 1 capsula 3 volte al giorno, deve essere assunto per 2 settimane prima e per due mesi dopo lintervento. A seguito di un 4-5 mese di 19 pausa nella terapia, nei casi in cui immunodeficienza si è ripetuto TF deve essere somministrato per un altro sgravio due months.If viene interrotta con un aggravamento della Pagina osteomielite TF, 2 capsule 3 volte al giorno, deve essere assunto per una settimana prima e per un mese dopo lintervento chirurgico.Info: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  20. 20. 9. LUtente del TF in Immunorehabilitation terapia dellinfezione da HIV Sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) è uno dei problemi più seri affrontando la medicina moderna. Per i pazienti HIV la terapia di modulazione del sistema immunitario (ossia il ripristino della normale funzione immunitaria) si rivolge alterato meccanismi immunitari e presso lagente patogeno (s). I risultati degli studi condotti (10, 11) ha mostrato che il trattamento TF PLUS migliorato significativamente lo stato immunitario di pazienti affetti da HIV. Il prodotto si è rivelato utile anche in altri aspetti della terapia, come ad esempio il livello di immunocomplessi circolanti (CIC) è scesa a valori normali nel 50% dei pazienti trattati con TF PLUS. Poiché il marcatore CD4 T-helper è un recettore di HIV, considerando che lHIV è tropico a Tlymphocytes e di altre cellule immunocompetenti che infetta soprattutto T-helper, risparmiando le cellule citotossiche. Un aumento significativo della T-helper (CD4 +), nei pazienti che ricevono TF PLUS è un aspetto importante nel contribuire a raggiungere lobiettivo principale del trattamento del paziente tale, vale a dire, lestensione massima durata e la conservazione della sua qualità. Nei pazienti che hanno ricevuto terapia HIV TF PLUS, 1 capsula 3 volte al giorno per due settimane. cicli ripetuti di TF PLUS sono prescritti durante il processo di out-paziente di follow- up in quanto sulla base dei risultati di indagine dello stato immunitario del paziente. 20 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  21. 21. 10. LUtente del TF nel trattamento complesso di condizioni atopica le malattie allergiche sono una delle molte sfide per la medicina moderna. Le statistiche provenienti da tutto il mondo dello spettacolo da parte di questa patologia alle stelle (fino al 20% della popolazione). Ora i giorni, una persona su cinque sulla terra è affetto da una qualche forma di patologia atopica. Secondo lOrganizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la prognosi, le condizioni atopiche terrà il primo posto nella morbilità generale, nel 21 ° secolo. Allo stesso tempo, gli agenti disponibili antistaminici tradizionali non sono sufficientemente efficaci, i loro effetti sono limitati al blocco parziale del recettore dellistamina e sono spesso accompagnate da reazioni avverse. meccanismi patogenetici di sviluppo allergia sono noti per essere collegato con un disturbo io il corso di differenziazione dei linfociti T, ridotta attività delle cellule T-suppressor ed eccessiva produzione di IgE. Lultimo anello di questa catena è lattivazione dei mastociti e degranulazione. E necessario trovare i mezzi per influenzare i vari collegamenti di queste reazioni atopiche. A nostro avviso citochine cellulari che regolano lattività soppressiva delle cellule si adattano meglio di tutti per questo scopo. I fattori di trasferimento usato come sostanza biologicamente attiva aiuterà a modulo locale (cioè entro i limiti di tract0 gastro-intestinale e generale reazioni immunitarie delle allergie alimentari così come le reazioni della pelle atopica nelle malattie caratterizzate da manifestazioni atopiche, dopo 20 giorni del prodotto amministrazione tutti i pazienti avevano una remissione. Risultati promettenti sono stati ottenuti da usare TF in dermatovenerology (29, 30), vale a dire, in psoriasi e dermatite atopica pazienti in cui le reazioni autoimmuni ed allergiche giocano un ruolo importante nella patogenesi di queste malattie (8). Dopo 7-10 giorni di somministrazione TF insieme con i farmaci tradizionali, i pazienti hanno riferito meno intenso prurito, desquamazione ed eruzione cutanea. 21 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  22. 22. 11. Effetto immunomodulante di utilizzo del TF in Opisthorchiasis Luso di TF PLUS, 2 capsule 3 volte al giorno per 7 giorni, nei pazienti opisthorchiasis portato clinico e gli effetti immunologici 920). A differenza dei pazienti del gruppo di controllo che hanno ricevuto solo trattamento anthelminthic, i pazienti trattati con TF PLUS dimostrato una remissione completa e in tutti i pazienti ci fu una sparizione di vasculite e artralgia che si sono verificati nei 6 mesi successivi al trattamento. indici del sistema immunitario nei pazienti che hanno ricevuto TF PLUS diverse significativamente da quelle dei pazienti del gruppo controllo. Due settimane dopo il trattamento cè stato un aumento del livello di IgG e più formazione attiva CIC nei pazienti del gruppo TF PLUS. Inoltre, nelle pazienti che hanno ricevuto TF PLUS loro concentrazioni di IFN-g, che gioca un ruolo estremamente importante nello sviluppo di una risposta immunitaria specifica, laumento più che raddoppiato rispetto ai valori prima del trattamento e con quelli del gruppo di controllo (27, 34, 44). Trattamento convenzionale anthelminthic da solo non ha portato ad alcun cambiamento tangibile negli indici del sistema immunitario umorale componenti studiati, a dimostrazione di una certa caratteristica non risponde del processo. I risultati di questo studio hanno dimostrato in modo convincente lefficacia clinica e immunologica del TF PLUS per il trattamento di pazienti complessi opisthorchiasis. Il prodotto significativamente contribuito al recupero clinico dei pazienti per un periodo di sei mesi. TF PLUS usato per immunorehabilitation, se effettuati dopo il trattamento bilthricide, ha un valore pratico nel processo di formazione di immunità difensive. Richiede inoltre di rapida eliminazione dellop. antigeni felineus, arresti lo sviluppo di processi immunopatologiche e determina un recupero più completo e più facile. 22 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  23. 23. 12. Il ruolo del TF in Immunorehabilitation di pazienti oncologici Il cancro gastrico è una malattia oncologica caratterizzata dallo sviluppo delle immunodeficienze persistentemente stabili, che sono anche una conseguenza della peculiarità associate al trattamento chirurgico della malattia. Numerosi studi condizione immunitario dei pazienti affetti da cancro gastrico hanno dimostrato che sviluppo di immunodeficienza secondaria incide negativamente sia ladeguatezza e lefficacia della risposta immunitaria e riduce la durata dei periodi di remissione. Questi fattori richiedono un approccio complesso per limmunoterapia del cancro gastrico dopo la riduzione massima delle cellule malate (25). Venticinque (25) dei pazienti (il trattamento o il gruppo principale), secondo o terzo stadio clinico di cancro gastrico partecipato agli studi clinici di TF PLUS. Gli studi sono stati condotti in RAMS Cancer Research Center. Venticinque (25) pazienti di sesso, età, nosologia e stadio della malattia abbinate comprendeva il gruppo di controllo (25). Tutti i pazienti affetti da cancro gastrico in entrambi i gruppi sottoposti a trattamento chirurgico e durante il periodo post- operatorio la procedura standard di trattamento immunoterapico. Per stimolare limmunità non specifica, i pazienti nel gruppo di trattamento ha ricevuto TF PLUS, 1 capsula 3 volte al giorno per 30 giorni, insieme con il trattamento standard. Si deve ricordare che inizialmente la maggior parte dei pazienti soffriva di immunodeficienza di varia gravità e immunodeficienza è stata provocata da un intervento chirurgico. Dopo la fine del ciclo di trattamento complesso lo studio è proseguito con lamministrazione TF PLUS ed è dimostrato che il proseguimento del trattamento è stata utile per immunitario, linterferone e lo stato delle citochine, nonché per il miglioramento clinico dei pazienti. Cè stato un aumento di CD3 +, CD4 + e CD8 + contenuto in sanguinosi popolazioni di linfociti e il numero di cellule NK in campioni di sangue è aumentata significativamente, sia lattivazione che mostra limmunità cellulo-mediata. Per quanto riguarda limmunità umorale, cariche positive verso i livelli normali di TNF-alfa e la produzione di IL-1b sono stati registrati. Altri cambiamenti positivi caratterizzati da gravità si sono ridotte nella sindrome di intossicazione, il miglioramento dello stato generale di essere migliore appetito e la scomparsa di debolezza e di stanchezza nel decorso clinico della malattia sono stati osservati. Il periodo post-operatorio è stato regolare. Non ci sono stati ricomparsa della malattia durante il corso della immunoterapia complesso che fu fortificata da TF PLUS. TF PLUS è ben tollerato dai pazienti ed è efficace come parte di un complesso di immunoterapia per le malattie oncologiche e può essere utilizzato con successo nella pratica clinica. 23 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  24. 24. 13. Lefficacia di TF PLUS nel complesso trattamento dellulcera duodenale Risultati convincenti a sostegno delluso della TF PLUS in un trattamento multi-sfaccettato di Helicobacter pylori (Hp) associati ulcera duodenale sono stati ottenuti da Iu.V. Telnyikh Sechenov presso lAccademia Medica di Mosca. Trentacinque (35) pazienti con ulcera duodenale associate a HP ha preso parte agli studi clinici. Essi sono stati divisi in due gruppi. Il gruppo di controllo (15 pazienti) ha ricevuto Omez, Amoxycillin e Clarythromycin secondo trattamento tradizionale al fine di eradicare Hp. Il principale gruppo (20 pazienti) ha ricevuto TF PLUS, 2 capsule 3 volte al giorno per i primi 10 giorni, poi 1 capsula 3 volte al giorno per i successivi 20 giorni insieme con la terapia di eradicazione. I risultati di laboratorio di misura dellimmunità umorale e cellulare ha dimostrato che esiste un forte squilibrio immunitario nei pazienti con ulcera duodenale associata con la malattia Hp che aveva persistito per più di 10 anni e che avevano uno stato patologico del sistema epatobiliare. I campioni di sangue di questi individui hanno mostrato una marcata riduzione sia in percentuale e numero assoluto di killer naturali (NK), con ridotta attività, con un decremento di Thelpers, e un aumento del numero di T-soppressori che si traduce in una diminuzione dellindice immunomodulanti. Altri autori hanno ottenuto i dati analoghi (4, 5, 53, 55). La terapia di eradicazione di 10 giorni con Omez, amoxicillina e Clarythromycin aggravato lo squilibrio immunitario che portano allo sviluppo di immunodeficienza secondaria a causa del lantibiotico lattività e il suo aggravamento della disbiosi intestinale. La combinazione della terapia di eradicazione Hp insieme al immunomodulatori naturale TF PLUS ha determinato un netto miglioramento, statisticamente significativa, sia di immunità umorale e cellulare, che ha provocato la normalizzazione dellindice immunomodulanti e neutrofili migliorato e lattività delle cellule killer naturali. Leliminazione del immunodeficienza secondaria per attività TF PLUS portato al miglioramento della condizione dei pazienti con ulcera duodenale. In particolare, lefficacia della terapia di eradicazione è stata aumentata del 21,7%, il dolore e sindromi dispeptico, rispettivamente, sono stati arrestati 4 e 4,5 giorni prima e ulcere della mucosa cicatrizzazione avvenuta otto giorni prima nel gruppo di trattamento TF maggiorato rispetto al gruppo di controllo. Leradicazione di HP è stata 73,3% di successo nel gruppo di controllo. Eradicazione di Hp nel gruppo ricevente TF PLUS è stata del 95%. I dati clinici ottenuti ei dati di altri autori dimostrare lutilità di TF andTF PLUS in diverse patologie infettive e somatiche. 24 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  25. 25. 14. Metodi di utilizzazione del TF e dosaggi raccomandati Gli sviluppi di reggimenti razionale ed efficace per lutilizzo del TF in diverse condizioni patologiche sono state dimostrate. Entrambi i dati di letteratura ed i risultati degli studi clinici presentati in questo documento fornire una giustificazione per raccomandare regimi per TF e TF PLUS in uso iniziale e anti-ricadute di somatiche e nelle malattie infettive (tabella 1). Il regime convenzionale di utilizzo TF è: — Per la prevenzione delle malattie stagionali (primavera, autunno) connesso con lindebolimento del sistema immunitario - 1 capsula tre volte al giorno per 30 giorni; — In caso di infezioni acute, allinizio di una malattia - 2 capsule 3 volte al giorno per non meno di 7 giorni. Cura di malattie Infezione da HIV TF + 1 capsula 3 volte al giorno 14 giorni ripetuti corsi con immunogramma monitoraggio Epatite acuta virale B (Corso lento o prolungata) TF 1 capsula 3 volte al giorno 14 giorni singoli cicli ripetuti durante il follow-up di studio Epatite virale cronica B e C o TF TF + 1 capsula 3 volte al giorno per 14 giorni ogni mese per i mesi te per primo. Ripetuti corsi per 14 giorni, 1 capsula 3 volte al giorno, con il monitoraggio analisi biochimiche, ecografia epatica una volta ogni indagine 2-3 mesi. Hematogenic Osteomielite & immunodeficienza - 1 ° Tipo TF e di base terapia antibatterica 2 capsule 3 volte al giorno 14 giorni prima della chirurgia e 2 mesi dopo lintervento 25 In caso di persistenza immunodeficienza dopo un trattamento di 2 mesi Pagina TF 1 capsula 3 volte al giorno Due mesiInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  26. 26. Osteomielite cronica aggravamento TF e il trattamento di base 2 capsule 3 volte al giorno 1 settimana prima della chirurgia e 1 mese dopo lintervento chirurgico Opisthorchiasis TF o TF + Dopo il trattamento anthelminthic e bilthricide 1-2 capsule 3 volte al giorno 7 giorni ripetuti corsi in caso di persistenza delle immunopatologiche processi di manifestazioni (Artralgia, vasculite) Acuta urogenitali clamidiosi TF + e antibiotici 1 capsula 3 volte al giorno 10 giorni Cronica clamidiosi urogenitali (Denunce e manifestazioni cliniche durata per più di 2 mesi) TF o TF + antibiotico e 2 capsule 3 volte al giorno / 1 capsula 3 volte al giorno 10 giorni 10 giorni e per 2 mesi dopo la fine del trattamento di base (Terapia antibatterica volte alla prevenzione delle complicanze) Il coinvolgimento di riproduzione interna organi (come complicanze di malattie croniche clamidiosi uro-genitale) trattamento TF + complesso insieme con vari gruppi di farmaci, così come fisioterapia e trattamenti di restauro 2 capsule 3 volte al giorno 1 capsula 3 volte al giorno 10 giorni nel corso di un processo di aggravamento 10 giorni come misura preventiva della frequenza di utilizzo di TF dipende lestensione e la gravità del processo, nonché come la presenza di una immunodeficienza secondaria e come misura preventiva e varia da 2 a 4 volte lanno 26 Psoriasi, dermatite atopica TF 1 capsula 3 volte al giorno 14-21 giorni; cicli ripetuti e Pagina durante le stagioni sfavorevoli dellannoInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  27. 27. Cancro gastrico dopo chirurgia TF + 1 capsula 2 volte al giorno 30 giorni di frequenza minima dei cicli ripetuti: 2 mesi Ulcera duodenale: - Durante leradicazione - Dopo leliminazione - Trattamento anti-ricadute TF + 2 capsule 3 volte al giorno 1 capsula 3 volte al giorno 1 capsula 2 volte al giorno 7-10 giorni fino alla fine di un mese (20-23 giorni) per 1 mese in primavera e autunno I fattori di trasferimento Uso Immunorehabilitation 27 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  28. 28. 15. Conclusioni Immunorehabilitation per molte malattie infettive e somatiche sta diventando una delle componenti più importanti delle terapie di successo. Ladattabilità e la frequente persistenza intracellulare di agenti infettivi, come pure lassenza di una reazione immunitaria attiva da parte dei singoli con malattie quali dettano la necessità di considerare questo approccio. Inoltre, gran parte della popolazione soffre di immunedeficiencies secondari causati dagli effetti sfavorevoli dei fattori sociali, ecologici e altri. infezioni miste in possesso di un rango speciale fra i cosiddetti "nuovi" infezioni. E la condizione in cui, a causa sia di infezione simultanea o sequenziale di diversi agenti, le manifestazioni cliniche di una malattia subire importanti cambiamenti. La loro frequente è spiegato da diverse condizioni immunopatologiche. A fronte di un costante aumento nelle reazioni atopiche, che aggravano il corso di molte malattie, ostacolare la somministrazione di un trattamento efficace, e processi autoimmuni, che innescano progressivo condizioni patologiche, i medici non solo deve conoscere i principi di base di immunologia, ma dovrebbero cercare attivamente nuove immunomodulante approcci per il trattamento di tali condizioni. Allo stato attuale, i corsi principali di immunoterapia attiva non specifici sono luso di induttori dellinterferone, stimolatori di attività macrophagal B e T-linfociti, interferoni naturali e ricombinanti con effetti antivirali e immunomodulanti, come regolatori endogeni e di reazioni immunitarie come le interleuchine e altre citochine. Luso di immunomodulatori naturali endogeni non specifici apre nuove prospettive di immunorehabilitation in varie malattie infettive e somatiche. In generale, la somministrazione parenterale di risultato citochine proinfiammatorie in pronunciati effetti che porta alla intensificazione delle reazioni infiammatorie già iper. A nostro avviso lutilizzo di Transfer Factor, un immunomodulatori unica e nuova generazione derivati ??da colostro bovino, è molto promettente nella lotta contro questo problema. Dati sperimentali ed i risultati di studi condotti in diverse cliniche di questo paese hanno dimostrato gli effetti immunomodulanti di forme orali dei fattori di trasferimento in varie malattie infettive, parassitarie e somatiche. Secondo i risultati di questi studi, TF prodotto praticamente lo stesso effetto immunomodulante come ha fatto il interferoni usati più spesso, citochine e immunomodulatori diversi. Inoltre, luso orale di TF riduce al minimo le reazioni avverse, dà ottimi effetti pharmaeconomic e contribuisce ad abbreviare il corso della terapia immunorehabilitation. PLUS TF e TF hanno segnato immunocorrecting effetti e sono utili per la loro efficacia terapeutica e profilattica in varie forme di patologie infettive e somatiche, che sono accompagnati da disturbi della malattia indotta in stato immunitario. 28 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  29. 29. 16. Riferimenti 1. TI Avdeeva, NV Medunitsin et al Interferone impatto del livello dei 2 antigeni di classe di espressione MHC. Immunology 1987 (4), p.82-85. 2. MM Averbakh, Salov VF, SI Agaltsova, Via Prokhorov, NV Demianenko, Apt AS. [Gli indici di interleuchina 1, 2 e 4 di produzione e titoli anticorpali specifici nei topi con una sensibilità di fronte a infezione da stafilococco] Zh Mikrobiol Epidemiol Immunobiol. Mar-Apr 1996, (2) :79-81. 3. GN Akzhigitov, Galeev MA, VG Sahautdinov, Udin YB. Osteomielite - M., Medicina, 1986, p.23-28. 4. SA Alekseeieva, OV Krapivnaya, OK Komarova et al qualità della vita, clinica valori sumptomatology e manometrico nei pazienti con IBS e funzionale dinamica dopo leradicazione dellinfezione da Hp Helibacter Pylory. Russo congresso nazionale "Luomo e droga" del 2003, p.93. 5. Arutiunian VM, EG Grigorian. [Efficacia di utilizzare in immunomodulatori trattamento combinato di pazienti affetti da gastrite cronica e malattia ulcerosa] Klin Med (Mosk). 2003; 81 (5) :33-5. Russo. 6. Autenshlus AI, OB Ivanova, Konovalova TN. Lo stato immunitario delle donne in gravidanza con malattie infettive-infiammatorie della localizzazione urogenitale. Novosibirsk, Russia 1998. 7. AL Bondarenko, Baramzina SV. fenotipo Ruolo di HLA nella formazione della cronica Infezione da HCV, Epidemiologia e malattie infettive (Epidemiologiya I infektsionnye bolezni), 2002, 3, pag.40-42. 8. EV Golovina. Luso di Transfer Factor nel trattamento delle malattie della pelle. Annali di conferenza scientifica "Immunorehabilitation in malattie infiammatorie infettive" Barnaul, 29 novembre 2003, p.46-49. 9. VM Granitov, Karbisheva NV, Bobrovsky EA, MA Nikulina. Luso del trasferimento Factor nel trattamento di epatite virale cronica B e C. Annali del 8 ° Congresso Società russo-italiano sulle malattie infettive. 05-06 Dicembre 2002, St Petersburg 2002, p.88-89. 10. VM Granitov, Karbisheva NV, Kozevnuikova UE, SI Belich, Sultanov LB. Attivato fattore di trasferimento in terapia patogenetica dellinfezione da HIV. Annali della ricerca scientifica conferenza "Immunorehabilitation in malattie infettive infiammatorie". Barnaul, Nov 29, 2003, p.50-54. 29 11. VM Granitov, Karbisheva NV, Sultanov LB, McCausland CW, EA Oganova. L uso di Transfer Pagina Factor attivati ??nel trattamento di pazienti affetti da HIV. Gazzetta HIV, AIDS e problemi connessi. St Petersburg 2002, v. 6 (1), p.79-80.Info: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  30. 30. 12. Dadali VA, Rak AB, CE Stolpnik, McCausland CW, EA Oganova. Alcuni nuovi aspetti di entrata in vigore Transfer Factor - "integratori alimentari biologicamente attivi e il problema di ottimizzazione nutrizione ". Annali di sesto simposio internazionale, Sochi, 2002, P.62-63. 13. Dadali VA, Rak AB, CE Stolpnik, McCausland CW, EA Oganova. "Lutilizzo di Transfer Factor nel trattamento dei pazienti con osteomielite. "Journal Bollettino di San Peterburg federale Accademia medica. Chiamato dopo II Mechnikov 2002 n.3-4. 14. ZM Dubossarskaya, Kuznetsov VP. Interferone nel trattamento di pazienti complessi con processi infiammatori cronici in genitali interni. Ostetricia e Ginecologia. Dicembre 1991 (2) p.38-40. Russo. 15. KD Durmanov. indici immunologici nella osteomielite cronica e il loro cambiamento nel corso del trattamento. Kazakistan Health Care. 1987 (5) p.39-41. I fattori di trasferimento Uso Immunorehabilitation Dopo le malattie infettive-infiammatorie e somatiche LETTERA METODOLOGICI 16. EV Golovina. Luso di Transfer Factor in dermatologia. Conferenza Scientifica con partecipanti internazionali. "Immunorehabilitation in malattie infettive infiammatorie". Barnaul, Russia, 29 novembre, 2003, p.46-49. 17. NI Iluina. condizioni di immunodeficienza secondaria. Protocolli di diagnostica e trattamento. Allergia, Asma e Immunologia Clinica. 2000 (1), p.31-33. 18. NV Karbisheva, Sultanov LB,. CI Belich. Diagnostica di laboratorio finalizzati alla valutazione dellefficacia immunorehabilitation nei pazienti opisthorchiasis. Convegno scientifico internazionale con partecipanti "a Immunorehabilitation infettive malattie infiammatorie ". Barnaul, Russia, 29 novembre, 2003, p.42-45. 19. NV Karbisheva, Tatarinstev PB, Granitov VM, IA Karbisheva, McCausland CW, EA Oganova. I fattori di trasferimento nel trattamento di pazienti affetti da epatite virale. Annali di Convegno internazionale. Banraul, Russia, 29 novembre 2003, pag.29-32. 20. NV Karbisheva, McCausland CW, Oganova EA. Cliniche e immunologiche efficacia di Transfer Factor Plus nel trattamento dei pazienti opisthorchiasis cronica. Convegno scientifico internazionale con partecipanti "a Immunorehabilitation infettive malattie infiammatorie ". Barnaul, Russia, 29 novembre, 2003, p.42-45. 21. NV Karbisheva, Karbisheva IA, Tatarinstev PB, McCausland CW, EA Oganova. Lutilizzo dei fattori di trasferimento nel trattamento di pazienti affetti da epatite virale. Siberiano Journal of Gastroenterology and Hepatology. 2003 (16), p.147-149. 22. NV Karbisheva, Kipriyanov DV. Una relazione sui risultati delluso di TF Plus nel 30 trattamento di pazienti clamidiosi urogenitale. Altay State Medical University, 2003. Pagina 23. KP Kashkin. Le citochine sistema immunitario: le principali proprietà e immunobiologici attività (una lezione). Clinica e Diagnostica di Laboratorio, 1998, (11), p.21-32.Info: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  31. 31. 24. Ketlinsky CA, AS Simbirtsev, Vorobiev AA. immunomodulatori endogena, St. Ippocrate Pietroburgo, 1992. 25. MV Kisielevsky, Khalturina EO. Luso di Transfer Factor Plus per il trattamento di pazienti affetti da cancro gastrico. Convegno scientifico con partecipanti internazionali "Immunorehabilitation in malattie infettive infiammatorie". Barnaul, Russia, novembre 29, 2003, p.33-38. 26. DV Kipriyanow. I risultati di uso Transfer Factor Plus per il trattamento di urogenitale clamidiosi. Convegno scientifico con partecipanti internazionali "Immunorehabilitation in malattie infettive infiammatorie ". Barnaul, Russia, 29 novembre, 2003, p.39-41. 27. AT Kotelkin. State cercando le vie del studiando dei marcatori Opisthorchis felineus e lo studio del loro uso per la diagnostica opisthorchiasis. Abstract di tesi di dottorato. Koltsovo, 2000, 20 pagine. 28. GM Letifov. Il ruolo della sensibilità alle endotossine gram-negativi batteri patogenesi della pielonefrite nei bambini. (Studio clinico-sperimentale). Dissertazione dottorato. Rostov-on-the- Don. 2000, 450 pagine. 29. SG Lyikova, Memchaninova OB, Chernikova EB, UP Gichev. Luso del trasferimento Fattore in dermato-Venerologia siberiano Gazzetta Dermatologia e Venereologia. 202 (3), p.34-35. 30. SG Lyikova, Memchaninova OB, Chernikova EB, UP Gichev, AN Trunov. L uso di Transfer Factor in Dermatologia e Venereologia. Annali del VI Simposio Internazionale. "Biological sostanze attive per il cibo e problemi della ottimizzazione della nutrizione" Sochi, Novembre 5- 7, 2002, p.146-147. 31. UN Mats. prodotti Transfer Factor come il mezzo di una immunoterapia specifica. Medico immunologia, 2001, v.3 (2), p.328-329. 32. E. Oganova, McCausland CW, Hennen WJ. I fattori di trasferimento - di nuova generazione integratori alimentari biologicamente attivi. Annali del VI Simposio Internazionale "Biological sostanze attive per il cibo e problemi della ottimizzazione della nutrizione" Sochi, Novembre 5- 7, 2002, p.192-193. I fattori di trasferimento Uso Immunorehabilitation Dopo le malattie infettive-infiammatorie e somatiche LETTERA METODOLOGICI 33. E. Oganova, McCausland CW. I fattori di trasferimento - immunocorrectors naturale. Scientific conferenza con partecipanti internazionali "Immunorehabilitation in infettive malattie infiammatorie ". Barnaul, Russia, 29 novembre, 2003, p.22-26. 31 34. HH Ozeretskovskaya, Chuikina EE, Parfenov CB. 1. Tolleranza di opisthorchia antigeni: immunità o genetica? Opisthorchiasis. Annali di una conferenza. Tumen, 1991, p. 171-174. PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  32. 32. 35. RV Petrov, Chaitov PM, Pinegin BV. La valutazione delle risorse umane stato immunitario in condizione normale e nella patologia. Immunologia. 1994 (6), p.6-9. 36. A. Diritto. Fondamenti di Immunologia. Traduzione dallinglese di M. Mir, 1998, p.86-100. 37. BV Pinegin. Dellimmunodiagnostica e immunoterapia delle infezioni chirurgiche. International Journal on Immunorehabilitation, 1998 910), p.86-100. 38. Rak AV, CE Stolpnik, VA Dadali, Baskovich GA, McCausland CW, E A. Oganova. Lo studio della possibilità di utilizzare fattori di trasferimento in chirurgia purulento. Annali di Congresso Internazionale "Traumatologia e Ortopedia presente e futuro". Mosca, 07-09 Aprile, 2003. 39. AV Rak, VA Dadali, CE Stolpnik, McCausland CW, E A. Oganova, LB Gaikovaya. indici immunologica in pazienti osteomielite cronica nel corso del trattamento con luso di fattori di trasferimento. Annali di una conferenza scientifica con partecipanti internazionali "Immunorehabilitation in malattie infettive infiammatorie". Barnaul, Russia, 29 novembre, 2003, p.55-60. 40. AP Remezov, Neverov VA. Infezione cronica da Chlamydia urogenitale. Terra Medica. 1996 (4), p.36-38. 41. Iu.E. Serebryansky, Afanasiev CC, LA Denisov, Rubalsky OB. Citochine in infette paziente immunorehabilitation. Military Medical Journal, 1999, v.320 (3), p.41-50. 42. VV Sokolovsky. rapporti di sangue Thiolsulfide come indice di resitsnaces corpo non specifici. St Petersburg, Russia. 1996. 43. SN Sorinson. Lepatite virale. Teza, 2a edizione, St Petersburg, Russia. 1998, p.1-308. 44. TF Stepanova, Skarednov NI. Clinica di riabilitazione nel complesso di misure volte a controllo opisthorchiasis. Opisthorchiasis. Annali di una conferenza, Tumen, 1991, p.232- 234. 45. BP Sukhanov. I fattori di trasferimento come una parte della nutrizione umana. Annali di un comitato scientifico conferenza con partecipanti internazionali "Immunorehabilitation in infettive malattie infiammatorie ". Barnaul, Russia, 29 novembre, 2003, p.27-28 46. WJ Hennen. Transfer Factor Plus: una combinazione ideale di biologicamente attive sostanze per le immunità ottimale. (A cura di UP Gichev, EA Oganova). Novosibirsk, 2001, 73 pagine. 47. AS Khabarov, Dergachev SS. Immunorehabilitation di discendenti della seconda generazione irradiato in zona di collaudo Semipalatinsk. Annali di una conferenza scientifica con partecipanti Internazionale "Immunorehabilitation in malattie infettive infiammatorie". Barnaul, Russia, 29 novembre 2003, p.18-19. 32 48. RM Khaitov, Pinegin BV. I principi fondamentali della terapia immunomodulante. Pagina Allergia,asma e immunologia clinica. 2000 (10), p.9-16.Info: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  33. 33. 49. RM Khaitov, Pinegin BV. comprensione moderna della difesa dellorganismo contro le infezioni. Immunologia. 2000 (1), p.61-64.50. AA Yarilin. I problemi moderni di allergologia, immunologia clinica e Immunofarmacologia. Annali della prima conferenza nazionale russa di associazione di Allergologi e immunologi clinici. Gennaio, 28-31, 1997, Mosca, M. p.161-167. 51. Danis VA, Franic GM, Rathjen DA, Brooks PM. Effetti di granulociti-macrofagi colony- stimulating factor (GM-CSF), IL-2, interferone-gamma (IFN-gamma), il tumore necrosis factor- alfa (TNF-alfa) e IL-6 sulla produzione di IL-1 e TNF-alfa da monociti umani. Clin. Exp. Immunol. 1991, luglio, 85 (1), p.143-50. I fattori di trasferimento Uso Immunorehabilitation Dopo le malattie infettive-infiammatorie e somatiche LETTERA METODOLOGICI 52. C. De Punzio, E. Neri, P. Metelli, MS Bianchi, M. Campa, P. Fioretti. Epidemiologia e terapia della Chlamydia trachomatis infezioni genitali nelle donne. I. chemioterapia. 1991, Giugno, 4 (3), p.163-6. 53. MB Grisham, Owens MW. Citochine proliferazione aumento di intestinale umano le cellule della muscolatura liscia: possibile ruolo nella formazione di stenosi infiammazione-indotta. Infiammazione. 1993, agosto, 17 (4), p.481-7. 54. HS Lawerence, W. Borkowsky. Transfer Factor - corrente, lo stato e le prospettive future. Bioterapia. 1996; 9 (1-3), p1-5. 55. C. Matushansky. La circolazione entero-des-systemique limphocytes domiciliazione uno lamaquense intestinale et inflamatories malasies chromiques de lintestin. Med.Sci. 1994, 10, p.8-9. 56. WE Paolo, Seder RA. le risposte dei linfociti e citochine. Cell. 1994, 28 gennaio, 76 (2), p.241-51. 33 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo
  34. 34. 17. Il Transfer Factor in Italia: Giorgio Tron Gianet Sviluppo & Formazione Network - UBC-FINGROUP Piazza Vittorio Veneto, 22 - 10064 Pinerolo (TO) IT europe@4lifegroup.com - Skype: giorgio.ubc.fingroup Ufficio Italia: (+39) 0121/32.66.66 - 0121/33.04.35 - fax 0121/32.66.66 Fax (solo Italia) 178.441.22.37 - Skype: giorgio.ubc.fingroup Cell Italia: (+39) 328/431.24.89 - 340/079.17.27 - 392/287.29.90 Cell. Brasile: 0055-85-9904-0758 34 PaginaInfo: +39 0121/32.66.66 - +39 328/431.24.89 – skype: giorgio.ubc.fingroup www.4lifeitalia.info ooo

×