Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

L'economia della CO2 - Alessandro Bianchi (NE Nomisma Energia S.r.l.)

104 views

Published on

L'intervento di Alessandro Bianchi (NE Nomisma Energia S.r.l.) in occasione dell'evento "La cattura dell’anidride carbonica ed il suo utilizzo: tecnologie ed economia per una transizione energetica sostenibile" che si è tenuto a Cagliari il 15 aprile 2019.

Published in: Environment
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

L'economia della CO2 - Alessandro Bianchi (NE Nomisma Energia S.r.l.)

  1. 1. La cattura dell’anidride carbonica ed il suo utilizzo: Tecnologia ed economia per una transizione energetica sostenibile Chair: Alberto Varone, CRS4 Alessandro Bianchi, managing director of NE Nomisma Alessandra Monero, head of R&D and opportunities at RINA Consulting Alberto Pettinau, scientific director of Sotacarbo Vito Pignatelli, head of ENEA's Biomass and Biotechnology for Energy laboratory
  2. 2. 406.29 CO2 trend over the centuries Il progetto complesso Reti intelligenti per una gestione efficiente dell’energia POR FESR Sardegna 2014-2020 - Azione 1.2.2 Azione 1 – Animazione (seminari, convegni, corsi di formazione) Azione 2 – Programma di Ricerca & Sviluppo per imprese Azione 3 – Microrete della sede di Macchiareddu Azione 4 – Analisi di una Smart Grid a livello comunale
  3. 3. 406.29 CO2 trend over the centuries L’Economia della CO2 Alessandro Bianchi NE Nomisma Energia, C.E.O. Alberto Varone - CCUS workshop – Cagliari 15 Aprile 2019
  4. 4. Mese anno 5 Energy Trilemma Sostenibile Sicura Economica
  5. 5. Clima: da Kyoto a Parigi Paesi che hanno aderito al Protocollo di Kyoto Paesi firmatari dell’Accordo di Parigi 94.9% 5.1% Percentuale delle emissioni globali coperta dall’Accordo di Parigi 15% 85% Percentuale delle emissioni globali coperta dal Protocollo di Kyoto
  6. 6. Le politiche non sono in linea con i target 0 500 1000 1500 2000 2500 3000 Gton CO2 Carbon Budget Gas Petrolio Carbone CO2 già emessa Budget CO2 residuo Limite per i 2°C Il problema Le soluzioni
  7. 7. 8 - 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20 Mld tep Consumo di energia nel mondo FER Bioenergie Idroelettrico Nucleare Gas Petrolio Carbone Domanda mondiale di energia OECD = - 3% Asia + ME = + 60% Africa = + 75% Elaborazioni NE Nomisma Energia su dati IEA
  8. 8. Europa: decarbonizzazione entro il 2050 1990 2008 2015 2020 2030 2050 20-20-20 Clima&Energy Package Energy for all Europeans 2030
  9. 9. Ciascuno Stato dovrà anche presentare un “piano nazionale integrato per l’energia e il clima” decennale con obiettivi, contributi, politiche e misure nazionali entro il 31 dicembre 2019 e, successivamente, ogni dieci anni. • La revisione della Direttiva sull’efficienza energetica stabilisce che l’efficienza energetica nell’Ue dovrebbe essere migliorata di almeno il 32,5% entro il 2030. • Obiettivo passibile di revisione al rialzo entro il 2023. • Viene poi introdotto l’obbligo per gli Stati membri di ottenere nuovi risparmi energetici annuali dello 0,8% nel periodo 2021-2030 (0,24% nel caso di Cipro e Malta), anche se si accorda agli Stati membri una certa flessibilità per il modo in cui rispettare questi obblighi; • disposizioni sociali che esigono che gli Stati membri tengano conto della necessità di ridurre la precarietà energetica quando elaborano delle misure di politica pubblica miranti a realizzare risparmi energetici. NUOVA DIRETTIVA SU EFFICIENZA ENERGETICA
  10. 10. • La nuova Direttiva sulle energie rinnovabili fissa l’obiettivo di portare la quota di energia prodotta da fonti rinnovabili nell’Ue al 32% entro il 2030. Anche in questo caso l’obiettivo sarà rivisto entro il 2023 solo al rialzo. • Gli Stati membri devono garantire ai cittadini il diritto di produrre energia rinnovabile per il proprio consumo, immagazzinarla e venderne le eccedenzea. • Niente spese e tasse fino al 2026 sull’energia autoconsumata. • L’autoconsumo non è soggetto a oneri, che possono essere imposti dallo Stato solo a precise condizioni. • Gli Stati membri saranno obbligati a dichiarare tutti i sussidi nazionali all’energia e dovranno fornire un piano sulla graduale eliminazione dei fossili. • Almeno il 14% dei carburanti per i trasporti deve provenire da rinnovabili entro il 2030; a partire dal 2019, il contributo dei biocombustibili di 1^ generazione con elevato rischio di deforestazione e di “cambiamento indiretto di destinazione dei terreni” sarà gradualmente eliminato fino a zero nel 2030. • Dal 2030, l’olio di palma non sarà più considerato una fonte di energia rinnovabile. NUOVA DIRETTIVA SU FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI
  11. 11. 0 50 100 150 200 250 2000 2010 2020 2030 2040 €/MWh LCOE nuovi impianti di generazione Wind onshore Wind offshore PV Hydro CCGT Carbone Nucleare 380 CO2 La concorrenza tra fossili e rinnovabili Elaborazioni NE Nomisma Energia su dati PRIMES LCOE = misura il costo della generazione di elettricità includendo l'ammortizzazione del capitale finanziario iniziale, il ritorno sull'investimento, come anche il costo operativo, del combustibile, e della indispensabile manutenzione. PUN
  12. 12. IERI DOMANI Nuovo paradigma del sistema energetico
  13. 13. Ma x Min Ma x Min Prezzi delle aste giornaliere Elaborazioni NE Nomisma Energia - NETS®
  14. 14. Aste giornaliere - Volumi Elaborazioni NE Nomisma Energia - NETS®
  15. 15. Aste - Indicatori Elaborazioni NE Nomisma Energia su dati EEX e ICE Elaborazioni NE Nomisma Energia - NETS®
  16. 16. Mercato forward Elaborazioni NE Nomisma Energia - NETS®
  17. 17. Incertezze macroeconomiche Previsioni Previsioni Elaborazioni NE Nomisma Energia - NETS®
  18. 18. I prezzi delle commodities energetiche Previsioni Previsioni Brent($/bbl)/Coal($/Mt) TTF,PSV Elaborazioni NE Nomisma Energia - NETS®
  19. 19. Fase 4 – Previsioni Domanda/Offerta di quote Elaborazioni NE Nomisma Energia - NETS®
  20. 20. Strategie Paesi e Players • Gli scenari della Fase 4 sono dominati dalle politiche energetiche e ambientali dei principali paesi europei in relazione alle decisioni di uscita maggior o minore da carbone e secondariamente dal nucleare. GERMANIA • La commissione tedesca ha trovato l’accordo sull’uscita dal carbone al 2038, dopo sei mesi di dibattiti; è poi improbabile che la Germania cancelli le quote di emissione corrispondenti alla riduzione di emissioni dovuta a riduzione della capacità a carbone. • La commissione del carbone tedesca ha proposto di chiudere 3 GW di capacità da lignite entro il 2022 e raccomanda al Governo federale di negoziare alcune compensazioni con gli operatori degli impianti, come RWE, il cui CEO ha ipotizzato compensazioni di 1,5 miliardi di euro per ogni GW dismesso. FRANCIA La Francia sta pianificando un aumento della sua capacità di energia rinnovabile da 48,6 GW (fine 2017) a 113 GW nel 2028; verranno chiusi dai 4 ai 6 reattori nucleari al 2028 e si deciderà attorno al 2022 se EDF avrà il permesso di costruire nuovi reattori nucleari.
  21. 21. Previsioni NE: Fase 4 – Prezzi CO2 Elaborazioni NE Nomisma Energia - NETS®
  22. 22. Piano Energia Clima italiano
  23. 23. ....tornerà a zero il prezzo della CO2?
  24. 24. Nuova regolazione EU ETS fase 4 In tabella sono riassunte le principali novità introdotte d Parametri Fase 4 Fattore Lineare di Riduzione 2,2% Flessibilità delle quote in asta (per evitare il CSCF) Riduzione del 3% del totale di quote in asta Back-loading I 900m di quote “back-loaded” nel 2014-2016 sono trasferite nella Riserva (MSR) invece di essere vendute nel 2019-20. Riserva di Stabilità (MSR) Tasso di prelievo annuo del 24% per i primi 5 anni dal 2019 Cancellazione quote in MSR Dal 2023 le quote che superano il numero di quote vendute in asta nell’anno precedente. Cancellazione volontaria delle quote degli Stati Membri Gli Stati Membri possono cancellare quote per bilanciare l’effetto della chiusura di impianti di generazione elettrica, con un limite pari alla media delle emissioni verificate degli impianti nei 5 anni precedenti. criteri per definizione dei settori Carbon leakage Esposizione commerciale * intensità emissiva > 0.2 (> 0.15) Benchmark Rifletteranno il cambiamento dell’intensità emissiva dei settori, con una riduzione annua pari allo 0,2%. Riconoscimento costi indiretti Lasciato ai singoli Stati Membri con un tetto di utilizzo dei ricavi dalle aste del 25% Creazione Fondo di Modernizzazione 2% delle allocazioni in asta che può essere incrementato allo 0,5% in caso di non attivazione del CSCF Creazione Fondo di Innovazione 400 milioni di quote che potrebbero essere incrementate di altre 50 milioni nel caso
  25. 25. A mandatory economic assessment will apply to investments where the proceeds: • increase emissions by 25,000 T CO2e per year relative to a baseline (net basis) or • increase emissions by 100,000 T/CO2e per year in absolute terms (gross basis). The EBRD will use the high and low values from the range of prices recommended by the High-Level Commission on Carbon Prices: - US$ 40-80 (~€ 37-74) per T/CO2e in 2020, - rising to US$ 50-100 (~€ 46-92) per T/CO2e by 2030. - Beyond 2030 the prices will be increased by 2.25% per year leading to a range of US$ 78-156 (~€ 72-144) per T/CO2e by 2050. - All values are in real terms and in constant 2017 prices. Il nuovo approccio della BERS Methodology for the economic assessment of EBRD projects with high greenhouse gas emissions
  26. 26. P = f (T, K, L, E) P = f (T, K, L, E, C) ....Il carbonio emesso è entrato definitivamente nella funzione di produzione!

×