Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
FORUM PA Call4ideas 2016
Documentazione di progetto della soluzione: Re.C.A - Regia cantieri ed autorizzazioni
1. Descrizi...
- gestione delle reti sotterrane: tutte le infrastrutture/reti saranno digitalizzate
durante il processo autorizzativo. Qu...
- gestione delle reti sotterrane: tutte le infrastrutture/reti saranno digitalizzate
durante il processo autorizzativo. Qu...
- gestione delle reti sotterrane: tutte le infrastrutture/reti saranno digitalizzate
durante il processo autorizzativo. Qu...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Re ca

166 views

Published on

ReCA

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Re ca

  1. 1. FORUM PA Call4ideas 2016 Documentazione di progetto della soluzione: Re.C.A - Regia cantieri ed autorizzazioni 1. Descrizione del team e delle proprie risorse e competenze: Allo stato attuale il team si compone unicamente dall’Ing. Salvatore Falbo, Referente Qualità della Direzione Infrastrutture e Mobilità della Città di Torino. Laureto in ingegneria Civile ha nel suo bagaglio formativo esperienze nei linguaggi di programmazione Delphi,Visual Basic, PHP,Javascript, nel linguaggio di markup HTML e nel linguaggio per la formattazione CSS. Ha altresì esperienza nell’ambito dei lavori pubblici(progettazione ed esecuzione di nuove opere,manutenzione ordinaria e straordinaria) e nel sistema di certificazione qualità ISO 9001. Si avvale di risorse disponibili in rete quali librerie open source, spazio web gratuiti o a pagamento, pc, tablet, risorse economiche proprie. 2. Descrizione dell’applicazione/ servizio; Con il servizio “Regia Cantieri e Autorizazioni” si vuole garantire il pieno controllo sull’intero processo relativo alla manomissione del suolo pubblico da parte dei gestori dei sottoservizi nel sottosuolo e della P.A. In particolare, il servizio Re.C.A. vuole: - digitalizzare l’attività autorizzativa all’occupazioni/scavo del suolo pubblico per la posa di infrastrutture: la società interessata potrà richiedere, all’ente preposto, l’autorizzazione one-line. Re.C.A. permetterà l’inserimento delle informazioni essenziali, allegare gli elaborati tecnici, disegnare e geolocalizzare le infrastrutture da posare. L’ente gestore potrà controllare lo stato della richiesta, gestire domande di proroga, ricevere comunicazioni da parte dell’ente autorizzatore. La P.A. potrà governare l’intero processo di autorizzazione, comprese le richieste di proroga. Sia l’ente pubblico che il soggetto privato portranno visualizzare su mappa i cantieri attivi e i cantieri in programma al fine di prevenire sovrapposizioni di lavorazione ed inefficienze nella gestione della mobilità urbana nonchè ottimizzazione gli interventi di ripristino. - gestire i cantieri: la società privata avrà il pieno controllo sui cantieri attivi visualizzandone su mappa l’ubicazione e lo stato. Potrà visualizzare in tempo reale le segnalazioni di ripristino anomalo a seguito di verifica da parte dell’amministrazione competente per territorio e rispondere efficacemente a quanto segnalato. La P.A. potrà governare il processo di controllo dei cantieri. Gli ispettori potranno, mediante tablet, conoscere l’ubicazione del cantiere e lo stato di avanzamento lavori, nonché accedere ai verbali relativi a precedenti verifiche. L’applicazione digitalizzerà anche il processo di verifica permettendo agli ispettori di redigere, mediante tablet, i verbali di controllo direttamente in cantiere; le eventuali difformità saranno immediatamente notificate e visibili alla società responsabile del cantiere.
  2. 2. - gestione delle reti sotterrane: tutte le infrastrutture/reti saranno digitalizzate durante il processo autorizzativo. Questo permetterà alle società di avere un continuo aggiornamento delle mappe dei propri sottoservizi e delle relative informazioni. L’ente pubblico potrà visualizzare l’ubicazione delle reti al fine di verificarne l’interverenza con eventuali lavori di manutenzione straordinaria ovvero di nuove opere. L’applicativo realizzerà in automatico il catasto digitale delle infrastrutture sotterranee. - gestione delle responsabilità: il sistema genera in automatico il catasto degli scavi, realizzando una mappa digitale e georeferenziata di tutte le attività di scavo e di successivo ripristino. La conoscenza degli attori responsabili delle manomissioni del suolo pubblico e dei relativi ripristini permetterà una corretta attribuzione delle responsabilità in caso di danni a cose o persone causati da stati di degrado del suolo dovuti a ripristini mal eseguiti. - programmazione e controllo dei lavori: la pubblica amministrazione avrà sempre il pieno controllo delle attività di cantiere sul territorio, sia in fase di realizzazione che in fase di programmazione. L’applicativo visualizzerà le interferenze temporali tra i vari cantieri permettendo alla PA di ottimizzare i periodi di scavo e di ripristino e ridurre i disagi per il cittadino. - comunicazione continua al cittadino: il sistema permetterà, al cittadino, di visualizzare una mappa interattiva con tutti i cantieri attivi e programmati sul territorio nonché con le eventuali modifiche viabili. Permetterà altresì di visualizzare le aree assoggettate a temporanea ordinanza di divieto di sosta evitando così, nei periodi estivi, sanzioni per divieto di sosta. 3. Descrizione dei bisogni che si intende soddisfare: Con Re.C.A. si vuole digitalizzare l’intero processo della manomissione del suolo pubblico al fine di rispondere ai seguenti bisogni: per la PA: 1) semplificare e velocizzare il processo autorizzativo, garantendo il pieno controllo sulle attività di scavo e di programmazione degli interventi 2) semplificare ed ottimizzare l’attività di controllo sul territorio, con minore tempo speso per l’attività di verifica, ottimizzata nella pianificazione(funzione della distribuzione dei cantieri sul territorio), che nell’attività di verbalizzazione( digitalizzata ed immediatamente notificata ai soggetti interessati). 3) semplificare ed ottimizzare l’attività di comunicazione al cittadino, generando mappe interattive consultabili liberamente dal cittadino, volte a segnalare i cantiere e le relative evoluzioni nonché aree temporaneamente interdette ovvero modifiche viabili. 4) conoscere l’ubicazione ovvero la presenza di retti sotterranee nelle aree di interesse per nuove opere ovvero manutenzione ordinaria e straordinaria dell’esistente. 5) gestire le responsabilità nei casi di sinistro stradale per uno stato di degrado del suolo causato dagli interventi di manomissione ad opera di soggetti terzi.
  3. 3. - gestione delle reti sotterrane: tutte le infrastrutture/reti saranno digitalizzate durante il processo autorizzativo. Questo permetterà alle società di avere un continuo aggiornamento delle mappe dei propri sottoservizi e delle relative informazioni. L’ente pubblico potrà visualizzare l’ubicazione delle reti al fine di verificarne l’interverenza con eventuali lavori di manutenzione straordinaria ovvero di nuove opere. L’applicativo realizzerà in automatico il catasto digitale delle infrastrutture sotterranee. - gestione delle responsabilità: il sistema genera in automatico il catasto degli scavi, realizzando una mappa digitale e georeferenziata di tutte le attività di scavo e di successivo ripristino. La conoscenza degli attori responsabili delle manomissioni del suolo pubblico e dei relativi ripristini permetterà una corretta attribuzione delle responsabilità in caso di danni a cose o persone causati da stati di degrado del suolo dovuti a ripristini mal eseguiti. - programmazione e controllo dei lavori: la pubblica amministrazione avrà sempre il pieno controllo delle attività di cantiere sul territorio, sia in fase di realizzazione che in fase di programmazione. L’applicativo visualizzerà le interferenze temporali tra i vari cantieri permettendo alla PA di ottimizzare i periodi di scavo e di ripristino e ridurre i disagi per il cittadino. - comunicazione continua al cittadino: il sistema permetterà, al cittadino, di visualizzare una mappa interattiva con tutti i cantieri attivi e programmati sul territorio nonché con le eventuali modifiche viabili. Permetterà altresì di visualizzare le aree assoggettate a temporanea ordinanza di divieto di sosta evitando così, nei periodi estivi, sanzioni per divieto di sosta. 3. Descrizione dei bisogni che si intende soddisfare: Con Re.C.A. si vuole digitalizzare l’intero processo della manomissione del suolo pubblico al fine di rispondere ai seguenti bisogni: per la PA: 1) semplificare e velocizzare il processo autorizzativo, garantendo il pieno controllo sulle attività di scavo e di programmazione degli interventi 2) semplificare ed ottimizzare l’attività di controllo sul territorio, con minore tempo speso per l’attività di verifica, ottimizzata nella pianificazione(funzione della distribuzione dei cantieri sul territorio), che nell’attività di verbalizzazione( digitalizzata ed immediatamente notificata ai soggetti interessati). 3) semplificare ed ottimizzare l’attività di comunicazione al cittadino, generando mappe interattive consultabili liberamente dal cittadino, volte a segnalare i cantiere e le relative evoluzioni nonché aree temporaneamente interdette ovvero modifiche viabili. 4) conoscere l’ubicazione ovvero la presenza di retti sotterranee nelle aree di interesse per nuove opere ovvero manutenzione ordinaria e straordinaria dell’esistente. 5) gestire le responsabilità nei casi di sinistro stradale per uno stato di degrado del suolo causato dagli interventi di manomissione ad opera di soggetti terzi.
  4. 4. - gestione delle reti sotterrane: tutte le infrastrutture/reti saranno digitalizzate durante il processo autorizzativo. Questo permetterà alle società di avere un continuo aggiornamento delle mappe dei propri sottoservizi e delle relative informazioni. L’ente pubblico potrà visualizzare l’ubicazione delle reti al fine di verificarne l’interverenza con eventuali lavori di manutenzione straordinaria ovvero di nuove opere. L’applicativo realizzerà in automatico il catasto digitale delle infrastrutture sotterranee. - gestione delle responsabilità: il sistema genera in automatico il catasto degli scavi, realizzando una mappa digitale e georeferenziata di tutte le attività di scavo e di successivo ripristino. La conoscenza degli attori responsabili delle manomissioni del suolo pubblico e dei relativi ripristini permetterà una corretta attribuzione delle responsabilità in caso di danni a cose o persone causati da stati di degrado del suolo dovuti a ripristini mal eseguiti. - programmazione e controllo dei lavori: la pubblica amministrazione avrà sempre il pieno controllo delle attività di cantiere sul territorio, sia in fase di realizzazione che in fase di programmazione. L’applicativo visualizzerà le interferenze temporali tra i vari cantieri permettendo alla PA di ottimizzare i periodi di scavo e di ripristino e ridurre i disagi per il cittadino. - comunicazione continua al cittadino: il sistema permetterà, al cittadino, di visualizzare una mappa interattiva con tutti i cantieri attivi e programmati sul territorio nonché con le eventuali modifiche viabili. Permetterà altresì di visualizzare le aree assoggettate a temporanea ordinanza di divieto di sosta evitando così, nei periodi estivi, sanzioni per divieto di sosta. 3. Descrizione dei bisogni che si intende soddisfare: Con Re.C.A. si vuole digitalizzare l’intero processo della manomissione del suolo pubblico al fine di rispondere ai seguenti bisogni: per la PA: 1) semplificare e velocizzare il processo autorizzativo, garantendo il pieno controllo sulle attività di scavo e di programmazione degli interventi 2) semplificare ed ottimizzare l’attività di controllo sul territorio, con minore tempo speso per l’attività di verifica, ottimizzata nella pianificazione(funzione della distribuzione dei cantieri sul territorio), che nell’attività di verbalizzazione( digitalizzata ed immediatamente notificata ai soggetti interessati). 3) semplificare ed ottimizzare l’attività di comunicazione al cittadino, generando mappe interattive consultabili liberamente dal cittadino, volte a segnalare i cantiere e le relative evoluzioni nonché aree temporaneamente interdette ovvero modifiche viabili. 4) conoscere l’ubicazione ovvero la presenza di retti sotterranee nelle aree di interesse per nuove opere ovvero manutenzione ordinaria e straordinaria dell’esistente. 5) gestire le responsabilità nei casi di sinistro stradale per uno stato di degrado del suolo causato dagli interventi di manomissione ad opera di soggetti terzi.

×