Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
D6.4 S.51 – IT
Applicazione mobile per il rilievo sul
campo: Map4Data
Caratterizzazione
tipologica ed edilizia
del Novecento
Caratterizzazione tipologica e classi di elementi tecnici
PROCESSO EDILIZIO PRE-INDUSTRIALE
(FASI, OPERAZIONI e OPERATORI)
MATERIALI e TECNICHE PRE-INDUSTRIALI
ELEMENTI TECNICI PRE...
DB TOPOGRAFICO:
Basato sulle specifiche nazionali (NC)
Classi: edificio, unità volumetrica
Attributi minimi: epoca, tipolo...
ACQUISIZIONE BANCHE DATI
CORRISPONDENZA CON CATASTO
Istruzioni
per il rilievo
Gli attributi
fondamentali
(obbligatori) sono:
- epoca di
costruzione (years
of construction);
-...
Ferrara:
Le informazioni di base per gli
edifici sono quelle del DB
TOPOGRAFICO della regione
Emilia-Romagna, ma alcune
in...
Mancano alcuni dati
obbligatori: verifica da fare!
Alcuni dati mancanti,
ma verifica già fatta
Dati obbligatori presenti,
...
La base geografica di
supporto è OpenStreetMap
Per ingrandire o
rimpicciolire sono
disponibili le normali
funzioni di zoom...
Situazione dopo 27 ore di rilievo sul campo (1000 edifici circa)
EDIFICIO e UNITÀ CATASTALE
«si intende per edificio una unità strutturale cielo terra,
individuabile per omogeneità delle
...
Difficoltà da parte del tecnico rilevatore
nell’individuazione dell’unità catastale con l’ausilio
della sola osservazione ...
Difficoltà da parte del tecnico rilevatore
nell’individuazione dell’unità catastale con l’ausilio
della sola osservazione ...
Selezione dell’edificio
(1°click)
Apertura delle proprietà
(2°click)
Inserimento
delle info
Al secondo clic si apre la form
con i dati associati.
I tre dati...
Inserimento
delle info
… livello di refurbishment,
eventuale classe energetica
ed eventuale tipologia di
impianto, sarà ne...
Inserimento
epoca di costruzione
Stazione
Riproduzione mappa danni di guerra - Archivio di Stato di Ferrara - S.D. - inedita
Piano di Ricostruzione | relazione - Archivio Storico Comunale - 1948
Ferrara | via Ercole I d’Este 35 - 1945 - 1958 - 2014
Ferrara | via Praisolo 22 - 1945 - 1958 - 2014
Ferrara | corso Giovecca 96 - 1945 - 1958 - 2014
Piano per il centro storico - Archivio Storico Comunale - 1977
Cessato Catasto 1881
Pianta planimetria dei piani terra
Piano per il centro storico 1977
quadro sinottico delle principali fasi evolutive dell’organismo urbano,
materiale documentario (cartografie storiche, imma...
COMPILAZIONE DELLA BANCA DATI
TIPOLOGIE DI COPERTURA
COMPILAZIONE DELLA BANCA DATI
EPOCA DI COSTRUZIONE ANTE 1919 - POST 1919
Inserimento
altezza alla gronda
Inserimento
usi dell’edificio
Cliccando si aprirà l’elenco
delle voci disponibili,
In questo caso i possibili usi
dell’edificio (INSPIRE)
Per confermare...
Inserimento
numero di piani
COMPILAZIONE DELLA BANCA DATI
NUMERO PIANI
COMPILAZIONE DELLA BANCA DATI
PRESENZA PIANI INTERRATI
• Non è possibile inserire immagini associate alle unità catastali
• Non è possibile distinguere i dati validati col rilie...
Modelli di valutazione speditiva della prestazione energetica
e strutturale volti alla conservazione dei centri storici
MA...
«Proposte di efficientamento energetico e di integrazione delle fonti energetiche tradizionali. [...] In particolare verra...
Art. 3
Principi generali della ricostruzione
6. Al fine di favorire il miglioramento del rendimento energetico degli edifi...
Art. 7
Individuazione e attuazione delle Unità minime di intervento – UMI
1. Sulla base della rilevazione dei danni prodot...
PROCESSO EDILIZIO PRE-INDUSTRIALE
(FASI, OPERAZIONI e OPERATORI)
MATERIALI e TECNICHE PRE-INDUSTRIALI
ELEMENTI TECNICI PRE...
EDILIZIA -
ARCHITETTURA
EDILIZIA ESISTENTE
EDILIZIA DI BASE
EDILIZIA
INDUSTRIALIZZATA
EDILIZIA SPECIALISTICA
NUOVA
COSTRUZ...
Caratteri costruttivi prevalenti
31%
32%
30%
7%
Before 1945 From 1946 to 1971 From 1972 to 1991 After 1991
2,5 M
2,0 M
1,5 M
1,0 M
0,5 M
PRIMA del 1945
DAL...
OTTIMO BUONO MEDIOCRE PESSIMO TOTALE
Numero % Numero % Numero % Numero % Numero %
Prima del 1919 316.700 14,7 1.049.615 48...
FATTORI TIPOLOGICO-COSTRUTTIVI
sistema aggregato-edificio
sistema costruttivo
FATTORI TECNICO-IMPIANTISTICI
opere finite
p...
ISTANZE
ENERGETICO-AMBIENTALI
ISTANZE
ESTETICO-TESTIMONIALI
ADEGUAMENTO
PRESTAZIONE ENERGETICA
MIGLIORAMENTO
COMPORTAMENTO...
Involucro:
Pareti perimetrali verticali
Alterazione dell’assetto figurativo;
Alterazione del carattere materico
degli into...
PRINCIPIO di
EFFICIENZA
(energetica, ma non solo)
(risparmio come fine)
natura economica
del processo
BREVE PERIODO
SVILUP...
SOSTENIBILITÀ
“Lo sviluppo sostenibile è uno
sviluppo che soddisfa i bisogni del
presente senza compromettere la
possibili...
EQUITÀ SOCIALE e
ASPETTI CULTURALI
VINCOLI
ECONOMICI
QUALITÀ
AMBIENTALE
RESTAURO
Il restauro è quindi un’azione
“sostenibi...
In entrambe i casi, il concetto modernamente inteso, nasce dalla attribuzione critica di valore e dalla conseguente
necess...
STRUMENTI DI CONTROLLO PER L’ELABORAZIONE DI POLITICHE ENERGETICHE
Metodo speditivo per la valutazione
del fabbisogno di e...
SCALE DI ANALISI
MACROSCALA (territorio)
MESOSCALA (organismo urbano)
MICROSCALA (edificio)
RAPPORTO COSTI / BENEFICI
MODELLI DI VALUTAZIONE
RISULTATI ATTESI e CORRETTA VALUTAZIONE DI PROCESSO
NO - ACCESSO ALLE UNITÀ ABITATIVE
LIMITI
NO - ACCESSO ALLE CORTI INTERNE
SI - DISPONIBILITÀ PLANIMETRIE DEI PIANI TERRA
SCALE DI ANALISI
MACROSCALA (territorio)
MESOSCALA (organismo urbano)
MICROSCALA (edificio)
PROPAGAZIONE DELL’ERRORE
TOP DOWN
BOTTOM UP
MODELLI DI VALUTAZIONE
MODELLI DI VALUTAZIONE
Energy and Environmental Prediction (EEP) - Neath Port Talbot, Galles - Regno Unito - 2001
Edificat...
- destinazione d’uso: direttamente sul sistema
informativo territoriale (GIS) viene individuata
per ciascun edificio la de...
Quadro metodologico. Fonte: C. MORRISON, N. SHORTT, p. 707.
FINALITÀ
Lo strumento proposto da Morrison e Shortt dell’Insti...
Dati in input per la determinazione del fabbisogno di energia termica utile per il riscaldamento
invernale.
Fonte: G. V. F...
Acquisizioni con tecnologia Lidar (dal cielo) e con tecnologia Laser Scanner (da terra). Fonte: FONDAZIONE PER
L’UNIVERSIT...
Esempi di isolati-tipo individuati. Fonte: S. REITER, V. WALLEMACQ, p. 9.
MODELLI DI VALUTAZIONE
City Energy Management - ...
DB
CATASTO
25000 ca.
U.I.
DB HERA
25000 ca.
U.I.
QH,DB HERA
P.C. - GIS
Access + SQL+ ArcGIS
Metodo «top down»: fabbisogno ...
DB ER (ACE)
2900 ca.
U.I.
DB
CATASTO
2900 ca.
U.I.
QH,DB ER
EPi,INV,DB ER
P.C. - GIS
Access + SQL+ ArcGIS
Metodo «bottom u...
FASE 1:
caratteristichegeometricheefisiche
FASE 2:
registrazioneedelaborazionedati
FASE 3:
restituzioneed analisi
DEFINIZI...
FASE 1:
selezione ragionata degli edifici campione
FASE 2:
calcolo QH, (EPiINV) sulla base UNI/TS 11300
FASE 3:
calcolo in...
FATTORI DI ANALISI
Indice EPiINV (kWh/m2
*anno)
Fattori determinanti il
comportamento energetico
dell’edilizia preindustri...
124kWh/m2
*anno
FATTORI DI ANALISI
Indice EPiINV (kWh/m2
*anno)
Fattori determinanti il
comportamento energetico
dell’edil...
PRIMAAGGREGATO 5
Indice EPiinv (kWh/m2a)
DOPO AGGREGATO 5
Indice EPiinv (kWh/m2a)
INTERVENTO
rendimento totale
da 75% a 85...
AGG_01 AGG_02 AGG_03 AGG_04 AGG_05 AGG_06 AGG_07 AGGREGATO
67,00 66,00 51,00 44,00 30,00 59,00 47,00 N. UNITA' IMMOBILIARI...
AGG_01 AGG_02 AGG_03 AGG_04 AGG_05 AGG_06 AGG_07 AGGREGATO
67,00 66,00 51,00 44,00 30,00 59,00 47,00 N. UNITA' IMMOBILIARI...
Amministrazioni locali (regioni e comuni);
Imprese del mercato immobiliare;
Imprese del mercato produttivo;
Imprese di ser...
Marco Zuppiroli
Università degli Studi di Ferrara - Dipartimento di Architettura - LaboRA
marco.zuppiroli@unife.it
Referen...
www.sunshineproject.eu
SUNSHINE - Smart UrbaN ServIces for Higher eNergy Efficiency (GA no: 325161)
Credits
For more train...
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
SUNSHINE Project - Map4data App (IT)
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

SUNSHINE Project - Map4data App (IT)

615 views

Published on

Training module for the "Map4Data App" in Italian language

Published in: Technology
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

SUNSHINE Project - Map4data App (IT)

  1. 1. D6.4 S.51 – IT Applicazione mobile per il rilievo sul campo: Map4Data
  2. 2. Caratterizzazione tipologica ed edilizia del Novecento
  3. 3. Caratterizzazione tipologica e classi di elementi tecnici
  4. 4. PROCESSO EDILIZIO PRE-INDUSTRIALE (FASI, OPERAZIONI e OPERATORI) MATERIALI e TECNICHE PRE-INDUSTRIALI ELEMENTI TECNICI PRE-INDUSTRIALI EDILIZIA PRE-INDUSTRIALE SISTEMA AGGREGATO ISOLATO URBANO o PARTE DI ESSO CARATTERIZZATO DAL MEDESIMO TIPO DI TESSUTO (PROCESSO)
  5. 5. DB TOPOGRAFICO: Basato sulle specifiche nazionali (NC) Classi: edificio, unità volumetrica Attributi minimi: epoca, tipologia, altezza, categoria d’uso, stato
  6. 6. ACQUISIZIONE BANCHE DATI CORRISPONDENZA CON CATASTO
  7. 7. Istruzioni per il rilievo Gli attributi fondamentali (obbligatori) sono: - epoca di costruzione (years of construction); - altezza (height); - usi dell’edificio (multi use). DB TOPOGRAFICO: Basato sulle specifiche nazionali (NC) Classi: edificio, unità volumetrica Attributi minimi: tipologia, altezza, categoria d’uso, stato
  8. 8. Ferrara: Le informazioni di base per gli edifici sono quelle del DB TOPOGRAFICO della regione Emilia-Romagna, ma alcune informazioni non sono previste. Esempio: - epoca di costruzione, - altezza, - usi dell’edificio. È stato coinvolto il Dipartimento di Architettura di Ferrara per un rilievo sul campo. Obiettivo principale è stata la verifica sul campo della completezza / correttezza delle informazioni di tutti gli edifici entro mura.
  9. 9. Mancano alcuni dati obbligatori: verifica da fare! Alcuni dati mancanti, ma verifica già fatta Dati obbligatori presenti, ma verifica da fare Dati obbligatori presenti e verifica già effettuata.
  10. 10. La base geografica di supporto è OpenStreetMap Per ingrandire o rimpicciolire sono disponibili le normali funzioni di zoom in/out touchscreen. Per ingrandire è anche possibile un doppio clic veloce sulla mappa. Infine, per selezionare un edificio e necessario cliccare una sola volta
  11. 11. Situazione dopo 27 ore di rilievo sul campo (1000 edifici circa)
  12. 12. EDIFICIO e UNITÀ CATASTALE «si intende per edificio una unità strutturale cielo terra, individuabile per omogeneità delle caratteristiche strutturali e quindi distinguibile dagli edifici adiacenti per tali caratteristiche, nonché per differenza di altezza, piani sfalsati e così via» Analisi della Condizione Limite per l’Emergenza (CLE), STANDARD DI RAPPRESENTAZIONE E ARCHIVIAZIONE INFORMATICA, Versione 1.0beta-II CRITICITÀ E PRIME VALUTAZIONI DI PROCESSO
  13. 13. Difficoltà da parte del tecnico rilevatore nell’individuazione dell’unità catastale con l’ausilio della sola osservazione delle facciate. 1 | Riconoscimento dell’unità catastale fronti stradali CRITICITÀ E PRIME VALUTAZIONI DI PROCESSO
  14. 14. Difficoltà da parte del tecnico rilevatore nell’individuazione dell’unità catastale con l’ausilio della sola osservazione delle facciate. 1 | Riconoscimento dell’unità catastale fronti stradali CRITICITÀ E PRIME VALUTAZIONI DI PROCESSO
  15. 15. Selezione dell’edificio (1°click)
  16. 16. Apertura delle proprietà (2°click) Inserimento delle info Al secondo clic si apre la form con i dati associati. I tre dati fondamentali sono i primi della lista. In realtà le etichette sono in rosso. Per modificare i valori numerici (altezza, numero di unità immobiliari, piani…) è sufficiente cliccare nel box. Comparirà la tastiera numerica per l’inserimento del valore e, a seguire, sarà necessario cliccare sul tasto “back” del telefono o del tablet. Per gli altri campi (anno di costruzione, uso dell’edificio…
  17. 17. Inserimento delle info … livello di refurbishment, eventuale classe energetica ed eventuale tipologia di impianto, sarà necessario cliccare sulla tendina e selezionare semplicemente l’opzione desiderata. Per salvare i dati inseriti cliccare Submit. IMPORTANTE: cliccare Submit anche se i dati verificati erano completi e corretti e non sono state effettuate modifiche. Solo in questo modo l’edificio da AZZURRO diventerà VERDE.
  18. 18. Inserimento epoca di costruzione
  19. 19. Stazione Riproduzione mappa danni di guerra - Archivio di Stato di Ferrara - S.D. - inedita
  20. 20. Piano di Ricostruzione | relazione - Archivio Storico Comunale - 1948
  21. 21. Ferrara | via Ercole I d’Este 35 - 1945 - 1958 - 2014
  22. 22. Ferrara | via Praisolo 22 - 1945 - 1958 - 2014
  23. 23. Ferrara | corso Giovecca 96 - 1945 - 1958 - 2014
  24. 24. Piano per il centro storico - Archivio Storico Comunale - 1977
  25. 25. Cessato Catasto 1881 Pianta planimetria dei piani terra Piano per il centro storico 1977
  26. 26. quadro sinottico delle principali fasi evolutive dell’organismo urbano, materiale documentario (cartografie storiche, immagini fotografiche storiche…) RICADUTA SUI RISULTATI ATTESI PROPAGAZIONE E COMPENSAZIONE DELL’ERRORE INFORMAZIONE INDIRETTA informazioni generalizzate sulle tecniche costruttive anche in relazione alla singola zona FORMAZIONE DEL TECNICO INFORMAZIONE DIRETTA
  27. 27. COMPILAZIONE DELLA BANCA DATI TIPOLOGIE DI COPERTURA
  28. 28. COMPILAZIONE DELLA BANCA DATI EPOCA DI COSTRUZIONE ANTE 1919 - POST 1919
  29. 29. Inserimento altezza alla gronda
  30. 30. Inserimento usi dell’edificio
  31. 31. Cliccando si aprirà l’elenco delle voci disponibili, In questo caso i possibili usi dell’edificio (INSPIRE) Per confermare è necessario cliccare «OK».
  32. 32. Inserimento numero di piani
  33. 33. COMPILAZIONE DELLA BANCA DATI NUMERO PIANI
  34. 34. COMPILAZIONE DELLA BANCA DATI PRESENZA PIANI INTERRATI
  35. 35. • Non è possibile inserire immagini associate alle unità catastali • Non è possibile distinguere i dati validati col rilievo rispetto ai dati preimpostati (potrebbe essere utile inserire la fonte in maniera semplificata e la data dell’ultimo aggiornamento) • È difficile, a volte, individuare le unità catastali, potrebbe essere utile la visualizzazione di un layer civici • Non sono evidenziati i numeri di piani utili (es. gli interrati, abitati o no, sono considerati? I sottotetti? Il dato «altezza complessiva», ai fini del calcolo volumetrico del numero dei piani, potrebbe essere considerato come effettivo per il calcolo della porzione utlizzata • L’indicazione del refurbishment è molto ampia (legenda non esplicitata); potrebbe essere utile inserire delle info di dettaglio più specifiche quali periodo di ristrutturazione e caratteristiche (ad esempio distinte per categoria di intervento: sostituzione chiusure verticali opache – trasparenti – chiusure orizzontali ecc..) • Non c’è l’indicazione dell’utilizzo di fonti di energia rinnovabile • Non c’è l’indicazione delle tipologie di impianto e produzione di ACS • Non c’è indicazione di dettagli e tipologie costruttive (sia delle componenti verticali che orizzontali) • Non c’è l’indicazione della presenza di vuoti (es. portici o lastrici solari) • Non c’è l’indicazione di eventuali ampliamenti o interventi di demolizione e ricostruzione OSSERVAZIONI PRELIMINARI SULL’APP SUNSHINE (Map4Data)
  36. 36. Modelli di valutazione speditiva della prestazione energetica e strutturale volti alla conservazione dei centri storici MARCO ZUPPIROLI, Università degli Studi di Ferrara, Referente scientifico del protocollo GBC HB FRANCESCO GUIDI, Università degli Studi di Ferrara I SESSIONE Progetto SUNSHINE e pianificazione energetica Moderatore: MARCO ZUPPIROLI, Unife
  37. 37. «Proposte di efficientamento energetico e di integrazione delle fonti energetiche tradizionali. [...] In particolare verranno valutate positivamente le soluzioni migliorative a favore di materiali tradizionali, reversibili, distinguibili, compatibili e sostenibili.» ex Palazzo del Littorio, L’Aquila «Azioni volte alla diffusione di buone pratiche per la valorizzazione del patrimonio locale, da attuare con una particolare attenzione agli aspetti della sostenibilità ambientale» Edificio centro storico, Buggheru (CI) «Caratteristiche delle soluzioni impiantistiche adottate con particolare riferimento, compatibilmente con i criteri di conservazione dell’edificio: alla prestazione energetica globale, alla classe energetica dell’edificio» Palazzo del Governo, L’Aquila «Valore tecnico delle soluzioni tese al miglioramento della prestazione energetica delle opere previste nell’edificio oggetto di intervento» San Benedetto, Ferrara «Sviluppo di soluzioni tecniche atte a garantire maggior risparmio energetico» Sant’Agostino, L’Aquila «Aspetti qualitativi e funzionali degli impianti elettrici, con particolare attenzione a tecnologie innovative finalizzate al risparmio energetico […]. Sostenibilità ambientale mediante l’adozione di tecniche di bioedilizia e utilizzazione di materiali bio-ecocompatibili» Palazzo Centi, L’Aquila Controllo della prestazione energetica nell’intervento sul costruito storico
  38. 38. Art. 3 Principi generali della ricostruzione 6. Al fine di favorire il miglioramento del rendimento energetico degli edifici, nell'ambito degli interventi di riparazione, ripristino con miglioramento sismico e di ricostruzione trovano applicazione le seguenti misure di incentivazione, in coerenza con quanto disposto dall'articolo 11, commi 1 e 2, del decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 115 (Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa all'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici e abrogazione della direttiva 93/76/CEE): a) i maggiori spessori delle murature, dei solai e delle coperture, necessari ad ottenere una riduzione minima del 10 per cento dell'indice di prestazione energetica previsto dalla normativa vigente, non costituiscono nuovi volumi e nuova superficie nei seguenti casi: […]. b) è permesso derogare a quanto previsto dalle normative nazionali, regionali o dai regolamenti comunali, in merito alle distanze minime tra edifici, alle distanze minime dai confini di proprietà e alle distanze minime di protezione del nastro stradale, […].» Art. 5 Interventi nei centri storici e nei nuclei storici non urbani 1. Nei centri storici e nei nuclei storici non urbani, la ricostruzione assicura l'unitarietà degli interventi e persegue i seguenti obiettivi: a) la tutela e valorizzazione dei tessuti urbani di antica formazione, per assicurare la riconoscibilità della struttura insediativa e della stratificazione dei processi di loro formazione, sia nella rete stradale e negli spazi inedificati, sia nel patrimonio edilizio e negli altri elementi dello spazio costruito; b) il recupero degli edifici e dei manufatti che costituiscono i principali elementi identitari delle comunità locali, perseguendo comunque il miglioramento delle prestazioni sismiche ed energetiche degli edifici; c) il rapido rientro dei residenti nelle proprie abitazioni e la ripresa delle attività economiche, culturali e sociali; d) il miglioramento della sicurezza e della qualità del tessuto edilizio e la riduzione della vulnerabilità urbana. LEGGE REGIONALE 21 dicembre 2012, n. 16 NORME PER LA RICOSTRUZIONE NEI TERRITORI INTERESSATI DAL SISMA DEL 20 E 29 MAGGIO 2012 Controllo della prestazione energetica nell’intervento sul costruito storico
  39. 39. Art. 7 Individuazione e attuazione delle Unità minime di intervento – UMI 1. Sulla base della rilevazione dei danni prodotti dal sisma, delle caratteristiche tipologiche, architettoniche e paesaggistiche del tessuto edilizio, e tenendo conto degli elementi conoscitivi presenti negli strumenti urbanistici vigenti e adottati, i comuni, con apposita deliberazione del Consiglio comunale assunta entro il termine di centoventi giorni dall'entrata in vigore della presente legge e pubblicata sul sito istituzionale del comune, possono individuare gli aggregati edilizi da recuperare attraverso interventi unitari. Negli aggregati edilizi la progettazione deve tener conto delle possibili interazioni derivanti dalla contiguità strutturale con gli edifici adiacenti, secondo quanto previsto dalla normativa tecnica per le costruzioni vigente. Con il medesimo provvedimento sono altresì perimetrati, per ogni aggregato edilizio, le UMI costituite dagli insiemi di edifici subordinati a progettazione unitaria, in ragione della necessaria integrazione del complessivo processo edilizio finalizzato al loro recupero, nonché in ragione della necessità di soddisfare esigenze di sicurezza sismica, contenimento energetico e qualificazione dell'assetto urbanistico. LEGGE REGIONALE 21 dicembre 2012, n. 16 NORME PER LA RICOSTRUZIONE NEI TERRITORI INTERESSATI DAL SISMA DEL 20 E 29 MAGGIO 2012 Controllo della prestazione energetica nell’intervento sul costruito storico
  40. 40. PROCESSO EDILIZIO PRE-INDUSTRIALE (FASI, OPERAZIONI e OPERATORI) MATERIALI e TECNICHE PRE-INDUSTRIALI ELEMENTI TECNICI PRE-INDUSTRIALI ARCHITETTURA ed EDILIZIA PRE-INDUSTRIALE ISOLATO URBANO o PARTE DI ESSO CARATTERIZZATO DAL MEDESIMO TIPO DI TESSUTO (PROCESSO) Controllo della prestazione energetica nell’intervento sul costruito storico SISTEMA AGGREGATO
  41. 41. EDILIZIA - ARCHITETTURA EDILIZIA ESISTENTE EDILIZIA DI BASE EDILIZIA INDUSTRIALIZZATA EDILIZIA SPECIALISTICA NUOVA COSTRUZIONE EDILIZIA PRE-INDUSTRIALE
  42. 42. Caratteri costruttivi prevalenti
  43. 43. 31% 32% 30% 7% Before 1945 From 1946 to 1971 From 1972 to 1991 After 1991 2,5 M 2,0 M 1,5 M 1,0 M 0,5 M PRIMA del 1945 DAL 1946 AL 1971 DAL 1972 AL 1991 DOPO il 1991 EDIFICI ISOLATI EDIFICI BINATI EDIFICI AGGREGATI ETÀ degli EDIFICI in ITALIA TIPOLOGIA DI AGGREGAZIONE ETÀ degli EDIFICI in EUROPA Controllo della prestazione energetica nell’intervento sul costruito storico
  44. 44. OTTIMO BUONO MEDIOCRE PESSIMO TOTALE Numero % Numero % Numero % Numero % Numero % Prima del 1919 316.700 14,7 1.049.615 48,8 680.381 31,6 103.563 4,8 2.150.259 100,0 Dal 1919 al 1945 193.696 14,0 691.480 50,0 436.613 31,6 62.026 4,5 1.383.815 100,0 Dal 1946 al 1961 279.450 16,8 913.295 55,0 425.106 25,6 41.978 2,5 1.659.829 100,0 Dal 1962 al 1971 444.051 22,6 1.142.554 58,1 357.587 18,2 23.765 1,2 1.967.957 100,0 Dal 1972 al 1981 619.516 31,2 1.114.754 56,2 237.164 12,0 11.772 0,6 1.983.206 100,0 Dal 1982 al 1991 450.912 34,9 709.981 55,0 123.812 9,6 5.797 0,4 1.290.502 100,0 Dal 1992 al 2001 367.438 47,6 346.595 44,9 54.807 7,1 3.087 0,4 771.927 100,0 Dopo il 2001 382.931 71,9 133.147 25,0 15.445 2,9 1.065 0,2 532.588 100,0 Totale 3.054.694 25,9 6.101.421 52,0 2.330.915 19,9 253.053 2,2 11.740.083 100,0 Stato di fatto del costruito storico
  45. 45. FATTORI TIPOLOGICO-COSTRUTTIVI sistema aggregato-edificio sistema costruttivo FATTORI TECNICO-IMPIANTISTICI opere finite proto-impianti impianti industrializzati FATTORI D’USO destinazioni d’uso gestione dell’edificio Descrizione (UNI/TS 11300:2008 (1 e 2) Gradi integrazione/alterazione Patologie energetiche Tipologie di intervento Caratteri costruttivi che influenzano la prestazione energetica
  46. 46. ISTANZE ENERGETICO-AMBIENTALI ISTANZE ESTETICO-TESTIMONIALI ADEGUAMENTO PRESTAZIONE ENERGETICA MIGLIORAMENTO COMPORTAMENTO AMBIENTALE PROCESSO STANDARDIZZATO INTERVENTO ‘CASO PER CASO’ INTEGRAZIONE DELLE PROFESSIONALITÀ IPERSPECIALIZZAZIONE DELLE PROFESSIONALITÀ Limiti nell’approccio all’intervento di riqualificazione del costruito storico
  47. 47. Involucro: Pareti perimetrali verticali Alterazione dell’assetto figurativo; Alterazione del carattere materico degli intonaci; Eliminazione delle irregolarità delle superfici di facciata. Integrazioni impiantistiche esterne: Fornitura energia rinnovabile Sostituzioni dei manti di copertura. Involucro: Coperture Alterazione dei rapporti dimensionali . Involucro: Infissi esterni verticali Alterazione dei rapporti dimensionali. 1 4 3 2 CRITICITÀ
  48. 48. PRINCIPIO di EFFICIENZA (energetica, ma non solo) (risparmio come fine) natura economica del processo BREVE PERIODO SVILUPPO SOSTENIBILE (risparmio come mezzo) natura conservativa del processo LUNGO PERIODO Limiti nell’approccio all’intervento di riqualificazione del costruito storico Efficienza energetica e sostenibilità dell’intervento
  49. 49. SOSTENIBILITÀ “Lo sviluppo sostenibile è uno sviluppo che soddisfa i bisogni del presente senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri bisogni” [WCED,1987] COSTI QUALITÀ TEMPO EMISSIONI BIODIVERSITÀ RISORSE Il termine sostenibilità ha origine nel campo dell’economia forestale: “il facile profitto avrebbe finito per compromettere il benessere” [Capitano Von Carlowitz, inizi del XVIII secolo] Limiti nell’approccio all’intervento di riqualificazione del costruito storico Restauro e sostenibilità
  50. 50. EQUITÀ SOCIALE e ASPETTI CULTURALI VINCOLI ECONOMICI QUALITÀ AMBIENTALE RESTAURO Il restauro è quindi un’azione “sostenibile” in quanto consente alle generazioni future di fruire degli stessi valori riscontrabili nelle testimonianze del passato di cui possiamo fruire noi oggi. COSTI QUALITÀ TEMPO EMISSIONI BIODIVERSITÀ RISORSE SOSTENIBILITÀ Limiti nell’approccio all’intervento di riqualificazione del costruito storico Restauro e sostenibilità
  51. 51. In entrambe i casi, il concetto modernamente inteso, nasce dalla attribuzione critica di valore e dalla conseguente necessità di consentire alle generazioni - nel futuro - di poter godere di ciò a cui - nel presente - è stato riconosciuto un valore e di cui - sempre nel presente - si è potuto godere. In questo senso, perché il concetto possa emanciparsi in termini moderni, è necessario l’abbandono condivisodi una visione economicistadi breveperiododi ciò a cui si attribuisce un valore. ISTANZE ENERGETICO-AMBIENTALI Il concetto di sostenibilitàambientale qualifica un azione di mantenimento (quindi di salvaguardia)di frontead un potenziale già esistente (ovveroad un equilibriotra potenziali già esistenti) cui è stato riconosciutoun valore ambientale. ISTANZE ESTETICO-TESTIMONIALI Il concetto di sostenibilità culturale qualifica un azione di mantenimento (quindi di salvaguardia) di fronte ad una preesistenza (ovvero ad un equilibrio tra preesistenze) cui è stato riconosciuto un valore storico-testimoniale. POSSIAMO QUINDI ASSERIRE CHE IL RESTAURO MODERNAMENTE INTESO IDENTIFICA COMUNQUE UN’AZIONE SOSTENIBILE, SOTTO IL PROFILO CULTURALE, DI FRONTE AD UNA PREESISTENZA CUI È STATO RICONOSCIUTO UN VALORE STORICO-TESTIMONIALE. Limiti nell’approccio all’intervento di riqualificazione del costruito storico Restauro e sostenibilità
  52. 52. STRUMENTI DI CONTROLLO PER L’ELABORAZIONE DI POLITICHE ENERGETICHE Metodo speditivo per la valutazione del fabbisogno di energia termica utile1 Metodo «bottom- up» su base dati ACE (banca dati certificazioni RER)3 Metodo «top down» su base dati HERA (multiutility RER)2 Banca dati relazionale su piattaforma GIS1.1 Influenza di modalità aggregative, tipologia e caratteri costruttivi1.2 Possibili scenari di intervento1.3
  53. 53. SCALE DI ANALISI MACROSCALA (territorio) MESOSCALA (organismo urbano) MICROSCALA (edificio)
  54. 54. RAPPORTO COSTI / BENEFICI MODELLI DI VALUTAZIONE RISULTATI ATTESI e CORRETTA VALUTAZIONE DI PROCESSO
  55. 55. NO - ACCESSO ALLE UNITÀ ABITATIVE LIMITI NO - ACCESSO ALLE CORTI INTERNE SI - DISPONIBILITÀ PLANIMETRIE DEI PIANI TERRA
  56. 56. SCALE DI ANALISI MACROSCALA (territorio) MESOSCALA (organismo urbano) MICROSCALA (edificio)
  57. 57. PROPAGAZIONE DELL’ERRORE TOP DOWN BOTTOM UP MODELLI DI VALUTAZIONE
  58. 58. MODELLI DI VALUTAZIONE Energy and Environmental Prediction (EEP) - Neath Port Talbot, Galles - Regno Unito - 2001 Edificato di Neath Port Talbot, Galles – Regno Unito dopo l’applicazione delle misure di risparmio energetico. Fonte: P.J. JONES, S. LANNON, J. WILLIAMS, p. 1834. FINALITÀ Il modello di calcolo Energy and Environmental Prediction (EEP) proposto quattordici anni fa da Jones, Lannon, e Williams della Welsh School of Architecture (Cardiff University), integra una serie di sub-modelli con lo scopo di quantificare il fabbisogno energetico relativo ad aree territoriali e ad attività urbane diversificate. Il modello va a costituire un nuovo strumento urbanistico per lo sviluppo sostenibile della città. METODO Per quel che riguarda il fabbisogno energetico legato al comparto residenziale, il modello fornisce valutazioni basandosi sulla metodologia ufficiale Standard Assessment Procedure (SAP) che utilizza un sistema di calcolo a punteggio (0 - 100) adottato nel Regno Unito per la valutazione della prestazione energetica degli edifici e per la redazione della certificazione energetica. Il sub - modello di calcolo relativo al fabbisogno residenziale sviluppa una procedura di raccolta delle informazioni basata su un’indagine speditiva (non richiede accesso diretto alla proprietà) e sul raggruppamento di edifici con caratteristiche simili (100 cluster individuati da 5 classi di età per 20 tipologie edilizie). DATI IN INGRESSO posizione, dimensioni, età e tipologia. Sono inoltre indicati, per ogni edificio, il numero di piani, il numero di comignoli, l’altezza interpiano, il rapporto tra pieni e vuoti e la superficie della facciata (indagine speditiva); Sono infine ipotizzati, sulla base della classe anagrafica, le caratteristiche fisiche delle chiusure e, su base statistica, il consumo di ACS. DATI IN USCITA Sulla base del fabbisogno di energia attribuito a ciascun cluster e sul conseguente livello di emissione di CO2, il metodo di analisi permette la valutazione del fabbisogno energetico a diverse scale, dall’unità immobiliare all’intera area urbana. Consente inoltre alla stessa scala la valutazione degli effetti delle differenti misure volte al risparmio energetico.
  59. 59. - destinazione d’uso: direttamente sul sistema informativo territoriale (GIS) viene individuata per ciascun edificio la destinazione d’uso (unifamiliare, plurifamiliare, casa per le vacanze, negozio, ospedale, scuola, fabbricato industriale, fabbricato rurale), nella consapevolezza che edifici con la stessa destinazione d’uso hanno forti similarità anche in termini di fabbisogno energetico. DATI IN USCITA Il modello consente la visualizzazione e l’eventuale interrogazione su base GIS delle banche dati acquisite. Edificato di Goteborg - Svezia. Individuazione delle classi di consumo sulla base delle informazioni fornite dalle società di gestione immobiliare e su base statistica. Fonte: J. TORNBERG, L. THUVANDER, pp. 10-11. FINALITÀ L’ Environmental Building Stock Information System for Sustainable Development (EBSISSD) consente di poter costruire, analizzare e visualizzare i dati ambientali legati al patrimonio edilizio svedese esistente. Il modello in esame ha come obiettivo l’integrazione del fabbisogno energetico all’interno di questo sistema informativo. La disponibilità dell’informazione sul fabbisogno energetico del patrimonio edilizio esistente consente, da una parte, di sostenere politiche volte al risparmio e, dall’altra, si configura come strumento di benchmarking per l’intero comparto residenziale. METODO Il sistema informativo territoriale che consente l’archiviazione e la gestione delle diverse banche dati è costruito su architettura ArcGIS. DATI IN INGRESSO - informazioni di carattere catastale: la banca dati del registro immobiliare individua un record per ogni unità e contiene alcune informazioni fondamentali sia di carattere amministrativo (codice, proprietà, ecc.) sia di carattere tecnico (anno di costruzione, destinazione d’uso, ecc.). - consumi: la banca dati fornita dalla principale compagnia di distribuzione dell’energia (teleriscaldamento, gas ed elettricità) copre completamente la città. Il dato, aggregato per sezioni, distretti e stazioni di misurazione, non consente alcuna relazione diretta con l’unità immobiliare o con l’intero edificio cui essa appartiene. Alla scala dell’isolato e dell’organismo urbano costituisce comunque un eccellente indicatore che può essere messo in relazione con i valori determinati attraverso complessi modelli di calcolo. - consumi ed informazioni di gestione: la banca dati fornita da tre società di gestione immobiliare individua il reale consumo energetico per elettricità, riscaldamento ed acqua calda sanitaria relativo ad ogni unità immobiliare posseduta. In questo caso l’informazione risulta parziale (680 unità immobiliari) e disomogenea alla fonte. Non può pertanto essere utilizzata se non per considerazioni e valutazioni sufficientemente circoscritte. - consumi statisticamente determinati: sulla base del dato anagrafico, il modello individua statisticamente il consumo per il riscaldamento di ciascuna unità immobiliare. MODELLI DI VALUTAZIONE GIS energy model - Goteborg - Svezia - 2006
  60. 60. Quadro metodologico. Fonte: C. MORRISON, N. SHORTT, p. 707. FINALITÀ Lo strumento proposto da Morrison e Shortt dell’Institute of Geography (University of Edinburgh), consente di integrare una molteplicità di indicatori di rischio al fine di migliorare il riconoscimento delle aree caratterizzate da precarietà energetica (fuel poverty), nell’intento del governo scozzese di sradicare il fenomeno entro il 2016. Nello specifico, la metodologia proposta, operando su piattaforma GIS ed integrando i dati del censimento con le informazioni legate all’efficienza energetica del patrimonio edilizio esistente, punta a migliorare l’identificazione delle aree, finanche delle abitazioni, maggiormente colpite da precarietà. METODO La precarietà energetica risente quindi dell’interazione reciproca tra fattori sociali e fattori fisici legati all’efficienza energetica del patrimonio edilizio esistente. Entrambi gli aspetti devono essere correttamente rappresentati e integrati nell’indicatore di precarietà, che deve prendere in considerazione tutte le informazioni disponibili a livello locale. L’utilizzo della piattaforma GIS garantisce al modello dati una relativa flessibilità che consente di integrare, nel tempo, le nuove informazioni a disposizione, anche a scale molto diverse fra loro. Uno degli aspetti più innovativi è legato all’utilizzo del modello statistico di Analisi delle Componenti Principali (PCA), finalizzato alla riduzione delle informazioni nella costruzione di indicatori compositi operanti a molteplici scale di riferimento. DATI IN INGRESSO - informazioni di carattere catastale: la banca dati dello Stirling Council, costruita su piattaforma GIS, messa a disposizione dall’Housing Services, consente la mappatura dell’85 % delle unità immobiliari (30.000), sia pubbliche che private; - informazioni di carattere locale; - informazioni di carattere socio – economico. DATI IN USCITA Il modello consente dapprima la mappatura della componente sociale dell’indice di precarietà energetica sia a livello di circoscrizione sia a livello di settore urbano. La sovrapposizione con la componente di rischio determinata dall’efficienza energetica degli edifici esistenti consente di evidenziare, soprattutto in alcune aree, un forte scostamento in termini di rischio tra le due componenti. MODELLI DI VALUTAZIONE Fuel poverty in Scotland: a GIS-based multiple risk index - Scotland - Regno Unito - 2007
  61. 61. Dati in input per la determinazione del fabbisogno di energia termica utile per il riscaldamento invernale. Fonte: G. V. FRACASTORO, M. SERRAINO, p. 847. METODO L’esperienza condotta, a più livelli di approssimazione, sull’intero Piemonte, rimane sempre all’interno della grande famiglia top-down. La procedura sintetica si basa su dati di consumo aggregati a livello nazionale e su indicazioni molto approssimative della superficie utile totale. Il risultato, in termini di consumo globale di energia primaria, espresso in kWh/m2*anno, è verificato attraverso la procedura analitica che, sulla base della norma UNI EN ISO 13790:2008, determina in modo speditivo il fabbisogno di energia termica utile e il fabbisogno di energia primaria per il solo riscaldamento. La validazione è quindi reciproca. Anche l’approccio analitico trae concretezza poiché confermato dal dato reale di consumo. DATI IN INGRESSO - La procedura sintetica utilizza il dato di consumo di energia primaria fornito da ENEA accettando che esso sia sostanzialmente indipendente e dalla regione considerata e dalla fonte energetica utilizzata. Il dato è successivamente interpolato con la superficie utile della totalità degli edifici piemontesi e ulteriormente lavorato tenendo conto che quota parte della superficie occupata non è effettivamente riscaldata. - la procedura analitica elabora invece informazioni disponibili a partire dai dati del Censimento Nazionale 2001, integrati con analisi ed osservazioni in situ. Delle cinque categorie di dati in entrata (fattori geometrici, caratteristiche costruttive, dati meteorologici, condizioni interne, rendimento dell’impianto termico) sono individuati obiettivi, fonti ed incertezza. Per qualificare ciascuna di queste variabili sono individuate differenti categorie (tipologizzazione). DATI IN USCITA Il primo risultato mira alla definizione precisa della scala prestazionale di riferimento per la certificazione energetica secondo la norma UNI EN ISO 15217:2007. Il consumo medio dell’intero parco edilizio, ricavabile attraverso la procedura sintetica illustrata poco sopra, rappresenta il confine fra le classi D e E. Il secondo risultato è la convalida della procedura analitica sulla base dei risultati del metodo sintetico. L’analisi dell’incertezza che grava su alcuni dati in entrata consente, per il metodo analitico, la valutazione degli effetti sulla determinazione del fabbisogno di energia primaria e l’individuazione di un range di valori entro cui il risultato può muoversi. A questo livello il confronto tra le due procedure. MODELLI DI VALUTAZIONE Energy performance of large scale building stocks - Piemonte - Italia - 2010
  62. 62. Acquisizioni con tecnologia Lidar (dal cielo) e con tecnologia Laser Scanner (da terra). Fonte: FONDAZIONE PER L’UNIVERSITÀ E L’ALTA CULTURA IN PROVINCIA DI BELLUNO, illustrazioni inserite tra le pp. 29-30. DATI IN USCITA Per la comprensione delle complesse relazioni tra i diversi aspetti legati alla distribuzione dei consumi ed ai caratteri tipologico - costruttivi dell’edilizia storica del centro di Feltre, gli autori elaborano alcuni indicatori : - caratteristiche del patrimonio edilizio e dei quartieri; - caratteristiche della popolazione; - caratteristiche delle attività; - classificazione degli edifici e dei quartieri per dispersione termica; - classificazione delle unità immobiliari suddivise per classi di consumo (Firma); - politiche, piani, incentivi e correlazioni con dispersione e consumi. FINALITÀ Il progetto di ricerca “Energy Web Feltre” ha lo scopo di sviluppare una iniziativa di ricerca e formazione sul tema del contenimento dei consumi energetici a scala urbana, con l'obiettivo di realizzare un sistema di conoscenze socialmente condivise sullo stato di fatto relativo ai consumi e alle emissioni e alla prospettiva di miglior uso dell'energia, integrando le risorse tradizionali con quelle rinnovabili. L’oggetto di indagine comprende tutti gli edifici situati in una porzione di territorio comunale di circa 2 Km2, parzialmente coincidente con il centro urbano di Feltre. METODO Ad un modello digitale ad altissima definizione della città storica di Feltre, realizzato mediante l’integrazione di tecnologia Lidar (dal cielo) e di tecnologia Laser Scanner (da terra), sono state associate alcune informazioni mirate alla quantificazione dei consumi di energia, ottenute anche attraverso l’integrazione del rilievo delle dispersioni termiche effettuato a tappeto mediante l’uso di macchina termografica. DATI IN INGRESSO I dati in ingresso sono strettamente connessi alla significativa disponibilità di mezzi per il rilevamento urbano: - restituzione tridimensionale ad altissima risoluzione dell’intero ambito di indagine, ottenuta mediante l’integrazione della tecnologia Lidar (dal cielo) e della tecnologia Laser Scanner (da terra); - restituzione ortofotografica estesa all’intero ambito di indagine; - rilievo termografico esteso all’intero ambito di indagine; - monitoraggio dei consumi in tempo reale esteso ad un campione statistico di edifici; - sistema informativo territoriale finalizzato alla georeferenziazione, per ciascun edificio compreso nell’ambito di indagine, di alcune informazioni sulla composizione delle famiglie e dei dati di consumo, entrambe legati alla numerazione civica. MODELLI DI VALUTAZIONE Energy Web Feltre per il contenimento dei consumi energetici a scala urbana - Feltre (BL) - Italia - 2010
  63. 63. Esempi di isolati-tipo individuati. Fonte: S. REITER, V. WALLEMACQ, p. 9. MODELLI DI VALUTAZIONE City Energy Management - Liège - Belgio - 2011 DATI IN INGRESSO - qualificazione degli isolati-tipo e delle diverse tipologie edilizie presenti al loro interno, sulla base dei tre criteri precedentemente illustrati. Tutte le informazioni necessarie sono reperibili sul catasto urbano; - valutazione empirica del consumo energetico per ogni tipologia edilizia. DATI IN USCITA - consumo totale di energia dell’intero ambito di indagine (espresso in GWh*anno); - consumo totale di energia nei diversi scenari evolutivi proposti dal gruppo di ricerca. FINALITÀ Il modello proposto da Reiter e Wallemacq del laboratorio di ricerca LEMA - Local Environment Management and Analysis - (University of Liège), mira ad incentivare l’introduzione dello strumento GIS nei processi decisionali e gestionali della città. Nel caso presentato l’obiettivo è strettamente connesso alla gestione delle risorse, alla programmazione di politiche energetiche ed alla pianificazione di interventi per la riqualificazione del parco edilizio anche alla grande scala. Lo studio si muove su un doppio binario, da una parte, mira alla quantificazione dell’energia consumata nel solo settore residenziale, dall’altra, alla valutazione del consumo energetico connesso con l’uso dei mezzi di trasporto. La scheda concentra l’attenzione solo sul primo argomento di indagine. METODO Così come in alcune ricerche in precedenza illustrate, in particolare nello studio condotto dal gruppo piemontese facente capo al prof. Fracastoro e nel lavoro seguito dal prof. De Santoli sulla città di Roma, la metodologia proposta dalle studiose dell’Università di Liegi individua un numero definito di tipologie di isolati nelle quali viene fatta rientrare la quasi totalità del costruito della città (97%). Per la valutazione dei consumi energetici del parco edilizio residenziale sono definiti quattordici isolati-tipo in relazione a specifici caratteri che influenzano in modo determinante la prestazione energetica dei singoli aggregati. I tre criteri per l’individuazione degli isolati-tipo sono: periodo di costruzione inteso come valore aggregato medio dell’intero isolato (prima del 1930, 1931-1969, dal 1970 al 1985, da 1985 al 1996, dal 1996 ad oggi), tipo di edificio (isolato, con tre facciate esterne, con due sole facciate esterne) ed tipo di alloggio (collettivo o individuale). I consumi di energia, comprensivi di riscaldamento, raffrescamento, ACS ed illuminazione, sono determinati per ogni tipologia edilizia sulla base di valori empirici e di simulazioni dinamiche. La modellazione, sensibilmente semplificata, consente un’agevole elaborazione di svariati scenari di sviluppo. Il confronto tra essi è finalizzato alla programmazione di politiche energetiche e di interventi di riqualificazione del parco edilizio alla grande scala. civica.
  64. 64. DB CATASTO 25000 ca. U.I. DB HERA 25000 ca. U.I. QH,DB HERA P.C. - GIS Access + SQL+ ArcGIS Metodo «top down»: fabbisogno su base dati HERA (multiutility RER)
  65. 65. DB ER (ACE) 2900 ca. U.I. DB CATASTO 2900 ca. U.I. QH,DB ER EPi,INV,DB ER P.C. - GIS Access + SQL+ ArcGIS Metodo «bottom up»: su base dati ACE (banca dati certificazioni RER)
  66. 66. FASE 1: caratteristichegeometricheefisiche FASE 2: registrazioneedelaborazionedati FASE 3: restituzioneed analisi DEFINIZIONE MODELLO SPEDITIVO valutazione quantitativa del fabbisogno QH, (EPiINV), EPtot in alcuni Sistemi Aggregati
  67. 67. FASE 1: selezione ragionata degli edifici campione FASE 2: calcolo QH, (EPiINV) sulla base UNI/TS 11300 FASE 3: calcolo incertezza modello speditivo INCERTEZZA STATISTICA: fascia di valori entro i quali probabilmente si colloca la percentuale di errore. DISCOSTAMENTO MEDIO % 8,25 DISCOSTAMENTO MASSIMO % 25,75 DEVIAZIONE MEDIA DISCOSTAMENTI % 5,12 INCERTEZZA STATISTICA % ± 13,36 Limite 1: VALUTAZIONE DELL’INCERTEZZA DEL MODELLO SPEDITIVO valutazione incertezza su base statistica
  68. 68. FATTORI DI ANALISI Indice EPiINV (kWh/m2 *anno) Fattori determinanti il comportamento energetico dell’edilizia preindustriale di base ferrarese 7.1. Fattori geometrici 7.1.1. sistema aggregato - Orientamento solare - Compattezza volumetrica - Androne - Corpo scala (condominiale) - Loggia/portico - Vano sottotetto - Cortile - Pozzo luce 7.2. Fattori tecnici 7.2.1. opere finite - Portone e Porta esterna - Serramento e infisso - Persiana - Tenda (interna/esterna) 7.3. Fattori d’uso 7.3.1. destinazioni d’uso - Residenziale - Commerciale - Terziario - Usi saltuari 0 50 100 150 200 250 300 350 400 450 500 0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 indicediprestazioneenergeticaperilsoloriscaldamentoinvernale [EPi,INV,XLS](espressoinkWh/m2 *anno) S/V (m-1) Indice di prestazione energetica per il solo riscaldamento invernale / rapporto S/V. Il punto individua l’edificio, il colore individua l’aggregato di appartenenza. INDICI CARATTERISTICI SUL QH, (EpiINV) – scala edificio AGG.1 AGG.2 AGG.1 AGG.2
  69. 69. 124kWh/m2 *anno FATTORI DI ANALISI Indice EPiINV (kWh/m2 *anno) Fattori determinanti il comportamento energetico dell’edilizia preindustriale di base ferrarese 7.1. Fattori geometrici 7.1.1. sistema aggregato - Orientamento solare - Compattezza volumetrica - Androne - Corpo scala (condominiale) - Loggia/portico - Vano sottotetto - Cortile - Pozzo luce 7.2. Fattori tecnici 7.2.1. opere finite - Portone e Porta esterna - Serramento e infisso - Persiana - Tenda (interna/esterna) 7.3. Fattori d’uso 7.3.1. destinazioni d’uso - Residenziale - Commerciale - Terziario - Usi saltuari INDICI CARATTERISTICI SUL QH, (EpiINV) – scala edificio 452kWh/m2 *anno
  70. 70. PRIMAAGGREGATO 5 Indice EPiinv (kWh/m2a) DOPO AGGREGATO 5 Indice EPiinv (kWh/m2a) INTERVENTO rendimento totale da 75% a 85% AGG_01 AGG_02 AGG_03 AGG_04 AGG_05 AGG_06 AGG_07 AGGREGATO 67,00 66,00 51,00 44,00 30,00 59,00 47,00 N. UNITA' IMMOBILIARI 157,76 144,80 155,37 142,40 146,14 144,42 143,66 EPi,INV,XLS - En.Termica Utile (kWh/m2anno) 931.733,16 1.016.612,21 1.254.272,37 741.731,31 798.340,77 1.443.126,80 1.035.488,06 En. primaria (kWh/anno) Stato di Fatto 822.117,50 897.010,77 1.106.710,91 654.468,80 704.418,33 1.273.347,17 913.665,94 En. primaria (kWh/anno) Scenario 41,86 36,79 22,77 30,67 21,23 22,17 24,36 COSTO al mq di Superficie Utile (€/m2 sup.utile) 11,76 11,76 11,76 11,76 11,76 11,76 11,76 GUADAGNO % 1,8337 1,6555 1,0369 1,5127 0,9582 1,0425 1,1574 COSTA kWh/anno RISPARMIATO (€) 0.0000 1.0000 2.0000 3.0000 4.0000 5.0000 6.0000 1 2 3 4 5 6 7 SIMULAZIONI INTERVENTO: rendimento impianti – scala aggregato
  71. 71. AGG_01 AGG_02 AGG_03 AGG_04 AGG_05 AGG_06 AGG_07 AGGREGATO 67,00 66,00 51,00 44,00 30,00 59,00 47,00 N. UNITA' IMMOBILIARI 150,63 137,60 148,56 135,28 139,54 138,57 135,49 EPi,INV,XLS - En.Termica Utile (kWh/m2anno) 931.733,16 1.016.612,21 1.254.272,37 741.731,31 798.340,77 1.443.126,80 1.035.488,06 En. primaria (kWh/anno) Stato di Fatto 887.151,44 969.987,15 1.208.864,06 703.665,84 766.421,93 1.384.904,22 985.006,14 En. primaria (kWh/anno) Scenario 44,69 41,55 32,79 45,30 36,62 36,56 41,23 COSTO al mq di Superficie Utile (€/m2 sup.utile) 4,78 4,59 3,62 5,13 4,00 4,03 4,88 GUADAGNO % 4,8141 4,7954 4,8513 5,1214 4,8642 5,0141 4,7277 COSTA kWh/anno RISPARMIATO (€) PRIMAAGGREGATO 4 e 7 Indice EPiinv (kWh/m2a) DOPO AGGREGATO 4 e 7 Indice EPiinv (kWh/m2a) INTERVENTO da vetrocamera 4-6-4 aria a vetrocamera 4-12-4 argon 0.0000 1.0000 2.0000 3.0000 4.0000 5.0000 6.0000 1 2 3 4 5 6 7 SIMULAZIONI INTERVENTO: sostituzione vetri – scala aggregato
  72. 72. AGG_01 AGG_02 AGG_03 AGG_04 AGG_05 AGG_06 AGG_07 AGGREGATO 67,00 66,00 51,00 44,00 30,00 59,00 47,00 N. UNITA' IMMOBILIARI 105,13 97,70 104,93 93,83 103,62 99,28 97,28 EPi,INV,XLS - En.Termica Utile (kWh/m2anno) 931.733,16 1.016.612,21 1.254.272,37 741.731,31 798.340,77 1.443.126,80 1.035.488,06 En. primaria (kWh/anno) Stato di Fatto 631.084,85 707.216,76 899.557,05 508.230,45 570.546,24 1.001.213,94 705.083,64 En. primaria (kWh/anno) Scenario 289,43 308,81 288,05 257,79 290,02 254,27 262,05 COSTO al mq di Superficie Utile (€/m2 sup.utile) 32,27 30,43 28,28 31,48 28,53 30,62 31,91 GUADAGNO % 4,6230 5,3714 5,4557 4,5668 5,3980 4,5941 4,5914 COSTA kWh/anno RISPARMIATO (€) PRIMAAGGREGATO 1 e 2 Indice EPiinv (kWh/m2a) DOPO AGGREGATO 1 e 2 Indice EPiinv (kWh/m2a) INTERVENTO inserimento isolante interno in polistirene espanso 40mm 0.0000 1.0000 2.0000 3.0000 4.0000 5.0000 6.0000 1 2 3 4 5 6 7 SIMULAZIONI INTERVENTO: isolante interno – scala aggregato
  73. 73. Amministrazioni locali (regioni e comuni); Imprese del mercato immobiliare; Imprese del mercato produttivo; Imprese di servizi (multiutulities); Mibac. DESTINATARI POSSIBILI SVILUPPI Simulazione di scenari di intervento articolati e mirati alle concrete esigenze locali 1 Valutazione speditiva del fabbisogno su scenari del passato 3 Validazione dei diversi modelli di valutazione e del differente grado di approssimazione 2 Isolamento delle coperture1.1 Isolamento esterno delle chiusure verticali opache 1.2 Riqualificazione dell’assetto distributivo/funzionale 1.3
  74. 74. Marco Zuppiroli Università degli Studi di Ferrara - Dipartimento di Architettura - LaboRA marco.zuppiroli@unife.it Referente scientifico del CStdP 'Historic Building' Coordinatore del CStdP Gruppo Tematico 'Valenza Storica‘ GRAZIE PER L’ATTENZIONE
  75. 75. www.sunshineproject.eu SUNSHINE - Smart UrbaN ServIces for Higher eNergy Efficiency (GA no: 325161) Credits For more training material and courses visit http://www.sunshineproject.eu/solutions/training or contact us directly at training@sunshineproject.eu Source:www.unionegeometri.com Grazie! Marco Zuppiroli Universita' degli Studi di Ferrara marco.zuppiroli@unife.it

×