Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

PTOF_ IC_SGB_GENOVA

245 views

Published on

Piano triennale dell'offerta formativa approvato dal Collegio Docenti.

Published in: Education
  • DOWNLOAD FULL BOOKS, INTO AVAILABLE FORMAT ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. PDF EBOOK here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. EPUB Ebook here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. doc Ebook here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. PDF EBOOK here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. EPUB Ebook here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... 1.DOWNLOAD FULL. doc Ebook here { https://tinyurl.com/y3nhqquc } ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... ......................................................................................................................... .............. Browse by Genre Available eBooks ......................................................................................................................... Art, Biography, Business, Chick Lit, Children's, Christian, Classics, Comics, Contemporary, Cookbooks, Crime, Ebooks, Fantasy, Fiction, Graphic Novels, Historical Fiction, History, Horror, Humor And Comedy, Manga, Memoir, Music, Mystery, Non Fiction, Paranormal, Philosophy, Poetry, Psychology, Religion, Romance, Science, Science Fiction, Self Help, Suspense, Spirituality, Sports, Thriller, Travel, Young Adult,
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here
  • Be the first to like this

PTOF_ IC_SGB_GENOVA

  1. 1. 1 Istituto Comprensivo “San Giovanni Battista Via Andrea del Sarto, 20 – 16153 GENOVA Tel. 0106045331 - Fax 0106045565 C.F. 92020560105 www.icsangiovanni.it - Email: sg.battista@libero.it PIANO TRIENNALE DELL’OFFERTA FORMATIVA ANNI SCOLASTICI 2015 – 2018
  2. 2. 2 INDICE Premessa pag. 3 Presentazione Istituto pag. 4 Finalità pag. 9 Priorità, traguardi e obiettivi (RAV) pag. 10 Formazione pag. 12 Azioni coerenti con il Piano Nazionale Scuola Digitale pag. 12 Punti qualificanti dell’istituto pag. 16 Fabbisogno di organico pag. 35 Fabbisogno risorse materiali pag. 39 Organizzazione didattica pag. 40 Organizzazione della scuola pag. 37 Allegati pag. 40
  3. 3. 3 PREMESSA  Il presente Piano triennale dell’offerta formativa, relativo all’Istituto Comprensivo Sestri di Genova è elaborato ai sensi di quanto previsto dalla legge 13 luglio 2015, n. 107, recante la “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”;  Il piano è stato elaborato dal Collegio dei Docenti sulla base degli indirizzi per le attività della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione definiti dal dirigente scolastico con proprio atto di indirizzo del 12/10/2015;  Il piano ha ricevuto il parere favorevole del Collegio dei Docenti nella seduta del 11/01/2016;  Il piano è stato approvato dal consiglio d’istituto nella seduta del 12/01/2016;  Il piano, dopo l’approvazione, sarà inviato all’USR competente per le verifiche di legge ed in particolare per accertarne la compatibilità con i limiti di organico assegnato  Il piano, all’esito della verifica in questione, dopo aver ricevuto il parere favorevole, sarà pubblicato nel portale unico dei dati della scuola.
  4. 4. 4 PRESENTAZIONE DELLE SCUOLE DELL’ISTITUTO UFFICI DI SEGRETERIA E DI DIREZIONE Scuola Primaria San Giovanni Battista Via del Sarto 20 16153 Genova Telefono: 010 6045331 - Fax: 010 6045565 E-mail: sg.battista@libero.it SPORTELLO PER IL PUBBLICO Dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 9.30 martedì dalle 14.30 alle 16.30 Il Dirigente scolastico riceve su appuntamento
  5. 5. 5 SCUOLA DELL'INFANZIA XVI GIUGNO Si compone di 3 sezioni omogenee e 1 sezione eterogenea Via S. Maria della Costa 37 tel.010/6042351 ORARIO INGRESSO Ore 7.45 – 9.00 PRIMA USCITA Ore 11.30 – 11.45 PRANZO 1° turno Ore 11.45 – 12.30 PRANZO 2° turno Ore 12.45 - 13.30 USCITA 3 ANNI ORE 13,00 SECONDA USCITA Ore 13.30 – 14.00 TERZA USCITA Ore 15.50 – 16.30 Non sono concesse uscite aggiuntive alle 3 sopra riportate se non autorizzate dal Dirigente Scolastico per motivi documentati
  6. 6. 6 SCUOLA PRIMARIA SAN GIOVANNI BATTISTA Si compone di 11 classi Via Andrea del Sarto,20 Tel 0106045331 ORARIO lunedì, martedì, giovedì e venerdì 8:20 - 16:30 Mercoledì 8:20 – 15:30 Uscite senza pasti e rientri pomeridiani differenziati per classi
  7. 7. 7 SCUOLA PRIMARIA GIANNI RODARI Si compone di 10 classi Piazza Di Vittorio,6 Tel. 0106045618 ORARIO lunedì, martedì, giovedì e venerdì 8:20 - 16:30 Mercoledì 8:20 – 15:30  Per chi pranza a casa delle classi Prime, Seconde: USCITA ORE 12:00 E RIENTRO ORE 13:30  Per chi pranza a casa delle classi Terze, Quarte e Quinte: USCITA ORE 12:30 E RIENTRO ORE 14:00 Il plesso dispone di ascensore e di “angolo morbido” per bambini diversamente abili
  8. 8. 8 SCUOLA SECONDARIA DI 1° GRADO VIRGINIA CENTURIONE Si compone di 17 classi Salita Inferiore Cataldi, 5 Telefono e Fax 0106591942 ORARIO 30 ore settimanali Distribuite in cinque giorni senza rientro pomeridiano Dal lunedì al venerdì ore 8:00 - 14:00 Due intervalli di 15 minuti alle 9:50 – 10:05 e 11:50 – 12:05 INDIRIZZO MUSICALE Orario 32 ore settimanali , distribuite in cinque giorni settimanali con due Rientri di un modulo ciascuno, uno per la musica d’assieme e l’altro per lo strumento individuale
  9. 9. 9 FINALITÀ Il presente documento viene predisposto ai sensi dell’articolo 1 – comma 1 della Legge 107 del 15/07/2015. Si ispira alle finalità complessive della legge che possono essere così sintetizzate:  dare «piena attuazione» all’autonomia delle istituzioni scolastiche  affermare il ruolo centrale della scuola nella società della conoscenza  innalzare i livelli di istruzione e le competenze delle studentesse e degli studenti  contrastare le diseguaglianze socio-culturali e territoriali  prevenire e recuperare l'abbandono e la dispersione scolastica  realizzare una scuola aperta, innovativa e digitalizzata  garantire il diritto allo studio, le pari opportunità di successo formativo e di istruzione permanente dei cittadini Tre parole chiave definiscono le LINEE GUIDA della “ missione “ educativa del nostro Istituto: CONFRONTO CONDIVISIONE CRESCITA
  10. 10. 10 PRIORITÀ, TRAGUARDI ED OBIETTIVI DI PROCESSO Si rimanda al RAV per quanto riguarda l’analisi del contesto in cui opera l’Istituto, l’inventario delle risorse materiali, finanziarie, strumentali ed umane di cui si avvale, gli esiti documentati degli apprendimenti degli studenti, la descrizione dei processi organizzativi e didattici messi in atto. Si riprendono qui in forma esplicita gli elementi conclusivi del RAV ( Rapporto di Autavalutazione) e cioè: Priorità, Traguardi ed Obiettivi di processo. Le Priorità che l’Istituto si è assegnato per il prossimo triennio sono: 1) Migliorare i risultati nelle prove standardizzate nazionali con particolare riferimento alla scuola primaria 2) Sviluppare le competenze chiave e di cittadinanza 2a - Sviluppo delle competenze sociali; 2b - Imparare ad imparare; 2c - Sviluppo della competenza digitale. I Traguardi che l’Istituto si è assegnato in relazione alle priorità sono: 1) Ridurre il gap tra gli alunni e allineare la media ai risultati delle scuole con background socio-economico e culturale simile. 2) 2a ( Il 70/80% degli alunni raggiunge i livelli medio alti delle griglie di valutazione) 2b (L'80% degli alunni consegue risultati medio alti (es. 8/10) nei compiti reali. 2c (L'80% degli alunni sa utilizzare le risorse del web in maniera produttiva, responsabile e critica). Le motivazioni della scelta effettuata sono le seguenti: è stata rilevata la necessità di predisporre e avvalersi di strumenti di progettazione, monitoraggio e valutazione condivisi per il raggiungimento dei traguardi delle competenze chiave e di cittadinanza. Nel primo anno la scuola predisporrà gli strumenti per valutare i traguardi e nei due anni successivi si definiranno gli interventi
  11. 11. 11 per migliorare i risultati ottenuti nel primo a.s. Gli Obiettivi di processo che l’Istituto ha scelto di adottare in vista del raggiungimento riguardano le seguenti Aree di processo Curricolo, progettazione e valutazione 1) Organizzazione di un corso di aggiornamento per docenti sul lavoro in team. 2) Individuazione di una commissione che lavori sulla stesura di una programmazione e relativa valutazione per competenze sulla base del curricolo verticale di Istituto. 3) Individuazione di una commissione che lavori sulla stesura di griglie di valutazione delle competenze chiave di cittadinanza. 4) Secondaria di primo grado: incontri bimestrali per la stesura e l'utilizzo della programmazione per competenze e per materia. Ambiente di apprendimento 1) Progettazione di attività didattiche curricolari mirate al miglioramento degli esiti delle prove nazionali standardizzate. 2) Riflessione e utilizzo di un approccio metodologico per competenze finalizzato al miglioramento degli apprendimenti in ambito linguistico e logico- matematico. 3) Promozione di iniziative volte a contrastare le disuguaglianze socio- culturali e territoriali. 4) Potenziamento delle competenze digitali di alunni e docenti. Le motivazioni delle scelte effettuate sono le seguenti: Gli obiettivi individuati sono finalizzati alla condivisione della progettazione nel corpo docenti , a creare maggiore continuità educativa e uno stile collaborativo adeguato alle nuove modalità di lavoro richieste dalla normativa. Migliorare gli esiti degli apprendimenti per competenze degli alunni. Nel primo anno la scuola predisporrà gli strumenti per individuare i traguardi e nei due anni successivi si attueranno gli interventi per migliorare i risultati ottenuti nel primo anno scolastico. SI ALLEGA IL PIANO DI MIGLIORAMENTO
  12. 12. 12 FORMAZIONE Nell’ambito del Progetto di Miglioramento sono previste le seguenti attività di formazione rivolte al personale docente di tutto l’Istituto comprensivo Corso di aggiornamento per docenti sul lavoro in team. L’Istituto pianificherà un corso di aggiornamento per promuovere la modalità di lavoro in gruppo sulla progettazione didattica per realizzare materiale spendibile nell’azione didattica quotidiana così strutturato:  nº 3 incontri plenari con il supporto di un consulente per il miglioramento formato da INDIRE e di un docente esperto di didattica multimediale su:  il building team ( definizione e significato) per progettare insieme e definizione dei ruoli all’interno del gruppo  didattica per competenze e didattica tradizionale a confronto/il profilo dello studente per competenze;  strumenti per il lavoro in team nel web 2.0 (nell’ambito di tale incontro ai docenti saranno illustrare le modalità di accesso e fruizione del sito della scuola e del registro elettronico per la condivisione/archiviazione dei materiali digitali prodotti)  costituzione di gruppi di lavoro in base ambiti disciplinari individuali dei docenti e ai vari livelli di progettazione (team ambiti/ commissioni...) con compiti operativi in previsione della creazione del curricolo verticale d’Istituto;  nº 2 incontri di restituzione, a metà e a fine percorso. OBIETTIVI MISURABILI  Maggiore collaborazione tra i docenti per un’azione didattica più incisiva e condivisa.  Formazione/aggiornamento di tutti i docenti sulla didattica per competenze con il loro coinvolgimento nell’attuazione dei percorsi previsti.  Formazione/aggiornamento dei docenti per un’iniziale competenza digitale  Acquisizione di capacità organizzative per ottimizzare le risorse che l’Istituto possiede e utilizzarle nella didattica.  Incremento delle pratiche innovative con l’utilizzo anche di tecnologie multimediali per valorizzare le competenze dei docenti e migliorare l’efficacia dell’organizzazione e della didattica.  Sviluppo di una cultura orientata ai risultati in modo da garantire a tutti gli alunni/studenti il raggiungimento delle competenze ‘chiave’.  Incremento delle prestazioni degli alunni e della soddisfazione degli stessi.  Creazione e consolidamento degli scambi culturali tra infanzia/primaria e primaria/secondaria.  Sviluppo di un sistema di monitoraggio e valutazione curato da D.S. e nucleo interno di valutazione ( NIV) . RISORSE UMANE E FINANZIARIE: 1490 € per lo svolgimento delle attività di formazione ( compenso per gli esperti esterni e per il docente esperto interno alla scuola, controllo lavori prodotti nei gruppo, materiali didattici) Docenti con funzione di coordinamento nei gruppi di lavoro ( monitoraggio, verbalizzazione dei lavori, inserimento materiali nel registro elettronico, gestione piattaforma..). Impegno orario previsto: 30 ore. LIM per le attività di formazione.
  13. 13. 13 AZIONI COERENTI CON IL PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE Premessa e riferimenti normativi Il Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD) è il documento di indirizzo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca per il lancio di una strategia complessiva di innovazione della scuola italiana e per un nuovo posizionamento del suo sistema educativo nell’era digitale. Si propone l'ambizioso obiettivo di modificare gli ambienti di apprendimento per rendere l’offerta educativa e formativa coerente con i cambiamenti della società della conoscenza e con le esigenze e con i ritmi del mondo contemporaneo. Tale documento prevede come figura di accompagnamento l'animatore digitale che, unita alla figura del dirigente scolastico e del direttore amministrativo, formerà una “triade” che sarà messa nelle condizioni di convertire gli obiettivi e le innovazioni del Piano Nazionale Scuola Digitale nella vita scolastica. Si tratta, quindi, di una figura di sistema e non di un supporto tecnico, come previsto dal PNSD. L’animatore digitale è nominato dal Dirigente Scolastico e per l’attuazione della digitalizzazione della scuola è tenuto a presentare un progetto triennale che, una volta approvato, sarà inserito nel piano dell’offerta formativa, pubblicato e oggetto di monitoraggio. Gli ambiti di azione dell’animatore digitale delineati dalla normativa sono: 1) FORMAZIONE INTERNA : organizzazione di corsi di formazione in modalità laboratoriale in presenza o in modalità blended per promuovere le competenze digitali della comunità scolastica avvalendosi anche di risorse di rete o di esperti esterni. 2) COINVOLGIMENTO DELLA COMUNITA’ SCOLASTICA: diffusione dei temi del PNSD, anche attraverso momenti formativi aperti alle famiglie e ad altri attori del territorio, per la realizzazione di una cultura digitale condivisa; 3) CREAZIONE DI SOLUZIONI INNOVATIVE: individuazione di soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili da diffondere all’interno degli ambienti della scuola (es. uso di particolari strumenti per la didattica di cui la scuola si è dotata (es. registro elettronico, sito della scuola, piattaforma LMS; pratica di una metodologia comune; informazione su innovazioni esistenti in altre scuole; laboratorio di coding per tutti gli studenti), coerenti con l’analisi dei fabbisogni della scuola stessa, anche in sinergia con attività di assistenza tecnica condotta da altre figure. (fonte PSND azione #28 pag 115).
  14. 14. 14 Coerentemente con quanto previsto dal PNSD (Azione #28), l’ Animatore Digitale dell’Istituto presenta il proprio piano di intervento per l’anno scolastico 2015/2016. Il carattere “generale” e “modificabile “della proposta qui presentata dipende soprattutto dalle disposizioni ministeriali che devono ancora essere redatte e che potranno dunque influire sulla sua modifica o integrazione. Infatti si è in attesa di decreti ministeriali che diano indicazioni precise sullo svolgimento di alcune azioni previste nel PNSD. (Comunicato stampa del 5 gennaio 2016). La fattibilità del piano necessariamente si interseca con variabili quali la presenza di infrastrutture, supporti e disponibilità economiche quindi la sottoscritta si è orientata per una presentazione “di massima” delle possibili attività da attuare, onde non cadere nell’errore di presentare una check list di azioni piuttosto che un progetto realistico e attuabile. LA FORMAZIONE DIGITALE La formazione del personale docente è un punto di partenza, un momento chiave, un vero e proprio motore di cambiamento. Con formazione in questa sede si intendono l'acquisizione o il perfezionamento non solo delle competenze necessarie ad utilizzare le tecnologie, ma anche della capacità di integrare gli strumenti all’interno della pratica didattica. Questo momento è fondamentale per garantire il successo del progetto e la sua possibilità di continuare a crescere nel futuro. Le ricadute complessive riguardano molteplici ambiti: ● INTEGRAZIONE DELLE COMPETENZE di tutta la comunità scolastica che partecipa al progetto ● AVVIAMENTO DI UN PROCESSO DI CRESCITA CONTINUO ● PREVENZIONE DI COMPORTAMENTI A RISCHIO NEI RAGAZZI Nel corso del progetto il corpo docenti è coinvolto in una serie di incontri formativi che riguardano: ❏ Presentazione del progetto e diffusione del PNSD ❏ Uso del registro elettronico e del sito della scuola ❏ Uso dei devices (tablet, pc, smartphone, LIM, schermi nelle loro diverse componenti e funzionalità) ❏ Funzionalità di base e avanzate di suite di strumenti collaborativi on line e open source ( es. GAFE ovvero Google Apps for Education) ❏ Uso di piattaforme LMS per la didattica (Es. Moodle o Edmodo) ❏ Progettazione, realizzazione e condivisione di digital objects ❏ Uso didattico dei social network
  15. 15. 15 PIANO DELLE ATTIVITA’ Si presenta nel dettaglio solo la prima annualità del piano, per le ragioni precedentemente espresse. Qualora saranno maggiormente definite le indicazioni normative, sarà completata la formazione dell’animatore e sarà effettuata una puntuale disamina e ricognizione delle risorse hardware e software, della strumentazione in uso e di quella da implementare, dei reali ed oggettivi bisogni, aspettative ed esigenze della comunità scolastica riguardo alle competenze didattiche, si potrà procedere a dettagliare gli interventi per le successive annualità. I° ANNUALITA’ 2015 / 2016 FORMAZIONE INTERNA Azione generale ● Questionario per conoscere i bisogni formativi generali sulle competenze digitali destinato ai docenti della scuola. Sarà redatto per essere compilato online con adeguati criteri di privacy e i dati raccolti serviranno ad orientare la definizione dell'offerta formativa. ● Ricognizione buone pratiche già presenti nell'istituto. ● Ricognizione dotazioni hardware e software presenti nei plessi scolastici. ● Predisposizione materiali testuali/ audiovisivi per informare le componenti scolastiche sui contenuti del PNSD. ● Questionario di gradimento dell’attività formativa di base attuata. Docenti ● Corso base per l'utilizzo di strumenti cloud di condivisione e operatività. ● Uso del registro elettronico per la scuola primaria. ● Uso del sito della scuola. Studenti ● Partecipazione al progetto “Generazioni connesse” Genitori ● Alfabetizzazione registro elettronico per la scuola primaria e del sito della scuola per i genitori di tutte le classi Personale amm.tivo ● Attivazione “Segreteria Digitale” CREAZIONE DI SOLUZIONI INNOVATIVE Azioni generali ● Attivazione sito istituzionale della scuola.
  16. 16. 16 PUNTI QUALIFICANTI DELL’ ISTITUTO COMPRENSIVO  Accoglienza  Continuità del percorso formativo nei tre ordini di scuola  Orientamento  Piano Annuale per l’ Inclusione  Integrazione alunni diversamente abili  Integrazione e alfabetizzazione alunni stranieri  Monitoraggio difficoltà di letto-scrittura  Approfondimento studio delle lingue straniere  Educazioni: Ambientale – Interculturale - Stradale - alla Salute - alla Legalità  Laboratori : Informatici – Musicali – Teatrali - Artistici  Concorso musicale  Attività motorie e sportive  Presenza di Esperto Garante Diritti dei Bambini  Presenza di Referenti DSA (Difficoltà Specifiche dell’Apprendimento)  Presenza di un Referente per l’Accoglienza  Presenza di un Referente Abuso e Maltrattamento Il nostro istituto riceve, dall' anno scolastico 2010/2011, l'attestazione di “Scuola Amica” nell'ambito di un Progetto voluto dal MIUR e dall’UNICEF. “La Scuola amica è una scuola in cui la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza viene attuata e vissuta quotidianamente dai bambini e dai ragazzi. A misura di bambino è la scuola che valorizza le differenze, promuove l’ascolto e la partecipazione dei bambini e dei ragazzi in quanto soggetti di diritti e protagonisti del proprio processo formativo.”
  17. 17. 17 ACCOGLIENZA Nella Scuola dell’Infanzia si attua un’accoglienza concordata anticipatamente tra la famiglia e la scuola, nel rispetto dei modi e dei tempi richiesti dall’età del bambino. L’ inserimento dei bambini di tre anni viene organizzato scaglionando il loro ingresso in quattro settimane, con la compresenza degli insegnanti e la frequenza solo antimeridiana. La scuola dell'Infanzia, prima dell'inserimento vero e proprio, organizza una visita guidata della scuola (dicembre/gennaio), incontri individuali con le famiglie dei nuovi iscritti (marzo/inizio aprile), un incontro collettivo con le famiglie (fine giugno) e una festa per tutti gli iscritti prima dell'inizio della scuola Nella Scuola Primaria durante la prima settimana di scuola, gli insegnanti sono in compresenza e la mattinata viene dedicata alla conoscenza, all'ascolto, alla comunicazione e al vivere serenamente nell’ambiente scolastico, anche attraverso specifici giochi o altre attività. Nei primi giorni di scuola i genitori sono invitati a partecipare ad un incontro con gli insegnanti di classe o con il coordinatore di classe, che illustrano l’organizzazione del lavoro e le finalità educative. Nella Scuola Secondaria di primo grado, prima dell'inizio delle lezioni, i docenti delle classi prime riuniti in Consiglio, ricevono tutti i genitori per una preliminare conoscenza e per fornire loro le informazioni utili all'avvio dell'anno scolastico nonché la documentazione relativa al rapporto scuola/famiglia dell'alunno ( libretto giustificazioni con regolamento disciplinare, patto di corresponsabilità, autorizzazioni per foto e uscite didattiche....) Tutti i genitori delle classi 2° e 3° potranno invece partecipare al Consiglio del mese di Ottobre nella seconda parte della sua convocazione. Il Coordinatore di Classe, ad inizio anno, convoca singolarmente i genitori dei nuovi iscritti per ricevere eventuali informazioni su situazioni problematiche (particolari patologie, allergie, intolleranze,..) che interessano l’alunno e la sua gestione all’interno della classe. A novembre il Dirigente invita tutti i genitori degli alunni delle classi quinte del territorio per la presentazione dell’offerta formativa della scuola; convoca inoltre tutti i rappresentanti di classe per le informazioni di inizio anno. Tra novembre e dicembre tutte le scuole dell'Istituto organizzano l'apertura dei vari plessi, per offrire l'opportunità ai genitori dei futuri iscritti di una visita guidata negli spazi degli edifici scolastici e ai ragazzi di partecipare ad attività laboratoriali con i docenti.
  18. 18. 18 CONTINUITÀ Il passaggio da un ordine di scuola all’altro è un momento delicato e molto importante e tutti i docenti dell'Istituto organizzano con cura questa fase affinché ciò avvenga con serenità. Infanzia /Primaria Nel mese di novembre la F.S. della continuità invita i colleghi delle scuole dell’infanzia e primaria dell’istituto per programmare degli incontri didattici su temi particolarmente significativi. Lo scopo delle attività è di far conoscere ai futuri alunni gli spazi della scuola , gli adulti che incontreranno l’anno scolastico successivo e rendere maggiormente responsabili i grandi delle quinte nell’esercizio di “tutor” con i più piccoli. Primaria / Secondaria/ Secondaria 2° grado A novembre i docenti della primaria (ex quinte) si incontrano con i coordinatori di classe della secondaria dell’istituto e del territorio per verificare la qualità dell’inserimento dei loro ex alunni nel nuovo ciclo scolastico. Nel mese di marzo i docenti della secondaria e delle quinte primaria si incontrano per la raccolta informazioni sui nuovi iscritti; nel mese di maggio avviene il passaggio di informazioni tra i docenti della secondaria delle classi terze e i docenti degli istituti superiori. Il nostro Istituto prevede diversi momenti durante i quali gli alunni delle classi quinte possono conoscere direttamente la realtà della scuola secondaria: da novembre a gennaio vengono attivati dei laboratori di continuità destinati agli allievi del nostro Istituto comprensivo. Mediante lezioni interattive, organizzate da docenti della scuola secondaria, si cerca di favorire un primo approccio ad alcune discipline presenti in questo ciclo di studi e si permette agli alunni di scoprire gli spazi e le risorse presenti nella scuola che li accoglierà l’anno successivo. Dal mese di febbraio tali laboratori sono offerti anche agli alunni provenienti dalle altre scuole primarie del territorio, ma iscritti nel nostro Istituto per il successivo anno scolastico.
  19. 19. 19 ORIENTAMENTO Il presente progetto si propone la finalità di indurre gli allievi a riflettere circa il loro futuro e condurli, attraverso un percorso graduato nell’arco del triennio, a maturare scelte ragionate relativamente al proseguimento degli studi. Gli alunni verranno educati alla scelta utilizzando le valenze culturali ed educative delle singole discipline, saranno aiutati ad acquisire autonomia decisionale e verranno loro forniti dati ed informazioni generali sul mondo scolastico e del lavoro sul territorio Nelle classi prime gli alunni, guidati dagli insegnanti, iniziano a riflettere sulle proprie attitudini, inclinazioni, desideri: la conoscenza di sé è la premessa per operare la scelta futura. Nelle classi seconde, durante il secondo quadrimestre, gli alunni interessati potranno partecipare ad attività laboratoriali presso alcuni Istituti Superiori presenti sul territorio. Nelle classi terze verrà effettuata la visita al Salone “OrientaMenti” (mese di novembre) con ritiro della pubblicazione“Costruiamoci il futuro. La scelta dopo la Scuola Media”. Saranno divulgati gli incontri di “SCUOLA APERTA”, che verranno proposti dai vari tipi di scuola secondaria di secondo grado e sarà organizzato il cosiddetto “SALONCINO”, manifestazione volta a favorire incontri, anche individuali, tra alunni e genitori con i referenti (docenti ed allievi) di molte Scuole secondarie di 2° grado della Città Metropolitana di Genova per avere informazioni e materiale illustrativo per una scelta consapevole del successivo percorso di studio (a livello territoriale, agli inizi di Dicembre , con il patrocinio del Municipio VI Medio Ponente). Presso alcune Scuole Superiori del territorio verranno svolte attività laboratoriali Durante la seduta dei Consiglio di classe di Novembre, i docenti formulano per ciascun alunno il Consiglio Orientativo, consegnato ai genitori dal docente coordinatore nel mese di Dicembre. Tra i Coordinatori delle classi 3° e i Docenti responsabili dell’orientamento delle Scuole Secondarie di 2° grado del territorio (Lanfranconi, Mazzini, Odero, Calvino, Rosselli, Bergese / mese di maggio) viene effettuato un incontro di continuità e la docente funzione strumentale per l’ orientamento partecipa ai seminari proposti dalla Città Metropolitana di Genova e dall’Ufficio Scolastico Regionale.
  20. 20. 20 PIANO ANNUALE PER L’INCLUSIONE A.S. 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO SAN GIOVANNI BATTISTA Il PAI ( Piano Annuale per l' Inclusione ) deve essere inteso come un elemento di riflessione nella predisposizione del PTOF di cui esso è parte integrante che può contribuire ad accrescere la consapevolezza dell'intera comunità scolastica sulla centralità e trasversalità dei processi inclusivi in relazione alla qualità dei risultati educativi di una “scuola per tutti e per ciascuno”. In quest' ottica non va quindi interpretato come “un piano formativo per alunni con bisogni educativi speciali”, come sottolinea la nota ministeriale 1551/2013, (C.M. n. 8 marzo 2013), ma deve essere uno strumento attraverso cui sviluppare una didattica rivolta ai bisogni educativi di ciascun alunno, attenta al realizzare gli obiettivi comuni, che mira a individuare situazioni problematiche e utilizza strategie diversificate per affrontarle; deve servire a migliorare il grado di inclusività con la collaborazione e il coinvolgimento di tutto il personale che opera nella scuola: - il personale Ata che collabora nella realizzazione delle attività e nella sorveglianza - gli studenti al centro dell'azione educativa che collaborano alla realizzazione del loro progetto di vita - i docenti che attivano le metodologie più adeguate per “insegnare ad imparare” facendo uso di una didattica personalizzata - gli educatori del Comune che collaborano con il docente di sostegno nel colmare lacune in specifici ambiti - le famiglie che condividono con la scuola le iniziative e i metodi di lavoro Il PTOF dell'Istituto è caratterizzato da tre “C”, confronto, condivisione e crescita sulle quali si basa anche il Progetto di Inclusione:  confronto per individuare le modalità di personalizzazione atte a permettere a tutti di apprendere in maniera significativa (PEI e PDP sono la memoria e la documentazione del lavoro svolto negli anni)  condivisione delle situazioni problematiche, delle strategie, e dei criteri educativi  crescita come costante miglioramento secondo gli obiettivi prefissati e supporto per il lavoro dell'anno successivo, analizzando le criticità per trasformarle in positività. Il punto di partenza è il contesto in cui l'istituto opera e la progettazione di percorsi educativi attenti al singolo valorizzano i suoi punti forti per realizzare il suo star bene a scuola. Il nostro PAI è quindi rivolto in particolare ad alunni BES (Bisogni Educativi Speciali) , certificati L. 104, DSA (Disturbi Specifici Apprendimento), stranieri, in condizione di disagio socio-economico, linguistico e culturale.
  21. 21. 21 L’Istituto si attiva anche per garantire l’ Istruzione domiciliare attraverso i docenti disponibili. La rilevazione è stata effettuata a livello di Istituto ALUNNI ISTITUTO COMPRENSIVO NUMERO 949 BES Non quantificabile data l'estrema eterogeneità dei casi e le continue dinamiche in evoluzione. I singoli alunni necessitano di un'osservazione e un monitoraggio costanti e precisi e di una valutazione iniziale e in itinere per stabilire l'oggettività della situazione L.104 /1992 4545 DSA 40 Ogni intervento rivolto agli alunni sarà attivato partendo dalle risorse esistenti nell'Istituto, valorizzando le competenze di ogni docente. Si svolgeranno: * attività laboratoriali per creare un contesto di apprendimento personalizzato * attività didattiche in piccolo gruppo per favorire la partecipazione di tutti gli alunni * attività di recupero per gruppi di livello in relazione agli obiettivi didattici che si vogliono raggiungere
  22. 22. 22 Si cercherà di: - favorire un clima di accoglienza e benessere - instaurare rapporti positivi con alunni - privilegiare la valutazione formativa facendo leva sui punti di forza e non sulle criticità - mantenere rapporti di collaborazione con i servizi sul territorio ( ASL, associazioni riabilitative, CTS..) - partecipare ad attività promosse dalla Rete Ponente finalizzate all’integrazione e all’inclusione. Le proposte progettuali dell'Istituto necessitano di: * risorse aggiuntive non completamente presenti nella scuola come ad esempio l' assegnazione di un organico di sostegno adeguato alle reali necessità, * risorse specifiche per l'inserimento e l'integrazione degli alunni stranieri e l'organizzazione di laboratori linguistici, * fondi e strumenti per agevolare l'inclusione degli alunni BES * maggior coinvolgimento della Asl per consulenze e relazioni d'intesa Il PAI dell’ Istituto si completa con il dettaglio delle attività illustrate ai punti riguardanti:  Integrazione alunni diversamente abili  Integrazione e alfabetizzazione alunni stranieri  Monitoraggio DSA
  23. 23. 23 INTEGRAZIONE ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI L’Istituto pone una particolare attenzione all’integrazione degli alunni disabili, favorendone la socializzazione, l’acquisizione di autonomie e il miglioramento delle abilità scolastiche, secondo le possibilità di ciascuno Gli organismi interni che orientano gli interventi individualizzati e supportano il lavoro dei Consigli di Classe sono: il Gruppo H (L. 104/92 art.15) e il GRUPPO DI LAVORO HANDICAP Gruppo H (L. 104/92 art.15) La composizione della Commissione H è la seguente:  Il Dirigente Scolastico.  Le 2 Funzioni strumentali per il sostegno (infanzia/primaria e secondaria di 1°grado).  Un Assistente Amministrativo  Un Collaboratore Scolastico  I 2 Medici scolastici (primaria e secondaria)  I Rappresentanti dei genitori dei 3 plessi Gli obiettivi della Commissione sono così riassunti:  Creare condizioni favorevoli all'inserimento degli alunni diversamente abili.  Creare una rete di informazioni e di sensibilizzazione.  Monitorare l'organizzazione delle attività del sostegno valutando criticità e punti di forza nei 4 plessi. GRUPPO DI LAVORO HANDICAP Il GLH dell'istituto è costituito dagli insegnanti di sostegno. Il GLH indica i criteri e verifica le procedure per la realizzazione del PDF (Profilo Dinamico Funzionale) e del PEP (Piano Educativo Personalizzato) degli alunni disabili. Gli obiettivi Attraverso periodici incontri, il GLH:  gestisce le risorse personali ( assegnazione delle ore di attività di sostegno ai singoli alunni)  si confronta sugli interventi individualizzati sulle strategie didattiche le metodologie applicate  affronta problemi in itinere cercando soluzioni idonee, condivide la strumentazione, i sussidi , il materiale strutturato.  propone l’acquisto di materiale didattico o tecnologico necessario RAPPORTI CON L’ESTERNO Durante l’anno scolastico vi sono regolari incontri con le famiglie che possono essere intensificate per esigenza di comunicazione, confronto, monitoraggio dell’andamento scolastico al fine di Analogamente vengono concordati e svolti incontri con gli operatori delle ASL e dei servizi riabilitativi, quali figure di riferimento per la strutturazione e realizzazione di percorsi individualizzati (PEP) e l’approvazione e condivisione della documentazione necessaria.
  24. 24. 24 INTEGRAZIONE E ALFABETIZZAZIONE ALUNNI STRANIERI Nell’ ambito dell’ INTEGRAZIONE E ALFABETIZZAZIONE degli ALUNNI STRANIERI un insegnante referente si occupa di organizzare e predisporre attività per l`inserimento degli studenti stranieri che si iscrivono per la prima volta nelle nostre scuole. ATTIVITÀ E OBIETTIVI:  organizzare colloqui orientativi con le famiglie dei nuovi iscritti stranieri per dare informazioni sulle caratteristiche della scuola italiana in generale e sulle nostre scuole nello specifico;  acquisire informazioni sulla storia scolastica dello studente per scegliere l`inserimento più adatto e per valutare la conoscenza della lingua italiana e proporre test d`ingresso su competenze verbali e non verbali;  prendere contatto, ove se ne veda l`esigenza, con gli insegnanti delle scuole del territorio, che il bambino ha eventualmente frequentato in precedenza, per avere informazioni di carattere didattico;  prendere contatti con i mediatori linguistici;  partecipare ad incontri con enti e associazioni che promuovono l`integrazione interculturale;  comunicare al Dirigente Scolastico e ai colleghi le informazioni acquisite durante gli incontri;  organizzare, nel caso ci fosse la disponibilità finanziaria, attività di tipo laboratoriale per l`insegnamento dell`italiano come seconda lingua;  collaborare con il personale ATA. Annualmente, l’Istituto attua un progetto mirato ad accogliere e sostenere i soggetti di cittadinanza non italiana iscritti nelle scuole, per rispondere all’eterogeneità dei bisogni di questi alunni in una prospettiva globale. GARANTE DEI DIRITTI DEI BAMBINI La presenza di un docente appositamente formato sul diritto, anche internazionale, e la tutela del minore incentiva una cultura dell’integrazione e dell’inclusione e permette alla scuola di:  intercettare situazioni di malessere e predisporre percorsi idonei per il superamento dei disagi in collaborazione con i colleghi ed eventualmente con le famiglie;  conoscere le procedure corrette per la segnalazione del disagio;  conoscere i servizi territoriali ed individuare quello più idoneo al caso.
  25. 25. 25 MONITORAGGIO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO L’Istituto Comprensivo, secondo quanto indicato dalla Legge 170/2010 e dalle Linee Guida per il diritto allo studio di alunni e studenti con DSA. allegate al decreto ministeriale 12 luglio 2011, si impegna: A) a promuovere attività di sensibilizzazione, di informazione, di formazione, di diffusione scientifica rispetto ai problemi relativi ai disturbi specifici dell’apprendimento scolastico, rivolte a docenti e genitori; B) a sviluppare tutte le forme di collaborazione per tutelare i diritti delle persone affette da DSA e ad esercitare d’intesa: • azioni tese a realizzare le pari opportunità d’istruzione e formazione, favorendo una comprensione quanto più efficace e precoce del disturbo • azioni finalizzate a garantire la coerenza e la continuità in verticale e orizzontale tra i diversi gradi e ordini di scuola; • interventi integrati di prevenzione e di contrasto all’insuccesso scolastico e formativo; C) ad attuare forme di monitoraggio, prevenzione e ricerca sulle problematiche legate al disturbo; D) a coordinare con altri Enti coinvolti e a razionalizzare, nel rispetto delle competenze dei diversi soggetti coinvolti, l’uso delle rispettive risorse umane, professionali, strumentali, finanziarie; E) a sostenere l’azione educativa della famiglia. Per fare ciò l’Istituto utilizza strumenti e progettualità. 1) COMPILAZIONE DEL PDP Il Percorso Didattico Personalizzato è uno strumento da redigere e consegnare a seguito della relazione diagnostica di DSA. La Scuola predispone il PDP entro il primo trimestre scolastico, condividendo tra i docenti interessati la relazione e predisponendo un piano didattico che tenga conto delle indicazioni dello specialista e delle caratteristiche dell’allievo. Il PDP viene condiviso e sottoscritto insieme alla famiglia, che prende così parte a un patto educativo. 2) DUE DOCENTI REFERENTI/DSA, uno per lnfanzia e Primaria e uno per la Secondaria, che: - forniscono informazioni circa le disposizioni normative vigenti e indicazioni in merito alle misure compensative e dispensative, in vista dell’individualizzazione e personalizzazione della didattica - collaborano all’individuazione di strategie volte al superamento dei problemi esistenti nella classe con alunni DS - offrono supporto ai colleghi insegnanti in merito agli strumenti per la didattica e alla valutazione degli apprendimenti - curano la dotazione di ausili e di materiale bibliografico all’interno dell’Istituto - diffondono le notizie riguardanti l’aggiornamento e la formazione nel settore - fornisce informazioni riguardanti Enti, Associazioni, Istituzioni, Università di riferimento - fornisce informazioni riguardo a strumenti web per la condivisione di buone pratiche - fa da mediatore tra famiglia e strutture del territorio. SI ALLEGA DISPENSA INFORMATIVA
  26. 26. 26 APPROFONDIMENTO LINGUE STRANIERE In ambito linguistico (L2) si svolgono progetti in orario curricolare ed extracurricolare (con contributo delle famiglie) Orario curricolare Orario extracurricolare Infanzia Primaria Inglese Madrelingua (Corso approccio L2) Corso L2 English Camp Primaria e-Twinning Secondaria Teatro L2 Kangourou Conversation and Drama Trinity Course English Camp I PROGETTI RELATIVI SONO DEPOSITATI IN SEGRETERIA
  27. 27. 27 AMBIENTE/TERRITORIO L’IC San Giovanni Battista caratterizza la propria offerta formativa grazie anche ad attività svolte, in orario curricolare, in collaborazione con vari soggetti del territorio:  l’adesione a iniziative e progetti su scala nazionale e locale: Frutta nelle Scuole, Intrecci Urbani, Fruttometro (Comune di Genova), Riciclolio, Festival della Scienza, Rigiocattolo (Comunità di Sant’Egidio); Porto Aperto (Multedo);  la partecipazione a manifestazioni ed iniziative proposte da enti e realtà territoriali: Festa della Speranza (Terre des Hommes – Associazione Semplicemente), Iniziative Unicef, Bottega Solidale, Settimana dei Parchi (Circoscrizione), animazioni Coop, Solidarscuola (Music for Peace), Genova per l’Africa, Ospedale dei pupazzi (Arci),Gipsoteca Venzano; incontri di Educazione ai Diritti Umani (Amnesty International), Associazione S.P.E.R.A., LIONS, ONLUS “Casa Alessia” per adozioni a distanza in Africa, UISP – Punto Luce  le proposte di educazione stradale : Associazione “In risciò” , incontri con i Vigili Urbani;  le proposte didattiche di “Impararte” - visite guidate, mostre, laboratori, attività di animazione e percorsi gestiti da: Archivi e Biblioteche , Musei statali, comunali e privati, Acquario di Genova, Matefitness, Palazzo Ducale, Città dei Bambini, Genoa Port Center, Muvita;  la visione di rappresentazioni teatrali o cinematografiche proposte ai ragazzi, dentro e fuori la scuola, anche in lingua inglese;  la partecipazione a progetti ed iniziative proposti da aziende, enti, fondazioni ed associazioni : Teatro Carlo Felice, Fondazione Carige – Progetto Giovani, Banco di Chiavari, MUS-E, Lions, Dipartimenti dell'Università di Genova (Statistica,Matematica..), Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Laboratori Educativi Territoriali, Associazione DLF, AMIU, IREN, PARMALAT, Secolo XIX, Repubblica, AMT, Eataly, Cooperativa Pescatori Voltri, Associazione Terra!, Centri e Cooperative di Educazione Ambientale, Aziende Agricole del territorio, Filarmonica Sestrese, Circolo Merlino, Circolo CÀ Bianca, CAI, Italia Nostra, Lipu, Legambiente, UISP, ARCI,”A COMPAGNA”, Virtus Sestri, Basket Sestri, Associazione LABIYRINTH, Fondazione Garrone, GOG, Sinagoga di Genova, altre chiese e luoghi di culto,  gli incontri di educazione alla salute, primo soccorso, educazione sessuale, prevenzione del tabagismo e dell’alcolismo, (ASL 3, IST, Ospedale Galliera, Centro Regionale di Farmacovigilanza, Dipartimento Regionale Salute e Servizi Sociali);
  28. 28. 28  le visite esterne delle sedi e/o gli interventi in classe da parte delle forze dell’ordine: Carabinieri, VI reparto mobile PS, Polizia Postale, Polizia di Stato, Vigili del Fuoco;  l’iscrizione di classi o gruppi di alunni a tornei, iniziative e manifestazioni sportive : Torneo Ravano, Torneo della Liberazione (calcio), Attività di promozione delle Federazioni (tennis, volley, basket bocce..), Festa dello Sport, Giochi Sportivi Studenteschi, ”Il più veloce della città”, Campionato di Rugby, Giochi motori dell’Istituto;  la partecipazione a concorsi nazionali e locali : “Kangourou” “Acqua per la vita” “Un poster per la pace” “Kids Creative Lab” “La Luna al guinzaglio” “Siamo tutti Capitano”, Associazione culturale Arte, Lions;  la promozione dell’iniziativa “I più bravi della scuola” - premiazione dei migliori alunni della scuola V. Centurione, in collaborazione con la Circoscrizione, i teatri Duse, Politeama Genovese, Teatro della Corte, Modena, Teatro della Tosse, Teatro della Gioventù, Teatro Cinema Verdi, Librerie Mondadori e Tutta Carta che forniscono premi in materiale didattico, libri e biglietti omaggio. VIAGGI D’ISTRUZIONE Tutti i plessi dell'Istituto, secondo le linee guida della C.M. 14/10/1992, n. 291, effettuano uscite, visite e viaggi di istruzione di uno o più giorni, in quanto parte della programmazione predisposta a inizio di anno scolastico o del ciclo di studi. Tali iniziative si configurano come esperienze di apprendimento e di crescita della personalità, parte integrante e qualificante dell'offerta formativa, di cui si riconoscono gli scopi didattici, cognitivo-culturali e relazionali. Per la scuola secondaria i viaggi di più giorni vengono effettuati anche all'estero e l'esigenza è rappresentata dalla constatazione della realtà sociale, economica, tecnologica e artistica di altri paesi dell'Unione europea L'Istituto ha elaborato un Regolamento interno per le visite e i viaggi d'istruzione.
  29. 29. 29 OLTRE...L'OFFERTA FORMATIVA Grazie all'attività e alla collaborazione del personale ATA, i locali delle scuole dell'Istituto Comprensivo San Giovanni Battista, si apriranno, dopo l'orario scolastico, ad agenzie educative che gestiranno varie tipologie di corsi e proposte, economicamente a carico delle famiglie. In alcuni casi, le stesse agenzie offriranno alla scuola, in orario scolastico, attività a prezzo calmierato o totalmente gratuite. Le iniziative risulteranno distribuite nei plessi con modalità ed orari differenti Le proposte, spesso in continuità con esperienze già attuate nell’ambito dei plessi, rispondono a precise esigenze dell’utenza, sia dal punto di vista educativo, (arricchimento dell’offerta formativa) sia come servizio alle famiglie, creando un prolungamento d’orario talora provvidenziale per alcune fasce di genitori-lavoratori. Le iniziative saranno pubblicizzate direttamente dai promotori attraverso la diffusione di un volantino specifico e presentate dagli stessi ai genitori interessati che potranno manifestare le loro esigenze e ricevere i chiarimenti necessari. Sono stati approvate dal Consiglio d’Istituto le richieste di utilizzo spazi per:  corsi di inglese scuola primaria di Happy Talk srls  attività sportive nelle palestre delle scuole presentate da: ASD Kenseido Karate - Arci Amici 72 - Basket Sestri - Sestri in Danza - Virtus Sestri
  30. 30. 30 LABORATORI Il nostro Istituto è dotato di “Aule Informatiche” presso i plessi delle Primarie “San Giovanni Battista” e “Gianni Rodari” e presso la Secondaria “Virginia Centurione”, le dotazioni di questi laboratori necessitano di manutenzione e di un rinnovo. La scuola dell’Infanzia “XVI Giugno” ha un computer in ogni classe (anche se obsoleti) e un laboratorio informatico in comune. Nei plessi sono in uso anche alcune Lavagne Interattive Multimediali ( 2 nella scuola S.G.Battista e 2 alla Rodari, 7 nella scuola Centurione + alcuni schermi). Ovviamente ogni plesso scolastico ha una dotazione di programmi adatti al livello di scuola, dall'animazione grafica per la letto-scrittura della scuola dell’Infanzia al CAD (Computer Aided Design) della Secondaria. Gli alunni hanno l’opportunità di svolgere ricerche tematiche sul web seguiti e guidati dai Docenti , a gruppi di due o tre in quanto le macchine funzionanti non sono sufficienti per una classe. Nei locali della scuola S. Giovanni Battista, si è trasferito dal 2013 il Centro Idee e Materie in Gioco, un'associazione nata da un accordo tra il Dipartimento di Fisica dell'Università degli Studi di Genova e il Comune, che promuove lo sviluppo dell'intuizione e della creatività e la diffusione della Didattica della Scienza, con il coordinamento del Prof. De Paz. IMG offre agli alunni l'opportunità di relazionarsi con la scienza in modo giocoso realizzando laboratori didattici e approfondimenti nelle principali aree tematiche scientifiche: fisico-chimica, matematica e geometria, astronomia-scienze della terra, biologia-scienze naturali Gli spazi a disposizione nei diversi plessi del Comprensivo permettono un approccio “laboratoriale” a svariate attività ed educazioni, mediante iniziative previste dalla programmazione educativa e didattica e gestite dai docenti delle classe o, in alcuni casi, da personale esperto che interviene, previa autorizzazione, a titolo gratuito o in qualità di prestatore d’opera, nel rispetto della normativa vigente, come ad esempio nella scuola secondaria V. Centurione dove l'artista Paolo Lorenzo Parisi svolge attività teoriche e pratiche su argomenti di arte contemporanea garantendo il suo intervento in una classe ogni 15 gg per un percorso dalla durata triennale. Sono presenti nelle nostre scuole laboratori di osservazioni scientifiche (le cui dotazioni di arredi e strumenti sono da potenziare) dove si svolgono esperimenti di chimica, fisica e biologia. Particolare attenzione è prevista per le attività motorie ( l'Istituto è Centro Sportivo Scolastico), i cui percorsi vengono il più possibile diversificati per facilitare l'approccio alle diverse pratiche sportive (basket, rugby, tennis, calcio, danza)
  31. 31. 31 PROGETTUALITÀ SU PERCORSI TEMATICI Progetti in attivazione  “GENERAZIONI CONNESSE” (utilizzo sicuro dei nuovi Media)  “PROGETTO ARIANNA” (maltrattamento e abuso)  “SVILUPPARE UNA SCUOLA DIGITALE; SICURA ED ECOSOSTENIBILE” (per la realizzazione, l'ampliamento e l'adeguamento delle infrastrutture di rete LAN/WLAN con utilizzo di fondi strutturali europei PON) Progetti approvati da attivare  “VERSO UNA SCUOLA RESPONSABILMENTE CONNESSA” (Piano di azioni e iniziative per la prevenzione del cyber- bullismo)  “PROGETTO SCUOLA E TEATRO” (Scuola capofila IC Sestri est)  “PIANO NAZIONALE PER IL POTENZIAMENTO” (orientamento e contrasto della dispersione scolastica – percorsi orientativi in rete)  “PROGETTO PER LA VALORIZZAZIONE E IL RECUPERO DI AMBIENTI SCOLASTICI E REALIZZAZIONE DI SCUOLE ACCOGLIENTI” (riqualificazione e valorizzazione di spazi comuni per la realizzazione di “cantieri” e laboratori permanenti)  “INCLUDIAMOCI” (proposta inclusione alunni con disabilità D.M. 435 16/6/2005) LE SCHEDE PROGETTUALI SONO CONSULTABILI IN SEGRETERIA
  32. 32. 32 Progetti rivolti a singole classi o gruppi di classi delle scuole primarie con contributo genitori per l’a.s. 2015/16 Progetti rivolti a singole classi o gruppi di classi finanziati col FIS a.s.2015/16 GINNASTICAMENTE LAB. MUSICALE (RODARI) LA MUSICA IN CORPO (SGB) MUSICHIAMO CREAMUSICA PRONTI,PARTENZA VIA EDUCAZIONE ALL’INTERIORITÀ Il ricorso a personale esterno a pagamento e la partecipazione ad iniziative non gratuite sarà avviato qualora: - si tratti di attività per cui siano richieste competenze specifiche, non in possesso degli insegnanti - vi sia l'adesione di tutti i genitori coinvolti Progetto “Un libro per amico” Scuola Primaria S.G. Battista Progetto “Esplorando con l’arte, la musica…” Scuola Primaria Rodari Progetto “Iscrizioni” - Scuola Infanzia XVI Giugno Progetto “Recupero italiano e matematica” Scuola Secondaria Centurione (al 50% contributo genitori) Progetto “CONTINUITÀ” tutti gli ordini di scuola * Lo svolgimento dei progetti sopra elencati dipenderà dall’entità dei finanziamenti ricevuti e delle risorse erogate dal Ministero della Pubblica Istruzione e dagli altri Organi competenti PROGETTI SENZA ONERI Il Collegio Docenti si riserva di portare in approvazione al Consiglio d’Istituto delle proposte progettuali arrivate in corso d’anno e che risultino significative per completare l’ offerta formativa come quelle di seguito elencate Le classi della Scuola Primaria S.G.Battista hanno aderito al progetto “Programma il futuro” partecipando anche a “L’ora del codice” La sezione E della Scuola Centurione aderisce al progetto di “Educazione Ambientale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani” Una classe della scuola Primaria S.G.Battista partecipa all’attività pluriennale “L’orto didattico”, progetto “Le fattorie del Merlo”
  33. 33. 33 CONCORSO MUSICALE V. CENTURIONE Il concorso musicale nazionale si svolge presso la scuola secondaria V. Centurione ad anni alterni ed è organizzato dai Prof. Rapetti Massimo (tromba) e Pietropaolo Roberta (violino) in collaborazione con il Municipio Medio Ponente e il Teatro Verdi; prevede la partecipazione di circa 1500 alunni provenienti dalle scuole secondarie di primo e secondo grado di tutto il territorio nazionale, compresi alunni provenienti da scuole musicali, associazioni musicali, accademie privatisti. Obiettivi in itinere  Incontro tra musicisti di diverse città Italiane  Scambi culturali  Approfondimento delle conoscenze della musica di diversa provenienza  Confronto e valutazione tra tutti i partecipanti Obiettivi finali  Fornire agli studenti di musica un importante occasione di crescita attraverso il confronto con altri giovani musicisti e la valutazione di altri professionisti.  Promuovere un’attenzione agli aspetti multiculturali del “fare musica”  Confermare e concludere positivamente un percorso collegato all’educazione musicale con eventuale orientamento futuro Durante i mesi che precedono il concorso, i docenti organizzatori Prof. ssa Pietropaolo e prof. Rapetti sono impegnati nell’organizzazione logistico – temporale del Concorso, dove il compito primario risiede nel calendarizzare le prove di ogni iscritto cercando di mettere gli esecutori nella migliore condizione possibile per affrontare con agio la prova. Sono istituite 5 commissioni composte da docenti di strumento provenienti da varie città italiane che valuteranno le esibizioni degli iscritti esprimendo una valutazione in centesimi. Presso la scuola media V. Centurione si esibiranno i solisti ed i gruppi composti al massimo da 10 elementi, mentre presso il Teatro Verdi si esibiranno i gruppi con più di 10 elementi, le orchestre ed i cori e l'ultimo giorno si terrà la premiazione finale con l’esibizione dei vincitori dei premi assoluti presso il Teatro stesso.
  34. 34. 34 ATTIVITA’ MOTORIE E SPORTIVE Da sempre l’Istituto ha avuto una particolare attenzione per la attività motorie viste come strumento non solo di sviluppo psicomotorio del fanciullo, ma anche come momento di aggregazione, di appartenenza ad un gruppo, di crescita personale e di consapevolezza delle proprie abilità. Ogni anno vengono valutate le varie iniziative proposte, con l’intento di diversificare il più possibile gli interventi, per facilitare l’approccio alle diverse pratiche e trovare gratificazione nella pratica di almeno un’ attività sportiva. Di norma, nella Scuola Primaria possono essere proposte:  Basket  Rugby (nel periodo antecedente il torneo Ravano)  Tennis  Danza  Calcio  Bocce  Giochi della mente  Giochi motori di fine anno  Giornata sugli sci  Cicli di lezioni con tirocinanti in convenzione con l’Università di Genova Nella Scuola Secondaria di Primo Grado, nell' ambito delle attività di Educazione Fisica, anche attraverso la costituzione del Centro Sportivo Scolastico che consente la partecipazione ai Giochi Sportivi Studenteschi, vengono proposte agli alunni diverse discipline finalizzate a favorire il confronto con la cultura del movimento in molte delle sue espressioni, aumentando le opportunità educative e formative attraverso attività di gruppo, nel rispetto dei ruoli e delle regole, per migliorare la conoscenza del sé, la capacità di collaborazione e socializzazione, la capacità di gestire in modo positivo il tempo libero e per contrastare il sovrappeso e l' obesità.
  35. 35. 35 FABBISOGNO DI ORGANICO ORGANICO DOCENTI DI DIRITTO 2015 /2016 SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA 1° GRADO Posto comune 8 Posti sostegno 2 Posto comune 42+5ore Posti sostegno 5 Interne esterne A043 LETTERE 8 1 A059 SC. MATEMATICHE 5 1 A245 FRANCESE 1 1 A345 INGLESE 2 1 A028 ED. ARTISTICA 1 1 A033 ED. TECNICA 1 1 A032 ED. MUSICALE 1 1 A030 ED. FISICA 1 1 A077 STRUMENTO 4 SOSTEGNO 6
  36. 36. 36 ORGANICO DI FATTO 2015/2016 SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA 1° GRADO 2 posti di sostegno 8 posti + 16 h di sostegno 7 h di completamento 6 h di sostegno TOTALE 8 posti comuni 4 posti sostegno TOTALE 42 posti comuni + 5 h 13 posti di sostegno + 16 h TOTALE 24 cattedre interne + 8 cattedre con orario esterno 6 posti di sostegno + 6 h PREVISIONE FABBISOGNO ORGANICO 2016/2018 Si prevede un incremento del fabbisogno di personale docente del 10% sulla base dei dati rilevati negli ultimi tre anni , della crescita demografica e delle statistiche annuali degli alunni con disabilità che necessitano del docente di sostegno.
  37. 37. 37 PERSONALE AMMINISTRATIVO E AUSILIARIO TIPOLOGIA NUMERO TIPOLOGIA NUMERO DSGA 1 Collaboratori 16 + 1 In funzione dell’aumentare / diminuire di classi/alunni) Assistenti amministrativi 5 RICHIESTE DI POSTI DI ORGANICO POTENZIATO Art. 1 comma 7 Legge 107/2015 Considerato che per il 2015 sono stati assegnati all'Ist. Comprensivo otto docenti di organico potenziato, complessivamente non rispondenti alle esigenze risultanti dalla richiesta formulata dalla scuola, per il prossimo triennio si rendono necessari: 1) Semiesonero del 1° collaboratore del Dirigente ( 9 ore scuola secondaria classe concorso A043) per esigenze organizzative in un Istituto con numerose complessità 2) N. 2 posti area linguistica ( 1 posto A043 e 1 posto primaria) per percorsi individualizzati e personalizzati al fine di garantire l’inclusione scolastica e il diritto allo studio di alunni BES e contrastare la dispersione scolastica
  38. 38. 38 3) N. 2 posti area matematica (1 posto A059 e 1 posto scuola primaria) per potenziamento delle competenze logico-matematiche 4) N. 1 posto potenziamento competenze digitali (eventuale affiancamento animatore digitale) 5) N. 1 posto potenziamento delle discipline motorie e sviluppo di comportamenti ispirati ad uno stile di vita sano, con particolare riferimento all’ed. fisica, allo sport e all’alimentazione 6) N. 3 posti di sostegno Nel presente anno scolastico i docenti dell'organico potenziato assegnati alla scuola primaria sono stati cosi utilizzati: n. 1 docente con scelta differita è stato sostituito da un supplente utilizzato x sostituzioni n. 1 docente non sostituito – in aspettativa n. 1 docente utilizzato su progetto e sostituzioni in primaria S. Giovanni Battista n. 1 docente utilizzato in primaria Rodari su progetto e sostituzioni n. 1 docente di sostegno ( non assegnato per mancanza di aspiranti e non sostituito per mancanza di docenti con il titolo) Nella scuola secondaria Centurione i docenti dell'organico potenziato assegnati sono stati così utilizzati: n. 1 docente A030 – ed. Fisica utilizzato 10 ore su progetti attività motoria scuola primaria e 8 ore su sostituzioni n. 1 docente A177 – Pianoforte con scelta differita è stato sostituito da supplente utilizzato per sostituzioni n. 1 docente A043 – Lettere utilizzato su semiesonero del primo collaboratore del Dirigente n. 1 docente di sostegno ( non assegnato per mancanza di aspiranti e non sostituito per mancanza di docenti con il titolo)
  39. 39. 39 FABBISOGNO RISORSE MATERIALI Tutte le scuole dell'Istituto hanno in dotazione materiali informatici e non che vengono man mano implementati attraverso gli appositi fondi. Per completare tale dotazione si dovranno acquistare: - 11 LIM per secondaria Centurione - 10 schermi sui quattro plessi - 11 LIM per primaria S. Giovanni - 10 LIM per primaria Rodari - 30 pc per Centurione - 30 per S. Giovanni - 30 per Rodari - 4 per XVI Giugno (collegamento Internet) - arredi idonei alle varie fasce di età (armadi, banchi, sedie….) ed attrezzature per laboratori scientifico e artistico con installazione di un lavandino in aula per la Scuola Centurione - rinnovo materiale del laboratorio musicale della primaria ( leggii, strumentazione varia….) - rinnovo dei materiali e arredi delle palestre/spazi psicomotori di tutti i plessi dell’istituto
  40. 40. 40 ORGANIZZAZIONE DELLA DIDATTICA Il nostro Istituto Comprensivo ha intrapreso a partire dallo scorso anno scolastico un percorso per la realizzazione di un iter formativo unitario giungendo alla stesura di un CURRICOLO VERTICALE da utilizzare come strumento metodologico e disciplinare che affianchi il progetto educativo a partire dalla scuola dell’infanzia sino alla scuola secondaria di 1°grado. Una apposita Commissione, composta da docenti dei vari ordini di scuola, ha contribuito alla stesura di tale documento facendo riferimento alle “Indicazioni nazionali per il curricolo” (DM 254 del 5/09/2012) , alle Competenze Chiave per l’apprendimento permanente (G.U.dell’UE 30/12/2006), del DPR 122 del 22/06/2009 e alle Linee guida per la Certificazione delle competenze (CM n.3 prot. 1235 13/02/2015). Dopo momenti di condivisione e confronto, si è giunti nel corrente anno scolastico a continuare il lavoro intrapreso dalla Commissione Curricolo-progettazione con una prima stesura di progettazione curricolare per competenze sulla quale (vedi Piano di miglioramento) i docenti dell’istituto saranno impegnati in attività di formazione. Pertanto l’organizzazione didattica, la programmazione didattica e la valutazione degli apprendimenti e delle competenze è coerente con le Indicazioni Nazionali e le Raccomandazioni Europee IL CURRICOLO VERTICALE D’ISTITUTO E LE PROGRAMMAZIONI PER COMPETENZE DI OGNI ORDINE DI SCUOLA SONO CONSULTABILI SUL SITO DELL’ISTITUTO
  41. 41. 41 ORGANIGRAMMA A.S. 2015 - 2016 STAFF DIRIGENTE SCOLASTICO Borello Claudio DIRETTORE AMMINISTRATIVO Bernardi Chiara COLLABORATORE VICARIO Gosmino M.Teresa SECONDO COLLABOORATORE De Gregori Monica (fino al 4/12/15) Barabino Laura (dal 4/12/15) GIUNTA CONSIGLIO D’ISTITUTO COMITATO DI VALUTAZIONE RSPP Durante Massimo ASSISTENTI AMMINISTARTIVI COLLABORATORI SCOLASTICI PROGETTI Porcu Maria Caterina CONTINUITÀ Barabino Ivana Poggi Silvia SOSTEGNO Puppo Barbara Ardinghi Fausta ORIENTAMENTO Rossi Teresa ATTIVITÀ MOTORIA Baldoni Maurizio CONCORSO MUSICALE Rapetti Massimo Pietropaolo Roberta FIGURE STRUMENTALI RESPONSABILI DI PLESSO XVI GIUGNO Infanzia Casavecchia Gabriella S.G.BATTISTA Primaria Barabino Laura (fino al 31/12/15) Porcu Caterina (dal 1/12/15) RODARI Primaria Russo Barbara CENTURIONE Secondaria 1° Grado Rossi Teresa COLLEGIO DOCENTI COORDINATORI DI CLASSE COMMISSIONI Commissione Curricolo-Progettazione Commissione PTOF NUCLEO DI AUTOVALUTAZIONE Barabino Ivana Cecchi Michela Franza Marina Gregori Raffaella Porcu Caterina ANIMATORE DIGITALE Gregori Raffaella RLS Scrivo Giuseppe
  42. 42. 42 RAPPORTI SCUOLA-FAMIGLIA L’informazione alla famiglia e la collaborazione attiva sono considerate dalla Scuola elementi di fondamentale importanza. Entro la fine di Ottobre, i genitori eleggono il loro rappresentante nei consigli di classe/sezione. I rappresentanti di classe/sezione o gruppi di genitori possono tenere assemblee nei locali della scuola, in orario extrascolastico, previa domanda scritta al Dirigente, con un anticipo di almeno 5 gg. Ogni tre anni i genitori sono chiamati ad eleggere i loro rappresentanti nel Consiglio di Istituto che è l’organo di gestione dell’Istituzione Scolastica. Per la scuola dell’ infanzia e le primarie I docenti incontrano i genitori in occasione di:  colloqui individuali;  assemblee di classe (almeno tre volte l’anno);  interclassi/intersezioni giuridiche con la presenza dei rappresentanti di classe (almeno due volte l’anno). Nell'assemblea, particolarmente a inizio anno, occorre affrontare molteplici argomenti quali: o organizzazione scolastica ( orari di ingresso e di uscita, regole,..) o organizzazione della giornata (distribuzione del carico di lavoro) o assegnazione compito (quando ,quanto) o verifiche (periodicità, o rapporti scuola-famiglia (comunicazioni, colloqui, collaborazioni, ecc.) o interventi particolari (alunni con difficoltà) o partecipazione ad eventuali iniziative sociali, culturali, sportive, ricreative o organizzazione dell'attività alternativa all'insegnamento della religione(orari, contenuti) o modalità di convocazione assemblee e colloqui individuali o criteri per l’utilizzo del contributo volontario ed eventuali proposte di utilizzo E' necessario garantire all'utenza una corretta informazione. Durante l’assemblea un genitore sarà tenuto a redigere un verbale con indicati gli argomenti trattati e le eventuali decisioni prese.
  43. 43. 43 Per la scuola secondaria di primo grado Oltre al ricevimento settimanale dei docenti, sono programmate quattro ore di ricevimento collegiale pomeridiano da effettuarsi: o due ore nel mese di dicembre; o due ore nel mese di aprile. È fissata inoltre una riunione con i genitori degli alunni delle classi terze per illustrare l’attività di orientamento, da realizzarsi in apertura o in chiusura del ricevimento collegiale di dicembre. Nel mese di settembre, prima dell’avvio dell’anno scolastico, i Consigli di classe incontreranno i genitori delle prime per illustrare: l’organizzazione del tempo scuola, l’utilizzo del registro on line e l’uso del libretto. In tale sede sarà possibile procedere anche alla firma di alcuni documenti quali:  Patto educativo di corresponsabilità  Regolamento interno e Regolamento di Disciplina  Autorizzazioni varie In tutte le classi, di norma, nell’assemblea di inizio anno si provvede a: o presentare i docenti o illustrare la programmazione o chiarire i rapporti scuola-famiglia (comunicazioni, colloqui, collaborazioni, ecc.) o condividere i criteri per l’utilizzo del contributo volontario e raccogliere proposte E' necessario garantire all'utenza una corretta informazione. Durante l’assemblea un genitore sarà tenuto a redigere un verbale con indicati gli argomenti trattati e le eventuali decisioni prese. SI ALLEGANO I PATTI DI CORRESPONSANILITÀ SCUOLE PRIMARIA/INFANZIA E SCUOLA SECONDARIA DI 1°GRADO
  44. 44. 44 ALLEGATI 1 – Atto di indirizzo 2 - Piano di Miglioramento 3 - Patti di corresponsabilità 4 - Dispensa informativa DSA 5 – Curricolo d’ Istituto

×