Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
Organizzato da:
IPRASE – Istituto provinciale per la ricerca e la
sperimentazione educativa –
è
Ente Strumentale della Pro...
Allegati pubblici sul sito dell’IPRASE
 Home Risorse Materiali degli
eventi
Oppure al seguente link
http://www.iprase.tn....
Obiettivo:
riflessione su temi cruciali per l’insegnamento -
apprendimento della lingua nell’attuale momento
storico, cara...
Problemi affrontati
1. I valori dell'italiano inteso come lingua materna, lingua 2,
lingua dello studio, lingua di eserciz...
Articolazione
 Relazioni di esperti
 Presentazione delle esperienze da parte
delle scuole
P. Cavoretto - C. Grosso
Un quadro di insieme delle
Indicazioni Nazionali
I. Fiorin Presidente del corso di laurea in Scienze della
Formazione Prim...
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
Insegnare italiano al tempo del
plurilinguismo
Patrizia Cordin, professore di glottologia e linguistica
presso l’Universit...
Multi, pluri, bilinguismo
 Multilinguismo: si riferisce all’uso di più lingue in
una comunità
 Plurilinguismo: si riferi...
Cosa significa essere bilingue?
 Essere bilingue/plurilingue vuol dire usare due o più
lingue regolarmente;
 non vuol di...
Plurilinguismo e lingue minoritarie
 Anche le lingue “minoritarie” sono un’opportunità per
cogliere i vantaggi del biling...
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
Plurilinguismo e dialetti
 Per la maggior parte degli scolari negli anni Settanta i
dialetti hanno costituito la base sul...
Bilinguismo: vantaggi e svantaggi
G. Vigliocco, Professore di Psicologia del linguaggio -
UNIVERSITY OF CENTRAL LONDON.
Un...
 1962. Controllando il livello socio – economico:
bilingui = più intelligenti
(Peal & Lambert, 1962)
P. Cavoretto - C. Gr...
Svantaggi:
 Lessico più limitato, soprattutto in L2
 Recupero lessicale più lento, soprattutto in L2
 Numero maggiore d...
Vantaggi:
 Linguistici: maggior conoscenza del linguaggio
 Cognitivi: maggior capacità di inibire
informazioni irrilevan...
Vantaggio cognitivo
 Bilingui hanno maggiore capacità di controllo del
comportamento (Bialystok, 2008, 2010)
 Maggior fa...
Bilinguismo e identità personale
Due lingue, due persone?
 No, una persona più “ricca”: possibilità di avere
accesso a en...
Conclusioni
Bilinguismo
 ha implicazioni importanti sulla cognizione;
 non ha effetti deleteri sullo sviluppo e educazio...
Plurilinguismo:
la nostra percezione
 Quanti di noi sono bilingui?
 Quanti di noi vivono/lavorano in contesto
multilingu...
Diversità linguistiche nelle scuole
italiane: i paesi (P. Cordin)
 Diversità linguistiche nelle scuole italiane:
 196 pa...
Diversità linguistiche nelle scuole
italiane: i numeri
a.s. 2013-14
 Alunni stranieri: 803.059
 Alunni stranieri scuola ...
Plurilinguismo nei bambini
 I bambini imparano qualsiasi lingua senza sforzo,
esattamente come imparano a camminare.
 Il...
Presto è meglio
ll miglior periodo per diventare
pienamente bilingue è la prima
infanzia.
Ruolo fondamentale delle scuol...
Il ruolo delle famiglie
 Valorizzare le competenze familiari delle
famiglie (migranti), favorendone la
partecipazione ai ...
La formazione degli insegnanti
 “ Tu t t o c i ò n o n p u ò e s s e r e a f f i d a t o
all’improvvisazione né può grava...
Un cambiamento di prospettiva
Verso le classi multilingui
 Non solo italiano L2
 Non solo multiculturalità
 Non solo at...
 Diversità linguistica e culturale come parte integrante
del curriculum
 Famiglie e comunità coinvolte nel curriculum
 ...
Buone pratiche:
Visibilità e conoscenza
LA NOSTRA CLASSE È UN POSTO DOVE LE LINGUE SONO…
benvenute -rispettate -parlate -a...
Buone pratiche:
Uso partecipato delle lingue
 Alfabeti
 Monete
 Supermercato in classe
 Websites nelle diverse lingue
...
Buone pratiche:
lettura
P. Cavoretto - C. Grosso
Stimoli per la riflessione grammaticale
 Traduzione: da Lingua di Casa (LC) a Lingua di Scuola
(LS) e da LS a LC
 Confro...
A cosa serve la grammatica
 È ormai assodato che non esiste un legame diretto tra
riflessione sulla lingua e sviluppo del...
Laboratori
 1. L’italiano neostandard tra oralità e scrittura
 2. Le opportunità offerte dalle tecnologie digitali
 3. ...
 Studiare le discipline in italiano: leggere,
comprendere, scrivere testi espositivi e
argomentativi
 le caratteristiche...
Le caratteristiche dei testi scolastici
delle varie discipline
La lingua della scuola e dello studio:
 Assume tratti dei ...
Chiara Amoruso, Gli alunni stranieri e i testi
scolastici
Cummins distingue tra:
 competenza linguistica sufficiente a so...
Nei testi scolastici sono presenti due tipi
di difficoltà:
 Difficoltà funzionali in rapporto a studenti con
deficit
Semp...
LE DIFFICOLTÀ FUNZIONALI
 Offrono un modello di lingua colto
 Presentano le strutture linguistiche adeguate per la
verba...
LE DISFUNZIONI
 Elementi di difficoltà non funzionali e anti-funzionali.
 Non producono alcun effetto positivo in termin...
Le disfunzioni nei testi scolastici
Perché?
contenere in uno spazio ridotto contenuti estesi e
complessi
testi piegati e r...
 Il lettore esperto capisce perché già sa e compie una
serie di microragionamenti e inferenze che rimangono
sotto il live...
 Questo si traduce in un problema di comprensibilità
che è strutturale. Per comprendere il testo, infatti,
bisogna già co...
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
Per capire…
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
Lavori a gruppi
P. Cavoretto - C. Grosso
Lavori a gruppi
P. Cavoretto - C. Grosso
Un problema vero…
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
Quale metodo di studio?
P. Cavoretto - C. Grosso
G. Landi, La lingua per lo studio delle
discipline
L’attuale società globalizzata richiede una scuola basata
sulle compete...
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
Studiare con metodo
regione Basilicata,
I.C. “R. Montano” di Stigliano
(Matera)
 Realizzazione di un manuale on– line sul...
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
La lettura
P. Cavoretto - C. Grosso
La sottolineatura
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
P. Cavoretto - C. Grosso
 Il plurilinguismo: l’italiano come lingua 2
 la lingua d’uso e la lingua scolastica;
 la grammatica per i madrelingua ...
PROGETTO n.1 (VENETO ) I.C. Ponte delle Alpi
 PROGETTO n.1 Veneto
I.C Ponte delle Alpi
CURRICOLO VERTICALE per ALUNNI ST...
PROGETTO n.2 Rete Scuola ROMA 13
Insieme si può fare
A.S 2014-15 /2015-16
11 istituti coinvolti
3 incontri di formazione...
PROGETTO n. 5
OVVERO …
GRAZIE PER LA VOSTRA
ATTENZIONE!
P. Cavoretto - C. Grosso
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Iv seminario indicaz naz
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Iv seminario indicaz naz

240 views

Published on

Presentazione esperienze Indicazioni Nazionali dal Convegno di Rovereto

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Iv seminario indicaz naz

  1. 1. P. Cavoretto - C. Grosso
  2. 2. P. Cavoretto - C. Grosso
  3. 3. Organizzato da: IPRASE – Istituto provinciale per la ricerca e la sperimentazione educativa – è Ente Strumentale della Provincia Autonoma di Trento, con il compito di promuovere e realizzare iniziative di formazione continua, ricerca e sperimentazione a sostegno dell’innovazione didattica e dello sviluppo del sistema educativo provinciale. P. Cavoretto - C. Grosso
  4. 4. Allegati pubblici sul sito dell’IPRASE  Home Risorse Materiali degli eventi Oppure al seguente link http://www.iprase.tn.it/risorse/scheda-documento- risorse/?node=workspace%3A%2F%2FSpacesStore%2 Fbfc8e769-6bca-409b-a799-82882626499a# P. Cavoretto - C. Grosso
  5. 5. Obiettivo: riflessione su temi cruciali per l’insegnamento - apprendimento della lingua nell’attuale momento storico, caratterizzato da:  plurilinguismo di fatto (permanenza lingue minoritarie, evoluzione dell’italiano parlato, italiano scolastico dello studio e comunicazione in più lingue straniere)  immigrazione e globalizzazione  diffusione delle tecnologie digitali. P. Cavoretto - C. Grosso
  6. 6. Problemi affrontati 1. I valori dell'italiano inteso come lingua materna, lingua 2, lingua dello studio, lingua di esercizio della cittadinanza - lingua ufficiale della Repubblica Italiana. 2. La relazione tra costruzione dell’identità personale, apprendimento della lingua materna e plurilinguismo. 3. Le ragioni della valorizzazione delle lingue minoritarie. 4. L’apprendimento della lingua / delle lingue e l’uso delle tecnologie digitali. P. Cavoretto - C. Grosso
  7. 7. Articolazione  Relazioni di esperti  Presentazione delle esperienze da parte delle scuole P. Cavoretto - C. Grosso
  8. 8. Un quadro di insieme delle Indicazioni Nazionali I. Fiorin Presidente del corso di laurea in Scienze della Formazione Primaria all'Università LUMSA di Roma. Professore di didattica e pedagogia speciale preso la LUMSA. Coordinatore del Comitato scientifico nazionale per l’accompagnamento e il monitoraggio delle nuove ‘Indicazioni nazionali per il curricolo’ della scuola dell'infanzia e del primo ciclo di istruzione (2012) P. Cavoretto - C. Grosso
  9. 9. P. Cavoretto - C. Grosso
  10. 10. P. Cavoretto - C. Grosso
  11. 11. P. Cavoretto - C. Grosso
  12. 12. P. Cavoretto - C. Grosso
  13. 13. P. Cavoretto - C. Grosso
  14. 14. P. Cavoretto - C. Grosso
  15. 15. P. Cavoretto - C. Grosso
  16. 16. P. Cavoretto - C. Grosso
  17. 17. P. Cavoretto - C. Grosso
  18. 18. P. Cavoretto - C. Grosso
  19. 19. P. Cavoretto - C. Grosso
  20. 20. P. Cavoretto - C. Grosso
  21. 21. Insegnare italiano al tempo del plurilinguismo Patrizia Cordin, professore di glottologia e linguistica presso l’Università degli Studi di Trento CRISI DEL MONOLINGUISMO  «Assistiamo oggi alla crisi forse definitiva del monolitismo linguistico. […]  Nuovi spazi e nuovi compiti si offrono alla vita delle lingue meno diffuse, e più in generale alla più completa affermazione dei diritti linguistici umani.» (De Mauro 2006, 11) P. Cavoretto - C. Grosso
  22. 22. Multi, pluri, bilinguismo  Multilinguismo: si riferisce all’uso di più lingue in una comunità  Plurilinguismo: si riferisce all’uso di più lingue in un individuo  Bilinguismo: termine generale, con riferimento all’uso di due lingue in un individuo o in una comunità, dove le due abbiano uguale riconoscimento e funzioni. P. Cavoretto - C. Grosso
  23. 23. Cosa significa essere bilingue?  Essere bilingue/plurilingue vuol dire usare due o più lingue regolarmente;  non vuol dire parlare due/più lingue perfettamente.(Sorace 2011) P. Cavoretto - C. Grosso
  24. 24. Plurilinguismo e lingue minoritarie  Anche le lingue “minoritarie” sono un’opportunità per cogliere i vantaggi del bilinguismo. P. Cavoretto - C. Grosso
  25. 25. P. Cavoretto - C. Grosso
  26. 26. P. Cavoretto - C. Grosso
  27. 27. Plurilinguismo e dialetti  Per la maggior parte degli scolari negli anni Settanta i dialetti hanno costituito la base sulla quale costruire nuove competenze nella lingua italiana. (Renzi, Cortelazzo 1977) P. Cavoretto - C. Grosso
  28. 28. Bilinguismo: vantaggi e svantaggi G. Vigliocco, Professore di Psicologia del linguaggio - UNIVERSITY OF CENTRAL LONDON. Una, due, tante lingue: implicazioni per lo sviluppo e l’identità personale  Fino agli anni ‘60 del Novecento: bilinguismo = handicap. P. Cavoretto - C. Grosso
  29. 29.  1962. Controllando il livello socio – economico: bilingui = più intelligenti (Peal & Lambert, 1962) P. Cavoretto - C. Grosso
  30. 30. Svantaggi:  Lessico più limitato, soprattutto in L2  Recupero lessicale più lento, soprattutto in L2  Numero maggiore di “sulla-punta-della-lingua” P. Cavoretto - C. Grosso
  31. 31. Vantaggi:  Linguistici: maggior conoscenza del linguaggio  Cognitivi: maggior capacità di inibire informazioni irrilevanti P. Cavoretto - C. Grosso
  32. 32. Vantaggio cognitivo  Bilingui hanno maggiore capacità di controllo del comportamento (Bialystok, 2008, 2010)  Maggior facilità a cambiare strategie  Maggior capacità di inibire informazioni irrilevanti  Maggior capacità di focalizzare l’attenzione P. Cavoretto - C. Grosso
  33. 33. Bilinguismo e identità personale Due lingue, due persone?  No, una persona più “ricca”: possibilità di avere accesso a entrambe le culture; possibilità di avere amici in entrambi i paesi.  Atteggiamento più aperto verso le differenze tra persone di culture e paesi diversi P. Cavoretto - C. Grosso
  34. 34. Conclusioni Bilinguismo  ha implicazioni importanti sulla cognizione;  non ha effetti deleteri sullo sviluppo e educazione;  permette l’accesso a culture, gente e società diverse; P. Cavoretto - C. Grosso
  35. 35. Plurilinguismo: la nostra percezione  Quanti di noi sono bilingui?  Quanti di noi vivono/lavorano in contesto multilingue? P. Cavoretto - C. Grosso
  36. 36. Diversità linguistiche nelle scuole italiane: i paesi (P. Cordin)  Diversità linguistiche nelle scuole italiane:  196 paesi di provenienza.  Le cittadinanze più numerose:  ◇ Romania  ◇ Albania  ◇ Marocco  ◇ Cina P. Cavoretto - C. Grosso
  37. 37. Diversità linguistiche nelle scuole italiane: i numeri a.s. 2013-14  Alunni stranieri: 803.059  Alunni stranieri scuola primaria: 283.233  Alunni stranieri nati in Italia: 415.182 (51,7% del totale) P. Cavoretto - C. Grosso
  38. 38. Plurilinguismo nei bambini  I bambini imparano qualsiasi lingua senza sforzo, esattamente come imparano a camminare.  Il cervello del bambino è perfettamente capace di gestire due o più lingue contemporaneamente.  Il bambino bilingue non è la somma di due monolingui. P. Cavoretto - C. Grosso
  39. 39. Presto è meglio ll miglior periodo per diventare pienamente bilingue è la prima infanzia. Ruolo fondamentale delle scuole primarie, delle scuole d’infanzia, delle famiglie. P. Cavoretto - C. Grosso
  40. 40. Il ruolo delle famiglie  Valorizzare le competenze familiari delle famiglie (migranti), favorendone la partecipazione ai servizi educativi dei figli e promuovendo l’uso della lingua di casa in tutte le varietà, in particolare quella scritta (lettura). P. Cavoretto - C. Grosso
  41. 41. La formazione degli insegnanti  “ Tu t t o c i ò n o n p u ò e s s e r e a f f i d a t o all’improvvisazione né può gravare su una scuola lasciata a se stessa. Gli insegnanti, che pure hanno affrontato spesso positivamente la pluralità idiomatica nella loro attività quotidiana, devono essere sistematicamente formati all’adozione di una prospettiva didattica plurilingue e in secondo luogo sostenuti nella pratica didattica attraverso risorse umane e materiali appropriate.”  Conoscere e usare più lingue è fattore di ricchezza (SLI, SIG, AItLA,DiLLE, Accademia della Crusca) P. Cavoretto - C. Grosso
  42. 42. Un cambiamento di prospettiva Verso le classi multilingui  Non solo italiano L2  Non solo multiculturalità  Non solo attenzione part-time alle lingue altre MA… P. Cavoretto - C. Grosso
  43. 43.  Diversità linguistica e culturale come parte integrante del curriculum  Famiglie e comunità coinvolte nel curriculum  Stimoli per uno sviluppo completo delle lingue di casa (N.B. lettura)  Le lingue di casa entrano nella scuola con piena dignità e sistematicamente (Chumak-Horbatsch 2012) P. Cavoretto - C. Grosso
  44. 44. Buone pratiche: Visibilità e conoscenza LA NOSTRA CLASSE È UN POSTO DOVE LE LINGUE SONO… benvenute -rispettate -parlate -ascoltate -accettate confrontate –discusse - mai dimenticate - mai derise - scoperte - scritte - lette condivise - cantate - esplorate LA CARTA DELLE LINGUE  Nome della lingua  Parlanti in classe  Numero  Nomi  Parlate in questi paesi  Bandiera  Sistemi di scrittura  Caratteri (Chumak-Horbatsch 2012, 65) P. Cavoretto - C. Grosso
  45. 45. Buone pratiche: Uso partecipato delle lingue  Alfabeti  Monete  Supermercato in classe  Websites nelle diverse lingue  Nonni in classe P. Cavoretto - C. Grosso
  46. 46. Buone pratiche: lettura P. Cavoretto - C. Grosso
  47. 47. Stimoli per la riflessione grammaticale  Traduzione: da Lingua di Casa (LC) a Lingua di Scuola (LS) e da LS a LC  Confronto di parole (uso vocabolari)  Confronto di strutture (p.e. il soggetto espresso, la posizione del verbo, dove sta il pronome interrogativo…) P. Cavoretto - C. Grosso
  48. 48. A cosa serve la grammatica  È ormai assodato che non esiste un legame diretto tra riflessione sulla lingua e sviluppo delle abilità linguistiche, quindi attraverso la riflessione metalinguistica non si raggiunge immediatamente l’obiettivo di migliorare le competenze d’uso della lingua. (Lo Duca, Provenzano 2012) P. Cavoretto - C. Grosso
  49. 49. Laboratori  1. L’italiano neostandard tra oralità e scrittura  2. Le opportunità offerte dalle tecnologie digitali  3. Studiare le discipline in italiano  4. La lingua per l’esercizio della cittadinanza  5. Il plurilinguismo - le lingue minoritarie  6. Il plurilinguismo – l’italiano lingua 2  7. Verticalità e trasversalità nello sviluppo delle c. l.  8. Valutare e certificare le competenze linguistiche P. Cavoretto - C. Grosso
  50. 50.  Studiare le discipline in italiano: leggere, comprendere, scrivere testi espositivi e argomentativi  le caratteristiche dei testi scolastici delle varie discipline;  l’uso didattico dei testi di studio;  la didattica specifica per la comprensione e la produzione di testi espositivi e argomentativi. P. Cavoretto - C. Grosso
  51. 51. Le caratteristiche dei testi scolastici delle varie discipline La lingua della scuola e dello studio:  Assume tratti dei linguaggi specialistici ma si rivolge ad un pubblico di non specialisti.  Ha il compito di trasmettere termini e concetti complessi ma in maniera comprensibile in un rapporto comunicativo asimmetrico (linguistico, di conoscenze e di competenze cognitive). B. Gramegna, C. Nocentini, L’italiano lingua di studio per le materie scientifiche P. Cavoretto - C. Grosso
  52. 52. Chiara Amoruso, Gli alunni stranieri e i testi scolastici Cummins distingue tra:  competenza linguistica sufficiente a soddisfare le esigenze ordinarie della comunicazione interpersonale e  competenza linguistica superiore, adatta a compiere ed esprimere le operazioni cognitivamente superiori (argomentare, astrarre, instaurare relazioni logiche, sintetizzare, classificare, ecc.) richieste dallo studio scolastico. P. Cavoretto - C. Grosso
  53. 53. Nei testi scolastici sono presenti due tipi di difficoltà:  Difficoltà funzionali in rapporto a studenti con deficit Semplificazione  Disfunzioni = difficoltà in rapporto a tutti gli studenti Adeguamento P. Cavoretto - C. Grosso
  54. 54. LE DIFFICOLTÀ FUNZIONALI  Offrono un modello di lingua colto  Presentano le strutture linguistiche adeguate per la verbalizzazione di categorie e relazioni concettuali complesse.  Sono tali solo per gli alunni che hanno un deficit linguistico e si collocano soprattutto a livello morfosintattico e lessicale. SEMPLIFICAZIONE  per un’utenza molto specifica  in una fase transitoria. P. Cavoretto - C. Grosso
  55. 55. LE DISFUNZIONI  Elementi di difficoltà non funzionali e anti-funzionali.  Non producono alcun effetto positivo in termini di apprendimento e anzi producono dei danni.  Soprattutto a livello dell’organizzazione concettuale e testuale (eccessiva densità informativa, salti concettuali, connettivi assenti o mal posti). Sono tali per tutti gli alunni ristrutturazione e integrazione = ADEGUAMENTO. P. Cavoretto - C. Grosso
  56. 56. Le disfunzioni nei testi scolastici Perché? contenere in uno spazio ridotto contenuti estesi e complessi testi piegati e ripiegati al fine di comprimere in pochissimo spazio argomenti lunghi e complessi. Chi? Il docente ha il compito di distendere le pieghe mostrando i passaggi intermedi che vi si celano P. Cavoretto - C. Grosso
  57. 57.  Il lettore esperto capisce perché già sa e compie una serie di microragionamenti e inferenze che rimangono sotto il livello della coscienza.  Per questo a volte è difficile rispondere a una richiesta d’aiuto degli alunni: è difficile individuare a che cosa è dovuto il loro problema di comprensione. P. Cavoretto - C. Grosso
  58. 58.  Questo si traduce in un problema di comprensibilità che è strutturale. Per comprendere il testo, infatti, bisogna già conoscere i contenuti che sono solo menzionati e integrare quelli mancanti.  Forse il vero destinatario del libro di scuola è l’insegnante e non lo studente. P. Cavoretto - C. Grosso
  59. 59. P. Cavoretto - C. Grosso
  60. 60. P. Cavoretto - C. Grosso
  61. 61. P. Cavoretto - C. Grosso
  62. 62. P. Cavoretto - C. Grosso
  63. 63. P. Cavoretto - C. Grosso
  64. 64. P. Cavoretto - C. Grosso
  65. 65. P. Cavoretto - C. Grosso
  66. 66. P. Cavoretto - C. Grosso
  67. 67. P. Cavoretto - C. Grosso
  68. 68. P. Cavoretto - C. Grosso
  69. 69. P. Cavoretto - C. Grosso
  70. 70. P. Cavoretto - C. Grosso
  71. 71. P. Cavoretto - C. Grosso
  72. 72. P. Cavoretto - C. Grosso
  73. 73. P. Cavoretto - C. Grosso
  74. 74. Per capire… P. Cavoretto - C. Grosso
  75. 75. P. Cavoretto - C. Grosso
  76. 76. Lavori a gruppi P. Cavoretto - C. Grosso
  77. 77. Lavori a gruppi P. Cavoretto - C. Grosso
  78. 78. Un problema vero… P. Cavoretto - C. Grosso
  79. 79. P. Cavoretto - C. Grosso
  80. 80. P. Cavoretto - C. Grosso
  81. 81. P. Cavoretto - C. Grosso
  82. 82. Quale metodo di studio? P. Cavoretto - C. Grosso
  83. 83. G. Landi, La lingua per lo studio delle discipline L’attuale società globalizzata richiede una scuola basata sulle competenze Durante la I classe della Primaria: Itinerario per la produzione-comprensione di testi denotativi con l'utilizzo di organizzatori anticipati e simbologie grafiche opportune che rappresentano le relazioni del descrivere, del narrare, dell'argomentare, PER lavorare negli anni successivi per il metodo di studio P. Cavoretto - C. Grosso
  84. 84. P. Cavoretto - C. Grosso
  85. 85. P. Cavoretto - C. Grosso
  86. 86. P. Cavoretto - C. Grosso
  87. 87. P. Cavoretto - C. Grosso
  88. 88. P. Cavoretto - C. Grosso
  89. 89. P. Cavoretto - C. Grosso
  90. 90. P. Cavoretto - C. Grosso
  91. 91. P. Cavoretto - C. Grosso
  92. 92. P. Cavoretto - C. Grosso
  93. 93. P. Cavoretto - C. Grosso
  94. 94. P. Cavoretto - C. Grosso
  95. 95. P. Cavoretto - C. Grosso
  96. 96. P. Cavoretto - C. Grosso
  97. 97. P. Cavoretto - C. Grosso
  98. 98. P. Cavoretto - C. Grosso
  99. 99. P. Cavoretto - C. Grosso
  100. 100. Studiare con metodo regione Basilicata, I.C. “R. Montano” di Stigliano (Matera)  Realizzazione di un manuale on– line sul metodo di studio P. Cavoretto - C. Grosso
  101. 101. P. Cavoretto - C. Grosso
  102. 102. P. Cavoretto - C. Grosso
  103. 103. La lettura P. Cavoretto - C. Grosso
  104. 104. La sottolineatura P. Cavoretto - C. Grosso
  105. 105. P. Cavoretto - C. Grosso
  106. 106. P. Cavoretto - C. Grosso
  107. 107. P. Cavoretto - C. Grosso
  108. 108. P. Cavoretto - C. Grosso
  109. 109.  Il plurilinguismo: l’italiano come lingua 2  la lingua d’uso e la lingua scolastica;  la grammatica per i madrelingua italiani e per i non madrelingua;  quale letteratura per gli studenti stranieri? P. Cavoretto - C. Grosso
  110. 110. PROGETTO n.1 (VENETO ) I.C. Ponte delle Alpi  PROGETTO n.1 Veneto I.C Ponte delle Alpi CURRICOLO VERTICALE per ALUNNI STRANIERI RAGAZZO NAI di madrelingua spagnola MODALITA’ di VALUTAZIONE del COLLOQUIO ORALE mediante un PDP Presenza di un MEDIATORE durante l’esame SPAGNOLO LINGUA COMUNITARIA quindi l’italiano può diventare la SECONDA LINGUA COMUNITARIA
  111. 111. PROGETTO n.2 Rete Scuola ROMA 13 Insieme si può fare A.S 2014-15 /2015-16 11 istituti coinvolti 3 incontri di formazione in plenaria 110 docenti coinvolti Laboratori con formazione attiva; apprendimento cooperativo ed inclusione  A settembre microprogettazione con classi amiche: prestazione autentica
  112. 112. PROGETTO n. 5
  113. 113. OVVERO … GRAZIE PER LA VOSTRA ATTENZIONE! P. Cavoretto - C. Grosso

×