Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Le inchieste multimediali tra cambiamenti climatici e risorse ambientali

99 views

Published on

Le slide della mia lezione sulle inchieste multimediali alla XVII edizione del Corso Giornalismo Ambientale Laura Conti.

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Le inchieste multimediali tra cambiamenti climatici e risorse ambientali

  1. 1. Le inchieste multimediali tra cambiamenti climatici e risorse ambientali Rosy Battaglia @rosybattaglia Www.rosybattaglia.it www.cittadinireattivi.it
  2. 2. Chi sono?
  3. 3. Cos'è un inchiesta giornalistica? "Un'inchiesta giornalistica è la paziente fatica di portare alla luce i fatti, di mostrarli nella loro forza incoercibile e nella loro durezza. Il buon giornalismo sa che i fatti non sono mai al sicuro nelle mani del potere e se ne fa custode nell'interesse dell'opinione pubblica" Giuseppe D'Avanzo
  4. 4. Che cosa fa un giornalista d'inchiesta ● Studia, raccoglie informazioni, collega fatti e analizza dati. Intervista fonti, anche anonime, raccoglie segnalazioni, usa il Freedom Information Act
  5. 5. “There are no journalists, there is only the service of journalism” “ Il giornalismo è anzitutto servizio e perché ciò accada occorre conoscere i desideri e i problemi del lettore, andargli incontro, indagare sui suoi bisogni. Tradotto in termini editoriali, e non esclusivamente commerciali, il giornalista deve essere promotore di comunità” Jeff Jarvis, Key Note all'International Journalism Festival 2015
  6. 6. Cos'è un'inchiesta ad alto impatto sociale e civico? Civic Journalism! Un progetto di indagine giornalistica su temi rilevanti per la comunità nazionale che preveda la partecipazione di cittadini, associazioni, comitati, amministratori e faccia informazione non episodica, ma che fornisca strumenti di comunicazione e condivisione (sito web, canali social e crowdmapping) disponibili e aggiornabili nel tempo
  7. 7. Costruire un'inchiesta [ambientale] Perchè? E' possibile realizzare inchieste da freelance? Chi finanzia il lavoro d'inchiesta in Italia?
  8. 8. Premessa 1) ambiente e salute sono strettamente legati 2) indagare su ambiente e salute implica conoscere, approfondire, ricercare ed elaborare temi e dati di carattere tecnico, scientifico, sociale
  9. 9. Per fare questo ci vuole metodo...
  10. 10. Il metodo scientifico sperimentale tra induzione e deduzione Riga 1 Riga 2 Riga 3 Riga 4 0 2 4 6 8 10 12 Colonna 1 Colonna 2 Colonna 3
  11. 11. http://www.discorsivo.it/magazine/2013/09/01/il-principio-di-autorita-galileo-e-il-metodo-scientifico/
  12. 12. Agenzia Europea dell'Ambiente Perchè?
  13. 13. International Agency for Research on Cancer (IARC)
  14. 14. Circa il 24% di tutte le malattie nel mondo è dovuto all’esposizione a fattori ambientali. OMS maggio 2015
  15. 15. Ma in Italia le competenze tra ambiente e salute sono divise...
  16. 16. Il caso ILVA
  17. 17. Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori e degli Insediamenti Esposti a Rischio da Inquinamento
  18. 18. “L'informazione è la prima forma di prevenzione” Pietro Comba ISS , Interview for Cittadini Reattivi 2013
  19. 19. Abbiamo il diritto di sapere, di avere accesso alle informazioni che ci riguardano, alla trasparenza e alla partecipazione ● ● Convezione di Ahrus ● Articolo 1 ● FINALITÀ ● Per contribuire a tutelare il diritto di ogni persona, nelle generazioni presenti e future, a vivere in un ambiente atto ad assicurare la sua salute e il suo benessere, ciascuna Parte garantisce il diritto di accesso alle informazioni, di partecipazione del pubblico ai processi decisionali e di accesso alla giustizia in materia ambientale in conformità delle disposizioni della presente convenzione
  20. 20. Più spazio all'informazione e alla comunicazione ambientale: la Federazione Italiana Media Ambientali
  21. 21. Comunicazione e informazione ambientale come diritto Secondo la Convenzione di Aarhus, ogni Paese (Parte) la tutela del diritto di ogni persona ad un ambiente è strettamente collegata alla salute e al diritto di sapere. “Per contribuire a tutelare il diritto di ogni persona, nelle generazioni presenti e future, a vivere in un ambiente atto ad assicurare la sua salute e il suo benessere, ciascuna Parte garantisce il diritto di accesso alle informazioni, di partecipazione del pubblico ai processi decisionali e di accesso alla giustizia in materia ambientale in conformità delle disposizioni della presente convenzione”. "Convenzione sull'accesso alle informazioni, la partecipazione dei cittadini e l'accesso alla giustizia in materia ambientale" firmata nella cittadina di Aarhus, in Danimarca, nel 1998, entrata in vigore nel 2001
  22. 22. https://www.slideshare.net/RosyBattaglia/le-rle-des-la-socit-civile-dans-le-respect-du-principe-de-bonne-gouvernance- environnementalele-roobonne-gouvernance-environnementale-2018-rosybattaglia
  23. 23. Perchè abbiamo bisogno di giornalismo investigativo e civico sull'ambiente (e le sue ricadute sulla salute) “Tra i poveri più maltrattati c'è la nostra terra. Non possiamo far finta di niente di fronte a questa grande crisi ambientale” “Laudato sii, papa Francesco
  24. 24. L'informazione cambia il clima?
  25. 25. https://orbmedia.org/stories/Invis%C3%ADveis_pl%C3%A1stico/multimedia
  26. 26. The Guardian, 2013 http://www.theguardian.com/world/interactive/2013/aug/18/arctic-northern-sea-route-map
  27. 27. Long form journalism... effetto Snow Fall http://www.nytimes.com/projects/2012/snow-fall/#/?part=tunnel-creek
  28. 28. EarthFix Wins Online Journalism Award For Coal Coverage http://earthfix.info/ http://earthfix.opb.org/communities/article/earthfix-wins-online-journalism-award-for-coal-cov/
  29. 29. Gli spazi per l'informazione ambientale in Italia e l'ecologia dell'informazione “L’ecologia dell’informazione si trova probabilmente oggi al livello in cui l’ecologia dell’ambiente si trovava una trentina d’anni fa. Era allora chiaro a certe élite intellettuali che il sistema industriale privo di regole produceva inquinamento: oltre ai prodotti di consumo, l’industria generava esternalità negative sull’ambiente che consumavano risorse di tutti e peggioravano le condizioni di vita. Il tempo che è stato necessario perché da consapevolezza vagamente elitaria, il tema ecologico si sia trasformato in una consapevolezza diffusa in occidente è stato di alcuni decenni. Oggi l’Europa, il grande inquinatore del pianeta, è diventato uno dei luoghi più consapevoli delle conseguenze devastanti della disattenzione per le risorse naturali: ma ci è voluto parecchio tempo. E ci sono volute parecchie crisi”. Luca De Biase, Nova Il Sole 24 ore
  30. 30. L'ambiente tra TV, giornali, social network, giornalismo locale, citizen e civic journalism Secondo la Federazione Nazionale Italiana della Stampa FNSI ● I giovani - secondo l'analisi del Censis - tra i 14 e i 29 anni, che già nel 2011 facevano un uso più ridotto dei telegiornali (69,2%), nel 2016 li utilizzano solo nel 45,7% dei casi (con un calo di 23,5 punti in cinque anni). ● I diplomati e i laureati, che erano i più affezionati utenti dei tg, di punti ne hanno persi addirittura 27,3, passando dall'85,7% al 58,4%.
  31. 31. 50esimo Rapporto Censis: situazione sociale del Paese Capitolo “Comunicazione e media” ● nel 2016 la televisione continua ad avere un pubblico sostanzialmente coincidente con la totalità della popolazione (il 97,5% degli italiani, con +0,8% nell'ultimo anno), ● Facebook si afferma sempre più come fonte d'informazione per gli italiani. ● Tra le prime fonti utilizzate per informarsi, infatti, dopo il 63% dei telegiornali si colloca Facebook con il 35,5% e i giornali radio con il 24,7%. I quotidiani non superano il 18,8%. Il 19,4% sceglie i motori di ricerca come Google, il 10,8% YouTube e il 2,9% Twitter.
  32. 32. Quanto si parla di ambiente nei media mainstream e come? Secondo i dati del rapporto 2015, il tema “Ambiente” è al decimo posto nell’agenda l’agenda dei notiziari italiani ed europei, anche se con percentuali diverse (3,3% per l’Italia, 4,9% per l’Europa). In Italia figura dopo Criminalità (21,0%), Politica interna (15,2%), Cultura e Spettacolo (11,3%), Questioni sociali (10,8%), Economia (10,6%), Guerra e terrorismo (7,9%), Esteri e politica estera (5,2%), Cronaca e incidenti (3,8%) e Curiosità e costume (3,6%), davanti a Previsioni e condizioni del Tempo 3,2%; Sport 2,4%, Scienza e salute 1,4%.
  33. 33. I maggiori argomenti trattati dai TG italiani e europei
  34. 34. La rilevanza dell'ambiente nelle news
  35. 35. Macro argomenti in relazione alla centralità dell'ambiente
  36. 36. Rapporto Macro/Micro con l'impatto mediatico nei TG
  37. 37. 2016 Chiuse le maggiori trasmissioni televisive dedicate all'ambiente
  38. 38. Le conseguenze di tutto ciò? La diretta conseguenza di questo panorama mediatico è che l’avvento dei Social Network da una parte e lo sviluppo del giornalismo civico e del citizen journalism hanno colmato il bisogno di comunicazione e informazione ambientale. Siamo infatti nell’epoca della “disintermediazione”. Giornalisti e media non hanno più l’esclusività dell’informare.
  39. 39. Cittadini e giornalisti fanno factcheking attraverso i Social Media
  40. 40. “Immagino che per sopravvivere, il giornalismo professionale dovrà collaborare molto di più, tra redazione e testate, ma anche con cittadini, organizzazioni della società civile ecc. per creare le piattaforme, per sostenere l'ambiente e la cultura che consentano di vivere a quel che chiamiamo "giornalismo" - in un universo dove non sono più solo i giornalisti a informare il mondo”. Mario Tedeschini Lalli, già vice responsabile innovazione e sviluppo del Gruppo Editoriale L’Espresso, in occasione dei 20 anni della testata Repubblica http://mariotedeschini.blog.kataweb.it/giornalismodaltri/2012/11/18/che-resta-del-giornalismo-e-dei-giornalisti- nelluniverso-disintermediato/
  41. 41. Speranze https://medium.com/@tedeschini/caro-enrico-ab55bcbdb711
  42. 42. @rosybattaglia @cittadinireatti Data journalism e uso dei social network per verificare le informazioni PA e raccogliere informazioni dai cittadini
  43. 43. Data journalism, giornalismo di precisione e metodo scientifico ● Il data journalism o giornalismo di precisione è una pratica che si avvicina alla ricerca scientifica. Il cronista adotta un metodo scientifico, e applica il rigore del metodo usato, per scrivere un articolo o rivelare un fatto. ● La forza del metodo di analisi conferisce precisione, e quindi obiettività, alla notizia: più è rigoroso il metodo con il quale viene realizzata l'inchiesta o con il quale sono trattati i dati e le analisi, più si potrà essere obiettivi nel confrontarsi con un fatto.
  44. 44. E il giornalismo investigativo? La differenza del giornalismo di precisione rispetto al giornalismo investigativo è che in quest'ultimo il giornalista si muove sul campo per recuperare informazioni e fare interviste. Mentre nel giornalismo di precisione è il reporter che studia il problema o il caso in prima persona e poi riporta le proprie scoperte e risultati.
  45. 45. Giornalismo civico... Civic Journalism o Public Journalism Integrare il giornalismo nel processo democratico “Un tentativo per abbandonare l'idea che i giornalisti e il loro pubblico siano spettatori nei processi politici e sociali” David K. Perry, University of Alabama (2003)
  46. 46. Diritto di accedere alle informazioni http://www.dirittodisapere.it/wp-content/uploads/2017/04/ignoranza-di-stato.pdf
  47. 47. ● 800 ● le richieste inviate ● 136 ● le risposte soddisfacenti ● 73% le richieste che non hanno ricevuto risposta ● 1 rifiuto su 3 è illegittimo
  48. 48. Ma i dati ambientali e sanitari sono a disposizione di cittadini e giornalisti?
  49. 49. Dal nostro osservatorio possiamo affermare che...  I dati che riguardando ambiente e salute molto spesso non sono accessibili ai cittadini e ai giornalisti e quando sono disponibili spesso sono da verificare o non corrispondenti a quanto richiesto  la mancanza di trasparenza e di accesso in Italia è alla base dei conflitti ambientali e spesso radice dei fenomeni di corruzione
  50. 50. Diritto di accesso alle informazioni della Pubblica Amministrazione Open data Monitoraggio civico
  51. 51. Le aspettative della società civile CreditsErnestoBelisario http://www.slideshare.net/ernestobelisario/datacademy-pzsmart
  52. 52. L'informazione istituzionale sull'ambiente si apre alla società civile e ai giornalisti
  53. 53. 60 Non siamo soli nel mondo (thanks Propublica): https://docs.google.com/forms/d/170joKlpiLfn8qlnT7lxSJgJKq1IDg_KVilezkbE68U0/ viewform
  54. 54. Cambiamenti climatici, data journalism e di intereresse pubblico... in Texas https://projects.propublica.org/houston-cypress/
  55. 55. http://usatoday30.usatoday.com/news/nation/smelting-lead-contamination/index#sites/
  56. 56. Ma in Italia abbiamo sempre qualche problema. Vedi il buco informativo sulla Val di Susa a fuoco
  57. 57. Abbiamo bisogno di un altro clima nell'informazione, di buone storie
  58. 58. Ma si può fare tanto anche con poco #AlluvioneGenova2014 #OpenGenovaMap #AngelidelFango #OpenGenova
  59. 59. “Senza la gente non si decide niente” Uso “sociale” dei Social Network permette connessione dall’online all’offline
  60. 60. “Informazione” e contro-informazione
  61. 61. Stop biocidio: 100 000 cittadini Napoli, 16 novembre 2013
  62. 62. La Spezia, Stop Veleni, 8 marzo 2014
  63. 63. Stop biocidio Brescia, 10 maggio 2014
  64. 64. http://www.bonifiche.minambiente.it/anagrafe.html
  65. 65. La carta dei Comuni SIN
  66. 66. Inchiesta sull'amianto in Italia: dai 34.000 siti contaminati sui dati ufficiali ad oltre 300.000 3
  67. 67. La petizione per chiedere trasparenza alla Presidenza del Consiglio consegnata il 17 settembre 2016 #addioamianto 70,000 signatures
  68. 68. Il dialogo con la PA: dal tweet allo storify https://storify.com/rosybattaglia/il-prezzo-dell- amianto
  69. 69. I dati sull'amianto poco “open”: la ricostruzione http://www.wired.it/attualita/ambiente/2015/04/09/open-data-contro- lamianto/
  70. 70. Emilia Romagna: il caso delle scuole contaminate dall'amianto della 'ndrangheta e la PA silente
  71. 71. #Foia Decreto trasparenza ribadisce il diritto di accesso alle informazioni ambientali
  72. 72. Diritto di accesso alle informazioni per cittadini e giornalisti: Chiedi platform by Diritto di Sapere
  73. 73. Piattaforma per gli “agenti civici” o whistleblowers, in collaborazione con Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights
  74. 74. “Agire localmente pensare globalmente”
  75. 75. @rosybattaglia @cittadinireatti Società civile, giornalisti e cittadini in Italia hanno chiesto un vero Freedom of Information Act
  76. 76. Libertà dell'informazione: Italia al 52esimo posto tra la Papuasia e la Polonia
  77. 77. http://www.funzionepubblica.gov.it/articolo/dipartimento/01-06-2017/circolare-n-2-2017-attuazione-delle- norme-sull%E2%80%99accesso-civico
  78. 78. https://www.theguardian.com/environment/ng-interactive/2017/jul/13/the-defenders-tracker
  79. 79. Le Mamme per la vita di Saponara si costituiscono in nome e per conto del loro comune nel processo contro Terna per i piloni troppo vicini alle case in violazione alle norme http://www.donnamoderna.com/news/societa/mamme-associazioni-inquinamento-salute-figli/photo/Le-Mamme-per-la-vita-di-Saponara-Milazzo
  80. 80. Le mamme No inceneritore di Firenze
  81. 81. Le mamme Coraggio di Acerra e la raccolta differenziata contro l'inceneritore e le ecomafie
  82. 82. 10 settembre 2016: Casale Monferrato e la rivincita su Eternit: il parco EterNOT
  83. 83. Di lavoro da fare ce n'è tantissimo...anche per questo il data journalism civico e il giornalismo d'inchiesta vanno sostenuti... “lainformaciónentendidacomo biencomún, exigecolaboración económicay participación ciudadana” Víctor SampedroCatedráticodeOpinión Públicay ComunicaciónPolíticaenla UniversidadRey JuanCarlosdeMadrid
  84. 84. Il sostegno all'informazione indipendente attraverso il crowdfunding: Storie Resilienti di Cittadini Reattivi http://www.cittadinireattivi.it/sostieni/
  85. 85. https://www.youtube.com/watch?v=V5yeeS3M6Gk https://www.youtube.com/watch?v=V5yeeS3M6Gk
  86. 86. “All'origine dei grandi cambiamenti ci sono sempre delle singole azioni” Edgar Morin Grazie per l'attenzione! Www.cittadinireattivi.it Www.rosybattaglia.it

×