Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Cittadini reattivi e monitoranti: come accedere alla informazioni sull'ambiente #Cascalaterra

90 views

Published on

Cittadinanza, partecipazione, accesso ai dati ambientali. Le slides del workshop tenuto a ChiAmaMilano il 16 ottobre 2019, nell'ambiento della manifestazione #Cascalaterra.

Published in: Environment
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Cittadini reattivi e monitoranti: come accedere alla informazioni sull'ambiente #Cascalaterra

  1. 1. CITTADINI REATTIVI E MONITORANTI: COME ACCEDERE ALLE INFORMAZIONI SULL’AMBIENTE #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  2. 2. La partecipazione civica per la tutela del territorio, della salute e per la trasparenza Cittadini reattivi >progetto di informazione civica e crowdmapping su ambiente, salute e legalità I protagonisti >cittadini reattivi,comitati, associazioni, amministratori locali, reti civiche, scienziati I mezzi e i canali> Social Network, media civici, open data, monitoraggio dal basso, diritto di accesso, denuncia e ricorso alla magistratura Il ruolo dell'informazione> Il giornalismo d'inchiesta, Data Journalism, Civic e Citizen Journalism, piattaforme per Whistleblower /Leaks
  3. 3. diritto alla salute diritto all'ambiente salubre diritto di sapere #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  4. 4. Quali le leggi che tutelano la salute dei cittadini, la tutela dell'ambiente e che garantiscono l'accesso alle informazioni e ai dati? #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  5. 5. #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  6. 6. Salute: articolo 32 della Costituzione Italiana, 1947 La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.” L’articolo 32 della Costituzione sancisce la tutela della salute come diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività. Nell’accezione del diritto sociale, prevede la responsabilità dello Stato di garantire la salute del cittadino e della collettività in condizioni di eguaglianza. Per assolvere a questo compito la Legge 833 del 23/12/78 ha istituito il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) , una delle più grandi conquiste sociali del nostro tempo, che ha introdotto valori e princìpi fortemente innovativi: generalità dei destinatari: tutti i cittadini indistintamente; globalità delle prestazioni: prevenzione, cura e riabilitazione; uguaglianza di trattamento: equità d’accesso. #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  7. 7. Diritto alla Salute e riforma del Titolo V della Costituzione: la Sanità alle Regioni con la legge costituzionale n. 3 del 18 ottobre 2001 La riforma del Titolo V della Costituzione – avvenuta con la legge costituzionale n. 3 del 18 ottobre 2001 – ha affidato la tutela della salute alla legislazione concorrente tra Stato e Regioni, delineando un sistema caratterizzato da un pluralismo di centri di potere e ampliando il ruolo e le competenze delle autonomie locali. Infatti, l’art. 117 della Costituzione stabilisce che lo Stato mantiene la competenza legislativa esclusiva in una serie di materie specificamente elencate, mentre il comma 3 dello stesso articolo decreta che le Regioni possono legiferare nelle materie di competenza concorrente, nel rispetto dei princìpi fondamentali definiti dallo Stato. Purtroppo, tale “concorrenza” ha perso il suo significato di complementarietà, configurando un’antitesi proprio sui princìpi fondamentali e generando un federalismo sanitario atipico e artificioso, non solo per le dinamiche istituzionali messe in campo (legislazione concorrente), ma anche per la sua genesi anomala visto che di norma i federalismi nascono da stati autonomi che si uniscono e non il contrario, come accaduto in Italia. In altre parole la riforma del Titolo V che – delegando a Regioni e Province autonome l’organizzazione e la gestione dei servizi sanitari – puntava ad un federalismo solidale, ha finito per generare una deriva regionalista, con 21 differenti sistemi sanitari dove l’accesso a servizi e prestazioni sanitarie è profondamente diversificato e iniquo Fonte: Salute Internazionale http://www.saluteinternazionale.info/2015/05/salute-riforma-del-titolo-v/ #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  8. 8. Iniziativa economica: articolo 41 della Costituzione Italiana, 1947 L'iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l'utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana. La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l'attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  9. 9. L'ambiente, invece, entra in Costituzione Italiana solo con la riforma del titolo V nel 2003... (…) Bisogna attendere la riforma federalista del Titolo V° della Costituzione, del 2003, per l’inserimento in Costituzione della tutela dell’ambiente riconosciuto come valore di competenza esclusiva dello Stato. Infatti, la tutela diretta dell’ambiente, nel nostro paese, è una esigenza relativamente recente, considerato che la Costituzione, come detto, non conteneva alcuna norma espressamente e direttamente enunciativa del concetto di ambiente, non considerandolo oggetto di una specifica tutela, fino alla modifica costituzionale dell’art. 117 Costituzione., così come sostituito dall’art. 3 della legge cost. n. 3 del 18 ottobre 2003, che adesso al 2° comma, lettera s), stabilisce che la tutela dell’ambiente rientra tra le materie di legislazione esclusiva dello Stato”(...) Fontehttp://www.silvae.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/56 #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  10. 10. Accesso alle informazioni, partecipazione e giustizia: i tre pilastri della Convenzione di Aarhus (1998) recepita in Italia nella legge 108 del 2001 e dgls. 195 del 2005 #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  11. 11. Abbiamo il diritto di sapere, di avere accesso alle informazioni che ci riguardano, alla trasparenza e alla partecipazione Convenzione di Ahrus 25 giugno 1998 recepita dall'Italia nel Articolo 1 FINALITÀ Per contribuire a tutelare il diritto di ogni persona, nelle generazioni presenti e future, a vivere in un ambiente atto ad assicurare la sua salute e il suo benessere, ciascuna Parte garantisce il diritto di accesso alle informazioni, di partecipazione del pubblico ai processi decisionali e di accesso alla giustizia in materia ambientale in conformità delle disposizioni della presente convenzione #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  12. 12. Riforma delle Agenzie ambientali e creazione del Sistema Nazionale di Protezione Ambientale (SNPA) Legge n. 132/16 del 28 giugno 2016, GU n. 166 del 18 luglio 2016. #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  13. 13. Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  14. 14. Taranto: il ricorso alla Corte di Strasburgo e l'Oncoematologia pediatrica pagata dai cittadini #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  15. 15. Laudato sì “Tra i poveri più maltrattati c'è la nostra terra. Non possiamo far finta di niente di fronte a questa grande crisi ambientale” papa Francesco #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  16. 16. Per una Ecologia Integrale (Capitolo IV, Laudato Sì) 141. D’altra parte, la crescita economica tende a produrre automatismi e ad omogeneizzare, al fine di semplificare i processi e ridurre i costi. Per questo è necessaria un’ecologia economica, capace di indurre a considerare la realtà in maniera più ampia. Infatti, «la protezione dell’ambiente dovrà costituire parte integrante del processo di sviluppo e non potrà considerarsi in maniera isolata» .[114] Ma nello stesso tempo diventa attuale la necessità impellente dell’umanesimo, che fa appello ai diversi saperi, anche quello economico, per una visione più integrale e integrante. Oggi l’analisi dei problemi ambientali è inseparabile dall’analisi dei contesti umani, familiari, lavorativi, urbani, e dalla relazione di ciascuna persona con sé stessa, che genera un determinato modo di relazionarsi con gli altri e con l’ambiente. C’è una interazione tra gli ecosistemi e tra i diversi mondi di riferimento sociale, e così si dimostra ancora una volta che «il tutto è superiore alla parte».[115] #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  17. 17. IL DIALOGO SULL’AMBIENTE NELLA POLITICA INTERNAZIONALE (Capitolo V, Laudato Sì) 167. Va ricordato il Vertice della Terra celebrato nel 1992 a Rio de Janeiro. In quella sede è stato dichiarato che «gli esseri umani sono al centro delle preoccupazioni relative allo sviluppo sostenibile». [126] Riprendendo alcuni contenuti della Dichiarazione di Stoccolma (1972), ha sancito, tra l’altro, la cooperazione internazionale per la cura dell’ecosistema di tutta la terra, l’obbligo da parte di chi inquina di farsene carico economicamente, il dovere di valutare l’impatto ambientale di ogni opera o progetto. Ha proposto l’obiettivo di stabilizzare le concentrazioni di gas serra nell’atmosfera per invertire la tendenza al riscaldamento globale. Ha elaborato anche un’agenda con un programma di azione e una convenzione sulla diversità biologica, ha dichiarato principi in materia forestale. Benché quel vertice sia stato veramente innovativo e profetico per la sua epoca, gli accordi hanno avuto un basso livello di attuazione perché non si sono stabiliti adeguati meccanismi di controllo, di verifica periodica e di sanzione delle inadempienze. I principi enunciati continuano a richiedere vie efficaci e agili di realizzazione pratica. #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  18. 18. I dati che riguardando ambiente e salute molto spesso non sono accessibili ai cittadini e ai giornalisti e quando sono disponibili spesso sono da verificare o non corrispondenti a quanto richiesto la mancanza di trasparenza e di accesso alle informazione detenute dalla PA in Italia è alla base dei conflitti ambientali e sanitari, spesso radice dei fenomeni di corruzione Perché sono importanti i dati su ambiente e salute #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  19. 19. Corruzione, ambiente, salute... #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  20. 20. Giustizia e ingiustizia ambientale http://www.ansa.it/canale_ambiente/notizie/inquinamento/2017/05/23/galletti-accelerazione-su-bonifiche-problema-e-governance_d9d5599d- e275-4ef0-8044-f9583e08428e.html https://altreconomia.it/ilva-nel-decimo-decreto-limmunita-per-i-nuovi-acquirenti/ #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  21. 21. http://milano.corriere.it/notizie/cronaca/17_giugno_15/amianto-assolti-otto-ex-manager-breda-ansaldo-fb42ebf4-51ba-11e7-bf53- 660c452c585b.shtml http://www.bioecogeo.com/la-torbida-questione-del-pertusillo/ #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  22. 22. Antimafia, Franco Roberti: “Senza codice ci si arrende alla corruzione” http://www.repubblica.it/politica/2017/06/04/news/antimafia_franco_roberti_senza_il_codice_ci_si_arrende_alla_corruzione_-167226917/ #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  23. 23. Dopo 21 anni di battaglie civili, nel 2015 l'Italia si dota di una legge penale contro gli ecoreati
  24. 24. Le aspettative della società civile Credits Ernesto Belisario http://www.slideshare.net/ernestobelisario/datacademy-pzsmart
  25. 25. La bussola del cittadino monitorante: Cosa illuminare partiamo dalle esperienze delle comunità monitoranti per individuare quali sono i meccanismi e le informazioni necessarie per portare luce su salute, ambiente e rispetto dell'integrità [analisi di contesto partecipata]
  26. 26. Rifiuti d'Italia: la grande truffa #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  27. 27. Inchieste civiche multimediali on the road basate su partecipazione open data trasparenza #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  28. 28. Rifiuti: impatto sull'ambiente, la salute e sul portafogli #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  29. 29. Se la verità salta fuori dai dati #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  30. 30. Inchiesta sull'amianto in Italia: dai 34.000 siti contaminati sui dati ufficiali ad oltre 300.000 3 #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  31. 31. Emilia Romagna: il caso delle scuole contaminate dall'amianto della 'ndrangheta e la PA silente #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  32. 32. Il parco restituito ai cittadini là dove una volta c'era Eternit
  33. 33. Brescia: nel 2012 i bambini giocavano nei parchi contaminati http://www.ambientebrescia.it/CaffaroTumoriSentieri2013.pdf
  34. 34. La lotta per le bonifiche a Brescia: la vittoria del Comitato Genitori della Scuola Deledda http://www.cittadinireattivi.it/place/comitato-genitori-grazia-deledda-di-brescia/
  35. 35. Brescia 10 aprile 2016 per “Basta veleni” 15mila persone insieme ai sindaci
  36. 36. Dati ambientali e sanitari: detentori e autorità responsabili per ambiente e salute a cui devono rivolgersi i cittadini
  37. 37. Uno schema da costruire insieme Dati ambientali e controlli Autorizzazioni Integrate Ambietali (AIA), VIS (Valutazione Impatto Sanitario) Ministero della Salute Ministero dell'Ambiente RegioniIstituto Superiore di Sanità (ISS) Conferenza Stato – Regioni Istituto Superiore per la Protezione Ambientele (ISPRA) Aziende Sanitarie Locali (USL) Agenzie regionali per l'Ambiente (ARPA) Comuni – Sindaci prima Autorità Sanitaria del territorio Carabinieri Forestali Nuclei Operativi Ecologici Polizia Locale Registro Tumori (riforma) INAIL - INPS
  38. 38. Uno schema da costruire insieme Dati ambientali e controlli Autorizzazioni Integrate Ambietali (AIA), VIS (Valutazione Impatto Sanitario) Ministero della Salute Ministero dell'Ambiente RegioniIstituto Superiore di Sanità (ISS) Conferenza Stato – Regioni Istituto Superiore per la Protezione Ambientele (ISPRA) Aziende Sanitarie Locali (USL) Agenzie regionali per l'Ambiente (ARPA) Comuni – Sindaci prima Autorità Sanitaria del territorio Carabinieri Forestali Nuclei Operativi Ecologici Polizia Locale Registro Tumori (riforma) INAIL - INPS #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  39. 39. Ora, abbiamo diritto di sapere e di accedere alle informazioni In Italia è in vigore dal 27 maggio 2016 Il Freedom of Information Act Legge 97/2016 #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  40. 40. http://www.foia4italy.it/news/il-primo-foia-italiano/ #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  41. 41. http://www.cittadinireattivi.it/2016/05/20/diritto-di-accesso-alle-informazioni-per-i-cittadini-anche-litalia-ha-un-freedom-of- informaction-act/ #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  42. 42. Il diritto di sapere è un diritto che va esercitato... Come? #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  43. 43. http://www.funzionepubblica.gov.it/foia-7 #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  44. 44. http://www.foiapop.it/ #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  45. 45. https://www.snpambiente.it/chi-siamo-2/si-urp/ #cascalaterra 16 ottobre 2019 Cittadini Reattivi Rosy Battaglia
  46. 46. “All'origine dei grandi cambiamenti ci sono sempre delle singole azioni” Edgar Morin Grazie per l'attenzione! Www.cittadinireattivi.it Www.rosybattaglia.it

×