Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

Raccontare la violenza

Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Loading in …3
×

Check these out next

1 of 43 Ad

More Related Content

More from Rosa Maria Di Natale (19)

Recently uploaded (20)

Advertisement

Raccontare la violenza

  1. 1. Raccontare la violenza Il sessismo nell’informazione Centro Antiviolenza Galatea S.Gregorio di Catania 21/5/2022 Rosa Maria Di Natale-giornalista
  2. 2. Di cosa parleremo • -L’assunto: le parole valgono • -Le radici culturali del sessismo • -Narrazione tossica della violenza • Deontologia: gli strumenti per il giornalismo
  3. 3. LE PAROLE VALGONO Grande privilegio dell’uomo, le parole consentono di comunicare, tramandare saperi, suscitare emozioni, fare cose eccezionali, sconfiggere tortura e pena di morte, resistere al nazifascismo. Tuttavia in certi periodi sono state usate come armi di offesa. Oggi è ancora così
  4. 4. Il trattato Dei delitti e delle pene di Cesare Beccaria mise a nudo nel XVIII secolo l’assurdità della tortura e della pena di morte, attraverso una serie di domande continue e insistenti, con l’obiettivo di coinvolgere il lettore trasmettendogli la meraviglia della ragione di fronte all’irrazionale.
  5. 5. «in un periodo infausto della nostra storia, conclusosi con una guerra che ha condotto alla morte circa cinquecentomila italiani, parole come giudeo, pietista, sovversivo sono state usate per perseguitare italiani di religione ebraica e per distruggere oppositori politici con la violenza degli epiteti scagliati contro chi osava dissentire. Il male fatto a costoro veniva liquidato con un “Me ne frego”; l’importante era “credere, obbedire, combattere”». (Della Valle)
  6. 6. Quando si parla o si scrive, le parole chiave da tenere a mente sono consapevolezza e responsabilità.Consapevolezza, perché dobbiamo essere consapevoli delle parole che usiamo e renderci conto del messaggio che passiamo, e responsabilità, perché dobbiamo tenere a mente che ciò che esprimeremo potrà avere delle conseguenze sugli altri. La vera libertà di una persona passa dalla conquista delle parole (i messaggi chiave di Vera Gheno, sociolinguista, al festival La Violenza illustrata 2020 )
  7. 7. LE RADICI CULTURALI DELLE PAROLE SESSISTE Nel caso delle questioni di genere è molto difficile eradicare gli “ismi” (sessismo, maschilismo ecc) solo tramite l’uso delle parole. Ma le parole che usiamo sono parte del problema (Gheno) http://www.radiocittafujiko.it/sessismo-e-linguaggio-vera-gheno-ci-spiega-le- parole-per-non-dirlo/ AUDIO
  8. 8. Se si è donna, in Italia si muore anche di linguaggio. È una morte civile, ma non per questo fa meno male. È con le parole che ci fanno sparire dai luoghi pubblici, dalle professioni, dai dibattiti e dalle notizie, ma di parole ingiuste si muore anche nella vita quotidiana, dove il pregiudizio che passa per il linguaggio uccide la nostra possibilità di essere pienamente noi stesse. Per ogni dislivello di diritti che le donne subiscono a causa del maschilismo esiste un impianto verbale che lo sostiene e lo giustifica. Accade ogni volta che rifiutano di chiamarvi avvocata, sindaca o architetta perché altrimenti «dovremmo dire anche farmacisto». Succede quando fate un bel lavoro, ma vi chiedono prima se siete mamma. Quando siete le uniche di cui non si pronuncia mai il cognome, se non con un articolo determinativo davanti. Quando si mettono a spiegarvi qualcosa che sapete già perfettamente, quando vi dicono di calmarvi, di farvi una risata, di scopare di più, di smetterla di spaventare gli uomini con le vostre opinioni, di sorridere piuttosto, e soprattutto di star zitta.
  9. 9. Essere chiamati dai giornalisti con il nome proprio, in un impeto tutto italiano di familiarità non richiesta e sminuente. Riduzione della distanza=annullamento di autorevolezza 2020
  10. 10. Essere chiamati dai giornalisti con il nome proprio, in un impeto tutto italiano di familiarità non richiesta e sminuente. Riduzione della distanza=annullamento di autorevolezza 2020
  11. 11. Donna… ma senza nome Riduzione della distanza=annullamento di autorevolezza ? Louise Gluck 2020 ?Jennifer Doudna (Università di Berkeley) e Emmanuelle Charpentier (Max Planck di Berlino)
  12. 12. Chi è: Vanessa Nakate, una laurea in economia aziendale alla Makerere University Business School, è stata la prima attivista del Fridays for Future in Uganda. (una Vanessa a caso) Riduzione della distanza=annullamento di autorevolezza 2021
  13. 13. 2021
  14. 14. … ma spesso sono le giornaliste a essere vittime. A conferma che il problema prescindere dalla notorietà e dalla professione Riduzione della distanza=annullamento di autorevolezza 2020
  15. 15. 2022 Usare inoltre l’articolo determinativo davanti al cognome riduce la persona allo status di cosa
  16. 16. Quando invece si pronuncia un cognome, lo troviamo preceduto dall’articolo determinativo: l’applicazione equivale a comportarsi con il nome di una persona come si farebbe come un nome di cosa. Ma ancora se un cognome è affiancato da un ruolo pubblico, spesso lo si trova declinato al maschile, sottintendendo che il femminile sia un’eccezione della norma maschile. Se “il linguaggio è un’infrastruttura culturale che riproduce rapporti di potere”, come afferma Murgia, allora l’imposizione del cosiddetto “maschile universale” è il modo per dire che si sta abusivamente occupando il posto di un uomo, un’anomalia che durerà poco e quindi non c’è bisogno di trovare una parola esatta che possa definirlo. Michela Murgia: “Stai zitta” (EINAUDI)
  17. 17. La sfera domestica invade il linguaggio dei media quando si parla di sembra rilevante il fatto che Tania Cagnotto, Elisa Di Francisca e Flavia Pennetta prima di essere delle atlete siano soprattutto delle madri, come fa notare “La Gazzetta dello Sport” in un articolo del 2020. 2022
  18. 18. 2022 Le non madri allora sono disumane?
  19. 19. 2020 Mamme EPPURE scienziate
  20. 20. Vera Gheno: Il ​sessismo linguistico​ è la manifestazione linguistica della mentalità, dei comportamenti sociali, dei giudizi e pregiudizi culturali venati di (o viziati da) sessismo. È bene chiarire che una lingua come l’italiano di per sé non è definibile sessista: può esserlo, invece, l’uso che ne facciamo. In Italia numerosi studi, a partire dal lavoro “Il sessismo nella lingua italiana” di Alma Sabatini, pubblicato nel 1987 dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, hanno messo in evidenza che la figura femminile viene spesso svilita dall’uso di un linguaggio stereotipato che ne dà un’immagine negativa, o quanto meno subalterna rispetto all’uomo. Il patriarcato nel linguaggio: L’Italia si è liberata tardi dal delitto d’onore, dal matrimonio riparatore e dall’abbandono di un neonato per onore (- legge 442, appena 41 anni fa).
  21. 21. Chi è: Alexandria Ocasio-Cortez è una deputata dello Stato di New York. È parte di The Squad, la squadra, insieme alle parlamentari: Ilhan Omar, Rashida Tlaib e Ayanna Pressley. 2021
  22. 22. Chi è: Greta Beccaglia, giornalista dell'emittente regionale Toscana Tv, è stata molestata mentre era in collegamento in diretta con lo studio nel post partita del match di serie A. Pare non abbia un cognome… 2021
  23. 23. Il diritto di cronaca non può trasformarsi in un abuso. “Ogni giornalista è tenuto al “rispetto della verità sostanziale dei fatti”. Non deve cadere in morbose descrizioni o indulgere in dettagli superflui, violando norme deontologiche e trasformando l’informazione in sensazionalismo». (Manifesto di Venezia 2017) NARRAZIONE TOSSICA DELLA VIOLENZA
  24. 24. “L’amava, ma lei l’aveva respinto”. “Un gigante buono incapace di fare del male”. “Voleva tornare con lei, ma la donna aveva deciso di chiudere il rapporto”. “Un raptuspertroppoamore”. L’elenco delle parole sbagliate per raccontare la violenza sulle donne si arricchisce, ad ogni femminicidio, di nuove giustificazioni per il colpevole e di nuove coltellate alla vittima, che scompare, non solo fisicamente: è una figura marginale nella ricostruzione, verso di lei non c’è rispetto, al massimo attenzione morbosa. Stereotipi
  25. 25. Bruno Vespa a “Porta a Porta”, alle prese con il caso sopravvissuta di femminicidio, Lucia Panigalli. La vittima si esponeva per denunciare la sua paura e per promuovere una proposta di legge presentata con la senatrice Laura Boldrini che permettesse di modificare l’articolo 115 del codice penale e di punire il mandante di un tentato omicidio. Ma… 2019
  26. 26. «Signora, se avesse voluto ucciderla l’avrebbe fatto». «Posso chiederle di che cosa si era innamorata?» «18 mesi sono un bel flirtino però…» «A differenza di tante altre donne è protetta. Non corre rischi». «Quindi lui era così follemente innamorato di lei da non volerla dividere se non con la morte, finché morte non vi separi come si dice». (Vespa) Lorenzo Tosa, Generazione Antigone
  27. 27. 2012 Il caso Vanessa Scialfa
  28. 28. 2019 Le Commissioni Pari Opportunità della Fnsi, del Consiglio Nazionale dell'Ordine, dell'Usigrai e dell'Associazione Gìulìa giornaliste denunciano la mancata applicazione del Manifesto di Venezia in riferimento al titolo de "Il Giornale”, "Il gigante buono e quell'amore non corrisposto”, sul caso di femminicidio avvenuto a Piacenza.
  29. 29. Il 26 dicembre, a Casalbordino in provincia di Chieti, una donna di 72 anni, Maria Rita Conese, è stata uccisa dal marito, Angelo Bernardone. La notizia riportata su tutti i giornali, lascia quasi intendere che la malattia della donna (Alzheimer) possa in qualche modo giustificare il femminicidio. 2021
  30. 30. Gli errori macroscopici: Assumere il punto di vista di chi commette il femminicidio (raccontare la vicenda dal punto di vista del carnefice , mai della vittima). Ricerca ossessiva del movente Il movente sarebbe la “malattia irreversibile” di Maria Rita Conese, con la quale il marito non riusciva più a convivere. Sembra quasi che la vera vittima di questa situazione sia proprio Angelo Bernardone che, non riuscendo più a gestire la malattia della moglie, ha deciso di ucciderla. Empatizzare con il femminicida Raccontando la vicenda dal punto di vista di chi commette il femminicidio e andando alla ricerca del movente a tutti i costi, è molto più semplice empatizzare con il femminicida, giustificando l’atto. Definire il femminicida in un modo particolare Su tutti i giornali Angelo Bernardone è stato presentato come “il pensionato”. Come se il fatto di essere un uomo anziano possa rappresentare un’attenuante.
  31. 31. Ad esempio, quando a compiere il femminicidio è un uomo di nazionalità estera, viene usato il termine “immigrato” per sottolineare l’eccezionalità dell’accaduto. Come se un italiano non possa commettere un femminicidio. O, ancora, quando il femminicida è un uomo disoccupato, questo termine viene evidenziato più volte per favorire l’empatia nei confronti di quest’ultimo. In tutti questi casi, l’attenzione si sposta dalla vittima al carnefice. Raccontare le opinioni di chi conosce il femminicida Nel caso in questione ad essere intervistato è stato il sindaco di Casalbordino, Filippo Marinucci, il quale ha commentato in questo modo la notizia: «Forse un gesto disperato, di impeto: in paese Bernardone era conosciuto come una brava persona. Siamo davvero colpiti, nulla avrebbe fatto presagire questa tragedia» Queste parole ci conducono in fretta al prossimo punto: Il raptus Si associa quanto accaduto ad una patologia psichiatrica. In questo modo lasciano intendere che il femminicida abbia commesso il crimine a causa di un’alterazione dello stato emotivo che gli ha fatto perdere il controllo delle sue azioni. (da: Ultimavoce.it, link nelle fonti)
  32. 32. 2022
  33. 33. DEONTOLOGIA: GLI STRUMENTI
  34. 34. FONTI Vera Gheno: Verso l’inclusività linguistica e oltre https://www.zanichelli.it/download/media/bq5r/10inparita_Gheno_agg.pd f Globalist: le parole valgono https://culture.globalist.it/saperi/2020/11/18/per-la-treccani-le-parole- sono-importanti-come-disse-nanni-moretti/ Intervista audio a Vera Gheno https://www.radiocittafujiko.it/sessismo-e-linguaggio-vera-gheno-ci- spiega-le-parole-per-non-dirlo/ La donna a caso, account Instagram: https://www.instagram.com/ladonnaacaso/
  35. 35. Manifesto di Venezia https://www.fnsi.it/upload/70/70efdf2ec9b086079795c442636b55fb/0d8d3795e b7d18fd322e84ff5070484d.pdf Lorenzo Tosa- Generazione Antigone https://www.facebook.com/lorenzotosa.antigone Giulia Globalista .Bruno Vespa e Lucia Panigalli https://giulia.globalist.it/attualita/2019/09/18/bruno-vespa-da-in-pasto-al- pubblico-la-sopravvissuta-di-femminicidio/ Come non si racconta un femminicidio https://www.ultimavoce.it/raccontare-il-femminicidio/ “Il gigante buono”. La denuncia di ODG Toscana https://www.odg.toscana.it/archivio-news/le-violenze-di-genere-e-le-parole- sbagliate_1032.html
  36. 36. La riflessione di Valigia Blu sugli errori del giornalismo https://www.valigiablu.it/giornalismo-violenza-sulle-donne-errori/ Festival La violenza illustrata https://festivallaviolenzaillustrata.it
  37. 37. GRAZIE rosamariadinatale@yahoo.it

×