Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Roberto GENTILINIBologna, 30 Gennaio 2013
• Cos’è (chi è) MostrischioDi cosa parleremo   • Come si articola il progetto                    • Modalità didattiche    ...
Cos’è Mostrischio?                     “A caccia di Mostrischio!”                     è un progetto sperimentale e parteci...
Sperimentaleperché aperto alle sperimentazioni e nato dasperimentazioni
Partecipatoperché è prevista la partecipazione el’interazione di diversi soggetti nel percorsodidattico (bambini, genitori...
La nascita del progetto                          Dichiarazione di Roma del 2003?                          Art. 11 del D.Lg...
Obiettivi di Mostrischio                                              1                           promuovere nei bambini l...
2sviluppare nei bambini una maggioreconsapevolezza dei pericoli presenti neidiversi ambiti della quotidianità e deicomport...
… nella consapevolezza che averebambini più sicuri oggisignificherà avere adulti più sicuridomani
Chi è Mostrischio?
è un artificio creato per rendere tangibile econcreto ai bambini il concetto di pericolo e dirischio
è un mostriciattolo che minaccia l’incolumitàdella famiglia Pericoloni e di ognuno di noi
I bambini dovranno aiutare la famigliaPericoloni a mettere in gabbia il perfidomostro e guadagnarsi il titolo di “cacciato...
Intermezzo #1
Articolazione del progetto                             Mostrischio è un percorso didattico in più                         ...
Ogni incontro ha una durata di circa 2-3 oreLa frequenza degli incontri è discrezionaleCaratteristiche comuni• rinforzo de...
1° incontro• presentazione dei personaggi e creazione diassociazioni positive• sicurezza scolastica2° incontrosicurezza do...
Si-cu-rez-za  Intermezzo #2
3° incontrosicurezza stradale4° incontro• sicurezza sul lavoro• consegna dei diplomi, premiazione efesta finale
Modalità didattiche                      Uso costante di strumenti quali:                      • gioco individuale e di sq...
A chi è rivolto Mostrischio?                               Ideato per bambini della scuola primaria                       ...
Chi può tenere Mostrischio?                              Mostrischio non richiede competenze                              ...
Linee Guida “autoportanti” utilizzabili• tali e quali• come base per costruire varianti eintegrazioni
Mostrischio può essere tenuto da un genitoreo da un nonno volenteroso, da un insegnante,da un educatore, …Nel caso di un i...
Il ruolo dell’insegnante                           L’insegnante che ospita il progetto ha un                           ruo...
Durante gli incontri per• la sua conoscenza dei bambini, delle loropeculiarità, delle eventuali difficoltà e delledinamich...
Tra un incontro e l’altro per• rinforzare i concetti appresi medianteconsegne, approfondimenti, discussioni• creare aspett...
Coinvolgimento dei genitori                              “Da’ vita a buoni                                esempi e sarai  ...
Il modello comportamentale dei bambinidella scuola primaria rimane quello dei proprigenitori
Mostrischio coinvolge i genitori per• invitare a modelli comportamentalicostruttivi• incoraggiare i bambini a cercare, rid...
Coinvolgimento minimo• avviso o incontro prima dell’inizio delprogetto• questionario e incontro conclusivo altermine del p...
Costi del progetto                     Mostrischio è del tutto libero e gratuito                     Tutto il materiale di...
Mostrischio è un progetto volutamente“povero” nei materiali e strumenti didatticiIl costo di realizzazione dell’intero pro...
E i risultati?                 Mostrischio “funziona”!                 Al di là dell’entusiasmo dei bambini, lo           ...
“… è successo qualcosa di magico e speciale…”Genitori…            “… non mancano le occasioni per riprenderci e           ...
“… quando mi avvicino alle strisce mi dice dicontrollare…”“… un’esperienza che servirà nella loro vita dagrandi…”“… facend...
Formatori e insegnanti   “Ottimo e gratificante… i bambini alla fine mi                         hanno dedicato una poesia”...
“Ottimo, mi ricandido per l’anno prossimo”“Coinvolgente ed emozionante”“Esperienza bellissima e costruttiva.Consigliata a ...
Intermezzo #3
Caratteristiche del progetto                               • Efficace nel raggiungere i suoi obiettivi                    ...
•Interattivo e dinamico• Semplice ed economico da organizzare• Aperto alle sperimentazioni e allecontaminazioni (prove di ...
Requisiti minimi                   1. Articolazione su più incontri                   2. Coinvolgimento dei genitori      ...
5. Modalità didattiche basate sul gioco6. Disponibilità a condividere le proprie   modifiche7. Gratuità del progetto e lib...
• Editing delle Linee Guida                  • Sviluppo del sito internetFuturi sviluppi                  • Integrazione c...
Insieme possiamo fare tanto!Grazie per l’attenzione!
A caccia di mostrischio!   30 gennaio 2013
A caccia di mostrischio!   30 gennaio 2013
A caccia di mostrischio!   30 gennaio 2013
A caccia di mostrischio!   30 gennaio 2013
A caccia di mostrischio!   30 gennaio 2013
A caccia di mostrischio!   30 gennaio 2013
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

A caccia di mostrischio! 30 gennaio 2013

545 views

Published on

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

A caccia di mostrischio! 30 gennaio 2013

  1. 1. Roberto GENTILINIBologna, 30 Gennaio 2013
  2. 2. • Cos’è (chi è) MostrischioDi cosa parleremo • Come si articola il progetto • Modalità didattiche • A chi è destinato • Chi può tenerlo • Insegnanti e genitori • Costi • Risultati • “E io che posso fare?”
  3. 3. Cos’è Mostrischio? “A caccia di Mostrischio!” è un progetto sperimentale e partecipato di promozione della sicurezza e della salute destinato a bambini della scuola primaria
  4. 4. Sperimentaleperché aperto alle sperimentazioni e nato dasperimentazioni
  5. 5. Partecipatoperché è prevista la partecipazione el’interazione di diversi soggetti nel percorsodidattico (bambini, genitori, formatore,insegnante, …)
  6. 6. La nascita del progetto Dichiarazione di Roma del 2003? Art. 11 del D.Lgs. 81/2008?
  7. 7. Obiettivi di Mostrischio 1 promuovere nei bambini la prevenzione e la sicurezza come valori fondamentali per sé e la propria “comunità”
  8. 8. 2sviluppare nei bambini una maggioreconsapevolezza dei pericoli presenti neidiversi ambiti della quotidianità e deicomportamenti corretti per ridurre i rischipresenti
  9. 9. … nella consapevolezza che averebambini più sicuri oggisignificherà avere adulti più sicuridomani
  10. 10. Chi è Mostrischio?
  11. 11. è un artificio creato per rendere tangibile econcreto ai bambini il concetto di pericolo e dirischio
  12. 12. è un mostriciattolo che minaccia l’incolumitàdella famiglia Pericoloni e di ognuno di noi
  13. 13. I bambini dovranno aiutare la famigliaPericoloni a mettere in gabbia il perfidomostro e guadagnarsi il titolo di “cacciatoredi Mostrischio”
  14. 14. Intermezzo #1
  15. 15. Articolazione del progetto Mostrischio è un percorso didattico in più incontri in cui i bambini sono “accompagnati per mano” dal formatore
  16. 16. Ogni incontro ha una durata di circa 2-3 oreLa frequenza degli incontri è discrezionaleCaratteristiche comuni• rinforzo dei temi già affrontati• momento conviviale (festa!) finale
  17. 17. 1° incontro• presentazione dei personaggi e creazione diassociazioni positive• sicurezza scolastica2° incontrosicurezza domestica
  18. 18. Si-cu-rez-za Intermezzo #2
  19. 19. 3° incontrosicurezza stradale4° incontro• sicurezza sul lavoro• consegna dei diplomi, premiazione efesta finale
  20. 20. Modalità didattiche Uso costante di strumenti quali: • gioco individuale e di squadra • role-play • visione di audiovisivi • esperienze dirette • momenti di festa
  21. 21. A chi è rivolto Mostrischio? Ideato per bambini della scuola primaria Realizzato con successo nelle classi 3a e 4a, ma il progetto così come illustrato nelle Linee Guida è utilizzabile senza grandi modifiche anche nelle classi 2a e 5a
  22. 22. Chi può tenere Mostrischio? Mostrischio non richiede competenze specifiche di sicurezza ma solo buone doti relazionali e comunicative
  23. 23. Linee Guida “autoportanti” utilizzabili• tali e quali• come base per costruire varianti eintegrazioni
  24. 24. Mostrischio può essere tenuto da un genitoreo da un nonno volenteroso, da un insegnante,da un educatore, …Nel caso di un insegnante, quest’ultimo nondeve coincidere con quello che ospita ilprogetto nelle sue ore
  25. 25. Il ruolo dell’insegnante L’insegnante che ospita il progetto ha un ruolo fondamentale
  26. 26. Durante gli incontri per• la sua conoscenza dei bambini, delle loropeculiarità, delle eventuali difficoltà e delledinamiche di gruppo• la gestione ottimale dei tempi e degliinterventi
  27. 27. Tra un incontro e l’altro per• rinforzare i concetti appresi medianteconsegne, approfondimenti, discussioni• creare aspettativa e preparare l’incontrosuccessivo
  28. 28. Coinvolgimento dei genitori “Da’ vita a buoni esempi e sarai esentato dallo scrivere delle buone regole” Pitagora
  29. 29. Il modello comportamentale dei bambinidella scuola primaria rimane quello dei proprigenitori
  30. 30. Mostrischio coinvolge i genitori per• invitare a modelli comportamentalicostruttivi• incoraggiare i bambini a cercare, ridurre edeliminare i rischi• mettere loro stessi in pratica quanto ibambini suggeriranno
  31. 31. Coinvolgimento minimo• avviso o incontro prima dell’inizio delprogetto• questionario e incontro conclusivo altermine del progetto
  32. 32. Costi del progetto Mostrischio è del tutto libero e gratuito Tutto il materiale didattico già disponibile o disponibile in futuro grazie ad INAIL è liberamente utilizzabile
  33. 33. Mostrischio è un progetto volutamente“povero” nei materiali e strumenti didatticiIl costo di realizzazione dell’intero progettoper 1-2 classi è stimabile in circa 150-200 €(escluso materiale informatico)
  34. 34. E i risultati? Mostrischio “funziona”! Al di là dell’entusiasmo dei bambini, lo attestano i questionari compilati dai genitori, dai formatori e dagli insegnanti al termine del progetto
  35. 35. “… è successo qualcosa di magico e speciale…”Genitori… “… non mancano le occasioni per riprenderci e consigliarci…” “… progetto molto importante…” “… nuova attenzione che ha acquisito…” “… in auto vengo ripreso se uso il cellulare…”
  36. 36. “… quando mi avvicino alle strisce mi dice dicontrollare…”“… un’esperienza che servirà nella loro vita dagrandi…”“… facendomi spostare la padella col manicosporgente…”“… mi ha ricordato di tenere entrambe le manisul volante…”
  37. 37. Formatori e insegnanti “Ottimo e gratificante… i bambini alla fine mi hanno dedicato una poesia” “Uno dei migliori progetti che in circa 30 anni di insegnamento abbia sperimentato… tutte le aspettative sono state confermate” “È stata un’esperienza intensa e gratificante… grazie!” “Esperienza coinvolgente… suggerisco di continuare il progetto anche il prossimo anno”
  38. 38. “Ottimo, mi ricandido per l’anno prossimo”“Coinvolgente ed emozionante”“Esperienza bellissima e costruttiva.Consigliata a tutti i genitori!” “Progetto da inserire nella programmazionescolastica non come eccezionalità ma comeprogetto fisso”“Esperienza meravigliosa e gratificante”
  39. 39. Intermezzo #3
  40. 40. Caratteristiche del progetto • Efficace nel raggiungere i suoi obiettivi • Organico; sicurezza a 360° • Strutturato in un percorso unitario • Replicabile facilmente
  41. 41. •Interattivo e dinamico• Semplice ed economico da organizzare• Aperto alle sperimentazioni e allecontaminazioni (prove di evacuazione,incontri con Protezione Civile, …)• Fondato su solide basi pedagogiche
  42. 42. Requisiti minimi 1. Articolazione su più incontri 2. Coinvolgimento dei genitori 3. Presenza di due adulti durante gli incontri 4. Rinforzo da parte dell’insegnante tra un incontro e l’altro
  43. 43. 5. Modalità didattiche basate sul gioco6. Disponibilità a condividere le proprie modifiche7. Gratuità del progetto e libera distribuzione del materiale
  44. 44. • Editing delle Linee Guida • Sviluppo del sito internetFuturi sviluppi • Integrazione con nuovi argomenti e sviluppo di quelli già presenti • Ricerca di nuovi audiovisivi • Incontro di rinforzo l’anno successivo • Modalità di coinvolgimento dei genitori
  45. 45. Insieme possiamo fare tanto!Grazie per l’attenzione!

×