Risultati studio sentieri sul sin pitelli

626 views

Published on

Published in: Health & Medicine
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
626
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Risultati studio sentieri sul sin pitelli

  1. 1. Riportiamo di seguito le pagine rilevanti per la situazione spezzina dell’enorme rapporto (204pagine) dello studio S.E.N.T.I.E.R.I. ( Studio Epidemiologico Nazionale dei Territori eInsediamenti Esposti a Rischio di Inquinamento), applicato a 44 dei 57 SIN (Siti di InteresseNazionale) del programma nazionale di bonifica. Lo studio ha rilevato gli aumenti di mortalità chesi verificano in queste aree fortemente inquinate relativamente alle fonti presenti in ognuna.La caratterizzazione delle fonti presenti nel SIN di Pitelli ha rilevato la presenza di rischi legati adAmianto, Centrale Elettrica, Area Portuale, Impianti chimici e Discariche.La prima parte riguarda i dati di mortalità standardizzati dei residenti nei due comuni ( La Spezia eArcola) compresi dal sito dove si nota l’aumento di mortalità oltre che per il mesotelioma pleurico,per i tumori dello stomaco, del polmone, per asma e malattie respiratorie negli uomini. I fattori dirischio ambientale ed i tassi di mortalità in eccesso sono evidenziati dalle frecce. Da notare chel’evidenza dell’associazione tra inquinamento dell’aria con il tumore del polmone e l’aggravamentodelle malattie respiratorie (S+) è ancor più certa di quella tra amianto e mesotelioma (L).La parte successiva è dedicata alla valutazione globale su tutti i siti dei nessi causali tra unaspecifica fonte e gli eccessi riscontrati. Abbiamo riportato le stime per tutte le varie fonti diinquinamento per l’interesse generale della tabella e per poter meglio confrontare il peso attribuibilealle fonti considerate per la nostra zona, soprattutto per quanto riguarda il tumore del polmone e lemalattie dell’apparato respiratorio.Pur ribadendo la difficoltà di isolare il peso di una singola fonte di inquinamento quando in unterritorio come il nostro se ne sovrappongono diverse (AP, E, A, C, D), è estremamente chiaro daqueste rilevazioni come per tali malattie è sicuramente imputabile alle Centrali Termoelettriche,oltre che agli aspetti occupazionali citati nella parte specifica su Pitelli, un ruolo primario rispettoalle altre fonti presenti. Questa volta il dato riguarda sia gli uomini che le donne. ( vedi frecce)Ci pare importante sottolineare anche il peso delle aree portuali sull’incremento del tumorepleurico.

×