Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Internazionalizzazione - Progetto Inghilterra

52 views

Published on

Il concept del Progetto Inghilterra, ovvero un progetto di internazionalizzazione concepito per tutte le imprese ma in particolare PMI - friendly.
Gestire l'export e l'internazionalizzazione di piu' aziende come un progetto consente non solo rischi molto minori, ma anche di gestire la sinergia tra tutte le imprese interessate all'Inghilterra ed al Regno Unito in generale.

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Internazionalizzazione - Progetto Inghilterra

  1. 1. Righetconsult Project Inghilterra 1 CONCEPT, V. 01P “PROGETTO INGHILTERRA” - CONCEPT Indice • A – Project Mandate: pag. 2 • FAQ: pag. 4 • Contatti: pag. 13 • NOTA IMPORTANTE, storia, disclaimer, uso: pag 14 Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P1
  2. 2. A - PROJECT MANDATE A0 – Il video introduttivo: Progetto Inghilterra – Internazionalizzazione A1 - Parte del documento progettuale, disponibile per le imprese seriamente interessate. A2 - Background Con la Brexit, il Regno Unito e' diventata un mercato estremamente interessante: • Le vendite al dettaglio sul mercato interno inglese sono cresciute • L’economia e’ cresciuta dello 0.5% nel quarto trimestre del 2016 – era cresciuta dello 0.6% nel secondo trimestre, ovvero subito dopo il referendum • L’attivita’ manifatturiera ha raggiunto un massimo relativo su 30 mesi • La vendita di nuove auto ha raggiunto un nuovo record – 2.69 milioni nel 2016 • A dicembre 2016, l’indice di attivita’ di IHS Markit e’ salito al massimo degli ultimi 17 mesi, per un valore di 56.4 – i punteggi superiori a 50 significano crescita • Gli accordi commerciali sono cresciuti del 800% • Tante aziende, invece di prendere l'occasione, si sono spaventate e stanno lasciando il campo libero • L'Inghilterra - e Londra in particolare, in quanto prima borsa merci del mondo - e' un eccellente trampolino di lancio verso il mondo - senza i mille vicoli posti dalla UE una volta che la Brexit sara' compiuta • Chi prende l'occasione ora si trovera' in pole position. Il progetto e' nato per dare la possibilita', sia alle aziende che alle PMI, di fare export ed internazionalizzazione in Inghilterra – propria, ovvero tendenzialmente senza considerare la Scozia ed il Galles; ovviamente, in caso di interesse sia il Galles che la Scozia saranno presi in considerazione. In particolare, l´obiettivo finale dell´intero Progetto Inghilterra (tutte le parti) è di portare i prodotti/servizi/cantieri delle imprese in Inghilterra, nonche' di supportare le aziende durante tutte le operazioni necessarie. Pur essendo un progetto, puo' essere tracciata un'analogia, negli scopi se non nei modi, con una rete di impresa orizzontale. Orizzontale significa che del progetto possono fare parte – e tendenzialmente sara' generalmente cosi' - imprese che operano in settori diversi. Progetto Inghilterra – Parte 1 (chiamata anche 'Parte generale' o 'Parte base' o 'Parte comune') e' comune a tutte le imprese; Progetto Inghilterra – Parte 2 (chiamata anche 'Parte specifica') sara' invece specifica per ogni impresa. Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P2
  3. 3. In poche parole, se le singole imprese procedono secondo i loro tempi, ogni impresa sviluppera' il suo percorso a partire dal progetto comune (preparato con la collaborazione di tutte le imprese coinvolte): al progetto comune seguira' quindi il progetto specifico per ogni azienda – ad esempio Progetto Inghilterra, parte 2 – Acme srl. Se tutte le imprese che vogliono fare internazionalizzazione contribuiscono alla definizione del Progetto Inghilterra - parte 1 – Generale, ad un certo punto ognuna di loro procedera' con un progetto specifico: Progetto Inghilterra - parte 2 – Acme srl, appunto. Da questo punto di vista, se ogni impresa segue un progetto (anche se diviso in due parti), chi coordina il tutto svolge la funzione di programme manager: abbiamo infatti un programma costituito dal progetto Progetto Inghilterra - parte 1, cui seguono vari progetti in parallelo; visto pero' che tutto deve essere visto dal punto di vista delle imprese, viene denominato progetto. Attualmente, siamo nella fase pre-progettuale: tutto e' pronto per accogliere le imprese e cominciare a lavorare assieme. Quanto visto deve essere cosi' concepito fin dall'inizio – senno' come fa l'impresa a gestire un business case ed a prendere decisioni? Ovviamente, il progetto viene proposto alle imprese gia' definito nelle linee generali della parte 1 ed in tutto cio' che serve all'impresa per decidere se partecipare o meno; il resto, ovvero sia il grosso della parte 1 (generale) che la seconda parte (specifica per ogni impresa), va definito con le aziende, che cosi' diventano attori partecipi fin dall'inizio – con vantaggi enormi per le imprese: • Il progetto viene definito in base alle loro necessita' • Le imprese cominciano ad entrare nell'ottica progettuale e dell'internazionalizzazione, nonche' a fare esperienza pratica, gradualmente e senza correre rischi inutili • Si rafforza la reciproca conoscenza tra gli attori, anche tra imprese – con i conseguenti vantaggi, non solo progettuali o di internazionalizzazione in Inghilterra • Impegno iniziale (anche economico) limitato • Vantaggi derivanti dal know-how (competenze) acquisito gradualmente, collaborando con specialisti; il valore di tale know-how e' molto elevato e ben superiore all'investimento durante la prima parte del progetto • Le idee tra i vari attori sono chiare e definite Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P3
  4. 4. • Ci si presenta dai possibili clienti con le idee chiare e definite – questo e' un fattore fondamentale • E' prevedibile che, perlomeno nella gran parte dei casi, la parte 2 implichera' un impegno molto maggiore della parte 1: e' un bene che l'impresa possa fare esperienza, valutare il mercato, ecc. prima di impegnarsi a fondo • La divisione del progetto in due parti consente all'impresa di avere un punto ben definito di decisione e di bilancio (spese, prospettive, ecc.), nonche' di definire la parte 2 in base a quanto (esperienza inclusa) visto nella prima parte – o (se del caso) di valutare alternative o fermarsi prima di impegnarsi piu' a fondo nel mercato inglese. Per ulteriori approfondimenti sul perche' sia opportuna una soluzione progettuale, nonche' sui concetti finora espressi, si rimanda a Internazionalizzazione - Si Deve Fare con un Progetto, ma Come? A3 - Project Objectives (Obiettivi del Progetto) • Portare i prodotti/servizi/cantieri delle imprese in Inghilterra, nonche' supportare le aziende durante le operazioni necessarie – tendenzialmente finche' l'impresa ne avra' bisogno e/o lo desidera'. A4 – A5 – A6 – A7 – A8 – A9 – A10 – A11 – A12: Parte del documento progettuale, disponibile per le imprese seriamente interessate A13 – FAQ 1. Obiettivi? Portare i prodotti/servizi/cantieri delle imprese in Inghilterra, nonche' supportare le aziende durante le operazioni necessarie – tendenzialmente finche' l'impresa ne avra' bisogno e/o lo desidera'. Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P4
  5. 5. 2. Chi? Le imprese – non importa di quale dimensione - che intendono esportare od internazionalizzare in Inghilterra. Il progetto e' comunque concepito per essere PMI - friendly, in quanto le PMI incontrano in genere piu' difficolta' a fare export ed internazionalizzazione. Pur essendo un progetto, puo' essere tracciata un'analogia, negli scopi se non nei modi, con una rete di impresa orizzontale; orizzontale significa che del progetto possono fare parte – e tendenzialmente sara' probabilmente cosi' - anche imprese che operano in settori diversi. 3. Quali settori e/o prodotti? Pur non essendoci una risposta definitiva a questa domanda, poiche' vi sono sempre settori di nicchia che potrebbero meritare approfondimenti, questi sono i settori su cui il progetto tendera' a concentrarsi: • Prodotti farmaceutici • Vino, bevande alcoliche e prodotti alimentari - soprattutto quelli caratteristici. Londra e' il mercato piu' importante • Moda ed abbigliamento; articoli in pelle • Arredamento di alta fascia • Beni di lusso – Londra e' il mercato principale • Automotive – con accento sulle sub-forniture 4. Cosa? Si tratta di un progetto di internazionalizzazione diviso in due parti: • La parte 1 e' comune a tutte la aziende • La parte 2 e' specifica per ogni azienda – si tratta della parte piu' operativa, che tendenzialmente puo' arrivare a comprendere (a seconda dei desideri dell'azienda) anche tutto il ciclo di vita del prodotto/servizio/sito/ecc. Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P5
  6. 6. Il progetto viene proposto alle imprese gia' definito nelle linee generali della parte 1 ed in tutto cio' che serve all'impresa per decidere se partecipare o meno; il resto, ovvero sia il grosso della parte 1 (generale) che la seconda parte (specifica per ogni impresa) va definito con le aziende, che cosi' diventano attori partecipi fin dall'inizio. 5. Perche' un progetto invece di agenti, missioni, ecc.? E' tutto spiegato molto bene in Internazionalizzazione - Si Deve Fare con un Progetto, ma Come? 6. Cosa' c'e' di diverso rispetto ad altre proposte di internazionalizzazione? Le altre FAQ coprono ampiamente questa domanda, per cui ci si limita ad alcuni punti principali ed agli aspetti non contemplati nelle altre FAQ: • Un documento iniziale di progetto (project mandate) dettagliato, per quanto possibile, fin da ora - la versione per le imprese interessate e' piu' dettagliata di quella che stai leggendo in questo momento • Le imprese sono protagoniste: e' previsto che le imprese partecipanti contribuiscano fin dall'inizio alla stesura del progetto iniziale – ovvero molto di quello che non e' dettagliato del documento che stai leggendo • La previsione di una parte progettuale comune a tutte le aziende, cui segue una parte specifica • Il fatto che, se lo desiderano, le imprese saranno tendenzialmente supportate per tutto il ciclo di vita del progetto, non solo per qualche mese al massimo dopo una generica missione commerciale – la quale vi costerebbe probabilmente piu' della partecipazione iniziale a questo progetto • Nessuna promessa di chissa' che cosa, ma costi iniziali molto contenuti e tanta professionalita' • L'impostazione progettuale; per maggiori dettagli sulle differenze, si rimanda a Internazionalizzazione - Si Deve Fare con un Progetto, ma Come? Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P6
  7. 7. • Pur prevedendo la possibilita' di richieste di finanziamenti pubblici (vedi punto seguente) non vi e' alcun vincolo legato a voucher per l'internazionalizzazione od altro: si tratta di libera impresa nel vero senso della parola, quindi senza attriti generati da tempi, obblighi ed altro tipici del pubblico • Al posto di voucher per l'internazionalizzazione od altro, vi e' la collaborazione con partners specializzati nella domanda di contributi pubblici – come noto, normalmente questi ultimi prevedono comunque dei vincoli. 7. Vantaggi per le imprese? • Il progetto viene definito in base alle loro necessita' • Le imprese cominciano ad entrare nell'ottica progettuale e dell'internazionalizzazione, nonche' a fare esperienza pratica, gradualmente e senza correre rischi inutili • Si rafforza la reciproca conoscenza tra gli attori, anche tra imprese – con i conseguenti vantaggi, non solo progettuali o di internazionalizzazione in Inghilterra • Impegno (anche economico) limitato • Vantaggi derivanti dal know-how (competenze) acquisito gradualmente, collaborando con specialisti; il valore di tale know-how e' molto elevato e ben superiore all'investimento durante la prima parte (comune) • Le idee tra i vari attori sono chiare e definite • Ci si presenta dai possibili clienti con le idee chiare e definite – questo e' un fattore fondamentale • E' prevedibile che, perlomeno nella gran parte dei casi, la parte 2 implichera' un impegno molto maggiore della parte 1: e' un bene che l'impresa possa fare esperienza, valutare il mercato, ecc. prima di impegnarsi a fondo • La divisione del progetto in due parti consente all'impresa di avere un punto ben definito di decisione e di bilancio (spese, prospettive, ecc.), nonche' di definire la parte 2 in base a quanto (esperienza inclusa) visto nella prima parte – o (se del caso) di valutare alternative o fermarsi prima di impegnarsi piu' a fondo nel mercato inglese. Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P7
  8. 8. 8. Come? A questa domanda e' gia' stata data parziale risposta nella FAQ 6. La fase pre-progettuale terminera' non appena vi saranno abbastanza imprese partecipanti – questa fase sara' utilizzata anche per favorire la conoscenza reciproca tra tutti gli attori, cosa che dara' vantaggi ulteriori alle aziende partecipanti. La parte 1 (comune) sara' innanzitutto dedicata al consolidamento dell'organizzazione, al piano di comunicazione, al business case generale ed a quelli specifici di ogni impresa, alla preparazione delle strategie, all'analisi dei rischi ed a quella geopolitica, ecc. Poi si procedera' nello sforzo di penetrazione del mercato inglese – contemporaneamente, le imprese verranno aiutate a prepararsi ad affrontare il mercato internazionale. La parte 2 (specifica per ogni azienda), che vedra' tempi e modalita' diversi a seconda delle necessita' (e dei desideri) delle singole imprese, potra' comprendere tutta la parte operativa. 9. Quando? La fase pre-progettuale e' gia' in atto – queste FAQ ne sono un esempio – il progetto vero e proprio partira' non appena vi saranno un numero sufficiente di imprese. Vi sara' la possibilita' di entrare piu' tardi nel progetto per altre imprese che lo desidereranno – ovviamente contribuendo anche per la parte di progetto gia' svolta, e solo se il numero di aziende partecipanti non avra' gia' raggiunto il limite di gestibilita'. 10. Modalita'? E' quasi tutto spiegato nelle altre FAQ; si ritiene comunque di ricordare che ci si servira' di professionisti per ogni settore necessario – se d'uopo, si utilizzeranno anche i servizi (soprattutto se gratuiti) di Camere di Commercio italiane ed estere, associazioni italiane ed estere, ecc. 11. Cosa implica per l'impresa? • La volonta' di collaborare con Righetconsult e le altre imprese partecipanti • Del tempo da dedicare per definire le necessita' aziendali e per collaborare direttamente Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P8
  9. 9. • Un disturbo alle attivita' ordinarie estremamente ridotto - perlomeno nella prima parte del progetto • La volonta' di imparare e di portare a termine le prime eventuali modifiche interne, per cominciare ad essere in grado di operare sui mercati internazionali – per la prima fase, si trattera' probabilmente di modifiche ridotte, per la seconda fase le modifiche saranno probabilmente consistenti. 12. Quanto dovro' investire? • Un investimento modesto nella prima fase, investimento di valore ben minore del know-how acquisito durante questa fase • Un impegno ed un investimento adeguato durante la seconda fase, che partira' solo in caso di successo e soddisfazione da parte dell'impresa. 13. Quanto costera'? • Prima fase (ovvero comune): dipendera' dal numero di aziende interessate, ma si vuole mantenere il costo entro termini molto ridotti – piu' sono le aziende meno costera' (per la gestibilita', non si superera' comunque un certo numero di imprese). Ovviamente, la cosa e' fattibile anche per poche imprese od addirittura una sola, se e' decisa e disposta ad investire in modo adeguato • Seconda fase (ovvero specifica): visto che la seconda fase corrispondera' alla messa in pratica di quanto ottenuto (un contratto o comunque colloqui seri con uno o piu' probabili clienti, cui seguira' il contratto e quanto ne consegue), le spese dovranno essere adeguate alle necessita' – si suppone quindi che le imprese saranno felici di spendere di piu' che nella prima fase. 14. E la Logistica? Per quanto la logistica sia un fattore certamente non critico per la Inghilterra, ci si affidera' a specialisti del settore, tendenzialmente partners svizzeri di Righetconsult con provata esperienza - e del cui operato si ha conoscenza diretta. Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P9
  10. 10. Ovviamente, soluzioni specifiche per esigenze specifiche verranno individuate quando opportuno – anche su proposta delle imprese. In caso la singola impresa preferisca un'azienda di logistica di sua scelta e diversa da quella/e individuate durante il progetto, potra' procedere come riterra' piu' opportuno. 15. Rischi? Il progetto comprende un'analisi dei rischi ed una gestione dei rischi dinamica, ovvero continua; sono inoltre inclusi anche i rischi geopolitici – l'analisi viene eseguita da chi ha previsto con parecchi mesi di anticipo il tentativo di colpo di stato in Turchia, il possibile ticket residenziale di Trump e la sua elezione, la vittoria del leave al referendum sulla Brexit, nonche' i problemi tra Cina ed USA nel Mar Cinese Meridionale. La gestione dinamica dei rischi, la divisione del progetto in due parti, il coinvolgimento graduale delle imprese, l'investimento iniziale molto contenuto, il coinvolgimento di specialisti nei rispettivi campi, la gestione con il project management, l'esistenza di paracadute (vedi FAQ 16) ecc., portano ad una diminuzione del livello di rischio per le imprese. 16. Paracadute? Uno dei partners di Righetconsult e' un broker assicurativo che collabora con le principali assicurazioni mondiali (SACE inclusa): in poche parole, viene scelta la combinazione di polizze e compagnie assicurative piu' conveniente per la singola impresa partecipante al progetto. Tendenzialmente, si puo' assicurare un po' tutto – rischi geopolitici compresi. 17. Un esempio di chi seguira' il progetto? Dave e' project export manager e programme manager. Ha iniziato la sua carriera in aziende multinazionali ed ha vissuto e lavorato a lungo in parecchi paesi, nonche' gestito progetti internazionali estremamente complessi – anche per l'Algeria. Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P10
  11. 11. Ha lavorato presso un gran numero di imprese, sia all'estero che in Inghilterra ed Italia. Tiene da parecchi anni corsi e seminari presso l'Ordine degli Ingegneri di Padova: internazionalizzazione, project management, risk management, programme management, gestione di progetti all'estero, ecc. Ha organizzato vari convegni sul project management (col patrocinio dell'Ordine degli Ingegneri di Padova e della Citta' di Abano Terme) ed il convegno Come fare internazionalizzazione nella pratica – per la FOIV (Federazione Ordini Ingegneri del Veneto) e con il patrocinio della SACE, di Unioncamere Veneto, dell'Ordine degli Ingegneri di Venezia, ecc. E' consulente per l'internazionalizzazione per l'Ascom di Padova, per cui ha organizzato un ciclo di conferenze e corsi. Ha organizzato, per l'Ordine degli Ingegneri di Padova, un convegno-workshop di alto livello (Prefetto di Padova, Comandante VV.FF., Direttore dell'Arpav, Responsabile Regionale Prot. Civile, Università di Padova, ecc.) sulle emergenze e la gestione dei rischi. Sul suo blog – Export OK - trovi molti articoli estremamente interessanti su export, internazionalizzazione, strategia geopolitica, ecc. 18. Piu' informazione? Ecco una lista di alcuni articoli e video scelti: • Dopo la Brexit il Regno Unito Vola – Quali Lezioni per le Imprese dell’Export? – articolo • Imprese – Export ed Internazionalizzazione nel Post Brexit – articolo • Brexit – Il Futuro delle PMI nella UE – articolo • Come fare internazionalizzazione di PMI – video • Come Fare Internazionalizzazione di Aziende ed Imprese Italiane? - slides • Brexit, la UE ed il futuro dell'Europa – articolo • Brexit, il Caos UE e la Democrazia – articolo • Internazionalizzazione - Si Deve Fare con un Progetto, ma Come? - articolo • Bisogna Fare Export ed Internazionalizzazione – Si’, ma Dove? - articolo • Internazionalizzazione – I Vantaggi per le PMI – video • Internazionalizzazione delle PMI – Fattori Strutturali - articolo Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P11
  12. 12. • Internazionalizzazione? Per il Dove non bastano le Considerazioni Economiche – video • Strategia Aziendale e Strategie di Internazionalizzazione delle Imprese – Rapidita’ nell’Esecuzione – articolo • Export ed Imprese che Sbagliano – Questione di Mentalita’ - articolo • Export Manager – Per Internazionalizzazione serve Esperienza, non Corsi – video • Strategie per gli Strumenti di Internazionalizzazione – articolo • Come Fare Internazionalizzazione? Operativita' e personale – video • Imprese ed Instabilità – Fare Export Oggi - articolo • Come Fare Internazionalizzazione? Partner locali – video • Export ed Internazionalizzazione – Strategia o Avventura? - articolo • Export Manager – Per Internazionalizzazione serve Esperienza, non Corsi – video • Internazionalizzazione di Impresa – Una Nuova Era – video • Perche' fare internazionalizzazione con Righetconsult? - video Per le imprese seriamente interessate, e' disponibile un documento progettuale. Se hai altre domande, o vuoi risposte piu' approfondite, contattaci. Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P12
  13. 13. CONTATTI E-mail: info[at]righetconsult.com Website YouTube and Vlog - Technical & Educational Videos, plus Vlog Slideshare - Presentations and Documents Google+ Facebook Twitter Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P13
  14. 14. NOTA IMPORTANTE, storia, disclaimer, uso: 1) NOTA IMPORTANTE Questo e' un documento preliminare a puro scopo informativo – non e' ovviamente vincolante per quanto concerne decisioni ed altro connesse con l'avvio, lo svolgimento e la fine del progetto. 2) Storia V. 01P: versione zero, documento di lavoro 3) Disclaimer Questo documento, assolutamente non comprensivo né esaustivo, è un modesto tentativo cercare di chiarire la situazione in modo semplificato e comprensibile a tanti. È frutto delle ricerche e dei ragionamenti che abbiamo fatto, al meglio delle nostre conoscenze e possibilità; se ci sono errori, sviste, ecc., fateci sapere. Data la natura di questo documento, si invita a verificare le informazioni che vi sono contenute prima di farne uso; in ogni caso, si declina ogni responsabilità per un uso improprio/non adeguato/non legato allo scopo di tale documento. Tutta l'informazione contenuta in questo documento viene fornita sulla base di “com'è” e non è assolutamente intesa essere, in qualunque modo, completa/esaustiva od anche solo vincolante. Chiunque usi questo documento lo fa a suo personale rischio e gli si consiglia di cercare un parere professionale ed indipendente prima di prendere una decisione in merito alla partecipazione al progetto o di agire sulla base di qualsiasi informazione/opinione trovata qui. Nessuna responsabilità è accettata, e non viene data alcuna garanzia che quanto contenuto in questo documento sia completo, accurato o privo di errori/omissioni. 4) Uso Questo documento ha puro scopo informativo, ovvero veicolare l'idea progettuale: non costituisce in alcun modo documento vincolante e deve essere inteso come un modo per spiegare in termini semplici (e quindi, per forza, imprecisi) il concept del progetto. Righetconsult – Project Inghilterra 1 – Concept V. 01P14

×