Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
D. Righetto - Mira, 11.12.2014 1
BACCHIGLIONE
+
Studio di fattibilità per il completamento
della
IDROVIA PADOVA - VENEZIA
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 2
In Veneto ...
D. Righetto - Mira, 11.12.2014 3
1
BACCHIGLIONE
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 4
Novembre 2010:
Bacchiglione,
Astico-Tesina Vic.,
Brenta(Dati: Arpav)
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 5
Astico-Tesina Vic.
Tesina Vic. (Bolzano Vic.): il 02.11.2010, alle
13h50, ha raggiunto il ...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 6
Bacchiglione - 3
Bacchiglione, Montegalda: il 01.11.2010, alle
14h45, aveva una portata di...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 7
BRENTA
Enego: il 01.11.2010, alle 11h30, ha raggiunto il
livello di 3,56 m.
Il livello di ...
D. Righetto - Mira, 11.12.2014 8
2
Studio di fattibilità per il
completamento della
IDROVIA PADOVA – VENEZIA
Tutte le figu...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 9
Tutte le figure e le citazioni
(grassetti non presenti in originale)
sono tratte da:
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 10
'… non comprende la redazione di
uno studio idrologico‐idraulico del
sistema Brenta‐Bacch...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 11
'… territorio a sud di Padova …'
Pagine 67 e 70
'… (Prof. L. D’Alpaos, Studio della sicur...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 12
Prime due simulazioni:
portata del Bacchiglione = 800 mc/s
Pagina 70
'… Tra le diverse si...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 13
Terza simulazione:
portata del Bacchiglione = 700 mc/s
Pagina 71
'… Lo studio dell’Univer...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 14
I simulazione: situazione senza idrovia,
Bacchiglione = 800 mc/s
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 15
II simulazione: deviazione di 350 mc/s via idrovia –
solo per la Brenta
Bacchiglione = 80...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 16
I e II simulazione
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 17
III simulazione: deviazione di 200 mc/s dal Bacchiglione
alla Brenta e uso idrovia –> 150...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 18
'… 1.50 m s.m.m. …'
Pagina 76
'… 11.6 Modello unidimensionale dello scolmatore …'
'… Al m...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 19
Rialzo della laguna? 5 cm.?
Pagina 111
'… Considerando che la superficie totale della Lag...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 20
50 – 70 cm.
Pagina 112
12.5.3 Variazioni localizzate dei livelli idrici lagunari
'… L’inn...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 21
'… stabilità delle arginature del
margine lagunare …'
Pagina 112
12.5.3 Variazioni locali...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 22
'… durante gli eventi di piena del fiume Brenta
per i quali si dovrà prevedere la chiusur...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 23
Velocità al fondo e '… generazione di
fenomeni di erosione …'
Pagina 112
'… Il caso di ma...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 24
Sedimenti – 100.000 mc ? …
Pagine 116 - 117
'… qualche cautela va posta per quanto attien...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 25
… o 4.400 mc ?
Pagina 117
'… Pur se si tratta di un diverso corso d’acqua, si ritiene che...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 26
Erosione - Le conclusioni
Pagina 117
'… Su questo aspetto, appare interessante porre
alcu...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 27
'… Sismica …'
Pagina 20
'… La vulnerabilità dell’area di studio nei confronti del rischio...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 28
Argini?
Pagina 58 [idrovia classe Va]
'… Movimenti terra …'
'… il porto di Padova risulta...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 29
'… Stima dei costi e dei finanziamenti …'
Pagina 127
'… risulta di fondamentale importanz...
D. Righetto - Mira, 11.12.2014 30
2 a
Studio di fattibilità per il
completamento della
IDROVIA PADOVA – VENEZIA
STATO DI F...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 31
'... sulla base del progetto originario degli anni ’60 …'
'… non è stato possibile recupe...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 32
'... stato di abbandono e degrado …'
'… fortemente danneggiato … '
Pagine 12-14
'… In dat...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 33
'... progressivo deterioramento strutturale …'
'… la parte civile si mostra in cattivo st...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 34
Modifiche …... '… nuova conca di navigazione ...'
Pagina 60-61 [idrovia classe Va per tip...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 35
Espropri
Pagina 61 [idrovia classe Va per tipo Sormovskiy]
'… Tratto a valle della conca ...
D. Righetto, Mira, 11.12.2014 36
The end
GRAZIE
PER
L' ATTENZIONE
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

BACCHIGLIONE e Studio di fattibilita' per il completamento della IDROVIA Padova – Venezia

963 views

Published on

La presentazione tenuta ad un convegno sull'Idrovia Padova - Venezia.
Dopo una parte sulla situazione (e sulle azioni auspicabili) del fiume Bacchiglione, con una parte sul Brenta, segue una lunga disamina dello studio di fattibilita' per il completamento dell'Idrovia (o canale navigabile).
Vengono analizzati anche gli effetti sulla laguna di Venezia, soprattutto l'innalzamento nelle varie condizioni di marea. In questa parte si sottolinea ccome, a seconda del livello di marea in corrispondenza dello sbocco, le condizioni possano variare anche notevolmente
Viene infine analizzato lo stato di fatto dell' idrovia. Viene in particolare rilevato come lo stato di fatto sia ben diverso da come normalmente dipinto, e che molte modifiche (ed altro) sarebbero comunque necessarie; cio' non potrebbe non avere influenza su costi e tempi.
Le slides sono solo una traccia per quanto esposto al convegno, ma per il Bacchiglione (ed il Brenta) si puo' trovare molta piu' informazione su http://youtu.be/MuaZTBd0WVw, oppure in coda a questa presentazione.

Published in: Engineering
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

BACCHIGLIONE e Studio di fattibilita' per il completamento della IDROVIA Padova – Venezia

  1. 1. D. Righetto - Mira, 11.12.2014 1 BACCHIGLIONE + Studio di fattibilità per il completamento della IDROVIA PADOVA - VENEZIA
  2. 2. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 2 In Veneto ...
  3. 3. D. Righetto - Mira, 11.12.2014 3 1 BACCHIGLIONE
  4. 4. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 4 Novembre 2010: Bacchiglione, Astico-Tesina Vic., Brenta(Dati: Arpav)
  5. 5. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 5 Astico-Tesina Vic. Tesina Vic. (Bolzano Vic.): il 02.11.2010, alle 13h50, ha raggiunto il livello di 5,56 m. Il livello di massima piena (1999) è 5,38 m. Astico, Pedescala: il 01.11.2010, alle 08h00, ha raggiunto il livello di 2,02 m. Il livello di massima piena (1999) è 2,64 m. Astico, Lugo Vic.: il 01.11.2010, alle 13h00, ha raggiunto il livello di 2,15* m. Il livello di massima piena (1999) è 2,62* m.
  6. 6. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 6 Bacchiglione - 3 Bacchiglione, Montegalda: il 01.11.2010, alle 14h45, aveva una portata di 330 mc/s, con un'altezza media di 6.54 m. Tesina Vic., Bolzano Vic.: il 02.11.2010, alle 11h55, aveva una portata di 265 mc/s, con un'altezza media di 3,73 m. Bacchiglione, Ponte S. Nicolo': il 03.11.2010, alle 15h50, aveva una portata di 302 mc/s, con un'altezza media di 6.93 m.
  7. 7. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 7 BRENTA Enego: il 01.11.2010, alle 11h30, ha raggiunto il livello di 3,56 m. Il livello di massima piena (1993) è 4,25 m. Limena: il 02.11.2010, alle 12h30, ha raggiunto il livello di 4,81 m. Il livello di massima piena (1998) è 5,57 m. Curtarolo: il 02.11.2010, alle 16h00, aveva una portata di 667 mc/s, con un'altezza media di 4,77 m.
  8. 8. D. Righetto - Mira, 11.12.2014 8 2 Studio di fattibilità per il completamento della IDROVIA PADOVA – VENEZIA Tutte le figure e le citazioni sono tratte dallo studio di fattibilità -----> Vedere slide seguente D. Righetto – Mira, 11.12.2014
  9. 9. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 9 Tutte le figure e le citazioni (grassetti non presenti in originale) sono tratte da:
  10. 10. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 10 '… non comprende la redazione di uno studio idrologico‐idraulico del sistema Brenta‐Bacchiglione …' Pagina 4 '… dapprima si è cercato di acquisire il materiale a disposizione potenzialmente utile per lo sviluppo del presente studio, relativamente sia alla documentazione progettuale originaria, che ai vari studi redatti negli ultimi decenni sulle possibilità di completamento dell'Idrovia e al regime idraulico del sistema Brenta ‐ Bacchiglione. In particolare, per quanto attiene questo ultimo aspetto, sin d'ora si evidenzia come, per la determinazione dei contributi di piena da sfiorare in laguna, si sia fatto riferimento allo Studio della sicurezza idraulica del territorio a sud di Padova e fattibilità della diversione verso la Laguna di Venezia di parte delle portate di piena del Brenta redatto dal Prof. Luigi D'Alpaos dell’Università di Padova nel 2005. L'oggetto del presente studio, infatti, non comprende la redazione di uno studio idrologico ‐ idraulico del sistema Brenta ‐ Bacchiglione …'
  11. 11. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 11 '… territorio a sud di Padova …' Pagine 67 e 70 '… (Prof. L. D’Alpaos, Studio della sicurezza idraulica del territorio a sud di Padova e fattibilità della diversione verso la Laguna di Venezia di parte delle portate di piena del Brenta, 2005) …' '… All’interno del Progetto di Piano è stato ipotizzato l’intervento che prevede la riduzione dei colmi di piena del fiume Brenta attraverso la diversione di una parte delle portate verso la laguna di Venezia sfruttando il tracciato dell’idrovia Padova‐ Venezia. Questa ipotesi è stata trattata in maniera approfondita da uno studio, realizzato nel 2005 dal Dipartimento IMAGE dell’Università di Padova, denominato “Studio della sicurezza idraulica del territorio a sud di Padova e fattibilità della diversione verso la laguna di Venezia di parte delle portate di piena del Brenta” …'
  12. 12. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 12 Prime due simulazioni: portata del Bacchiglione = 800 mc/s Pagina 70 '… Tra le diverse simulazioni effettuate nello studio, si riportano di seguito le situazioni che si possono considerare significative; - piena del fiume Brenta con tempo di ritorno pari a 200 anni e contemporanea piena del fiume Bacchiglione ipotizzando un idrogramma in entrata al nodo idraulico di Padova, pari a quello che si sarebbe registrato durante l’evento del 1966 se non ci fossero state le esondazioni in territorio Vicentino con un valore massimo di portata pari a 800 m3/s; - piena del fiume Brenta con tempo di ritorno pari a 200 anni e contemporanea piena del fiume Bacchiglione con portata massima pari a 800 m3/s (evento del 1966), adeguamento degli argini del canale Piovego e del Brenta a monte di Strà e ipotesi di diversione di una portata pari a 350 m3/s nel canale idroviario completato …'
  13. 13. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 13 Terza simulazione: portata del Bacchiglione = 700 mc/s Pagina 71 '… Lo studio dell’Università di Padova ha simulato anche la seguente ipotesi: - piena del fiume Brenta con un idrogramma di forma simile a quello con tempo di ritorno pari a 200 anni ma con portata massima pari a 1750 m3/s e contemporanea piena del fiume Bacchiglione con portata massima pari a 700 m3/s (con idrogramma di forma simile a quello dell’evento del 1966), con diversione dal Bacchiglione di 200 m3/s a monte di Voltabarozzo tramite il canale S. Gregorio e Piovego e diversione di una portata pari a 350 m3/s nel canale idroviario completato....'
  14. 14. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 14 I simulazione: situazione senza idrovia, Bacchiglione = 800 mc/s
  15. 15. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 15 II simulazione: deviazione di 350 mc/s via idrovia – solo per la Brenta Bacchiglione = 800 mc/s
  16. 16. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 16 I e II simulazione
  17. 17. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 17 III simulazione: deviazione di 200 mc/s dal Bacchiglione alla Brenta e uso idrovia –> 150 mc/s relativi per la Brenta Bacchiglione = 700 mc/s
  18. 18. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 18 '… 1.50 m s.m.m. …' Pagina 76 '… 11.6 Modello unidimensionale dello scolmatore …' '… Al modello sono state applicate le seguenti condizioni al contorno: - portata massima = 350 m3/s - livello di marea in corrispondenza dello sbocco in laguna = +1.50 m s.m.m. ...'
  19. 19. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 19 Rialzo della laguna? 5 cm.? Pagina 111 '… Considerando che la superficie totale della Laguna si aggira sui 550 km2, teoricamente il quantitativo d’acqua fuoriuscito dall’Idrovia provocherebbe un innalzamento del livello idrico di circa 5 centimetri sull’intera Laguna …'; '… Il problema, però, non va analizzato in termini medi, ma valutato specificatamente nell’ambito oggetto d’intervento, particolarmente nel caso in cui dovessero verificarsi contemporaneamente situazioni di vento forte e marea eccezionale, con la possibilità di condizioni di innalzamenti localizzati di gran lunga superiori ai 5 cm teorici. E’ questa la condizione che accadde ad esempio nel novembre 1966, tristemente noto per l’acqua alta eccezionale a Venezia (livello massimo +1.71 m s.m.m.) e le alluvioni in varie parti d’Italia. In quei giorni il vento spirò in maniera particolarmente intensa (oltre 18 m/s) dalla traversia di sud‐est, impedendo tra le altre cose, all’acqua della Laguna di fluire regolarmente in mare, attraverso le bocche di porto. E’ stato ipotizzato che in tali condizioni, non considerando il funzionamento del sistema MOSE, dall’Idrovia fuoriescano 350 m3/s ...'
  20. 20. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 20 50 – 70 cm. Pagina 112 12.5.3 Variazioni localizzate dei livelli idrici lagunari '… L’innalzamento provocato dalla portata dell’Idrovia raggiunge, nei quattro punti indagati, valori compresi tra 50 e 70 cm...' '… I livelli massimi raggiunti dall’acqua, nella simulazione descritta, variano tra 2.22 e 2.08 m s.m.m., all’aumentare della distanza dal punto di fuoriuscita della portata. Con riferimento al punto 1, posto immediatamente a valle dell’uscita del canale, si osserva che il valore massimo raggiunto dall’acqua risulta pari a 2.22 m s.m.m., quasi 70 cm in più del corrispondente livello di marea...'
  21. 21. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 21 '… stabilità delle arginature del margine lagunare …' Pagina 112 12.5.3 Variazioni localizzate dei livelli idrici lagunari '… Da tali considerazioni si ritiene che emerga con chiarezza la necessità che nei successivi approfondimenti progettuali venga con attenzione valutata la stabilità delle arginature del margine lagunare, attualmente avente sommità indicativamente a quota +3.00 m s.m.m., per effetto dei prevedibili innalzamenti localizzati della superficie libera lagunare, legati all’immissione della piena del Brenta....'
  22. 22. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 22 '… durante gli eventi di piena del fiume Brenta per i quali si dovrà prevedere la chiusura temporanea del canale navigabile ...' Pagine 47 – 48 [idrovia classe Va] '… Canale navigabile …' ('… Tratto compreso tra il porto di Padova e via Brenton …') '… impianto di sollevamento terminale idrovia‐Brenta capacità massima di 3 m3/s ; detto impianto verrà demolito insieme all’attuale argine in destra Brenta al fine di effettuare il collegamento tra idrovia e fiume Brenta. Un nuovo impianto verrà realizzato a monte della chiusa in destra Brenta in modo da non alterare il grado di sicurezza idraulica per tutto il bacino scolante all’interno dell’idrovia e in particolare della zona industriale di Padova. Il nuovo impianto entrerà in funzione durante gli eventi di piena del fiume Brenta per i quali si dovrà prevedere la chiusura temporanea del canale navigabile ...'
  23. 23. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 23 Velocità al fondo e '… generazione di fenomeni di erosione …' Pagina 112 '… Il caso di marea ordinaria ed assenza di vento è di seguito riportato nei disegni ... (cfr. Figura 182), potendo porre di seguito alcune considerazioni a commento: - lungo il tracciato idroviario, durante l’immissione della portata di 350 m3/s, la velocità al fondo raggiunge valori dell’ordine del m/s con conseguente generazione di fenomeni di erosione, come verrà evidenziato dalla successiva analisi degli sforzi tangenziali - la diffusione dell’onda di marea nella porzione lagunare analizzata, avviene attraverso i canali Taglio Vecchio, Tagliata Nuova e la Cunetta, oltre che il Canale Malamocco ‐ Marghera....'
  24. 24. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 24 Sedimenti – 100.000 mc ? … Pagine 116 - 117 '… qualche cautela va posta per quanto attiene la determinazione della portata solida del fiume Prima di proporre una quantificazione in tal senso, appare opportuno considerare quanto proposto dal prof. D’Alpaos nel suo studio citato, dove a fronte dell’immissione di un contributo in laguna di un contributo di circa 30 milioni di metri cubi d’acqua, è stimato un deposito di sedimenti fini pari a circa 100.000 m3, valore meritevole di approfondimento nei successivi livelli progettuali Per fornire una stima attendibile dell’ordine di grandezza degli apporti solidi in laguna in coincidenza degli sfiori di piena, si è di conseguenza ritenuto opportuno considerare i dati provenienti dalla campagna del C.N.R. (Consiglio Nazionale delle Ricerche) del 1976, il cui rapporto è intitolato Risultati delle ricerche fino al 1975 sul litorale alla foce dell’Adige, dove è contenuta una approfondita campagna di misure della portata solida del fiume, in funzione del relativo regime idrologico.
  25. 25. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 25 … o 4.400 mc ? Pagina 117 '… Pur se si tratta di un diverso corso d’acqua, si ritiene che i dati di trasporto solido non siano così dissimili in quanto simile è il territorio di pianura attraversato, attesa anche la circostanza di come il presente elaborato sia uno studio di fattibilità e non un progetto esecutivo, per cui fondamentale in questa fase è la valutazione di un ordine di grandezza attendibile di tale parametro. Necessari approfondimenti in merito andranno ovviamente effettuati ai successivi livelli di progettazione, se possibile supportati da specifiche campagne di misure del trasporto solido del fiume...' ' … Di conseguenza, in seguito ad un evento di piena come quello simulato, il cui volume si aggira sui 30.000.000 m3 di acqua, il trasporto solido risulterebbe di poco inferiore a 4.400 m3, con un valore significativamente inferiore quindi a quello sopra indicato...'
  26. 26. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 26 Erosione - Le conclusioni Pagina 117 '… Su questo aspetto, appare interessante porre alcune considerazioni: ‐ a prescindere dall’entità del relativo contributo, occorre precisare come sia assolutamente improponibile pensare che tali materiali possano naturalmente andare a compensare i fenomeni erosivi che come noto penalizzano la laguna centrale ...'
  27. 27. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 27 '… Sismica …' Pagina 20 '… La vulnerabilità dell’area di studio nei confronti del rischio sismico è stata valutata con riferimento alla classificazione sismica vigente nel territorio nazionale, la quale è stata aggiornata con l’Ordinanza numero 3519 del Presidente del Consiglio dei Ministri, pubblicata in G.U. il giorno 28/04/2006, inerente “Criteri generali per l’individuazione delle zone sismiche e per la formazione e l’aggiornamento degli elenchi delle medesime zone”...'
  28. 28. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 28 Argini? Pagina 58 [idrovia classe Va] '… Movimenti terra …' '… il porto di Padova risulta interamente da realizzare e si prevedono solo operazioni di scavo in quanto la quota campagna (18.00 m) si trova ben al di sopra della quota di massima navigabilità (15.00 m); - il tratto di canale compreso tra il porto di Padova e il fiume Brenta necessità di un allargamento della sezione e di una risagomatura del fondo al fine di garantire il rettangolo di navigazione previsto dalle norme tecniche; - il tratto di canale compreso tra il fiume Brenta e il canale Novissimo è interamente da realizzare e si prevede solo operazioni di scavo fino a via Brenton e poi operazioni sia di scavo sia di riporto fino al Novissimo per la formazione degli argini necessari a mantenere un franco idraulico di 1.20 m rispetto alla quota di massima navigabilità (pari a 14.50 m)....'...'
  29. 29. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 29 '… Stima dei costi e dei finanziamenti …' Pagina 127 '… risulta di fondamentale importanza prevedere una destinazione finale del materiale in esubero. In base ai dati bibliografici e ai dati di alcune indagini geognostiche eseguite nell’area interessata dai lavori è stato previsto il riutilizzo del materiale scavato per la realizzazione dei rilevati arginali, mentre il restante quantitativo costituito per lo più da sabbia, limo e argilla potrebbe essere utilizzato ai seguenti scopi: - realizzazione di rilevati stradali e ferroviari previo trattamento a calce; - rialzo di terreni agricoli depressi sottoposti a frequenti allagamenti; - rialzo di terreni destinati alla realizzazione di insediamenti produttivi/commerciali e di piani urbanistici residenziali. - conferimento a cave attive...' '… L’eventuale riutilizzo del materiale nell’ambito della realizzazione di altre tipologie di infrastrutture ubicate in prossimità del canale di progetto potrebbe comportare degli importanti risparmi economici quantificabili in quasi il 50% degli importi relativi allo scavo e alla sistemazione fondiaria...'
  30. 30. D. Righetto - Mira, 11.12.2014 30 2 a Studio di fattibilità per il completamento della IDROVIA PADOVA – VENEZIA STATO DI FATTO
  31. 31. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 31 '... sulla base del progetto originario degli anni ’60 …' '… non è stato possibile recuperare i disegni costruttivi delle opere realizzate … ' Pagina 9, pagine 11-12 '… Come evidenziato nel capitolo precedente il progetto dell’idrovia Padova‐ Venezia risulta in parte realizzato anche se, ovviamente, sulla base del progetto originario degli anni ’60 ...' '… Il tracciato dell’idrovia, che ricade all’interno del Comune di Vigonovo …' '… A seguito di un’attenta ricerca presso gli Archivi Storici della Regione Veneto non è stato possibile recuperare i disegni costruttivi delle opere realizzate. Per tale motivo lo stato di fatto dei manufatti è stato ricostruito sulla base delle informazioni raccolte durante i sopralluoghi. Si riporta di seguito una descrizione dei principali manufatti corredata da immagini tramite le quali è possibile apprezzare lo stato di conservazione che in molti casi purtroppo è apparso compromesso; questo a causa del lungo periodo di abbandono durante il quale non sono state svolte le normali attività di manutenzione ...'
  32. 32. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 32 '... stato di abbandono e degrado …' '… fortemente danneggiato … ' Pagine 12-14 '… In data 14 giugno 2012, in occasione di un sopralluogo avvenuto presso la chiusa in destra idraulica del nodo idraulico di Vigonovo, alla presenza di un tecnico del Genio Civile dell’Ufficio di Mira, è stato possibile visionare lo stato di conservazione dei manufatti. L’opera si sviluppa lungo Via Dante, nel Comune di Vigonovo, e rappresenta l’elemento di separazione tra l’Idrovia e la varice del Fiume Brenta. Il manufatto, pur essendo posizionato nel tratto di minore larghezza, è caratterizzato da dimensioni notevoli e si erge nel contesto territoriale circostante. Anche ad un primo sguardo appare evidente lo stato di abbandono e degrado in cui versa questa struttura...' '… L’intero sistema di movimentazione della paratoia appare fortemente danneggiato, in particolare nella parte elettromeccanica. La componente elettrica, invece, risulta totalmente assente …' '… Ad oggi risulta difficile determinare operativamente le capacità di movimento del carroponte in quanto i cablaggi e la quadristica sono stati quasi completamente rimossi. …'
  33. 33. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 33 '... progressivo deterioramento strutturale …' '… la parte civile si mostra in cattivo stato di conservazione … ' Pagine 16-17 '… Conca di navigazione Romea …' '… Allo stato attuale la conca è vittima di un progressivo deterioramento strutturale dovuto ad anni di incurie e mancata manutenzione. Risultano particolarmente fatiscenti e in taluni casi addirittura mancanti le parti elettromeccaniche ed elettriche. Anche la parte civile si mostra in cattivo stato di conservazione...'
  34. 34. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 34 Modifiche …... '… nuova conca di navigazione ...' Pagina 60-61 [idrovia classe Va per tipo Sormovskiy] '… Nel tratto compreso tra il canale Novissimo e la conca Romea, invece, il canale è già presente anche se deve subire le seguenti modifiche: - aumento della larghezza del fondo della cunetta da 24 m a 42 m; - aumento della pendenza delle sponde da 1:3 a 1:2; - diminuzione della quota di fondo da 10.50 m a 9.00 m....' …' '… Il fondo alveo del Taglio Novissimo è a quota 11.90 m, sarà quindi necessario abbassare il fondo dopo il manufatto di sbarramento fino a raggiungere la quota di 9.00 m necessaria al transito nell’idrovia dei battelli di classe Va....' '… Imponendo la quota di fondo di 9.00 m in corrispondenza dell’incrocio Idrovia‐ Novissimo, risulta necessario riprofilare l’alveo del Novissimo per circa 9'700 m prevedendo un abbassamento medio del fondo pari a circa 1.50 m …' '… Per ottenere il superamento da parte delle navi fluvio‐marittime tipo Sormovskiy del dislivello tra le quote lagunari e il tirante di navigazione in idrovia si propone la realizzazione di una nuova conca di navigazione a fianco della conca Romea esistente come descritto nel paragrafo 0....'
  35. 35. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 35 Espropri Pagina 61 [idrovia classe Va per tipo Sormovskiy] '… Tratto a valle della conca Romea …' '… Canale navigabile …' '… Le nuove dimensioni geometriche comportano un limitato allargamento dell’ingombro della sezione (pari a circa 4.00 m su entrambi i lati) che non comporta particolari problematiche se non quelle derivanti dalla eventuale necessità di acquisizione di terreni privati ...'
  36. 36. D. Righetto, Mira, 11.12.2014 36 The end GRAZIE PER L' ATTENZIONE

×