Incontro nannicini2

2,189 views

Published on

Slide della Rete29Aprile utilizzate nell'incontro pubblico promosso il 171116 con il Sottosegretario Nannicini sulle #cattedrenatta (Cattedre Natta).

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,189
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,733
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Incontro nannicini2

  1. 1. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Cattedre Natta: un provvedimento sbagliato e distruttivo per il complesso del sistema universitario Servono molti buoni docenti, non pochi prof. «di governo»
  2. 2. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni La retorica dell’eccellenza: una premessa • Come R29A troviamo sbagliata questa retorica. L’eccellenza si coltiva finanziando il sistema e generandola, non rincorrendola ex post, quando magari è diventata poco feconda. Altrimenti diventa uno spot • Non si può ottenere direttamente un frutto senza prendersi cura dell’albero. Sostenere di raggiungere direttamente l’eccellenza, o «comprarla», non ha senso. Non è determinata da una sola persona, ma da reti, gruppi e contesti favorevoli. • I migliori risultati si ottengono, nella ricerca come nella didattica, incentivando la collaborazione, mentre la strada che intraprendete è esattamente contraria.
  3. 3. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Università modello X-Factor? • 500 prof. «eccellenti» • 400 studenti «geniali» • 360 dipartimenti • 60% ricercatori • 20% associati... • Tra contest e reality show Il tutto con una crescita esponenziale di burocrazia e numerologia anvuriana. Il problema è davvero che ci manca l’eccellenza?
  4. 4. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni
  5. 5. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni
  6. 6. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Dottorato Concorso RTI Assegno di ricerca/postdoc Dottorato Concorso RTD-A Assegno di ricerca/postdoc Proroga + 2 RTD-A Concorso RTD-B Proroga assegno di ricerca Oggi in tutto fino 6 anni Professore Associato Abilitaz. Professore Associato Laurea 4-5 anni Laurea 2 anni Laurea 3 anni Verde: lavoro stabile Arancio: Lavoro precario Professore Ordinario Professore Ordinario Professore Associato Con merito Professore Ordinario Con merito
  7. 7. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni È il precariato che è intollerabile • Il sistema viene portato alla polverizzazione e si incoraggia lo sfruttamento del precariato, ancor di più nei territori più deboli, dove si stringe il cappio della diminuzione di fondi e dell’aumento di «tornei» per presunte eccellenze. DOMANDE: • Cosa ne pensa della «liberalizzazione» degli RTD-A, colleghi senza tenure che svolgono spesso gli stessi compiti degli strutturati di ogni livello? • Sa che mentre si parla dello «spot Natta» ci sono migliaia di colleghi in scadenza che non sanno cosa attendersi? • A pari costo, invece di 500 prof. scelti dalla politica si potrebbero aprire 1.700 posizioni di ruolo. Perché no?
  8. 8. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Veniamo alle Cattedre Natta Non ci soffermeremo qui sull’infinità di incongruenze procedurali, né sui molti sbilanciamenti che le «Natta» provocherebbero sul sistema (es. impatto su valutazione, ma anche ERC-SC, ricorsi, Commissari non competenti ecc.) • Qual è l’obiettivo? • Quali problemi risolve? • Se ne risolve, a che prezzo? • Avete considerato i problemi che crea? Si dice, minimizzando: servono a «iniettare eccellenza» nel sistema e sono delle chiamate dirette: niente di nuovo né di devastante È vero, come R29A non apprezziamo molto il sistema ma questo esiste già:
  9. 9. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Oggi… «Previo parere della Commissione ASN» http://www.unibo.it/it/ateneo/concorsi-e-selezioni/docenti-e-ricercatori/chiamate-dirette
  10. 10. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Domani… • Attraverso Commissari «di nomina governativa» (cit. parere del Consiglio di Stato, p.10) Chiamate dirette oggi Parere Commissione ASN chiamata domani Commissari «di nomina governativa» con una nuova (inutile!) spesa aggiuntiva di - 700.000€ 2016 - 4.000.000€ 2017 - … È del tutto evidente la delegittimazione dell’ASN, non ritenuta PIU’ capace di valutare ciò che prima valutava, peraltro aggiungendo una spesa di circa 53.000€/anno per ogni Commissario «di nomina governativa»
  11. 11. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Domande: • Il Governo si rende conto che, oltre al grave e inutile (non per i Commissari) dispendio di denaro, questa modalità delegittima il sistema CHE QUESTO STESSO GOVERNO ha appena riavviato? • Perché delle Commissioni di nomina governativa dovrebbero essere migliori di quelle ASN? Evidentemente perché i colleghi delle Commissioni ASN (che tra l’altro non hanno a disposizione un simile budget) vengono ritenuti non abbastanza capaci. E allora perché valutano ASN? Si ritengono mediocri i Ricercatori, Associati e Ordinari che saranno abilitati? • Non è questo uno schiaffo a quelle migliaia di colleghi che oggi stanno compilando i cervellotici moduli che IL GOVERNO ha predisposto, o che li valuteranno (gratis)?
  12. 12. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Si dice: è sperimentale • Le (ricche) Commissioni «Natta» restano in carica tre anni. Perché? Le Commissioni ASN, ovvero la modalità «normale», solo 2 • Il decreto stabilisce che i Commissari «non possano essere rinnovati». Dunque si prevede, con tutta evidenza, una prosecuzione della modalità oltre i 3 anni • E’ prevista la creazione di ben due graduatorie: non serve la lezione della scuola per comprendere il caos di lunga durata che verrà generato. Al tempo stesso ci sono migliaia di docenti (precari e non) che già svolgono funzioni «superiori» anche se non vengono chiamati, pur avendo ottenuto l’abilitazione
  13. 13. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Si dice: l’autonomia degli atenei è rispettata: basta non chiamare «gli eccellenti» • Questo argomento potrà funzionare con chi non conosce gli Atenei, né qualsiasi sistema di potere • Anni di blocco del turnover hanno creato condizioni disastrose: ci si può permettere di non acquisire docenti «a costo zero»? DOMANDA: se in alternativa ci fosse l’opzione di far entrare in ruolo (sempre a zero) 4 giovani, secondo lei cosa sceglierebbe un ateneo? • Davvero vuol sostenere, qui, che per molti establishment l’ «incoraggiamento» del Governo sia ininfluente? • E quale effetto state creando sull’opinione pubblica?
  14. 14. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Si dirà: noi cerchiamo l’eccellenza… Come detto, non condividiamo, ma seguendo la «logica» del Governo si pongono altre DOMANDE • Ci si rende conto che questa impostazione squalifica TUTTI i docenti italiani, che portano avanti ogni giorno gli Atenei? Essi evidentemente non sono ritenuti, pregiudizialmente, eccellenti. • Se proprio si vuole puntare sulle chiamate dirette, perché non continuare a farlo con le norme già in vigore, che già lo hanno consentito e lo consentono? • Ma se l’obiettivo è portare in Italia dei Nobel, qual è quel Nobel destinato a fare l’«Associato Natta»?
  15. 15. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Un sistema parallelo • Ciò che appare evidente è che si tratta di un sistema parallelo di selezione dei docenti con forte influsso della politica. • I docenti così scelti saranno contraddistinti agli occhi dei loro colleghi e di tutta l’opinione pubblica da potenziali rapporti privilegiati con la politica (immaginiamo, ad esempio, quale ombra potrà gravare sui docenti di diritto Costituzionale così scelti, ma ciò vale in ogni campo e stimolerà una corsa a manifestarsi filo-governativi) • Possiamo permetterci questa ulteriore occasione di discredito?
  16. 16. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Si dirà: non fare il processo alle intenzioni… bisogna guardare ai nomi che ci saranno, non all’atto amministrativo Le modalità di individuazione delle Commissioni non sono «provvedimenti amministrativi» cui guardare con fastidio. Sono strumenti di garanzia del sistema, con questo e futuri governi. Si può seriamente proporre di stare a guardare che nomi usciranno dalla slot machine della politica?
  17. 17. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni E quando altri governi vorranno essere loro i garanti del sistema, dicendoci «aspettate i nomi prima di giudicare?» L’Università italiana non può reggere (anche) uno «spoil system» cumulativo universitario… gli «atti amministrativi» devono essere in un quadro di garanzie a prescindere dal Governo di turno La politica, semplicemente NON DEVE ENTRARCI
  18. 18. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Dunque… • Come si è evidenziato qui, il provvedimento è non solo costoso, ma distruttivo per il sistema. • Gli obiettivi (errati) che si pone possono essere perseguiti già oggi in modo infinitamente più semplice ed economico, senza delegittimarlo, senza svilire chi lavora negli atenei. Ed evitando di usare argomenti populistici contro il settore dello Stato che più si è sottoposto a valutazione e che, in questi anni, ha visto ingenti riduzioni di organico e retribuzioni. • Le uniche motivazioni per metterlo in opera (a giudicare dal risultato atteso, che sarebbe lo stesso) appaiono: • Retribuire per 3 anni 75 Commissari nominati dal governo al costo di diversi milioni di Euro (4,7 fino al solo 2017) • Porre in essere una ingerenza del Governo sull’immissione in cattedra di 500 professori con potenziali rapporti privilegiati con la politica, creando un precedente devastante
  19. 19. Incontro con il sottosegretario Nannicini: «Cattedre Natta» e dintorni Chiediamo dunque il ritiro della normativa sulle «Natta» e l’uso dei finanziamenti disponibili per l’ingresso in ruolo di personale precario (perché bisogna metterli in fuga, prima di riconoscerli come «cervelli»?) Grazie per l’attenzione!

×