Sel rifiuti didonna

379 views

Published on

Published in: Automotive
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
379
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
205
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Sel rifiuti didonna

  1. 1. SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’ Circolo “Arcy Di Gioia” - Noicàttaro Sinistra Ecologia e Libertà – Circolo “Arcy Di Gioia” - Noicattaro L'ASSESSORE DIDONNA E LA «MODA COSTOSISSIMA» DI (NON) RICICLARE I RIFIUTI C'è da restare interdetti nel leggere le dichiarazioni rese alla stampa dal professor Vito Didonna riguardo allo smaltimento dei rifiuti nel nostro paese. Secondo il Vicesindaco e Assessore al ramo, quella della raccolta differenziata sarebbe «una moda costosissima», una sorta di capriccio «del Governatore Vendola» che obbligherebbe i comuni a inseguire quote sempre più elevate di rifiuto differenziato, quando con i termovalorizzatori si «risolverebbero molti più problemi». Didonna, peraltro, non esita a dichiarare un «fallimento» il sistema di raccolta differenziata di Mola e Rutigliano, sulla scia di quanto affermato da uno dei candidati sindaci alle prossime elezioni comunali rutiglianesi, Nicola Giampaolo. L'Assessore si dichiara stretto tra «l'incudine» di una legge, quella regionale, che lo costringe entro questa primavera a raggiungere valori di rifiuto differenziato a quanto pare insostenibili (il 5% in più di quanto si raccolga attualmente a Noicattaro), e il «martello » di una Ecologica Pugliese che, dopo una serie di miracolose proroghe, richiede 170mila euro in più, come canone di aggiornamento previsto dalla clausola del contratto stipulato in illo tempore con il Comune di Noicattaro. Se Didonna non ha dubbio alcuno nell'individuare il colpevole di tale sfacelo (Vendola), sull'Ecologica Pugliese i toni si fanno più incerti: sarà saggia – si chiede Didonna – la decisione di riconoscere il canone di aggiornamento all’Ecologica, «a fronte di nessuna garanzia sul miglioramento della raccolta differenziata»? Queste dichiarazioni seguono quelle, ugualmente sorprendenti, che datano al 3 marzo, quando, sempre sulle pagine dello stesso giornale on line, l'Assessore spiega il fenomeno della presenza di buste di rifiuti ben selezionati (plastica, vetro, carta) nei cassonetti dell'indifferenziato di Noicattaro (ma anche «nei nostri terreni e addirittura nelle cisterne»). Si tratta, secondo Didonna, di «atti di disobbedienza civica» dei commercianti rutiglianesi che, vista «aumentare in modo spropositato la tassa sui rifiuti», hanno deciso di protestare portando i rifiuti nei cassonetti e nei campi nojani. Una ricostruzione che si basa non su
  2. 2. SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’ Circolo “Arcy Di Gioia” - Noicàttaro Sinistra Ecologia e Libertà – Circolo “Arcy Di Gioia” - Noicattaro qualche "gola profonda" che avrebbe spifferato l'accaduto al professore, ma sulla coincidenza di tale fenomeno «con la stangata avuta dai commercianti rutiglianesi». Il problema è dunque quello della recente legge regionale, contro cui l'Assessore parte in quarta, dichiarandosi propenso a ricorrere al TAR per la parte relativa all'ecotassa, ritenuta evidentemente iniqua. La chiusa dell'articolo è un invito a porsi qualche domanda, cosa che abbiamo fatto. Ma non per tutto abbiamo trovato una risposta. In particolare ci siamo chiesti: 1) la legge regionale sui rifiuti nasce come Minerva dalla testa di Zeus, o si inserisce in un più complesso quadro normativo nazionale ed europeo che IMPONE la raccolta differenziata, ponendosi dei precisi obiettivi? 2) per quale motivo la raccolta differenziata tramite cassonetto a Noicattaro non è mai decollata, passando da un, peraltro gonfiato, 23% della giunta Dipierro (in effetti un 6,23%) - a un valore di gran lunga inferiore della giunta Sozio? 3) per quale motivo, nonostante i nostri ripetuti allarmi, si è deciso di imporre agli Esercizi di Vicinato; Medie Strutture di Vendita; Grandi Strutture di Vendita; Pubblici Esercizi; Esercizi Artigianali; Esercizi Industriali; Studi Professionali; Patronati Sindacali; Residenze Sanitarie; Comunità a qualunque titolo costituite e Uffici al Pubblico e non, la raccolta differenziata di cartone, carta, vetro e plastica solo il 1° febbraio 2014? Idem per quanto riguarda i rifiuti ingombranti domestici? 4) chi avrebbe dovuto controllare l'operato dell'Ecologica Pugliese, sul quale l'Assessore pone dei dubbi, e non lo ha fatto? Perché non l'ha fatto? Pagherà mai questo qualcuno? 5) per quale motivo non si è indetto un nuovo bando di gara per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani, quando era già bello e pronto quello lasciato in eredità dalla giunta Dipierro? Chi l'ha bloccato? Perché temporeggiare per poi essere costretti ad aspettare le decisioni dell'ARO?
  3. 3. SINISTRA ECOLOGIA E LIBERTA’ Circolo “Arcy Di Gioia” - Noicàttaro Sinistra Ecologia e Libertà – Circolo “Arcy Di Gioia” - Noicattaro 6) conosce l'Assessore i costi, i tempi, i problemi di un termovalorizzatore? Se sì, vorrebbe cortesemente illustrarceli, così come vorrebbe cortesemente indicare il luogo ove ubicherebbe tale struttura, se solo fosse consentita dalla legge regionale? 7) sa l'Assessore che dove si utilizzano i termovalorizzatori la raccolta differenziata si fa ed è pure molto spinta? Certi che l'Assessore Didonna, prima di fare roboanti proclami alla stampa, queste domande se le sia fatte, saremmo curiosi di conoscere le sue risposte. Il Circolo Sel “Arcy Di Gioia” - Noicàttaro

×