Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Premio innova s@lute2016 template di presentazione progetto-deoc@rdio

179 views

Published on

Deoc@rdio

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Premio innova s@lute2016 template di presentazione progetto-deoc@rdio

  1. 1. DEOC@RDIO Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro Medicina di prossimità
  2. 2. Giuseppe Romano, responsabile del Servizio Informativo Aziendale dell'Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro si è sempre occupato di sviluppo dell'ICT in ambito sanitario per il miglioramento dell'assistenza al paziente. Ilario Lazzaro, dirigente medico di presidio dell'Azienda Ospedaliera Universitaria "Mater Domini", si è occupato da sempre delle modalità operative per l'integrazione ospedale territorio. Presentazione del gruppo di lavoro
  3. 3. Assistere il paziente post-cardiochirurgico a casa per consentire un rapido inserimento nel nucleo familiare, in poche parole una UMANIZZAZIONE POST-CARDIOCHIRURGICA DOMICILIARE accanto ad un’azione dei contenimento dei costi dovuti ad un prolungamento del ricovero. Presentazione dell’idea o soluzione 1/2
  4. 4. Il paziente che ha subito un operazione cardiochirurgica (bypass aortocoronarico, sostituzione di valvole) può essere inserito nel percorso di assistenza domiciliare attraverso l’utilizzo massivo dell’ICT. Il cardiochirurgo, interfacciandosi con l’equipe territoriale, fornisce un’opportuna e dettagliata scheda che tenga conto sia della somministrazione della terapia che degli esami da effettuare. Gli esami principali, da quelli chimico-clinici al monitoraggio elettrocardiografico, possono essere effettuati con semplici apparecchiature portatili. Il risultato di questi sarà comunicato ON-LINE con appositi palm-top o PC-Portatili collegati al reparto di cardiochirurgia. In definitiva il paziente post-cardiochirurgico rappresenta un utente che necessariamente deve essere sottoposto a riabilitazione, assistenza e monitoraggio, al fine di raggiungere l’optimum della qualità di vita sia dal punto di vista fisiologico che da quello del raggiungimento di un buon equilibrio psico-fisico. Il criterio ispiratore è l’umanizzazione del rapporto medico paziente, portando al domicilio di quest’ultimo la riabilitazione, la continuità assistenziale ed il monitoraggio di alcuni parametri fondamentali. Questo si configura con un aumento della qualità percepita dall’utente. Presentazione della soluzione 2/2
  5. 5. L’ospedale del futuro si caratterizza per un sempre maggiore predominio delle metodiche e strategie di comunicazione. Questo consentirà di effettuare un grande processo riorganizzativo che porterà ad un ospedale che ‘ospedalizza’ un sempre minore numero di pazienti, che mette in rete le apparecchiature elettromedicali, le competenze mediche, l’assistenza sanitaria specialistica ed i medici di medicina generale ed i pediatri di libera scelta. Il crescente sviluppo delle tecnologie informatiche e telematiche è servito, negli ultimi anni, a porre le premesse per una crescita innovativa del modo di comunicare nel settore socio-sanitario. La possibilità di disporre di reti per la trasmissione in tempo reale di dati e immagini, utilizzabili per gli scopi medici, costituisce indubbiamente un elemento di stimolo e d’opportunità per una riorganizzazione su basi innovative dei grandi ospedali. La nostra analisi progettuale si rivolge ad un target ben definito di pazienti che per la tipologia assistenziale fatta in strutture ospedaliere è molto onerosa economicamente e stressante qualitativamente per il paziente. Nel nostro studio intendiamo ipotizzare un percorso di deospedalizzazione per un particolare tipo di paziente: quello post-cardiochirurgico. Il nuovo ospedale in questa particolare ottica - l’ospedale del futuro - è una struttura sanitaria fortemente “decentrata”, con una piattaforma di servizi sanitari medico - diagnostico - chirurgici, di alto contenuto tecnologico, che interagisce con forme di ospedalizzazione domiciliare e con altre strutture qualificate, con la rete dei medici di famiglia e degli specialisti. Il tutto avviene tramite il teleconsulto e la teleassistenza, in modo che “l’ospedale a domicilio” diventerà “l’ospedale virtuale” Per ulteriori approfondimenti
  6. 6. GIUSEPPE ROMANO – giuseppe.romano@asp.cz.it Direttore del Servizio Informativo Aziendale dell’Azienda Sanitaria di Catanzaro, si è occupato dello svilippo dell’ICT e della Telemedicina al servizio dell’assistenza ai pazienti sia sul territorio che in ospedale. Anagrafica del referente

×