Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it                          Comune di CentolaBozza di regolamento recante no...
Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it         a) lutilizzazione delle aree demaniali deve garantire la conserva...
Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it         3.2 Ai sensi della legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, co...
Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it         h) Bruciare sterpaglie o altri materiali e, comunque, accendere f...
Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it         6.5. Ogni stabilimento balneare deve essere dotato:         a) Ov...
Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it         concessione, anche ai fini della balneazione, mediante la predisp...
Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it         E posto divieto di accesso al mare e di attraversamento degli hab...
Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it         8.3. Fatta salva lapplicazione delle più gravi sanzioni derivanti...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Bozza del Regolamento Demanio Marittimo - Comune di Centola

985 views

Published on

Ecco la bozza del vituperato Regolamento Demanio Marittimo per la gestione ed installazione di stabilimenti balneari a Palinuro dall'estate 2012.

Published in: News & Politics
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
985
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
7
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Bozza del Regolamento Demanio Marittimo - Comune di Centola

  1. 1. Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it Comune di CentolaBozza di regolamento recante norme di utilizzazione dellitorale marittimo per finalità turistiche e ricreative" Si premette che: 1. Lart. 6, co. 3, della Legge 4 dicembre 1993, n. 494 ha introdotto lo strumento del Piano di Utilizzazione delle Aree del Demanio Marittimo (PUAD), con finalità turistiche e ricreative (ex art. 59 del D.P.R.616/77), da predisporre ad opera delle Regioni, sentita lAutorità Marittima, dopo aver acquisito il parere dei Sindaci interessati e delle Associazioni regionali di categoria appartenenti alle organizzazioni sindacali più rappresentative nel settore turistico dei concessionari demaniali marittimi. 2. Lart.19 del vigente Piano del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano nel disciplinare i "Sistemi di attrezzature e servizi" prevede la riqualificazione e la riorganizzazione delle attrezzature balneari, secondo le modalità prescritte dal Regolamento e mediante la redazione di appositi programmi e progetti di valorizzazione. Articolo 1 Oggetto e finalità del Regolamento Le presenti Norme di Attuazione fanno parte integrante delle "norme di utilizzazione del litorale marittimo per finalità turistiche e ricreative", strumento di pianificazione che disciplina gli usi sia per finalità pubbliche, sia per iniziative connesse ad attività di tipo privatistico regolamentate mediante rilascio di concessioni demaniali marittime in conformità alle vigenti disposizioni. Le presenti disposizioni assumono valore di norma allinterno dellarea di intervento individuata nei limiti territoriali comunali specificati nell’art. 2. 1.1. Nelle more della predisposizione ed approvazione, da parte: - della Regione Campania, del PUAD di cui al punto 1 della premessa; - dellEnte Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, del Regolamento nonché dei programmi e dei progetti di valorizzazione di cui al punto 2 della premessa, il presente regolamento definisce: - le modalità duso dellarenile, secondo principi dello sviluppo sostenibile; - i criteri di natura urbanistica, paesaggistica ed ambientale per la realizzazione e la gestione delle strutture precarie e stagionali necessarie allo svolgimento - sulle aree del demanio comunale e marittimo – delle attività turistiche e complementari al turismo. 1.2. Per la razionale e compatibile utilizzazione delle aree del demanio comunale e marittimo a fini turistici e ricreativi, il comune di Centola adotta, con valenza prescrittiva, i seguenti indirizzi di carattere generale: 1ATTENZIONE! Questo documento è una semplice BOZZA diffusa perscopi puramente illustrativi e didattici. Non è pertanto garantita la completezza né laconformità del testo qui riprodotto all’originale.
  2. 2. Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it a) lutilizzazione delle aree demaniali deve garantire la conservazione dellintegrità fisica e patrimoniale del bene pubblico oggetto delluso nonché la sua valorizzazione; deve pertanto essere esercitata in coerenza ai criteri indicati dai vigenti strumenti di pianificazione e di tutela, garantendo la tutela della biodiversità e nel rispetto dal Piano del Parco del Cilento e Vallo di Diano; b) la permanenza delle attività economiche sulle aree demaniali marittime è consentita nel rispetto dei criteri stabiliti dalla vigente normativa, con particolare riferimento a quanto prescritto dal Codice della Navigazione e dal relativo Regolamento di Attuazione, nonché dalle altre norme del vigente Regolamento Edilizio, del Piano del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano. Articolo 2 Ambito di applicazione e definizioni 2.1 Le norme del presente regolamento riguardano tutta la fascia prospiciente lambito territoriale di competenza che appartiene al pubblico demanio marittimo nel comune di Centola, ed esattamente per una estensione di circa 15 Km lineari sulla costa tirrenica, i cui confini geografici sono determinati: = a Est dal territorio del Comune di Pisciotta; = a Ovest dal territorio del Comune di Camerota. 2.2 Ai fini del presente Regolamento, si intendono per: a) battigia, la fascia di spiaggia interessata dal movimento del flusso e riflusso delle onde; b) arenile libero, la prima fascia, completamente libera, che, partendo dal limitare della battigia, arriva allarea del "soggiorno allombra" di cui alla lettera c), con una profondità variabile, tenuto conto della situazione orografica e della profondità verso il mare dellarea concessa; c) soggiorno allombra, la seconda fascia di profondità variabile, successiva allarenile libero e parallela al mare, destinata alla sistemazione di dispositivi di ombreggiatura; d) stabilimenti balneari, le strutture poste su aree oggetto di concessione demaniale marittima, dotate di spogliatoi, servizi igienici ed attrezzate per la balneazione con ombrelloni, sedie a sdraio, lettini e, eventualmente, comprendenti servizi bar, ristorazione e intrattenimento; e) concessione demaniale marittima, il provvedimento amministrativo che legittima loccupazione e luso dei beni demaniali marittimi. Articolo 3 Durata e disposizioni generali 3.1 Il regolamento è valido per un periodo di 5 anni dalla data di approvazione. Al termine del suddetto periodo, su richiesta dellamministrazione comunale, il piano potrà essere prorogato anche per uguale periodo. Durante il periodo di validità, il piano può essere modificato su proposta del comune sulla scorta di motivata e documentata relazione. Eventuali modifiche sostanziali possono essere apportate con le procedure e le modalità seguite per lapprovazione del presente regolamento. 2ATTENZIONE! Questo documento è una semplice BOZZA diffusa perscopi puramente illustrativi e didattici. Non è pertanto garantita la completezza né laconformità del testo qui riprodotto all’originale.
  3. 3. Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it 3.2 Ai sensi della legge 27 dicembre 2006, n. 296, articolo 1, comma 251, anche in presenza di uno stabilimento balneare, sussiste "obbligo per i titolari delle concessioni di consentire il libero e gratuito accesso e transito, per il raggiungimento della battigia antistante larea ricompresa nella concessione,anche al fine di balneazione". 3.3 La stagione balneare è compresa tra il l 01 Giugno ed il 30 settembre; il periodo di attività obbligatoria degli stabilimenti balneari, durante il quale è necessaria lattivazione del servizio di salvataggio negli orari di apertura, è fissato dal 15 giugno al 30 settembre. 3.4 Nei periodi dal l 01 Giugno al 15 giugno, in caso di mancata attivazione del servizio di salvataggio, è consentito lutilizzo delle strutture ai soli fini elioterapici, con obbligo di esposizione allingresso ed allinterno della struttura, nonché in prossimità della battigia, di apposita cartellonistica riportante la dicitura (redatta in più lingue): "STRUTTURA APERTA AI SOLI FINI ELIOTERAPICI- ATTENZIONE: BALNEAZIONE NON SICURA PER MANCANZA DI APPOSITO SERVIZIO DI SALVATAGGIO". Inoltre è fatto obbligo di esporre da parte del concessionario la bandiera rossa e di rendere disponibili le attrezzature per il salvataggio nei modi prescritti da apposita ordinanza dellAutorità Marittima. 3.5 In tutte le aree del demanio marittimo o ad esse collegate, ove si svolgono attività balneari (stabilimenti balneari, strutture balneari, spiagge libere attrezzate, chioschi bar, campeggi, parcheggi auto, ecc), devono essere tenute esposte al pubblico, agli ingressi, in luogo ben visibile e per tutta la durata della stagione balneare, il presente regolamento, lordinanza emanata dallAutorità Marittima per la disciplina della sicurezza e dellattività di noleggio e/o locazione natanti da diporto nonché, per gli stabilimenti e le strutture balneari, i prezzi dei servizi offerti, comunicati al Comune in conformità alle disposizioni vigenti. Articolo 4 Uso delle spiagge e divieti 4.1. Sulle spiagge del territorio del Comune di Centola è vietato, per tutto lanno: a) Lasciare in sosta natanti ed eventuali apparati di sostegno, senza idoneo titolo concessionario/autorizzativo, ad eccezione di quelli destinati alle operazioni di assistenza e salvataggio. b) Lasciare sulle spiagge libere, oltre il tramonto del sole, ombrelloni, sedie a sdraio, tende e/o altre attrezzature similari; c) Occupare con ombrelloni, sdraio, sedie, sgabelli, teli ecc. e con natanti, esclusi i mezzi di soccorso, la fascia di 5 metri dalla battigia, destinata unicamente al libero transito. In presenza di particolari condizioni della spiaggia lampiezza di tale fascia può essere, previa verifica da parte del Comune, ridotta; d) Campeggiare; e) Transitare e/o sostare con qualsiasi tipo di veicolo, ad eccezione di quelli autorizzati per la pulizia delle spiagge ed il soccorso; f) Organizzare manifestazioni pubbliche, senza autorizzazione/nulla osta del Comune; g) Gettare a mare o abbandonare sullarenile rifiuti o materiale di qualsiasi genere; 3ATTENZIONE! Questo documento è una semplice BOZZA diffusa perscopi puramente illustrativi e didattici. Non è pertanto garantita la completezza né laconformità del testo qui riprodotto all’originale.
  4. 4. Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it h) Bruciare sterpaglie o altri materiali e, comunque, accendere fuochi a fiamma libera direttamente sul suolo, salvo specifica autorizzazione dellUfficio Ambiente del Comune. Articolo 5 Concessioni 5.1 La concessione dei beni demaniali marittimi può essere rilasciata, oltre che per servizi pubblici e per servizi e attività portuali e produttive, per lesercizio delle seguenti attività: - gestione di stabilimenti balneari dediti al noleggio di sdraio ed ombrelloni con o senza esercizi di ristorazione e somministrazione di bevande e di strutture relative ad attività sportive e ricreative; - stazionamento, noleggio di imbarcazioni e natanti in genere. Le concessioni demaniali marittime oltre ad osservare le disposizioni previste dalle specifiche norme vigenti (sicurezza, igiene, barriere architettoniche, etc.) rispettano le seguenti regole generali; per quanto riguarda le distanze minime tra concessione e concessione e lo spazio massimo di fronte mare da utilizzare per singola concessione saranno disciplinate da apposito bando ad evidenza pubblica. 5.2 Con apposito avviso e/o altro atto ad evidenza pubblica verranno definiti i criteri, le modalità e/o i prerequisiti per accedere alla richiesta di concessione. Articolo 6 Disciplina degli stabilimenti balneari – norme di comportamento 6.1 Sono ammesse attività di noleggio ombrelloni, sedie sdraio, lettini, pedalò, pattini e similari, oltre che un punto di ristoro con relativo spazio ombreggiato e giochi a carattere stagionale. - servizi per la sicurezza della balneazione; - servizi per la raccolta dei rifiuti. a) Segnaletica. Negli stabilimenti e nelle aree attrezzate si deve porre una segnaletica, senza opere di fondazione, indicante lingresso, luscita, il nome ed il confine della concessione; b) Gestione. Gli spazi utilizzati e quelli limitrofi per una lunghezza pari al fronte demaniale marittimo in concessione da entrambi i lati e per tutta la profondità della fascia demaniale, non oggetto di altre concessioni, devono essere puliti per tutto lanno dai concessionari; c) Sicurezza. Nelle aree in concessione si devono garantire le condizioni di facilità e sicurezza del movimento delle persone anche attraverso la posa di camminamenti da realizzarsi in legno con tavole appoggiate al suolo e collegate fra loro, previo richiesta e rilascio dei nulla-osta previsti dalla normativa vigente; 6.2. Lesercizio dellattività è subordinato al possesso delle previste licenze/autorizzazioni a vario titolo rilasciate dalle competenti autorità. 6.3. Le strutture balneari sono aperte al pubblico dalle ore 8,00 alle ore 20,00. 6.4. Negli orari in cui gli stabilimenti balneari non sono aperti al pubblico, lutilizzazione delle loro attrezzature, quali sdraio, lettini e ombrelloni, è ammessa solo in base ad esplicito consenso del concessionario. E comunque fatta salva la possibilità di accedere liberamente, al mare secondo quanto previsto al punto 3.1. 4ATTENZIONE! Questo documento è una semplice BOZZA diffusa perscopi puramente illustrativi e didattici. Non è pertanto garantita la completezza né laconformità del testo qui riprodotto all’originale.
  5. 5. Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it 6.5. Ogni stabilimento balneare deve essere dotato: a) Ove possibile, di un apposito locale destinato a pronto soccorso e, comunque, di cassetta del pronto soccorso contenente la dotazione minima indicata rispettivamente negli allegati 1 e 2 al D.M. 15.07.2003, n. 388; b) dei mezzi di spegnimenti previsti dalla normativa vigente; c) di servizi igienici divisi per sesso, nonché di servizi accessibili a persone diversamente abili (indicati con il simbolo internazionale), liberamente utilizzabili dai clienti e dai fruitori della spiaggia, nonché di passerella per portatori di handicap; Nel caso in cui gli stabilimenti svolgano attività di somministrazione di cibi e bevande, dovranno essere previsti servizi ad uso esclusivo degli operatori. 6.6. Allinterno delle aree in concessione feste, spettacoli ed altre forme di intrattenimento, anche se prive di scopo di lucro, dovranno essere sempre organizzate nel rispetto della vigente normativa; il concessionario dovrà pertanto munirsi di tutte le autorizzazioni necessarie, relative alla manifestazione da effettuare. 6.7. E vietato lo stoccaggio allaperto di materiali di risulta o di merci destinate allesercizio dellattività. 6.8. Per le pulizie delle strutture devono essere utilizzati solo detergenti biodegradabili. 6.9. Nella gestione della struttura, é vietato luso delle buste di plastica, se non quelle consentite per la raccolta differenziata dei rifiuti. 6.10. I titolari degli stabilimenti balneari, durante il periodo di apertura al pubblico devono a) esporre in modo ben visibile, per tutta la durata della stagione balneare: - copia del presente Regolamento Comunale; - copia della vigente Ordinanza emanata dallAutorità Marittima; - gli orari di apertura e chiusura dello stabilimento; - le tabelle delle tariffe applicate per i servizi resi; - un quadro illustrativo degli interventi da attuarsi in caso di pronto soccorso alle persone in pericolo nonché sui pericoli derivanti dallimmersione in acqua; - cartelli indicanti i numeri telefonici di emergenza e di pronto intervento. b) curare il decoro e la pulizia dello stabilimento, dellarenile e dello specchio acqueo ad esso immediatamente prospiciente, fatto salvo leventuale smaltimento di materiali derivanti da eventi eccezionali, come tali valutati dallamministrazione comunale che ne curerà la rimozione. A tale scopo i materiali di risulta devono essere sistemati in appositi contenitori chiusi in attesa dellasporto da parte dei competenti operatori; i rifiuti devono essere raccolti in contenitori differenziati per tipologia di rifiuti (contenitore per carta, contenitore per multimateriale, contenitore per umido e residui rifiuti) secondo il sistema di raccolta differenziata vigente nel territorio comunale, e conferiti nei cassonetti alluopo predisposti, negli orari e con le modalità al riguardo stabilite; c) consentire a tutti ed in qualsiasi momento il libero e gratuito accesso e transito, per il raggiungimento della battigia antistante larea ricompresa nella 5ATTENZIONE! Questo documento è una semplice BOZZA diffusa perscopi puramente illustrativi e didattici. Non è pertanto garantita la completezza né laconformità del testo qui riprodotto all’originale.
  6. 6. Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it concessione, anche ai fini della balneazione, mediante la predisposizione di un percorso, segnalato in modo apposito anche per gli ipovedenti; d) installare sullarenile, entro i limiti dellarea in concessione, sino ad una distanza dalla battigia non inferiore a 5,00 mt, un numero di ombrelloni, aventi un diametro massimo di mI. 1.80, tale da non intralciare lo spostamento dei bagnanti. I medesimi saranno sistemati su file parallele, distanziate fra loro non meno di mI. 2.50 in senso longitudinale, non meno di mI. 2,50 fra file parallele e non meno di metri 1,15 dai confini della concessione (sia rispetto alle altre concessioni. sia rispetto alle spiagge libere adiacenti). Inoltre gli ombrelloni dovranno essere dotati di ancoraggi al terreno, in modo da presentare maggiore resistenza allo strappo, nonché di un dispositivo che renda solidale la parte superiore a quella inferiore e di protezioni della parte terminale delle stecche, rispondenti alla vigente normativa in materia di sicurezza; e) collocare, ogni mq 200,un cestino portarifiuti e curarne lo svuotamento; f) predisporre percorsi perpendicolari alla battigia, della larghezza non superiore a mI. 2.50, al fine di rendere possibile lagevole accesso al mare ai soggetti diversamente abili, mediante idonei camminamenti che consentano labbattimento di ogni impedimento alla fruibilità delle spiagge; g) installare lungo il percorso di accesso al mare e mettere a disposizione dellutenza almeno unisola ecologica composta da un numero di almeno tre contenitori distinti e differenziati per tipologia di rifiuti da conferire; h) ove larea in concessione sia posta a confine con una spiaggia libera, è fatto obbligo, di installare e conservare per tutta la stagione balneare appositi paletti di delimitazione. I paletti di colore bianco infissi nel terreno, ma removibili, collegati tra loro da corde dovranno essere posizionati lungo tutta la fascia occupata dagli ombrelloni, in ogni caso, a non oltre 10 metri dalla battigia e, comunque, entro i limiti dellarea in concessione; i) liberare, al termine della stagione balneare, larea scoperta destinata alla posa degli ombrelloni da eventuali sostegni posizionati per il loro fissaggio e dalle altre attrezzature, pali, paletti e in genere da tutti gli ulteriori materiali e strutture il cui posizionamento è consentito esclusivamente nel corso della stagione balneare; Ai fini del libero transito, dovranno essere garantiti i passaggi: 1) non inferiore a 3 m dal ciglio dei terreni elevati sul mare; 2) di profondità minima di 5,00 m, misurata dalla battigia media, sullarenile o sulle scogliere basse, sulla cui fascia non sono ammesse istallazioni di alcun tipo, né disposizione di ombrelloni o sedie sdraio o relativa a qualsiasi attrezzatura, anche se precaria. E comunque vietata qualsiasi attività o comportamento che impedisca il transito alle persone ed ai mezzi di servizio e soccorso dalla costa o spiaggia verso il mare e viceversa. E obbligatorio prevedere sempre dei percorsi pedonali di accesso o di uso pubblico, realizzabili mediante progetti diniziativa pubblica o privata convenzionata. 6ATTENZIONE! Questo documento è una semplice BOZZA diffusa perscopi puramente illustrativi e didattici. Non è pertanto garantita la completezza né laconformità del testo qui riprodotto all’originale.
  7. 7. Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it E posto divieto di accesso al mare e di attraversamento degli habitat costieri al di fuori delle strade e dei luoghi che sono esplicitamente designati a tale funzione ad ogni mezzo meccanico che non sia di servizio, se non esplicitamente autorizzato. Ad ogni sbocco pubblico, ove questo arrivi nellarea demaniale, occorre lasciare libero un corridoio di larghezza adeguata e comunque non inferiore a 5,00 m. Gli accessi alla spiaggia devono essere conformi alla normativa sullabbattimento delle barriere architettoniche (L. 104/92). Articolo 7 Criteri generali per la progettazione, listallazione e lo smontaggio delle strutture 7.1. Sugli arenili è consentita, unicamente per finalità turistiche e ricreative, la collocazione di ombrelloni e sdraio, linstallazione di strutture precarie e stagionali per i servizi di supporto alla balneazione, la vendita e somministrazione di bevande ed alimenti (in funzione delle autorizzazioni e dei requisiti igienico-sanitari posseduti) e per lo svolgimento di attività sportive, ricreative e di animazione, nei limiti e secondo le modalità stabilite dalla legislazione vigente in materia. 7.2. Le strutture di cui al comma precedente devono essere commisurate alle funzioni da svolgere ed essere costruite con lutilizzo di materiali ecocompatibili (legno, canne, tessuti, ferro e/o acciaio - solo per elementi strutturali o decorativi - ecc.) assemblati a secco, sulla base di progetti dettagliati che ne garantiscano lassoluta reversibilità e, con essa, la salvaguardia dei luoghi. E vietata nellallestimento delle strutture, lutilizzazione di materiali di scarto o, comunque, inidonei ed indecorosi. 7.3 Le strutture di cui al presente Regolamento sono finalizzate a soddisfare esigenze meramente temporanee (stagione balneare convenzionalmente fissata dal 1 Giugno al 30 settembre) e non devono comportare alcuna modifica permanente dello stato dei luoghi. 7.4. Per la realizzazione di tali strutture è necessario richiedere ed ottenere il rilascio di tutti i pareri ed i permessi allo scopo occorrenti allegando la documentazione tecnico amministrativa prevista dalla disposizioni normative e regolamentari vigenti in materia. Articolo 8 Vigilanza e Sanzioni 8.1. Le attività di vigilanza e controllo sono ordinariamente svolte da tutte le Forze di Polizia operanti sul territorio comunale, nonché dagli Uffici Tecnico Amministrativi del Comune a tanto preposti. 8.2. Il Corpo di Polizia Municipale verifica che, durante le fasi di montaggio, esercizio e rimozione degli stabilimenti balneari, vengano effettivamente rispettate le norme del presente Regolamento nonché le eventuali specifiche prescrizioni impartite, anche da Enti terzi, con il rilascio dei titoli abilitativi. A tal fine, il Responsabile del Settore Urbanistica trasmette al predetto Corpo di Polizia tutti gli atti ed i progetti comunque riguardanti la realizzazione delle strutture in argomento. 7ATTENZIONE! Questo documento è una semplice BOZZA diffusa perscopi puramente illustrativi e didattici. Non è pertanto garantita la completezza né laconformità del testo qui riprodotto all’originale.
  8. 8. Il Blog di Raffaele Greco - www.raffaelegreco.it 8.3. Fatta salva lapplicazione delle più gravi sanzioni derivanti dallinosservanza delle norme edilizie, urbanistiche, paesaggistiche ed ambientali stabilite dalle diverse disposizioni vigenti in materia, per le violazioni di quanto stabilito dal presente Regolamento si applicano le sanzioni stabilite dalla legislazione vigente in materia di violazioni regolamentari e quelle del codice della navigazione con particolare riferimento agli art. 1161 e 1164. Articolo 9 Norme transitorie e finali 9.1 L’adozione del presente regolamento abroga il vigente regolamento demaniale marittimo con tutte le modifiche ed integrazioni avvenute. 9.2 Il presente regolamento verrà trasmesso per conoscenza agli organi sovra comunali interessati. Centola 05/06/2012 8ATTENZIONE! Questo documento è una semplice BOZZA diffusa perscopi puramente illustrativi e didattici. Non è pertanto garantita la completezza né laconformità del testo qui riprodotto all’originale.

×