Bando incentivi Centro Storico

306 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
306
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
9
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Bando incentivi Centro Storico

  1. 1. COMUNE DI PUTIGNANO Provincia di Bari IL DIRIGENTE DELLA IIIª RIPARTIZIONE “URBANISTICA” Rende noto il seguente AVVISO PUBBLICOIl presente Avviso Pubblico prevede l’erogazione di contributi finalizzati ad incentivare la realizzazione di opere destinate a migliorare laspettoestetico delle facciate degli edifici di proprietà privata prospicienti spazi pubblici ricadenti nel centro storico del Comune di Putignano individuatonellarea perimetrata dal vigente Piano Particolareggiato di Inquadramento del Centro Storico (Approvato con Deliberazione di Giunta Regionale n.767 del 23/03/2010). Art. 1 - OGGETTO DEL BANDOSono oggetto di Bando gli interventi riguardanti la rimozione o la sostituzione, con materiali congrui e/o coerenti con il Piano Particolareggiato diInquadramento del Centro Storico, approvato con Deliberazione di Giunta Regionale del 23 marzo 2010, n. 767, delle “incongruenze edincompatibilità” così come definite dal Piano stesso. Art. 2 - PARTECIPAZIONE AL BANDOPossono presentare domanda di accesso ai finanziamenti tutti i cittadini che, avendone titolo, facciano istanza di intervento per il recupero degliedifici. Art. 3 - CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONEL’ammissibilità delle istanze per l’ottenimento dei finanziamenti sarà definita dopo la verifica della validità degli interventi secondo le finalità delPiano Particolareggiato di Inquadramento del Centro Storico, approvato con Deliberazione di Giunta Regionale del 23 marzo 2010, n. 767. Tale verificariguarderà:- la legittimità della preesistenza dell’elemento costituente “incongruenza o incompatibilità” o documentazione certa che riconduca la realizzazione dell’elemento incongruente ad epoca in cui non era necessario dotarsi di titolo abilitativo;- la presentazione di istanza di ottenimento di titolo abilitativo (Comunicazione d’Inizio Lavori -C.I.L.-, Segnalazione Certificata d’Inizio Attività -S.C.I.A.- o Permesso di Costruire) completa della documentazione tecnica richiesta (relazione riguardante i materiali e le tecniche, particolari di dettaglio e rispetto delle Norme di Attuazione del citato Piano, ecc.);- la conformità degli interventi nel rispetto delle modalità e dei tempi di esecuzione stabiliti dal Bando;- il possesso, da parte del richiedente, di un reddito I.S.E.E. non superiore a 16.000 Euro; Art. 4 - CATEGORIE D’INTERVENTOIl recupero degli edifici può essere attuato mediante interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, restauro e risanamento conservativo in cuiva fatta specifica menzione delle opere volte al ripristino degli elementi incongrui o incompatibili che, in particolare riguarderanno: prospetti efiniture esterne (per il presente bando esclusivamente rivolto alla sostituzione dei portoni incongrui delle abitazioni private con portoni in legno). Art. 5 - MODALITA’ DI FINANZIAMENTOL’accesso al finanziamento è subordinato alla presentazione di regolare titolo abilitativo (C.I.L., S.C.I.A. e Permesso di Costruire), secondo le modalitàindicate dalla normativa urbanistica vigente e nel rispetto dell’art. 12 delle Norme di Attuazione del Piano Particolareggiato di Inquadramento delCentro Storico. In ogni caso il finanziamento sarà erogato, secondo la disponibilità degli stanziamenti, fino ad esaurimento del fondo. Art. 6 - PARAMETRI DI INSERIMENTO IN GRADUATORIAIl criterio generale per l’assegnazione dei contributi per il ripristino delle incongruenze è stabilito secondo l’ordine cronologico di presentazione delledomande, salvo comunque la verifica degli elementi di cui all’art. 3. Art. 7 - CONTRIBUTO MINIMO DI FINANZIAMENTOIl contributo minimo di finanziamento per ogni singolo intervento è stabilito per la validità del presente Bando in una somma pari al 40% della spesanecessaria all’esecuzione dell’intervento strettamente riguardante gli elementi incongruenti, previa presentazione di idoneo preventivo, fino ad unmassimo di € 1.000 (mille Euro). Art. 8 - DURATA DELLA GRADUATORIALa graduatoria derivante dall’applicazione dell’art. 6 avrà validità triennale, al fine di prevedere lo scorrimento della stessa e la conseguenteerogazione di ulteriori contributi per ciascun intervento, in caso di eventuale rifinanziamento annuo del fondo. Art. 9 - TERMINI DI EROGAZIONE DEL FINANZIAMENTOI finanziamenti per ciascun intervento saranno erogati, previa verifica delle condizioni di partecipazione di cui all’art. 3 e in applicazione dei parametridi precedenza di cui all’art. 6, nei 60 gg. successivi all’accertata conclusione dei lavori e previa presentazione di fattura. Art. 10 - MODALITA’ DI PRESENTAZIONE DELL’ISTANZALa domanda di ammissione all’assegnazione dei contributi, da redigere su apposito modello predisposto dall’ A.C., dovrà essere depositata in duplicecopia al Protocollo Generale del Comune di Putignano (Via Roma n. 8, 70017), unitamente alla documentazione tecnica richiesta all’art. 3. Art. 11 - TERMINE DI ESECUZIONE DEI LAVORIIn relazione alle caratteristiche temporali del Bando la conclusione valida di fine lavori per l’ammissione ai contributi è fissata entro il termine divalidità dello specifico titolo abilitativo ottenuto, fatti salvi i casi in cui detto termine sia eventualmente prorogato per cause di forza maggioredocumentate.Putignano, 05 FEBBRAIO 2011 Il Dirigente della IIIª Ripartizione “Urbanistica” (Dott. Ing. Mario CAPPIELLO)

×