Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Alessandra Chiarini Scienze Criminologiche 1

1,048 views

Published on

FORME DI AIUTO A UN MICROSISTEMA A RISCHIO. Approccio psicologico di gruppo per canalizzare l’aggressività e non agirla.

- Aggressività
- Arteterapia in Gruppo
- Gruppoterapia
- Psicodramma
- Complessità del Disturbo Borderline di Personalità

  • Be the first to comment

Alessandra Chiarini Scienze Criminologiche 1

  1. 1. FORME DI AIUTO A UN MICROSISTEMA A RISCHIO Approccio psicologico di gruppo per canalizzare l’aggressivita’ e non agirla. Dott.ssa Alessandra Chiarini Scienze Criminologiche , anno 2006-2007 www.psicologoabologna.org
  2. 2. LETTERATURA 1- AGGRESSIVITA’ Costrutto bio-psico-sociale complesso <ul><ul><ul><ul><ul><li>Aspetto biologico innato </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>Istinto di sopravvivenza naturale e sano </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>Repressione socio-culturale-familiare della rabbia (già nella relazione madre –figlio) </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>Paura per l’incolumità(minaccia) </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>Paura diviene angoscia irrazionale e paranoica talvolta proiettata sull’Altro Persecutorio ( psicopatologia) </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>Rischio di OMICIDIO su base di possibili deliri persecutori </li></ul></ul></ul></ul></ul>1 tipo reazione: Aggressiv diretta= discontrollo impulsi 2 tipo reazione: Esplosioni aggressiv anche senza stimolo adeguato Aggressiv passiva, repressa = istinto inaccet (scatena angoscia) Esplosioni di rabbia talvolta pericolose e senza stimoli adeguati Aggressivita’= minaccia
  3. 3. RICERCA SPERIMENTALE <ul><li>IPOTESI : </li></ul><ul><li>il gruppo è in grado di contenere e accogliere l’impulsività di pazienti borderline per verbalizzarla,condividerla,accettarla e successivamente elaborarla anche attraverso l’ arteterapia . </li></ul><ul><li>OBIETTIVO: </li></ul><ul><li>il gruppo deve diventare lo spazio comune e individuale di esperienze,emozioni,vissuti per trovare in esso parti di sé e per oggettivare e proiettare sul foglio il sé inespresso, temuto e </li></ul><ul><li>non mentalizzato. </li></ul><ul><li>CAMPIONE: </li></ul><ul><li>pazienti psichiatrici, seguiti in un setting privato,meno legato alla crisi e più propenso a un sostegno costruttivo per soggetti con DBP che presentano compromissione del controllo degli impulsi. </li></ul>
  4. 4. <ul><li>1.SETTING ACCOGLIENTE </li></ul><ul><li>2.SPAZIO E LIBERTA’ DI MATERIALI E TECNICHE </li></ul><ul><li>3. TEMI PER ATTIVARE MECCANISMI PROIETTIVI </li></ul><ul><li>4. COMUNICAZIONE NON VERBALE PIU’ EFFICACE, DIRETTA E NON SIMULAZIONI E CONTROLLI RAZIONALI E DIFESE </li></ul><ul><li>5. COINVOLGIMENTO DEL CORPO, DELLE PERCEZIONI E DELLE EMOZIONI </li></ul><ul><li>6. UN AGITO COSTRUTTIVO E NON DISTRUTTIVO, MA COMUNICATIVO </li></ul><ul><li>7. POSSIBILITA’ DI COGLIERE GLI IMPULSI E ACCETTARLI </li></ul><ul><li>8. PRESA DI COSCIENZA MAG DI SE’ CON SOFFERENZA, IRONIA </li></ul><ul><li>9. CONDIVISIONE,RISPECCHIAMENTO E CONFRONTO IN GRUPPO </li></ul><ul><li>10. VALIDO NEL QUI E ORA DEL CONTESTO DI SOSTEGNO TERAPEUTICO </li></ul>2- ARTETERAPIA IN GRUPPO
  5. 5. 3- GRUPPOTERAPIA <ul><ul><ul><ul><ul><li>LEWIN : gruppo= sistema totale che trascende la semplice somma delle parti. </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>Spazio vitale= situazione psicologica di una persona o di un gruppo costituita da eventi interdipendenti rilevanti. </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>FOULKES : matrice di gruppo= gruppo come madre che nutre,simbolica trama comunicativa e relazionale. </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>BATESON : gruppo= matrice di significati e di relazioni con sensi attribuiti e condivisi per lo scambio </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>GESTALT : leggi percettive per la ricerca di una buona forma globale e sintetica. </li></ul></ul></ul></ul></ul>
  6. 6. 4- PSICODRAMMA <ul><ul><ul><ul><ul><li>1-CENTRALITA’ DELL’AZIONE: l’esserci ma senza movimento, come precursore del cambiamento,della relazione e dell’apprendimento. </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>2- SPONTANEITA’/CREATIVITA’ E CONTROLLO </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>3- TELE come empatia reciproca </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>4- RUOLI :psicodrammatici e sociali con rappresentazioni sceniche fittizie con emozioni vere. </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>5- ROLE PLAYING come tecnica formativa per sostener i ruoli più adeguatamente e per favorire catarsi e insight. </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>6- INVERSIONE DI RUOLO :l’incontro autentico con l’altro con autoconsapevolezza emergente dal decentramento percettivo . </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>7- IL DOPPIO : funzione materna per dare voce ai bisogni e ai sentimenti del soggetto . </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>8- PSICODRAMMA OLISTICO con espressioni creative,disegni automatici,danza,musica,maschere come archetipi per una trasformazione ancora più profonda . </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>9- CATARSI come liberazione, espressione di sé si manifesta nella distanza estetica dell’arteterapia (sentire intelligente e comprendere sentimentalmente con la giusto equilibrio cognitivo ed affettivo) </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>10- MANDALA di Jung come archetipo di ordine,integrazione, del Sé, della completezza </li></ul></ul></ul></ul></ul>
  7. 7. 5- COMPLESSITA’ DEL DBP (DISTURBO BORDERLINE DI PERSONALITA’) RELAZ INTENSE E INSTABILI TRA IDEALIZ E SVALUTAZ NO IDENTITA’ ’ STABILI E VISIONE ESTREMADI SE’ DIFFUS IDENTITA ’ IMPULSIVITA’ DISTRUTTIVA INSTABILITA’ DI UMORE TRA RABBIA IMMOTIV E INCONTROL VUOTO -DISSOC,ASSENZA IDENTITA ’ DEPRESSIONE ANGOSC IA ABBANDONO E PERDITA DIPENDENZA ANACLITICA SOSPETTOSITA’ PARANOICA PER INFANZIA OSTILE E MINACCIOSA DIFESA PRIMITIVA DI SCISSIONE E PROIEZIONE DELL’AGGRESSIVITA’ Confusione SCHEMI MENTALI DEL DPB (BECK) 1- mondo è pericoloso e cattivo 2- il sog si sente impotente e vulnerabile 3- il sog si ritiene inaccettabile CONCAUSE: 1- biologiche-discontrollo impulsi- 2- attaccamento disorganiz -no sintonia tra cura ed emozione materna assoc per cui bimbo non ha base sicura- 3- trauma infantile
  8. 8. MATERIALI E METODI <ul><li>COLLOQUIO DI GRUPPO: gruppo è una mente collettiva sistemica complessa in cui le relazioni tra i membri sono attivate dalle loro differenze che producono trasformazioni accrescitive. </li></ul><ul><li>FATTORI SPECIFICI TERAPEUTICI: </li></ul><ul><li>- socializzazione con tolleranza e accettazione </li></ul><ul><li>reciproca con libera espressione. </li></ul><ul><li>- fenomeno dello specchio con uscita dall’ isolamento psicopatologico giungendo a una immagine di sé di tipo sociale,psicologico e corporeo più vicina alla realtà. </li></ul><ul><li>- fenomeno della catena con dialogo fluttuante </li></ul>MATERIALI METODI 1- COLLOQUIO DI GRUPPO : GRUPPO COME MENTE COLLETTIVA SISTEMICA (Bateson) COMPLESSA IN CUI LE RELAZIONI TRA I MEMBRI SONO ATTIVATE DALLE LORO DIFFERENZE CHE PRODUCONO TRASFORMAZIONI ACCRESCITIVE 2- FATTORI SPECIFICI TERAPEUTICI : A- SOCIALIZZAZZIONE CON TOLLERANZA E ACCETTAZIONE RECIPROCA E LIBERA ESPRESSIONE B- FENOMENO DELLO SPECCHIO E USCITA DALL’ISOLAMENTO PATOLOGICO C- MAGGIOR CRITICA E SENSO DI REALTA’ 3- TEST: STRUMENTI DI SUPPORTO E MONITORAGGIO INDIVIDUALI PER COMPREN DERE MEGLIO: a) LA STRUTTUTA DI PERSONALITA’ DEI SOGGETTI, b) LA SINDROME PSICOPATOLOGICA c) I LIMITI E LE RISORSE DA UTILIZZARE
  9. 9. 1- TEST F.E. MISURAZIONE DELLA FRAGILITA’ EMOTIVA <ul><li>QUESTIONARIO F.E .: sottoposto prima dell’ inserimento in gruppo, misura il grado e la qualità della fragilità emotiva. Caprara nel ’91 lo creò fondendo due sottoscale: </li></ul><ul><li>suscettibilità emotiva (’83) che misura la propensione alla difesa, al disagio, inadeguatezza vulnerabilità in situazioni di pericolo. </li></ul><ul><li>persecutorietà (’90) che misura vissuti di persecutorietà,oppressione in caso di pericolo reale o temuto, </li></ul><ul><li>col timore di punizioni incombenti. </li></ul><ul><li>: </li></ul>FRAGILITA’ E DISAGIO PSICOLOGICO PERSECUTORIETA ’ 74% INADEGUATEZZA ,DEPRESSIONE, VUOTO, SOLITUDINE, RABBIA,ANSIA SOCIALE INSTAB EMOTIVA, SENSO COLPA, OPPRESSIONE SUSCETTIBILITA’ 100%
  10. 10. 2-TEST DI RORSHACH “10 macchie indefinite e simmetriche”(protocollo complesso) RISULTATO COMPLESSIVIVO: 1- personalità instabili e border 2- trauma: l’angoscia abbandono 3- ricerca di sicurezza e dipendenza 4- altern repres impulsi e discontrol 5- scissione di sé,dell’altro,di emoz 6- incapacità di sintesi e identità 7- eccessivo ideale dell’Io 8- ferita narcistica incolmabile 9- bassa autostima 10- ricerca esasperata di unità, coerenza DALLA PERCEZIONE ALLA PROIEZIONE DELL’INCONSCIO PSICHICO . STRUMENTO PER LA COMPRENSIONE GLOBALE DI PERSONALITA’ RIFERIMENTI:Klopfer americano e Bohm tedesco Introvers extratensi Controllo razionale emotività Relaz con ambiente, autostima Maturità Affettiva e sessuale Maturità cognitiva -event deficit- Difese – compromesso Tra Io e impulsi Impulsi e cap. controllo Contato con la realtà -critica Eventuali disagi o psicopatologie IDENTITA ’ sé, Nucleo intra e interpersonale
  11. 11. 3- TEST SULL’IMPULSIVITA’ (BIS11) Questionario autosomministrato a scelta multipla Validità ancora americana <ul><li>CORRELAZ SIGNIFICATIVE: </li></ul><ul><li>1- AZIONI AGGRESSIVE </li></ul><ul><li>2- CONDOTTE COMPULSIVE </li></ul><ul><li>-ALCOOL ,DROGHE,BINGEATING- </li></ul><ul><li>3- ACTING OUT </li></ul><ul><li>PAZIENTI----RISCHIO ALTO PER BDP </li></ul><ul><li>1- DIFFICOLTA’ A SEGUIRE LA PIRAMIDE </li></ul><ul><li>2- CONCENTRAZIONE SU UN SOL PIANO MENTALE </li></ul><ul><li>3- ATTENZ SPESSO CARENTE </li></ul><ul><li>4- DISORGANIZZAZ O ECCES CONTROLLO </li></ul><ul><li>5- AGITI SENZA RIFLES A SCOPO AUTOTERAPEUTICO O COME MANIFESTAZ OSSESSIVA-COMPULSIVA </li></ul><ul><li>6- SHEMI DI SE’ E DEGLI ALTRI NEGATIVI </li></ul><ul><li>7- TALVOLTA ASSENZA DI CONSAPEVOLEZZA DELLE CONSEGUENZE DEI PROPRI GESTI </li></ul>controllo motorio Capacità attentiva Pianificazione e Organizzazione mentale
  12. 12. 4- TEST CDQ-misura della depressione- <ul><ul><ul><ul><ul><li>1- Ratin scale per la valutazione specifica del </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>disturbo isolandolo da altri fattori come l’ansia </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>2- la psicosi e l’alcolismo maschile ma non </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>son sovrapponibili </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>3- Coglie a livello quantitativo l’intensità del </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>vissuto depressivo,la sopportabilità </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>e/o intolleranza </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>4- Viene indicato un cut-off tra patologia </li></ul></ul></ul></ul></ul><ul><ul><ul><ul><ul><li>e disagio nella norma </li></ul></ul></ul></ul></ul>RISULTATI: 1- grave condizione depressiva esistenz 2- depres anaclitica 3- percez di totale abbandono e perdita di sé e del senso vitale 4- difficile costruzione di un Sé stabile 5- consolidamento in una organiz fragile di personalità Caratteristiche Del test e limiti : 1-Simulazione 2- aspetto nosografico 3-aspetto non fenomenologico
  13. 13. <ul><li>1- metodo proiettivo di personalità di Koch </li></ul><ul><li>2- albero = vita, forza, sicurezza, espressione di Sé </li></ul><ul><li>3- valutazione – osservazione globale (impressione di </li></ul><ul><li>armonia,insicurezza,fragilità,ecc..) </li></ul><ul><li>- analisi misure disegno,dimensione albero, </li></ul><ul><li>rapporti tra le parti </li></ul><ul><li>- tronco = sé (aspirazioni, bisogni,identità) </li></ul><ul><li>- radici =pulsioni,inconscio,sessualità,aggressività </li></ul><ul><li>- chioma = relazioni, fantasia, ideali </li></ul><ul><li>4- RISULTATI: </li></ul><ul><li>a) disegni labili sospesi indicano fragilità e scarsa percezione di identità </li></ul><ul><li>b) repressione dell’aggressività per radici sommerse o appena visibili </li></ul><ul><li>c) limiti labili con l’altro con rischio di dipendenza </li></ul><ul><li>d) diffidenza e bisogno dell’altro </li></ul><ul><li>e) difficoltà ad abbandonare un’infanzia dolorosa </li></ul>5- TEST DEL DISEGNO DELL’ALBERO
  14. 14. LABORATORI DI ARTETERAPIA IN UN GRUPPO BORDER <ul><li>Sperimenta </li></ul><ul><li>Gioca e si diverte </li></ul><ul><li>Ritrova sé nei disegni </li></ul><ul><li>CNV e creatività </li></ul><ul><li>Spensieratezza </li></ul><ul><li>Riflessione ed elabo- </li></ul><ul><li>razione finale </li></ul><ul><li>- ansia di accettaz e amore </li></ul><ul><li>- timore di abbandono </li></ul>1- SABINA L’animale è gioiosa e inconscia immagine di sé e dei limiti inaccettabili
  15. 15. 2- PAOLO <ul><li>- Scelta di materiali solidi </li></ul><ul><li>per una sicurezza interna </li></ul><ul><li>Materiali portano a difficoltà </li></ul><ul><li>di scelta </li></ul><ul><li>Espressione di un sé grandioso </li></ul><ul><li>Contemporan sé fragile e insicuro </li></ul><ul><li>Regressione infantile </li></ul><ul><li>Liberazione parziale da ossessioni </li></ul><ul><li>Difficoltà a cogliere lo scopo dell’arte </li></ul><ul><li>terapia perché lontano dalla CV da lui </li></ul><ul><li>così ben gestita </li></ul>
  16. 16. 3- MONICA C. <ul><li>- PASTELLI SEMPLICI E INFANTILI </li></ul><ul><li>-CONSAPEVOLEZZA DEI BISOGNI PRIMARI </li></ul><ul><li>CHE SONO MANCATI </li></ul><ul><li>-COLORE COME SIMBOLO DI FORZA E </li></ul><ul><li>SOFFERENZA </li></ul><ul><li>VARIETA’ GENERELE DEI MATERIALI PER </li></ul><ul><li>TROVARE NUOVE VIE DI ESPRESSIONE </li></ul><ul><li>-MOTIVAZIONE A STAR MEGLIO </li></ul><ul><li>DESIDERIO DI AFFRONTARE I PROBLEMI </li></ul><ul><li>SEMPLICITA’ E POESIA NEI SUOI LAVORI </li></ul><ul><li>GRANDE IMPEGNO NONOSTANTE I </li></ul><ul><li>FALLIMENTI DI PERCORSO </li></ul><ul><li>- ALCUNI AGITI GRAVI </li></ul>
  17. 17. 4- MONICA B. <ul><li>SENSO DI PERDITA DEI FIGLI E DI SE’ </li></ul><ul><li>PERLE COME CONTRASTO DI DOLORE E VITA </li></ul><ul><li>LABILITA’,SOSPENSIONE DELL’ESSERE </li></ul><ul><li>CONFUSIONE E TORMENTO </li></ul><ul><li>-CONSAPEVOLEZZA DEL DISAGIO </li></ul><ul><li>VARI MATERIALI ANCHE SOLIDI PER MARCARE LAFRAGILITA’ ESTREMA </li></ul><ul><li>-SCARSE ENERGIE PSICO-FISICHE REATTIVE </li></ul>
  18. 18. ATTIVITA’ DI ARTETERAPIA IN GRUPPO: TEMI <ul><li>iNCONTRI DA NOV 2006 A MARZO ’07- lavoro in progressione e tutt’ora in essere- </li></ul><ul><li>1- scelta e disegno con un solo colore del SIMBOLO che li rappresenta su un foglio e poi su un cartellone (libertà mater) </li></ul><ul><li>2- rappresentazione del bene e del male del loro 1° lavoro dando un titolo e una firma. </li></ul><ul><li>3- animale a scelta dello zoo dentro o fuori la gabbia con titolo, succes fantasia guidata sulla loro trasformaz in animale </li></ul><ul><li>4- disegnare membri del gruppo come animali e dopo scrivere il nome di una emozione che infastidisce e rappresentarla di impulso. </li></ul><ul><li>5- il vissuto di paura rispetto all’aggressività </li></ul><ul><li>6- stili manipolativi e relazioni (role-playing) in ruoli di vittima/carnefice/salvatore. </li></ul><ul><li>7- fantasia guidata del “ Lago della trasformazione ”.Altro esercizio del Lago magico per rappresentare come un bimbo creativo che sogna con creatività per stare meglio. </li></ul><ul><li>8- catarsi e angoscia dati dall’arteterapia. Fantasia dello “ Scatolone ” in cui riporre le cose più importanti del percorso in gruppo </li></ul>
  19. 19. CONSIDERAZIONI FINALI SU UN GRUPPO IN CRESCITA L’ARCOBALENO DELL’ARTETERAPIA: UNA NUOVA CONSAPEVOLEZZA PER MATURARE CON RESPONSABILITA’, MOTIVAZIONE ed EMOZIONE LIMITI E RISORSE CREATIVITA’ DIFESE PAURE O TRAUMI INFANTILI CONOSCERE EMOZIONI DI SE’ E DEGLI ALTRI SCAMBI RELAZ NO MANIPOLAZIONE CAPACITA’ CONTROLLO IMPULSI COSCIENZA ECCES O IDEALI IMPOS FRAGILITA’ DIPEND AFFETTIVA HIC ET NUNC
  20. 20. RINGRAZIAMENTI www.psicologoabologna.org Il mio gruppo : - Monica B., - Monica C., - Paolo, - Sabina. Il mio supervisore : - Dott. P.V. Bandieri La mia correlatrice : - Dott.ssa R. Frisòn
  21. 21. <ul><li>Dott.ssa Alessandra Chiarini </li></ul>www.psicologoabologna.org

×