Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

ISO 9001:2015 - Le novità introdotte

È arrivata la nuova versione della Norma ISO 9001. Cosa comporta per le aziende? Quali le integrazioni da compiere?
Grazie a questa presentazione, potrai conoscere tutte le novità sulla norma e rispondere alle mille domande che ti sei fatto, ragionando per tempo su eventuali azioni di modifica o di miglioramento che interesseranno la tua azienda.

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all
  • Be the first to comment

ISO 9001:2015 - Le novità introdotte

  1. 1. Iso 9001:2015 Le novita’ 25-02-2016workshop
  2. 2. STRUTTURA NORMA - hlS Supporto e attività operative 7-8 Valutazione prestazioni 9 Pianificazione 6 Leadership 5 Miglioramento 10 Contesto interno ed esterno 4.1 Esigenze Aspettative Parti interessate 4.2 PLAN ACTION CHECK DO RISULTATI REQUISITI DELCLIENTE
  3. 3. Supporto e attività operative 7-8 Valutazione prestazioni 9 Pianificazione 6 Leadership 5 Miglioramento 10 Contesto interno ed esterno 4.1 Esigenze Aspettative Parti interessate 4.2 PLAN ACTION CHECK DO RISULTATI REQUISITI DELCLIENTE Contesto dell’organizzazione
  4. 4. Monitoraggio e Analisi del contesto INTERNO (impresa) ed ESTERNO (cliente/mercato) dell’impresa e delle parti interessate Cliente/Mercato Tecnologia Contesto legislativo Fornitori Clienti OUTsideINside Valori Risorse umane Infrastruttura Conoscenza Prodotto/Servizio Contesto dell’organizzazione
  5. 5. ASPETTATIVE PARTI INTERESSATE Parti interessate o stakeholder sono tutti coloro che hanno un interesse nei confronti dell’azienda
  6. 6. CONTESTO INTERNO MATERIALI FONTI DI INPUT INPUT ATTIVITÀ OUTPUT DETINATARI DEGLI OUTPUT APPROCCIO PER PROCESSI
  7. 7. CONTESTO INTERNO MATERIALI FONTI DI INPUT INPUT ATTIVITÀ OUTPUT DETINATARI DEGLI OUTPUT APPROCCIO PER PROCESSI
  8. 8. Contesto interno ed esterno POSITIVO NEGATIVO ESTERNOINTERNO PUNTI DI FORZA Strenghts PUNTI DI DEBOLEZZA Weaknesses OPPORTUNITÀ Opportunities MINACCE Threats SWOT
  9. 9. leadership Supporto e attività operative 7-8 Valutazione prestazioni 9 Pianificazione 6 Leadership 5 Miglioramento 10 Contesto interno ed esterno 4.1 Esigenze Aspettative Parti interessate 4.2 PLAN ACTION CHECK DO RISULTATI REQUISITI DELCLIENTE
  10. 10. Alta Direzione Gestione diretta Sistema Qualità: coincidenza tra obt Qualità e obt Strategici leadership Leadership per garantire la soddisfazione del Cliente Politica per la Qualità coerente con gli indirizzi strategici
  11. 11. pianificazione Supporto e attività operative 7-8 Valutazione prestazioni 9 Pianificazione 6 Leadership 5 Miglioramento 10 Contesto interno ed esterno 4.1 Esigenze Aspettative Parti interessate 4.2 PLAN ACTION CHECK DO RISULTATI REQUISITI DELCLIENTE
  12. 12. AZIONI PER AFFRONTARE I RISCHI Pianificare azioni per affrontare RISCHI E OPPORTUNITÀ Valutare l’efficacia di tali azioni Definire modalità per integrarle nei processi
  13. 13. AZIONI PER AFFRONTARE I RISCHI Le AZIONI per AFFRONTARE i rischi possono comprendere: • evitare il rischio • assumere il rischio per perseguire un’opportunità • eliminare la sorgente di rischio • modificare la probabilità o le conseguenze • condividere il rischio • mitigare il rischio • mantenere il rischio sulla base di una decisione informata
  14. 14. ANALISI DEI RISCHI SIGNIFICATIVO AZIONE URGENTE MEDIO AZIONE RICHIESTA MINIMO MONITORAGGIO TRASCURABILE CONTROLLO
  15. 15. Come calcolo il rischio di un processo e quali azioni metto in atto per prevenirlo: Un ESEMPIO PROCESSO: Erogazione servizio INPUT: Firma contratto, attivazione servizio OUTPUT: Servizio Erogato OBIETTIVO: Erogare il servizio nei tempi e modi stabiliti INDICATORE: % commesse interrotte rispetto a quelle attivate SISTEMA DI MONITORAGGIO: Verifica soddisfazione del cliente, controllo reddittività, rispetto dei tempi stabiliti in pianificazione RISCHIO DI PROCESSO: Erogazione del servizio in tempi e modi diversi da quelli stabiliti con il cliente e quindi di non soddisfare le aspettative del cliente VALUTAZIONE DEL RISCHIO (PxD): 1x4= 4 caso MEDIO  Azione Richiesta VALUTAZIONE SISTEMA DI MONITORAGGIO: Non applicata la verifica di soddisfazione del cliente AZIONE DI MIGLIORAMENTO: Da applicare l’analisi soddisfazione del cliente prevista tra i sistemi di monitoraggio ANALISI DEI RISCHI: un esempio
  16. 16. SUPPORTO E ATTIVITA OPERATIVE Supporto e attività operative 7-8 Valutazione prestazioni 9 Pianificazione 6 Leadership 5 Miglioramento 10 Contesto interno ed esterno 4.1 Esigenze Aspettative Parti interessate 4.2 PLAN ACTION CHECK DO RISULTATI REQUISITI DELCLIENTE
  17. 17. SUPPORTO E ATTIVITA OPERATIVE I PROCESSI IN LINEA CON LA NUOVA NORMA ISO 9001:2015 PROCESSI DI LEADERSHIP E PIANIFICAZIONE DEFINIZIONE ARCHITETTURA ORGANIZZATIVA PIANIFICAZIONE STRATEGICA RISK MANAGEMENT PROCESSI OPERATIVI PROCESSO DI MARKETING PROCESSO DI VENDITA PROCESSI DI SUPPORTO GESTIONE RISORSE UMANE GESTIONE E CONDIVISIONE DI INFORMAZIONI E CONOSCENZA GESTIONE MANUTENZIONE GESTIONE STRUMENTI DI MISURA GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE INFORMATICHE PROCESSI DI VALUTAZIONE DELLE PRESTAZIONI E MIGLIORAMENTO GESTIONE NON CONFORMITA’ E AZIONI CORRETTIVE PERFORMANCE MANAGEMENT GESTIONE AUDIT GESTIONE ACQUISITI E VALUTAZIONE FORNITORI PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE CONTROLLO DEL PROCESSO CONTROLLO DEL PRODOTTO LOGISITCA GESTIONE ASSISTENZA E/O POST-VENDITA PROCESSO DI PROGETTAZIONE E SVILUPPO
  18. 18. SCHEMA MACRO FLOW CHART INFORMAZIONE DOCUMENTATA
  19. 19. Supporto e attività operative 7-8 Valutazione prestazioni 9 Pianificazione 6 Leadership 5 Miglioramento 10 Contesto interno ed esterno 4.1 Esigenze Aspettative Parti interessate 4.2 PLAN ACTION CHECK DO RISULTATI REQUISITI DELCLIENTE VALUTAZIONE PRESTAZIONI
  20. 20. valutazione prestazioni CRUSCOTTO INDICATORI AUDIT RISAME DELLA DIREZIONE Individuazione Rischi Azioni di miglioramento
  21. 21. Supporto e attività operative 7-8 Valutazione prestazioni 9 Pianificazione 6 Leadership 5 Miglioramento 10 Contesto interno ed esterno 4.1 Esigenze Aspettative Parti interessate 4.2 PLAN ACTION CHECK DO RISULTATI REQUISITI DELCLIENTE MIGLIORAMENTO
  22. 22. Perché è successo Non conformita Non Conformità Analisi cause Azioni Correttive Che cosa è successo Cosa fare per evitare il ripetersi DiagrammadiIshikawa
  23. 23. KAIZEN KAI=cambiare ZEN=in meglio Miglioramento continuo fatto a piccoli passi con coinvolgimento di tutti i collaboratori MIGLIORAMENTO CONTINUO
  24. 24. Le parole del cambiamento Contesto e Parti interessate Leadership Risk Based Thinking Informazione documentata
  25. 25. TEMPISTICHE DI ADEGUAMENTO A settembre 2015 inizia periodo di transizione di 3 anni fino a Settembre 2018 (scadenza finale). Certificazioni sulla ISO 9001:2008 non saranno più valide dopo Settembre 2018. Tutte le aziende dovranno essersi adeguate 2018201720162015 Settembre 2015 Pubblicazione International Standard Tutte le nuove certificazioni dovranno essere conformi al nuovo std
  26. 26. Iso 9001:2015 Le novita’ 25-02-2016workshop

    Be the first to comment

    Login to see the comments

  • AdalbertoMosca

    Mar. 22, 2016
  • DavideMereu

    Apr. 11, 2016

È arrivata la nuova versione della Norma ISO 9001. Cosa comporta per le aziende? Quali le integrazioni da compiere? Grazie a questa presentazione, potrai conoscere tutte le novità sulla norma e rispondere alle mille domande che ti sei fatto, ragionando per tempo su eventuali azioni di modifica o di miglioramento che interesseranno la tua azienda.

Views

Total views

2,322

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

18

Actions

Downloads

100

Shares

0

Comments

0

Likes

2

×