Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Facebook Marketing per Freelance | Qualche proposta strategica!

290 views

Published on

Il 23 e il 24 settembre a Marina di Romea ho presentato uno speech dedicato a un uso strategico di Facebook per i freelance.
Se vuoi seguire il live lo trovi a questo url:

https://www.youtube.com/watch?v=OOP4-cYsH9A&t

Published in: Social Media
  • D0WNL0AD FULL ▶ ▶ ▶ ▶ http://1lite.top/gzqtrP ◀ ◀ ◀ ◀
       Reply 
    Are you sure you want to  Yes  No
    Your message goes here

Facebook Marketing per Freelance | Qualche proposta strategica!

  1. 1. Facebook Marketing noiza.com
  2. 2. ENRICO MARCHETTO enrico@noiza.com linkedin.com/in/enricomarchetto noiza.com
  3. 3. Secondo gli ultimi dati del Ministero della Sanità, la malattia più diffusa in Italia è:
  4. 4. La seconda malattia più diffusa è:
  5. 5. L’EGO SU FACEBOOK
  6. 6. L’ego parla sempre in prima persona “io io io”
  7. 7. Cosa scrivo. Cosa posto. Cosa faccio. Uso la Fan Page o il profilo privato? Quanti commenti ho? Quanti like ho? Lavoro in organico o faccio advertising?
  8. 8. L’EGO non ha mai un problema. L’EGO è sempre vittima di un problema! d
  9. 9. Facebook mi obbliga a pagare. Facebook ha ridotto la mia visibilità. Facebook mi ha fatto buttare via 10 euro di inserzione. Facebook è uno STRONZO.
  10. 10. L’EGO non ammette gli altri. d
  11. 11. Guarda sto qui è il peggiore e la gente lo commenta. No, vabbè adesso vado lì e gli scrivo che è un cretino. Vi odio tutti. d
  12. 12. La mia rosicata del 31 agosto
  13. 13. Se volete lavorare su Facebook, uccidete l’EGO. Tutto quello che conta sono GLI ALTRI. d
  14. 14. Gli altri sono molto più bravi di voi. Liberate i vostri feed dalle cazzate di quelli meno bravi e fate spazio a quelli bravi. d
  15. 15. Nei GRUPPI. Ascoltate, non lurkate e basta, scrivete, condividete, siate membri attivi dei vostri gruppi. Così aumenta la vostra SOCIAL PROOF. d
  16. 16. Nei profili privati e nelle Fan Page. Imparate dai migliori. Copiate da migliori. Guardate cosa fanno ogni giorno su Facebook, studiate il loro tone of voice, provate a intravedere le loro strategie. Anche se li odiate. d
  17. 17. Gli altri spesso sono il vostro target. E su Facebook il vostro target non viene a casa vostra. Siete voi a bussare a casa loro. d
  18. 18. Quindi profilo privato o fanpage? Lo decideranno gli altri. d
  19. 19. Limite 5.000 amici. Ma attenzione. Ho parlato di amici quindi di un pubblico che mixa amici della vita reale, amici della rete, clienti, amici del rugby femminile, potenziali clienti. Morale: un casino e, spesso, un casino autoriferito. PROFILO PRIVATO
  20. 20. Un esempio?
  21. 21. L’ex sindaco di Trieste. Sul suo profilo privato lo amavano tutti. Ovvio, sono principalmente amici.
  22. 22. Sulla sua fan page no.
  23. 23. PROFILO PRIVATO ➟ ZERO ANALITICHE
  24. 24. PROFILO PRIVATO ➟ ZERO ANALITICHE ➟ ZERO ADVERTISING
  25. 25. PROFILO PRIVATO VANTAGGI ➟ VISIBILITÀ MAGGIORE ➟ POSSIBILITÀ DI ESSERE SEGUITI.* *Un po’ come fa Selvaggia Lucarelli.
  26. 26. Quindi è meglio una FAN PAGE?
  27. 27. Sì, a patto che.
  28. 28. La facciate crescere. Ma una campagna di acquisizione like NON è una soluzione.
  29. 29. Sappiate che lavorare in organico è molto complesso: 1) In primis perché avete la tendenza a scrivere cose di cui non frega niente a nessuno 2) Perché Facebook ha delle regole ben precise che dovete conoscere
  30. 30. Chiediamo consiglio a Carlotta Cabiati
  31. 31. Il link a un video di YouTube performa 10-15 volte meno di un video postato direttamente su Facebook.
  32. 32. Facebook ha un rank di contenuto. Alcuni performano bene. Altri performano male. Quello che performa peggio è questo:
  33. 33. Ma ha senso lavorare solo in organico per un freelance?
  34. 34. La domanda è posta in modo poco corretto. La domanda giusta è
  35. 35. “Ha senso per un freelance lavorare su Facebook?”
  36. 36. Se io fossi Carlotta Cabiati cosa farei?
  37. 37. Proverei a capire cos’è Facebook. E scoprirei che non è Google.
  38. 38. Mi domanderei: i miei clienti sono su Facebook? Che caratteristiche hanno? Che cosa mi domandano più frequentemente?
  39. 39. Lavorate su un PIANO EDITORIALE adeguato alle loro aspettative.
  40. 40. Il piano editoriale: 1) Contenuti relativi alle scadenze 2) Una diretta Facebook di domande e risposte 3) Link al blog 4) Awareness pura con la mia presenza a convegni, eventi, appuntamenti
  41. 41. LA PUBBLICITÀ SU FACEBOOK Facebook è una macchina da guerra, se sai come usarla! Proviamo così ➝ ➝ ➝
  42. 42. Carlotta Cabiati ha scritto un libro
  43. 43. Carlotta può usare la pubblicità di Facebook per proporre un capitolo gratuito del libro, in cambio della mail.
  44. 44. Di chi saranno mai quelle mail? Cosa ce ne faremo?
  45. 45. LEAD ADS
  46. 46. Carlotta può usare la pubblicità di Facebook per spostare le persone da Facebook al suo sito web, magari leggendo un articolo dedicato alle scadenze IVA.
  47. 47. Cosa c’è sul sito web?
  48. 48. Cosa c’è sul sito web? Il pixel!
  49. 49. Se traccio un pubblico o ne raccolgo i dati, cosa posso fare?
  50. 50. Beh posso proporre l’acquisto del libro oppure un primo appuntamento.
  51. 51. Morale?
  52. 52. O sai rispondere alla domanda “perché dovrei essere su Facebook?” O qualsiasi altra domanda è inutile.
  53. 53. noiza.com facebook.com/wearenoiza linkedin.com/company/noiza

×