Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
CONVERTITORI D/ACONVERTITORI D/A
Pasquale Alba
2
I convertitori D/A
Prerequisiti
● conoscenza della legge di Ohm
● conoscenza dei componenti elettronici elementari (alme...
3
I convertitori D/A
Dove sono usati i convertitori D/A
● compact disc player
● telefoni cellulari
● riproduttori digitali...
4
I convertitori D/A
A cosa serve un convertitore D/A?
● Serve a tradurre una serie di simboli numerici
(segnale discreto ...
5
I convertitori D/A
● Il convertitore D/A effettua l’operazione reciproca del
convertitore A/D (analogico-digitale) che s...
6
I convertitori D/A
Caratteristiche principali di un D/A
● Ingresso seriale o parallelo
● Uscita in tensione o in corrent...
7
I convertitori D/A
Principali tipi di convertitori D/A
● DA con resistori a potenze di 2
● DA a rete R-2R
● DA ad 1 bit ...
8
I convertitori D/A
Simbolo grafico del D/A
9
I convertitori D/A
D/A con resistori a potenze di 2 (binary-weighted)
Esempio a 4 bit
10
I convertitori D/A
D/A con resistori a potenze di 2 (binary-weighted)
Gli ingressi binari sono simulati da switch b0-b3...
11
I convertitori D/A
D/A con resistori a potenze di 2 (binary-weighted)
Grafico che mostra tutti i possibili valori di us...
12
I convertitori D/A
D/A con resistori R-2R
b3 è il bit più significativo (msb). b0 il bit meno significativo (lsb)
Sia b...
13
I convertitori D/A
D/A con resistori R-2R
Resistore equivalente di Thevenin:
RRTHTH = (((2R || 2R) + R) || 2R) + R) || ...
14
I convertitori D/A
D/A con resistori R-2R
L’ingresso – è una massa virtuale quindi la corrente attraverso RTH
è
nulla. ...
15
I convertitori D/A
D/A con resistori R-2R
VANTAGGI:
basta avere un solo valore di resistore e utilizzarlo più volte sin...
16
I convertitori D/A
D/A a 16 bit: Philips TDA1541
Mitico D/A Philips: il primo a 16 bit.
Correva l’anno 1985.
Rappresent...
17
I convertitori D/A
Difetti tipici di un D/A multibit
Glitch
Distorsione zero-crossing o crossover
18
I convertitori D/A
Difetti tipici di un D/A multibit
DNL: differential non linearity
19
I convertitori D/A
Difetti tipici di un D/A multibit
DNL: differential non linearity
20
I convertitori D/A
Difetti tipici di un D/A multibit TUE: total unadjusted error
21
I convertitori D/A
Difetti tipici di un D/A multibit
●Offset error
●Full scale error
●Gain error
●Integral non linearit...
22
I convertitori D/A
D/A Sigma-Delta ΣΔ
È un metodo per tradurre segnali ad alta risoluzione in segnali a bassa risoluzio...
23
I convertitori D/A
D/A Sigma-Delta ΣΔ
Confronto tra
modulazione codificata di
impulsi (PCM) sopra
e
modulazione a densi...
24
I convertitori D/A
D/A Sigma-Delta ΣΔ
Il segnale digitale è un treno di impulsi in cui ogni impulso “1” ha
un’ampiezza ...
25
I convertitori D/A
Approfondimento: A/D Sigma-Delta ΣΔ
L'intervallo tra gli impulsi è proporzionale all'inverso della m...
26
I convertitori D/A
D/A Sigma-Delta ΣΔ
VANTAGGI:
Il circuito in sé è molto semplice, economico e occupa poco spazio.
Non...
27
I convertitori D/A
D/A Sigma-Delta ΣΔ
28
I convertitori D/A
D/A con PWM e filtro pb
Molto usata nei microcontrollori (MCU) e nei servo-PWM in quanto
l’uscita PW...
29
I convertitori D/A
D/A con PWM e filtro pb
E’ un sistema rudimentale ma semplice e sufficiente per molte
applicazioni.
30
I convertitori D/A
Applicazione dei D/A all’illuminazione LED RGB
31
I convertitori D/A
Applicazione video dei D/A
32
I convertitori D/A
Interdisciplinarietà
La conversione D/A così come la conversione A/D è una tematica
cerniera tra due...
33
I convertitori D/A
Glossario Inglese essenziale sui D/A
DAC: Digital to analog converter
Sampling: campionamento
Sample...
34
I convertitori D/A
Caccia all’errore
35
I convertitori D/A
Digitale vs Analogico
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Convertitori Digitale-Analogico

346 views

Published on

DAC ADC Descrizione e Rassegna di diverse tipologie di Convertitore Digitale Analogico

Published in: Education
  • Be the first to comment

Convertitori Digitale-Analogico

  1. 1. CONVERTITORI D/ACONVERTITORI D/A Pasquale Alba
  2. 2. 2 I convertitori D/A Prerequisiti ● conoscenza della legge di Ohm ● conoscenza dei componenti elettronici elementari (almeno resistori) ● conoscenze di base sui segnali digitali e analogici ● conoscenza di base degli amplificatori operazionali Obiettivi formativi specifici, conoscenze e abilità ● possedere una panoramica delle metodologie di conversione da segnali digitali ad analogici e dei loro principi di funzionamento ● focalizzare pregi/difetti costi/benefici di ogni metodo ● conoscenza dei principali parametri essenziali o critici ● usare lessico e terminologia dei D/A anche in lingua inglese Riferimenti: D.P.R. 15 marzo 2010 n.88 art8 c3 Direttiva Min. n.4 del 16/1/2012 Min. F.Profumo
  3. 3. 3 I convertitori D/A Dove sono usati i convertitori D/A ● compact disc player ● telefoni cellulari ● riproduttori digitali di musica (iPod e simili) ● televisori digitali plasma/LCD/LED e monitor PC ● attuatori (ad es. uscite analogiche PLC) ● schede video/audio ● strumenti musicali elettronici ● controllo motori ● apparecchi acustici ● centralina elettronica automobile ● termostati digitali per riscaldamento/condizionamento ...
  4. 4. 4 I convertitori D/A A cosa serve un convertitore D/A? ● Serve a tradurre una serie di simboli numerici (segnale discreto nel tempo e dell’ampiezza) in un segnale analogico (continuo nel tempo e nell’ampiezza) ● ad es. nel CD player converte un treno di numeri letti dal disco in musica DACDAC
  5. 5. 5 I convertitori D/A ● Il convertitore D/A effettua l’operazione reciproca del convertitore A/D (analogico-digitale) che serve, al contrario, a convertire segnali analogici in sequenze numeriche o digitali. ADCADC A cosa serve un convertitore D/A?
  6. 6. 6 I convertitori D/A Caratteristiche principali di un D/A ● Ingresso seriale o parallelo ● Uscita in tensione o in corrente ● Risoluzione in bit ● Linearità di conversione ● Velocità di clock
  7. 7. 7 I convertitori D/A Principali tipi di convertitori D/A ● DA con resistori a potenze di 2 ● DA a rete R-2R ● DA ad 1 bit o convertitore Sigma-Delta ● PWM + filtro passabasso ● DA flash ● DA a capacità commutate
  8. 8. 8 I convertitori D/A Simbolo grafico del D/A
  9. 9. 9 I convertitori D/A D/A con resistori a potenze di 2 (binary-weighted) Esempio a 4 bit
  10. 10. 10 I convertitori D/A D/A con resistori a potenze di 2 (binary-weighted) Gli ingressi binari sono simulati da switch b0-b3. Gli ingressi possono essere nello stato ALTO (+5V) o BASSO (0V). Un convertitore a 4 bit avrà 24 =16 combinazioni di ingressi digitali e 16 livelli analogici di uscita. Il circuito funziona come un convertitore corrente- tensione. V2 =V1 quindi è una massa virtuale. Le correnti nei singoli resistori R, R/2, R/4… dipendono solo da Vs=5V e dal valore del rispettivo resistore. Nel nodo V2 le correnti si sommano e confluiscono tutte in RF . In uscita avrò: Vo =-RF *IT Quindi in funzione degli stati on/off degli interruttori b0-b3 otterrò delle correnti con pesi secondo potenze di 2: V0 = -Rf *([b0/R]+[b1/(R/2)]+[b2/(R/4)]+[b3/(R/8)])
  11. 11. 11 I convertitori D/A D/A con resistori a potenze di 2 (binary-weighted) Grafico che mostra tutti i possibili valori di uscita analogica in funzione di tutte le combinazioni digitali possibili degli ingressi.
  12. 12. 12 I convertitori D/A D/A con resistori R-2R b3 è il bit più significativo (msb). b0 il bit meno significativo (lsb) Sia b3=ALTO=5V. b2=b1=b0=BASSO=0V Calcolando il resistore equivalente (detto resistore equivalente di Thevenin) dei resistori a sinistra, si ricava un circuito semplificato:
  13. 13. 13 I convertitori D/A D/A con resistori R-2R Resistore equivalente di Thevenin: RRTHTH = (((2R || 2R) + R) || 2R) + R) || 2R) + R = 2R = 20kOhms.= (((2R || 2R) + R) || 2R) + R) || 2R) + R = 2R = 20kOhms.
  14. 14. 14 I convertitori D/A D/A con resistori R-2R L’ingresso – è una massa virtuale quindi la corrente attraverso RTH è nulla. Quindi la corrente su 2R connesso a +5V è 5V/20kohm = 0.25 mA. Essa confluisce tutta in RF . Pertanto: Vo = -(20kohm)*(0.25mA) = -5V L’equazione complessiva che descrive la tensione di uscita è: Vo = -RF (b3/2R+b2/4R+b1/8R+b0/16R)
  15. 15. 15 I convertitori D/A D/A con resistori R-2R VANTAGGI: basta avere un solo valore di resistore e utilizzarlo più volte singolo e a coppia in serie. Nei C.I. sul substrato di silicio drogato non è facile ottenere resistori di valore molto preciso ma è facile ottenere resistori tra loro omogenei. Grafico che descrive l’andamento della tensione di uscita in funzione di tutte le combinazioni degli ingressi digitali
  16. 16. 16 I convertitori D/A D/A a 16 bit: Philips TDA1541 Mitico D/A Philips: il primo a 16 bit. Correva l’anno 1985. Rappresenta la versione migliorata dei primi D/A Philips-Sony che erano a 14 bit, fatti in fretta e furia perché era stata già annunciata la prima uscita sul mercato del Compact Disc.
  17. 17. 17 I convertitori D/A Difetti tipici di un D/A multibit Glitch Distorsione zero-crossing o crossover
  18. 18. 18 I convertitori D/A Difetti tipici di un D/A multibit DNL: differential non linearity
  19. 19. 19 I convertitori D/A Difetti tipici di un D/A multibit DNL: differential non linearity
  20. 20. 20 I convertitori D/A Difetti tipici di un D/A multibit TUE: total unadjusted error
  21. 21. 21 I convertitori D/A Difetti tipici di un D/A multibit ●Offset error ●Full scale error ●Gain error ●Integral non linearity error (INL error or INLE) ●Differential non linearity error (DNL error or DNLE) ●Total unadjusted error (TUE)
  22. 22. 22 I convertitori D/A D/A Sigma-Delta ΣΔ È un metodo per tradurre segnali ad alta risoluzione in segnali a bassa risoluzione tramite l'uso della modulazione a densità di impulsi. Esiste sia il D/A che l’A/D di tipo ΣΔ Un segnale digitale multi-bit è dato in ingresso ad un modulatore delta-sigma che lo converte in una rapida sequenza di 0 e 1. Questi 0 e 1 sono quindi convertiti in tensione elettrica analogica. La conversione effettuata mediante MOSFET è molto efficiente in termini di potenza dissipata. Il segnale risultante a due livelli è fatto passare attraverso un semplice filtro passa- basso che rimuove le componenti ad alta frequenza. Il risultato è una riproduzione del segnale originale.
  23. 23. 23 I convertitori D/A D/A Sigma-Delta ΣΔ Confronto tra modulazione codificata di impulsi (PCM) sopra e modulazione a densità di impulsi (PDM) sotto
  24. 24. 24 I convertitori D/A D/A Sigma-Delta ΣΔ Il segnale digitale è un treno di impulsi in cui ogni impulso “1” ha un’ampiezza nota e costante pari a V e durata costante dt. Ciò che cambia è l’intervallo di tempo di separazione tra di essi cioè la durata degli “0”. In fase di codifica A/D sigma-delta, l'intervallo tra gli impulsi è determinato da un apposito circuito in modo tale che un ingresso di tensione bassa produca un intervallo lungo tra gli impulsi, mentre un livello alto di tensione in ingresso produca un intervallo breve. Si tratta di una codifica di tipo PDM (Pulse Density Modulation) cioè modulazione a densità di impulsi.
  25. 25. 25 I convertitori D/A Approfondimento: A/D Sigma-Delta ΣΔ L'intervallo tra gli impulsi è proporzionale all'inverso della media della tensione di ingresso durante l'intervallo. Il conteggio finale sull'uscita rappresenta la digitalizzazione della tensione di ingresso, e si determina contando gli impulsi prodotti in un determinato periodo di tempo Ndt. Il conteggio ottenuto si indica con Σ. Dato che l'integrale di un singolo impulso è Vdt, l'integrale del treno di impulsi durante un intervallo di durata Ndt è ΣVdt, e pertanto il valor medio della tensione di ingresso nel periodo considerato è VΣ/N. Essendo questo il valor medio delle medie, è soggetto a una varianza molto modesta. L'accuratezza raggiunta dipende dalla accuratezza di V e la precisione (o risoluzione) è V/N. Gli impulsi in un'analisi formale possono essere trattati come una funzione δ (delta) di Dirac e il conteggio è definito Σ (sigma). Nella conversione analogico-digitale, gli impulsi sono conteggiati per calcolare la somma Σ. Nei convertitori D/A si esegue invece la modulazione sigma-delta per riprodurre gli impulsi e facendoli passare per un filtro pb si riottiene il segnale analogico originale.
  26. 26. 26 I convertitori D/A D/A Sigma-Delta ΣΔ VANTAGGI: Il circuito in sé è molto semplice, economico e occupa poco spazio. Non ha la distorsione di crossover o zero-crossing (passaggio per lo zero) tipica dei convertitori multibit. Ha una eccellente linearità (se si usa un clock molto preciso con basso jitter). Questo è il principale vantaggio rispetto ad un DAC multi-bit che ha parametri di progettazione molto rigidi per rappresentare con precisione valori digitali con elevato numero di bit. Per fare un buon convertitore D/A sigma-delta bisogna solo avere circuiti commutatori molto veloci. Solitamente Il segnale audio è tradotto attraverso la modulazione sigma-delta, come una sequenza di singoli bit ad una frequenza di campionamento di 2,8224 MHz (che è 64 volte la frequenza di campionamento di un CD Audio a 44,1 kHz) L’uso del modulatore sigma-delta nella conversione A/D e D/A ha reso possibili soluzioni ad alte prestazioni e a basso consumo (lunga durata della batteria).
  27. 27. 27 I convertitori D/A D/A Sigma-Delta ΣΔ
  28. 28. 28 I convertitori D/A D/A con PWM e filtro pb Molto usata nei microcontrollori (MCU) e nei servo-PWM in quanto l’uscita PWM è molto usata nel controllo di potenza, soprattutto dei motori.
  29. 29. 29 I convertitori D/A D/A con PWM e filtro pb E’ un sistema rudimentale ma semplice e sufficiente per molte applicazioni.
  30. 30. 30 I convertitori D/A Applicazione dei D/A all’illuminazione LED RGB
  31. 31. 31 I convertitori D/A Applicazione video dei D/A
  32. 32. 32 I convertitori D/A Interdisciplinarietà La conversione D/A così come la conversione A/D è una tematica cerniera tra due mondi il mondo elettronico e quello dell’informatica e telecomunicazioni Può risultare opportuno esaltare la sinergia tra essi: la conversione dal mondo analogico al digitale e viceversa, rende possibili trattamenti, trasmissioni e memorizzazioni dei segnali che nel mondo puramente analogico erano inimmaginabili: Holter, telemedicina, teleallarmi GSM, crittografia, navigatori satellitari, fotografia digitale, protesi acustiche, risonanza magnetica e TC ...
  33. 33. 33 I convertitori D/A Glossario Inglese essenziale sui D/A DAC: Digital to analog converter Sampling: campionamento Sample Rate: frequenza di campionamento Stream: flusso di dati Jitter: fluttuazione o irregolarità del clock Dither: fluttuazione dell’ampiezza del segnale Sample & Hold: campionamento e tenuta Resolution: risoluzione LSb, MSb: least significant bit, most significant bit Bit: binary digit, unità elementare di informazione Byte: ottetto di bit Word: coppia di byte
  34. 34. 34 I convertitori D/A Caccia all’errore
  35. 35. 35 I convertitori D/A Digitale vs Analogico

×