II. LA DENUNCIA CIRCA UN FATTO SUBITO E IL
BLITZ ILLEGITTIMO IMMEDIATO .
L’ACCOMPAGNAMENTO COATTIVO AL
SANT’ANDREA.
il seq...
dichiarazione di finale impotenza e contemporaneamente il
manifesto della mia sensibilità.( ALL 11). Sarebbe stata presa p...
Salendo per le scale che portano al secondo piano della villetta in
cui abitavo, , al primo piano una gentile coppia di si...
fotografici e repertamento della sdraio integralmente bruciata.
Nel recarci all’esterno trovammo insieme sull’altro lato d...
colpo d’ala, mi chiese diretto “ lei ha mai avuto a che fare con
sètte sataniche “ , io non risposi esplicitamente , , dis...
comunicassi su quel piano, cercavo forse comprensione affetto
lealtà da chi poi ha dimostrato tali sentimenti nel modo che...
2009 ( confesso che la consegna dell’ultimo CD era
intenzionalmente anche un po’ provocatoria , sapevo che
potevano uscire...
Le telefonai OVVIAMENTE ALLARMATO , mi rispose
inizialmente “ come, non c’è ?! “ io confermai più allarmato non
c’è .. poi...
sapere dove fossi. Ricordo ancora il tono insistente e falsamente
vellutato delle domande . Doveva assolutamente sapere do...
volta dal numero di studio a chiedendomi la conferma della mia
presenza in casa alle ore 18 e 30. Mi richiamò una terza vo...
psichiatra con un saluto di intesa ( !!!) . Rimasi calmo,
nonostante tutto, anzi ricordo che pensai istantaneamente “ se è...
mi aveva seguito mentre mi muovevo compassato e rispettoso,
fino al telefono, con atteggiamento vagamente duro e pronto ad...
momento un certificato. Una “diagnosi” fatta dall’ ascolto
compassato di un uomo colto e calmo che parla per poco più di d...
accompagnato “.e che ormai neanche più mi controllava . Tanto
ero composto e tranquillo fuori ( dentro disperato dalla
inc...
Verso le 22 piombarono disperati la mia affettuosa amica di
allora ( W) Angela ( che , per inciso, aveva ascoltato e valut...
conflitto psicologico nei miei confronti non mi coinvolgeva , ma
era arcinoto, persino alla mia ex moglie . Verso le 23 e ...
libertà non giustificata dalla mia libera decisione né dal mio
stato. . :.
Richiamo solo le seguenti circostanze: IL TSO p...
tutelarmi.”. Non sapevo concretamente chi attivò il 118, chi
preparò la cosa, in che modo , sulla base di quali elementi,,...
Fu un mio amico ( Z) Fabio Sirgi che addirittura mi accompagnò
in macchina per prendere i vestiti: i miei fratelli che mi ...
invitava a produrre la certificazione medica che serviva
all’ufficio. Lo trattai con sussieguo e distacco . Perché
insiste...
giorno dopo la mia ex moglie, raccontai brevemente la assurdità
della situazione e forse dissi qualcosa di più sulle ipote...
immaginavo ciò che risulta accaduto a molti testimoni di fatti
analoghi …non conoscevo la letteratura a riguardo e non ave...
con le caratteristiche e presenza che sono note della mia figura e
persona. Ancor oggi sono perfettamente in grado di rifa...
logico è arbitrario per questo motivo, , quella circostanza riferita
appare inverosimile per questi concreti motivi, quell...
Mi ERA INVECE stato indicato a voce lo stesso giorno , da quello
psichiatra , che dai test, che avevo compilato, emergeva ...
me rimasto ignoto, ed intervenne poi su un nuovo tema
sopravvenuto, sostenere la causa anche mia che ormai era non
utile c...
mera coattiva proposta di TSO e successiva necessitata, coartata
e e non libera, "conversione" in TSV.
E sia chiaro, avrei...
oltreché al San Filippo Neri , dove sapevo ero atteso
per competenza territoriale . ?!
Il secondo particolare era ancora p...
autobus perse ore intere , arrivato lì aspettò credo due ore ,
nessuno sapeva nulla, nessuno lo aveva cercato .Riuscì a
ri...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

SEQUESTRO DI PERSONA.  Memoriale parte seconda il blitz e sequestro di persona di un magistrato di Cassazione che sapeva troppo ed il ruolo di Silvia Canali

2,051 views

Published on

 Memoriale 7 marzo 2011 parte seconda

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
2,051
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,939
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

SEQUESTRO DI PERSONA.  Memoriale parte seconda il blitz e sequestro di persona di un magistrato di Cassazione che sapeva troppo ed il ruolo di Silvia Canali

  1. 1. II. LA DENUNCIA CIRCA UN FATTO SUBITO E IL BLITZ ILLEGITTIMO IMMEDIATO . L’ACCOMPAGNAMENTO COATTIVO AL SANT’ANDREA. il sequestro di persona di un magistrato di Cassazione che sapeva troppo . Come sopra indicato la mia vita era regolare , normale, fatta degli impegni di lavoro e professionali ordinari . Avevo una normale relazione con una signora , cercavo solo ancora per un po’ di aiutare la donna della Cecchignola ed il figlio. E qui faccio la mia terza autocritica psicologica , che stupirà chi legge . Anche io mi ero arreso, per la prima volta e spero ultima in vita mia , non richiedendo come la mia coscienza imponeva la riapertura delle indagini. Poi mi arresi alla impossibilità di tirare fuori dalla situazione in cui si trovavano, due persone cui volevo anche bene.. Scrissi una lunga mail, in data 15/5/2009) di addio alla donna , dedicandole anche una poesia . Era la mia
  2. 2. dichiarazione di finale impotenza e contemporaneamente il manifesto della mia sensibilità.( ALL 11). Sarebbe stata presa poi come argomento a conferma di un mio stato patologico . Peccato che da tutto ciò che scrissi trapelava sensibilità ed affetto che la poesia (un acrostico, per la precisione) racchiudeva una conoscenza profonda dello stato della donna ed un segnale finale di amore (ormai cristiano) disinteressato, a fronte di una quantomeno ragionevole attendibilità delle mie conoscenze e della mia ipotesi di ricostruzione.. Anche questo ho subito . La manipolazione dei miei sentimenti reali e aderenti ad una realtà correttamente ipotizzabile , (si badi che la donna di sètta aveva parlato espressamente al telefono ) la manipolazione del reale rapporto generoso e di aiuto che avevo mantenuto con la donna, oltre a varie inaccettabili manipolazioni della mia identità .. Dopo la mail , passati pochi giorni, il martedì 19 Maggio del 2009 mi recai al lavoro verso le 10 e 30 ( avevo impegno di spesa da adempiere prima, e tornai verso le 15 e 30 dal lavoro. .
  3. 3. Salendo per le scale che portano al secondo piano della villetta in cui abitavo, , al primo piano una gentile coppia di signori anziani, appena arrivato sul terrazzo grande su cui dà la porta della mia abitazione, notai la sdraio da me utilizzata il giorno precedente per prendere un po’ di sole, completamente incenerita . Subdorai da chi poteva essere arrivato il “pensiero”, chiesi alla signora del piano di sotto , se ed a che ora avessero sentito odore di bruciato. Mi comunicò di sì verso le 12 e 30. Decisi questa volta di andare alla locale stazione CC e feci una mera denuncia anòdina ed equilibrata ( ALL 12 ) senza neanche alludere a possibili riferimenti. Precisai solo, insospettito dalla circostanza, che risultava sottratto e non bruciato l’asciugamano posto sulla sdraio, su cui mi ero poggiato senza maglietta per prendere il sole il giorno prima. Appena tornato a casa giunse un colonnello, credo, della Compagnia Cassia, accompagnato da due ufficiali, che, di sua iniziativa, avvisato sempre di iniziativa dalla stazione CC Prima Porta., intendeva effettuare un sopralluogo. Accolsi la gradita iper-tempestiva visita, : effettuarono sopralluogo, rilievi
  4. 4. fotografici e repertamento della sdraio integralmente bruciata. Nel recarci all’esterno trovammo insieme sull’altro lato del terrazzo un sigaro posizionato o comunque situato esattamente al centro di mattonella . Non l’avevo visto prima né io né lo avevano visto gli stessi operanti . Anche il sigaro fù repertato. Io nel frattempo mi ricordai che conoscevo nella palazzina da dove ero andato via persona che fumava spesso, vistosamente all’aperto proprio sigaro che mi sembrava di quel tipo, . MA nonostante la associazione mentale vi fosse stata, nonostante il fatto seguisse di pochi giorni la conoscenza dell’audio estratto da parte della donna e di qualche giorno una mail di “saluto” tutta da leggere .. . non ne parlai al colonnello, volutamente, anzi mi guardai dal farlo, perché il fatto, , più che come una intimidazione o minaccia, mi suonava curiosamente più come una provocazione finalizzata ad una mia reazione. Il colonnello entrò in casa mia , da me invitato, vide che ero incerto e preoccupato sul parlare o nò del “sigaro”, insistette cortesemente, io più volte non portai a compimento alcun discorso sul punto, infine con una intuizione o
  5. 5. colpo d’ala, mi chiese diretto “ lei ha mai avuto a che fare con sètte sataniche “ , io non risposi esplicitamente , , dissi che potevo solo dire che avevo scelto di allontanarmi dalla abitazione di via …dei Bersaglieri ……… otto mesi prima, e che avevo denunciato “ fatti” alla Procura di Roma , non creduto ( questo era il mio convincimento). Nel frattempo decisi di far sentire l’audio a mio figlio Fabrizio, con cui avevo tentato di far capire in due telefonate precedenti la storia, e comunicai per telefono prima alla mia ex moglie e poi a mia sorella il pomeriggio del giorno dopo il fatto. . : Da parte di mia sorella trovai incredulità e fastidio, due telefonate dei mesi precedenti avevano evidenziato un atteggiamento simile . NON ALTRO. Nessuna allusione ad altro, mio figlio solo manifestò una incredulità tale da impedirgli di ascoltare anche ciò che era ascoltabile con il rudimentale strumento del lettore CD di una auto. Qui debbo fare la mia quarta autocritica psicologica. Cercavo di far capire la situazione, non riuscivo a capire perché non
  6. 6. comunicassi su quel piano, cercavo forse comprensione affetto lealtà da chi poi ha dimostrato tali sentimenti nel modo che appresso dirò.. Far partecipare e sentire i miei parenti era diventato importante perché mi sentivo negato nella mia identità storia e realtà . Una reazione psicologicamente debole.?! Forse , certo, ma comprensibile.. . Il mercoledì mattina successivo mi recai in ufficio e avvisai del fatto Procuratore ed aggiunto che era presente , , dissi con tono un po’ irruento, ma non aggressivo, che quel sigaro aveva un possibile nome, che feci anche, che ora mi era successo un fatto in casa, che la ipotesi di attribuzione a quelle persone del fatto era probabile ( anzi per tentare di aprire una disponibilità manifestai una “certezza momentanea “ …. ) e che quelle persone ( ne avevo individuato, tra nomi e voci, un numero oscillante, tra 11 e 12 di vario sesso ed età dall’audio che la donna indicava di non poter ricondurre a volti concreti . (VEDI MAIL citata ), sapevano bene che le potevo conoscere in parte ed anzi avevano sentito ormai le loro voci registrate fatto RISALENTE AL MAGGIO
  7. 7. 2009 ( confesso che la consegna dell’ultimo CD era intenzionalmente anche un po’ provocatoria , sapevo che potevano uscire allo scoperto, non immaginavo però come ). Che le perone indicate fossere bn presenti nella vita della donna lo ricavai abche da due meil , di cui mi sono riservato di parlare a richiesta di codesta Procura . . . . Mi allontanai dicendo che ora dovevo pensare a tutelarmi, non senza aver fatto leggere la denuncia al procuratore. Poi parlai con l’aggiunto indicato e l’altro PM che seguivano “affettivamente “ la vicenda , ripetei senza tentennamenti ed in modo deciso , che ora dovevo andare a far presente la possibile situazione a Perugia e che poteva uscire all’esterno la storia, allusi ai giornali e precisai .. “ non sono scemo .. non mi esporrei mai personalmente “ e intendevo dire che mi stavo solo sfogando della situazione nella quale mi ero infine trovato. Il pomeriggio mi recai dalle bambine , le portai a casa all’uscita della scuola, una non trovata all’uscita perché la madre si era letteralmente dimenticata di avvertirmi che era in gita scolastica.
  8. 8. Le telefonai OVVIAMENTE ALLARMATO , mi rispose inizialmente “ come, non c’è ?! “ io confermai più allarmato non c’è .. poi mi disse “ ma stà in gita “ . Tutto questo sarebbe divenuto in un racconto fatto da non so chi e poi riferito così . Io avevo detto che mia figlia era stata rapita dalla sètta satanica. Una oscenità falsa , inventata probabilmente in uno stato di isteria o in mala fede da qualcuno . Io non avevo mai pronunciato quelle parole, e neanche per un istante avevo pensato una scemenza simile !!!!! Il mercoledì sera comunque due miei amici ( Fabio ed Angela ) su mia richiesta telefonarono alla mia ex moglie e gli esposero che si sentiva quello che dicevo e che quello che mi era successo il giorno prima era semplicemente vero. Questo perché cercavo solo di far capire ai miei presunti “familiari “ una realtà RIFIUTATA e perchè ovviamente presumevo una pur assurda "buona fede " loro . La sera verso le 20 e 45 mentre ero in macchina fui raggiunto telefonicamente da mia sorella che cercava insistentemente di
  9. 9. sapere dove fossi. Ricordo ancora il tono insistente e falsamente vellutato delle domande . Doveva assolutamente sapere dove mi trovavo in quel momento, a distanza di un giorno dal FATTO VERO REGOLARMENTE DENUNCIATO REGOLARMENTE ACCERTATO e di sette ore dal mio riferire suindicato.. Dissi semplicemente la verità ( stavo andando a trovare un amico ), non senza essermi chiesto il motivo di quella insistenza.. Il giorno dopo andai regolarmente in ufficio , ma ricordo ancora cosa mi disse il Procuratore a tù per tù il giorno precedente alle ore 13 c.a. con tono durissimo ed aggressivo “ è stato uno zingarello”.. Allibito non risposi salutai e tornai in ufficio. La sera del Giovedì avevo un appuntamento a cena con la mia compagna di allora .. Alle ore 15 e 21 dal suo cellulare al mio numero di cellulare , mi aveva telefonato la ex moglie dicendomi che voleva sentire anche lei le registrazioni ; in fondo, pensai, le avevo stimolato la curiosità , forse si era rotto quell’incomprensibile muro di silenzio e rifiuto. Mi ritelefonò poi in ufficio dopo un’ora circa , questa
  10. 10. volta dal numero di studio a chiedendomi la conferma della mia presenza in casa alle ore 18 e 30. Mi richiamò una terza volta alle ore 18 e 10 al mio numero di casa dal suo numero di cellulare per assicurarsi che fossi in casa ad attenderla . Sono preciso sugli orari perché li trascrissi nelle condizioni e nell’ambiente che indicherò, subito, i primi due giorni , mentre scrivevo una prima bozza di atto, per quello che avevo subito. Alle 18 e 45 in lieve ritardo arrivò a casa la mia ex moglie ( i cui rapporti con me ho già precisato ) . Chiese di sentire le registrazioni, .posizionai un CD di file non ancora definitivamente puliti sul lettore cD, iniziò ad ascoltare, FINGENDO INTERESSE, dopo pochi minuti sentii suonare alla porta. Erano due infermieri, due vigili urbani, un medico, una psichiatra mai vista, il figlio Fabrizio del primo matrimonio ( anche lui coinvolto ?! perché ?!) . Entrarono, aperta la porta ed io allibito capii che stava succedendo l’impossibile. La mia ex moglie si defilò in silenzio, senza salutarmi e strinse però la mano alla
  11. 11. psichiatra con un saluto di intesa ( !!!) . Rimasi calmo, nonostante tutto, anzi ricordo che pensai istantaneamente “ se è quello che penso non ho alcun modo giuridico di difendermi. Ma è tutto assurdo ed illegittimo”. Ripassai mentalmente le mie nozioni teoriche sulla privazione della libertà mediante la procedura del TSO e dissi, dopo aver salutato tutti i presenti con educazione, . per prima cosa ai due vigili urbani “ vi prego di rilevare che io sono perfettamente sano, tranquillo , equilibrato, e di annotare tutto ciò”.. Poi dissi che avrei voluto immediatamente illustrare una querela facendo cadere il discorso, subito ( come facevo in quelle condizioni a motivare in fatto, non sapendo nulla, e il diritto mi era chiaro già in quel momento ). Chiesi di poter fare una telefonata a mio padre, che trasecolato ( ma solo perchè l'iniziativa non era passata per lui ) cercò a mia richiesta, a sua volta, di chiamare il 112 senza riuscire a trovare un interlocutore solerte, peraltro era del tutto giustificabile la indicazione di una impossibilità ad intervenire in un contesto così come descritto da mio padre al telefono,. . Un infermiere robusto
  12. 12. mi aveva seguito mentre mi muovevo compassato e rispettoso, fino al telefono, con atteggiamento vagamente duro e pronto ad intervenire ( in caso di inghiottimento subitaneo della cornetta, mi si passi la battuta ...). .. Poi mi sedetti al tavolino del salone ,e con calma, chiesi alla dott.ssa le ragioni della sua cortese visita , di declinarmi cortesemente il suo nome per averne conoscenza. Ricordo che disse De Minnis o qualcosa di molto simile . Alla medesima dissi solo “ Le assicuro che sono perfettamente compos mei, non ho nulla, non ho fatto nulla. Non ho mai avuto nulla. Sono calmo e sereno, attendo la mia compagna per andare a cena fuori. Sono in perfette condizioni di salute fisica, privo di qualsiasi patologia che possa giustificare in alcun modo un TSO, non ho mai avuto alcun disturbo, dormo e vivo regolarmente, .. lavoro tranquillamente ” , poi pensai alla denuncia di due giorni prima integrando le mie dichiarazioni con la frase “ guardi che io ho solo denunciato due giorni fa un fatto vero ai Cc, ecco la denuncia “ che le porsi:: non la guardò se non per un istante. Poi stilò sul
  13. 13. momento un certificato. Una “diagnosi” fatta dall’ ascolto compassato di un uomo colto e calmo che parla per poco più di di due minuti. . , fondata sulla non conoscenza mia e su qualcosa che evidentemente le era stato detto da chi, come, perché non lo potevo sapere,.. A fronte di una “chiamata “ al 118 priva di senso . Gli infermieri e i vigili urbani, per la verità un po’ intimiditi dalla strana situazione , , pronti ad intervenire in caso di mia opposizione o resistenza . Discesi le scale di casa affranto, in silenzio,umiliato subii l’accompagnamento coattivo e ravvicinato dei due infermieri, uno dei quali proprio il robusto controllore diretto, era divenuto già dubbioso, quasi affettuoso. Entrai in una autoambulanza e fui trasferito al reparto psichiatrico dell’Ospedale Sant’Andrea .contro la mia volontà, e non potevo oppormi, sapevo bene quali pericoli ulteriori potevo correre . Poi avrei saputo a distanza di tre giorni che ero atteso al San Filippo Neri, ma non vi erano al momento posti disponibili. In stato di costrizione, vioè contro la mia volontà coartata , rimasi in sala di attesa dell’ospedale con tutto il corteo che mi aveva “ gentilmente
  14. 14. accompagnato “.e che ormai neanche più mi controllava . Tanto ero composto e tranquillo fuori ( dentro disperato dalla incomprensibile situazione ) che lo stesso infermiere indicato prima, mi disse, “ non ho mai visto una situazione del genere.” poi “ stia attento. La dott.ssa ha insistito per farle dare il codice rosso .....“. Lo ringraziai con dolcezza.. Gli chiesi anche di ricordarsi tutto e di dirmi il numero della autoambulanza. Poi da me dimenticato, perché non annotato subito. Ma lui di me si ricorda, certamente .. Verso le 21 erano in fila davanti a me a distanza di dieci metri c.a il fratello che non sentivo da anni , mia sorella che avevo sentito per telefono poche volte nei precedenti mesi , la mia ex moglie e mio figlio Fabrizio Attendevano che fossi effettivamente ricoverato mi guardavano da lontano e comunque non mi parlavano. Ricordo solo uno sguardo ad un certo punto che non dimenticherò mai più ed una mossa ed un sorriso che non oso definire ...
  15. 15. Verso le 22 piombarono disperati la mia affettuosa amica di allora ( W) Angela ( che , per inciso, aveva ascoltato e valutato gli audio, rabbrividendo alle presenze riscontrate ) e un mio amico fraterno. ( X) Fabio Ravagnani da me informati al cellulare. . Parlavano con me . Gli altri, in particolare mia sorella, li guardavano con DISPREZZO vistoso. . La mia compagna di allora mi raccontò poi l’atteggiamento da lei subito, ad opera di mia sorella. Continuai a rimanere calmo, cercando di capire la situazione, raccontai allo psichiatra dell’accettazione che tutte le persone familiari presenti, ad eccezione di mio figlio, avevano gravissimi antichi dissapori loro e problematiche loro , e che io non ne avevo con loro e che non sapevo che cosa poteva essere successo.. Lo psichiatra dell’accettazione annotò che prospettavo come nemici i familiari ( ?!?!?! ) . Non conoscevo la logica psichiatrica dire che non avevo problemi io con i mie fratelli ma loro con mè era dire che li vedevo come nemici miei .. Una equazione arbitraria, a mè parve., io non avevo mai provato alcun sentimento negativo nei loro confronti ,, il loro grave
  16. 16. conflitto psicologico nei miei confronti non mi coinvolgeva , ma era arcinoto, persino alla mia ex moglie . Verso le 23 e 30 infine entrai nel reparto psichiatrico DOPO e costretto a convertito a mia tutela il sequestro subito in proposta di TSO "volontaria",..Quale volontarietà ci fosse in quella situazione è dato immaginare a CHIUNQUE. : era una scelta necessitata ( nonostante la avanzata giurisprudenza amministrativa sul punto .). I miei “parenti” si erano allontanati un’ora prima certi del mio ricovero. I miei amici mi accompagnarono alla porta disperati e sconvolti. Io dissi loro di stare tranquilli. La verità sarebbe emersa prima o poi.. A distanza di due giorni dalla denuncia di un fatto e di un giorno dalla mia comunicazione del fatto , venivo di urgenza ricoverato, privato della mia libertà per oltre tre ore coartato ad usare un “ ricovero volontario “ a fronte di una mera proposta di TSO RADICALMENTE INFONDATA ED ILLEGITTIMA, e dopo tre ore e più di privazione della mia
  17. 17. libertà non giustificata dalla mia libera decisione né dal mio stato. . :. Richiamo solo le seguenti circostanze: IL TSO può essere ordinato dal Sindaco solo, in presenza di due certificazioni mediche che attestino che : 1) la persona si trova in un stato di alterazione tale da necessitare urgenti interventi terapeutici 2) gli interventi urgenti e necessari siano stati in precedenza proposti ed espressamente rifiutati 3) non sia possibile adottare tempestive misure extraospedaliere . La proposta deve essere concretamente motivata ex ante, poi. . Io ho subito una coercizione , in assenza di alcun contatto con psichiatri o medici, in costanza di una mera frequentazione per assistenza psicologica di uno psicologo che unico a frequentarmi e per il solo scopo sopra indicato, ha ribadito per telefono l’esclusione di patologia psichiatrica di un qualche possibile rilievo, indicando solo uno stato di ansia Ammenochè si ritenga non equilibrato affermare “ ora debbo informare Perugia del contesto cui può essere in ipotesi ricollegato l’ultimo fatto e
  18. 18. tutelarmi.”. Non sapevo concretamente chi attivò il 118, chi preparò la cosa, in che modo , sulla base di quali elementi,, sapevo solo che era stato effettuato in forma di blitz immediato e che avevo saltato la cena in pizzeria con la mia compagna . Ma dopo avrei cercato di capire, dopo tutto quello che ho poi passato. I primi due giorni e mezzo , tanto era grave la mia situazione, passavo tutta la giornata fuori del reparto a chiacchierare all’esterno dell’ospedale serenamente con i miei amici, nulla mi fù dato, , mi chiesero se volevo un sonnifero, risposi che dormo, ho sempre dormito e avrei dormito. Decisi di fare domanda di congedo ordinario ( non per non aggravare l’ufficio, come si legge nella dichiarazione che mi fù “proposta “ per difendermi nell’ambito della procedura per dispensa dal servizio, ma per tutelarmi, perché NON avevo bisogno di interrompere il flusso delle ordinarie assegnazioni e perché all’inizio presi letteralmente la cosa come una breve vacanza obbligatoria “ non gradita “ ).
  19. 19. Fu un mio amico ( Z) Fabio Sirgi che addirittura mi accompagnò in macchina per prendere i vestiti: i miei fratelli che mi volevano tanto bene erano spariti e la documentazione che pensavo indispensabile a chiarire ogni equivoco. Ritornai all’ospedale addirittura con la mia auto. . Mi venne a trovare il personale che lavorava con me,( AA ) dott.ssa Alessandra Carloni, Amedeo Gnocchi, Antonio Vitello, Goracci Donatella ) stordito, stupito scioccato da quello che accadeva . Venne inopinatamente e di nascosto presso la struttura la mia ex moglie che chiese sempre di nascosto da me “ la mia certificazione “ per portarla in ufficio “:: così aveva motivato al medico chiamato all’esterno.. IO avevo chiesto le ferie. Spiegai brevemente al medesimo medico credo, che mi aveva comunque avvisato, che non potevano accedere ad una tale richiesta e gli chiesi di “respingere al mittente la richiesta “ segnalandogli la necessità di ricordarsi della richiesta orale fatta . . . Ricevetti addirittura una telefonata dal marito di mia sorella, che mi
  20. 20. invitava a produrre la certificazione medica che serviva all’ufficio. Lo trattai con sussieguo e distacco . Perché insistevano così tanto su una cosa del genere ?! [ A distanza di dieci mesi circa la mia ex moglie sbottò in una frase che mi lasciò esterrefatto , “ pure al procuratore hai fatto vedere la relazione degli investigatori quando ci siamo separati “ e solo due mesi fa ammettendo la sua partecipazione al blitz, peraltro evidente , “ me lo chiese una persona autorevole “ . Non so da chi abbia saputo che in effetti feci vedere quella relazione .investigativa che la riguardava ] Mi venne poi il giorno dopo a trovare inaspettatamente un collega .( Y ) dott. Filippo Vitello Nessuno sapeva nulla , tutto era stato tenuto accuratamente riservato, a tutela della mia privacy (?!). ma il collega aveva saputo che ero ricoverato …e “alternativamente “ dove, non lo vedevo che di rado in ufficio se non una o due volte a settimana, , di solito dinanzi alla macchinetta del caffè o quando l’uno o l’altro avevano bisogno di tabacco per la pipa o di accendere. . Al collega che era venuto il
  21. 21. giorno dopo la mia ex moglie, raccontai brevemente la assurdità della situazione e forse dissi qualcosa di più sulle ipotesi che andavo facendo. Il nome del collega compare in una missiva che fa parte del fascicolo per dispensa “ Ho saputo dal collega Filippo Vitello che … “ ( ALL 17 ). Il venerdì parlai con lo psichiatra ( BB ) dott. Paolo Girardi responsabile della struttura, spiegai che gli unici input aderenti alla realtà potevano provenire solo da chi mi frequentava effettivamente nell’arco delle quattordici ore di veglia. , che sarei stato sereno, se non mi fossi trovato lì, senza capirne il perché, scherzando sulla pizza persa il giovedì sera, raccontai la storia a monte in una sintesi di non molti minuti, forse concitata, ma più per lo scarso tempo a disposizione che per la situazione in cui mi trovavo, , precisando “ la mia disgrazia è che si tratta di una storia non ordinaria e che se non creduta non accertata, almeno nei suoi fondamenti oggettivi indiziari o di prova, si presta a varie supposizioni o manipolazioni “. Neanche
  22. 22. immaginavo ciò che risulta accaduto a molti testimoni di fatti analoghi …non conoscevo la letteratura a riguardo e non avevo cultura investigativa sullo specifico settore criminale . Il sabato venne un altro psichiatra ( CCC ) dott. Ferracuti Stefano appositamente chiamato ( me lo aveva preannunciato il primario, dicendomi che era meglio affidare a lui la valutazione per la sua specifica “storia professionale” ........ ).. Dinanzi a lui ed altri psichiatri della struttura spiegai con preciso ordine logico, cronologico e sistematico i fatti essenziali, ogni volta mostrando la documentazione corrispondente . Perizia fonica, mail della donna , mio allontanamento, fatti ragionevolmente udibili e uditi anche da altre persone, fatto subìto il 19 Maggio, incomprensibilità della situazione in cui mi trovavo, conflitto implicito con la procura che aveva archiviato il fatto, e che qualificai come valutazioni contrastanti ( lì peccai di diplomazia .. ma che forma patologica è quella che si concreta in una espressione eufemisticamente conciliante ) . Parlai con equilibrio vigore verbale normale, come sono sempre solito fare e
  23. 23. con le caratteristiche e presenza che sono note della mia figura e persona. Ancor oggi sono perfettamente in grado di rifare il racconto di allora .. identico,.. più sintetico, come lo fù. Non farei più l’errore di mostrare una mail di addio fatta di sensibilità e sentimento umano, ad una platea di non “credenti ” in mala fede od ottusi utili non consapevoli ( vedi mail citata sopra ) . A distanza di dieci giorni vidi sul tavolo delle riunioni e lessi ( anche perché giravo come un libero cittadino nel reparto) , la relazione stilata dal solo psichiatra con " storia professionale adeguata " e rimasi “ pacatamente terrorizzato “: veniva stravolta la analisi del mio periodare, la coerenza logica e cronologica di quello che dicevo veniva caricaturata in astratto con formule linguistiche trapiantate da etichette psichiatriche precostituite. Non un giudizio concreto, non un riferimento concreto a quello che in concreto avevo detto, non una analisi concreta legata al mio pensiero od alle concrete modalità espressive ( ESEMPLIFICATIVAMENTE:: : questo passaggio
  24. 24. logico è arbitrario per questo motivo, , quella circostanza riferita appare inverosimile per questi concreti motivi, quella consecuzione del racconto è inadeguata sotto il profilo logico o cronologico perché …. Qui manca il nesso causale .. e così via ) . Solo frasi che poi da me immediatamente imparate a memoria ( tanto ero psicotico o stavo male ) avrei ritrovato nella descrizione di patologie di varia gravità Le valutazioni solo astratte formulate ritrovate nelle descrizioni delle patologie. Quello che dicevo, come lo raccontavo, come lo analizzavo incompatibile assolutamente con le “ etichette astratte “. “ manualistiche “. Capii allora per la prima volta che c’era qualcosa di veramente grave , “forse” nel metodo psichiatrico ........ il giudizio formale ed astratto formulato non si ancorava né si poteva ancorare a esemplificazioni ed indicazioni concrete . Vizio metodologico ?! Ma tolto il mio nome e cognome come si potevano riferire a me formulazioni astratte pedissequamente ripetute .. ?!?!
  25. 25. Mi ERA INVECE stato indicato a voce lo stesso giorno , da quello psichiatra , che dai test, che avevo compilato, emergeva uno stress , non particolarmente significativo, due tracce sopra la riga mediana. Replicai semplicemente e un pò seccamente “ ma lei al posto mio, in questa situazione come starebbe , come ,vuole che io stia pacatamente sereno anche dentro ?!” ). Fuori e nel comportamento lo ero, visibilmente . Ricordo ancora che un infermiere si fece scappare una battuta a riguardo sulla mia situazione e sulla stranezza della mia presenza nel reparto, , fui quasi corteggiato da una simpatica addetta al reparto , certo non avvezza a ciò con i malati che a loro volta mi chiedevano esplicitamente perché uno che si comportava come me stesse lì. NON SAPEVANO CHI ERO E CHE MESTIERE FACEVO, lo dissi solo dopo quindici giorni a due di loro, apparentemente meno gravi sotto il profilo della salute mentale, a mio giudizio ). , L’avvocato di mia “fiducia” e “ di fiducia dell’ufficio “ ( sopra ho chiarito la dizione ) si era riunito con il primario e lo psichiatra suddetto, ma l'oggetto ed il contenuto della riunione a
  26. 26. me rimasto ignoto, ed intervenne poi su un nuovo tema sopravvenuto, sostenere la causa anche mia che ormai era non utile che fossi trasferito al San Filippo Neri . Vi era infatti una esplicita richiesta, mi si disse, di trasferimento presso quella struttura ospedaliera reparto psichiatrico , , motivata per ragioni territoriali,., ma un infermiere anzi credo il caposala mi avvertì dicendo, che qualcuno aveva detto che lì mi conoscevano bene. . Non posso sapere se ciò fosse vero ma presumo che fosse attendibile l’indicazioni fornitami per mera stima dal lavoratore . ( VEDI richiesta di sequestro di ogni documentazione esistente presso quella struttura. ) . Io lasciai l’avvocato solo, a perorare la causa generale , Ma mi fù confermato che non disse una parola su ciò che aveva ascoltato, non sprecò una parola sulla corrispondenza tra il trascritto e l’udito, non spiegò nulla dei fatti a monte che non compresi o manipolati erano l’unico possibile appiglio, E certo non erano “stati contestualizzati . ” per assenza del contestualizzatore da sequestro di persona in costanza di
  27. 27. mera coattiva proposta di TSO e successiva necessitata, coartata e e non libera, "conversione" in TSV. E sia chiaro, avrei il giorno successivo subito indicato che non intendevo rimanere ma la equazione , che mi si ripetè più volte era consenso al TSV revocato = TSO al volo : il sequestro di persona continuava ... Lo strumento del 118 era passato apparentemente per una parte della mia disastrata famiglia. L’Abele buono , bello, intelligente, stimato , purtroppo idolatrato dal padre ( qui la radice principale dei “problemi familiari “ unitamente alla distanza di età dai miei fratelli minori e vari altri problemi LORO ) era in ginocchio e non sapeva il perché. . Ricordo un particolare un fatto , che mi incuriosì: l’avvocato di mia fiducia più volte mi chiese “ ma lo psichiatra .. l’ha mandato l’ufficio ?! “ voleva a tutti i costi sapere la mia opinione. Non certo le mie conoscenze a riguardo . E’ ovvio .. che potevo sapere io .. poi era uno psichiatra destinato anche al Sant’Andrea
  28. 28. oltreché al San Filippo Neri , dove sapevo ero atteso per competenza territoriale . ?! Il secondo particolare era ancora più curioso . Mi disse che lo psichiatra autore della valutazione surriferita gli aveva chiesto uscito e reicontratolo “ non avrà mica registrato quello che ha detto?! “ e ricordo che il mio avvocato di fiducia per due volte ripetè la domanda a mè “ ma non hai registrato, vero ?! “ . Risposi nò. E come potevo .. Allora pensai ingenuamente che si cercava una mia patologia investigativa .. …. Curioso però, perché avrei dovuto pensare di investigare su professionista appartenente ad una struttura pubblica, solo su uno poi, e perdipiù registrando quello che dicevo io ?! Bah ?! Venne mio padre a tentare di parlare con la struttura, tardissimo , stravolto ;ricordo un particolare ,; disse che aveva ricevuto , una telefonata (!!!) pervenutagli di mattina verso le 10, credo. ( fatto riscontrabile dai tabulati .. ) . . Una signorina lo aveva convocato , , ad una certa ora, credo le 13, presso il San Filippo Neri indicandogli che il primario di tale struttura lo attendeva. In
  29. 29. autobus perse ore intere , arrivato lì aspettò credo due ore , nessuno sapeva nulla, nessuno lo aveva cercato .Riuscì a ritornare al Sant’Andrea con gli autobus alle ore 18 e 30 e parlò , convinto di far conoscere la verità su mè ed i fatti, con uno studente barbuto solo medico di pronto soccorso , credo al terzo anno di specializzazione, in psichiatria. . Ovviamente della “convocazione “ nessuno sapeva nulla, neanche al Sant’Andrea. E chiese ripetutamente lumi a riguardo Debbo qui rammentare che mio padre era in parte vergine portatore di conoscenze maturate in 54 anni di mia conoscenza , nulla ( credevo ) sapesse di ciò che era accaduto alle mie e sue spalle in quei mesi , NON conosceva lo psichiatra degli incontri “ clandestini “ con i miei fratelli io credevo . Ma sarei stato eclatantemente smentito dai fatti ( e da un suo " diario " da me acquisito nel Dicembre 2011 : aggiunto oggi il dato ) Solo successivamente sarebbe stato portato dinanzi al suddetto, per “incontri familiari”, mi raccontò.

×