Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Presentazione 5 Qualità Innovazione PMI e RdI @ 13 ott 2014

555 views

Published on

Qualità Innovazione PMI e Reti di Imprese
Bologna 13 Ottobre 2014
Horizon 2020: le opportunità per le Reti di Imprese e le PMI
Marlene Mastrolia, Aster

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Presentazione 5 Qualità Innovazione PMI e RdI @ 13 ott 2014

  1. 1. Qualità Innovazione PMI e Reti di Imprese Bologna 13 Ottobre 2014
  2. 2. Programma Convegno ore 15.30 Presentazione incontro e saluto di benvenuto Oliviero Casale, Segretario AICQ Emilia Romagna, Maily Anna Maria Nguyen –Responsabile Contratti di Rete, Unioncamere ER ore 15:50 La nuova versione 2015 della norma ISO 9001 sui Sistemi di Gestione Piero Mignardi, Consigliere di AICQ Emilia Romagna ore 16:10 La gestione dell’innovazione nelle PMI Michele Frascaroli, direttore tecnico CRIT Research ore 16:40 Le Reti di Imprese per le PMI: una realtà in evoluzione Eugenio Ferrari, Presidente di AssoRetiPMI ore 17:10 Internazionalizzazione delle Reti di Imprese Luciano Consolati - AICQ ER, responsabile reti di Unimpresa ore 17:30 Horizon 2020: le opportunità per le Reti di Imprese e le PMI Marlene Mastrolia, Aster ore 18:00 La leadership; assertività e delega nelle Reti di Imprese Sergio Marchesini, Consigliere di AICQ Emilia Romagna ore 18:20 Conclusioni Fabio Rangoni, Presidente Aster Qualità Innovazione PMI Reti di Imprese 23:21 Pagina 2 di 3
  3. 3. QUALITÀ, INNOVAZIONE, PPMMII EE RREETTII DDII IIMMPPRREESSEE HHoorriizzoonn 22002200:: llee ooppppoorrttuunniittàà ppeerr lllleeee RRRReeeettttiiii ddddiiii IIIImmmmpppprrrreeeesssseeee eeee lllleeee PPPPMMMMIIII MMaarrlleennee MMaassttrroolliiaa AASSTTEERR,, SSppoorrtteelllloo AAPPRREE EEmmiilliiaa-RRoommaaggnnaa Bologna, 13 ottobre 2014
  4. 4. ASTER ASTER è la società regionale che, dal 1985, promuove e supporta: l’innovazione del sistema produttivo regionale Regione lo sviluppo di strutture e servizi per la ricerca industriale e strategica la collaborazione tra ricerca e impresa la valorizzazione del capitale umano impegnato negli ambiti RD e Trasferimento di Conoscenza Ricerca Impresa
  5. 5. COS’È HORIZON 2020: in pillole il nuovo PROGRAMMA QUADRO PER LA RICERCA E L’INNOVAZIONE dell’Unione Europea un quadro di finanziamento da 70,2 MILIARDI DI EURO destinati ad investimenti per la ricerca e l’innovazione e per l’attuazione della strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva maggiore enfasi sull’INNOVAZIONE in ogni forma e ogni fase, dall’idea al mercato ACCESSO E REGOLE SEMPLIFICATE PERIODO DI RIFERIMENTO 2014-2020
  6. 6. OBIETTIVI E STRUTTURA EXCELLENT SCIENCE European Research Council (ERC) Future and Emerging Technologies (FET) Marie Sklodowska-Curie actions Research infrastructures INDUSTRIAL LEADERSHIP Leadership in enabling and industrial technologies: • ICT • Nanotechnologies • Advanced materials • Biotechnology • Advanced manufacturing SOCIETAL CHALLENGES Health, demographics change and wellbeing Food security, sustainable agriculture, marine and maritime research and the bio-economy Secure, clean and efficient (including e-infrastructures) and processing • Space Access to risk finance Innovation in SMEs energy Smart, green and integrated transport Climate action, resource efficiency and raw materials Inclusive, innovative and reflective societies Secure societies European Institute of Innovation and Technology (EIT) Spreading Excellence and Widening Participation Science with and for society Joint Research Center (JRC)
  7. 7. IL BUDGET APPROVATO Leadership industriale 17,0 Sfide per la società 29,7 HORIZON 2020 BUDGET 77 miliardi (prezzi correnti) Eccellenza scientifica 24,4 Altro 3,2 Istituto europeo di innovazione e tecnologia (EIT) 2,7
  8. 8. ECCELLENZA SCIENTIFICA OBIETTIVI SPECIFICI: rafforzamento della ricerca di frontiera, mediante le attività del CONSIGLIO EUROPEO DELLA RICERCA EXCELLENT SCIENCE European Research Council (ERC) Future and Emerging Technologies (FET) Marie Sklodowska-Curie actions Research infrastructures potenziamento della ricerca nel settore delle TECNOLOGIE FUTURE ED EMERGENTI (FET) rafforzamento delle competenze, della formazione e dello sviluppo della carriera, mediante le iniziative Marie Skłodowska-Curie (AZIONIMARIE CURIE) rafforzamento delle INFRASTRUTTURE DI RICERCA europee, comprese le e-infrastrutture (including e-infrastructures)
  9. 9. LEADERSHIP INDUSTRIALE OBIETTIVI SPECIFICI rafforzamento della leadership industriale dell'Europa mediante la ricerca, lo sviluppo tecnologico, la dimostrazione e L'INNOVAZIONE INDUSTRIAL LEADERSHIP Leadership in enabling and industrial technologies: • ICT • Nanotechnologies • Advanced materials • Biotechnology • Advanced manufacturing NEL SETTORE DELLE TECNOLOGIE ABILITANTI E INDUSTRIALI (LEIT) migliorare l'accesso al CAPITALE DI RISCHIO per investire nella ricerca e nell'innovazione rafforzare l'innovazione nelle PICCOLE E MEDIE IMPRESE and processing • Space Access to risk finance Innovation in SMEs
  10. 10. KEY ENABLING TECHNOLOGIES COSA SONO? Tecnologie “ad alta intensità di conoscenza e associate ad elevata intensità di RS, a cicli d’innovazione rapidi, a consistenti spese di investimento e a posti di lavoro altamente qualificati. Rendono possibile l’innovazione nei processi, nei beni e nei servizi in tutti i settori economici e hanno quindi rilevanza sistemica. Sono multidisciplinari, interessano tecnologie di diversi settori e tendono a QUALI SONO? Photonics Manufacturing Biotechnology convergere e a integrarsi. Possono aiutare i leader nelle tecnologie di altri settori a trarre il massimo vantaggio dalle loro attività di ricerca” Advanced Materials Micro/Nanoelectronics Nanotechnologies
  11. 11. SFIDE PER LA SOCIETÀ OBIETTIVO priorità che rispecchia le priorità strategiche della strategia Europa 2020 e affronta grandi preoccupazioni condivise dai cittadini europei e di altri paesi SOCIETAL CHALLENGES Health, demographics change and wellbeing Food security, sustainable agriculture, marine and maritime research and the bio-economy Secure, clean and efficient SFIDE 1. Health, demographics change and wellbeing 2. Food security, sustainable agriculture, marine and maritime research and the bio-economy 3. Secure, clean and efficient energy 4. Smart, green and integrated transport 5. Climate action, resource efficiency and raw materials 6. Inclusive, innovative and reflective societies 7. Secure societies energy Smart, green and integrated transport Climate action, resource efficiency and raw materials Inclusive, innovative and reflective societies Secure societies
  12. 12. I TEMI PREDEFINITI ICT Nanotechnologies, Advanced materials, Biotechnology, Advanced manufacturing and processing SPACE HEALTH, demographics change and wellbeing NMP+B TOP - DOWN FOOD security, sustainable agriculture, marine and maritime research and the bio-economy Secure, clean and efficient ENERGY Smart, green and integrated TRANSPORT Climate action, resource efficiency and raw materials (ENVIRONMENT) INCLUSIVE, INNOVATIVE and REFLECTIVE SOCIETIES SECURE societies (SECURITY)
  13. 13. TECHNOLOGY READINESS LEVEL (TRL) TRL 1 basic pprriinncciipplleess oobbsseerrvveedd TRL 2 technology concept formulated TRL 3 experimental proof of concept TRL 4 technology validated in lab TRL 5 technology validated in relevant environment (industrially relevant environment in the case of key enabling technologies) TRL 6 technology demonstrated in relevant environment (industrially relevant environment in the case of key enabling technologies) TRL 7 system prototype demonstration in operational environment TRL 8 system complete and qualified TRL 9 actual system proven in operational environment (competitive manufacturing in the case of key enabling technologies; or in space)
  14. 14. Le priorità di H2020 Climate change 35% Sustainability 60% SMEs 20% (budget di LEITs e SC)
  15. 15. SEMPLIFICAZIONE IN BREVE ACCESSO FACILITATO PRESENTAZIONE DELLE PROPOSTE FACILITATA MENO REPORTING TIME TTOO GGRRAANNTT PPIIÙÙ VVEELLOOCCEE PAGAMENTI PIÙ VELOCI MENO AUDIT
  16. 16. CONDIZIONI DI PARTECIPAZIONE CHI PUÒ PARTECIPARE? CHI PUÒ RICEVERE FINANZIAMENTO? qualsiasi soggetto giuridico stabilito in uno stato membro o associato* soggetti sprovvisti di personalità giuridica (purché con responsabilità contrattuale e finanziaria a carico dei legali rappresentanti) stabiliti in uno stato membro o associato* Joint Research Centre qualsiasi soggetto giuridico stabilito in uno stato membro o associato* Joint Research Centre Paesi ICPC organizzazioni internazionali di interesse EU organizzazioni internazionali e soggetti stabiliti in paesi terzi non ICPC solo se organizzazioni internazionali di interesse EU (CERN, ESA, etc.) organizzazioni internazionali e soggetti stabiliti in Paesi Terzi (in aggiunta alle condizioni minime) soggetti giuridici non-profit previsto dai Work Programme e accordi bilaterali oppure se essenziale per l’azione Possibilità di JOINT CALL con paesi terzi e organizzazioni internazionali * Norvegia, Islanda, Albania, Bosnia-Herzegovina, FYR Macedonia, Moldavia, Montenegro, Serbia, Turchia, Israele, Isole Faroe (da autunno 2014), Svizzera [dal 15/09/14 al 31/12/16 al 1° pilastro, Euratom, Spreading Excellence]
  17. 17. CONDIZIONI MINIME DI PARTECIPAZIONE CONDIZIONIMINIME in generale: almeno 3 soggetti giuridici ognuno di essi deve essere stabilito in uno Stato membro o un paese associato diverso tutti e tre i soggetti giuridici devono essere indipendenti l’uno dall’altro DEROGHE: azioni di ricerca di frontiera del Consiglio europeo della ricerca (ERC) strumento per le PMI (con evidente valore aggiunto europeo) cofinanziamento di programmi di ricerca Azioni di Supporto e Coordinamento Marie Curie dove indicato dai programmi di lavoro o i piani di lavoro
  18. 18. CASI SPECIFICI ATI e ATS • carattere occasionale temporaneo SOCIETÀ di PERSONE • trasferimento della titolarità dei beni conferiti dal patrimonio dei soci a quello della DI RETE • se con personalità giuridica = ok • se privo di personalità • assenza organismo comune • assenza di un fondo/patrimonio comune società secondo il parere della corte di cassazione • soggetto di diritto a cui si possono imputare diritti e obblighi derivanti dall’attività sociale CONTRATTO giuridica = l’eleggibilità valutata caso per caso (verificare se il contratto autorizza l’organo comune ad agire in rappresentanza della rete e non dei singoli imprenditori)
  19. 19. STRUMENTI H2020 CSA Co –Fund Ricerca collaborativa Research and innovation action Innovation action Eranet Marie Curie Cofund (+) Innovazione Strumento PMI ( 1 PMI) Pre – commercial procurement (PCP) Pubblic Procurement of Innovative solution (PPI) Coordination and Support Action Prize Fast track to innovation Strumento PMI (1 PMI)
  20. 20. RICERCA COLLABORATIVA RESEARCH AND INNOVATION ACTION (RIA) INNOVATION ACTION (IA) realizzazione di PIANI, PROGETTI O DISEGNI PER PRODOTTI/PROCESSI/SERVIZI nuovi, migliorati o modificati prototipazione, sperimentazione, creare NUOVE CONOSCENZE e/o verificare la FATTIBILITÀ di una nuova tecnologia, prodotto, processo, servizio o soluzione ricerca di base e applicata, sviluppo e integrazione tecnologica, test e dimostrazione, validazione del prodotto su larga scala e replicazione sul mercato + eventuale ma limitata attività di ricerca e sviluppo 70% dei costi diretti (100% per gli organismi no profit) flat rate del 25% per i costi indiretti validazione su un prototipo su piccola scala in un laboratorio o in un ambiente controllato + eventuale ma limitata attività pilota o di dimostrazione 100% dei costi diretti flat rate del 25% per i costi indiretti
  21. 21. COORDINATION AND SUPPORT ACTIONS (CSA) COORDINARE E SUPPORTARE le attività di ricerca e di innovazione misure di accompagnamento come standardizzazione, ddiisssseemmiinnaazziioonnee,, sensibilizzazione e comunicazione, networking, coordinamento o servizi di supporto, confronti sulle politiche, esercizi di apprendimento reciproco e studi 100% dei costi diretti flat rate del 25% per i costi indiretti
  22. 22. PARTECIPAZIONE ALLE PRIME CALL sono pervenute 16.000 proposte progettuali (quasi il doppio di quelle pervenute per i primi bandi del 7PQ) il tasso di successo medio per questo primo round di progetti sarà pari all'11% circa (la metà rispetto al 7PQ) tra i paesi che hanno presentato più proposte: Italia e Spagna il 44% dei partecipanti sono imprese (29% nel 7PQ), di cui circa la metà sono PMI le aree in cui sono pervenute più proposte sono: salute, food, ICT e cyber-security
  23. 23. FFaasstt TTrraacckk ttoo IInnnnoovvaattiioonn PPiilloott iiiinnnn HHHHoooorrrriiiizzzzoooonnnn 2222000022220000
  24. 24. CONTESTO DEL FAST TRACK TO INNOVATION PILOT (FTI) CRESCITA per EU capacità di creare nuova conoscenza e di trasformare le nuove idee in prodotti, processi e servizi commercialmente attraenti SERVIZI PRODOTTI PROCESSI SUL MERCATO VELOCEMENTE ATTRAVERSO RI SCHEMA DI FINANZIAMENTO APERTO E AGILE
  25. 25. FAST TRACK TO INNOVATION PILOT (FTI) PROGETTI INNOVATIVI dalla fase della dimostrazione alla diffusione sul mercato FASE PILOTA da TRL 6!! TEST-BEDS VALIDAZIONE IN AMBIENTE REALE VALIDAZIONE DI MODELLI DI BUSINESS RICERCA PRE-NORMATIVA STANDARDIZZAZIONE
  26. 26. LE REGOLE DEL FTI Tipologia di azione = INNOVATION ACTION finanziamento al 70% MASSIMO 5 PARTECIPANTI (SOLO DI STATIMEMBRI O STATI ASSOCIATI) CONTRIBUTO INDICATIVO per progetto = tra 1 e 2 M€ RISPETTO DI 1 DELLE SEGUENTI CONDIZIONIMINIME: o ALMENO il 60% del BUDGET complessivo della proposta ddeevvee eesssseerree aallllooccaattoo aa ORGANIZZAZIONI PRIVATE FOR PROFIT o il NUMERO MINIMO DI PARTECIPANTI PROVENIENTI DALL’INDUSTRIA 2 su 3/4 partner e 3 su 5 partner CONTRIBUTOMASSIMO per progetto = 3 MILIONI di € TOTALMENTE BOTTOM UP = le proposte possono riguardare qualsiasi “Societal Challenges” e “LEIT” LA PROPOSTA DEVE INCLUDERE UN BUSINESS PLAN
  27. 27. LE CALL = OPEN CALL APERTURA CALL: 6 gennaio 2015 SCADENZE/CUT OFF DATES: 2015 29/04/2015 01/09/2015 1/12/2015 BUDGET COMPLESSIVO 2015 (distribuito equamente): 100 M€ E DAL 2016 SI VALUTERÀ
  28. 28. LLoo SSMMEE iinnssttrruummeenntt iiiinnnn HHHHoooorrrriiiizzzzoooonnnn 2222000022220000
  29. 29. HORIZON 2020 E LE PMI PMI Dimensioni modeste, agilità e capacità di focalizzarsi in nicchie di mercato == ppoossiizziioonnee iiddeeaallee ppeerr cogliere opportunità e trend emergenti apportare vere e proprie svolte tecnologiche e servizi innovativi al mercato DRIVER dell’INNOVAZIONE
  30. 30. DEFINIZIONE DI PMI La definizione di PMI utilizzata dalla Commissione (da 01/01/2005): • Impegnata in una attività economica • 250 addetti • Fatturato annuo di ≤ € 50 Milioni oppure un bilancio totale di ≤ € 43 Milioni • Autonoma Definizione: http://ec.europa.eu/enterprise/policies/sme/facts-figures-analysis/ sme-definition/index_en.htm Guida alla definizione: http://ec.europa.eu/enterprise/enterprise_policy/sme_definiti on/sme_user_guide_it.pdf
  31. 31. HORIZON 2020 E LA COMPETITIVITÀ DELLE PMI LO STRUMENTO PER LE PMI RICERCA COLLABORATIVA CON ISTITUZIONI DI RICERCA STRUMENTI FINANZIARI
  32. 32. LO STRUMENTO PER LE PMI: obiettivo COLMARE il GAP di FINANZIAMENTO per PMI INNOVATIVE con AMBIZIONI INTERNAZIONALI
  33. 33. LO STRUMENTO PER LE PMI: in breve Fase 1: Fase 2: € € valutazione dell’idea e della fattibilità RS, dimostrazione, prima applicazione commerciale Fase 3: commercializzazione COACHING
  34. 34. FASE 1 LO STRUMENTO PER LE PMI: le 3 fasi VALUTAZIONE DELL’IDEA E DELLA FATTIBILITÀ Lump sum 50.000 € Input: Business Plan I“ (~ 10 pp.) VERIFICA DELLA FATTIBILITÀ • Verifica della fattibilità tecnica e commerciale • Esplorazione del regime di FASE 2 RS, DIMOSTRAZIONE, PRIMA APPLICAZIONE COMMERCIALE 70% (~0.5 – 2.5 M€) Input: Business plan II + “Descrizione del progetto da realizzare in fase 2 (~ 30 pp.) DIMOSTRAZIONE DEL POTENZIALE COMMERCIALE • Prototipazione • Testing FASE 3 COMMERCIALIZZAZIONE nessun finanziamento diretto Input: Business plan III“ COMMERCIALIZZAZIONE • EU 'Quality label' (promozione e networking con finanziatori e clienti) • Formazione Proprietà intellettuale •Design study • Sviluppo dell’applicazione pilota • Risk Assessment Output: Business plan II“ • Piloting •Miniaturiizzazione • Scaling-up •Market replication Output: investor-ready Business plan III ~ 6 MESI ~ 12-24 MESI sull’Investment Readiness • SME window negli strumenti finanziari (strumenti di capitale di rischio e di debito) • Possibile link a network di public procurement
  35. 35. LE CARATTERISTICHE Indirizzato a TUTTI I TIPI di PMI INNOVATIVE con forte volontà di crescere, svilupparsi e internazionalizzarsi SOLO le PMI potranno richiedere finanziamenti (il sostegno a una sola impresa è possibile, ma la collaborazione certamente consigliabile) COMPETITIVO, dimensione EU = solo le migliori iiddeeee ppaassssaannoo llaa ffaassee 11 Orientato al MERCATO: attività close-to-market: finanziamento al 70% (eccezioni possibili) Possibilità di entrare nella fase 1 e fase 2 Applicato in tutte le 'societal challenges' e nei ‘key enabling technologies’ ma
  36. 36. LE CALL = OPEN CALL APERTURA CALL: 1° MARZO 2014 (FASE 1 e 2) SCADENZE/CUT OFF DATES: 22001144 22001155 FASE 1 FASE 2 FASE 1 FASE 2 18/06/2014 09/10/2014 18/03/2015 18/03/2015 24/09/2014 17/12/2014 17/06/2015 17/06/2015 17/12/2014 17/09/2015 17/09/2015 16/12/2015 16/12/2015
  37. 37. PARTECIPAZIONE AL 1° CUT OFF (18 GIUGNO 2014) 2.666 PROPOSTE PRESENTATE 164 PROPOSTE FFIINNAANNZZIIAATTEE
  38. 38. PARTECIPAZIONE AL 1° CUT OFF (18 GIUGNO 2014)
  39. 39. Tipologia di partnership 6% PMI in partnership (per lo più di 2 PMI) PARTECIPAZIONE AL 1° CUT OFF (18 GIUGNO 2014) ITALIA 94% PMI singola
  40. 40. PARTECIPAZIONE AL 2° CUT OFF (24 settembre 2014) 1944 PROPOSTE PRESENTATE 4600 PROPOSTE PRESENTATE IN TOTALE
  41. 41. PARTECIPAZIONE AL 2° CUT OFF (24 settembre 2014)
  42. 42. I servizi a supporto della partecipazione delle imprese iinn EEmmiilliiaa--RRoommaaggnnaa
  43. 43. I REFERENTI NAZIONALI NATIONAL CONTACT POINT RAPPRESENTANTI NAZIONALI PER I COMITATI DEL PROGRAMMA fornire informazioni sulle modalità di partecipazione al PQ fornire assistenza alla presentazione di progetti di ricerca assicurare una buona copertura geografica nello stato in cui opera competenza e impegno nel ruolo collaborazione con la struttura del MUR collaborazione con la rete dei NCP supporto nella elaborazione di strategie paese assicurare il contatto con la Commissione e con gli omologhi negli altri Stati membri segnalare ad altre reti comunitarie (es. Enterprise Europe Network) quei potenziali partecipanti che hanno bisogno di assistenza (es. brevetti e/o trasferimento tecnologico) a sostegno della partecipazione al PQ partecipazione ai comitati di programma partecipazione alla consultazione in fase di elaborazione dei programmi di lavoro http://www.apre.it/ricerca-europea/horizon-2020/ncp/ http://www.apre.it/ricerca-europea/horizon- 2020/rappresentanti-comitato-h2020/
  44. 44. ASTER: I SERVIZI PER L’ACCESSO AAII FFOONNDDII EEUURROOPPEEII INFORMAZIONE APPROFONDIMENTO ORIENTAMENTO E SUPPORTO FORMAZIONE RICERCA PARTNER TRANSNAZIONALE
  45. 45. PER ULTERIORI IINNFFOORRMMAAZZIIOONNII ASTER S. Cons. p. a. Via P. Gobetti, 101 I-40129 Bologna Tel: +39 051 639 8099 e-mail: apre@aster.it www.aster.it first.aster.it GRAZIE PER L’ATTENZIONE!

×