Intro tw

426 views

Published on

Introduzione al laboratorio di Strumenti logici per la comunicazione (technical writing), Università degli studi di Milano Bicocca, AA 2008/09

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
426
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Intro tw

  1. 1. Piero Schiavo CampoLaboratorio diTechnical Writing Introduzione
  2. 2. Comunicare (uno a uno) Destinazione Strumento Fonte Canale trasmissivo Autore Lettore Organizzazione del messaggio Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  3. 3. Comunicare (uno a molti) Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  4. 4. Comunicare (molti a molti) Elaborazione culturale Rete sociale Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  5. 5. La domanda fondamentale Chi è il mio lettore? ? • Cosa conosce già? • Cosa gli serve sapere? • Come faccio a comunicarglielo? Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  6. 6. Comunicazione e conoscenza pregressa (1) Era già l’ora che volge il disio Tanto gentile e tanto onesta pare Elemento comunicato Universo conoscitivo del lettore Banale! Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  7. 7. Comunicazione e conoscenza pregressa (2) Era già l’ora che volge il disio La donzelletta vien dalla campagna Elemento comunicato Universo conoscitivo del lettore Accettabile Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  8. 8. Comunicazione e conoscenza pregressa (3) Era già l’ora che volge il disio E=mc2 Elemento comunicato Universo conoscitivo del lettore Indecifrabile! Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  9. 9. Atteggiamento A - Semplificazione Era già l’ora che volge il disio La donzelletta vien dalla campagna Tagliamo quello che Il lettore non capisce Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  10. 10. Un esempio 1. Gestisco un medium 2. Devo fare profitto 3. Faccio profitto se guadagno quote di ascolto 4. Guadagno quote di ascolto se do ai miei lettori qualcosa che gradiscono 5. I lettori non gradiscono fare fatica dunque 6. Semplifico al massimo Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  11. 11. Atteggiamento B – E’ un problema del lettore Era già l’ora che volge il disio Einstein vien dalla campagna e dice: E = mc2 Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  12. 12. Un esempio Molta prosa scientifica  Articoli su riviste specialistiche  Didattica della matematica Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  13. 13. Modalità comunicativa bottom-up La rosa fiorisce Il pesco fiorisce Le piante …quindi fioriscono Il gelsomino fiorisce Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  14. 14. Modalità comunicativa top-down La rosa fiorisce Le piante Il pesco fiorisce fioriscono Infatti… Il gelsomino fiorisce Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  15. 15. Modalità comunicative Bottom-up:  Più vicina all’atteggiamento A Top-down:  Più vicina all’atteggiamento B Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  16. 16. Stili comunicativi (comunicazione tecnica) Tutorial:  Ti insegno come fare le cose  Tipicamente Bottom-up Reference:  Ti insegno quello che devi sapere, poi tu fai le cose  Tipicamente Top-down Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  17. 17. Reference Taglia il testo selezionato, e lo inserisce nel clipboard Copia il testo selezionato e lo inserisce nel clipboard Incolla il contenuto del clipboard nel punto di inserimento Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  18. 18. Tutorial Per copiare una parte di testo:  Seleziona il testo da copiare  Premi  Porta il cursore dove vuoi copiare il testo  Premi Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  19. 19. Reference: esempi, vantaggi, svantaggiUn’enciclopedia, un manuale Il lettore deve capire cometecnico usare l’informazione • E’ facile trovare gli argomenti • L’informazione è completa • L’informazione è chiusa (il reference contiene tutto quello che serve) Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09
  20. 20. Tutorial: esempi, vantaggi, svantaggiUn manuale operativo • L’informazione è aperta • Il lettore non sa se gli è stato detto tutto • Contestualizzazione • L’informazione è usabile immediatamente Piero Schiavo Campo – Laboratorio di Technical Writing – Università degli Studi di Milano Bicocca – AA 2008/09

×