Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Struttura fiaba

4,607 views

Published on

Esempio di struttura di una fiaba di Hans Christian Andersen. Attività per la classe 3

Published in: Education
  • Be the first to comment

Struttura fiaba

  1. 1. I cigni Introduzione o situazione inizialeIn un regno lontano viveva un tempo una bellissima vengono indicatiprincipessa di nome Elisa. il luogo (imprecisato un regno lontano)La principessa e i suoi undici fratelli, dopo la morte il tempo (indefinito un tempo)della madre, vivevano con il re loro padre e lamatrigna, una maga molto gelosa dell’amore che il re la protagonista Elisanutriva per i figli. l’antagonista matrigna-maga altri personaggi gli undici fratelli Svolgimento o sviluppoUn giorno la matrigna scacciò Elisa dal regno e Allontanamento del protagonistacon un incantesimo trasformò i principi in cigni. Danneggiamento incantesimoDopo aver camminato per giorni interi, Elisa giunse almare e sulla spiaggia vide undici cigni bianchi con unacorona d’oro sul capo.La principessa non faceva che pensare a comeavrebbe potuto liberare i suoi fratelli dal terribileincantesimoUna notte le apparve in sogno la fata Morgana, che le Intervento dell’aiutante (fata Morgana) edisse: - Per salvare i tuoi fratelli, dovrai raccogliere fornitura dell’oggetto magico (tessere 11 tuniche)a mani nude le ortiche che crescono nel cimitero,poi dovrai schiacciarle con i piedi nudi fino aottenere una fibra con la quale dovrai tessereundici tuniche. Non appena le getterai sopra icigni, l’incantesimo verrà spezzato, ma per tutto iltempo non dovrai pronunciare una sola parola.Ogni giorno, in silenzio, Elisa raccoglieva le ortiche, le
  2. 2. schiacciava, filava e tesseva. Le sua mani e i suoipiedi a contatto con le ortiche bruciavano, ma non sene curava.Un giorno il principe di quel paese vide una bellissima Prova da superareragazza silenziosa, se ne innamorò e la portò apalazzo con sé. Ma Elisa pensava sempre ai suoifratelli, però non poteva parlare, altrimentil’incantesimo non avrebbe funzionato.Una sera fuggi e si diresse verso il cimitero perraccogliere le ultime ortiche. Un uomo che l’avevaseguita si mise ad urlare: - E’ una strega: solo lestreghe raccolgono le ortiche nei cimiteri!Elisa non poteva difendersi, perciò fu condannataa morte: l’avrebbero bruciata viva.Mentre stava per salire sul rogo, undici cigni si Utilizzo dell’oggetto magico e rotturaposarono attorno a lei. dell’incantesimoElisa gettò le undici tuniche sopra i cigni, cheripresero le loro sembianze umane: erano i suoi fratelliche l’abbracciarono commossi. ConclusioneLa principessa, libera di parlare, poté finalmente Lieto fineraccontare la sua triste storia. Il principe la prese permano e le chiese di sposarlo.

×