Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Storytelling digitale e webdocumentario sociale

2,751 views

Published on

La presentazione di Giordano Cossu al webinar del 3 marzo del progetto Dev Reporter Network

Published in: Education
  • Login to see the comments

Storytelling digitale e webdocumentario sociale

  1. 1. STORYTELLING DIGITALE E WEBDOCUMENTARIO SOCIALE 3 MARZO 2015 ore 18-19,30 Giordano Cossu @Agashya
  2. 2. Perché raccontare temi sociali? per denunciare una situazione di ingiustizia o ineguaglianza, o di rischio. per sensibilizzare un pubblico più ampio perché di certi temi non si parla mai in TV, o non in modo approfonditoin modo approfondito Per trovare e federare una comunità di persone interessate, e spingerle ad agire.
  3. 3. Perché farlo con il web? Il principio è che: 1. seguire percorsi di navigazione di contenuti 2. spiegare mostrando – immagini e suoni 3. pubblicare su reti sociali3. pubblicare su reti sociali 4. commentare o aggiungere contenuti tutte queste azioni comportano un maggior grado di implicazione nel tema
  4. 4. Principii della costruzione interattiva 1. L'utente trova contenuti « al suo passo » 2. traccia connessioni tra risorse 3. ha un senso di « immersione » in una realtà 4. passa all'azione (prende la parola, inoltra, si interessa a4. passa all'azione (prende la parola, inoltra, si interessa a uno specifico tema, online o offline).
  5. 5. I formati di storytelling multimediale 1. Reportage con foto e/o audio (preponderanza a testo oppure contenuti multimediali) 2. Video 'classico', stand-alone 3. Diaporama sonoro (foto e suono complementari) 4. Long story (scrollytelling) 5. Webdocumentario 6. Serious game
  6. 6. Esempi di webdocumentari realizzati
  7. 7. Per realizzare un buon soggetto... Raccogliere documentazione esauriente sul soggetto PRIMA di intraprendere il viaggio DIMENTICARLA una volta sul posto osservare, farsi una idea propria, guardare aspetti positivi e negativiaspetti positivi e negativi parlare con le persone più diverse ottenere i permessi necessari per filmare o ‘fare domande' prendere i mezzi di trasporto in comune passare più tempo possibile in loco.
  8. 8. Come (non) si fa un ‘buon’ reportage sociale /1 Fonte: Dochas.ie
  9. 9. Come (non) si fa un ‘buon’ reportage sociale /2 Fonte: Youphil.com
  10. 10. Tradotto: Gli ingredienti ‘etici’ di un reportage 1. Immagini nel rispetto di eguaglianza, solidarietà, giustizia 2. Spiegare il problema, non attirare l'attenzione 3. Evitare stereotipi e semplificazioni. 4. Implicare le persone incontrate, spiegare perché4. Implicare le persone incontrate, spiegare perché siamo lì e a chi e dove mostreremo le immagini. 5. Lasciare il tempo di parlare, anche liberamente. 6. Prendere bene i nomi, se possibile i dati di contatto. 7. Con bambini e persone particolarmente vulnerabili, lasciare che siano persone locali a parlare.
  11. 11. ... e un Code of Conduct di riferimento
  12. 12. Vediamo ora alcune forme di storytelling su temi di sviluppo nel mondo Webdocumentari: Ruanda 20 anni dopo (www.lastampa.it/medialab/ruanda) Femmes du Rwanda (femmes-rwanda.tv5monde.com) Interactive scrollytelling: Reconstruire Haiti (apps.rue89.com/haiti)Reconstruire Haiti (apps.rue89.com/haiti) Role gamedocumentary: Game of Influences (jeu-d-influences.france5.fr) Serious game: Ayiti The Cost of Life (www.brainpop.com/games/ayitithecostoflife/)
  13. 13. Pericoli nella costruzione del webdocumentario • Evitare eccessiva libertà di navigazione Filo conduttore chiaro e visibile • Essenziale vs accessorio
  14. 14. Pericoli nella costruzione del webdocumentario Video di 3-8 minuti. Se più lunghi, inserire « sottocapitoli » Right to exit
  15. 15. Il Dream Team... Un giornalista/ documentarista Un grafico Uno sviluppatore web
  16. 16. ... o qualche buon tool di sviluppo, ad esempio: Klynt Racontr www.klynt.net www.racontr.com
  17. 17. Gli step di produzione 1. La ricerca e una prima ipotesi di soggetto 2. Un primo viaggio per reperire la “materia”, trovare il punto di vista, l’ingresso nella storia, il “vero” soggetto. 3. Realizzare un trailer e un documento di descrizione del progetto, con delle “prove” di navigazione 4. Trovare i partner adeguati (media, associazioni, fondazioni, organizzazioni civiche, crowdfunding)fondazioni, organizzazioni civiche, crowdfunding) 5. Insistere, insistere, insistere 6. Tornare per la “vera” fase di realizzazione, mentre lo sviluppo dell’interfaccia può cominciare in parallelo 7. Montaggio, post-produzione e testing 8. Pubblicare online 9. Seguire, promuovere, utilizzare il webdocumentario per costruire una comunità attorno al tema o problema
  18. 18. Giordano Cossu Grazie! Giordano Cossu @Agashya giordano.cossu@hiryalab.net www.hiryalab.net

×