Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Il disegno della ricerca qualitativa

  • Be the first to comment

Il disegno della ricerca qualitativa

  1. 1. Il disegno della ricerca qualitativaLaboratorio di ricerca sociale 31 ottobre 2012 Oana Marcu
  2. 2. Disegno della ricercaApproccio quantitativoApproccio qualitativoApproccio mixed methodsApproccio ricerca azione e ricerca partecipata
  3. 3. Perché è importante?Pianificazione, tempistiche e risorseProgettazione e presentazione alla committenzaPrima valutazione della fattibilitàAnticipare i problemi e possibili soluzioni
  4. 4. Elementi del disegno della ricerca1. Obiettivi: Perché stai facendo la ricerca?2. Contesto concettuale: Che cosa pensi stia succedendo?3. Domande di ricerca: Che cosa vuoi capire?4. Metodi: Che cosa farai?
  5. 5. 1. Obiettivi: perché stai facendo laricerca? La ricerca di qualsiasi tipo ha in primo luogo un obiettivo conoscitivo.Ma questo non è tutto...nella definizione dell’obiettivo di ricerca intervengono: Interessi dei committenti Esperienza e interessi dell’equipe Interessi dei partecipanti alla ricerca Obiettivi di cambiamento (sopratutto nella ricerca azione)
  6. 6. La ricerca è un atto comunicativoNel definire gli obiettivi dobbiamo tenere in mente chi è il pubblico della comunicazione: Chi vogliamo ci ascolti Perché ci dovrebbe ascoltare
  7. 7. Obiettivi e interessi personaliEsercizio: Elencate al meno 2 modi in cui la vostra identità ha influito sui primi passi (già compiuti) della vostra ricerca e al meno 3 modi in cui pensate che essa inciderà nel suo concreto svolgimento.
  8. 8. Obiettivi delle ricerche qualitativeComprendere il significatoComprendere il contestoDescrivere fenomeni emergentiComprendere i processiOffrire delle spiegazioni
  9. 9. 2. Il contesto concettuale: Che cosa pensi stia succedendo?Ha più fonti:La propria conoscenza esperienziale (a.k.a bias)Teorie e ricerche esistentiStudi pilota ed esplorativiSpeculazione (esperimenti del pensiero, immaginazione)
  10. 10. Elaborare il contesto concettuale Qualsiasi oggetto della ricerca è complesso – la prima concettualizzazione significa anche selezionare ciò che più ci interessa vedere.
  11. 11. EsercizioElaborate in gruppo al meno tre scenari diversi su quello può darsi stia succedendo nel contesto di ricerca che avete scelto.
  12. 12. Stazione centrale: alcune ricerche1. Colombo, Navarini (1999) Confini dentro la città. Antropologia della Stazione Centrale di Milano, Milano: Guerini2. Conte, M., Rampini, A., Marcu, O., Pitariu, B. (2007) Uno studio di caso e ipotesi di intervento: i minori di strada sfruttati e/o coinvolti in attività illegali a Milano, in La strada dei dritti – Concluding report of the Action 3 of the European Year of Equal Opportunities, Save the Children Italia, pp. 49-543. Anghel (2011) From irregular migrants to fellow Europeans: Changes in Romanian migratory flows, in Bommes, Sciortino (eds) Foggy social structures, Amsterdam University Press
  13. 13. 3. Le domande di ricercaDomande aperte, di tipo esplorativo, qualitativo, di percezione o di processo.Generalizzazione o particolarizzazione?Strumentali o realiste?
  14. 14. Esempi di domande di ricerca Qual è l’iter della presa in carico dei minorenni che vengono separati dalla propria famiglia? Qual è la percezione che i migranti che hanno subito infortuni sul lavoro hanno dei servizi INAIL? Come favorisce il contesto locale la migrazione dei rom della zona Sud Ovest della Romania?
  15. 15. EsercizioIn base agli scenari costruiti prima, fate un passo indietro e formulate le domande: che cos’è che non sapete sul contesto della vostra ricerca?Formulate al meno 3 domande per la vostra ricerca
  16. 16. 4. MetodiLa scelta dei metodi è estremamente legata ai passi precedenti e al gruppo che si studierà.Nella scelta delle persone da interpellare dobbiamo prendere in considerazione tutti quelli che incidono in qualche modo sulla situazione/sul contesto.
  17. 17. Scelta dei metodi: domande da farsi Quanto è “visibile” il gruppo/il fenomeno? Quanto è accessibile? In quali spazi, in quali momenti? Quanto è facile interagire? Come verrebbe percepito il mio approccio? La mia presenza è insolita? Che rapporti ho/posso costruire con il contesto/le persone?
  18. 18. Esempio: processo di una ricercabiografica • Costruzione della prima traccia • Costruzione del campione teoricoStadio 1 Si ripete •Set di interviste (trascrizioni e report) quante volte •Briefing di coordinamentoStadio 2 necessario •Ridefinizione traccia e campione • Analisi longitudinale e trasversale dei testi • Elaborazione modelli interpretativiStadio 3
  19. 19. Equipe, collaborazione e partecipazioneIl gruppo come una risorsaDinamiche di gruppo e presenza sul campo: persone diverse, ruoli diversiRiflessività e lavoro di gruppo: il diarioAffrontare i problemi di dinamica di gruppo: il feedback costruttivo
  20. 20. Esercizio per la prossima voltaCompilare in seguito ad una visita in loco la scheda del disegno della ricerca

×