Il disegno della ricerca qualitativa

8,284 views

Published on

Published in: Education
  • Be the first to comment

Il disegno della ricerca qualitativa

  1. 1. Il disegno della ricerca qualitativaLaboratorio di ricerca sociale 31 ottobre 2012 Oana Marcu
  2. 2. Disegno della ricercaApproccio quantitativoApproccio qualitativoApproccio mixed methodsApproccio ricerca azione e ricerca partecipata
  3. 3. Perché è importante?Pianificazione, tempistiche e risorseProgettazione e presentazione alla committenzaPrima valutazione della fattibilitàAnticipare i problemi e possibili soluzioni
  4. 4. Elementi del disegno della ricerca1. Obiettivi: Perché stai facendo la ricerca?2. Contesto concettuale: Che cosa pensi stia succedendo?3. Domande di ricerca: Che cosa vuoi capire?4. Metodi: Che cosa farai?
  5. 5. 1. Obiettivi: perché stai facendo laricerca? La ricerca di qualsiasi tipo ha in primo luogo un obiettivo conoscitivo.Ma questo non è tutto...nella definizione dell’obiettivo di ricerca intervengono: Interessi dei committenti Esperienza e interessi dell’equipe Interessi dei partecipanti alla ricerca Obiettivi di cambiamento (sopratutto nella ricerca azione)
  6. 6. La ricerca è un atto comunicativoNel definire gli obiettivi dobbiamo tenere in mente chi è il pubblico della comunicazione: Chi vogliamo ci ascolti Perché ci dovrebbe ascoltare
  7. 7. Obiettivi e interessi personaliEsercizio: Elencate al meno 2 modi in cui la vostra identità ha influito sui primi passi (già compiuti) della vostra ricerca e al meno 3 modi in cui pensate che essa inciderà nel suo concreto svolgimento.
  8. 8. Obiettivi delle ricerche qualitativeComprendere il significatoComprendere il contestoDescrivere fenomeni emergentiComprendere i processiOffrire delle spiegazioni
  9. 9. 2. Il contesto concettuale: Che cosa pensi stia succedendo?Ha più fonti:La propria conoscenza esperienziale (a.k.a bias)Teorie e ricerche esistentiStudi pilota ed esplorativiSpeculazione (esperimenti del pensiero, immaginazione)
  10. 10. Elaborare il contesto concettuale Qualsiasi oggetto della ricerca è complesso – la prima concettualizzazione significa anche selezionare ciò che più ci interessa vedere.
  11. 11. EsercizioElaborate in gruppo al meno tre scenari diversi su quello può darsi stia succedendo nel contesto di ricerca che avete scelto.
  12. 12. Stazione centrale: alcune ricerche1. Colombo, Navarini (1999) Confini dentro la città. Antropologia della Stazione Centrale di Milano, Milano: Guerini2. Conte, M., Rampini, A., Marcu, O., Pitariu, B. (2007) Uno studio di caso e ipotesi di intervento: i minori di strada sfruttati e/o coinvolti in attività illegali a Milano, in La strada dei dritti – Concluding report of the Action 3 of the European Year of Equal Opportunities, Save the Children Italia, pp. 49-543. Anghel (2011) From irregular migrants to fellow Europeans: Changes in Romanian migratory flows, in Bommes, Sciortino (eds) Foggy social structures, Amsterdam University Press
  13. 13. 3. Le domande di ricercaDomande aperte, di tipo esplorativo, qualitativo, di percezione o di processo.Generalizzazione o particolarizzazione?Strumentali o realiste?
  14. 14. Esempi di domande di ricerca Qual è l’iter della presa in carico dei minorenni che vengono separati dalla propria famiglia? Qual è la percezione che i migranti che hanno subito infortuni sul lavoro hanno dei servizi INAIL? Come favorisce il contesto locale la migrazione dei rom della zona Sud Ovest della Romania?
  15. 15. EsercizioIn base agli scenari costruiti prima, fate un passo indietro e formulate le domande: che cos’è che non sapete sul contesto della vostra ricerca?Formulate al meno 3 domande per la vostra ricerca
  16. 16. 4. MetodiLa scelta dei metodi è estremamente legata ai passi precedenti e al gruppo che si studierà.Nella scelta delle persone da interpellare dobbiamo prendere in considerazione tutti quelli che incidono in qualche modo sulla situazione/sul contesto.
  17. 17. Scelta dei metodi: domande da farsi Quanto è “visibile” il gruppo/il fenomeno? Quanto è accessibile? In quali spazi, in quali momenti? Quanto è facile interagire? Come verrebbe percepito il mio approccio? La mia presenza è insolita? Che rapporti ho/posso costruire con il contesto/le persone?
  18. 18. Esempio: processo di una ricercabiografica • Costruzione della prima traccia • Costruzione del campione teoricoStadio 1 Si ripete •Set di interviste (trascrizioni e report) quante volte •Briefing di coordinamentoStadio 2 necessario •Ridefinizione traccia e campione • Analisi longitudinale e trasversale dei testi • Elaborazione modelli interpretativiStadio 3
  19. 19. Equipe, collaborazione e partecipazioneIl gruppo come una risorsaDinamiche di gruppo e presenza sul campo: persone diverse, ruoli diversiRiflessività e lavoro di gruppo: il diarioAffrontare i problemi di dinamica di gruppo: il feedback costruttivo
  20. 20. Esercizio per la prossima voltaCompilare in seguito ad una visita in loco la scheda del disegno della ricerca

×