Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Uno sguardo sull’istruzione indicatori dell’ocse (2014) - Italia

2,371 views

Published on

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell’istruzione. Con le sempre maggiori difficoltà incontrate nella ricerca di un lavoro, la motivazione dei giovani italiani nei confronti dell’l’istruzione è infatti diminuita.

Published in: Education
  • Be the first to comment

Uno sguardo sull’istruzione indicatori dell’ocse (2014) - Italia

  1. 1. 1 Uno Sguardo sull’Istruzione Indicatori del l’OCSE (2014) Presentazione - conferenza stampa in Italia (9 settembre 2014)
  2. 2. • Il rapporto scuola/università-lavoro • Migliorare la qualità formativa • Preparare il rinnovo degli insegnanti Tre sfide per l’Italia Uno Sguardo sull’Istruzione 2014
  3. 3. “Se non serve a trovare lavoro, non studio” Il rapporto scuola/università-lavoro Uno Sguardo sull’Istruzione 2014
  4. 4. Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell’istruzione. Con le sempre maggiori difficoltà incontrate nella ricerca di un lavoro, la motivazione dei giovani italiani nei confronti dell’l’istruzione è infatti diminuita. 4
  5. 5. 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100 Australia Latvia Iceland Poland New Zealand Norway Slovenia Denmark United States Russian… Korea United Kingdom Finland Netherlands Portugal Slovak Republic Sweden Israel Czech Republic Saudi Arabia OECD average EU21 average Ireland Hungary Germany Austria Spain Japan Chile Italy Switzerland Estonia France Turkey Greece Mexico Belgium Luxembourg Indonesia China % 2008 2012 Una proiezione effettuata sui dati 2012 indica che il 47% dei giovani adulti entrerà all’università Tassi d’ingresso nell’istruzione terziaria di tipo A (2008 e 2012) Table C3.2a %
  6. 6. La partecipazione all’istruzione tra i 15-19enni è aumentata dal 1995 al 2005, per poi stabilizzarsi Tassi di iscrizione dei 15-19enni in percorsi di studio a tempo pieno e tempo parziale nel pubblico e nel privato (1995, 2000, 2005 and 2012) 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Belgium Latvia Ireland Netherlands Hungary Poland Slovenia Czech Republic Germany Iceland EU21 average Denmark Korea Norway Australia Portugal Spain Estonia Finland Sweden Slovak Republic Greece Saudi Arabia Switzerland France OECD average Russian Federation New Zealand Canada United States Italy Austria Luxembourg United Kingdom Brazil South Africa Luxembourg Chile Argentina Indonesia Israel Turkey Mexico Colombia China 2012 2005 2000 1995 % Chart C1.2
  7. 7. 15 14 0 3947606399 5 10 20 25 Belgium Hungary Sweden Netherlands Greece Latvia Ireland Czech Republic Korea Slovenia Poland Finland Russian Federation Germany EU21 average Portugal Norway Estonia Japan Spain Slovak Republic Denmark Iceland OECD average New Zealand Israel Australia Austria France Switzerland United Kingdom Saudi Arabia Chile Italy United States Brazil Canada Indonesia Luxembourg South Africa Argentina Turkey Mexico China Colombia India % Tra I 17enni, uno su sette ha già abbandonato gli studi Percentuale della popolazione iscritta in un percorso di studi a 17 anni (2012) Table C1.1b
  8. 8. Popolazione “NEET” tra i 20-24enni (2008 e 2012) 40 35 30 25 20 15 10 5 0 Netherlands Nel 2012, il 32% dei 20-24enni non lavorava e non studiava (nel 2008 erano il 22%) Iceland Luxembourg Norway Austria Germany Slovenia Switzerland Australia Czech Republic Sweden Denmark Canada Finland Greece New Zealand Estonia OECD average Belgium EU21 average United States Israel Poland France United Kingdom Slovak Republic Hungary Korea Portugal Mexico Ireland Spain Turkey Italy % 2008 2012 Chart C5.1
  9. 9. Tutto lascia pensare che l’università e la scuola non siano viste dai ragazzi e dalle loro famiglie come un aiuto per migliorare la loro posizione sul mercato del lavoro, ma come parte del problema. Per ridare centralità alla scuola e all’università, è fondamentale creare un legame forte con il mondo del lavoro. 9
  10. 10. Apprendimento lungo l’arco della vita (LLL): nel 2012, solo un adulto su quattro ha partecipato a una formazione Partecipazione degli adulti (25-64 anni) in percorsi di studio/formazione formali o informali (2012) 66 66 66 64 64 59 58 56 56 53 53 51 51 50 50 49 48 47 42 36 35 33 25 20 100 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Finland Denmark Sweden Norway Netherlands United States Canada England/N. Ireland (UK) Australia Germany Estonia Average Ireland Korea Czech Republic Flanders (Belgium) Austria Spain Japan France Poland Slovak Republic Italy Russian Federation % Chart C6.1
  11. 11. Migliorare le competenze dei giovani adulti Uno Sguardo sull’Istruzione 2014
  12. 12. Meno giovani escono dal sistema di istruzione senza titolo di studio, e più giovani si laureano che in passato. Ciononostane, l’Italia ha un tasso di diplomati e laureati tra i più bassi nell’OCSE. 12
  13. 13. Il numero di giovani usciti senza titolo di studio dal sistema d’istruzione è diminuito… Table A1.4a Percentuale dei 25-34enni senza titolo di studio secondario (2000,2012) 0 10 20 30 40 50 60 70 80 Korea Russian… Poland Slovenia Slovak Republic Czech Republic Canada Sweden Israel Finland Switzerland United States Austria Hungary Germany Australia Estonia Luxembourg Ireland Latvia United Kingdom EU21 average France Netherlands OECD average Greece Norway Belgium Denmark New Zealand Iceland Italy Spain Brazil Portugal Turkey Mexico % 2000 2012
  14. 14. Percentuale dei 25-34enni con un titolo di studio secondario – tipo A o tipo B(2000,2012) 70 60 50 40 30 20 10 0 … ed è aumentata tra i giovani adulti (25-34 anni) la percentuale di laureati (e laureate) Table A1.4a Korea Japan Canada Luxembourg Ireland United Kingdom Australia New Zealand Norway Israel United States Sweden Belgium France Netherlands Poland Switzerland Denmark Estonia Finland OECD average Spain Latvia Iceland EU21 average Slovenia Greece Hungary Germany Portugal Czech Republic Slovak Republic Mexico Austria Italy Turkey % 2000 2012
  15. 15. Il 62% dei nuovi laureati è donna Table A3.3 Percentuale di diplomi del terziariodi tipo A (lauree) e di programmi di ricerca avanzati (dottorati) attribuiti a donne (2000,2012) 44 56 2000 38 62 2012
  16. 16. Le donne sono meglio rappresentate che in altri paesi anche nelle aree disciplinari più « maschili » Table A3.3 Percentuale di diplomi del terziariodi tipo A (lauree) e di programmi di ricerca avanzati (dottorati) attribuiti a donne (2012) Ingegneria 60 40 Italia Informatica 75 25 72 28 Media OCSE 80 20
  17. 17. La sfida più importante però è migliorare la qualità dell’istruzione ed elevare le competenze dei diplomati e dei laureati 17
  18. 18. 340 320 300 280 260 240 220 200 Senza titolo di studio secondario Titolo di studio secondario o post-secondario non terziario Titolo di studio terziario Finland Czech Republic Flanders (Belgium) Netherlands Austria Sweden Japan Germany Slovak Republic Norway Denmark France Average Estonia Australia Northern Ireland (UK) United States Poland Canada Korea Italy Ireland England (UK) Spain Russian Federation Le competenze matematiche dei 25-34enni italiani con titolo di studio universitario sono basse Punteggio medio dei 25-34enni nelle prove matematiche (PIAAC) , secondo il titolo di studio (2012) Table A1.9a (N)
  19. 19. La qualità dell’istruzione di base ha iniziato a migliorare, nonostante la riduzione della spesa per istruzione 19
  20. 20. A cosa corrispondon le competenze di base in PISA Salita del Monte Fuji Il monte Fuji è aperto al pubblico solo dal 1° luglio al 27 agosto ogni anno. Circa 200’000 persone salgono sul monte Fuji durante questo periodo. In media, quante persone salgono sul monte Fuji ogni giorno? A. 340 B. 710 C. 3400 D. 7100 E. 7400
  21. 21. La percentuale di studenti quindicenni che non raggiunge un livello di base in matematica è calata Chart A9.3 (2) Percentuale di “low performers” in matematica, PISA 2003 and 2012 0 10 20 30 40 50 60 70 80 90 Hong Kong-China Korea Macao-China Japan Finland + Switzerland Canada + Liechtenstein Poland - Netherlands + Denmark Ireland Germany - Austria Belgium + Australia + Latvia Czech Republic + Iceland + OECD average 2003 + Norway France + New Zealand + Spain Russian Federation - Luxembourg + Italy - Portugal - United States Sweden + Slovak Republic + Hungary + Greece Turkey - Thailand Mexico - Uruguay + Brazil - Tunisia - Indonesia % 2012 2003
  22. 22. La percentuale di studenti quindicenni che raggiunge le fasce alte di punteggio è aumentata Chart A9.3 Percentuale di top performers in matematica, PISA 2003 and 2012 0 10 20 30 40 Hong Kong-China Korea + Liechtenstein Macao-China + Japan Switzerland Belgium - Netherlands - Germany Poland + Canada - Finland - New Zealand - Australia - Austria OECD average 2003 - France Czech Republic - Luxembourg Iceland - Slovak Republic Ireland Portugal + Denmark - Italy + Norway - Hungary United States Sweden - Spain Latvia Russian Federation Turkey Greece Thailand Uruguay - Tunisia Brazil Mexico Indonesia % 2012 2003
  23. 23. 70 60 50 40 30 20 10 0 Finland Japan Flanders (Belgium) Netherlands Sweden Norway Denmark Czech Republic Estonia Austria Germany Korea Slovak Republic Average Canada Australia France Poland England/N. Ireland (UK) Russian Federation Ireland Chart A1.6 Italy United States Spain 25-34enni 35-44enni % Nelle prove matematiche PIAAC, i più giovani vanno meglio – un indizio che l’istruzione di base è migliorata Percentuale di adulti al livello di competenza 3 o superiore nello Studio OCSE sulle competenze degli adulti (PIAAC) secondo la classe di età (2012)
  24. 24. L’Italia è l’unico paese ad aver ridotto la spesa per studente tra il 2000 e il 2012 Table B1.5a Variazione nella spesa per studente delle scuole (primario, secondario e post-secondario non terziario), a prezzi costanti (1995 = 100) United Kingdom, 178 EU21 average, 166 Portugal, 165 OECD average, 162 Japan, 141 Finland, 141 Germany, 125 France, 106 Italy, 96 200 175 150 125 100 75 1995 1999 2003 2007 2011 Indice di variazione (1995 = 100) Poland, 291
  25. 25. Tra il 2008 e il 2012, la spesa pubblica per l’istruzione è calata più della spesa pubblica totale Chart B4.3 Index of change between 2008 and 2011 in total public expenditure on education as a percentage of total public expenditure for all services 125 120 115 110 105 100 95 90 85 80 75 70 Iceland New Zealand Israel United Kingdom Brazil Czech Republic Canada Australia Germany Switzerland Korea Austria Slovak Republic Denmark OECD average Sweden United States Netherlands EU21 average Finland Ireland Portugal Japan Poland Estonia France Slovenia Belgium Spain Norway Italy Hungary Index of change Change in public expenditure on education Change in public expenditure for all services Change in total public expenditure on education as a percentage of total public expenditure
  26. 26. La qualità dell’istruzione non dipende dal numero di insegnanti, ma dalla loro preparazione, dal loro impegno, e da una gestione del personale che motiva i migliori insegnanti a lavorare là dove le sfide sono maggiori 26
  27. 27. Preparare il rinnovo degli insegnanti Uno Sguardo sull’Istruzione 2014
  28. 28. La spesa per studente è oggi vicina alla spesa media nell’OCSE. La spesa per studente terziario resta inferiore, anche se i finanziamenti privati hanno permesso un aumento delle risorse delle università. 28
  29. 29. Uno studente costa in media 8790 USD all’anno Spesa annuale delle scuole, università e altri centri di formazione per studente, secondo il tipo di servizio (2011) 18 000 16 000 14 000 12 000 10 000 8 000 6 000 4 000 2 000 0 Core services Ancillary services (transport, meals, housing provided by institutions) and R&D Total United States Austria Netherlands Belgium Ireland Sweden Germany Australia United Kingdom Finland France Slovenia Spain EU21 average OECD average Italy Korea Portugal Israel Poland Czech Republic Chile Slovak Republic Hungary Mexico Brazil Switzerland Norway Denmark Japan Iceland New Zealand Estonia Latvia Russian Federation Turkey Indonesia In equivalent USD converted using PPPs Chart B1.1
  30. 30. La spesa per studente è meno dipendente dal livello di istruzione che negli altri paesi OCSE Table B1.1a Spesa per studente delle scuole, università e altri organismi di formazione, secondo il livello di istruzione 7,868 8,448 8,585 9,990 7,428 8,296 9,280 13,958 16,000 14,000 12,000 10,000 8,000 6,000 4,000 2,000 0 Pre-primario Primario Secondario Terziario Italia Media OCSE Dollari US (convertiti con PPA)
  31. 31. Un terzo delle risorse delle università proviene oggi da fonti private (in parte sovvenzionate con fondi pubblici) Quota di spesa privata nelle risorse degli organismi di formazione terziaria (2000, 2008 and 2011) 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 Chile Korea United Kingdom Japan United States Australia Israel Canada Russian Federation Italy Mexico Portugal OECD average Netherlands Poland Slovak Republic Spain EU21 average Estonia Ireland France Czech Republic Germany Slovenia Austria Sweden Belgium Iceland Denmark Finland Norway % 2011 2008 2000 Chart B3.3 - T
  32. 32. Il 22% della spesa pubblica per l’istruzione terziaria è destinata a sostenere studenti, famiglie e altri enti privati. Public support for tertiary education (2011) 75 70 65 60 55 50 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 United Kingdom Chart B5.3. Public subsidies for education in tertiary Scholarships/ other grants to households Transfers and payments to other private entities Student loans United States Slovenia Denmark Italy Chile Slovak Republic Austria Germany Portugal New Zealand Belgium Latvia Finland Australia OECD average Netherlands Ireland Hungary Poland Norway Israel Sweden Spain France Switzerland Canada Mexico Brazil Turkey Korea Estonia Indonesia Czech Republic Argentina Japan Iceland % of total public expenditure on tertiary education Chart B5.3
  33. 33. La riduzione della spesa delle scuole si è accompagnata ad un aumento del numero di studenti per docente, che si è avvicinato alla media degli altri paesi. 33
  34. 34. Distribution of current expenditure by educational institutions for primary, secondary and post-secondary non-tertiary education (2011) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Australia Il 78% della spesa per istruzione è assorbito dalla massa salariale Korea Latvia Luxembourg Netherlands Spesa in conto capitale Massa salariale Altre spese correnti Norway Japan Indonesia Germany France United States Finland Switzerland Czech Republic Argentina Israel OECD average Canada Sweden Slovenia Ireland EU21 average Turkey Denmark United Kingdom Hungary Iceland Slovak Republic Brazil Spain Italy Belgium Mexico Austria Colombia Portugal % della spesa totale Chart B6.1
  35. 35. Come si è arrivati a ridurre il costo salariale dei docenti: scuola primaria Costo salariale salari medi studenti per docente studenti per classe (stima) Ore di lezione Ore di insegnamento 2008 2012 Media OCSE =100 Contributo dei vari fattori alla riduzione dei costi salariali (2008-2012) Table B7.2, Table B7.3 Table B7.4 -15% -2% +15% +1% -10% +2%
  36. 36. Come si è arrivati a ridurre il costo salariale dei docenti: scuola secondaria inferiore Costo salariale salari medi studenti per docente studenti per classe (stima) Ore di lezione Ore di insegnamento 2008 2012 Media OCSE =100 Contributo dei vari fattori alla riduzione dei costi salariali (2008-2012) Table B7.2, Table B7.3 Table B7.4 -20% -2% +22% +8% -9% +2%
  37. 37. Lo strumento del blocco del turnover ha determinato un notevole aumento dell’età media degli insegnanti 37
  38. 38. Nella scuola secondaria superiore, il 64% degli insegnanti ha oltre 50 anni di età Table D5.1 Distribuzione per età degli insegnanti, scuola secondaria superiore (2012) 100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% Indonesia Brazil Portugal Canada Korea Ireland Poland United Kingdom Luxembourg Spain Chile Hungary Slovenia United States Belgium Japan Israel France OECD average EU21 average Slovak Republic Switzerland Austria Finland Sweden New Zealand Czech Republic Germany Norway Iceland Estonia Netherlands Italy < 30 anni 30-39 anni 40-49 anni 50-59 anni >= 60 anni
  39. 39. Nei prossimi dieci anni, la scuola italiana conoscerà un profondo rinnovo del corpo docente. E’ un’occasione unica per ripensare al ruolo della scuola nell’italia di oggi e di domani 39
  40. 40. 40 http://gpseducation.oecd.org
  41. 41. 41 www.oecd.org/education/indicators
  42. 42. 42 Grazie! Per conoscere meglio il nostro lavoro, www.oecd.org/eag/eag2014 • Il volume pubblicato • La metodologia • La base dati completa Per domande o chiarimenti Email: Francesco.Avvisati@OECD.org
  43. 43. Singapore Peru Canada Brazil Hungary Turkey Sweden Greece Austria Netherlands Poland Czech Republic Iceland Portugal New Zealand France Iceland France Hungary Hungary Greece Israel Thailand

×