Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Tabelle pivot e import dati su Microsoft Excel

85 views

Published on

In questa presentazione sono riportate in maniera dettagliata le procedure per creare tabelle Pivot e importare dati da file di testo su Microsoft Excel.

Published in: Software
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Tabelle pivot e import dati su Microsoft Excel

  1. 1. Tabelle Pivot e Import dati su Microsoft Excel
  2. 2. Vediamo insieme come creare una tabella Pivot Per inserire una tabella Pivot occorre: - Selezionare le colonne di interesse (nel nostro caso dalla A alla H) - Posizionarsi sulla scheda Inserisci - Scegliere Tabella Pivot -> Tabella Pivot - Confermare la selezione effettuata premendo il tasto OK
  3. 3. Verrà così creato un nuovo foglio. Sulla destra sarà presente un menù tramite il quale possiamo configurare la tabella pivot con pochi click. Nella parte superiore del menù abbiamo tutte le intestazioni delle colonne che abbiamo selezionato in precedenza Nella parte inferiore abbiamo quattro finestre dove possiamo «trascinare» le colonne selezionate nella parte superiore
  4. 4. Trascinando la colonna Residenza all’interno del riquadro Etichette di riga, creiamo una colonna senza duplicati con i valori contenuti nel foglio originale
  5. 5. In modo analogo, possiamo eliminare la colonna RegioneResidenza dalla tabella Pivot «trascinandola fuori» dai quattro riquadri. Il risultato sarà analogo inserendo in Etichette di riga un’altra colonna.
  6. 6. Inserendo una colonna all’interno del riquadro Valori in basso a destra, i suoi dati saranno automaticamente aggregati. Nella maggior parte dei casi è opportuno inserire in Valori dei campi numerici, contenenti ad esempio degli importi.
  7. 7. Per modificare la funzione di aggregazione occorre: 1) cliccare con il tasto sinistro sulla cella all’interno della finestra Valori 2) cliccare su Impostazioni Campo Valore (è la voce più in basso del menù) 3) scegliere la funzione di aggregazione desiderata
  8. 8. È possibili trascinare più colonne nella finestra Etichette di righe, e più colonne nella finestra Valori. Il risultato saranno delle aggregazioni «composte» che riporteranno comunque anche i dati totali
  9. 9. Inoltre, è possibile trascinare una colonna nella finestra in alto a destra Etichette di Colonne. In questo modo si otterrà una struttura matriciale molto utile per l’analisi dei dati
  10. 10. Infine, è possibile inserire una colonna per filtrare i dati trascinandola nella finestra Filtro Rapporto.
  11. 11. I dati di una tabella Pivot NON si aggiornano automaticamente. Occorre cliccare sul tasto Aggiorna nella scheda Opzioni. Per aggiungere righe o colonne al perimetro della Pivot occorre cliccare sul tasto Cambia origine dati nella medesima scheda
  12. 12. Per importare su excel un file di testo con estensione .txt possiamo utilizzare la funzionalità di import guidato attivabile dal tasto Da testo nella scheda Dati Da questa finestra possiamo scegliere il file che vogliamo importare
  13. 13. Nel primo step occorre selezionare la struttura del file di testo (in generale il formato più frequente è Delimitato da una virgola o da un punto e virgola) e scegliere se saltare alcune righe.
  14. 14. Nel caso il file sia di tipo Delimitato, nel secondo passo occorre selezionare il carattere delimitatore, inserendolo eventualmente in Altro
  15. 15. Nel terzo passo si può specificare esplicitamente una tipologia di dato (data o testo) per ogni colonna, oppure lasciare la scelta ad excel selezionando il formato generale
  16. 16. Dalla scheda Avanzate è possibile indicare i delimitatori dei decimali e delle migliaia presenti nel file di input (scelta valida per tutte le colonne)
  17. 17. Esempio 1: file delimitato da punto e virgola. Occorre prestare attenzione alla colonna CodiceProdotto: deve essere importata come testo. In caso contrario excel interpreterebbe la colonna come un numero considerando il punto come separatore delle migliaia e la virgola come separatore dei decimali
  18. 18. Esempio 2: file delimitato da punto e virgola. Oltre alla colonna CodiceProdotto, occorre prestare attenzione alle colonne PrezzoNetto e PrezzoLordo: nel terzo passo, dal tasto Avanzate, selezionare il punto come separatore dei decimali. In questo modo le colonne saranno importate come numeri e saranno visualizzate su excel con i separatori usuali (la virgola per i decimali e il punto per le migliaia) In caso contrario excel interpreterebbe la colonna come un testo.
  19. 19. Esempio 3: file delimitato da punto e virgola. Oltre alle colonna CodiceProdotto, PrezzoNetto e PrezzoLordo occorre prestare attenzione alla colonna DataFattura Nel terzo passo, dopo aver selezionato la colonna, occorre imporre il formato data AMG. In questo modo la colonna sarà importata come data e sarà visualizzata su excel con il formato usuale (gg/mm/aaaa). In caso contrario excel interpreterebbe la colonna come un testo.
  20. 20. Consideriamo una colonna contenente un numero variabile di codici per ogni cella, separati da un punto e virgola. L’obiettivo è quello di dividere il contenuto in più celle, ognuna contenente un singolo codice
  21. 21. Per far ciò occorre: 1) Selezionare la colonna 2) Cliccare dalla scheda Dati il tasto Testo in colonne 3) Seguire la procedura guidata simile a quella per importare un file di testo
  22. 22. Nel caso in questione selezioniamo il punto e virgola come delimitatore e terminiamo la procedura
  23. 23. Alcuni valori come l’«a capo» non sono gestiti correttamente dalla procedura. Si consiglia di sostituirli preliminarmente con un altro carattere tramite la funzione SOSTITUISCI. Per inserire il carattere «a capo» all’interno di una cella occorre premere i tasti ALT + INVIO
  24. 24. Moltiplicando per 1 un testo contenente soltanto delle cifre, otteniamo come risultato la sua conversione in dato di tipo numero
  25. 25. Tramite la funzione LUNGHEZZA possiamo calcolare il numero di caratteri che compongono un testo. Spesso può risultare utile utilizzare la funzione ANNULLA.SPAZI per creare una nuova colonna dove sono rimossi gli spazi all’inizio e alla fine del testo (gli spazi interni non saranno eliminati) Nella cella A3 è presente uno spazio alla fine del testo. Da ciò il risultato inaspettato della funzione =LUNGHEZZA(A3) Per eliminare gli eventuali spazi a sinistra e a destra delle celle A2 e A3 possiamo utilizzare la funzione =ANNULA.SPAZI(A2) e trascinarla.

×