Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Le performance commerciali

38,572 views

Published on

La valutazione delle principali KPI commerciali ed il cruscotto del responsabile commerciale: quali leve bisogna monitorare.

Published in: Business

Le performance commerciali

  1. 1. I KPI Commerciali Valutazione delle Performance Commerciali Emilio
  2. 2. Per misurare le performance è importante identificare i KPI Passi necessari per monitorare le performance Definire le attività del venditore Definire le attività ed i processi da misurare Stabilire e condividere i KPI Stabilire la capacità di misurare i KPI Monitorare la performance • Indicare azioni di miglioramento e/o • Le implicazioni di costo e/o • Ridefinire i KPI 1 2 3 4 65
  3. 3. 1) Conoscere (sapere) 2) Capacità (saper fare) 3) Qualità / Abilità (saper essere) K.P.I (Key Performance Indicator) Individuali di Gruppo Aziendali Logica del sistema di valutazione e di “gestione delle prestazioni” in una azienda A B Gestione delle prestazioni
  4. 4. I KPI per essere efficienti devono essere  Legati alla strategia/al piano  Controllabili “velocemente” e “facilmente”  Modificabili e stimolabili al continuo miglioramento nel tempo  Semplici e chiaramente spiegati  Credibili e obiettivi  Integrabili  Misurabili periodicamente e a un costo ragionevole
  5. 5. Per definire un sistema di rilevazione di KPI è necessario indicare  Le “voci” specifiche di KPI (Esempio per la logistica: puntualità consegna, numero resi, numero reclami, costo trasporto, livello di magazzino, unità spedite per addetto, ecc..)  Le aree a cui appartengono i KPI (Esempio: servizio, qualità, efficienza, risorse, ecc..)  La metrica (Esempio: numero ordini in ritardo/numero ordini totali; fatturato/scorte, ecc.)  Le fonti (Esempio: Situazione interna; interviste a clienti, ufficio contabilità, ecc..)
  6. 6. Key Performance Indicator individuali  I KPI possono essere Aziendali, di Gruppo, di Area, Individuali…  Indicatori di performance individuali sono quelli su cui viene valutata ciascuna persona e che sono decisi “a inizio” anno, e sono oggetto di una valutazione formale annuale  Le singole voci possono essere comuni o specifici per ogni persona (es.: per le vendite: fatturato/Km, nuovi clienti, nuovi servizi venduti, meno offerte/numero successi, ecc…)  Sono quantitativi (es.: 2 milioni € venduti, 5 nuovi clienti, ecc…) e la quantificazione generale varia da persona a persona
  7. 7. La misurazione della performance delle attività di vendita (K.P.I.)  Variano da azienda ad azienda, da un settore ad un altro  Vanno scelti e poi confrontati con i valori di budget, dell’anno precedente, della media del settore  I K.P.I. possono essere alcuni dei seguenti: ◦ Fatturato ordinato per venditore (per ordine, per cliente) ◦ Margine per venditore (a valore ed in percentuale) ◦ Costo del venditore a valore ed in percentuale sul Fatturato o sul Margine ◦ Costo per ordine o per cliente ◦ Ratio di chiusura (percentuale su trattative aperte) ◦ Quota di mercato ◦ Numero nuovi clienti (da definire che cosa si intende per un nuovo cliente) ◦ Numero clienti attivi ◦ Numero clienti persi ◦ Product mix venduto ◦ Percentuale venduto dei nuovi prodotti sul venduto totale ◦ Numero incontri alla settimana ◦ Identificazione dei Decision nei Key Account ◦ Numero di presentazioni, dimostrazioni, test ◦ Ore alla settimana passate presso i clienti / prospect
  8. 8. Alcuni specifici KPI legati alle vendite usati in benchmarking internazionali Tema KPI Note  Costo di sviluppo dei prodotti La definizione di sviluppo può includere diverse spese (R&D e progettazione)  Peso/contributo dei nuovi prodotti La definizione di nuovo prodotto varia da settore a settore  Peso/contributo dei nuovi clienti La definizione di nuovi clienti può variare (es.: nuovo ma appartiene ad un gruppo già cliente)  Dipendenza dei clienti principali Definire i clienti e gruppi e se il totale clienti include anche i passivi di quel periodo  Dipendenza dei prodotti principali Da fare sugli specifici codici  Peso del costo del post-vendita La definizione dei costi deve essere omogenea nei vari settori Vendite prodottisviluppoCosto Vendite prodottinuoviVendita Vendite clientinuoviaVendita clientinumeroTotale vendutodell'80%fanno checlientideiNumero prodottinumeroTotale vendutodell'80%fanno cheprodottideiNumero ervizioprodotto/s totaleCosto vendita-postdelCosto
  9. 9. Il cruscotto di controllo per il Direttore Vendite
  10. 10. Il cruscotto del Direttore Vendite Direzionali - Economico - Finanziari Strategia/ mercato Efficienza venditore/ Rete commerciale  Non esiste un cruscotto universale, uguale per tutti  Di massima però tutti i Direttori Vendite devono “avere” un cruscotto pensato per loro che preveda specifiche voci pensate per l’attività di vendita A B C
  11. 11. Alcuni indici direzionali economico- finanziari rilevanti per il Direttore Vendite 1. REDDITO OPERATIVO Vendite – Costi (diretti + indiretti) e suoi derivati (margine lordo = vendite - costo del venduto)= 2. R.O.I. Le vendite impattano direttamente sia sul fatturato che sui costi (dei venditori, delle spese commerciali, di magazzino…). Le vendite “richiedono” anche capitale da investire = VENDITE OPERATIVORISULTATO ... SOR INVESTITOCAPITALE OPERATIVOREDDITO R.O.I.  o suoi derivati 3. VENDITE VENDUTODELCOSTO ed in particolare VENDITE ICOMMERCIALCOSTI (Attenzione a definire e ad attribuire correttamente i costi commerciali). A
  12. 12. Alcuni indici direzionali economico- finanziari rilevanti per il Direttore Vendite A 4. CASH FLOW = INCASSI - ESBORSI Le vendite impattano in modo determinante nella definizione e gestione degli incassi delle vendite. Possibile INDICE DI CASH FLOW = 5. GIORNI MEDI DI RISCOSSIONE = altri)tanti(e ENTRATETOTALE CONTANTIINVENDITEDAINCASSI simili)altritanti(e EGIORNALIERVENDITE CLIENTIVERSOMEDICREDITI Anche questo indice impatta sulle politiche e attività commerciali in modo significativo, con possibili restrizioni di credito e/o di non consegna dei prodotti ai clienti se aumenta questo indice
  13. 13. Alcuni indici direzionali economico- finanziari rilevanti per il Direttore Vendite A 6. INDICE DI ROTAZIONE DEL MAGAZZINO • Più ruota il magazzino meno oneri finanziari vi sono • Più ruota il magazzino migliore è il sistema di vendita e di precisione delle vendite 7. BREAK EVEN POINT MAGAZZINOVALORE VENDITE Si può utilizzare in molti casi “commerciali” (venditore in un’area/cliente, apertura filiale, analisi campagne promozionali, ecc.) = VENDITE VARIABILICOSTI -I FISSICOSTI = 8. …
  14. 14. Possibili indici di strategia mercato (linee- guida dell’azienda tradotte in obiettivi commerciali)  Venduto e margine  Indice di Customer Satisfaction (da ricerca ad hoc)  Indice di Loyalty =  Indici di penetrazione e quote di mercato in territori, canali clienti =  Peso nuovi prodotti =  Peso nuovi clienti =  Riduzione = Diversi indici annoinzioclientiN annoinizioadclientigiàeranocheannofineclientiN vendutoTotale vendutoNostro vendutoTotale prodottinuoviVenduto clientiTotale clientinuoviVenduto Ad ogni linea strategia andrebbero associati degli indici specifici B
  15. 15. Le maggiori aree di valutazione per i venditori 1. Risultati delle vendite 2. Qualità delle vendite 3. Attività di vendita 4. Capacità di vendita 5. Conoscenza del ruolo e del lavoro 6. Capacità organizzativa 7. Partecipazione 8. Capacità “amministrativa” 9. Controllo delle spese 10. Relazione con i clienti 11. Relazione con gli altri in azienda Efficienza Venditori / Rete CommercialeC
  16. 16.  Quota di mercato  Totale ricavi, venduto ordinato a valore  Totale ricavi, venduto in pezzi/quantità  Numero di nuovi clienti nell’anno  Peso in fatturato dei nuovi clienti  Numero dei nuovi prodotti venduti  Peso in fatturato dei nuovi prodotti  Numero dei clienti perduti  Peso in fatturato dei clienti perduti  Numero di clienti attivi  Peso/numero dei servizi venduti  Il tutto paragonato con: – l’anno precedente – il budget previsto – il mese precedente – altri venditori – media di altri venditori azienda …  Inoltre alcune di queste voci possono essere tra di loro incrociate e dare luogo a specifici K.P.I. (es.: numero nuovi clienti su numero clienti perduti) 1) Risultati di vendita
  17. 17.  Il tutto paragonato con: – l’anno precedente – il budget previsto – il mese precedente – altri venditori – media di altri venditori azienda …  Inoltre alcune di queste voci possono essere tra di loro incrociate e dare luogo a specifici K.P.I. (es.: prezzo medio per clienti più importanti) 2) Qualità della vendita  Vendita di uno specifico gruppo di prodotti (in valore o unità)  Vendita di una specifica famiglia di servizi (in valore o unità)  Copertura del territorio (venduto, clienti per provincia/zona)  Tasso di presentazione presso i clienti più importanti  Prezzi medi per territori o prodotti  Margini medi per territori o prodotti  Percentuale di inevasi  Giorni di ritardo dei pagamenti  Vendita media per ordine (per valore o prezzi)  Peso dei clienti più importanti  Peso dei clienti per tipologia (Key Account, Prospect, Standard, Opportunity)  Peso del target di riferimento
  18. 18.  Il tutto paragonato con: – l’anno precedente – il budget previsto – il mese precedente – altri venditori – media di altri venditori azienda …  Inoltre alcune di queste voci possono essere tra di loro incrociate e dare luogo a specifici K.P.I. (es.: offerte fatte per Key Account) 3) Attività di vendita  Numero visite giorno, mese, settimana, mese, anno  Numero di visite svolte presso Key account e frequenza annuale  Numero di visite svolte presso Prospect e frequenza annuale  Numero di visite svolte presso altri clienti e frequenza annuale  Numero di dimostrazioni fatte al cliente  Numero di offerte fatte  Numero di offerte chiuse  Numero di offerte chiuse su offerte fatte  Numero di offerte fatte su numero di visite effettuate  Numero di giorni presso i clienti  Giorni presso i clienti su giorni passati in ufficio per attività interne
  19. 19.  Il tutto paragonato con: – l’anno precedente – il budget previsto – il mese precedente – altri venditori – media di altri venditori azienda … 4) Capacità di vendita  Capacità di cercare i Prospect  Capacità di identificare i Decision Maker  Capacità di vendere a diversi referenti presso un grande cliente  Riavviare clienti inattivi  Cross-selling e up-grading su alcuni clienti  Creare una relazione  Utilizzo di tecniche di ascolto e negoziazione per comprendere i bisogni dei clienti  Capacità di presentare caratteristiche e benefici delle offerte aziendali  Gestire le obiezioni  Gestire gli aumenti di prezzo  Risolvere i conflitti  Pianificare le attività  Nell’analisi delle capacità di vendita si possono avere indicatori di performance quantitativi e qualitativi (cioè derivanti dalla osservazione delle attività)
  20. 20.  Il tutto paragonato con: – l’anno precedente – il budget previsto – il mese precedente – altri venditori – media di altri venditori azienda … 5) Amministrazione  Report “amministrativi” con i dati dei clienti accurati  Report incontri  Report delle spese  Richieste di anticipi  Ordini
  21. 21.  Il tutto paragonato con: – l’anno precedente – il budget previsto – il mese precedente – altri venditori – media di altri venditori azienda … 6) Controllo dei costi  Costi complessivi di viaggio  Costi complessivi di vitto e alloggio  Costi dei campioni/materiale usato  Condizioni di pagamento al cliente  Promozioni  Spese pubblicitarie in zona  Costo per visita  Costo per ordine Indicatori di performance quantitativi
  22. 22.  Il tutto paragonato con: – l’anno precedente – il budget previsto – il mese precedente – altri venditori – media di altri venditori azienda … 10) Relazione con i clienti  Indici di Customer retention (fidelizzazione)  Frequenza della visita  Indice di Customer Satisfaction (C.S.I.)  Capacità di risoluzione dei conflitti  Numero reclami Indicatori di performance quantitativi (e qualitativi)
  23. 23. Riassunto della lista di indicatori quantitativi principali  Venduto (ordinato) per venditore, ordine, cliente (in valore e quantità)  Margine per venditore (in valore ed in % sul venduto)  Costo per venditore in valore ed in % sul venduto  Costo per ordine o per visita  Ratio di chiusura (numero di offerte chiuse su offerte fatte – anche a valore)  Il tutto paragonato con: – l’anno precedente – il budget previsto – il mese precedente – altri venditori – media di altri venditori azienda …
  24. 24. Riassunto della lista di indicatori quantitativi principali  Quota di mercato (venduto azienda su totale venduto nel mercato)  Numero di nuovi clienti  Valore dei nuovi clienti (in assoluto e % sul venduto)  Numero clienti perduti (al netto dei perduti per motivi finanziari-amministrativi)  Valore dei clienti perduti (in assoluto e in % sul venduto)  Indicatori di prezzo medio  Indicatori di product mix  Indicatori sulle promozioni  Indicatori di Customer Satisfaction  Indicatori di copertura mercato  Numero di clienti in aumento e/o in diminuzione rispetto all’anno precedente  Il tutto paragonato con: – l’anno precedente – il budget previsto – il mese precedente – altri venditori – media di altri venditori azienda …
  25. 25.  Numero di incontri per settimana, mese per clienti (Key Account, Prospect, Standard, Opportunity)  Frequenza di incontri per tipologia clienti  Numero trattative / offerte  Numero ordini  Valore ordine medio e pezzi per ordine medio  Numero ordini su trattative  Ore passate dai clienti  Il tutto paragonato con: – l’anno precedente – il budget previsto – il mese precedente – altri venditori – media di altri venditori azienda … Riassunto della lista di indicatori quantitativi principali
  26. 26. Trasforma le tue competenze

×