l'e-Government per lo sviluppo del territorio

1,064 views

Published on

L'intervento di Elvio Tasso al convegno "Veneto Big Data".

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,064
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
24
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

l'e-Government per lo sviluppo del territorio

  1. 1. L’E-government per lo sviluppo del territorio Veneto BIG DATA Tasso Elvio Regione del Veneto - Direzione Sistemi Informativi Venezia 15 giugno 2012
  2. 2. La Direzione Sistemi Informativi La Direzione Sistemi Informativi (DSI) è la struttura di Regione del Veneto deputata alla progettazione, gestione, manutenzione ed evoluzione del SIRV – Sistema Informativo Regionale 4. Servizi 5. InterventiTrasversali competitività 3. Servizi applicativi (eGovernment) Servizi eGov per gli Enti Locali Applicativi ex l.r. 54/88, Banche dati, Applicazioni per le strutture regionali Alfabetizzazione informatica e inclus. Cooperazione applicativa, Portali Servizi Legali e Amministrativi e multimedia, PEC e Firma digitale ICT per le PMI (cloud) 2. Servizi infrastrutturali Banda Larga Postazioni di lavoro, Privacy Servizi di base Data Center (CSST) e Call Center 1. Servizi di rete Reti fonia Reti dati Rete fissa e mobile Intranet, Extranet e Overnetwork radiomobile per la Regione per gli Enti e il territorio
  3. 3. Le azioni Regionali per la competitività del territorioCoerentemente con le strategie europee e nazionali (Agendadigitale) stiamo portando avanti delle specifiche azioni per lacompetitività con l’economia Digitale del Veneto Temi trasversali
  4. 4. Il Piano di sviluppo della banda larga in Veneto Ottobre 2011La Giunta Regionale ha approvatoIl completamento della primaparte del Piano Regionaleper lo sviluppo della Banda Largache prevede: • 273 interventi/cantieri per la posa 1000 km di fibra ottica • in 188 comuni del veneto • per un investimento complessivo di circa 40 milioni di euro • 380 mila veneti interessati
  5. 5. Obiettivi del Piano della banda largaGli obiettivi finali del Piano regionale - coerentemente con il PianoNazionale – riguardano: • superare il digital divide nella Regione del Veneto garantendo una connettività a tutti i cittadini ed imprese del Veneto tra i 2 e i 20 Mbps entro il 2014; • Creare contemporaneamente le premesse per la realizzazione di una rete di nuova generazione (NGN) che permetterà nei prossimi anni di raggiungere velocità superiori in linea con gli obiettivi prefissati dell’Unione Europea nell’ Agenda Digitale 2020.
  6. 6. La mappa degli interventiI 273 cantieri interessano 188 comuni in tutte e sette leprovince del Veneto.Provincia Numero Comuni di interessati Numero interventi di previsti Belluno 20 27 Padova 30 44 Rovigo 22 44 Treviso 27 33 Venezia 16 29 Verona 31 45 Vicenza 42 51 Totale 188 273
  7. 7. I risultati attesiLa realizzazione dei 273 interventi / cantieri porteranno a circa il6,7% della popolazione veneta (pari ad oltre 380.000 residenti) unaconnettività superiore ai 2Mbps, abbassando in modo significativo ildigital divide Proprietà- Popolazione interessata Riduzione del digital Finanziamento (stime) divide (stime) MISE 144.090 2,5% RVE-FAS 24.482 0,4% RVE-FEASR 65.520 1,1% RVE-FESR 80.240 1,4% RVE-DISTR 69.165 1,2% Totale 383.498 6,7%
  8. 8. Interventi / cantieri già apertiDati aggiornati a maggio 2012• 66 progetti definitivi (con permessi)• 56 cantieri avviati: • 26 chiusi e 30 in corso• 108 km di posa già realizzati• 10 cantieri di prossima apertura
  9. 9. Non solo infrastrutture: anche cultura e servizi digitali Lo sviluppo della banda Larga non riguarda solo le infrastrutture E’ importante investire anche nella cultura digitale delle persone, famiglie, associazioni, imprese e nei servizi online P3@ cloud computing
  10. 10. P3@: punti pubblici per l’Accesso,l’Assistenza, AcculturazioneI punti di accesso pubblici sono spazidestinati ad attività di accesso,assistenza e acculturazioneall’utilizzo della Rete e dei servizi dellaSocietà dell’Informazione.Attivati 170 punti pubblici di accessosu tutto ll territorio regionale in 160comuni, con finanziamenti POR (az.4.1.2) destinati ai Comuni veneti perl’apertura di punti di accesso pubblici.Sono stati destinaticomplessivamente € 2 mln.
  11. 11. P3@: i primi risultati raggiunti Nei primi 6 mesi di attività Comuni • 60 mila persone hanno Provincia finanziati (Centri attivati) utilizzato i centri (17% stranieri, 20% over 50, 23% VERONA 21 (21) non occupati) VICENZA 28 (29) • 580 operatori coinvolti BELLUNO 18 (18) • 74 mila servizi erogati TREVISO 21 (21) VENEZIA 16 (19) PADOVA 28 (31) ROVIGO 28 (31) Totale Veneto 160 (170) 11
  12. 12. Servizi di cloud computing per le PMIAzione 4.1.1 del POR2007-14 prevedel’erogazione difinanziamenti regionali cloudper lo sviluppo di serviziinformatici in modalitàcloud computing (SaaS- computingSoftware As a Service) Software As A Serviceper il mercato della PMI. utility computing grid computingSono stati destinati banda largacomplessivamente € 2,6mln
  13. 13. Servizi di cloud computing per le PMIBando regionaleSono stati valutaticomplessivamente 88progetti presentati da cloudsoftware house veneteper lo sviluppo di servizicloud per il mercato delle computing Software As A ServicePMI (POR az. 4.1.1). utility computing grid computingA marzo del 2012 sonopartiti 22 progetti banda largaammessi a finanziamento:attivazione dei servizi èprevista per fine anno.
  14. 14. Contributi alla domanda per sostenere le PMIL’azione 4.1.3 del PORprevede la concessionedi contributi per lepiccole e medie impreseVenete che adotterannoservizi informatici inmodalità CloudIl contributo verràerogato in modalitàsemi-automaticaAttivazione da fine 2012
  15. 15. Interoperabilità e OpenDataLa Regione ha investito sultema della diffusione e dati.veneto.itdell’integrazione dei datipubblici attraverso:• la piattaforma diinteroperabilità CRESCI• la pratica del open data(DGR 2301/11 e Portaleregionale).Sul tema del Open data open government big datasiamo tra le prime regioni Open data trasparenzaItaliane a seguire le direttive formati apertieuropee e nazionali.

×