Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

MyCli Press > Dermakos, "Più iniezioni meno bisturi"

1,401 views

Published on

Un articolato approfondimento sulle nuove frontiere dei Filler.

Per ulteriori informazioni sui prodotti e i trattamenti MyCli scrivete a community@mycli.com

Volete entrare nella Community per le bellezza ed il benessere della pelle? Seguiteci su Facebook! http://on.fb.me/MyCliFB

Published in: Lifestyle
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

MyCli Press > Dermakos, "Più iniezioni meno bisturi"

  1. 1. FOCUS • Norma Cameli, Laura de Manincor Istituto Dermatologico San Gallicano, IRCCS, Roma iniezioniPiùmeno bisturiUTILIZZATI NON SOLO PER RIEMPIRE LE RUGHE, MA ANCHEPER RIPRISTINARE I VOLUMI DEL VOLTO E, ULTIMAMENTE,ANCHE PER ALTRE CORREZIONI “PLASTICHE”, MENO INVASIVEDELL’INTERVENTO CHIRURGICO. I FILLER HANNO SUBITO NEGLIULTIMI ANNI UN’IMPORTANTE EVOLUZIONE, SIA NEI MATERIALISIA NELLE NUOVE TECNICHE DI APPLICAZIONE l ringiovanimento del viso e in Vengono utilizzati non solo per soprattutto non dovrebbe dareI particolare il trattamento delle rughe mediante riempitivi è una delle richieste più frequenti delle donne e ultimamente, anche se in misura minore,degli uomini.I filler cominciano ad apparire allafine degli anni ’60 sotto forma diolio di silicone per giungere a oggi riempire le rughe ma anche per ripristinare i volumi del volto. Nonostante gli innumerevoli studi e ricerche il prodotto ideale non è stato ancora formulato. Questo dovrebbe essere biocompatibile, atossico, non allergenico, sterile, stabile nella sede di iniezione senza migrazione effetti collaterali. Gli effetti collaterali più frequenti, eritema, edema ed ecchimosi legate al traumatismo dell’ago, sono comunque transitori e regrediscono nel giro di pochi giorni. In alcuni casi possono manifestarsi reazioni nodulari, sovrainfezioni, ascessi, ulcerazioni e problemi legati allacon materiali sempre più innovativi nelle zone limitrofe o in altre sedi migrazione e alla stabilità dellae tecnologicamente avanzati. dell’organismo, maneggevole e molecola. • 46 • Dermakos ottobre 2008
  2. 2. LA DURATA DEL RISULTATO I filler permanenti possono essere La tendenza attuale da parte deiÈ possibile suddividere i filler in parzialmente o totalmente sintetici. medici e delle case produttrici èdue categorie: filler riassorbibili e Sono ideali per chi desidera un di utilizzare e produrre filler difiller permanenti. effetto duraturo, ma purtroppo tipo riassorbibile. L’obiettivo è diI filler riassorbibili subiscono anche gli effetti collaterali sono disporre di prodotti sicuri, che nonun processo di degradazione per persistenti1. provochino effetti collaterali, cheun meccanismo di digestione Inoltre i pazienti tendono sempre diano una correzione più naturaleenzimatica. Ciò fa sì che il risultato più a prediligere interventi al volto, anche se i risultati nonottenuto dopo l’impianto diminuisca reversibili per il timore di un sono di lunga durata. Per questo sifino a svanire in circa 4-6 mesi, o risultato estetico non soddisfacente studiano formulazioni che possanoanche 12 mesi con i filler di nuova e ciò determina un minor utilizzo conferire una maggiore sicurezza egenerazione. dei filler permanenti. durata ai filler riassorbibili. ottobre 2008 Dermakos • 47 •
  3. 3. FOCUSIL CROSS-LINKAGGIO Il collagene bovino è stato di diversa grandezza, o di tipoAl fine di ottenere una maggiore approvato nel 1982 dalla Food monofasico, i gel coesivi.stabilità dei prodotti, e quindi di and Drug Administration (FDA) Un recente lavoro ha messo benconseguenza una maggiore durata, per essere utilizzato come filler e in evidenza i meccanismi d’azioneè stato introdotto il concetto di ha rappresentato per molti anni dell’acido ialuronico.reticolazione o cross-linkaggio, l’unico filler riassorbibile. I risultati ottenuti hanno mostratoche consiste nell’integrare Il suo limite era dovuto che questo filler è in grado diil filler con molecole quali il alla possibile insorgenza di indurre un’importante produzionevinil-sulfone, la formaldeide e manifestazioni allergiche anche a di collagene attraverso differentil’eterebutatanedioldiglicidico distanza di tempo dall’infiltrazione. meccanismi quali lo stiramento(BDDE). Queste molecole Questo problema è stato superato meccanico dei fibroblasti, lapossiedono una capacità tossica e con l’uso di collagene autologo, stimolazione dei fattori di crescitapertanto sono necessari processi ottenuto da colture di fibroblasti e l’inibizione del catabolismo deldi purificazione, in modo che dermici provenienti dalla cute del collagene.all’interno del prodotto siano paziente, e di collagene omologo. Inoltre è stato evidenziatopresenti residui anche 50 milioni Recentemente è stato messo che l’espressione dei geni edi volte inferiori alla DL50 ovvero in commercio un collagene di delle proteine del procollagenealla quantità che danneggia il derivazione porcina in cui, rimangono elevate fino alla50% di individui sottoposti a tale grazie a un sofisticato processo di tredicesima settimana,dose. La reticolazione è ottenuta produzione, viene rimossa la parte suggerendo che l’acido ialuronicocon processi che consentono di antigenica del collagene, ottenendo continuamente attivi la sintesi direalizzare sostanze omogenee. una sostanza biocompatibile per la collagene nella cute4. quale non è richiesto nessun test Un’altra sostanza utilizzata come prima dell’infiltrazione2. filler è l’acido polilattico. Formulazioni Il collagene di origine porcina è Questo acido è un polimero a diversa densità un fluido particolarmente indicato sintetico costituito da monomeri di per la definizione della linea del acido lattico che originariamente I filler sono messi in commercio in vermiglio e per la correzione delle veniva usato come materiale di diverse formulazioni in modo rughe sottili. sutura e per la fabbricazione di da adattarsi ai vari tipi di rughe. In generale i prodotti più fluidi sono L’avvento di nuove sostanze, viti per gli interventi di chirurgia indicati per le rughe sottili e fini come l’acido ialuronico, ha ortopedica. quali le perioculari e le peribuccali, i messo in secondo piano l’utilizzo Il meccanismo d’azione è legato prodotti più densi, che vanno iniettati del collagene anche se alcuni alla sua azione immediata come nel derma medio, sono indicati per le studi effettuati negli ultimi riempitivo ma soprattutto all’effetto rughe glabellari, frontali e per le rughe anni dimostrano che il risultato tardivo legato alla stimolazione naso-geniene. Mentre i prodotti molto cosmetico del collagene di origine dell’attività dei fibroblasti e densi, che vanno iniettati nel derma porcina non sia inferiore a quello quindi alla deposizione di nuovo profondo, sono indicati per le rughe profonde, per i trattamenti volumetrici dell’acido ialuronico3. collagene. (per esempio gli zigomi) e per il L’acido ialuronico utilizzato per i La sua durata è di circa due anni. modellamento di zone depresse. filler può essere di origine aviaria o Nel 2004 la FDA ha approvato batterica. l’uso dell’acido polilattico per Le sue funzioni igroscopiche e di il trattamento della lipoatrofiaFILLER RIASSORBIBILI stimolazione della produzione di facciale nei pazienti HIV positivi.Sono costituiti da molecole collagene lo rendono una delle Un filler, relativamente recente, ènaturali; il loro successo è sostanze più usate come filler la calcioidrossilapatite (CaHA).legato alla facilità d’impianto, riassorbibile. È un filler sinteticoall’immediatezza del risultato L’acido ialuronico determina semipermanente, composto daestetico e alla sempre maggiore subito un aumento di volume nel microsfere di CaHA sospese in unsicurezza. Negli ultimi anni sito di iniezione; in un secondo gel acquoso.l’utilizzo di questa tecnica estetica momento, grazie alla sua grande Questa sua composizione fa sìè stato notevole, con un incremento capacità di richiamare e trattenere che, dopo l’iniezione, il gel sipercentuale del 25% nell’ultimo acqua, aumenta ulteriormente il dissolva e rimangano nei tessutianno e del 200% dal 2000 a oggi. volume della regione sottoposta a solo le particelle di CaHA,L’aumento della richiesta ha trattamento. che successivamente vengonospinto i ricercatori a sviluppare I filler a base di acido ialuronico gradualmente metabolizzateformulazioni sempre più innovative possono essere di tipo bifasico, e trasformate in ioni calcio ee sicure. che si presentano in particelle fosfato. • 48 • Dermakos ottobre 2008
  4. 4. FOCUSStudi in vitro e in vivo hanno L’agarosio è un nuovo filler, un Fischer et al hanno osservatodimostrato la sua biocompatibilità gel omogeneo e morbido, costituito l’evoluzione clinica in unae il suo basso potere antigenico. da una rete tridimensionale a donna, sottoposta a terapiaÈ stato descritto che il prodotto ha maglie rigide in grado di trattenere immunomodulatrice peruna longevità di circa 8 mesi nei molecole e liquidi organici. un’infezione cronica di epatite C.pazienti che hanno ricevuto una Ha una buona durata per il lento Alla donna dieci anni prima erasola iniezione arrivando fino a un assorbimento della sostanza da stato effettuato un impianto dianno in chi è stato sottoposto a più parte dell’organismo, in quanto polimetilmetacrilato per aumentaresedute. non è direttamente degradato il volume delle labbra e riempire leUno studio istologico ha valutato dal corrispondente enzima, rughe7.la possibilità da parte di questo come avviene per il collagene e Dieci settimane dopo lafiller di stimolare la produzione l’acido ialuronico, ma degradato somministrazione dell’interferone,di collagene. Il filler utilizzato era previo attacco dei macrofagi la paziente presentava uncomposto da particelle di grandezza e successivamente sottoposto edema facciale pronunciato.variabile tra i 25 e 45 µm sospese all’azione delle galattosidasi. Alla diminuzione dell’edema èin un gel. La sua durata è di 8-11 mesi. stato possibile notare un noduloDopo l’iniezione il gel si è Studi di efficacia e sicurezza sono a livello della piega nasolabialeriassorbito in diversi mesi ed è tuttavia necessari per confermare e successivamente un’ulcera astato gradualmente sostituito la sua validità6. livello della regione glabellare.da un infiltrato fibrovascolare. Probabilmente l’interferone e inL’esame istologico ha evidenziato FILLER PERMANENTI generale gli immunomodulatorila deposizione di nuovo collagene Sono prodotti iniettabili contenenti possono provocare unaintorno alle microsfere, che materiali sintetici, non esacerbazione di infiammazioniapparivano per la maggior parte biodegradabili. In commercio ne croniche preesistenti.integre fino al 6° mese dopo sono presenti molte tipologie: gel I filler permanenti attualmentel’impianto, confermando così i di poliacrilammide, microsferule non vengono molto utilizzati aprecedenti studi sulla longevità del di polimetilmetacrilato causa degli importanti effettiprodotto. (PMMA), silicone in granuli, collaterali che possono provocareÈ stata osservata la presenza politetrafluoroetilene. quali la formazione di noduli,di collagene di tipo I in misura La maggior parte dei filler usati ascessi, ulcere, perdita di motilitàmaggiore rispetto al collagene di oggi sono considerati ben tollerati, muscolare e deformazioni del voltotipo III, in quanto, probabilmente, ma si hanno pochi dati sulla loro sia per migrazione delle sostanzenel processo di rimodellamento il tollerabilità a lungo termine e nei infiltrate sia perché, con il passarecollagene di tipo I va a sostituire pazienti sottoposti a terapia con degli anni, cambia la struttura delquello di tipo III5. immunomodulatori. viso. ottobre 2008 Dermakos • 51 •
  5. 5. FOCUSLE INDICAZIONI PIÙ RECENTI Gli autori hanno ipotizzato che i ed ecchimosi. Altra indicazioneTra gli usi più nuovi dei filler ha fibroblasti potesserero depositare nuova per i filler è l’uso per ilsuscitato interesse lo sviluppo collagene una volta che l’acido riempimento del seno.di tecniche che permettono di ialuronico si fosse riassorbito8. Viene utilizzata una nuovaeffettuare la rinoplastica senza Al follow up, dopo un anno dal formulazione di acido ialuronico, disubire operazioni chirurgiche. trattamento, i risultati ottenuti consistenza corposa, che iniettatoUno studio pilota è stato effettuato erano soddisfacenti. nelle parti esterne dei seni neda Han et al.: in questo lavoro In un recente studio è stato aumenta il volume di circa unal’acido ialuronico mescolato utilizzato invece un filler a base taglia. Il filler viene infiltrato sottocon fibroblasti autologhi veniva di calcio idrossilapatite, che le ghiandole mammarie e sopra iliniettato nel sottocute in prossimità ha permesso di ridurre i tempi muscolo.del dorso nasale e immediatamente di preparazione. Tutti i pazienti Rispetto a un intervento dimodellato con le mani per dello studio hanno tollerato bene mastoplastica additiva ècorreggere il piano del ponte il trattamento con pochissime sicuramente meno invasivo, anchenasale. reazioni avverse quali edema se la durata nel tempo è limitata e i costi sono ancora molto elevati. L’invecchiamento delle mani è spesso sottovalutato, ma attualmente sempre più attenzione è rivolta alla cura di questo distretto corporeo. Con il passare del tempo le mani sono sottoposte all’invechiamento intrinseco e soprattutto estrinseco che ne compromettono l’aspetto estetico. In particolare si osserva atrofia con assottigliamento del tessuto sottocutaneo. L’aumento di volume nelle mani che si può ottenere con i filler dona un aspetto più giovane, riduce la lassità cutanea, le rughe e la visualizzazione delle strutture sottostanti quali trama vascolare, ossa e tendini. La sottigliezza del derma può essere migliorata attraverso iniezioni di grasso autologo. Il lipofilling è una delle metodiche che dà risultati migliori, ma è una tecnica complessa. Sono stati quindi utilizzati altri filler per il ringiovanimento delle mani, quali l’acido polilattico, il collagene e l’acido ialuronico9. Recentemente è stato utilizzato anche il filler con calcio idrossilapatite. I trattamenti con i filler si effettuano non solo per ottenere un ringiovanimento ma anche per correggere deformazioni congenite. Queste spesso richiedono molteplici interventi chirurgici non sempre con un risultato estetico soddisfacente. Schweiger et al. descrivono il caso di una ragazza • 52 • Dermakos ottobre 2008
  6. 6. che presentava alla nascita unafessura unilaterale della porzionesinistra del labbro.La paziente si è sottoposta a dodiciinterventi chirurgici ricostruttivicraniofacciali oltre a svariateoperazioni dentali. Il risultatofinale di tutti gli interventi subitiè stata una asimmetria del labbrosuperiore.Gli autori hanno trattato la parteinteressata con filler a base diacido ialuronico con un risultatocosmetico eccellente10.Inoltre i filler sono molto utilinel trattamento di patologieacquisite che possono determinareun importante danno estetico qualead esempio l’emiotrofia faccialeprogressiva, espressione dellasindrome di Parry-Romberg.In molti lavori è stato valutatol’utilizzo di filler nei pazienti HIVpositivi con lipoatrofia del volto alfine di migliorare l’aspetto esteticoe quindi la qualità di vita.I filler riassorbibili garantisconoun buon risultato estetico, ma lagrande quantità di sostanza chedeve essere iniettata, per unacorrezione ottimale, e la brevedurata del filler determinano costimolto elevati.Pertanto molti pazienti richiedonofiller permanenti. Il siliconeliquido ha dimostrato di esseresicuro, efficace e molto graditoai pazienti, mentre l’uso dipoliacrilammide ha determinatol’insorgenza di ascessi sviluppatisidopo mesi e anche annidall’impianto iniziale.Attualmente un filler moltoapprezzato dai pazienti HIV positivicon lipoatrofia è l’acido polilattico.La sicurezza e l’efficacia di questofiller, i cui risultati possono durareanche due anni, è stata descritta indiversi lavori.Altri inestetismi che possonoessere corretti con i filler sono lecicatrici post acneiche e gli esitida varicella. Sono stati utilizzatiper trattare questi in estetismisilicone liquido e collagene. Inuno studio eseguito da Barnett irisultati ottenuti sulle cicatrici ottobre 2008 Dermakos • 53 •
  7. 7. FOCUS TECNICHE DI INIEZIONE Sebbene l’efficacia clinica dei filler sia ben documentata, non ci sono molti lavori per documentare oggettivamente l’esatta collocazione del filler. ALCUNE CARATTERISTICHE ANATOMICHE CHE DIFFERENZIANO IL VOLTO DEGLI UOMINI DA QUELLO DELLE DONNE DEVONO ESSERE TENUTE IN CONSIDERAZIONE: VOLTO PIÙ SQUADRATO, LABBRA PIÙ GRANDI, RUGHE PIÙ PROFONDE In un recente studio istologico è stato osservato che il materiale iniettato, acido ialuronico, era localizzato nel sottocutaneo e solo una piccola parte nel derma reticolare profondo. Pertanto i risultati cosmetici erano ottenuti non tanto per la localizzazione dermica del filler, ma piuttosto per la localizzazione al di sotto del derma, nel grasso sottocutaneo13. Anche i meccanismi fisiologiciprofonde da acne trattate con Anche l’acido polilattico è stato coinvolti dopo infiltrazione con isilicone liquido sono stati valutati utilizzato per il trattamento delle filler e la conseguente diffusionecon un follow-up dai 10 ai 30 anni. cicatrici da acne e varicella. del prodotto iniettato non sonoI pazienti hanno ottenuto una I limiti di questo filler sono legati ancora perfettamente chiariti.correzione immediata e permanente al fatto che la profondità delle In uno studio pilota sono statedelle cicatrici senza effetti cicatrici deve essere superiore ai ottenute immagini quantitavivecollaterali e con costi limitati a un 2-3 mm a causa di un possibile ad alta risoluzione con risonanzaunico trattamento11. riempimento eccessivo. magnetica al fine di valutare Quando è necessaria l’anestesia P ur essendo i filler efficaci in molteplici situazioni molti si hanno minori rischi di reazioni allergiche e non si hanno pazienti non si avvicinano a questa tecnica per la paura distorsioni geometriche secondarie al rilassamento dei muscoli del dolore. Alcuni soggetti infatti hanno un’ipersensibilità spesso causato dalle infiltrazioni di anestetico. L’anestetico topico al dolore; in questi casi per ridurre il dolore dell’iniezione, si può deve essere applicato anche sulle zone adiacenti alla zona da effettuare un’anestesia locale o applicare un anestetico topico trattare per avere un’efficacia maggiore. La locale vasocostrizione prima dell’infiltrazione. dovuta alla crema anestetica riduce il possibile sanguinamento e Le tecniche anestetiche locali sono semplici, rapide ed efficaci. la comparsa di ecchimosi. Le zone più sensibili al dolore sono le labbra e le rughe nasolabiali. In uno studio è stato osservato che la simultanea applicazione Le iniezioni di lidocaina con epinefrina possono non solo rendere di crema anestetica contenente lidocaina al 5% sulla cute, sul la procedura di correzione indolore, ma possono ridurre il vermiglio e sulla mucosa delle labbra per 20-30 minuti produce sanguinamento. Per quanto riguarda le labbra, l’iniezione viene una profonda anestesia12. effettuata nella submucosa nello spazio compreso tra la mucosa Attualmente sono in commercio filler che contengono una e il periosteum, mentre a livello delle pieghe nasolabiali l’iniezione piccola dose di anestetico (0,3% di lidocaina); in questi viene effettuata all’interno della mucosa orale al di sotto della casi l’infiltrazione è più tollerata, ma è opportuno prima del zona da trattare con il filler. trattamento eseguire una accurata anamnesi per verificare se il I medici e i pazienti preferiscono l’anestesia topica, poiché paziente è eventualmente allergico agli anestetici. • 54 • Dermakos ottobre 2008
  8. 8. FOCUSl’integrazione del materiale verificare ogni tipo di cambiamento arcuato, il volto è più squadrato, leiniettato14. dell’agente infiltrato. labbra sono più grandi e le rugheI risultati preliminari hanno Dato interessante è che il filler più profonde.mostrato che la risonanza persisteva e non era ancora Inoltre gli uomini, ancor più chemagnetica è utile non solo per la degradato totalmente, quando le donne, per fattori culturali evisualizzazione in vivo del prodotto i pazienti, dopo 6 mesi dal consuetudini sociali richiedonoma anche per evidenziare le trattamento, erano sicuri che fosse trattamenti il cui risultato finale siamodificazioni del tessuto. Il metodo stato eliminato poiché non ne assolutamente naturale.può essere utilizzato per predire percepivano più la presenza15. Comunque, per ottenere risultatila durata del filler nel derma La natura dei filler, la loro estetici migliori, sia negli uominie nell’ipoderma e le eventuali composizione, la loro longevità, la sia nelle donne, è opportunopossibili reazioni metaboliche regione da sottoporre a trattamento eseguire una serie di trattamenticontro di esso. e il tipo di inestetismo da trattare integrati.Inoltre questa tecnologia potrebbe non sono le uniche problematiche Pertanto un’approccio globaleessere un valido metodo per di cui bisogna tener conto. è fondamentale per un risultatoconfrontare la longevità dei vari Fino ad alcuni anni quasi ottimale. È possibile quindifiller. esclusivamente le donne si utilizzare i filler in sinergiaUn altra metodica per poter sottoponevano a tali trattamenti, con altri trattamenti quali inverificare il posizionamento e la ma attualmente anche gli uomini particolare la biostimolazione, idurata dei filler è l’utilizzo degli hanno iniziato a interessarsi al peeling chimici e le infiltrazioni diultrasuoni ad alta frequenza. mondo dei filler. tossina botulinica.Questa tecnica non invasiva Gli uomini presentano però bisogni I filler possono essere utilizzati perpermette di ottenere immagini ad cosmetici e aree da trattare diverse ridurre i solchi e le pieghe situatealta risoluzione della cute e dei da quelle delle donne. Alcune nei due terzi inferiori del viso, latessuti sottostanti. caratteristiche anatomiche che tossina botulinica riduce quelli delYoung et al. in uno studio con differenziano il volto degli uomini terzo superiore del volto, i peelingultrasuoni ad alta frequenza da quello delle donne devono chimici donano compattezza ehanno evidenziato la zona dove essere tenute in considerazione. luminosità alla cute trattata e laera stato iniettato il filler. Con In particolare negli uomini il biostimolazione determina unaqueste immagini è stato possibile sopracciglio è più basso, meno idratazione profonda. BIBLIOGRAFIA 1. Dadzie OE, Mahalingam M, Parada production caused by cross-linked injectable tissue-engineered soft tissue: M, El Helou T, Philips T, Bhawan hyaluronic acid dermal filler injections a pilot study. Ann Plast Surg 2006; 56: J. Adverse cutaneous reactions to in photodamaged human skin. Arch 251-255. soft tissue fillers – A review of the Dermatol 2007; 143: 155-163. 9. Man J, Rao J, Goldman M. A double- histological features. J Cutan Patol 5. Berlin AL, Hussain M, Goldberg blind, comparative study of non animal- 2008; 35: 536-548. DJ. Calcium hydroxylapatite filler for stabilized hyaluronic acid versus 2. Shoshani D, Markovitz E, Cohen Y, facial rejuvenation: A histologic and human collagen for tissue augmentation Heremans A, Goldlust A. immunohistochemical analysis. Dermatol of the dorsal hands. Dermatol Surg Skin test hypersensitivity study of a Surg 2008; 34: 64-67. 2008; 34: 1-6. cross-linked, porcine collagen implant 6. Fernandez-Cossio S, Leon- 10. Schweiger ES., Riddle CC, Tonkovic- for aesthetic surgery. Dermatol Surg Mateos A, Sampedro FG, Oreja MT. Capin V, Aires DJ. Successful treatment 2007; 33: 152-158. Biocompatibility of agarose gel as a with injected hyaluronic acid in a patient 3. Narins RS, Brandt FS, Lorenc dermal filler: histologic evaluation of with lip asymmetry after surgical P, Maas CS, Monheit GD, Smith SR, subcutaneous implants. Plast Reconstr correction of cleft lip. Dermatol Surg McIntyre S. A randomized, multicenter Surg 2007; 120(5): 1161-1169. 2008; 34: 717-719. study of the safety and efficacy of 7. Fischer J, Metzler G, Schaller M. 11. Barnett JG, Barnett CR. Treatment dermicol-P35 and non-animal-stabilized Cosmetic permanent fillers for soft of acne scars with liquid silicon hyaluronic acid gel for the correction of tissue augmentation. injections:30-years perspective. nasolabial folds. Dermatol Surg 2007; A new contraindication for interferon Dermatol Surg 2005; 31: 1542-1549. 33: 213-221. therapies. Arch Dermatol 2007; 143: 12. Smith KC, Melnychuk M. Five percent 4. Wang F, Garza LA, Kang S, Varani J, 507-510. lidocaine cream applied simultaneously Orringer JS, Fisher GJ, Voorhees JJ. 8. Han SK, Shin SH, Kang HJ, Kim to the skin and mucosa of the lips In vivo stimulation of de novo collagen WK. Augmentation rhinoplasty using creates excellent anesthesia for filler • 56 • Dermakos ottobre 2008
  9. 9. Un recente lavoro ha evidenziatocome la combinazione di diversitipi di trattamenti determinirisultati cosmetici superiori a quelliottenuti effettuando unicamentele singole tecniche. La sinergia diqueste terapie ha portato anchea un aumento significativo dellasoddisfazione dei pazienti inseritinello studio16. Inoltre i risultatimigliori si ottengono su un visoben idratato che utilizza cosmeticiappropriati.Le case produttrici, per cercare disoddisfare le esigenze di medici epazienti, immettono sul mercatosempre nuovi prodotti, ma chespesso non hanno effettuatosufficienti trial clinici, né hannoadeguati profili di sicurezza.Ultimamente sono stati segnalaticasi di commercializzazioneabusiva di prodotti non autorizzati,importati illegalmente esomministrati a pazienti ignari.Ci si augura pertanto chenel prossimo futuro con la ricercabiotecnologica vengano prodottinuovi filler sempre più efficacie sicuri.injections. Dermatol Surg 2005; 31:1635-1637.13. Arlette JP, Trotter MJ. Anatomiclocation of hyaluronic acid fillermaterial injected into nasolabial fold:a histologic study. Dematol Surg 2008;34: 56-63.14. Gensanne D, Josse G, SchmittAM, Lagarde JM, Vincensini D. Invivo visualization of hyaluronic acidinjection by high spatial resolutionT2 parametric magnetic resonanceimages. Skin Research and Technology2007; 13: 385-389.15. Young SR, Bolton PA, Downie J. Useof high-frequency ultrasound in theassessment of injectable dermal filler.Skin Research and Technology 2008;14: 1-4.16. Landau M. Combination of chemicalpeelings with botulinum toxin injectionsand dermal fillers. Journal of CosmeticDermatology 2006; 5: 121-126. ottobre 2008 Dermakos • 57 •

×