Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Un piano per la montagna - #MontagnaFuturo

1,158 views

Published on

Intervento di Ugo Parolo del 14 marzo 2017 all'evento MontagnaFuturo tenutosi presso Regione Lombardia.

Published in: Government & Nonprofit
  • Be the first to comment

Un piano per la montagna - #MontagnaFuturo

  1. 1. UN PIANO PER LA MONTAGNA Ugo Parolo Sottosegretario ai rapporti con il Consiglio regionale, alle politiche per la Montagna, alla Macroregione Alpina (EUSALP), ai Quattro Motori per l’ Europa e alla programmazione negoziata Milano, Palazzo Lombardia 14 marzo 2017
  2. 2. AGENDA 2  Regione Lombardia per la montagna  Il territorio al centro  Il Piano degli investimenti  Montagna Futuro, le nuove sfide  Un impegno comune per la montagna
  3. 3. REGIONE LOMBARDIA PER LA MONTAGNA
  4. 4. IL NOSTRO TERRITORIO 10.260 Kmq, 1.253.084 Abitanti il 43% del territorio regionale è montano ... e la rappresentanza? 4
  5. 5. Risorse POLITICHE PER LA MONTAGNA Un quadro di insieme Crescita Sviluppo Occupazione POR FESR – FSE Fondo delle Valli Prealpine Fondo Comuni Confinanti PSR - FEASR Legge 19/2014 5
  6. 6. «Regione Lombardia svilupperà la propria politica per la montagna con azioni coordinate e interdisciplinari sia nei processi legislativi che nei diversi livelli di programmazione e pianificazione. L’obiettivo che si intende raggiungere è lo sviluppo di un’azione unitaria in tutte le tematiche che possano interessare la montagna, ponendo particolare attenzione alla coerenza delle azioni con le intrinseche peculiarità territoriali, sociali ed economiche. Si punterà quindi ad azioni coordinate e interdisciplinari che facciano della trasversalità e della sinergia tra tutti i soggetti coinvolti la loro forza». PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO 2013/2018 Principali obiettivi per la montagna Valorizzazione delle Comunità Montane come soggetto idoneo allo svolgimento di funzioni associate Potenziamento accessibilità ai territori montani e attrattività della montagna Ottimizzazione della programmazione economica per la montagna «Una Regione dalla parte della Montagna» 6
  7. 7. EUSALP Macroregione alpina Montagna e pianura insieme in un rapporto paritario Protecting Alps Developing Alps Connecting Alps «Protagonisti nell’Action Group n. 1 Approccio bottom-up e rapporto diretto con gli stakeholder» La Strategia Macroregionale Alpina si basa su un piano d’azione nato nel 2014, a seguito di ampia consultazione pubblica svolta nei 7 Stati Membri e nelle 48 Regioni, da giugno a ottobre 2014. Regione Lombardia da subito ha fortemente creduto in questo processo:  coordinando le Regioni italiane dell’area della macroregione nel percorso di formazione della Strategia  ospitando la conferenza finale degli Stakeholder (oltre 1.200 persone) tenutasi a Milano nel dicembre 2014 È questa un’iniziativa che nasce dalle Regioni ed è per questo, che per la prima volta, nel Comitato paritetico e nella governance ci sono a pari livello sia i 7 Stati che le Regioni che a turno rappresentano i singoli Stati dentro la Strategia Macroregionale. La presidenza di turno sarà in capo a Regione Lombardia nel 2019. 7
  8. 8. RELAZIONI CON BOLZANO E TRENTO Una collaborazione nel segno dell’autonomia Regione Lombardia ha sostenuto un rinnovato spirito di collaborazione con le due Province Autonome, che sta già portando risultati tangibili sul territorio:  Rilancio del nuovo Fondo per i Comuni Confinanti  Nuovo rapporto per la gestione del Parco dello Stelvio Con la Provincia Autonoma di Bolzano:  Percorso comune per la valorizzazione della Strada dello Stelvio Con la Provincia Autonoma di Trento:  Nuova gestione delle risorse idriche del lago d’Idro, per il bacino del fiume Chiese «La montagna lombarda può autogestirsi, come il Trentino Alto Adige - Südtirol » 8
  9. 9. 9 STRATEGIA NAZIONALE AREE INTERNE La Strategie Nazionale Aree interne (SNAI) ha lo scopo di promuovere lo sviluppo locale dei territori più periferici, gravati da squilibri demografici e carenze strutturali di servizi pubblici. € 11.324.000 € 15.000.000 € 38.000.000 Approvate n. 2 Strategie (selezionate nel 2014): Alta Valtellina, Valchiavenna (in attesa sigla AdPQ) Selezionate n. 2 nuove aree: Alto Lago di Como e Valli del Lario e Oltrepò Pavese, per le quali in corso le attività di co- progettazione per la stesura della strategia € 64.324.000 le risorse messe a disposizione da Regione per le Aree Interne + € 15 milioni di risorse nazionali tramite fondi della Legge di Stabilità «Lombardia 1° a livello nazionale nell’approvazione delle Strategie d’Area» € 14.970.000 di risorse RL FESR/FSE/FEASR € 15.971.860 di risorse RL FESR/FSE/FEASR
  10. 10. NUOVO FONDO COMUNI CONFINANTI 10  Fondo istituito nel 2009 con risorse provenienti dai bilanci delle Province Autonome Trento e Bolzano – legge n. 191 del 23 dicembre 2009  Il 19 settembre 2014 Regione Lombardia ha sottoscritto l’intesa con il Governo, la Regione Veneto e le Province autonome di Bolzano e Trento che ha dato vita al Nuovo Fondo dei Comuni Confinanti  80 ML di euro annui, di cui 24 da destinare a progetti presentati dai Comuni e 56 per progetti strategici concordati con i territori  Un nuovo approccio, volto a favorire ricadute territoriali più ampie e sistemiche nell’utilizzo dei fondi 13 comuni confinanti e 29 comuni contigui In 6 anni (2013-2018) oltre € 93 Mln (solo per i progetti a carattere strategico), con investimento totale di oltre € 170 Mln «Abbiamo rivoluzionato la gestione del Fondo scommettendo sulla capacità del territorio di costruire il proprio sviluppo» Rinnovato rapporto di collaborazione tra Regione Lombardia e le due province autonome di Trento e Bolzano
  11. 11. 11 «Progetti strategici di sistema, con ricadute su tutto il territorio lombardo» NUOVO FONDO COMUNI CONFINANTI Alcuni esempi Definizione di un piano di gestione del Parco dello Stelvio, quale volano di sviluppo per l’intera valle Regolamentazione dei flussi d’acqua del Lago d’Idro, con benefici su tutto il bacino del fiume Chiese, a vantaggio della pianura bresciana Finanziamento della galleria di Gargnano e della pista ciclabile del Garda, per migliorare accessibilità e attrattività dell’intero comparto
  12. 12. IL TERRITORIO AL CENTRO
  13. 13. ESEMPI CONCRETI L.r. 19/2014 SONDRIO «Prima forma sperimentale di autonomia e di partecipazione diretta» Il territorio partecipa alla formazione delle leggi: istituzione di un Comitato Paritetico tra la Provincia e Regione Lombardia. Alla Provincia il compito di fornire un parere obbligatorio in fase redigente delle leggi regionali Modello che persegue un maggior ingaggio del territorio, garantendone una maggior rappresentanza Legge che sancisce la specificità montana della provincia di Sondrio, mantenendo al territorio funzioni che altrove sono tornati di competenza regionale Demanio idrico, una gestione territoriale 13
  14. 14. ESEMPI CONCRETI Parco dello Stelvio 14 Gli interventi previsti ammontano a € 21 Mln di cui circa € 16 Mln a valere sul Fondo Comuni Confinanti, € 2 Mln dal Parco, € 3 Mln sul FESR (Aree interne) In poco più di un anno approvati: LR ad hoc, il Piano degli investimenti e il Piano delle attività del Parco, le linee di indirizzo per la pianificazione Nuova governance semplificata per il Parco dello Stelvio Lombardo, grazie alla sinergia con ERSAF «Il Parco dello Stelvio motore per lo sviluppo locale » Valorizzazione Strada dello Stelvio in sinergia con le realtà alpine confinanti 5,0 mln/€ La storia del parco Valorizzazione testimonianze della Grande Guerra 1,1 mln/€ Promozione del parco e delle reti locali 5,2 mln/€ Storica firma, nel febbraio 2015, tra Regione Lombardia, Governo e le Province Autonome di Trento e Bolzano per una nuova modalità di gestione del Parco, affidata ai territorio, confermando comunque la configurazione unitaria dello stesso. Regione Lombardia ha ottenuto le stesse prerogative gestionali riservate alle Province autonome. Primo e unico caso di pianificazione condivisa con le Province autonome. Alcune linee di azione:
  15. 15. ESEMPI CONCRETI Fondo delle Valli Prealpine 15 € 5.142.856,00 per i comuni montani della provincia di Brescia e Bergamo € 3.857.142,00 per i comuni montani della provincia di Varese, Como e Lecco Finanziamento a fondo perduto con un contributo massimo dell’80% del costo di ogni singolo progetto Ogni strategia è finanziabile per un importo di € 1.285.714,00 Sono ammesse strategie con un importo massimo complessivo dei progetti pari a € 4.000.000,00 9 milioni di euro in tre anni, a valere sul bilancio regionale (art. 5 bis della L.R. 25/2007 c.6.) per sostenere i nuovi investimenti e per rilanciare la montagna lombarda Sono esclusi i Comuni montani: 1. della provincia di Sondrio 2. della provincia di Pavia in quanto provincia con territorio montano inferiore al 30% del territorio provinciale 3. i Comuni della provincia di Brescia confinanti con la Provincia di Trento, come individuati dalla delibera n.1 dell’11 febbraio 2015 del FCC Totale risorse 9 milioni
  16. 16. IL PIANO DEGLI INVESTIMENTI
  17. 17. 17 PIANO DEGLI INVESTIMENTI Le risorse messe in gioco da RL «Circa 390 milioni le risorse complessivamente attivate per le aree montane» *€ 69.941.858 Le risorse stanziate da Regione Lombardia a valere sui Fondi strutturali (FESR, FSE e FESR) e sul Fondo delle Valli Prealpine *€ 3.857.142 per comuni montani della Provincia Como Lecco Varese (€ 1.285.714,00 per Provincia) *€ 5.142.856 per Comuni Montani Provincia Brescia e Bergamo (€ 2.571.428 per Provincia) *€ 14.970.000 FESR FSE FEASR *€ 15.971.860 FESR FSE FEASR *€ 30.000.000 stanziati per le due Aree interne (Oltre Po e Alto Lago nuove aree in corso di approvazione) € 10.286.910 le ulteriori risorse di cofinanziamento a valere sulla Strategia Aree Interne Alta Valtellina e Val Chiavenna € 170 Mln le Risorse complessive attivate dal Fondo Comuni Confinanti + + € 17.000.000 annui da AQST Provincia di Sondrio € 85.000.000 in 5 anni per AQST Sondrio + € 52.500.000 in 5 anni alle 23 Comunità Montane, per il mantenimento dei servizi + € 52.500.000 per le 23 Comunità Montane
  18. 18. MONTAGNA FUTURO, LE NUOVE SFIDE
  19. 19. LE NUOVE SFIDE Ulteriori sfide 19  Gestione delle risorse idriche e tema delle grandi derivazioni idroelettriche, una battaglia da combattere insieme  Partecipazione effettiva delle Terre Alte al progetto di sviluppo della nostra regione  Ampliamento a tutti i territori montani della sperimentazione introdotta per la Provincia di Sondrio in materia di autonomia  Riduzione significativa del residuo fiscale per territori svantaggiati come quelli montani  Semplificazione delle procedure, in ragione delle esigenze specifiche e delle condizioni di contesto della montagna lombarda
  20. 20. LE NUOVE SFIDE Ulteriori sfide 20  Sviluppare il tema dei servizi ecosistemici nelle politiche della montagna  Premiare i cittadini che già lavorano a diretto contatto con l’ambiente e il territorio, attraverso un sistema virtuoso che li incentivi ad operare per la sua tutela  Integrare meglio domanda e offerta del settore bosco-legno e aumentare il valore aggiunto del prodotto finale, al fine di contrastare la crisi profonda che sta vivendo il settore  Riconoscere agli impianti di risalita la valenza di servizio pubblico locale, suddividere gli aspetti patrimoniali (gestione pubblica territoriale) dalle dinamiche gestionali (soggetti privati)
  21. 21. UN IMPEGNO COMUNE PER LA MONTAGNA
  22. 22. 22 PERCHE’ UN PIANO DEDICATO Obiettivi Montagna Futuro per dare vita ad un piano che:  Costruisca dal basso, in modo partecipato, un modello di governance più semplice e più rappresentativo  Elevi il grado di consapevolezza nella montagna delle proprie capacità  Sia lo strumento efficace per attrarre risorse e per garantirne un utilizzo coordinato ed efficace  Faccia sintesi tra le diverse politiche in atto in ambito montano  Sia espressione del territorio  Sia da stimolo per lo sviluppo di processi di co-progettazione territoriale  Incentivi il miglioramento delle capacità di governance territoriale  Fornisca delle linee di indirizzo concrete sulle priorità di intervento manifestate dai territori Costruire con il territorio montano una visione delle priorità, delle esigenze e delle opportunità Stimolare la capacità di governance e le capacità programmatiche e progettuali, sostenendo la cooperazione e la creazione di reti Insieme e con gli attori locali per una messa in rete delle progettualità, rispetto agli strumenti della programmazione regionale «Non un piano calato dall’alto, ma espressione della montagna»
  23. 23. 23 VERSO MONTAGNA FUTURO Road map Evento Finale ottobre/novembre OGGI 14/03 Focus 1 Focus 2 Focus 3 Focus 4 Focus 5 Risultati Timing Definiamo insieme le linee guida del Piano della Montagna Governance e comunità: una rete per la montagna Servizi e comunità locali: vivere la montagna Giovani e start up d’impresa: il futuro della montagna Ambiente e natura: motore di sviluppo della montagna A contatto con il territorio e con gli stakeholder locali, per un percorso di confronto e condivisione Comunicazione – Social Attrattività e turismo: la montagna al centro
  24. 24. 24 TEMPI …… «partecipazione e co- progettazione» GRAZIE PER L’ATTENZIONE In collaborazione con #siamounasquadra #montagnafuturo

×