Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
UN PIANO PER LA MONTAGNA
Ugo Parolo
Sottosegretario ai rapporti con il Consiglio regionale, alle politiche per la Montagna...
MONTAGNA, GIOVANI E START UP
3
OGGI PARLIAMO DI: GIOVANI E START UP D’IMPRESA
Fare impresa in montagna
 Giovani imprenditori e avvio d’impresa
 Forma...
 Oltre 1 su 5 delle 7.000 start up innovative
attive in Italia, ha sede in Lombardia > il
23,1% del totale nazionale
 In...
FARE IMPRESA IN MONTAGNA
Risorse nuove per un futuro possibile
«Vogliamo
investire nei
giovani, creando le
condizioni perc...
REGIONE LOMBARDIA PER LA MONTAGNA
IL NOSTRO TERRITORIO
10.260 Kmq, 1.253.084 Abitanti
il 43% del territorio regionale è montano
... e la rappresentanza?
7
«Regione Lombardia svilupperà la propria politica per la montagna con azioni coordinate e
interdisciplinari sia nei proces...
EUSALP
Macroregione alpina
Montagna e pianura insieme in un rapporto paritario
Protecting Alps
Developing Alps
Connecting ...
NUOVO FONDO COMUNI CONFINANTI
Una collaborazione nel segno dell’autonomia
10
 Fondo istituito nel 2009 con risorse proven...
11
STRATEGIA NAZIONALE AREE INTERNE
La Strategie Nazionale Aree interne (SNAI) ha lo scopo di promuovere lo
sviluppo local...
INTERREG V ITALIA SVIZZERA
Aprirà il 3 luglio il primo bando del Programma di Cooperazione
Transfrontaliera. Un bando impo...
IL TERRITORIO AL CENTRO
ESEMPI CONCRETI
L.r. 19/2014 SONDRIO
«Prima forma
sperimentale di
autonomia e di
partecipazione diretta»
Il territorio par...
ESEMPI CONCRETI
Parco dello Stelvio
15
Gli interventi previsti
ammontano a € 21 Mln
di cui circa € 16 Mln a
valere sul Fon...
ESEMPI CONCRETI
Fondo delle Valli Prealpine
16
€ 5.142.856,00
per i comuni
montani della
provincia di Brescia
e Bergamo
€ ...
UN IMPEGNO COMUNE PER LA MONTAGNA
18
PERCHE’ UN PIANO DEDICATO
Obiettivi
 Costruire dal basso, in modo partecipato, un modello
di governance più semplice e...
19
VERSO MONTAGNA FUTURO
Road map
Evento
Finale
novembre
Regione Lombardia
Avvio
14 marzo
Regione
Lombardia 12
maggio
Luin...
20
TEMPI
……
«partecipazione e co-
progettazione»
GRAZIE PER L’ATTENZIONE
In collaborazione con
#siamounasquadra
#montagnaf...
Luca Grimaldi
U.O. Servizi per il territorio, la montagna e le fiere - ERSAF Regione Lombardia
MONTAGNA FUTURO
Giovani e S...
Fonte MISE 2013
«Percezione» di banda larga
Piano BUL 2014-2020
4 Mbps Broadband
10 Mbps Broadband
25 Mbps Broadband
Fruizione della
rete
sentieristica
Connessione
rete trasporto
pubblico
Valorizzazione
strutture
ricettive
collegate
Promoz...
Evoluzione del turismo nei rifugi
PRESIDIO
Evoluzione del turismo – Tecnologia e montagna
?
Seguire l’evoluzione turistica = evoluzione tecnologica dei frequentatori...
Evoluzione del turismo – Tecnologia e montagna
PER I GIOVANI
Percorsi e attività formative
 Partendo da realtà virtuose già presenti (per es. sentieri
storici e tematic...
Infrastrutturazione dei rifugi alpini e alpeggi con connessione ad internet a
larga banda
• ANALISI: Tecnologia ADSL Sat v...
Progetto “Connessione a Banda
Larga Rifugi Alpini e Alpeggi in
Digital Divide”
• Coinvolte > 50 strutture
• Periodo instal...
I 56 RIFUGI COLLEGATI DAL PROGETTO INTERREG VETTA
PROGETTO “CONNESSIONE A BANDA LARGA RIFUGI ALPINI E
ALPEGGI IN DIGITAL DIVIDE”
I rifugi sono tra i pochissimi posti dove questo non avviene o non avveniva fino a poco
tempo fa
Dove è presente la connes...
PAGAMENTI
Attraverso la connessione ad internet è possibile
connettere un terminale POS oppure accettare
pagamenti anche c...
Gestione in tempo reale dei social per condividere con gli utenti le informazioni sul
meteo, degli eventi in programma e d...
Sognare davanti al computer
Sono le più ricercate perché forniscono dati in tempo
reale, ci fanno vedere le condizioni met...
Installazioni realizzate: tecnologie utilizzate
ADSL satellitare
FWA (Cmax-WiMax)
Amplificatori GSM/UMTS
ADSL Satellitare – apparati installati
Apparati: modem – router wifi - telefono
Alcuni dati sulla copertura BL nei rifugi Alpini
Regione Piemonte Regione Lombardia Trentino
53 56 55
Rapida evoluzione
20...
-- Link al filmato --
Michele Bariselli – Gestore
Rifugio V° Alpini – 2877 m
// Giovedì 29 giugno 2017 // Incubatore di Imprese // Cividate Camuno (Bs) // #MONTAGNAFUTURO //
GIOVANI E START UP D’IMPR...
VOILÀ è una SOCIETA’ COOPERATIVA di
produzione e lavoro, giovane e dinamica.
Opera principalmente nel campo del MARKETING
...
la mission
VOILÀ promuove e sostiene
lo SVILUPPO DEL TERRITORIO
a partire dalla valorizzazione e
fruizione del suo PATRIMO...
• PIANIFICAZIONE & MARKETING TERRITORIALE
(es. progetti di ricerca, coordinamento territoriale, strategie di sviluppo)
• E...
per chi lavoriamo
• Enti pubblici
(Comunità Montana, Parco Adamello, GAL
Sebino Valle Camonica Val di Scalve,
Comuni, Scuo...
VOILÀ è formata da uno
STAFF MULTIDISCIPLINARE
che garantisce l’attuazione dell’intero
processo progettuale e creativo,
da...
dove lavoriamo
dove siamo
com’è nata Voilà
2008 _ Workshop sulla comunicazione innovativa delle incisioni rupestri
2008 - 2009 _ Progetto di comunic...
perché Voilà
3 DIVERSE PROFESSIONALITA’:
• tour, arte e didattica,
• design, pianificazione territoriale e comunicazione,
...
• per metterci in gioco,
• per costruirci un futuro,
• per far fruttare le competenze acquisite durante
l’università e le ...
• per unire le competenze,
• per unire le “forze”,
• per confrontarci nello sviluppo dei progetti,
• per aiutarci reciproc...
seguiteci su
www.cooperativavoila.it
Grazie per l’attenzione!
Giovani e Start Up d'impresa: il futuro della montagna | #MontagnaFuturo 29 giugno Cividate Camuno
Giovani e Start Up d'impresa: il futuro della montagna | #MontagnaFuturo 29 giugno Cividate Camuno
Giovani e Start Up d'impresa: il futuro della montagna | #MontagnaFuturo 29 giugno Cividate Camuno
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Giovani e Start Up d'impresa: il futuro della montagna | #MontagnaFuturo 29 giugno Cividate Camuno

516 views

Published on

Materiali degli interventi del secondo evento sul territorio del progetto Montagna Futuro dal titolo "Giovani e Start Up d'impresa: il futuro della montagna", che si è tenuto il 29 giugno presso l'Incubatore di Imprese di Cividate Camuno (BS).

Published in: Government & Nonprofit
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Giovani e Start Up d'impresa: il futuro della montagna | #MontagnaFuturo 29 giugno Cividate Camuno

  1. 1. UN PIANO PER LA MONTAGNA Ugo Parolo Sottosegretario ai rapporti con il Consiglio regionale, alle politiche per la Montagna, alla Macroregione Alpina (EUSALP), ai Quattro Motori per l’ Europa e alla programmazione negoziata Incubatore di Imprese – Cividate Camuno 28 giugno 2017
  2. 2. MONTAGNA, GIOVANI E START UP
  3. 3. 3 OGGI PARLIAMO DI: GIOVANI E START UP D’IMPRESA Fare impresa in montagna  Giovani imprenditori e avvio d’impresa  Formazione per i giovani e per l’avvio di nuove attività  Accesso al credito per le imprese montane  Valorizzazione del territorio montano grazie alle imprese
  4. 4.  Oltre 1 su 5 delle 7.000 start up innovative attive in Italia, ha sede in Lombardia > il 23,1% del totale nazionale  In Lombardia 1.600 start up attive a marzo 2017 > il 20,8% è guidato da giovani  Il 10,6% delle start up presenti in Italia sono classificate ad alto valore tecnologico in ambito green (energia e ambiente): ai primi posti Lombardia, Emilia Romagna e Veneto START UP IN REGIONE LOMBARDIA Terreno fertile per idee imprenditoriali Settori prevalenti Distribuzione geografica Fonte: Ufficio Studi della Camera di commercio di Monza e Brianza su dati Registro imprese
  5. 5. FARE IMPRESA IN MONTAGNA Risorse nuove per un futuro possibile «Vogliamo investire nei giovani, creando le condizioni perché possano avere un futuro nei luoghi di montagna dove sono nati e cresciuti»  Tra le start up in Lombardia, tuttavia, solo poche decidono di insediarsi sul territorio montano regionale  Agricoltura, gestione forestale, allevamento e agroalimentare, turismo, cultura: sono alcuni esempi di settori nei quali sostenere il ritorno di attività e lo sviluppo di imprese innovative montagna  E’ necessario mettere a sistema gli strumenti regionali esistenti (es. POR FESR, FSE) e attivare forme di integrazione e collaborazione con stakeholder territoriali (es. Istituti di credito, crowfunding, enti di formazione) per sostenere la nascita di nuove imprese in montagna
  6. 6. REGIONE LOMBARDIA PER LA MONTAGNA
  7. 7. IL NOSTRO TERRITORIO 10.260 Kmq, 1.253.084 Abitanti il 43% del territorio regionale è montano ... e la rappresentanza? 7
  8. 8. «Regione Lombardia svilupperà la propria politica per la montagna con azioni coordinate e interdisciplinari sia nei processi legislativi che nei diversi livelli di programmazione e pianificazione. L’obiettivo che si intende raggiungere è lo sviluppo di un’azione unitaria in tutte le tematiche che possano interessare la montagna, ponendo particolare attenzione alla coerenza delle azioni con le intrinseche peculiarità territoriali, sociali ed economiche. Si punterà quindi ad azioni coordinate e interdisciplinari che facciano della trasversalità e della sinergia tra tutti i soggetti coinvolti la loro forza». PROGRAMMA REGIONALE DI SVILUPPO 2013/2018 Principali obiettivi per la montagna Valorizzazione delle Comunità Montane come soggetto idoneo allo svolgimento di funzioni associate Potenziamento accessibilità ai territori montani e attrattività della montagna Ottimizzazione della programmazione economica per la montagna «Una Regione dalla parte della Montagna» 8
  9. 9. EUSALP Macroregione alpina Montagna e pianura insieme in un rapporto paritario Protecting Alps Developing Alps Connecting Alps «Protagonisti nell’Action Group n. 1 Approccio bottom-up e rapporto diretto con gli stakeholder» La Strategia Macroregionale Alpina si basa su un piano d’azione nato nel 2014, a seguito di ampia consultazione pubblica svolta nei 7 Stati Membri e nelle 48 Regioni, da giugno a ottobre 2014. Regione Lombardia da subito ha fortemente creduto in questo processo:  coordinando le Regioni italiane dell’area della macroregione nel percorso di formazione della Strategia  ospitando la conferenza finale degli Stakeholder (oltre 1.200 persone) tenutasi a Milano nel dicembre 2014 È questa un’iniziativa che nasce dalle Regioni ed è per questo, che per la prima volta, nel Comitato paritetico e nella governance ci sono a pari livello sia i 7 Stati che le Regioni, che a turno rappresentano i singoli Stati dentro la Strategia Macroregionale. La presidenza di turno sarà in capo a Regione Lombardia nel 2019. 9
  10. 10. NUOVO FONDO COMUNI CONFINANTI Una collaborazione nel segno dell’autonomia 10  Fondo istituito nel 2009 con risorse provenienti dai bilanci delle Province Autonome Trento e Bolzano – legge n. 191 del 23 dicembre 2009  Il 19 settembre 2014 Regione Lombardia ha sottoscritto l’intesa con il Governo, la Regione Veneto e le Province autonome di Bolzano e Trento che ha dato vita al Nuovo Fondo dei Comuni Confinanti  80 ML di euro annui, di cui 24 da destinare a progetti presentati dai Comuni e 56 per progetti strategici concordati con i territori  Un nuovo approccio, volto a favorire ricadute territoriali più ampie e sistemiche nell’utilizzo dei fondi «Abbiamo rivoluzionato la gestione del Fondo scommettendo sulla capacità del territorio di costruire il proprio sviluppo» Definizione di un piano di gestione del Parco dello Stelvio, quale volano di sviluppo per l’intera valle Regolamentazione dei flussi d’acqua del Lago d’Idro, con benefici su tutto il bacino del fiume Chiese, a vantaggio della pianura bresciana Finanziamento della galleria di Gargnano e della pista ciclabile del Garda, per migliorare accessibilità e attrattività dell’intero comparto
  11. 11. 11 STRATEGIA NAZIONALE AREE INTERNE La Strategie Nazionale Aree interne (SNAI) ha lo scopo di promuovere lo sviluppo locale dei territori più periferici, gravati da squilibri demografici e carenze strutturali di servizi pubblici. € 11.324.000 € 15.000.000 € 38.000.000 Approvate n. 2 Strategie (selezionate nel 2014): Alta Valtellina, Valchiavenna (siglato AdPQ) Selezionate n. 2 nuove aree: Alto Lago Di Como E Valli Del Lario e Oltrepò Pavese, per le quali in corso le attività di co- progettazione per la stesura della strategia € 64.324.000 le risorse messe a disposizione da Regione per le Aree Interne + € 15 milioni di risorse nazionali tramite fondi della Legge di Stabilità «Alto Lago di Como e Valli del Lario: il Preliminare di Strategia approvato e presentato lo scorso 19 giugno a Gravedona» € 14.970.000 di risorse RL FESR/FSE/FEASR € 15.971.860 di risorse RL FESR/FSE/FEASR
  12. 12. INTERREG V ITALIA SVIZZERA Aprirà il 3 luglio il primo bando del Programma di Cooperazione Transfrontaliera. Un bando importante che attiverà l’80% della dotazione finanziaria complessiva sui temi di segnalati dal territorio tramite le Manifestazioni di Interesse. «Intensa collaborazione It –Ch per lo sviluppo di protocolli operativi che superino situazioni di criticità» Progetti concreti per l’integrazione gomma – ferrovia, a supporto dello sviluppo turistico Ricadute territoriali che vanno oltre l’area di cooperazione transfrontaliera Soluzioni condivise per far fronte a problemi comuni dell’area alpina
  13. 13. IL TERRITORIO AL CENTRO
  14. 14. ESEMPI CONCRETI L.r. 19/2014 SONDRIO «Prima forma sperimentale di autonomia e di partecipazione diretta» Il territorio partecipa alla formazione delle leggi: istituzione di un Comitato Paritetico tra la Provincia (3 rappresentanti) e Regione Lombardia (3 rappresentanti) . Alla Provincia il compito di fornire un parere obbligatorio in fase redigente delle leggi regionali Modello che persegue un maggior ingaggio del territorio, garantendone una maggior rappresentanza Legge che sancisce la specificità montana della provincia di Sondrio, mantenendo al territorio funzioni che altrove sono tornati di competenza regionale Demanio idrico, una gestione territoriale 14
  15. 15. ESEMPI CONCRETI Parco dello Stelvio 15 Gli interventi previsti ammontano a € 21 Mln di cui circa € 16 Mln a valere sul Fondo Comuni Confinanti, € 2 Mln dal Parco, € 3 Mln sul FESR (Aree interne) In poco più di un anno approvati: LR ad hoc, il Piano degli investimenti e il Piano delle attività del Parco, le linee di indirizzo per la pianificazione Nuova governance semplificata per il Parco dello Stelvio Lombardo, grazie alla sinergia con ERSAF «Il Parco dello Stelvio motore per lo sviluppo locale » Valorizzazione Strada dello Stelvio in sinergia con le realtà alpine confinanti 5,0 mln/€ La storia del parco Valorizzazione testimonianze della Grande Guerra 1,1 mln/€ Storica firma, nel febbraio 2015, tra Regione Lombardia, Governo e le Province Autonome di Trento e Bolzano per una nuova modalità di gestione del Parco, affidata ai territorio, confermando comunque la configurazione unitaria dello stesso. Regione Lombardia ha ottenuto le stesse prerogative gestionali riservate alle Province autonome. Primo e unico caso di pianificazione condivisa con le Province autonome. Alcune linee di azione:
  16. 16. ESEMPI CONCRETI Fondo delle Valli Prealpine 16 € 5.142.856,00 per i comuni montani della provincia di Brescia e Bergamo € 3.857.142,00 per i comuni montani della provincia di Varese, Como e Lecco Finanziamento a fondo perduto con un contributo massimo dell’80% del costo di ogni singolo progetto Ogni strategia è finanziabile per un importo di € 1.285.714,00 Sono ammesse strategie con un importo massimo complessivo dei progetti pari a € 4.000.000,00 9 milioni di euro in tre anni, a valere sul bilancio regionale (art. 5 bis della L.R. 25/2007 c.6.) per sostenere i nuovi investimenti e per rilanciare la montagna lombarda Sono esclusi i Comuni montani: 1. della provincia di Sondrio 2. della provincia di Pavia in quanto provincia con territorio montano inferiore al 30% del territorio provinciale 3. i Comuni della provincia di Brescia confinanti con la Provincia di Trento, come individuati dalla delibera n.1 dell’11 febbraio 2015 del FCC Totale risorse 9 milioni
  17. 17. UN IMPEGNO COMUNE PER LA MONTAGNA
  18. 18. 18 PERCHE’ UN PIANO DEDICATO Obiettivi  Costruire dal basso, in modo partecipato, un modello di governance più semplice e più rappresentativo  Fare sintesi tra le diverse politiche in atto in ambito montano  Fornire delle linee di indirizzo concrete sulle priorità di intervento manifestate dai territori  Attrarre risorse e per garantirne un utilizzo coordinato ed efficace Tra i temi ricorrenti emersi dal confronto fin qui attivato: • Attenzione ai giovani • Superamento della frammentazione e sostegno alle reti • Integrazione delle politiche per la montagna «Non un piano calato dall’alto, ma espressione della montagna»
  19. 19. 19 VERSO MONTAGNA FUTURO Road map Evento Finale novembre Regione Lombardia Avvio 14 marzo Regione Lombardia 12 maggio Luino 25 maggio Colico 29 giugno Cividate Camuno 21 settembre ottobre Risultati Definiamo insieme le linee guida del Piano della Montagna Governance e comunità: una rete per la montagna Servizi e comunità locali: vivere la montagna Giovani e start up d’impresa: il futuro della montagna Ambiente e natura: motore di sviluppo della montagna Attrattività e turismo: la montagna al centro
  20. 20. 20 TEMPI …… «partecipazione e co- progettazione» GRAZIE PER L’ATTENZIONE In collaborazione con #siamounasquadra #montagnafuturo
  21. 21. Luca Grimaldi U.O. Servizi per il territorio, la montagna e le fiere - ERSAF Regione Lombardia MONTAGNA FUTURO Giovani e Start Up d'impresa: il futuro della montagna Accessibilità: banda larga in quota 29 Giugno 2017 Incubatori di Imprese - Cividate Camuno (BS)
  22. 22. Fonte MISE 2013 «Percezione» di banda larga
  23. 23. Piano BUL 2014-2020 4 Mbps Broadband 10 Mbps Broadband 25 Mbps Broadband
  24. 24. Fruizione della rete sentieristica Connessione rete trasporto pubblico Valorizzazione strutture ricettive collegate Promozione turistica AUMENTO VALORE COMPLESSIVO DEL TERRITORIO (LOMBARDO) IMPRESE FREQUENTATORI Banda larga e alte quote Per chi?
  25. 25. Evoluzione del turismo nei rifugi PRESIDIO
  26. 26. Evoluzione del turismo – Tecnologia e montagna ? Seguire l’evoluzione turistica = evoluzione tecnologica dei frequentatori o fornire uno strumento soprattutto per chi opera in montagna ? Il rischio da evitare
  27. 27. Evoluzione del turismo – Tecnologia e montagna
  28. 28. PER I GIOVANI Percorsi e attività formative  Partendo da realtà virtuose già presenti (per es. sentieri storici e tematici)  Apportando stimolanti novità (es. e-mtb e valenza famiglia)  Manifestazioni sportive Percorsi e attività formative  Partendo da realtà virtuose già presenti (per es. sentieri storici e tematici)  Apportando stimolanti novità (es. e-mtb e valenza famiglia)  Manifestazioni sportive Opportunità di lavoro  Promozione e realizzazione delle attività  Formazione di operatori del territorio specializzati nell’accompagnamento nei vari ambiti (es: guide alpine, accompagnatori di media montagna, guide parco,..)  Indotto Opportunità di lavoro  Promozione e realizzazione delle attività  Formazione di operatori del territorio specializzati nell’accompagnamento nei vari ambiti (es: guide alpine, accompagnatori di media montagna, guide parco,..)  Indotto
  29. 29. Infrastrutturazione dei rifugi alpini e alpeggi con connessione ad internet a larga banda • ANALISI: Tecnologia ADSL Sat vs TLC mobile vs BL wireless • OBIETTIVO: Connessione BL rifugi/alpeggi posti nei territori area progetto per fornire: – uno strumento (non un fine) – servizio accettabile in termini di qualità, di realizzabilità e di sostenibilità – Risolvere un problema: difficoltà di vivere e lavorare in quota Idea progettuale
  30. 30. Progetto “Connessione a Banda Larga Rifugi Alpini e Alpeggi in Digital Divide” • Coinvolte > 50 strutture • Periodo installazioni: 2015-2017 • Territori coinvolti: BG – BS – LC – SO PROGETTO RIFUGI CABLATI – Regione Lombardia - CM Valle Camonica - Parco Adamello - Consorzio Servizi Valle Camonica • 15 rifugi del Parco Adamello Progetto europeo Interreg IT CH Vetta • 56 rifugi alpini • Periodo installazioni: 2010-2013 • Territori coinvolti: CO – LC – SO I progetti Da dove arriva l’idea?
  31. 31. I 56 RIFUGI COLLEGATI DAL PROGETTO INTERREG VETTA
  32. 32. PROGETTO “CONNESSIONE A BANDA LARGA RIFUGI ALPINI E ALPEGGI IN DIGITAL DIVIDE”
  33. 33. I rifugi sono tra i pochissimi posti dove questo non avviene o non avveniva fino a poco tempo fa Dove è presente la connessione è stato possibile ridurre drasticamente i tempi di attesa delle risposte (prima bisognava far rispondere a qualcuno da casa) In tutto il mondo il 95% delle prenotazioni del settore turistico viene gestita on-line o tramite mail PRENOTAZIONI
  34. 34. PAGAMENTI Attraverso la connessione ad internet è possibile connettere un terminale POS oppure accettare pagamenti anche con altri sistemi TELEFONIA Attraverso la connessione ad internet è possibile attivare una linea VOIP fornendo un nuovo numero di telefono ai rifugi permettendo comunicazioni economiche e garantite anche in caso di mal funzionamento dei ponti radio Telecom.
  35. 35. Gestione in tempo reale dei social per condividere con gli utenti le informazioni sul meteo, degli eventi in programma e dell’offerta tematica. NUOVI CANALI DI COMUNICAZIONE: INTERNET E SOCIAL NETWORK
  36. 36. Sognare davanti al computer Sono le più ricercate perché forniscono dati in tempo reale, ci fanno vedere le condizioni meteo e della neve, delle cime o semplicemente apprezzare il panorama ….e invogliare WEBCAM
  37. 37. Installazioni realizzate: tecnologie utilizzate ADSL satellitare FWA (Cmax-WiMax) Amplificatori GSM/UMTS
  38. 38. ADSL Satellitare – apparati installati Apparati: modem – router wifi - telefono
  39. 39. Alcuni dati sulla copertura BL nei rifugi Alpini Regione Piemonte Regione Lombardia Trentino 53 56 55 Rapida evoluzione 2013 Regione Piemonte Regione Lombardia Trentino >53 >110 >90 2017
  40. 40. -- Link al filmato -- Michele Bariselli – Gestore Rifugio V° Alpini – 2877 m
  41. 41. // Giovedì 29 giugno 2017 // Incubatore di Imprese // Cividate Camuno (Bs) // #MONTAGNAFUTURO // GIOVANI E START UP D’IMPRESA: IL FUTURO DELLA MONTAGNA Essere start up per la valorizzazione di un territorio di montagna Claudia Comella, Vice Presidente
  42. 42. VOILÀ è una SOCIETA’ COOPERATIVA di produzione e lavoro, giovane e dinamica. Opera principalmente nel campo del MARKETING TERRITORIALE. Offre servizi di PROGETTAZIONE e STRATEGIE per la VALORIZZAZIONE del TERRITORIO e la GESTIONE delle sue RISORSE. cos’è Voilà
  43. 43. la mission VOILÀ promuove e sostiene lo SVILUPPO DEL TERRITORIO a partire dalla valorizzazione e fruizione del suo PATRIMONIO (culturale, storico, naturale, agroalimentare, etc.).
  44. 44. • PIANIFICAZIONE & MARKETING TERRITORIALE (es. progetti di ricerca, coordinamento territoriale, strategie di sviluppo) • EVENTI & RASSEGNE (es. Del Bene e del Bello, Fiera della Sostenibilità nella Natura Alpina) • PROMOZIONE TURISTICA (es. dépliant promozionali, segnaletica turistica, itinerari turistici) • FORMAZIONE & DIDATTICA (es. laboratori tematici nelle scuole materne e primarie) cosa facciamo
  45. 45. per chi lavoriamo • Enti pubblici (Comunità Montana, Parco Adamello, GAL Sebino Valle Camonica Val di Scalve, Comuni, Scuole, etc.) • Soggetti privati (Associazioni culturali, Pro loco, Agenzie di viaggio, Albergatori, Ristoratori, etc.)
  46. 46. VOILÀ è formata da uno STAFF MULTIDISCIPLINARE che garantisce l’attuazione dell’intero processo progettuale e creativo, dall’IDEAZIONE alla REALIZZAZIONE. il team
  47. 47. dove lavoriamo
  48. 48. dove siamo
  49. 49. com’è nata Voilà 2008 _ Workshop sulla comunicazione innovativa delle incisioni rupestri 2008 - 2009 _ Progetto di comunicazione della Valle attraverso la ferrovia 2009 - 2011 _ Distretto Culturale di Valle Camonica _ Staff Settembre 2011 _ Corso “Idee in Azione” Sviluppo idea d’impresa culturale e creativa Dicembre 2011 _ Presentazione del progetto d’impresa “Bando pubblico per la promozione e il sostegno di nuovi progetti di impresa nei settori della cultura, del turismo e dell’artigianato artistico in Valle Camonica” 27 gennaio 2012 _ Costituzione di Voilà Società Cooperativa per lo sviluppo del territorio
  50. 50. perché Voilà 3 DIVERSE PROFESSIONALITA’: • tour, arte e didattica, • design, pianificazione territoriale e comunicazione, • lingue e turismo. UNITE: • da una grande PASSIONE per la CULTURA e il TURISMO, • dall’amore per il TERRITORIO, • dalla necessità di crearsi un LAVORO “su misura”.
  51. 51. • per metterci in gioco, • per costruirci un futuro, • per far fruttare le competenze acquisite durante l’università e le esperienze lavorative precedenti, • per sviluppare la rete di contatti costruita, • per non dover abbandonare la VALLE CAMONICA. perché Voilà
  52. 52. • per unire le competenze, • per unire le “forze”, • per confrontarci nello sviluppo dei progetti, • per aiutarci reciprocamente nei momenti difficili, • perché condividiamo i valori della cooperazione: - Democrazia, - Eguaglianza, - Equità, - Solidarietà, - Autosufficienza, - Auto-responsabilità. perché una Cooperativa
  53. 53. seguiteci su www.cooperativavoila.it Grazie per l’attenzione!

×